13MAG2014
rubriche

Divorziobreve.it - Trasmissione della Lega Italiana per il Divorzio Breve

RUBRICA | RADIO - 21:59. Durata: 1 ora 43 sec

Player
In studio Alessandro Gerardi e con Giancarlo Galan e Domenico Letizia in collegamento telefonico.

Puntata di "Divorziobreve.it - Trasmissione della Lega Italiana per il Divorzio Breve" di martedì 13 maggio 2014 con gli interventi di Domenico Letizia (membro dell'Associazione Radicale Legalità & Trasparenza di Caserta, Radicali Italiani), Alessandro Gerardi (avvocato, tesoriere Lega Italiana per il Divorzio Breve), Giancarlo Galan (deputato, Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente).

Tra gli argomenti discussi: Almirante, Autofinanziamento, Baslini, Camera,
Cattolicesimo, Cei, Centro, Chiesa, Corriere Della Sera, Dc, Destra, Diritti Civili, Diritto, Disobbedienza Civile, Divorzio, Europa, Famiglia, Fanfani, Fortuna, Giornali, Il Manifesto, Il Secolo Xix, Informazione, Italia, La Malfa, La Stampa, Lega Italiana Per Il Divorzio Breve, Legge, Lid, Lotta Continua, Matrimonio, Nonviolenza, Pannella, Parlamento, Partiti, Partito Democratico, Partito Radicale, Pci, Pertini, Pri, Referendum, Roncalli, Separazione Legale, Sinistra, Statistica, Storia, Terracini, Vaticano.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 1 ora.

leggi tutto

riduci

21:59

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale bentornati indiretta sono le ventuno e cinquantanove minuti primi Alessandro Gerard in studio per il consueto appuntamento radiofonico in compagnia della
Lega Italiana per il divorzio breve programma che vi ricordo va in onda ogni martedì subito dopo radio carcere
Vi preannuncio subito che questa sera forse anzi quasi sicuramente non avremo il
è il tempo per aprire i microfoni quindi per il filo diretto e magari lo rimanderemo lo rimandiamo alla prossima puntata martedì prossimo quando avremo più tempo a nostra
Disposizione dunque ieri è stato celebrato come tutti sicuramente
Sapete l'anniversario del referendum sul divorzio del mille novecentosettantaquattro
Sono passati quarant'anni esatti dal quel giorno ossia da quando quasi il sessanta per cento dei cittadini voto no al referendum che voleva cancellare la legge fortuna Bassolini del mille novecentosettanta con la quale era stato introdotto appunto il divorzio in Italia
Il referendum vide trionfare il fronte laico socialisti liberali libertari e soprattutto i radicali è soccombere forse per la prima volta i cattolici reazionarie clericali e soprattutto la democrazia cristiana
E la linea dell'allora segretario Amintore Fanfani
Oggi e possiamo sicuramente dire che è grazie a quelle referendum in Italia e divenuta un Paese sicuramente più civile moderno laico
Ovviamente anche noi questa sera vogliamo ricordare la vittoria referendaria di quarant'anni fa
Lo faremo insieme a Domenico letizia autore di un bellissimo libro intitolato Storia della lega Italiana per il divorzio
Ma avremo in collegamento Domenico letizia più avanti prima infatti vogliamo tornare ad occuparci dell'attualità anche perché
La vittoria sul divorzio ha rappresentato sicuramente un grandissimo ma la vittoria delle referendum sul divorzio ha rappresentato sicuramente un grandissimo passo in avanti per questo Paese però ora dopo quarant'anni
è giunto finalmente il momento di fare un bel tagliando alla legge fortuna Basini del mille novecentosettanta in modo da giungere finalmente all'approvazione del divorzio breve senza inutili e moralismi
In queste settimane infatti come sapete
Soprattutto negli ultimi giorni sono apparsi numerosi articoli dove viene quasi dato per scontato che in Italia sia stato approvato sia comunque in dirittura di arrivo il cosiddetto divorzio breve
Come come se i termini per ottenere lo scioglimento del vincolo coniugale fossero già stati ridotti dal legislatore bene
Sappiate che non è così attualmente come abbiamo più volte detto nelle scorse puntate attualmente che è un disegno di legge in discussione in Commissione giustizia della Camera un cosiddetto Testo unificato elaborato
Dai relatori Alessandra Moretti delle Partito Democratico Luca D'Alessandro di Forza Italia
Questo disegno di legge prevede la riduzione del periodo di separazione legale che scenderebbe così da tre anni a uno o a nove mesi se la separazione consensuale non vi sono figli minori
è bravo dato a partire da domani in Commissione giustizia della Camera
A questo progetto di riforma d'iniziativa ovviamente parlamentare si è aggiunto qualche settimana fa l'annuncio del Ministro della Giustizia Orlando
Il quale nell'illustrare le linee programmatiche del suo dicastero al Senato ha preannunciato che per le separazioni divorzi consensuali senza figli minorenni non sarà più necessario passare davanti al giudice
è però in questo caso il relativo provvedimento non è ancora stato ufficialmente presentato dalla ministro
E quindi in un caso e nell'altro la strada sembra essere ancora tutta in salita per entrambi i provvedimenti infatti si prevede che il percorso parlamentare lamentare
Non sarà affatto semplice anzi si prevede che si dovranno superare moltissime ostacoli tantissime resistenze si all'interno della Camera che del Senato proprio come avvenuto anche nelle scorse legislature
Di tutto questo vogliamo discutere discuteremo fra qualche istante con il Presidente della Commissione cultura della Camera onorevole Giancarlo Galan e di Forza Italia
Che avremo in collegamento telefonico
Ripeto fra qualche istante prima di dare la parola e due graditissimi ospiti cioè a Domenico letizia e a Giancarlo Galan
Sempre tornando sulla sull'anniversario della della della vittoria sulle referendum delle sul divorzio
Voglio leggere di un un
Un articolo che è apparso
Sul un'intervista che ha farsa sulle vaticani insider il supplemento della Stampa
Intervista APPA Marco Pannella intitolata con noi i cattolici veri
E l'intervistatore chiede a Pannella chi sperava in una vostra sconfitta
Per il Partito Comunista referendum sul divorzio era una iattura un po'come lo è oggi per Renzi quello sulla droga all'epoca ai comunisti come Longo stava sullo stomaco quella prova di democrazia diretta come oggi il segretario del Partito Democratico non ha firmato per abrogare la Fini-Giovanardi
Nel settantaquattro quel voto non lo voleva nessuno siamo stati noi radicali a imporre la battaglia sul divorzio con il mondo cattolico avevamo rapporti stretti già dalle rappresentanze universitarie
E con il Vaticano chiede l'intervistatore
Abbiamo avuto il Roncalli un interlocutore attento come poi fuori da ogni protocollo inauguri Tila e oggi in Francesco due settimane fa la sua telefonata mia riacceso la speranza di non essere sola combattere contro la disumana condizione nelle carceri
Ora ora parliamo attraverso la sua voce
Come nacque la vittoria
Risponde Pannella tutto comincia nel sessantaquattro quando costituì mo'la lega per il divorzio il socialista Loris Fortuna fu tra i pochi ad aiutarci con Pertini ed esponenti comunisti come Terracini e Vidali
Almirante che potevo fece un po'di marcia indietro cioè io do soltanto l'inizio
