14MAG2014
intervista

Intervista a Tonia Mastrobuoni sulla crisi economica nel 2011 e sul "complotto" Usa-Ue per far cadere il Governo Berlusconi

INTERVISTA | di Sonia Martina RADIO - 13:20. Durata: 7 min 50 sec

Player
"Intervista a Tonia Mastrobuoni sulla crisi economica nel 2011 e sul "complotto" Usa-Ue per far cadere il Governo Berlusconi" realizzata da Sonia Martina con Tonia Mastrobuoni (giornalista economica de La Stampa).

L'intervista è stata registrata mercoledì 14 maggio 2014 alle 13:20.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Banca Centrale Europea, Banca D'italia, Berlusconi, Crisi, Economia, Euro, Finanza, Governo, Istituzioni, Italia, Mercato, Ministeri, Monti, Politica, Riforme, Scandali, Titoli Di Stato, Tremonti, Trichet, Ue, Usa.

La registrazione audio ha una durata di
7 minuti.

leggi tutto

riduci

13:20

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale parliamo del duello Stati Uniti Unione europea su Berlusconi l'ex ministro del tesoro statunitense Timothy Geithner in un suo ultimo libro di cui la stampa ha anticipato alcune parti ha rivelato che nel due mila e uno dici in piena crisi finanziaria alcuni funzionari europei gli proposero un piano per far cadere il il premier Berlusconi e dagli USA nessuna reazione ma dai vertici europei i fonti quali i gatti secondo l'Ansa assicurano che dietro e non si riferiva di certo alle istituzione europee allora di questo vogliamo parlare con Tonia Mastro buoni giornalista della stampa inviata a Berlino Tonio buongiorno
Buongiorno a voi allora innanzitutto io voglio ricordare agli ascoltatori che questo argomento verrà approfondito poi da te e Valeria Manieri nella prossima puntata Dine Eureka
E però evidenti volevo chiedere innanzitutto se lì ci sono delle reazioni
Ma per ora non non ne vedo però in genere c'è anche una un
Un'aspettativa eccessiva rispetto
A alle reazioni che ci possa essere in Germania assorbimenti che riguardano soprattutto l'Italia no
Questo è un classico insomma
Ti volevo chiedere se ci puoi raccontare no tutte lo ricorderà che cosa successe in quel periodo nel due mila e undici perché poi di fatto e lo scrisse ad esempio un allora disinteresse salto Mario Monti con il dito un un editoriale sul Corriere della Sera no quando di fatto l'Italia fu commissariata no in cambio di aiuto alla Banca centrale europea hai detto le regole al Governo Berlusconi
Cioè la cosa che avvenne con le tappe e con l'autunno drammatici fu
Che
La fiducia nel nell'Italia dopo le critiche erano già avvenute Dini Portogallo
Grecia Irlanda che erano state già no sottoposto a un programma di risanamento in cambio di soldi da del del dell'Europa così europea
In quel momento si era il contatto era avvenuto anche verso i Paesi più grandi la Spagna e l'Italia sì in quell'estate è cruciale del due mila undici e a un certo punto
La banca Centenaro appena comincio a comprare titoli italiani e spagnoli si perché vi ricorderete che quell'estate avvenne una cosa micidiale molto pericolosa cioè ci pura cosiddetta inversione della curva sì certo punto
Significa semplicemente che i rendimenti dei titoli a breve divennero quali quadri alti come i rendimenti soli a lungo che sono quelli che vengono perché riferimento per gli spread diffondono pure diciamo
Avrà questo e pericolosissimo indizio il che vuol dire per i mercati che i mercati pensano che un un in tagli ossia per fallire diventa chiara allarme rosso
In quel momento la BCE comincia competitori però scrisse una famosissima dette Alitalia in cui dice guardate noi compiamo titoli tra virgolette gratis ma adesso fate le riforme all'epoca c'era ancora Trichet
Domando al Governatore della Banca Italia che all'epoca era Mario Draghi sì noi l'abbiamo fatto più nulla Berlusconi scene
Cioè come dire che insieme che ne disinteressò allegramente in quel momento c'erano altri scandali che lo preoccupano molto di più interni come al solito e in molte cronache Groma e portate scritte anche in libri eccetera
