13MAG2014
intervista

Intervista ad Alberto Sartoni sul manifesto documento "L'Europa che vogliamo"

INTERVISTA | di Valeria Manieri RADIO - 00:00. Durata: 19 min 47 sec

Player
Intervista a Alberto Sartoni sul manifesto documento "L'Europa che vogliamo" redatto da manager ed alte professionalità per l'Italia, sull'integrazione europea, la riforma del mercato del lavoro, l'economia e il dialogo con le istituzioni europee.

Tale documento è rovolto soprattutto ai candidati alla prossime elezioni europee.

"Intervista ad Alberto Sartoni sul manifesto documento "L'Europa che vogliamo"" realizzata da Valeria Manieri con Alberto Sartoni (direttore generale della Confederazione Italiana Dirigenti d'Azienda e delle Alte Professionalità).

L'intervista è stata registrata
martedì 13 maggio 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrazione, Apprendistato, Banca Centrale Europea, Clandestinita', Costo Lavoro, Crisi, Disoccupazione, Draghi, Elezioni, Emergenza, Energia, Esteri, Euro, Eurobond, Europa, Europee, Fisco, Flessibilita', Formazione, Giovani, Governo, Immigrazione, Imprenditori, Impresa, Industria, Integrazione, Istituzioni, Italia, Lavoro, Mercato, Occupazione, Parlamento Europeo, Partiti, Politica, Renzi, Riforme, Stato, Sviluppo, Tasse, Ue, Welfare.