Sul fronte opposto tutti gli altri da laico Ugo La Malfa che per limitare le conseguenze dirompenti destabilizzanti del divorzio
Lo voleva confinare ai matrimoni civili a Fanfani che era sicuro di riportare la democrazia cristiana a i fasti del quarantotto
Quali somiglianza quale somiglianze vede lei tra la situazione ridere quella attuale
Come allora la religiosità vera non ha niente a che vedere con i confessionali simile la campagna anti divorzi Istat fu politica non religiosa
Si opponevano noi gli eredi di coloro che fecero coincidere la missione della Chiesa con la difesa del potere temporale dello Stato pontificio e che scomunica rom Risorgimento condotto in gran parte da cattolici
Insomma avevamo contro i seguaci del Silla BO sconfitti dal Vaticano II
Fu un derby tra cattolici anche
Dopo essere stati messi fuori gioco dalla primavera conciliare di Giovanni ventitresimo le frange più clericali cercarono nella difesa del potere del del loro potere sullo stato l'ultima trincea contro l'evoluzione della Chiesa secondo la coscienza dell'immensa maggioranza dei fedeli
Volevano far coincidere la sacralità di un sacramento che deve vincolare la coscienza dei credenti con l'uso dei Carabinieri per imporre fedeltà confessionali come se fossimo né regga regolati dal diritto canonico e non do un diritto laico e statuale
Ma la famiglia era già cambiata
Risponde Marco Pannella quarant'anni fa in Italia c'erano almeno due milioni di famiglie di fatto nelle quali i coniugi e i loro figli vivevano nel terrore di ricatti e denunce
Anche queste erano famiglie vere da salvare la nostra vittoria alle referendum ha cambiato la storia dei diritti civili ma gli italiani sembrano essersene dimenticati e il premier Renzi da epigono del Partito comunista ignora la nostra battaglia contro la vergogna carceraria
Per questo niente europee
Chiude con questa domanda l'intervistatore
E Marco Pannella risponde chiediamo formalmente che lo Stato italiano si nega sia commissariato ad acta dopo sessant'anni di partitocrazia non si può dire come se nulla fosse andiamo a votare
Servono omento di lucidità e difesa dello Stato di diritto e dei diritti umani resta valida la lezione del mille novecentosettantaquattro quando fino all'ultimo in Parlamento i comunisti d'accordo con la democrazia cristiana
Cercarono di aggirare il referendum il nostro vero avversario era il compromesso storico strisciante
Questa quindi l'intervista rilasciata lo scorso dodici maggio appunto
Ieri
Da Marco Pannella
San Giacomo Galeazzi su vaticane insider
Peraltro sempre in questi tempi è un'occasione della
Del quarantesimo anniversario
Del della storica vittoria referendaria sulle divorzio è uscito anche un articolo
Sulle manifesto orticolo che parla appunto del libro di Domenico letizia storia della lega Italiana per il divorzio
E in questo articolo alla fine troviamo anche una dichiarazione di Diego Saba Dinelli segretario della lega Italiana per il divorzio breve
Chi dice Sabbadin e lì sono passati oltre quarant'anni dalla legge che introdusse il divorzio in Italia più diventi dalla Moggi dalla modifica che abbrivio onda cinque a tre anni il periodo della separazione legale obbligatorio per poter chiedere il divorzio
Là c'è interviene ancora pesantemente a gamba tesa ogni volta che si parla di rivedere la norma
Riformare la procedura per ottenere il divorzio un divorzio breve consentirebbe di alleggerire il carico della giustizia civile già gravate rallentata dal numero ingestibile di processi
In modo tale da poter considerare la riforma del divorzio equivalente a una vera e propria
Amnistia
Questa dichiarazione che compare sul manifesto
Rilasciata da
Diego Saba Dinelli segretario della lega Italiana per il divorzio breve infine un articolo
Un articolo apparso sempre in occasione sempre ieri dodici maggio a quarant'anni dalla vittoria
Referendaria un articolo apparso sull'Unità
Autore Claudio Vissani
Scrive scrivevi sani quarant'anni fa il dodici e tredici maggio settantaquattro diciannove milioni di italiani pari al cinquantanove virgola tre per cento dei votanti
Votarono no alle referendum voluto Dalla Chiesa e sostenuto dalla Democrazia Cristiana di Fanfani e dalle destre per abolire la legge fortuna base Lini
Che quattro anni prima aveva finalmente sancito anche in Italia il diritto per le coppie in crisi di poter divorziare
Il fascismo prima e la democrazia cristiana poi avevano fatto sì che il nostro fosse rimasto fino ad allora uno dei pochi Paesi europei dove questo diritto era negato
La campagna referendaria pro divorzio sostenute fortemente da radicali e in modo più tiepido dalle sinistre avrebbe cambiato gli equilibri politici dell'Italia e inaugurato la stagione più felice delle riforme
In uno dei periodi più tumultuosi triste gli ha e tristi gli anni di piombo della nostra storia recente
Ma l'influenza negativa del Vaticano continua Pisani
Non è venuta meno e oggi a quarant'anni di distanza da quel referendum in Italia ancora uno dei quattro Paesi dove per poter divorziare
Bisogna prima del trascorso un lungo periodo di separazione tre anni una condizione che rende il divorzio non solo più difficile i divorzi sono poco più della metà delle separazioni ma anche un affare per ricchi
I costi della doppia causa di separazione e divorzio sono spesso insostenibili per chi vive con uno stipendio normale e si sommano alle difficoltà economiche in cui si vengono a trovare i circa la metà dei coniugi che decidono di dividersi
Tanto che quasi il sessanta per cento delle coppie a un anno dalla separazione vivono ancora sotto lo stesso tetto coniugale mentre l'undici per cento
Dei separati è costretto a tornare a vivere a casa dei genitori
Presto tuttavia continua sempre e Vissani in questo articolo
Dovrebbe diventare possibile anche in Italia divorziare in tempi accettabili la media degli altri pesi e di un anno e mezzo
E in molti casi anche senza dover passare per il Tribunale in Commissione alla Camera è stato approvato il testo di Alessandra Moretti Luca D'Alessandro sul divorzio breve che il ventisei di questo mese dovrebbe arrivare al voto dell'Aula
Prevede la riduzione da tre a un anno del tempo di separazione necessario prima di potersi dividere definitivamente o a nove mesi se non ci sono figli minorenni la separazione consensuale
Uno dei prossimi Consigli dei Ministri dovrebbe invece approvare il decreto legge tra cui ma
Forse qui sbaglia perché si tratta di un disegno di legge
A cui sta lavorando il Ministro della Giustizia Andrea Orlando per ridurre la montagna dei cinque milioni e mezzo di cause pendenti
Che paralizza la nostra giustizia nel civile
Quindi anche questo con l'articolo contino ma
è importante questo richiamo anche la necessità di approvare a quarant'anni dall'introduzione a quarantaquattro anni la introduzione del divorzio la necessità dicevo di approvare anche una normativa
Che metta al passo il nostro Paese secondo quanto previsto negli altri Paesi europei ci appunto il divorzio breve ma come di preannunciavo in apertura di questa A.N. puntata abbiamo adesso in collegamento l'onorevole Galan è Presidente della Commissione cultura della Camera buonasera onorevole
