14MAG2014
intervista

Intervista a Gianpiero Samorì sulle elezione Europee e sulla proposta radicale di una amnistia

INTERVISTA | di Michele Lembo RADIO - 15:41. Durata: 3 min 54 sec

Player
"Intervista a Gianpiero Samorì sulle elezione Europee e sulla proposta radicale di una amnistia" realizzata da Michele Lembo con Gianpiero Samorì (candidato alle elezioi europee 2014, Forza Italia).

L'intervista è stata registrata mercoledì 14 maggio 2014 alle ore 15:41.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Carcere, Democrazia, Diritti Umani, Elezioni, Europee 2014, Giustizia, Politica, Radicali Italiani, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
15:41

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale siamo in collegamento con Giampiero Sammuri candidato per Forza Italia le prossime elezioni europee buongiorno sapori
Ho tornò concreto per il nome
Secco nel
Equivoche quali sono e i suoi progetti per un collegio particolare proprio su questo sulle tematiche europee come cosa pensa del guardarli
Io voglio impegnarmi su due temi in particolare
Mentre su tanti ma su due in particolare il primo il credito alle imprese alle famiglie
Noi siamo capo di una Commissione per la quale è impossibile per le nostre imprese con circa mille avere accesso facilitato al credito bancario
Senza credito le aziende muoiono e le famiglie soffrono io coglievo costruttivi usare le tecniche giuste dei radicali cestistica incatenarmi davanti alla BCE
Assieme ad altre duecento persone in giacca e cravatta d'Italia sono donne
Di con più chiedere
Modificata la norma del del cosiddetto salva banche per la quale vengono dati alle banche italiane centotrenta miliardi all'anno di soldi
Senza vincoli di destinazione poco perché un'impresa perché almeno il cinquanta per cento di quelle somme
Oltre a essere destinata a famiglie e imprese in pratica le banche non potranno avere accesso a questi fondi se non nella misura in cui almeno il cinquanta per cento di acritico per implementare le finalmente di famiglie tre
Ho capito sforzo secondo si
Farò un portale rivolta ad amministratori imprenditori e giovani
In università
Informazione culturalmente orientato a cioè voglio che tutti quanti possono avvenire piena consapevolezza
Delle enormi opportunità che l'Europa offra se noi purtroppo male sfruttiamo c'è un problema di conoscenza anche lì di conoscenza culturalmente orientata cioè non solo di conoscenza
Diciamo del dato il fatto ma di una conoscenza che sia guidata per comprendere le vere finalità
Delle varie iniziative cosa bisogna fare per accedervi che profili culturali e che i curricula vanno seguiti per potere avere sbocchi occupazionali eccetera eccetera ci
Siamo lì lei ha citato le il linguaggio radicale diciamo così delle iniziative radicali che cosa pensa delle iniziative attuali dell'amnistia dell'iniziativa sulla giustizia
Chiede l'amnistia come io o di partenza della riforma dell'io con criteri eccetera condiviso da quando avevo diciotto anni in molti
Credetemi perché i radicali che a volte in modo forse ha trattato
A volte in modo non sempre comprensibile ma
Conto limpidamente
Sono risultate uno degli strumenti di facilitazione della crescita sociale del nostro Paese
Sull'amnistia io penso questo o lo Stato italiano è in grado come sarebbe più giusto
Garantire i ricchi
Indegnità e i
Rispetto della persona umana all'interno delle carceri o altrimenti deve intervenire con dei provvedimenti di amiche e chiede l'inversione
La struttura telegrafiche oggi possono essere perseguiti anche su piani diversi da quello della criminalità e la politica criminale
Requisiti certo è che
Mantenere i detenuti in quelle condizioni è vergognoso e leggere che inoltre carceri dell'umanità solo seconda in tutta Europa sono quelle della Serbia è veramente avvilente
D'accordo Sammuri
Va bene io la ringrazio e le do appuntamento ci ci risentiamo magari anche per la questione del portale di cui ha detto poi ci darà Lidia Rizzo corridoio otto opere va bene se prima la lacerante ci aggiorniamo grazie mille ora dobbiamo