13MAG2014

Dichiarazioni di Sandro Gozi sulla riunione odierna del Consiglio Affari generali dell'Ue

DICHIARAZIONI | di David Carretta Bruxelles - 00:00. Durata: 7 min 27 sec

Player
Registrazione audio di "Dichiarazioni di Sandro Gozi sulla riunione odierna del Consiglio Affari generali dell'Ue", registrato a Bruxelles martedì 13 maggio 2014 alle 00:00.

Sono intervenuti: Sandro Gozi (sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega alle politiche europee, Partito Democratico).

Tra gli argomenti discussi: Alfano, Asilo Politico, Clandestinita', Commissione Ue, Cooperazione, Esteri, Europa, Europee 2014, Immigrazione, Mediterraneo, Ministeri, Polemiche.

La registrazione audio ha una durata di 7 minuti.
00:00
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Se oggi abbiamo discusso preparando il Consiglio Regionale ramo la prima discussione ad ampio respiro
Su tre temi che sono comunque per noi prioritari che sono il tema dell'immigrazione il tema della
Del semestre europeo e quindi della della crescita della finanza europea il tema delle leggi
Se l'unica azione ovviamente per noi importante che d'Europa comunque comunque comincia a dare dei segnali di metà svolta perché abbiamo
Problemi diversi nel nord dell'Europa del Sud d'Europa che dimostrano comunque l'assenza di quello che noi vogliamo cioè una politica comune europea in materia di immigrazione in materia di asilo noi abbiamo
Continuiamo a dovere assistiamo dovere soccorrere Tassoni tragedie come quella di questi giorni quindi è evidente che occorre fare di più e meglio a livello di politiche di strumenti europei nel Mediterraneo per gestire i flussi umani flussi migratori dall'altra parte è evidente anche che c'è una concentrazione delle richieste d'asilo in alcuni Paesi che hanno un numero di richiedenti asilo molto più elevato rispetto ad altri
Questo vuol dire che non c'è una vera politica comune dell'immigrazione né politica comuni dell'asilo perché perché
I trattati sono scritti non sono attuati c'è un articolo ottanta del Trattato che parla di solidarietà in materia di immigrazione materia di asilo che vogliamo
Attua rapidamente vogliamo che delibere politiche di gestione comune delle frontiere
Di gestione della immigrazione negare e anche qui un vero sistema europeo il diritto d'asilo cominci a nascere di questo vogliamo che si discute in maniera molto operativa al Consiglio europeo TM di giugno che sarà in
Innanzi pubblicata questi temi
Sulla questione economica abbiamo ribadito l'approccio italiano l'approccio imprinting di Trovato il Documento di economia e finanza abbiamo indicato e stiamo facendo Italia delle riforme strutturali economiche istituzionali molto ambiziose
Le riforme che nell'immediato ha dei costi noi riteniamo di dovere di potere fare fronte a questi costi sfruttando nel rispetto dei vincoli europei sfruttando i margini di flessibilità
Che le regole sistemi ci danno la diamo chiaramente indicato anche con come percorso
Nel nel testo che oggi io ho ribadito quella che la posizione italiana ci aspettiamo dalla Commissione europea che anche sta nel valutare in questo momento economica e sociale dell'Europa che valuti gli sforzi dei Paesi
Dando la priorità alla crescita
E dando la rete alla priorità a tutte le misure che favoriscono
Per la crescita questo chiaramente detto a vinca la spesso che il messaggio fosse molto chiaro ci aspettiamo adesso
La reazione della Commissione il due giugno ultimo punto la l'energia per l'Energia deve essere il grande tema della nuova legislatura per un grande tema che noi vogliamo avviare durante il nostro semestre
è evidente che non c'è una politica comune dell'energia non ci sono le interconnessioni non ci sono i meccanismi di solidarietà interni
Non c'è un approccio semplicemente sufficientemente sviluppato la diversificazione degli approvvigionamenti energetici da esteta sud sono tutti temi che noi vogliamo affrontare e che riteniamo
Siano rilevanti non solo per la dimensione sterminio europea ma anche come nuovo strumento di crescita e di sviluppo perché ed energia vuol dire sviluppo cogliere cresce sostenibile devo dire anche