Buonasera a tutti quelli che ci ascoltano
Allora autorevole Galan innanzitutto mi sembra giusto sottolineare un fatto sia che ieri lei è stato uno dei pochi deputati se non sbaglio di Forza Italia
A diramare un comunicato per ricordare l'importanza delle referendum sul divorzio delle settantaquattro lei ha detto chiaramente che quel giorno di quarant'anni fa l'Italia è diventato un Paese più civile più moderno e più laico
Lodetto ne sono convinto è cambiata l'Italia
Quel giorno perché si è capito
I diritti individuali non potevano più essere calpestati il nome di una
Presunta
Dottrina di qualsiasi tipo
Sia è cambiata per davvero l'Italia essermi lasciato in grado di fare buone
Profani aveva capito tutto
Perché quando dice passerà di nuovo leonessa passa dal divorzio ho passato all'aborto e poi le unioni tra gli omosessuali ci aveva visto giusto
Questo è un bel cambiata però davvero l'Italia si è capito che non si poteva vendere infelice qualcuno attenersi ai dogmi
Ozio in Italia il divorzio e legale appunto da quarantaquattro anni e quali sono state a suo giudizio le principali conseguenze approdo The nella società a italiana dalla introduzione nella legge fortuna Basentini molte punto paventavano quarantaquattro anni quarantaquattro anni fa
Una quasi un'apocalisse cioè se si introduce il divorzio Italia qui praticamente la la famiglia vasca da fasci matrimoni non ci saranno più saranno tutti quanti
Indici saranno migliori di divorzio e quindi questo metterà in crisi getterà in una crisi irreversibile l'istituto la famiglia mi pare che insomma così non è andata
Alla quale l'unica catastrofe che c'è stata e che siamo tutti un po'più liberi vicinanza
Quelli che hanno divorziato che lo sta facendo
Sono persone che hanno
Una opportunità in più di essere sedici a vita
A me pare che sia qualcosa di assolutamente straordinario
Per molti oggi la questione del divorzio chiusa quindi priva di interesse nel senso che i coniugi possono divorziare quindi e tanto basta però sappiamo che in Italia i tempi per ottenere il divorzio sono di gran lunga superiore a qualsiasi altro paese europeo da questo punto di vista mi pare che ci sia ancora qualcosa da fare forse come dicevamo prima è giunto il momento di rivedere la legge fortuna bassi Lini anche perché sono passati quarant'anni la Società italiana è profondamente cambiata
Data allora quindi tempi insomma mi sembrano maturi per giungere ad una radicale semplificazione dell'iter che conduce al divorzio e ad una sensibile riduzione dei tempi per ottenere lo scioglimento definitivo del vincolo coniugale
Magari lei lei ha parlato di tempi che sono enormi sono anche i costi che sono le norme quindici ad agire in tutte e due le direzioni cortei per un vicolo chiuso mediamente oltre dieci mila euro
è una follia è una limitazione ha la la la propria libertà quindi
Chiedo a ridurne immediatamente io sono per una forma televisiva
Nel matrimonio
Nel dei tempi di Wouter perché era anche a vivere rivedere le procedure ma di questo
Io sono ottimista penso che dopo occuparmene da domani perché disegno di legge per una riduzione per il cui ripeto ricordo io potrei avere
è in discussione all'ordine del giorno
Dei prossimi lavori della Camera si se deve passare ancora in Commissione giustizia e poi approderà in aula è in Aula sì a metà maggio a fine maggio insomma quindi i tempi
Dovrebbero essere abbastanza ridotti per il passaggio in Aula però a questo proposito
Nella scorsa nelle scorse legislature Forza Italia
Mi pare che sia stata sempre piuttosto tiepida per non dire contraria nei confronti delle divorzio breve lei non ritiene che oggi con la scissione degli affanni anni e la nascita del nuovo centro destra le cose possano cambiare da questo punto di vista glielo chiedo perché
I vari Maurizio Lupi Roberto Formigoni Carlo Giovanardi gli stessi a fare Schifani sappiamo che sono che la parte più sensibile alle richieste provenienti da Oltretevere hanno lasciato il vostro partito e quindi forse questo il momento buono per tornare a quel partito
Laico e liberale del novantaquattro che sul fronte dei diritti civili mi pare si sia un po'perso nella notte dei tempi
Ortodosso scrivere quello che ha detto in questo momento stanno proprio che sia così
Proprio perché la parte come dire clericale pleurico bigotta
Che la componente
E che è perché è una componente dell'otto poi il problema data e se n'è andata fondata è il nuovo centrodestra nel buon Cicchitto operativa quelli forse era l'unico
Cose Surico persino arrivava a quest'
Dalla fattura uno con l'ordinamento senile
Farsetti Cicchitto cosa mi preoccupa però è che questi sono andati
Al Governo Governo insieme temo che possono condizionare su tutta la tematica dei diritti civili anche le posizioni
Che nel Partito Democratico e dire peggio
No ma è significativo che a venti villa in campagna elettorale interna per le primarie del PD critica aperto alle unioni omosessuali e dopo non se ne parla più
Sì è calato il silenzio sui cosiddetti difficili non dica una parola provveduto ad Andria
Non
Non c'è più una parola su quello ecco quindi che
L'uscita dei pleurico piloti dal nostro movimento è un dato positivo per
Forza Italia ma può essere un dato negativo
Dell'Italia tutta se riusciranno a condizionare
La eccetera che si sta quello che sta dicendo lei anche preoccupante perché qualche qualche settimana fa il Ministro della Giustizia Orlando
Al Senato ha preannunciato questo provvedimento delle Governo che dovrebbe in teoria rendere possibile le separazioni consensuali e divorzi congiunti nel senso di figli minori
è soltanto con l'assistenza degli avvocati senza passare attraverso il tribunale quindi questo
Insomma renderebbe molto più agevole semplificherebbe l'iter che conduce alla separazione al divorzio però di questo provvedimento il ma ancora non è stato non se ne sa nulla c'è il Governo ancora Nona
Non ha approvato questo disegno di legge lei quindi ritiene che da dal punto di vista il nella componente del nuovo centrodestra anche da questo sotto questo punto di vista potrà
Ebbene mettere un po'come dire bastoni fra le ruote a questa a questa proposta del Ministro Orlando però io se voteremo che questo sarà fatto
D'altra parte il nuovo centrodestra per quale motivo potrebbe
Caratterizzarsi
Per
Liberali cappello
Dottor c'è qualche motivo al mondo per cui
Si potrebbe votare il nuovo centrodestra pena con forza politica
Semplicemente
Un attaccamento ai valori cranico piloti che su qualcuno evidentemente qualche aspetto palmo ancora
Certo senta secondo me io voglio
Io voglio sperare pienamente il Governo
Si liberino al più presto e questa è una prova
Sì anche perché a parte il divorzio Brera in questa legislatura mi pare che appunto come ricordava anche lei in Parlamento su tutte le altre questioni
Dei diritti civili e Ottana sia PACS il testamento biologico la fecondazione assistita libertà degli
Cerca scientifica insomma mi pare che non non siano temi al centro dell'agenda del dibattito pubblico in Parlamento è purtroppo questo è un dato avvilente Baldelli eccitati
