15MAG2014
rubriche

Rassegna stampa estera

RUBRICA | di David Carretta RADIO - 00:00. Durata: 19 min 58 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa estera" di giovedì 15 maggio 2014 condotta da David Carretta .

Tra gli argomenti discussi: Banca Centrale Europea, Cina, Commissione Ue, Corte Di Giustizia Europea, Corte Penale Internazionale, Crisi, Diritti Civili, Diritti Umani, Economia, Esteri, Europa, Europee 2014, Geopolitica, Giustizia, Google, Inflazione, Medio Oriente, Onu, Pena Di Morte, Politica, Rassegna Stampa, Russia, Siria, Ue, Usa.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 19 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Quali sono gli scrutatori di Radio Radicale giovedì quindici maggio questo appuntamento con la rassegna dalla stampa internazionale a cura di David Carretta diversi i temi di cui ci occuperemo quest'oggi partiremo
Dalla
Siriani da un possibile voto nei prossimi giorni al Consiglio di sicurezza dell'ONU sul deferimento della Siria alla Corte penale internazionale New York Times sì mi dedicata un
Editoriale un appello alla giustizia per gli siriani il titolo
Il quotidiano liberal New York da per scontato che Russia e Cina votino contro questa risoluzione in questo modo
Proteggeranno criminali di guerra parleremo poi di Unione europea delle elezioni della venticinque maggiore della corsa per il prossimo Presidente della Commissione con
Le mondo secondo il quale la successione
Josè Manuel Barroso rimane
Molto aperta sempre a proposito di unione europea ma della sua
Economia inizio giugno la Banca centrale
Do potrebbe adottare delle misure straordinarie per combattere contro la bassa inflazione ma per Martin Wolf columnist
Per fare ciò Times rischia di essere troppo poco troppo tardi nel frattempo i giornali internazionali dibattono di una sentenza della Corte europea di giustizia che ha imposto a Boogerd il cosiddetto
Diritto all'oblio è una sentenza rischiosa sia per il famoso il Times sia per il New York Times da cui
Leggeremo gli editoriali e chiuderemo con la pena di morte il dibattito in corso
Negli Stati Uniti dibattito che come spiegare mondo nel suo editoriale di oggi è stato innescato
Dall'Europa pena di morte gli Stati Uniti e il buon esempio europeo l'Europa detiene dei poteri che i suoi cittadini
Ignorano sta costringendo gli Stati Uniti a moderare le loro pratiche sulla appena di morte così
Tra l'altro le monde ma cominciamo dalla Siria e dall'editoriale
Del New York Times un appello alla giustizia per i siriani il titolo scrive il quotidiano americano per tre anni il Consiglio di sicurezza dell'ONU non è riuscito a porre fine alle violenze in Siria
In gran parte a causa del fatto che Russia e Cina hanno testardamente bloccato ogni azione costruttiva e protetto il presidente Bashar al-Assad una nuova iniziativa lanciata dalla Francia per fare in modo che il Consiglio di sicurezza
De Frischia la Siria alla Corte penale internazionale non porrà fine amai sacri
Ma potrebbe
Evidenziare la repulsione del mondo di fronte alle atrocità commesse da entrambe le parti
E evidenziare la volontà di portare i responsabili davanti alla giustizia un voto sulla risoluzione per differire la Siria
Dovrebbe a venire presto la Siria non ha mai firmato lo Statuto di Roma il Trattato che ha creato la Corte corte che così non può indagare sui crimini
Senza
Un voto del Consiglio di sicurezza gli Stati Uniti hanno
Abbandonato le loro obiezioni dopo che il testo è stato redatto in modo tale che ne Israele che occupa le alture del Golan
Dal mille novecentosessantasette negli Stati Uniti possono rimanere coinvolti nell'improbabile caso
Di un intervento dei loro soldati il testo gira questo problema limitando strettamente il conflitto alla guerra civile tra il Governo siriano le milizie alleate l'opposizione armata
Nell'arco temporale dal marzo due mila undici ad oggi inoltre esente al personale di Paesi che non hanno ratificato il Trattato di Roma con l'eccezione della Siria
Questo caso evidenzia
Ricorda New York Times la relazione conflittuale degli Stati Uniti con la Corte Bill Clinton firmò il trattato George Bush cerco di sabotare
Il tribunale dell'Aja fino a quando la somministrazione non lo ritenne utile per perseguire il Presidente del Sudan Omar al-Bashir per genocidio
Il Presidente Obama poi ha mostrato un maggiore sostegno in particolare nel due mila undici quando l'America voto a favore di una
Risoluzione che permise l'apertura di un'inchiesta sugli abusi commessi dal regime di Gheddafi si in Libia sulla Siria secondo il mio al Times ci sono