La registrazione audio ha una durata di 19 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale uno spazio di approfondimento sui temi che riguardano alle prossime elezioni europee l'economia del nostro Paese e nell'eurozona vogliamo farlo approfittando di un documento dal titolo L'Europa che voglia mo'redattori di reato dal CIDA Confederazione italiana dirigenti di aziende ma anche i manager e alte professionalità per l'Italia questo documento cerca di porre al cinema Trovo del dibattito temi come l'integrazione europea e la riforma del mercato del lavoro la politica energetica comune il potenziamento del del dialogo interno ed esterno con le istituzioni europee e intende farlo anche sottoponendo lo stesso documento all'attenzione e i commenti agli spunti dei i vari candidati dei vari partiti i politici italiani candidati appunto alle prossime elezioni europee un appuntamento certamente importante tra l'altro
Uno di questi incontri si svolge proprio a Roma in
E queste ore previsto appunto per mercoledì quattordici mando vogliamo parlarne con Albert Tosato toni direttori della citato insomma solo temi che riguardano ovviamente lo sviluppo del nostro Paese ma anche il nostro rapporto con l'Europa non è vero
Così come ha detto lei temi sono tanti diciamo da quello della politica economica
Che con la crisi che stiamo vivendo quello più attuale a quello della politica energetica Ruello per
E anche al ruolo che il Parlamento europeo a nostro parere dovrebbe svolgere in tutto questo
Noi riteniamo queste consultazioni molto importanti come lei ben sa ci sono tre grandi filoni delle grandi scuole di pensiero cioè chi la all'Europa e le euro non lo vuole
C'è chi invece in maniera un po'apodittica dice
L'Europa tutti i costi e c'è chi come noi invece dice l'Europa va bene ma
L'Europa che vogliamo
Diventava un po'rivista va un po'
Rimuovendo rimodulata
Perché ci sono ancora nell'Europa alcune cose da
Da ridere non c'è dubbio che il nostro Paese l'Italia
Facendo una media potenza
Nel
Consesso europeo ha tutto da guadagnarci quindi l'opzione europea per noi intanto è una cosa importante
Le sfide della globalizzazione si impongono di confrontarci con potenze emergenti cambi come la Cina l'India il Brasile soltanto l'Europa può fare questo
Ciò detto
Come
Come sottolineavo prima l'Italia però
Deve anche
E difendere i risultati di bilancio che ha acquisito e contestualmente poter procedere con le riforme per la crescita il lavoro
E quindi la politica economica importante per fronteggiare la crisi d'Italia di dei criteri e nell'Europa secondo secondo noi ma non
Deve rinunciare ex anche a sottolineare
Le sue esigenze e le sue priorità
Si è rivolta si è svolta tra l'altro in queste in questi ultimi giorni la riunione mensile del board della BCE in cui
Mario Draghi ha
Sottolineato insomma il permanere di alcune fragilità insomma di
Alcuni pro problemi che alcuni alcune riforme vanno ancora mano ancora inseguite realizzate a mentre altri Paesi che pure non se la passavano troppo bene hanno fatto qualche passo in avanti e mostrano qualche segnale di ripresa come la Spagna Grecia e Portogallo o l'Irlanda
Che cosa manca al nostro Paese secondo lei secondo decida per un vero e proprio un cambio di passo nonostante diciamo la buona volontà anche del nuovo Governo in carica che insomma
E cerca con forse a volte con molti annunci ora vedremo con quale
Sostanza di appunto dare il via a un nuovo un nuovo corso Perrello sviluppo l'economia e la crescita nel nostro Paese anche innanzitutto bisogna credere di più nel sistema industriale
Consentire a nuove in principi di nascere i a quelle che ci sono di rafforzarsi
Per fare per fare questo occorre innanzitutto una politica fiscale più giusta una semplificazione di tutti gli adempimenti che oggi un imprenditore era
Per fare impresa quindi una flessibilità uno snellimento di tutte le regole
L'eliminazione di tutti per ratifica discariche ci sono è un ammodernamento delle pubbliche amministrazioni in questo senso
Dice bene lei il Governo certamente almeno sul piano degli impegni nostra fermo poi è chiaro che queste riforme dovranno essere inquadrate in un quadro più generale però come dicevo prima finché
Il Governo italiano
Non potrà disporre di risorse per la crescita
Tutti questi temo che resteranno dei sogni
Ecco perché la prima cosa da fare al nostro pari rea rinegoziare i limiti imposti dalla fiscal compact a questo ci sembra
Fondamentale se poi noi auspichiamo anche una graduale in tre educazione degli eurobond perché molta della
Situazione di
Diciamo neve nelle borse che poi implica
Speculazioni a danno di certi Paesi è dovuta anche al fatto che non c'è
Non c'è delle dei dei dei titoli che siano titoli europei
Cioè noi chiediamo che l'Europa comincia ad essere veramente
Qualcosa di più ampio di quello che è stata finora chiediamo ad esempio una politica energetica uniforme
E che ci affranchi dalla dipendenza
Eterna chiediamo che ci sia una politica etc comune reale lei ha visto come
In recenti crisi internazionali