Con maggior compiutezza adesso totali della UPB della libertà scientifica della libertà di ricerca è insomma è avvilente
Io lo dico sono deluso
Sono deluso perché speravo che questa legislatura comunque si può fare un amento
Il passo in questo modo potesse per davvero fare un passo in avanti sul tema delle libertà civili
Loro sta facendo peggio ha messo la sordina su tutti questi temi
Ammesso invece
Ampliate invece la richiesta si è qualcosa di bestiale
I una moratoria sui temi dei diritti civili potrà parlare di moratoria in tema di diritti civili e qualcosa visto i progetti però c'è Filippi violento perché ogni giorno c'è qualcuno e proprio perché non ha questi diritti sono
è scaturita dalla sofferenza antico seguita adesso alle quindici comunità locali i tempi le quanto di più violento
Però c'è
E me lo consenta stupido si possa fare senta per tornare un attimo al tema del divorzio secondo lei c'è un filo sottile che lega quel sessanta per cento di cittadini che quaranta mi
Tra voto a favore del divorzio e le maggioranze Bulgari o comunque quasi bulgare che in questi ultimi dieci anni secondo tutti più recenti dati che rilevamenti statistici e si esprimono sempre puntualmente a favore del divorzio breve quindi mi pare che questo sia un tema un po'
Trasversale perché anche gli elettori del centrodestra sono nella strana maggioranza dei casi a favore del divorzio magari
Tutti i leader stragrande maggioranza della popolazione e ha paura del dicono se volete
Però c'è una differenza sostanziale con quello che avvenne quarantaquattro e poi quaranta sei anni fa con l'approvazione della legge e con la successiva conferma
Via referendaria e allora si trattava serio davvero di una rivoluzione e ad una rivoluzione concettuale degli ultimi
Dei costumi cambiava per davvero d'Italia
E le fondamenta su cui si così foggiana cambiano in meglio a mio avviso
A oggi si tratta semplicemente di allegare la legge che era straordinariamente innovativa quarantatré quarantaquattro anni fa a quello che è successo
In questi quarantaquattro anni
Quindi
Oggi oggi rafforzata forse più di Dozza importate e significativa ma insomma
C'è una bella differenza quindi
Per chiudere lei ritiene che il suo Gruppo Forza Italia questa volta sul divorzio breve possa insomma votare a favore esprimersi a favore di questa riforma
Io sarei stupefatto
Se non votasse a favore io comunque voterò a favore
Perfetto è stato gentilissimo onorevole Galan Presidente Galan è sicuramente con lei torneremo a sentirci speriamo
Quando questa legge sarà in dirittura di arrivo in Parlamento se e quando questo non è possibile per spero dovrebbe succedere il ventisei di maggio perché
La verità
Eh lo so ma pure onorevole pure dalla scorsa legislatura si diceva che era in dirittura d'arrivo e poi alla fine messa ci ha detto Luca D'Alessandro che fu una scelta di Maurizio Lupi perché venne il papà Benedetto decimo sesto in Parlamento e quindi questa legge che era stata calendarizzata fu tolta dal calendario per rispetto nei confronti del Santo Padre ha detto questa cosa quindi è tenuto ad Alessandro me sinceramente mi ha lasciato stupefatto quindi se lei non me l'avesse il veicolo viaggiava
Rettore per poter meglio Lazio purtroppo è così sapevo nell'oltretutto meglio che avesse continuato a volto verso massiccia insieme grazie grazie onorevole Ghana non
Per come è sempre stato e gentilissimo
Come sempre come con voi quando lo chiamiamo sempre pronto a rispondere grazie arrivederci e buona serata e
Bene ringraziamo l'onorevole Galan è Presidente la Commissione cultura della Camera per questa sua significativa testimonianza che peraltro non costituisce di certo una sorpresa almeno per noi visto che Galan
Come dicevo si è sempre spesso al fianco dei Radicali a sostegno delle iniziative in favore non solo del divorzio breve ma anche
Dei PACS della fecondazione assistita dell'eutanasia della libertà di ricerca scientifica
Ed è questo sicuramente gliene va dato atto ora però come vi avevo preannunciato all'inizio di questa pur tata abbiamo in collegamento telefonico Domenico letizia autore del libro intitolato Storia della lega Italiana per il divorzio
Edito da euro petizioni buona sera Domenico
Non ha creato finire agli ascoltatori allora innanzitutto partire subito con una notizia questo quell'parlarci di queste presentazione del libro c'è è in programma una presentazione appunto a me
Tutti i partiti la presentazione da parte proprio pochi giorni fa Caserta con la presenza di Andrea maori ti hanno accettato e
Del Partito Socialista Italiano con Luca Bove segretario dell'associazione radicale legalità e trasparenza di Caserta
Che era il moderatore appunto l'evento è stato organizzato dall'Associazione radicale legalità e trasparenza di Caserta in collaborazione con l'associazione culturale secondaria
E che ha avuto in modo insomma è stata un'ulteriore
Punto di dibattito che approfondire in occasione anche del dell'anniversario guardarle
Come come diceva lei poco fa sentendo
Da trasmissione appunto è stato un'ulteriore occasione di dibattito ante parlare anche a Caserta
Di quello che è stato l'anniversario ma sono previste altre presentazioni di cui alle prossime settimane prossimi mesi oppure bravo provata da organizzare un'altra presentazione Santa Maria a Vico e poi
Sempre in provincia di Caserta e poi ci spera qualcosa anche lì a Roma si sono dovuti venire qui ad un ben presente ci stiamo organizzando dirsi presentati finisce sintesi sia con la casa editrice che
Insomma con un po'tutta la questione burocratica insomma come poter organizzare permettetemi soltanto una riflessione
Anzi un rammarico sia come attivista che militante radicale che come appassionato di storia alti come storico perché
Studio quello riguarda il servizio del TG uno di ieri veramente stato scandaloso
Sentire non solo come archivista come dicevo anche
Per amore della critica storiche dell'obiettività storiche stato scandaloso Gentile un feriti io al TG uno che ricordava il divorzio e la battaglia che ci starete dal divorzio sentire citata la parola radicale
Una volta sola dando per scontato che questo divorzio fosse calato dall'alto senza sussulti ricordando soltanto le figure di Loris Fortuna Antonio Baldini
Senza citare mai Marco Pannella appunto tutta la battaglia dei radicali questo penso che sia semplicemente squallido ma proprio dal punto di vista dell'acqua nella ricerca storica cosa che è assolutamente esce poi possiamo dire che da parte dei giornali ci gettato prima sentivo anche l'articolo del manifesto
Ma anche altri giornali come fatto quotidiano ci sono stati un po'di o almeno di questo insomma se n'è parlato un pochino anche un pochino
Un po'di più obiettivamente diciamo però ricordo Celli sottolineo nuovamente
Questo servizio quali donne alle articolo fatto
Dal TG uno né purtroppo il TG uno come documenta il centro di ascolto non ci ha abituato a questo e a e molto altro ancora quindi non è sicuramente una
Una novità alla la disinformazione che fa il TG uno soprattutto nei confronti dei che radicali che è un dato mi pare abbastanza acquisito senti Domenico
