17MAG2014
dibattiti

250 anni dei delitti e delle pene (2ª ed ultima giornata)

CONVEGNO | Livorno - 09:43. Durata: 5 ore 32 min

Player
Con il contributo della Fondazione Livorno, del Gruppo 24 Ore e della Fondazione Avvocatura Toscana; con la collaborazione della Fondazione Teatro Goldoni e della Camera di Commercio di Livorno.

In programma dal 16 al 17 maggio 2014.

Convegno "250 anni dei delitti e delle pene (2ª ed ultima giornata)", registrato a Livorno sabato 17 maggio 2014 alle ore 09:43.

L'evento è stato organizzato da Camera Penale di Livorno e Unione delle Camere Penali Italiane.

Sono intervenuti: Alberto Uccelli (avvocato), Giovanni Flora (professore), Elio Palombi (professore), Gianfranco Ciani (procuratore generale
della Corte Suprema di Cassazione), Silvia Larizza (professoressa), Vinicio Nardo (avvocato, segretario della Giunta dell'Unione delle Camere Penali Italiane), Alberto Uccelli (Avvocato UCPI (Livorno)), Maria Antonienta Monaco (professoressa di Storia e Filosofia presso il Liceo Classico di Livorno (ISIS Niccolini - Palli)), Antonio Mura (presidente del Consiglio Consultivo dei Procuratori Europei), Valerio Spigarelli (avvocato, presidente dell'Unione delle Camere Penali Italiane), Giovanni Flora (avvocato, ex presidente della Camera Penale di Firenze), Mauro Palma (Presidente del Consiglio europeo per la cooperazione nell'esecuzione penale del Consiglio d’Europa), Gustavo Pansini (professore), Victor Manuel Moreno Catena (avvocato), Ezio Menzione (membro della Giunta dell'Unione delle Camere Penali, Pisa), Paulo de Sà e Cunha (avvocato), Paul Lefevre (avvocato), Maurizio Simoncini (avvocato).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Avvocatura, Beccaria, Carcere, Cassazione, Concussione, Consiglio D'europa, Corte Europea Dei Diritti Dell'uomo, Costituzione, Cultura, Custodia Cautelare, Diritti Civili, Diritti Umani, Diritto, Estradizione, Europa, Filosofia, Francia, Giovani, Giustizia, Gran Bretagna, Guantanamo, Istituzioni, Istruzione, Italia, Legge, Mafia, Magistratura, Malattia, Medici, Ministeri, Pasolini, Pena Di Morte, Penale, Politica, Polizia, Procedura, Salute, Scuola, Sicurezza, Societa', Spagna, Stato, Statuto, Storia, Studenti, Torreggiani, Tortura, Turchia, Ucpi, Ue.

La registrazione audio di questo convegno ha una durata di 5 ore e 32 minuti.

leggi tutto

riduci

09:43

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Tutti questa è l'ultima sessione
Un po'faticoso l'avvio al sabato dalle feste la sera insomma non tutti sono ancora svegli strappare convegnistica visione
Rilassati altrove
E
Kyoto assumi do la parola al Presidente della Sezione di oggi professor Giovanni Flora
Che da inizio I lavori
Ricordo ricordo purtroppo ciò queste cose purtroppo ciò questo onere di di di fare il polli
Il pastore porta girevole sorregge di
Di fedelissimi importantissimi ospiti
Che alle
è previsto però la certezza sia quando arriva che alle tredici
Proprio a fine lavori arrivi il ministro che ieri non è potuto intervenire perché c'è stato la riunione del Consiglio e ministro
Poi vi è il il passaggio nuovamente al Teatro Goldoni dove ci sarà il
Il buffet e a seguire il sapete la
Cerimonia di istituzione fondazione dell'Unione delle Camere penali europee
è a diciamo così a latere del convegno Chigi promotori dell'iniziativa hanno pensato di profittare di un convegno su Beccaria per
Effettuare questa operazione molto importante e nuova assoluta vi in assoluto quindi siete tutti invitati siamo tutti invitati sia alla
Buffet sia al sermone il buffet indipendente uno pop cioè buffet e non partecipare Carla Fondazione Orchestra del chiarezza tanto qualcuno avrebbe chiesto di sicuro
Bene con lavoro Giovanni latte
Grazie Albert uccelli
Un grazie alla Camera Penale di Livorno
Bertoncelli l'anima
Di questo convegno e credo che dobbiamo essere sei l'anima di Trapani Giovanni credo giovani scusa ho già previsto ieri di ringraziando Elisa mi vergogno magari no no
Lo so che
Ma credo che debba
Essere ringraziato da parte di tutti per questa
Iniziativa che almeno fino a questo momento sta
Mantenendo fede alle attese adesso non so se
Con il mio intervento precipiti era hanno
Gli indici di gradimento
Ieri
Abbiamo
Potuto apprezzare
Gli studi che sono stati fatti e le relazioni che sono state svolte
Su Beccaria inserito nel contesto politico-culturale del suo tempo
La influenza che il pensiero e di Beccaria avuto
Nella legislazione
Nella storia delle idee
Del diritto penale non solo in Italia abbiamo visto che
E non solo in Europa in America in America latina
E come sempre poi circuiti culturali hanno
Questi percorsi per cui vanno tornano hanno poi delle soluzioni
Davvero difficilmente immaginabili come Gonzalez intero levare si ieri
CIA
Detto
Oggi noi dobbiamo parlare
Nell'oggi
I ritardi le inadempienze questo il titolo
Rispetto
Al progetto politico criminali di Beccaria
Cosa c'è oggi
Delle idee di Beccaria nella
Legislazione e nella prassi
Mi verrebbe da dire nulla
Mi verrebbe da dire che bisogna ricominciare daccapo
Mi verrebbe da dire che la situazione odierna è peggio di quella che aveva di fronte Beccaria quando ha pubblicato
Quel grande piccolo libero
Perché oggi
Oltre all'arbitrio un principessa
Che
Ci propina
Senza
Il decente disegno di politica criminale interventi legislativi estemporanei
Spesso e volentieri affatto in linea con i principi costituzionali
Si aggiunge l'arbitrio un del pubblico ministero e del giudice
Un giudice che non solo e un pubblico ministero che non solo
Sono i protagonisti
Difficilmente contra stabile del processo ma anche della legislazione perché da un po'di tempo vado dicendo con una battuta
Che ormai magistrati sono diventati dei cantautori nel senso che attraverso gli uffici legislativi
Si fanno e leggi quelli che non piacciono poi vengono
Portata all'attenzione della Corte costituzionale e poi se le applicano anch'io sono
Dei canto se nel suo complesso recante si scrive
E allora più credo che molto
Ci sia da fare
Molto ci sia da fare e
Mi sono chiesto che cosa dunque di Beccaria può costituire il propellente
Per un'azione riformatrice assolutamente indispensabile
E allora anche facendo tesoro delle relazioni di ieri è un
Sono un po'chiesto ma
Per
Attualizzare Beccaria bisogna storicizzato
Cioè bisogna comprendere qual è la realtà che egli aveva davanti
E
Cercare quindi di di cogliere
L'idea rivoluzionaria di fondo
Di
Cesare Beccaria
Sì capisco che si debba studiare fare anche l'esegesi studiare in tutti i suoi rivoli il pensiero
Di Beccaria ma quello che a noi serve oggi accogliere
Il messaggio di rinnovamento rivoluzionario
Perché dette oggi
Soluzione la la situazione non è molto rosea io mi soffermo solo su Bot tre punti per poi lasciare naturalmente ai relatori
Svolge nelle loro relazioni ma
Sulla pena di morte
è corretto ma insomma
Beh calienti certo punto per certe situazioni la metteva
Ma quello che conta è il nostri lo so fico morale alla pena di morte
Bisogna pensare che se I tempi di Beccaria
Qualcuno si fosse presentato come succede oggi in certe manifestazioni con un cartello davanti al palazzo del re no alla pena di morte questo sarebbe stato arrestato e condannato a morte
E se vogliamo attualizzare il pensiero di Beccaria sulla pena di morte e mi rifiuto di credere che quando parlava di guerra parlasse di una guerra ideologica