In una grossa parte di quella posizione europea sulla vertice cambiamento climatico che è un'altra delle nostre priorità durante il semestre
Parlando di immigrazione non c'è la Commissione europea ha detto di aver inviato alcuni mesi fa una legge in Italia per chiedere esattamente cosa il Governo volesse
Dall'Europa questa lettera è arrivata la rete ricevute
Ma non non so la vastità al fanno però mi sembra abbastanza tutto originale che chiedano l'Italia cosa vogliamo perché noi proposto ride ripetere qui oggi sappiamo benissimo cosa vogliamo vogliamo
Un ruolo più forte di Frontex in termini operativi che di risorse per quanto riguarda la gestione comune delle frontiere esterne vogliamo lavorare su per arrivare a un mutuo riconoscimento delle decisioni in materia di asilo
Vogliamo rafforzare i partenariati per la mobilità cioè quegli accordi tra Unione europea e Stati di origine di transito
Partenariato chiedono servizi da parte a
Aumentarla cooperazione economica in parallelo a dunque il serio sforzo da parte di questi Paesi nel gestire i flussi migratori e quindi nel contrastare anche l'immigrazione illegale porre maggiore cooperazione da tutti gli Stati membri nella lotta
Contro i trafficanti ricordo che l'operazione Mare Nostrum a
Le cifre le ultime sì perché io avevo visto dicevano che avevamo già arrestato duecentodieci trafficanti grazie all'operazione Mare Nostrum e vogliamo passare lo ripeto da dei sistemi di asilo nazionali
Con qualche punto comune a un vero sistema europeo di asilo quindi insomma la non ho letto la lettera della Commissione non ha colpito l'Italia è molto chiaro cosa che a questo proposito che
In effetti questa polemica diciamo in campagna elettorale non fa altro che avvantaggiare gli euroscettici nel testo anche una componente
E le responsabilità bisogna che siano anche molto chiare nei confronti della Commissione europea o nei confronti del vertice qualcosa che le rimprovera la Commissione europea perché la responsabilità dei Governi sono lampanti folla mancanza il non illusioni
C'è qualcosa che attribuisce alla Commissione europea
Ma secondo me non si tratta di polemiche che si tratta di tragedie non se l'ASP non stiamo facendo una polemica elettorale
Lo stiamo prendendo atto che di nuovo in un'area in cui Mare Nostrum non è stato nera non era operativa perché era in una zona diverso le Regioni in cui opera Mare Nostrum abbia avuto diciassette i cadaveri di nuove mi terraneo
Abbiamo avuto abbiamo più di duecento dispersi
Che abbiamo comunque salvato altre duecento vite umane questo il punto da cui partiamo non è una polemica un dato di fatto e non ci interessa se non ci interessa affatto la Commissione o non ci interessa indicare
E chi ha fatto chi non ha fatto noi vi diciamo che a livello di Unione europea è evidente
Che occorre finalmente attuare tante cose che sono scritte dei trattati io credo che cominciare dall'attuazione piena della Commissione della dalla della comunicazione la Commissione opera di marzo sia un grande passo in avanti quindi non ci interessa avete consigliere sa fare
In meno esce in ma ci interessa finalmente fare la differenza partiamo dalla comunicazione di marzo per noi tutti gli orientamenti in quella Commissione
Vale la direzione di questa che meriterebbero di diventare operativi già al consigliere Pedicini critiche alla luce dell'emergenza
Degli sbarchi che ancora ci saranno perché la stagione positiva ed è il rischio di altra gente non sarebbe il caso di mettere subito gli Stati attorno a un tavolo per ed mettere di fronte alle loro responsabilità e cercare di far attuare perlomeno il Piano subito farlo immediatamente prima che sia troppo tardi
Gli Stati erano slot notavo anche stamattina e anche stamattina abbiamo fatto fare la nostra posizione lo rifaremo al prossimo Consiglio giustizia affari interni lo faremo al prossimo Consiglio europeo abbiamo bisogno di nuovi tavoli
Abbiamo bisogno di utilizzare in maniera migliore e più rapide tavoli che abbiamo
Ok
Grazie può lavorare vedersi