Appunto come dicevamo ieri si è celebrato quindi
Questo quarantesimo anniversario della vittoria referendari del settantaquattro molti cattolici
A quell'epoca a dispetto delle frange più clericali e soprattutto a dispetto della posizione ufficio alle della democrazia cristiana votarono a favore delle divorzio quindi questo come tutti hanno registrato poiché dimostrava dimostrava il fatto che il Paese stava cambiando stava cambiando radicalmente la società
Certo piccolo un paio di considerazioni che vanno fatte innanzitutto che all'interno dalla Democrazia Cristiana vi erano quali settori come le ACLI
Sì portavamo anche nella presentazione a Caserta citiamo sottolineati molto su questo su questo aspetto
Enzo Mariano vasti settori danno che ricadrà come altri che
Si dichiararono quello che è in contraddizione con quelli che erano i principi della democrazia cristiana almeno dai tempi dato di quello che era la Democrazia Cristiana
Loro si dichiarano proprio a favore del divorzio e quindi invita vorremmo anche a votare
A favore del del divorzio ma
Un'altra considerazione che va fatta è stata proprio almeno questo è quello che cerco di sottolineare anche nel nel libero
Hai citato l'errore di valutazione proprio che hanno avuto le forze conservatrici
In Italia in particolare la democrazia cristiana e il Movimento Sociale Italiano e parlo di allora ovviamente che praticamente etichettare come il divorzio e la vittoria del divorzio e quindi la battaglia del divorzio come avanzata del comunismo
E quindi i batteri per riprendere un po'anche i manifesti della Democrazia Cristiana che allora del Movimento Sociale Italiano in cui si ricordava doppiamente vi era scritto su questi manifesti imputare divorzi statutarie comunista votare divorzi sta
E far avanzare il comunismo e questo è stato
Dal mio punto di vista il più grande sbaglio storico che le forze conservatrici che potevano fare perché innanzitutto dalla popolazione non era risentito questo aspetto e poi stesso all'interno della popolazione e soprattutto tra le fasce giovanili parlare di divorzio
Ricordava a Fiuggi Stati Uniti d'America di libertà americana di cinema di Hollywood di certo non ricordava di certo non ricordavo all'Unione Sovietica e quelle che erano insomma
I regimi politici comunisti quindi questo è stato dal mio punto di vista un grandissimo sbaglio che Fanfani e le altre forze politiche conservatrici
Hanno fatto e quindi anche questo poi hanno pagato anche questo poi
Perché
Dopo neanche un decennio che la Democrazia Cristiana il Partito Comunista Italiano boy arrivano ad ambientarsi come forze politiche anche perché di tutto con l'accaduto anche in seguito il muro di Berlino vi sarà proprio uno stravolgimento del del mondo e anche la fine del mondo bipolare
E purtroppo questi partiti interpretare un il divorzio in questa ottica interpretare una cioè nell'ottica di
Osservare anche al divorzio e quindi i diritti civili nel contesto italiano in un'ottica di mondo bipolare quando come in effetti popolo che chiedeva semplicemente
L'istituzionalizzazione di un diritto il risoluzione di una problematica che è migliaia e migliaia e migliaia di famiglie vivevano sulla
Cosa contesta insomma
Quali erano Domenico le forze che più si sono spese insieme radicali in quella campagna referendaria te lo chiedo perché oggi a distanza di quarant'anni tutti i partiti soprattutto ASS
Sinistra rivendicano quel successo però mi pare che le cose siano andate diversamente attivare è facile ovviamente
Saltare tutti sul carro dei vincitori dal momento che una battaglia insomma viene istituzionalizzata e si arriva alla concreta di storia di quella battaglia
Male forse ovviamente basta fare una piccola analisi storica oltre
Diciamo le le forti anche singole a volte del numero dei della dei radicali che spesso contavano una c'è una presenza anche di poche unità
In svariate città basta pensare che la lite nasce
Pelle opera dello piccolo gruppo del Partito Radicale che attraverso l'autofinanziamento vivevo a Roma apra quindi diciamo altre parti del Partito Radicale ci sono quelle del del Partito Socialista che più di altre
Erano accanto erano accanto ai radicali nella battaglia sul divorzio poiché era una parte del Partito Liberale tanto è vero che
La legge sul divorzio prende il nome di legge fortuna Bertolini anche se comunque stesso all'interno del molto liberale
Vi erano delle norme contraddizioni ed erano anche vasti settori della sinistra finisca del Partito comunista italiano sottolineato tra cui
Ricordiamo anche avanguardia avanguardia operaia a Lotta continua insomma varie
Vari movimenti di contestazione che in quegli anni erano erano presenti
Ovviamente è un discorso
Ciò andrebbe fatto un libro a partire diciamo così
Sul Partito Comunista Italiano
Perché insieme agli organi di la Malfa scusa ti interrompo stabili quello più tiepido rispetto a questo al referendum dico perché non si
Leva spaccare il Paese nel periodo del compromesso storico quindi i radicali furono bravi inserirsi in questa in questa dinamica anche parlamentari
Sì i radicali hanno fatto di questa battaglia che era la battaglia meno seguita diciamo dalle forze politiche istituzionali e quindi quelle rappresentate anche
Comunque ne Parlamento sono riusciti ad incidere Fini nel nel contesto istituzionale e politico con una forza davvero la micidiale che possiamo dire così
Perché pensiamo che allora come oggi formazione non ascoltava i radicali non ascoltava Marco Pannella che
In seguito anche con l'aiuto di alcune riviste satiriche penso comunque dal pc
E ad altre riviste che il primo che in un secondo momento iniziarono a sposare la causa ospitando anche sulle proprie pagine sia Marco Pannella che Loris Fortuna
è insomma riuscirono ad ottenere quella visibilità Aea portare il divorzio nell'agenda nell'agenda politica del
Il Paese però ricordavo che il Partito Comunista Italiano al di là del compromesso storico è tutto vi era anche chi ne faceva proprio una una questione che logica ricordiamo che per molti Comuni e anche
Per quadri gerarchici del del Partito Comunista Italiano quando si parlava di divorzio si parlava di una tematica purché tecnici non riguardava il proletariato e non riguardava alla lotta di classe in ambito economico cosa che poi invece Pannella dimostrò perfettamente non valida perché
E qui voglio fondato anche i termini club se così si può certo innalzando se non sbaglio linfatici gli anche nel tuo libro Luciana Castellina stellina che intervenendo per il Partito Comunista su Rinascita scrive
La un merito va riconosciuto alla alle che da Ghana per il divorzio e cioè quello di aver dimostrato con un'efficacia impossibile partitiche il divorzio non è più un problema di pochi gruppi di è lite ma ormai è un grosso problema sociale
Sì perché Marco Pannella ricordiamoci bene quando parlava della libera e della tematica della battaglia del divorzio
Lui sottolineava che volevo organizzare i fuorilegge del matrimonio