Mi rifiuto di credere che oggi
Approverebbe la condanna a morte
è successo nel Sudan
Di quella donna per apostasia tipo la donna incinta la faranno partorire prima
E poi la uccideranno
E allora
Davvero se noi vogliamo attualizzare Beccaria dobbiamo stare affari distinguono ma per certi Ierna addirittura posto i semi del diritto penale il nemico
Probabilmente se Beccarini potesse parlare oggi
E magari dicendole livornese per farsi capire meglio dopo aver risciacquo atti panni nominarlo ma nei canali della quartiere Venezia
Mi direbbe de ma volete rimane a quello detto i duecentocinquanta anni fa o chi volete modernizza un pochino
è questo mi direbbe
Cesare Beccaria oggi e sono sicuro che si scandalizza erede per quella condanna a morte
E quindi noi da qui dobbiamo gridare forte
No
Alla pena di morte che ancora oggi in molti Paesi
Viene attuata è guardate che copra sotto la cenere anche
No no
E quindi dico teniamo alta la vigilanza
Sulla tortura
è una
Bandiera gloriosa dell'Unione delle Camere penali e la
Ribadire la battaglia sul contermine abusato per l'introduzione del delitto di torture in attuazione dell'articolo tredici della Costituzione
Che deve essere un reato proprio
E
Cola non ci sia
Ma
Mi domando
Cos'è il quarantuno bis
Cos'è il quarantuno bis sono una forma moderna
Di tortura
E che cos'è
La carcerazione preventiva in funzione dell'ottenimento di confessioni o di collaborazioni se non una forma moderna di tortura
E sul processo
Meglio rapporti fra
Processo il diritto penale sostanziale Beccaria tanto da insegnarci matta
Ne Tullio Padovani siamo è manna ma di process Beccaria
è poi
Daniele Negri per ha detto
Invece
Quali sono i temi importanti di Beccaria sul processo ma già soltanto riportare al centro
Del diritto penale le nostre aule di giustizia che nella legislazione
Un processo come attuazione del diritto penale sostanziale questa il pensiero di Beccaria
è una prospettiva rivoluzionaria vista
La situazione odierna
Dove
Tutto sommato
Diritto penale sostanziale una sorta di accidente
Basta formulare un'ipotesi di reato
Il processo si fa non ha fatti ma si fa fenomeni
E quindi non c'è neanche bisogno alla fine di fare il dibattimento Mastro le indagini preliminari assistite dalla costerà cautelare accussì sti tal sequestro magari un bel sequestro
Per equivalente che dura per tutta la durata delle indagini e del processo e il controllo del fenomeno criminale belle fatto c'è neanche bisogno di fare il dibattimento e di arrivare alla sentenza di condanna
Quindi
è un'idea forte quella di riportare
Né il giusto alveo
Il processo come in funzione attuativa del diritto penale sostanziale
Non sottovaluterei nemmeno la portata dell'affermazione del
Presunzione di non colpevolezza di innocenza
Che
Presuppone
Che la responsabilità si accerti attraverso delle regole e quindi
Il valore
Fondamentale della legalità processuale quella legalità processuale calpestata
Quotidianamente
Nelle aule di giustizia
Sì le sentenze sono le sentenze la Cassazione
Ci sono anche quelle
Ci sono anche quelle ma c'è anche
La quotidianità
Debbo togliermi un sassolino dalla scarpa scusatemi
Abuso del processo
La sentenza
Delle Sezioni unite sull'abuso del processo caro Procuratore generale
Nulla dice Visco
Non la DG riesco non solo perché
Da
In mano al giudice
L'arbitro più assoluto di decidere quando le garanzie difensive vengono invocate in senso proprio quando invece in senso eccentrico
Ma perché
Il messaggio che viene mandato c'è una sentenza delle Sezioni unite a un messaggio falso
Perché il principio di diritto deciso le Sezioni Unite riguardava tutt'altro riguardava
Il conteggio dei termini per impugnare quando il termine per il deposito a sentenza scadeva il giorno festivo quella era la questione di diritto
E allora andava sbaglierei c'è
La sentenza delle Sezioni Unite sull'abuso del diritto di difesa capite che è un messaggio devastante
Mi fermo qui mi fermo qui perché le suggestioni sono tanti
Ma
Ho già preso troppo tempo e devo lasciare la parola al professore ero Palombi che ringrazio doppiamente ringrazio doppiamente perché
Ha accettato anche di svolgere una relazione su questo argomento vivi Beccaria oggi nel diritto penale sostanzialità di adempienze nel diritto penale sostanziale quando lo inizialmente
In realtà aveva pensato di svolge nel suo intervento su un tema diverso invece da vedo specialista perché è scritto
Quindi cari a oggi dei diritti delle pene alle vicende legislazione per Alitalia unità nel due
Saggi monografici su questo tema e quindi è stato in grado
In piedi attrezzarsi per svolgere questa relazione che di questo sinceramente io lo devo ringraziarle e gli cedo la parola
Io
Devo dichiarare un grazie a
Giovani Flora
I professor Sortoni che mi hanno dato l'orrore di partecipare a questo convegno
Quindi altissimo
Spessore culturale
Sul tema che mi è caro
E devo anche ringraziare
Colui il quale
Come organizzatore non farò il nome ma devo dire che ha volato alto
E quindi
Per prima di
Affrontare il tema che mi è stato assegnato
Sulla
Parte sostanziale del diritto penale
E me devo dire che
Sono stato un po'sorpreso Dal lago contrasto di idee
Forse è meglio togliere quel vago
Chi vi è stato ieri
Tra varie posizioni in ordine alla
Libero un libricino che dir si voglia del dei diritti e delle pene
Io penso che
Dovendo trattare dalla parte sostanziale del diritto penale
Ovviamente mi riferirò mi riferirò principalmente al problema del principio di legalità e di determinatezza della pena
E devo però inquadrare e il problema perché discenti ed essi che cosa ha detto veramente Cesare Beccaria su questo tema
E Cesare Beccaria
Ha fatto una panoramica della giustizia penale in una situazione
Di amministrazione della giustizia degradata totalmente del degradata e cercava con quell'opera di scardinare
Il sistema arbitrario che Viera e il suo scopo qual era scuotere le coscienze
Per determinare i sovrani a fare le riforme per la tutela della libertà del cittadino
Oggi
Noi ci troviamo perché Beccaria oggi perché ci troviamo nella stessa situazione anche oggi bisogna conoscere i guasti della giustizia
Perché non conoscendo lui noi non possiamo affrontare
Come si deve le riforme della giustizia oggi ne assistiamo a un corto circuito tra il mondo della politica e il mondo dal giustizia
E non ci rendiamo conto che tanti problemi tante problematiche attuali del diritto penale noi non li conosciamo cioè l'opinione pubblica ecco noi
Addetti ai lavori le conosciamo all'opinione pubblica no
E quindi quel messaggio umanitario lascio lanciato dal Beccaria oggi deve essere riflesso
Ma
Che cosa spingeva Cesare Beccaria
Ad impegnarsi nella realizzazione di un'opera da dai contenuti profondamente etici
è un'indignata reazione
Perché
Praticamente il sistema penale non trovava nella legge in una disposizione di legge era tutto arbitrario
Mancava il riferimento normativo
E la cultura illuministica giuridica illuministica sera si era impegnata in questo campo
E
E gli ideali umanitari rappresentavano la forza portante
Tesa a sconfiggere l'arretratezza dell'ordinamento giuridico e lo stato di completa anarchia dell'amministrazione della giustizia
Tutti
Sono concordi
Nel
Ritenere
Che
L'opera di Beccaria rappresenti una pesa di posizione su scelte fondamentali