Ampie giustificazioni per lanciare un'inchiesta più di centocinquanta mila persone sono morte nella guerra civile
Due virgola cinque milioni hanno lasciato il Paese nove milioni di siriani sono profughi all'interno della Siria
I civili sono vittime di cara stile organizzate torture attacchi con armi chimiche
Bombe a grappolo attentati suicidi navi Pilla il capo dei diritti umani dell'ONU ha detto il Consiglio di sicurezza che le violazioni dei diritti umani da parte delle forze governative
Sovrastano quelle dei gruppi armati dell'opposizione ma le inchieste dell'ONU hanno anche documentati atti di tortura di omicidi da parte delle forze
Ribelli conclusione del mio Times
Non ci sono ragioni per sperare che Russia e Cina sostengano questa risoluzione tanto più che Mosca in conflitto con all'Occidente sull'Ucraina
Ma l'altro lato della medaglia è questo Russia e Cina vogliono davvero proteggere dei criminali di guerra
La risposta dopo questo voto al Consiglio di sicurezza veniamo
All'Europa e i i giornali esteri e poco a poco si stanno riempiendo in qualche modo dibattito in corso in vista del voto del
Venticinque mangio rinnovo del Parlamento europeo a cui seguirà la nomina del nuovo Presidente della Commissione non lo è su questo vogliamo fare il punto con me
Le monde un articolo di Philip ricada la successione a Barroso rimane molto aperta niente deciso per Martin Schulz se Jean-Claude Juncker i capofila europei della sinistra della destra per le elezioni che si terranno dal ventidue venticinque maggio
Ciò che hanno il tutto per tutto nella corsa alla successione di cose ma nel Barroso la testa dalla Commissione
Quest'oggi indiretta su una trentina di canali televisivi Schultze Juncker rispettivamente
Presidente Tedesco dell'Europarlamento ed ex Primo ministro del Lussemburgo sfideranno i loro avversari la tedesca ska che il per i Verdi belga Guy Verhofstadt per i liberali greco Alexis si prassi per la sinistra radicale
Dibattiti di ogni genere incontri ovunque sul continente candidati conducono una campagna inedita per cercare di personalizzare le elezioni e politicizzare la designazione del Presidente della Commissione
Per loro si tratta di una grande prima democratica ma
Sottolinea le monde d'esercizio rischia soprattutto di trasformarsi in uno scontro tra il Parlamento europeo il Consiglio europeo
L'organo dei Capi di Stato e di Governo
A dieci giorni dalle elezioni la situazione resta incerta per il tedesco come per il lussemburghese la difficoltà e di riunire una maggioranza assoluta di trecentosettanta sei voti al Parlamento europeo e una maggioranza qualificata in seno al Consiglio europeo
E in effetti Consiglio europeo che sceglie una personalità che poi dovrà essere
Votata dal Parlamento il Presidente del Consiglio lo per mandare un po'i teme
Soprattutto uno scontro istituzionale tra le due istanze per sminare il terreno invitato i Capi di Stato e di Governo per una cena a Bruxelles il ventisette maggio due giorni dopo il voto quel giorno spera di ottenere
Un mandato per pilotare le discussioni con gli europarlamentari
Se lo scarto dell'ordine di venti trenta seggi tra le due principali famiglie politiche la formazione arrivate in testa potrà imporre il suo candidato spiega un responsabile europeo ma risultato rischia di essere molto
Più serrato con il rischio di ritardare le decisioni secondo le stime più recenti di Paul nuoce il Partito Popolare Europeo di Juncker disporrebbe di appena una decina di seggi in più dei socialisti di Schulz
Per pesare i tre principali gruppi PPE a destra i socialdemocratici a sinistra e l'Alleanza dei liberali democratici al centro intendono costituire
Una grande coalizione al fine di assicurare una maggioranza confortevole al capofila arrivato in testa lo scrutinio
E questo nonostante la professione annunciata delle forze o Crocetti che populiste gli Verhofstadt che leader dei liberali si vedrebbe bene la testa dell'Europarlamento se questa alleanza
Riuscisse a permettere asciutto Jünger di vincere la loro scommessa di fronte
All'offensiva venuta dal Parlamento
I capi di Stato sono però divisi infondo nessuno ha voglia di farsi imporre il padrone della Commissione dall'Europarlamento
Dice una fonte vicina Hermann Barron poiché però aggiunge se un candidato riuscirà riunire i trecentosettanta sei voti tra gli eurodeputati sarà un fatto politico difficile da ignorare secondo un'altra fonte europea
Dopo una campagna inedita perché questa volta ci sono questi capofila come li definisce le Monde loro si definiscono candidati la Presidenza della Commissione non sarà possibile per il Consiglio europeo considerare ad elezioni come un fatto di cronaca