Che quindi parliamo di una classe consistente nel Paese perché ovviamente non potevano divorziare attenzione però non potevano divorziare conto che non potevano permetterselo perché le persone fa condotte
Bastava rivolgersi alla Sacra Rota abbassava vere un un consistente diciamo approccio economico e si divorzia venerdì produttori neanche di casi particolari che poi sono questi casi specifici che fanno riflettere di come ad esempio una coppia una la moglie americana il marito italiano giungere alla fine diciamo del del proprio rapporto
E lei ottiene il divorzio e negli Stati Uniti d'America
Si fa una famiglia quindi al calcio tralasciando il passato costruendosi una nuova famiglia mentre il marito diciamo che è italiano non riesce ad ottenere il divorzio istituzionalmente risulta ancora sposato con una con o quella moglie che ieri si era rifatto una vita è questo praticamente
L'annullamento della propria esistenza perché non ti permette di positiva che tranquillamente ma già dal giorno dopo non poter fare il primo passo allora per riprendersi la propria
Allora
In questo libro Domenico tu metti giustamente risalto il merito realmente risalto l'attività della lega Italiana per il divorzio che fu un'attività molto importante non soltanto
Nel momento stesso in cui venne convocato il referendum nel settantaquattro ma già da molti anni già durante l'approvazione tutto l'iter parlamentare che porto può e all'approvazione della legge opportuna Bassanini la ottocentonovantotto delle settanta già in quella fase
Decisiva l'azione e l'opera e lo nell'attività l'attivismo politico della leader e con come era
Composta la lite come era la alla fisionomia come operava come funzionava la lite perché anche da questo punto di vista tu nel libro giustamente sotto l'e che in quel contesto sociale e politico la leader rappresentavo un'assoluta novità sia per quanto riguarda la sua struttura se per quanto riguarda col funzionamento interno all'attività politica
Certo omaggiato spesso la creazione nella della lite rappresenta un in una innova comune nel panorama politico italiano
Innanzitutto ricordiamo del contesto storico in quel periodo storico di cui stiamo parlando parliamo di un contrasto storico questo lo sottolineo spesso in cui
Gli strilli spiega fanno da padrone insomma parliamo di un contesto storico in cui l'estrema destra all'estrema sinistra come protagoniste anche
E in modo molto accentuato del Paese e quindi la violenza caratterizzava la la politica italiana tant'è vero che poi si arriverà a breve gli anni di piombo quindi
A tutto quello aiuto ma a quello che la storia ci ha quello che una parte di storia comunque ci ha trasmesso espresso la creazione di della lite rappresenta una novità all'interno del
Panorama politico italiano perché innanzitutto alla lite potevano aderire
Individuali capisco un'azione politica quinti trasversale per partitica cosa che non si era mai vista diciamo all'interno della politica istituzionale italiana
E poi la lista la particolarità della Libia cosa che sorprendeva anche le altre forze politiche che valide nasceva alcun un obiettivo specifico una volta raggiunto tale obiettivo si scioglieva insomma
Quindi una formazione politica sociale che nasceva trasversalmente per raggiungere tale obiettivo da concusso tale obiettivo poi ognuno o era libero di aderire alla RAI proprio parimenti ore ritornare insomma
A fare quello che faceva prima
E oltre questa trasversalità va sottolineata proprio di innovazione che la Lizza
Portò all'interno del Paese perché
Tutte le iniziative che la libero furono intraprese attraverso le armi della disobbedienza civile della non violenza
Con gli scioperi della fame della sete con iniziative non violente di Marco Pannella dei radicali e dei componenti che la lega italiana
Per il divorzio e anche degli sprechi del Partito Socialista Italiano
Che comunque all'interno del Paese rappresentavano una novità davvero forte e a ciò va aggiunto che comunque era un movimento che fissativa per i diritti civili
In un contesto storico allora come oggi
Che si tende a sottolineare che i diritti civili sono sempre una tematica che contare a un problema secondario perché vanno sempre fondate prima le tematiche economiche Kappa non si risolvono mai per carità
Però intanto i radicali riuscirono a portare all'agenda pubblica la questione del divorzio il seguito dell'aborto insomma
Le tematiche dei diritti civili raccogliendo intorno a sé anche peste consistenti per la popolazione italiana
Ed anche variate personalità di tutto il mondo partitico e politico italiano tant'è vero che anche alcuni settori del mondo cattolico poi
Aderire o no al alla battaglia per il divorzio e molti cattolici ero anche esponenti c'è partecipavano alle manifestazioni sulla della lite proprio perché la tematica era sentita
è una tematica che comunque l'importante all'interno del Paese proprio perché l'Italia è uno dei quei pochi paesi in Europa che ancora non aveva
E questo è molto importante perché quello che tu giustamente netti risalto nel libro queste forme di lotta non violenta e che all'epoca rappresentano e in parte ancora oggi rappresentano un'assoluta novità sono riuscita ma tenere alta l'attenzione in quelle particolare frangente storico-politico l'attenzione su questo tema del divorzio grazie a quelle attività si riuscì poi ad arrivare dopo superando moltissimi ostacoli nel giro di tre quattro anni e dopo lo scioglimento di una legge già dura si riuscì finalmente ad arrivare all'approvazione della legge nel mio centosettanta la legge fortuna base Lini proprio perché
La leader costantemente accompagnava passo dopo passo il legislatore né nel nella nella di nell'esame nella discussione di quei progetti di legge sul divorzio breve che poi sul dire sul divorzio che può vendere unificati appunto con la proposta fortuna Bassanini
Questo è anche il periodo in cui si rilevano molti periodici anche stessi della stesso creati dalla lite io ricordo ad esempio
Battaglia divorzi lista o di confisca insomma alcuni periodici che
Con l'autofinanziamento si diffondevano nel Paese ma la Libia chi può dire concretamente che
Riusciva ad esercitare sulla popolazione italiana quello conoscere per deliberare
Che invece l'informazione di regime non non tendeva ad applicare
E quindi piano piano con le battaglie allora non violenti attraverso l'iniziativa di disobbedienza civile anche con una creatività inimmaginabile per cui per quel contesto storico la leader riesce
A raccogliere la simpatia di varie di una bella fetta della popolazione italiana è che poi raccogliere simpatiche anche di molti giornali perché oltre le riviste come ricordava vicini poi si schiereranno a favore del divorzio anche svariati giornali nazionali come Secolo decimo nono del manifesto
La stampa fino al Corriere della Sera non che
Molte riviste di gossip oggi così possiamo dire che allora erano molto letto insomma da
Dalla popolazione italiana sia dal pubblico giovanile che da un pubblico già un po'più matura diciamo così
Ed ecco quindi la novità i diritti civili che vive
è una priorità all'interno del Paese cosa che prima prima della creazione della lite prima del lavoro dei dei gruppuscoli radicali diciamo così