Di politica criminale
Io basta citare
Qualcuno per esempio mi riferisco
A Giandomenico Pisapia
L'opera diceva più per Beccaria cioè Pisapia
Per la prima volta offre una trattazione pressoché completa dei principi fondamentali che devono prescinde presiedere l'applicazione la stessa formazione delle leggi penali
E Giovanni Leone
Esso è stato detto da Giovanni leone costituisce un complesso sistema di principi che toccano confermi la concatenazione tutto il tessuto del delitto penale sostantivo e processuale
E ancora
Dell'Itala
Non si può disconoscere che il peculiare significato dell'opera del Beccaria nella storia del pensiero penalistico sia quello di aver reso consapevole il pensiero moderno
Della esigenza di una vera scienza del diritto penale intesa come costruzione sistematica
Derivante da un superiore principio diritto quindi il dei diritti e delle pene rappresenta una pietra miliare nella stima e la storia del diritto penale processo diritto sostanziale e processuale
E allora ci domandiamo ma
Vogliano vedere qual è stata la nascita dell'opera come è nata quest'opera
Perché non è dovuta a una meditazione individuale isolata
Ma fu il frutto delle animate discussioni che si svolgevano l'Accademia di pugni
Dove il fondatore era Pietro verde
Già a Milano non c'era un immobilismo lombardo ammirano come c'era Napoli invece
A Milano c'era l'Accademia dei trasformati dove si leggevano le cui si è significa andava i letterati e invece Pietro Verri fondò l'Accademia di pugni
E c'era un fermento Unfer valore di idee tra Pietro Verri Alessandro eri Lambertenghi Biffi e Cesare Beccaria
E quindi in quel clima maturano le condizioni ideali per la realizzazione del dei diritti e delle pene
è io cito quello che
Ha scritto Pietro verrei
Avevo intenzione Pietro Verri di dar voce a una protesta di talvolta una speranza di definire un programma di formulare dei principi
E affidò l'incarico al giovane amico Cesare il quale si era occupato fino a quel momento di un'altra argomento pure affidato gli da Pietro R. problema della monete a Milano
E quindi dice Pietro Verri nessuno fra i più combattivi giovani dei pugni aveva le doti di lì impedita ed eloquenza di pathos di fantasia
Che possedeva il geniale sensibile Beccaria
Un ingegno pronto rapido sicuro il mio Ciancimino lo chiamano il piccolo Newton per la sua logica serrata per la sua facoltà di scomporre e ricomporre le idee in una comune acrobatico gioco
E allora
Qui tenete conto che a quell'epoca Cesare Beccaria venticinque anni
E non s'era mai occupati nel diritto penale sostanziale nel diritto penale e processuale e lui dice sesso quando gli ho fu affidato l'incarico siamo al marzo del
Mille settecentosessantatré
Noi per dieci mesi studia
Le opere degli ciclo velisti francesi e lui dice io devo tutto
Agli vinci comunisti francesi e poi una bella frase in cui riconosce tra gli altri tra tutti cioè
Il Montesquieu
Io devo alla rottura alla lettura delle spenti un una grande parte delle mie idee
E quindi lui con il contributo dei fratelli verrei
Riuscire assente sintetizzare i grandi temi
Trattati dagli in circolo visti francesi
Esponendo ri in una forma chiara
Limpida facilmente percepibile
Ne risultò un'opera è stato detto
Coraggiosa
Anti tradizionale che persino la sua veste di opuscolo serrato in sillogismo i matematici
Meraviglia il pubblico abituata a vedere trattate le questioni di legge solo negli in foglio pesantissimi e pieni di citazioni latine che non osava leggere
La chiarezza delle idee
E lo stile dell'ora della scrittura accessibili a tutti furono gli ingredienti di un'opera nuova articolata su una formula che essi rivelerà vincente
E quindi questo avverrà richiamo l'attenzione dell'opinione pubblica
Sul tema dell'arretratezza della legislazione penale ed è la crudeltà nell'applicazione delle pene sul quale permaneva una cappa di piombo dell'indifferenza generale
Lega Randi riforme proposte dagli inciso bensì francesi non avevano fatto breccia occorreva scuotere le coscienze con parole semplici ma forti
Capaci sensibilizzare gli individui sparo Nando quindi sovrani a fare queste riforme
E
Il l'opera come è stato detto ieri ebbe un successo straordinario pensate che in Francia in sei mesi ci furono sette edizioni
E perché perché i francesi dieci gollisti francesi che poi accolsero Beccaria a Parigi
è vedevano in quel libro rispecchiate le loro idee e quindi ecco perché si entusiasmare erano
Occorreva una chiarezza necessaria a che i problemi venissero risolti
Come dice Beccaria con quella precisione geometrica cui le nebbie dei sofismi la seduttrice eloquenza il timido dubbio non possono non possono resistere
Egli avvertiva forte l'esigenza nel marasma generale in cui era amministrata la giustizia di scuotere le coscienze dei cittadini per farli uscire dal torpore che li attanagliava nel fortunato
Se potrò ispirare quel dolce fremito con cui le anime sensibili rispondono a chi sostiene gli interessi dell'umanità
E quindi libro indubbiamente
Impresse una svolta significativa nella riforma sociale in atto ma
Erano programmi etico politici
Vi era un apporto
Di utilissime preziosi indicative indicazioni atte a migliorare le condizioni in cui si dibatteva
La pratica del diritto però guardate non può dirsi
Che si trattava di giuristi è Cesare De carriere un filosofo
Economista
E
Non potevano
Realizzare un'opera
Sistematica di riordinamento normativo anzi vi dirò che tra
Coloro i quali scrissero su tre dopo la pubblicazione del libro a Cesare Beccaria vi fu qualcuno che il proprio da Napoli visse ma adesso si impegni
Data l'importanza dell'opera a scrivere o qualcosa che delinei i principi fondamentali del diritto e della procedura penale sulla quale poi si possono realizzare i codici
Cosa che a Napoli poi vent'anni dopo finisce Mario Pagano con i principi del Codice penale con le considerazioni sul processo criminale e sulla logica dei probabili
è era un giurista un vero giurista avvocato primario a Napoli
E
Professore alla Facoltà di giurisprudenza
E quindi
Occorrevano ben altre sempre per realizzare quest'opera sistematica
E non può quindi non condividessi l'opera la la
Ciò che ha detto Vassalli sull'opera
L'opinione che tende ad escludere il Beccaria dal novero di giuristi
Eh sì ma
Semmai fu un difetto dice Vassalli fu causa della sua forza propulsiva ed è la sua capacità di imporre la riforma di leggi inumane ed inique
Nessun libro aveva affermato con tanta forza ed efficacia attraverso un linguaggio chiaro ed accessibile
Tutti a tutti le ragioni dell'umanità con l'obiettivo di dimostrare che non pagano va sprezzo a delle pene la tortura come mezzo per estorcere la confessione l'arbitrio dei giudici nella determinazione dei diritti e delle pene
Il mancato rispetto dei diritti fondamentali
Difesa degli individui
E si rendevano conto gli illuministi francesi che il Circolo e dissi che l'opera di riforma poteva essere realizzata però ad una condizione rompendo con il passato occorreva una rottura
Forse caro Giovanni Perego
Vendola
A cui tu hai fatto riferimento
E occorreva che
Questa rottura
Attraverso la semplificazione del sistema e qui viene il punto e arrivo alla mia relazione
La formulazione di leggi chiare e di facile pronta comprensione e non solo ma anche la meccanica applicazione del dettato legislativo da parte del giudice