Per divertire i partiti
Tre posizioni sono già percettibili tra i Capi di Stato e di Governo Fossò Holon sembra pronto a sostenere l'uno o l'altro dei due principali capifila in funzione dei risultati elettorali si ufficialmente o non sostiene Schulz
Poi non ha nulla contro Juncker per la prima volta con il loro voto gli elettori designerà hanno il futuro Presidente della Commissione ha detto l'onda negli ultimi giorni
Una piccola frase che ha avuto molto eco nelle istituzioni europee il britannico David Cameron non è di questo avviso non vuole Juncker e ancor meno Scholes minaccia di bloccare Schulz della Presidenza
Della Commissione potrebbe accettare i un che era per il Consiglio europeo al posto di a mandare un po'il cui mandato scade alla fine del due mila quattordici
Come spesso accade conclude le monde la cancelliera tedesca Angela Merkel e a metà strada ha dovuto accettare contro la propria volontà il Partito popolare europeo abbia un candidato per la presidenza della Commissione ma potrebbe
Approfittare del debole scarto tra
I due principali postula anti per tirare fuori dal suo cappello una terza personalità in questa ipotesi
Però ci vorrà qualcuno di veramente forte per convincere gli euro deputati conclude un conoscitore del piccolo mondo Brussa lese così
Così l'Hammond sempre a proposito di unione europea fa molto discutere una sentenza che c'è stata martedì
La Corte europea di giustizia che impone che ha imposto ovunque e avevo
Il diritto all'oblio a cancellare
Informazioni su richiesta di un cittadino per quasi tutti i giornali internazionali
Si tratta di una sentenza pericolosa per esempio il fanno sul Times in un editoriale di ieri dal titolo le regole europee sulla privacy comportano dei rischi
La sentenza impone i giganti del web costi sproporzionati ma questo non è l'elemento centrale
Il diritto ad essere dimenticato non deve trasformarsi nel diritto dei potenti di cancellare il loro passato
Mi fanno ciò Times
Ricorda che il dibattito sulla privacy on line
Negli ultimi anni si è concentrato soprattutto sulla questione dei servizi di Intelligence che raccolgono dati di massa ma una sentenza dalla Corte europea di giustizia affronta un'altra questione controversa sui diritti degli individui di influenzare
E di decidere quali informazioni che li riguardano possano comparire on line martedì la Corte ha deciso a favore di un cittadino spagnolo contro comunque al cittadino che
Contestava il link a un vecchio annuncio per un'asta giudiziaria
Della casa di questo spagnolo che secondo il ricorrente
Violava hanno il link la sua privacy e la sua dignità la legge europea non riconosce un diritto generale all'oblio
Anche se l'Unione europea lo ha proposto come parte del di una nuova direttiva sulla protezione dei dati che dovrebbe essere applicata quest'anno
La Corte per il tono Giunta insomma un po'troppo lontano istituendo questo diritto prima ancora dell'entrata in vigore della legislazione anche perché una cosa e proteggere
Individui dalla pubblicazione di informazioni e di un certo tipo come fotografia umilianti un'altra sono le informazioni di interesse generale in particolare per le persone che hanno un ruolo pubblico nella società
Il diritto essere dimenticato non deve diventare il diritto dei potenti di cancellare il proprio passato e così l'avete anche il New York Times in un editoriale dal titolo ordinare Google di dimenticare
La sentenza dei giudici di Lussemburgo potrebbe danneggiare la libertà di stampa e la libertà di parola
Il desiderio di permettere agli individui di cancellare i dati che non vogliono più rendere pubblici e comprensibile per esempio ci sono buone ragioni per permettere alla gente di rimuovere foto imbarazzanti che hanno pubblicato quando erano ragazzini su Facebook o cose del genere
Ma non si deve creare un diritto tanto potente da permettere di limitare la libertà di stampa o di chiedere che informazioni legali contenute in un archivio siano nascoste così il
New York Times altro dibattito in corso è quello che riguarda
A livello europeo la Banca centrale europea e le probabili a questo punto misure che verranno adottate inizio Giulio per combattere la bassa
Inflazione soprattutto il rischio di deflazione nella zona euro Vieri falso Times pubblica un commento di Martin Wolf
è giunto il momento che Draghi apra la chiusa racchiusa dei soldi fondamentalmente che abbatta tante molta moneta per intenderci
I mercati stanno scommettendo su un'austerità infinita se dovesse finire questo austerità la crisi potrebbe
Tornare a meno che non ci sia