Lui
Appunto non ai da qualche Consigliere Atelli era praticamente un fantasma cioè non
Non non non faceva nulla per in qualche modo anche
Mostrare di avere interesse nei confronti di un Paese o loro il fallimento oppure di Voeller
Accettare il fatto che per farti compra i titoli di Stato dalla BCE dubbi che in qualche modo fare le riforme inquinato molto
L'Europa e l'America si rendono conto che l'Italia interamente in pericolo sì il punto è che l'Italia era allo stesso tempo non era come la Grecia il Portogallo cioè quali potevano essere salvati con
Cento miliardi diciotto miliardi venti miliardi magre Italia opache gigantesco
Condivide miliardi di debito che conta come a far dati non basta non sarebbero bastati ottocento miliardi qui il problema era solo
I soldi ma il problema era garantire
Che
Eventuali togli semmai fossero stati stanziati bene
Venissero in qualche modo amministrato i beni censo mentre il problema all'epoca
Cioè
Piuttosto ricorda questo non era un complotto e Alitalia è sull'orlo del baratro e diatriba indietro conto che era troppo grande per dell'Albania verrà troppo grande per essi per fallire
E che in qualche modo c'era una persona che la guidava anche in quel momento era inadeguata alla situazione non si rendeva conto
E quindi diciamo secondo te quella ricostruzione che fece POIN che ha fatto poi Tremonti nel suo libro no dicendo che c'è era questo fantomatico spread che saliva dalla sera alla mattina appunto quasi se fosse poi in qualche modo pilotato
Quindi secondo Terna così tanto perché è favore io non voglio dire però Tremonti già abituato a dire tutto il contrario di tutto in questi anni fare potuto contare tutto in questi anni
Quindi non non lo so io per ricostruzione indù Ministro l'economia
Che in qualche modo non è che abbia fatto scintille o che abbia in qualche modo risollevato l'economia italiana degli anni in cui vi lunghissimi anni in cui è stato
Al timone sancito in cui il Ministero fondamentale non mi fido dunque il complottismo è totalmente idiota perché non non tiene conto che il mercato non non è una persona è una naturalmente ci sono
I capi branco quelli che in qualche modo
Guidano e volentieri il e influiscono enormemente tu tali c'era un generalizzato non è un attacco Naggara cominciato a vivere
Enormemente titoli italiani quindi c'era un'ondata di fiducia sesto e ripetutamente miope neanche che cosa rimane in quel momento c'è un Paese con
Il centoventi per cento del debito die definitiva da dieci anni di Fragna azioni sostanzialmente
Con un deficit sempre e comunque il limite del tre per cento il patto di stabilità
Attente prospettive di crescita senza un piano con un'economia totalmente distratta cerco di dirigente fatta tua un'unica economie anche di
Molto molto si ragionava giorno per giorno
Questo è quello che che che che in quel momento
A alcuni Tora sfiduciato e anche la lacci Lucera anche recupero di una mobilità sesto che in quel momento era più perché ne appunto Dante annuncia coda quindi quello fu
Comincio con un attacco all'euro
E e poi
Andò avanti ed anche perché sistemi bancari facevano acqua da tutte le parti
C'era un che il tema appunto estere crolli molto indeboliti dalla crisi e questo è stato questa è stata Lanna crisi c'è ripeto
Lo spread non è determinato da una persona che
Certamente a degli eventi enormi irrazionalità ma in quel momento lo spread era molto vicino a condannare l'Italia alle fonti quindi qualcosa bisogna fare il problema non era solo economico-finanziaria il problema era conditi con
Bene allora Tonia per il momento noi che ringraziamo ti ringrazia un potere essere stati per aver chiarito queste cose con noi alla dire cale e ti sentiremo allora insieme poi a Valeria Manieri nella vostra rubrica
Pongo neurale grazie grazie a te