Io qui veramente per mere Tullio padovani rappresenta un monumento
Nel
Campo del diritto penale sono legatissimo a lui il le sue affermazioni che condivido pienamente però bisogna riportarsi storicizzare l'opera bisogna riposarsi a quell'epoca
Cesare Beccaria di fronte all'arbitrio totale da parte dei giudici che cosa poteva chiedere se non semplificando la chiarezza delle leggi e la
Meccanica applicazione
Della legge al caso concreto dal parte del giudice
Guai diceva Beccaria ad ispirarsi allo spirito delle leggi e ma bisogna riportarsi a quell'epoca
E questo quest'opera lascia un segno cospicuo nell'azione di riforma di una
Prego legislazione inique ed arbitraria e si impose per la sua forza propulsiva profondamente umanitaria
E per la capacità di smuovere le coscienze più sensibili di fronte i profondi guasti dell'amministrazione della giustizia che facevano sentire come indifferibile la riforma integrale della materia
In quelle pagine è stato detto non è soltanto la sfida al vecchio mondo che trova la sua espressione e l'avvenire che si annuncia è una nuova concezione del diritto e della giustizia che si afferma
L'umanizzazione della pena da pena fu alla base della sua opera con la quale indiscutibilmente finisce
Il Medioevo
E comincia l'età moderna del diritto penale
E alcune gravi anomalie
Radadi io sono un pragmatico quindi farò riferimento ad alcune questioni che si dibattono oggi nel nostro campo della giustizia per dimostrare quanto sia vero
Ciò che è ferma affermato nel dei delitti e delle pene in ordine alla necessità che venga rispettato il principio di legalità e di determinatezza della norma penale
E quindi queste gravi anomalie oggi ci inducono a riprendere e meditare le pagine
Degli dei diritti e delle pene
Opera che rimane sempre attuale per i suoi contenuti di razionalità e due umanità
Ispirati al rispetto dei principi dei leader
Dei diritti naturali posti a tutela dell'individuo ragioni umanitarie stato detto possono costituire ancora oggi le chiavi di lettura più idonee per un'opera grande
Qua quale dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria
E quindi ecco
Dovendo fermarmi su questo rispetto del principio di legalità e io devo citare quanto dice Beccaria su questo principio e alla necessità di formulare leggi chiare
E precise al fine di
Angina arella ravviso interpretativo
Affidando al giudice il compito di attenersi strettamente alla lettere dalla legge non so che oggi è diverso ma alle nove era necessario
Badate quando la tenuta del sistema
Viene compromessa da un processo interpreta di opere Sant'pesantemente influenzato da valutazioni politico criminali in presenza di fattispecie non rispettosa del principio di determinatezza
Si rende necessario l'intervento del legislatore per fissare i termini tassativi al fine di orientare le scelte e principalmente per consentire
Al sistema di funzionari
Mi riferisco alla esperienza che abbiamo fatto in ordine alla abuso d'ufficio l'articolo trecentoventitré
E in cui
Praticamente nasceva come interesse privato in atti d'ufficio
E dove l'intervento penale finito per
Investire ogni forma di uso distorto del potere discrezionale senza escludere anche quelle irregolarità meramente formali
Un sindacato generalizzato del giudice penale sull'attività della pubblica amministrazione
Che
E detto nella relazione ministeriale del disegno di legge di riforma dei reati contro la Pubblica amministrazione del novanta
Coinvolgendo l'aspetto soggettive psicologico degli atti sia a volte il prodotto in un'ingerenza per pericolosa ed incompatibile con una corretta visione dell'autonomia dei singoli poteri dello Stato
E quindi
Questa contestazione del reato di abuso d'ufficio
A pioggia creava
I funzionari pubblici un senso di smarrimento
E di viva preoccupazione
Nel timore di incorrere inconsulto iniziative giudiziarie tanto che
Il legislatore a distanza di sette anni nel mille novecentonovantasette
è stato costretto a intervenire di nuovo per porre dei paletti e oggi non so se ha fatto bene o fatto male
Secondo me hanno fatto male i giudici ad applicare indiscriminatamente quella norma del novanta
Dell'abuso d'ufficio in cui c'era un dolo specifico che andava individuato bene di volta in volta e invece bastava un semplice rapporto di amicizia per cui scattava l'abuso d'ufficio
Ecco quindi che il nostro legislatore ha introdotto la violazione di legge il reato di evento
è l'intenzionalmente e insomma sono paletti tali per cui oggi ritengo che sia abbastanza complesso contestare l'abuso di ufficio
E in questo clima di pressappochismo interpretativo
Come non rincorre ritornare a Beccaria il quale era fermamente convinto del la necessità di colpire i giudici nell'interpretazione regge anche attraverso una formulazione leggi chiare precisa
E qui diciamo una
Una pagina una una frase bellissima guardate se l'interpretazione delle leggi o un male
Egli è evidente esserne un altro l'oscurità che trascina Sedico necessariamente l'interpretazione
Da qui la necessità di un Codice fisso di leggi
Che si devono osservare alla lettera e che consente ai cittadini di acquistare quella sicurezza diceva Beccaria di loro stessi che è giusta perché lo scopo per cui gli uomini
Stanno in società che è utile perché li mette nel caso di esattamente calcolare gli inconvenienti di un misfatto
La legge deve essere formulata in maniera chiara anche per scongiurare l'arbitrio impertinente operativo che porta alla erosione del principio di legalità
E ogni io qui ripeto quello che ha detto riferito su Beccaria nel Tullio Padovani in ogni diritto si deve fare del dal giudice un sillogismo perfetto
La maggiore però bisogna riportarsi nel
Comprendere questo che ha detto Beccaria all'epoca non lo dobbiamo guardare all'oggi
Cioè in ogni delitto si deve fare al giudice un sillogismo perfetto la maggiore deve essere la legge generale
La minore l'azione conforme o no la legge la conseguenza la libertà o la pena quando il giudice sia costretto o voglia fare anche due sillogismo mi si apre la porta all'incertezza
Agli inizi degli anni Novanta dello scorso secolo la sovraesposizione della magistratura
Che non trovava alcun margine alcun
Ostacolo a alla
Al
All'estrema dilatazione
Del proprio potere
Ha rappresentato la premessa
Per quel relativismo giudiziario che nell'oblio del rispetto del principio di tassatività ha potuto portare successivamente a rappresentare in un tutto indistinto
Io e atti di corruzione e concussione molto spesso sovrapposti tra di loro
L'eccessiva discrezionalità nella individuazione della responsabilità
E nella qualificazione giuridica infatti ha consentito agli organi IRE inquirenti
Con grande disinvoltura attraverso
Contestazioni generiche di improbabili trasformare sistematicamente il finanziamento illecito ripartiti nei gravi addebiti corruzione e concussione
E parallelamente la corruzione impropria
Per atti conformità dell'ufficio nel ben più grave delitto di corruzione propria Veratti contrarie propri
Ai doveri di ufficio
I risultati de raccolti sono stati del tutto deludenti rispetto alla mole di lavoro prestato
E all'impegno profuso nell'intento di colpire e punire coloro che venivano ritenuti gli artifici del malaffare e qui devo