Non ci sia più liquidità in circolazione il presidente della BCE Mario Draghi ha dato una chiara indicazione che alcune misure di allentamento monetario arriveranno in giugno sarebbero benvenute ma per Martin Wolf con ogni probabilità arriveranno
Troppo tardi e saranno troppo poco Draghi ha salvato l'euro nel luglio due mila dodici annunciando che la BCE avrebbe fatto tutto quanto necessario per preservare
La moneta unica ora deve promettere di fare tutto il necessario un'altra volta per portare l'inflazione al due per cento dallo zero cinque di marzo se non lo farà la crisi potrebbe ancora tornare prevede
Martin Wolf noi però per chiudere vogliamo tornarci ad occupare di una questione
Radicale diciamo la prima
Di abbiamo aperto la Corte penale internazionale il ruolo che potrebbe giocare in Siria forse la Corte non ci sarebbe
Se non
Sei radicali non si fossero impegnati Emma Bonino Marco Pannella Partito Radicale
Ma anche non c'è pace senza giustizia per strappare quella famoso Statuto di Roma l'altro tema invece riguarda più da vicino diciamo Nessuno tocchi Caino la pena di morte
Le mondo editoriale di oggi pena di morte gli Stati Uniti e il buon esempio europeo
Basta una riga per intuire qual è il buon esempio europeo l'Europa detiene dei poteri che i suoi cittadini ignorano sta costringendo gli Stati Uniti a moderare la loro pratica della pena di morte
Da quando l'Unione europea dove la pena capitale totalmente abolita ha deciso nel due mila undici di sottomettere a dei controlli alle esportazioni
I prodotti letali utilizzati per l'esecuzione negli Stati Uniti esecuzioni in America sono nettamente diminuite
Le amministrazioni penitenziarie locali ampiamente dipendenti dai laboratori farmaceutici europei hanno dovuto improvvisare nuovi cocktail mortali che però sono molto controversi
Al punto di rilanciare in questi ultimi giorni il dibattito sulla pena di morte negli Stati Uniti Barack Obama che ha un partigiano della pena capitale per i crimini più gravi ha qualificato come
Profondamente scioccante perturbante la lunga e terribile agonia di Clayton blocchetto e la cui esecuzione avvenuta il ventinove aprile nell'Oklahoma con uno dei nuovi protocolli letali
Contestati
Questa questa esecuzione ha provocato una morte
Dolorosa del del condannato prosegue le Monde venuto da un'Europa liberata dalla pena di morte questo dibattito che agita la principale potenza mondiale
Il Paese che si vuole il faro del mondo in numerosi settori
Appare come di un'altra epoca nella mappa delle esecuzioni capitali gli Stati Uniti si trovano in strana compagnia con Cina Iran Iraq Corea del Nord Sud negli emendamenti
Figurano tra i nove paesi che
Hanno praticato la pena di morte senza discontinuità negli ultimi cinque anni secondo Amnesty International certo l'America è lungi dall'unanimità sulla questione un rapporto pubblicato inizio maggio Washington
Da dei grandi giuristi con opinioni molto diverse
Senza rimettere in causa il principio la pena di morte la definisce una pratica arbitraria e ingiusta il documento reclama l'arresto del l'uso di prodotti letali controversi
è una riforma del dispositivo di difesa degli accusati che incorrono nella pena di morte
Più oppositore la pena capitale guadagnano terreno trenta dei cinquanta Stati americani non hanno praticato alcuna
Esecuzione da cinque anni diciotto l'anno abolita senza vedere aumentare i tassi di omicidi le rivelazioni sud tragici errori giudiziari e le norme costo di gestione dei corridoi la morte
Hanno contribuito a far spostare l'opinione pubblica così
Il sostegno
Al principio che la pena di morte
è passato a si del sessanta per cento contro il trentacinque per cento ma è al suo livello più basso da quarant'anni
Ragione in più conclude le Monde affinché gli Stati Uniti la cui costituzione diete i trattamenti crudeli avanzino sul cammino dell'abolizione e ha ragione in più
Anche affinché cosa non abituale l'Europa rivendichi in questo campo un'esemplarità di cui può essere fiera così le Monde
Rispetto al quale vi diamo una notizia che troverete probabilmente anche sui giornali italiani si è dimessa
La direttrice Natalin un gradiente per uno scontro con redazione per una
Ristrutturazione interna anche avrebbe dovuto spostare l'attenzione
Sul web il conservatorismo
Non
Non
Non
Grazie nessuno nemmeno nemmeno in Francia peccato perché non verrebbe
Una brava giornalista e aveva trasformato credo le monde chi in un giornale ancora migliore rispetto
A quello che era prima ma ci fermiamo vi ricordiamo a casellanti e-mail io ascolto chiocciola Radio Radicale punto it da David Carretta una buona giornata all'ascolto di Radio Radicale