Purtroppo spesso l'Europa parla con più voci questo secondo nome non deve accadere dei dobbiamo avere una politica comune dobbiamo possibilmente andare nel Consiglio di sicurezza con un unico rappresentante forte
Dobbiamo
E vi faccio un altro esempio sull'immigrazione clandestina fare
Diciamo una politica anche qui unica di fronte a questa emergenza perché
Paesi come l'Italia come la Spagna ancora oggi vengono lasciate sole che di fronte a questo
Esodo che si sta facendo sempre più ampia
Vede
L'immigrazione clandestina è un po'emblematica no
Perché le frontiere italiane
Dovrebbero essere considerate frontiere europei
Dovremmo avere su questo una
Unica voce soprattutto un'unica politica no
Invece che non è così con il risultato
Che prevediamo che poi
L'Italia deve far fronte
Insieme ad altri Paesi come la Grecia
Isolata a un problema veramente molto ampio che coinvolgerebbe gli interessi invece di tutto il continente
E poi c'è il Parlamento europeo
Con un Parlamento che per funzionare davvero deve affrancati dalle decisioni del Consiglio dei d'Europa cioè i Capi di Stato e di Governo
Contano ancora troppo
E quindi noi perché crediamo nel Parlamento europeo crediamo perché secondo me e l'espressione dei cittadini europei e non vogliamo che invece venga snaturato da decisioni
Che il Consiglio d'Europa inteso come capi di Stato e di Governo vuole
Vuole arrogante
Come vedete è un discorso ambiziosi le proposte che facciamo sono veramente ambiziose
Noi i nostri iscritti abbiamo detto andati a potare perché comunque riteniamo che questa consultazione sia fondamentale non solo per la politica europea ma anche per
Per l'Italia e riteniamo che questa politica di
Per la crescita di cui tutti parlano ma che poi
Ancora non si è concretizzata
E dopo la parte
Sacrosanta di riequilibrio di bilancio e debba debba comunque poter contare su risorse
Queste risorse vengono gli ho detto a innanzitutto tra
Una riaffermare il ruolo dell'Italia in Europa di
Chiedere all'Europa
Che non ci si chiedano soltanto sacrifici ad esempio il massimo rispetto per il
Petrachi presidente della BCE
Temo che lui come italiano non voglia essere probabilmente accusato
Di essere troppo morbido con suo paese di provenienza
In realtà l'Italia ma non solo l'Italia
Ci sono Paesi che fanno la situazione molto grave che hanno bisogno che l'Europa ci dimostri flessibile
Intransigente quando è necessario ma anche flessibile e disposta a dare fiducia quando è altrettanto necessario noi abbiamo necessità di questa flessibilità e di questa fiducia
E quindi dice bene nostro Capo del Governo potenti quando afferma l'Italia fa bene quello che deve fare
Vero noi sappiamo bene quello che dobbiamo fare le riforme non si inventano dalla sera alla mattina molte cose giuste sono state già fatte però gliel'ho detto la priorità
Anche per i lavoratori
Non sembri un paradosso e
Lo sviluppo delle aziende perché Simons
Vi è una domanda da fare a proposito del vostro manifesto del vostro documento su mercato del lavoro in particolare
Agevolare la ripresa da parte dell'impresa e la crescita che idea vittime
Ma nel complessa settembre a che la riforma sull'occupazione che è stata varata dal Governo vada nella giusta direzione cioè uno dei problemi e hanno impedito fino ad oggi
Una ripresa dei livelli occupazionali e data sicuramente dall'eccessiva rigidità del mercato del lavoro
Oggi con la crisi che c'è con il costo del lavoro molto ampio perché il cuneo fiscale uno dei più alti in Europa al nostro
Quindi le tasse sul lavoro sono tra le più alte un un imprenditore prima di assumere ci pensa
Non due ma cinquanta volte
Soprattutto se poi
La soluzione diventa una specie di matrimonio a vita
Quindi consentire un periodo
Io lo voglio
Chiamare di prova ma in realtà non è così è qualcosa di più che una prova compri un periodo di reciproca conoscenza tra i lavoratori dell'impresa
A me pare fondamentale senza particolari vincoli l'idea di puntare
Come ha fatto il Governo Renzi su queste forme di lavoro flessibile a noi sembra andare nella direzione giusta poi al di là
Dei tecnicismi Titti quante volte tu puoi prorogare questo tipo di contratto o altro
Anno mi sembra
Sembra giustissimo anche perché le posso dire proprio per esperienza diretta come
Direttore di questa Confederazione guardi che molto spesso
Ci può essere un ottimo lavoratore e ci può essere un'ottima impresa
E e come succede nei matrimoni i due non si incontrano buon può capitare anche qui
Quindi e corretto secondo me che il lavoratore l'impresa abbiano un periodo di reciproca conoscenza no FAS perché se io assumo e poi so che qualora le cose non dovessero andar bene
Poi sono imbrigliato da infinite rigidità la conseguenza
E che non assumono
Occhi ricorro e questo sarebbe ancora peggio e non lo condanniamo a forme di lavoro in nero peggio invece avere questa possibilità secondo noi
Quindi contratti come l'apprendistato come il contratto a termine svincolato da tante rigidità a noi pare che vada nella direzione giusta perché oggi noi abbiamo lei fa una disoccupazione giovanile record del dodici per cento pazzesca
I ricchi e che assume un giovane