Non si riusciva a fare emergere insomma è il trionfo in quell'in quel periodo di quello che possiamo definire una sinistra libertarie laica
Che prima di allora non
Non riusciva ad emerge proprio perché a sinistra schiacciata dalla dalla sinistra marxista e da quelle logiche
Legate a lotta di classe in ambito economico e quindi non riuscivano ad emergere queste forze politiche che si schiera una sinistra del Partito comunista italiano in particolare
Radicali libertari manchi anarchici perché coi questo ibrido storico in cui
Gli anarchici libertà ai radicali spesso viaggiavano insieme sulle battaglie anticlericali anti militariste
E per i diritti civili insomma che riuscì a dare priorità anche a tematiche che il mondo politico non voleva tratta e quindi con l'approvazione della legge sul divorzio per la prima volta la democrazia cristiana
Venne battuto in Parlamento da una maggioranza che aveva accomunato sullo stesso fronte tutti i partiti laici dal pc al PLI
Quel successo però all'indomani dell'approvazione di quella legge si apre un altro problema perché come Tucci giustamente sottolineano in un passaggio delle tuo libro dice che all'indomani dell'approvazione con la legge si creo una
Un un contrasto tra quelle forse politiche né partiti laici di governo e di opposizione che volevano che consideravano quella battaglia sul divorzio quella legge sul divorzio con una semplice parentesi però dall'altro lato invece vi erano tutti quei gruppi minoritari quei singoli che si riunivano intorno al partito radicale che invece consideravano l'approvazione con la legge soltanto il primo passo per successivi scontri tra l'anima diciamo progressista e laica del Paese quella democristiana
Sì ma basta ricordare che si alla bionda assoluti la Democrazia Cristiana Democrazia Cristiana che poi nonostante fosse stata lei dalla creazione del quarantasette quarantotto della Carta costituzionale a volere il divorzio proprio perché
Per Acea pulire il referendum proprio perché per andare va a scardinare quelle che erano quello che si temeva una vittoria appunto del Partito Comunista Italiano quindi una Costituzione molto accentrata
Che non permetteva spacci di riflessione poi
Su una Democrazia Cristiana annunciare mai del tutto per tutto il contesto politico fino al settantaquattro l'arma referendaria e a ricacciare la nel momento in cui si voleva affondare la legge sulla la legge sul divorzio
è il male lo sbaglio appunto che come dicevo prima che fecero sia le forze conservatrici che anche fette consistenti del Partito Comunista Italiano
Allora fu proprio quello di considerare il divorzio una questione secondaria quando invece nel Paese al di là del divorzio si sentiva proprio una mancanza di di diritti civili diciamo così
Non
Tale tematica non venivano affrontati radicali invece
Ricevo proprio la battaglia di colore di quelli che gli altri consideravano parentesi
E queste parenti e che invece poi recentemente questo giochetto divennero punti esclamativi che poi riusciti a concretizzare dalle tematiche all'interno della del del contesto italiano ma questo anche perché ormai
Si era avuta si è si era svolta e si era avuto una periodizzazione del del contesto storico italiano che ormai andava adesso anni lontani dal dopoguerra quindici preventiva
Ovviamente anche il ripristino di quelli che erano i sani diritti civili di una nazione progressista i Timoria liberale
Quindi
Lo sbaglio più grande delle forze conservatrici fu proprio questo quella di
Non analizzare questa questa fetta consistente della popolazione
E e soprattutto di non poter dedicare attenzione o meglio di dedicare attenzione a questa tematica però se conto logica ancora ideologica schierate che non solo secondo ancora la politica che dei due fronti del blocco sovietico e del blocco statunitense ma per quanto riguarda Dalmazia cristiana ancorata al Vaticano erano le logiche che fuoriusciva dal Vaticano ma essa esiste
In questo momento possiamo dire che era ossia l'asticella fuori si attrezza tant'è vero che poi un movimento punto quello della lega Italiana per il divorzio riesce ad incidere nel Paese a diventare
Un
Una realtà concreta che porta anche un risultato concreto quelle fu l'atteggiamento del
La lega Italiana per il divorzio nei confronti del referendum sappiamo che referendum il settantaquattro venne convocato dalla democrazia cristiana dalla Conferenza episcopale
Italiana insomma dal bar dalla dalla dalla Dalla Chiesa dalla tendenza dalla parte più clericale reazionario della classe dirigente italiana per ottenere una sorta di si sperava di ottenere una sorta di rivincita contro quella legge
Ecco inizialmente l'atteggiamento della lega delle ma per il divorzio fu di opposizione a quelle referendum se non sbaglio
Io
Possiamo dire che c'erano delle personalità che comunque ovviamente videro nella nell'Arma referendaria un'arma reazionaria diciamo così proprio perché il referendum nasceva per alimentare quella che era la legge fortuna per primi
C'è da dire subito che aiuta le forze radicali e tra i principali esponenti della lega Italiana per il divorzio
C'era chi credeva che i anche attraverso il referendum si sarebbe tenuta la vittoria certi sarebbe tenuta la vittoria della la con la riconferma della legge fortuna Baldini
E infatti italiana i seguaci di confermare un'estate tant'è vero che ricordavo proprio pochi giorni fa che il quotidiano stagionale liberazione che allora era un giornale radicale già la sera prima insomma
Dei risultati ancora insomma non si sapevano quale quali erano i risultati del del referendum
Già uscì con un titolo insomma in cui dichiarava la vittoria
Pieno e quindi la vittoria della della la riconferma della DC fortuna Baldini
Proprio perché gli esponenti radicali e della lega Italiana per il divorzio vivendo concretamente il movimento quindi ascoltando le famiglie gli esponenti e coloro che vivevano tale problematica tra la gente
Si erano resi conto che comunque tale tematica era risentita all'interno del Paese propriamente vanno fatte le dovute considerazioni anche a livello antropologico sociale tant'è vero che
Nelle città settentrionali si ottennero Pitti molto consistenti mentre Società meridionali in particolare anche in Campania
Allora ricordavo anche Caserta Napoli insomma dove vigeva di più non clima tradizionalista e conservatore tra la dalle sette della popolazione insomma
Nel Paese ci fu anche questa sorta di spaccatura che sotto certi aspetti mi permetto di dire questa cosa e ricordava anche quello che fu il referendum su monarchia e repubblica insomma
Sì il anche il per quanto riguarda il divorzio sembrava di vivere quei piani in cui vi era una parte della popolazione che chiedeva progress libertaria un'altra parte della popolazione che
Era ancora ancorata a valori tradizionalisti
Ormai il mondo stava cambiando siamo negli anni della contestazione negli anni
Dell'emergere delle delle libertà e dei diritti civili possiamo dire tranquillamente che il Paese raffronto arriva soltanto bis