Citare Tullio Padovani che con una formazione profetica per i giorni da oggi
Di fatto Tangentopoli appare come terra solo in parte esplorata e non sempre in profondità
Le indagini giudiziarie proceda procedendo appalti a pelle di leopardo hanno determinato la formazione di grandi sacchi in una dai immuni dagli accertamenti e da persecuzioni in queste nicchie
Timoroso Emma intatte l'impunità e più che una speranza
E l'opinione pubblica possa di fronte a tutto questo oggi si interroga sulle cause di queste anomalie
In ordine a questi atti e allora ecco che
Ci si è dati da fare attentare nel caso della concussione e del rapporto con la corruzione è una problematica di differenziazione molto complessa
Di dare una risposta a quelli che sono gli impegni assunti con le convenzioni internazionali che volevano che venisse eliminato questo reato di concussione
E in
Non ci sono riusciti ci sono stati tentativi quelli di eliminare dalla
La proposta di Cernobbio ad eliminare il reato di concussione
Quell'altro Azzaro di far confluire la concussione per induzione della corruzione finalmente siccome
Gli organi internazionali hanno detto ma guardate più volte abbiamo constatato che gli imprenditori italiani per sottrarsi alla pena pur avendo partecipato ad un sistema di corruttela generalizzato ricorrevano all'espediente
Difensivo di dichiarare di essere stati costretti o indotti al pagamento dell'indebito e allora a questo punto
Arriviamo alla legge anticorruzione del due mila dodici valigie Severina
Che ha creato molti più problemi di quelli che avrebbe dovuto risolvere
Con un conseguenze devastanti per l'armonia del sistema
Abbiamo avuto innanzitutto dopo l'applicazione della legge alla sesta sezione penale della Corte di Cassazione tre interpretazioni diverse su questa distinzione tra concussione
E indebite induzione di cui all'articolo trecentodiciannove quater e finché è dovuta intervenire la Corte
Le Sezioni unite solito emergere le Sezioni delle quali
Hanno poco tempo fa pubblicato la sentenza la sentenza di ben sessantadue pagine
Che a mio avviso non risolve il problema tanto che nella stessa sentenza si dice guardate vediamo cerchiamo di trovare una soluzione unitaria altrimenti questa è una questione che finisce innanzi alla Corte costituzionale
Che cos'è questa induzioni indebita
E quindi io lo ripeto
La sentenza della Corte di Cassazione ha cercato di delineare un distinguo trova concussione per in tutte la concussione che oggi ha la concussione per costrizione e la induzione indebita
E
A si è impegnata moltissimo per cercare di risolvere questo problema che secondo me non è un problema perché la concussione richiede il taglieggiamento
Mi chiede la sopraffazione richiede la minaccia avantieri chiede che venga posto di fronte a un aut aut il la vittima il concusso
Di diversamente nella induzione invece nella induzione indebita dove dovrebbe residuare tutto ciò che non è concussione per costrizione
Però residua il problema
Come si distingue la concussione per induzione laghi induzione indebita dalla corruzione
Cioè quello che era il vecchio problema differenza tra concussione corruzione adesso è stato spostato sul versante della distinzione tra induzione indebita e corruzione e che cosa è stato risolto
Io ricevo telefonate commenti da amici magistrati il Titanic che mi dicono ma come si esce siccome io ho scritto sulla concussione
E mi appresto a partecipare un convegno diciannove giugno alla alla ad Aversa su questo problema sarà
Anche il presidente Santacroce
Lei quindi vedremo un poco come si può uscire da questa situazione ma tutto ciò
Nuoce al sistema che non tollera un uso distorto del potere giudiziario confinante con l'arbitrio occorre formulare leggi chiare e precise
E nel contempo deve essere data fiducia nello svolgimento della sua altissima funzione istituzionale ai giudici
E il giudice questa funzione non può essere privata le riconosci
Top di un'insopprimibile spazio di discrezionalità perché nel passaggio dall'astrattezza del dato normativo alla concretezza del singolo caso il magistrato deve dare alle legge un'anima che rispecchi il sentire sociale
Il magistrato abbandonata ogni forma di dogmatismo interpretativo deve cogliere il contenuto del diritto nella sua evoluzione storica senza mai sorpassare il limite massimo costituito da un'interpretazione evolutiva
Della norma in chiave costituzionale
è in questo senso è doveroso da parte del giudice cogliere con la sua sensibilità e con la sua esperienza tutti gli aspetti della realtà sociale ricordando nello stesso tempo di essere subordinato soltanto alla legge
Sempre che la legge sia chiara e facilmente interpretabili
Ancora una volta torniamo al Beccaria
Volete prevenire i diritti
Fate che le leggi sia in chiare
Semplici e che tutta la forza della nazione della nazione sia condensata difenderle e nessuna parte di esse si è impegnata a distruggere fatte che le leggi favoriscono meno le classi degli uomini
Che gli uomini stessi
L'opera di Beccaria rimane sempre attuale
E la sua rimeditazione appare molto utile per l'approccio da dare all'analisi delle cause del degrado della giustizia
Sulle quali oggi incide negativamente il gravissimo corto circuito creatosi con la politica che impedisce di intraprendere nel giusto clima la strada delle riforme
Nell'interesse
Dello sviluppo democratico della vita del Paese e necessari oggi scavare a fondo sui guasti della giustizia
Il per il fare emergere le cause del malessere generalizzato per rifondare
Il sistema penale appellandosi al fondamentale principio di diritto naturale del rispetto della persona umana grazie
Implicherebbe ringrazio sentitamente
Collega professore
E avvocato
E anche ex magistrato
E gli ho Palombi
Che fra l'altro è rimasto perfettamente nei tempi che erano stati assegnati Sequi variante che spreco di tempo no ma io approfitto visto che gli è rimasto nei tempi allora mi allargo io ho capito
E sotto dando anche delle semplificazioni
Di di tradimenti della lo spirito dell'OPA rimettere la parte del legislatore anche recente che con questa ultima riforma ha scompaginato un po'sistematicamente dello fattispecie
Aspetti di concussione corruzione se poi si pensa che c'è anche il millantato credito c'è anche visti i casi
Istigazione alla corruzione
Insomma diventa il quadro diventasse complesse certamente ancora una volta Beccaria sarebbe inorridito ha poi però sottolineato ancora la necessità che nella premessa di leggi
Determinate che dovrebbero essere anche poco
E qui i il tema della razionalizzazione e della
Del diritto penale minimo che quello che no non la l'impegno del della della Giunta negli ultimi negli ultimi
Tre anni tre quattro anni ha portato a quei convegni sulla riforma
Sia della parte generale sia dalla parte speciale sia del sistema sanzionatorio che vedranno presto la luce nell'in un libro di atti
Di atti del convegno e che sono insomma un po'
Così
L'idea che l'Unione camere penali anti come dovrebbe essere sulla parte generale da parte speciale il sistema sanzionatorio in un diritto penale moderno che si ispira sicuramente
Alla Filosofia di Beccaria e sottolineava prima professor Palombi se non si può pretendere certamente che
Il giudice sia
Come
