13MAG2014
intervista

Intervista a Gregorio Gitti sul suo sostegno al Partito Radicale e sulla situazione delle carceri

INTERVISTA | di Giovanna Reanda Roma - 00:00. Durata: 3 min 52 sec

Player
"Intervista a Gregorio Gitti sul suo sostegno al Partito Radicale e sulla situazione delle carceri" realizzata da Giovanna Reanda con Gregorio Gitti (deputato, Per l'Italia).

L'intervista è stata registrata martedì 13 maggio 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Carcere, Crisi, Democrazia, Emergenza, Giustizia, Partito Radicale Nonviolento, Politica.

La registrazione audio ha una durata di 3 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Corna Gregorio Gitti per l'Italia parliamo del partito
Radicale lo facciamo perché l'onorevole legittimi che ringraziamo gas sarà nostro ospite
Vuole dare un sostegno affinché questo partito non scompaia ecco
Articoli lei questa che poi ormai il suo pensiero
Sempre considerato il Partito Radicale un partito carsico quindi importante come l'acqua
Ogni tanto appare ogni tanto sin Frazzetta e ogni tanto ricorderà come una sorgente sempre però
Con il beneficio quindi la frescura la vivacità delle idee
Quindi ho deciso di
Aiutare anche materialmente quindi su un piano anche di impegno economico questa realtà che considero un presidio democratico per il nostro Paese
Questo significa che lei abbia Risceglie alle iniziative politiche a tutte le iniziative politiche forse ex novo quali sono quelle che lo hanno
Lo annunciamo con l'ho visto
Più coinvolto più
Tanto e per
Il mio è un sostegno
L'ideale e immateriale ad un'organizzazione che ha fatto molte battaglie non tutte le ho condivise
In un tutte le condivido
Non è quindi
Consegno
Di sostegno al organico non iscrivo al partito radicale però voglio aiutare Partito Radicale lecito struttura rimaneva in vita perché
Sottolineo in particolare
La battaglia in cui
Negli anni sono riconosciuto nell'ultimo periodo la battaglia per la giustizia e la battaglia per va bene il superamento delle sanzioni penali
Quindi la battaglia che mi ha visto anche personalmente impegnato come tentato in questa legislatura
Per rendere il carcere
Più umano e soprattutto per questa è stata una battaglia portata finalmente
A un risultato positivo per
Modificare il sistema delle sanzioni penali
Che erano assolutamente superate erano legate ancora
Alla sistema del sistema penale immaginato e voluto durante il periodo fascista dal Ministro Rocco al Paese democratico in cui lo Stato di diritto
Vuole essere adeguato i tempi doveva
Assolutamente modificare proprio
Da un punto di vista tecnico il sistema delle pene
Grazie onorevole
Ma l'amnistia
Una
Un
Uno strumento che spesso viene agitato in modo generico
L'amnistia
Deve essere uno strumento che
Configurato insieme a un ripensamento e qui veniamo alla seconda parte di quella che potrebbe essere una riforma della giustizia un ripensamento le fattispecie penali
Ci sono troppi carcerati per fattispecie penali che non sono più adeguate ad un sistema
Di difesa della sicurezza dell'ordine pubblico quindi non tanto il tema dell'amnistia quanto è il tema della depenalizzazione se l'amnistia

Accompagna con un ripensamento razionale eletti vero e proprio ammodernamento e non dunque di
Populismo giuridico di scelte fatte semplicemente Perra consenso elettorale allora mi trova d'accordo perché è un discorso serio e non possiamo più permetterci improvvisazioni in materia di giustizia
Ringraziamo
Creare legittimi per l'Italia