Ora lei si metta nei reparti i panni dell'imprenditore un giovane ecco adesso ne dico una cosa che lì sempre da cinica un giovane è un investimento pericoloso per un'agenda perché il giovane per definizione non ama
Non è esperienza
Allora il l'imprenditore che lo assume
E costretto a farsi una formazione
Come per renderlo operativo questa formazione ha un costo anch'io
Investo subite faccio una scommessa su dite e poi una volta che l'ho fatta
Rischio che questa scommessa vada male perché torno
Non più dimostra all'altezza o addirittura perché tu passi alla concorrenza invece quello che occorre e che ci sia la possibilità di formare un giovane con tranquillità
Di metterlo per un periodo ragionevole alla prova e poi facendo un investimento su di lui graduale
Immetterlo primitiva mentre nel mondo del lavoro anche se questo mi permetta di di fare un appunto ad oggi al
Avviene marginalmente cioè che ci siano sia retribuzioni per stare genero apprendistato
Adeguati che o
Spesso lei sa bene che nelle aziende accade che il giovane venga per esempio preso a contratto di apprendistato in tipologie non consone rispetto alla Manzione che si svolge oppure accade che l'ostaggio venga retribuito poco e male e questi faccia poi un turnover eccessivo degli stagisti e non né si usi diciamo la la nuova generazione molto spesso solo per abbattere i costi quindi poi ne prendo un altro un altro ancora un'altra ancora senza mai tutto quello che
Sarebbe di tutto quello che dice lei è verissimo ed è però frutto dell'equivoco iniziale cioè se io non posso puntare su un giovane
Faccio degli stalli che poi non sono starci domani come ha detto lei sono impacchettato sfruttamento dei
Lavoro giovanile e perché io non posso non non vengono messi in condizioni dentro commettere sono giovane
Potendone avere un ritorno adeguato e quand'è che io posso fare questo quando posso tenere il giovane per un periodo ragionevole
Provarle scommettere su T duri lei vedrà che
Dopo l'approvazione di questa riforma vedrà che le cose un po'cambieranno e quei fenomeni
Sicuramente condannabili che ha detto lei e che ci sono sono verissimi e sono anche abbastanza diffusi in linea non dico che finiranno ma sicuramente avranno una diminuzione perché ripeto non è nell'interezza te
Dell'azienda procedere con il metodo anche qui perdoni cinismo usa e getta non è nel suo interesse nell'interesse dell'azienda e creare una squadra un gruppo
Che si senta motivato e che si senta parte dell'azienda per fare questo io l'ho detto prima
Lady come in un come imprenditore deve fare un investimento che è un investimento informazione e la formazione costa quindi io per fare questo investimento attivo
Capire che il giovane
Commi per un periodo abbastanza lungo
Poiché le cose vanno bene il giovane può subentrare quarti a questo proposito le dico una proposta interessante che abbiamo fatto noi una specie di staffetta generazionale cioè noi prevediamo che
Il dirigente dirigente magari
Intenzione o a fine carriera eccetera sia il formatore
Di questi giovani
In modo da trasmetterli
Le tradizioni gli usi di questa azienda anche l'orgoglio di farne parte di insegnargli tutti i cui
Diciamo tutto il mestiere tra virgolette no tutto tutto il suo know how che poi lasciargli il testimone
Secondo me è una cosa molto bella ed è un po'il contrario di quello che
Avviene oggi quando c'è il conflitto generazionale invece
L'anziano e il giovane sono accomunati dopo dondolo da uno stesso interesse quello di far crescere l'azienda
Noi nella staffetta generazionale per esempio ci crediamo molto e le posso dire che addirittura o o mi i tempi di
Colleghi intenzione che hanno messo addirittura disposizione gratuitamente la loro opera
Perché allo ancora quel senso di appartenenza per la loro azienda
E sono disposti a fare informatori dei giovani
Ecco questo è un esempio di come
Noi viviamo una possibile crescita della gente italiana
Come on
Richiamo alla tradizione e alla storia di questa azienda ma anche come alle necessità poi di immettere forze fresche e nuove
Di dare un futuro ai giovani che non devono assolutamente sfuggirci per cercare all'estero fortuna
Oggi i giovani migliori quelli che fanno le lingue che hanno
Un know how
Di un certo tipo purtroppo sono fortemente tentati
Di andare a lavorare all'estero i tempi sempre più alta la percentuale di quelli che poi lo fanno realmente noi stiamo perdendo i talenti migliori noi viaggiamo tra
Dei giovani
Demotivati e Borri di raffinati
E dei giovani in gamba che vogliono un altro Paese
E che purtroppo lo spesso e volentieri lo trova
Tutto questo noi non lo vogliamo vogliamo che invece si creda nell'Italia o nell'Europa certo ma in un'Europa che non ti faccia dimenticare le tue tradisce
La ringrazio davvero ringrazio Alberto Sartori nidi rettore di CIDA manager e alte professionalità per l'Italia per aver c'è un po'spiegato i punti anche aver dispone discusso con noi di alcune questioni come l'occupazione attuazione giovanile le folle tipologie contrattuali il documento CIDA si chiama all'Europa che vogliamo sarà spunto anche per i candidati alle prossime elezioni europee per un dibattito un po'più approfondito grazie ancora
Ecco