Loculo voleva Beccaria eccome poi è stato detto successivamente in francese la Bush della Rua questo sillogismo perfetto Rallo tra parte Beccaria CCD pone davanti agli occhi anche non giudici che prende atto England giudice non protagonista e quindi non protagonista neanche
Dell'interpretazione perché se deve attualizzare però non
Può essere protagonista non deve creare Lugli infrangendo il modello legale penso alla
All'elusione fiscale e altri ipotesi dove
Il reato è veramente di pura creazione
Della magistratura
Abbiamo più volte parlato della magistratura il dottor Gianfranco Gianfranco Ciani che
Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione che ci ha fatto grande onore di
Prevenire attenere alla sua relazione a questo convegno adesso cc parlerà dell'IVA attualità
Di Beccaria proprio nel diritto processuale richiede certo anche il microfono perché
Grazie Presidente
L'onore e onore e il piacere tutto lì io di essere qui e di ciò ringrazio l'Unione delle Camere penali
E la Camera Penale di Livorno punto per avermi invitato a partecipare a questo prestigioso convegno che come abbiamo visto ieri per la presenza
Delle
Professore Spagnolo raggiunto una dimensione anche di carattere
E internazionale che si svolge nel nome del ricordo delle
Grande filosofo non direi giurista in ciò concorderete con
Chi mi ha preceduto
E del grande filosofo illuminista milanese Cesare Beccaria che appunto qui come Stato diffusamente detto chiede qui a Livorno
Nel pubblico in forma anonima il suo volume da quello stesso editore mi piace ricordarlo evidentemente c'erano dei genitori molto illuminati
All'epoca qui a Livorno che qualche anno più tardi avrebbe pubblicato l'enciclopedia di Diderot e dalle belle e quindi era
Illuminati per pubblicare questi e novità editoriali diremmo oggi noi ma anche molto conosciuti all'estero
Mi sia consentito uno una parentesi di carattere personale peraltro
Di rivolgere un grazie e unito ad una affettuoso augurio per quello che si sto per dire al consigliere Antonio Mura un grazie e per aver fatto voi da tramite
Con la Camera Penale di Livorno per questo il mito che erano ricevuto
E
Un augurio perché gli fra
Pochi giorni penso proprio
Forse dopo domani assumerà le prestigiose funzioni di
Capo del Dipartimento degli Affari di Giustizia delle Ministero di inviare quindi una posizione
Di grande responsabilità di grande prestito
Per contro ahimè
Lasciando alla Procura Generale della Corte di Cassazione dove egli almeno fino ad oggi
Investe
Il ruolo di Segretario generale della Procura e quindi è ma ora potrei cominciare ad usare l'imperfetto
Il mio più stretto prezioso apprezzato il sentito collaboratore
Grazie Antonello tutte voglio fare questo dicono incentivi familiarmente di chiamarlo come lo chiamiamo tutti
Ma fatti questi doverosi che sono per me prima di dire queste ringraziamenti
E passiamo al tema che mi è stato affidato e che è stato ricordato
Dal Presidente Flora ma io dopo gli interventi di ieri delle professor Padovani del professor migliori
E
Soprattutto
Se si potesse usare
Un'espressione molto non certamente consona a questo convegno questi dove ci hanno messo a punto del Kariqi da undici
Non so se sono amanti del gioco delle carte due vicini prima il professor professore Flora e
Palombi e io non potrei restare molto più comodamente oltretutto sono più comodo quelle poltrone di queste qui molto più comodamente tra voi perché hanno trattato praticamente tutti gli argomenti dei quali io
Ai quali avevo pensato di
Di riservare ho pensato di dire qualcosa quindi
Non nascondo il mio disagio ma ora son qui e qualcosa devo pur dirvi scusandomi anticipatamente sì
Ripeterò delle cose cercherò di aggiungere qualcosa tanto per farmi
Perdonare da un lato
E che come dire guadagnarmi il soggiorno piacevole a Livorno di questi due giorni
Vorrei però ecco esordire esprimendo qualche riserva sulle critiche che il professor padovani ha mosso all'opera di Beccaria
In ciò condividendo mi trovo sulla stessa linea del professore del professor Miglietta ora
Trovo eccessiva l'affermazione che gli ha fatto secondo cui il processo sia un convitato di pietra
Ora io
Non lo trovo un convitato di pietra accetto il professor nell'ottica di bitte becca richiama lo stesso che oggi il processo è un momento strumentale al diritto penale
Perché intanto il processo serve quanto serve per attuare il diritto penale quindi è stato
è e sarà sempre uno strumento del diritto sostanziale
E come tale noi lo ritroviamo nei nei vari capitoli di Beccaria e dico io col dovuto naturalmente occasione il piacere di rileggere per questo incontro
E poi vediamo che ogni capitolo di Beccaria la la maggior parte in maniera assoluta
Anche laddove sembra che si affronti il CUP sembra Dante laddove affronta nel titolo e nel contenuto un argomento di diritto sostanziale c'è il risvolto processuale quindi
E non è una un convitato di pietra a mio avviso
E poiché in libero va contestualizzato ma in questo non voglio proprio ripetere quello
Che ha detto brillantemente il professor Flora della sua introduzione dà conto le Stato va tenendo conto la situazione
Al momento in cui egli scriveva citati duecentocinquanta anni fa non c'era stata ancora Rivoluzione francese ma
Vogliamo tener conto di questo i di che cosa è stata la rivoluzione battere francese
Il momento in cui si apre la storia moderna insomma
Averlo lui il fatto quarant'anni prima della Rivoluzione francese senza conoscere ciò che avrebbe determinato nella politica nella cultura nel
E veramente è eccezionale quello quello che ha detto quindi il criticarlo certo non era non era un giurista
Uno che è riuscito a dire delle così diritto molto interessanti ma non era certamente un giurista e non lo dobbiamo valutare
Colpi gli occhi del giurista perché credo che commetteremmo un errore e
Faremmo un torto a
Al alla a Beccaria
Ma veniamo
Al dunque non mi voglio soffermare ancora perché già
Professor Padovani verso la quale naturalmente come tutti i presenti nutro ora si va in apprezzamento in condizionati
Come professore come
Avvocato insomma uomo eccezionale però logicamente
Su certi questi punti su certe affermazioni
Sì posso dissentire è stato fatto già gli ridate odore e anche
Questa mattina quindi non mi sarò
Non mi soffermerò ancora perché non possa sembrare questo mio dire una polemica colui lungi da me
Una divergenza di opinioni
E volevo dire qualcosa di nuovo avevo pensato ieri sera dico è qualcosa di nuovo c'è nell'affrontare un problema di carattere generale ma stamattina
Sia il professor proprio Floro io il professor Palombi lo hanno
Lo hanno ripreso quindi anche qui dirò poco di nuovo e
E cioè
Soffermarmi volevo soffermarmi viene entra nello specifico del diritto processuale su un problema di carattere generale quello dell'interpretazione delle leggi che è un problema che mi sta a cuore soprattutto in questi ultimi tempi
E già vi è stato ricordato che noto ora su qualche il giudice non deve interpretare la legge io stesso Niero
Mi ero mi ero reso riportato quel quell'espressione che tu Palombi ai letto e quindi eviterò di rileggerlo
Premessa maggiore premessa minore co conclusione sì che il sillogismo
Ma
Ciò Beccaria e sosteneva pur esasperando avviamenti concetti in quanto l'applicazione della legge non può dipendere
Dalla logica del giudice e gli dicevo ogni giudice a una
Oggi la diversa