Mia della scintilla scintilla furono i radicali ecco appunto quella fu per certi aspetti una come dicevi tu una stagione irripetibile perché
Prima il divorzio può l'aborto poi la riforma del diritto di famiglia nel mille novecentosettantacinque può l'obiezione di coscienza e così via
Ecco quali sono a tuo giudizio le somiglianze con nella situazione attuale oggi prima
Ne parlavamo con
L'onorevole Calanna Presidente la Commissione cultura della della Camera oggi paradossalmente sembra che questo Paese sul fronte dei diritti civili non riesca a fare alcun tipo di progresso PACS divorzio breve fecondazione assistita testamento biologico
Sono decenni che su ognuno di questi temi vendono stante numerosi tentativi sembra che non si riesca a fare un passo in avanti ecco paradossalmente quindi anche tu ritieni che oggi si stia peggio di rispetto a quarant'anni fa
Sì mal diciamo non
Cito sesso proprio nell'analisi e nel contesto politico perché
Sì allora o comunque nel Paese e creare una forza di sinistra laica e libertaria che emergeva anche né in varie formazioni politiche perché
Prima abbiamo ricordato i socialisti liberali però ricordiamo che ci furono anche i socialdemocratici repubblicani che comunque anche furono anche loro a favore del del divorzio e si battevano per
Aperitivo che oggi invece sembra che le problematiche maggiori provengono proprio da sinistra insomma
La Sinistra sembra aver perso quel carattere liberale e garantista si addensava il movimento il movimento della della Sinistra di allora
E invece oggi insegue non solo un giustizialista un
Giornalismo becero alla Travaglio
Alla Santoro insomma amare sembra aver perso anche proprio di radici laiche liberali e libertari che allora vi erano quindi
Tanto paradossalmente impatti spesso ascoltiamo i rappresentanti di Forza Italia e del centrodestra che
Si schiera a favore di dei temi dei diritti civili
Mentre il gran Presidente diciamo centrale se il Partito Democratico
Quindi paradossalmente proprio da va proprio rivista insomma quella che la sinistra attuale che ha aperto le proprie radici laiche e libertarie intento invece radici giustizialiste che ovviamente
Poi incidono anche all'interno del Paese proprio perché sui diritti civili non riescono ad avanzare proprio perché
A manca una tana coscienza anche all'interno della sinistra di quelle che sono le libertà civili e quindi perfetto con questo si è tornato molto indietro Domenico io ti ringrazio ringrazio veramente Sutti faccio ancora e complimenti per questo libro
E spero veramente che tutto venga qui a Roma presentarlo anzi non è che spero sono sicuro che tu per fare qui
A Roma presentarlo quindi sicuramente avremo occasione e modo di rivederci è un dovere diffondere anche una qualche una piccola riflessione posso fare anche a tutti i militanti insomma appassionati anche di di storie di tali tematiche
E che allo stato attuale dia un concreto bisogno proprio di analizzare lettere insieme documentazione su tutte le tematiche dei diritti civili dal divorzio aborto obiezione di coscienza
Va proprio rifatta una cultura dei diritti civili perché allo stato attuale Vacca
Esse manca tale cultura come non si riesce neanche assimilare una sana cultura e di attuale insomma
E quindi la battaglia per l'eutanasia testamento biologico insomma vanno di fatto è un pochino le radici culturali di quella che allora mi permetto di dire così era una sinistra libertarie laica e che oggi
A parte dei forte ormai lì piccole diciamo così piccole maturando il Partito Radicale
Nel paese manca
Va bene le di Domenico grazie veramente appresso risentirci allora grazie a voi poi una buona serata a tutti ascoltatori
Grazie grazie ringraziamo Domenico letizia autore del libro storia della lega italiana per il divorzio edito da Europa edizioni
Dunque siamo giunti nel conclusione mancano quattro tre quattro minuti prima di lasciare la parola lasciare spazio alla
Programmazione di radio radicale che vi condurrà fino a mezzanotte quando al momento in cui Arrigo
Corruttivi
Leggerà le prime pagine dei quotidiani che troverete domani in edicola nell'armi sono dimenticato perché prima ho fatto una brevissima a rassegna stampa sugli articoli che sono usciti
E ieri in occasione del dell'anniversario del quarantesimo anniversario della
Vittoria referendaria sul sulle divorzio mi sono dimenticato di leggervi ma ve lo segnalo recupero del ve lo segnalo un articolo uscito su sul mensile confronti di maggio due mila e quattordici quindi mensile confronti uscito questo mese a maggio due mila quattordici
C'è un bell'articolo trovato un bell'articolo di Luigi Sandri intitolato mille novecentosettantaquattro quel benedetto referendum sul divorzio quindi per chi fosse interessato
Mi raccomando comprate il mensile confronti che trovate in edicola questo mense dunque siamo giunti veramente al termine della puntata di questa sera vi ricordo che martedì prossimo sempre qui su Radio Radicale in diretta torneremo a parlare della
Del disegno di legge sul divorzio breve anche perché domani è un puntamento molto importante domani mercoledì inizierà la votazione in Commissione giustizia sugli emendamenti che sono stati presentati
Vi preannuncio che alcuni di questi emendamenti sono stati presentati dalla lega Italiana per il divorzio breve dalla nostra associazione
Ne sono stati presentati da Degussa Battinelli nel momento stesso in cui è stato audito è stato audito dalla Commissione giustizia è alcune forze politiche hanno
M. recepito questi emendamenti e quindi hanno deciso di presentarli quindi sarà curiosa anche vedere adesso come come voteranno che mi si comporteranno le forze politiche domani al momento del voto sugli emendamenti quindi domani una giornata molto importante sulla fronte del divorzio breve perché in Commissione giustizia
Inizia quindi la discussione l'esame il voto degli emendamenti sul testo unificato presentato dai relatori Moretti ed Alessandro come sempre chiudo ricordandovi
Il sito web della nostra associazione divorzio breve punto organo sito costantemente aggiornato che vi invito
Come sempre a visitare perché ricco di documenti materiali articoli di stampa comunicati e soprattutto di sentenze della giurisprudenza di merito e di legittimità in materia di diritto di famiglia sempre sulle sito divorzio breve punto org trovate anche tutte le indicazioni utili per iscrivervi alla nostra
Associazione inoltre vi ricordo il nostro indirizzo e-mail le info chiocciola divorzio breve punto com ripeto info chiocciola divorzio breve appunto come se vi
Descriverci
Darci qualche suggerimento segnalarci la vostra vicenda se siete n impelagati in una causa di separazione di divorzio andata da molti anni potete segnalarci questa vostra
Esperienza scrivendo ci appunto info chiocciola divorzio breve appunto con me né ricordo inoltre che il gruppo divorzio breve presenta anche su Facebook su Twitter basta cliccare la parola divorzio breve
Come sempre ringrazio Lorenzo Bruschi Perrella assistenza in regia debito quindi appuntamento a martedì prossimo
Sempre quindi retta su Radio Radicale per discutere di divorzio breve un saluto D'Alessandro Gerardi