Quindi ne può derivare un iter una incertezza nell'applicazione della legge
Se noi vediamo che cos'è questo se non
Il
Sostenere il volere affermare il principio di legalità perché se io ogni giudice interpreta la legge diversamente il principio di legalità viene meno
Ho appena detto che Wien Beccaria un'esasperazione dei concetti non essendo
Revoca abile indubbio considerata la generalità e l'astrattezza della legge che poi per fare giustizia nel caso singolo
Il giudice deve adattare la regola alla caso astratto ma anche queste
Esasperazione dei concetti vanno contestualizzate e tenendo conto di quello che accadeva realmente nelle aule di giustizia
In quel momento storico
Ma
Pur tenendo conto
E di questa contestualizzazione non mettere tenendo proprio conto di questa Conte sensazione non v'è dubbio che ciocche e alla base dell'altro sua affermazione
E tuttora valido come ultimo è stato detto la prevedibilità nella certezza delle decisioni giudiziarie sono formali un valore unanimemente riconosciuto
Nel nel nel mondo giuridico
Il cittadino deve sapere preventivamente qual è
L'azione che può compiere quel che non può compiere deve poter prevenire certo non avere la certezza assoluta deve poter prevedere quali sono le conseguenze della sua azione per potersi regolare di conseguenza
E d'altro canto è stato evocato ieri
La quando vi è intervenuta quella sentenza della Corte costituzionale
Dell'anno di cui ci ha parlato il premier il presidente
Emerito della Corte costituzionale professor Onida e proprio queste si voleva dire e vedete quanto noi poi siamo arrivati praticamente
O anche il ritardo siamo
Do la sentenza della Corte costituzionale di una quindicina d'anni fa mi corregga proprio professor Flora se sbaglio insomma quindici vent'anni non ricordo adesso esattamente sarà la mia lacuna
La data ricordo il relatore professor fra il danno soltanto perché è stato evocato ieri e poi non ricordiamo non dimentichiamo che
Tutto questo si inquadra e si colloca nell'alveo dell'articolo tre della Costituzione
E
Nella è del nel nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo almeno nell'interpretazione che ne vien data
Dalla giurisprudenza costante della corte di Strasburgo che vede bene la prevedibilità delle decisioni giudiziarie un valore
Diciamo assoluto a livello europeo è molto molto più sentito che non a livello interno
Di qui la necessità e mi ricollego ecco senza che riproporrò però naturalmente al passo dei diritti e delle pene che vi ha citato il professor Palumbo sulla necessità della chiarezza della legge
E direi che forse la parte del pensiero di Beccaria che a me impazza più attuale almeno nell'ottica in cui io
Lollo l'ho rivisto per questo incontro di oggi sia proprio questa
Uno dei problemi maggiori del nostro sistema giuridico oggi
E concause a mio avviso della crisi della giustizia è proprio la scarsa chiarezza serena Ricci
Scarsa chiarezza delle leggi che
è dovuta in parte
Ad onta mi consenta professor proprio di quello che lei dice che i magistrati si fanno le liti insomma si fanno le leggi ma allora non solo magistrati bravi debbo dire perché queste leggi
Sono
Si caratterizzi dunque si caratterizzano proprio per uno scarso livello di chiarezza al contrario di quel che sosteneva
Sosteneva Beccaria
Che io ritengo forse sono un po'cattivo ritengo a volte anche voluta perché la scarsa chiarezza delle leggi consente al legislatore di dire che nella legge c'era tutto il contrario di tutto
E quindi quando c'è una decisione che non è consona al
Ai desiderata di uno all'altra parte dire che la colpa è del giudice
E d'altro canto che
La legislazione italiana sia di livello inadeguato
Lo dice
Non lo dico io
Parte
E che lo dicono autorevoli studiosi ma
Questa espressione legislazione di livello inadeguato ed incoerente è usata dalla relazione dei saggi nominati dal
Precedente Governo per la riforma costituzionale nella relazione
Al progetto di riforme costituzionale elaborato da illustri giuristi fra i quali c'era anche
Uno il professor Onida che ieri ci ha parlato si parla di livello inadeguato della legislazione italiana oltre ad essere l'infantile
Non dimentichiamo che c'è un eccesso di produzione legislativa a tutti i livelli
Non solo a livello penale ma anche a livello civile amministrativo il che
Naturalmente comporta incertezza delle decisioni e conseguente
Conseguente ad una incertezza delle
Delle interpretazioni
Ecco all'ora
Adesso nell'attuale momento storico la prevalenza del diritto giurisprudenziale su quello di matrice di matrice normativa
A ciò aggiungasi poiché vi sono talune materie sulle quali
Credo volutamente per incapacità perché vi sono dei contrasti politici addirittura il legislatore non provvede lasciando solo il giudice
Ma non per fatti secondari nella tutela di diritti fondamentali
E quando al giudice viene chiesta la tutela di un diritto fondamentale non potendo rifugiarsi il non liquet e deve trovare qualcosa addirittura trovarlo nel sistema e cioè che
è criticabile non so che è criticabile professor programma quando no avendo allora non regolare non la non la considera sta allargando un po'al discorso forse troppo ciò e spero di recuperare
E
Quando presenti al CPT e incivile si chiede al giudice di
Fare farmi consentire di ricorre a determinate terapia o sul fine vita eccetera se il discorso si allargherebbe qui vi è stata una
Consentitemi colpevole inerzia del legislatore perché queste sono scelte di carattere politico
Che il legislatore deve
Fare poi nella politica c'è un momento di sintesi se non c'è il momento di sintesi c'è sono il gioco delle maggioranze e delle minoranze ma non si può lasciare al giudice
E di qui naturalmente il cosiddetto strapotere
Del giudice che io che sono un magistrato lo ritengo un fatto negativo
Perché come
Ci sono stati su questo argomento due studi uno non molto recente dell'attuale Presidente della Corte costituzionale Gaetano Silvestri
Non è vede del novantasette in cui
Silvestri parla che la giurisdizione sembra essere uscita dal Tirreno del controllo
Che le è proprio per addentrarsi in quello della mediazione la mediazione che non dovrebbe essere rimessa al Giudice il senso sette Beccaria vivesse oggi
Sarebbe inorridito dato da da da ciò ma purtroppo accade e accade per una
Debolezza del legislatori
Poi vi è un più moderno più più aggiornato diciamo un interessante contributo molto corposo delle un altro costituzionalista Massimo Luciani pubblicato sul giurisprudenza costituzionale del genere nel due mila dodici
Ma passiamo a
Problemi più strettamente di carattere processuale uno dei problemi dei quali si imbatte spesso il magistrato sia giudicante e requirente quello di stabilire
La
Credibilità del testimone che viene portato dall'accuso dalla difesa per sostenere le tesi dell'imputato occulto le tesi dell'accusa dell'accusa
Ebbene secondo Beccaria il criterio fondamentale per stabilire la attendibilità del teste e quello di verificarli disinteresse che in via nel dire la verità o nel dire il falso
Ora mi sembra molto attuale questo criterio
E molto attuale ed è molto seguito dal
Dall'interprete da magistrati eccetera così come e attuale moderno mi fa piacere che ci siano qui
Molte rappresentanti del del gentil sesso la critica abbastanza firma contro la debolezza delle donne di cui parla a proposito della testimonianza evidentemente e le appartenenti al genere femminile erano ritenute
All'epoca almeno nel il nostro Paese perché ieri abbiamo sentito dalla professoressa mi scuso non ricordo il nome quella che ci ha parlato della situazione
Nei
Territori de nei paesi musulmani in cui
Le donne venti in taluni casi non possono né mi sono neanche ammessi a testimoniare
E questo quindi e pensate il la modernità di Beccaria duecentocinquanta anni fa che diceva queste cose in una contesto sociale il quale le donne erano
Delle dei cittadini di serie B se non addirittura di serie C
Altra notazione
Che io ho trovato assai interessante riflettendo e esatta è che
La testimonianza e che molto più incredibile la testimonianza del teste su delitti concretizza anti sì infatti
Soprattutto di particolare gravità perché i dettagli rimangono ben impressi nella mente di colui che assiste al fatto che non è in quelli che non per quanto concerne i delitti
Commessi con le parole perché in questi casi la percezione può variare da un uomo l'uomo è che se voi ci riflettete proprio così
Quindi dopo bisogna stare molto attenti lo Parma parlo adesso da magistrato quando si giudico diritti di informazione di giuro che non siano scritte ovviamente
Di minacce eccetera e che i testi pur sembra andare attendibili possono in realtà inconsapevolmente non perché dicano il falso ma inconsapevolmente non essere
Non essere tali
In materia processuale altra attualità del Beccaria e quella
Accanto alla limitata alla limitata rilevanza della confessione non direi limitata al fatto che la confessione deve essere
Riscontrato d'altro canto questo lo ritiriamo anche noi oggi l'Italia che una confessione o può
Non
Che non sia mai sufficiente può non essere sufficiente per un'affermazione di rispetto responsabilità è la necessità di una pluralità di prove indipendenti che
Tutte convergono sulla colpevolezza sull'innocenza dell'imputato perché
Se una viene meno regga regga l'accusa e noi parleremo oggi
Questo una la terminologia diffusa in penale ma anche incivile pure forse anche
Incivile un po'meno di prova di resistenza
Ecco figlia di questa elaborazione di di Beccaria è a mio avviso la
Punto quello che si dice oggi si sostiene nelle nella elaborazione della giurisprudenza e della dottrina sulla
Sulla chiamata di correo e cioè
Sulla autonomia delle chiamate di correo
E questo può esservi collegato proprio questa all'autonomia delle e varie dei vari elementi di prova perché se le chiamati professore le chiamate de relato e giustamente sono ritenute di scarsa rilevanza
Rilevanza probatoria
Anselmo terno mi sembra anche altresì in quello che lui dice a proposito della giuria anche se noi non abbiamo al momento attuale della nostra legislazione problemi di questo genere egli dice
Ad esempio chi quando vi sono le giurie queste debbono essere composte per metà di persone appartenenti alla stessa classe sociale degli imputati
E se voi riflettete una profonda verità non dimentichiamo tutte le polemiche che vi sono state
Soprattutto negli Stati Uniti d'America dove prevale si assoluto direi
L'idea di almeno più gravi del sistema della giuria su condanne dinieghi magari pronunciate da giurie tutte di bianchi o con una minoranza di miti e mi sembra questo un
Espressione di grande
Sensibilità sociale e direi di grande
Di grande democrazia allo stesso modo in cui l'UE
La affermazione della necessità della pubblicità degli
Dei processi pensate
Che affermazione rivoluzionaria
Era nelle mille settecentosessantaquattro un'affermazione di questo genere dove i processi si svolgevano in maniera del
Del tutto riservata
Principio che anche questo struttura attuale e così attuale che ad esempio noi ce l'abbiamo ora mai da anni eccetera non è
Un problema
Però la Corte europea dei diritti dell'uomo lo ha ribadito e lo ha reso necessario come sanno coloro che seguono più da vicino questa materia attivi per le misure di prevenzione
Della necessità della
Pubblicità del giudizio nelle misure di prevenzione anche se in realtà
Come voi sapete naturalmente in materia di misure di prevenzione non è un'affermazione di responsabilità ma soltanto un sospetto quindi l'allargamento del controllo sociale espressione
Di democrazia dell'attività del giudice e molto è molto sentito
Sulla
Ma poi le accuse segrete pure di queste sì si è parlato
Sì si è si è parlato spesso nel libro non
Non vista si è parlato spesso nelle imprese che sono state evocate ieri
Non mi sarò attratte nere mi pongo soltanto un problema che vivibili
Beccaria oggi se conoscesse degli orientamenti della nostra giurisprudenza sulla possibilità di utilizzare l'anonimo non quant'altro come fonte di prova quanto piuttosto come strumento per iniziare
Delle indagini
E
Quindi
Io ho qualche perplessità
Certo e quando arriva una norma vuole a Livorno il mio tal dei tali vi è un cadavere non tenerne assolutamente
Conto tra un po'sembrare un assurdo ma degli anonimi non sono questi sono ben altri
E qualche perplessità credo che
Laddove l'avrebbe
Avrebbe sicuramente il
Beccaria non parliamo poi delle
Parole di fuoco che gli
E USA contro contro la tortura anche qui è stato evocato mi piace ma per curiosità di soprattutto
Dei giovani
Leggere un un passo
Del
Di questo capitolo sulla tortura che di scrive
Questo è il mezzo sicuro di assolvere i robusti scellerati e di condannare i deboli innocenti
Ecco i fatali convenienti di questo preteso criterio di verità
Ma criterio degno di un cannibale
Che i romani barbarie anch'essi per più di un titolo e qui Ministro mi ha fatto riflettere su quante volte noi vantiamo li nostra scemenze delle umani anche da un punto di vista della cultura giuridica
Certamente non ne aveva una grande opinione
Beccaria diceva che i romani Barberi anch'essi per più di un titolo riserva ora i soli schiavi vittime di una ferocia e troppo lo data virtù
Quindi sono veramente parole di fuoco allora queste parole
Fanno riflettere quando i mezzi di comunicazione ci danno notizia di pestaggi di persone condotte in uffici di pulizia e
Che sono questi se non della tortura
E dall'estero ci viene richiesta l'introduzione del reato di tortura nel nostro Paese con insistenza le resistenze sono state molte auspicabile chi
Il un recente disegno di legge che ha introdotto la tortura Morcone un l'inserimento nel Codice degli articoli sei centotredici bis seicentotredici terre
Sia rapidamente tempestivamente approvato dalla Camera dei deputati in modo da metterci al pari con gli altri Paesi europei
E mi avvio temo distare sforando i tempi Presidente
è
Ecco uno ottimali forse più grave della giustizia italiane in questo momento sempre per parlare dell'attualità del vicaria
E quello della durata dei processi ora mi direte ma lui non si occupa della durata dei prezzi qui non si occupa
Della durate di processi ma si occupa della necessità che il processo sia rapido perché gli dice
Aperte virgolette
Quanto la Pina sarà più pronta e più vicina al diritto commesso e la sarà tanto più giusta e tanto più utile
Lui lo dice in una prospettiva di carattere sostanziale di carattere penalistico nella necessità ma e insomma il problema è quello della rapidità del processo è poi una pena rapida a
Lo diceva qualche relatore ieri
Anche uno più immediato al tetto di prevenzione sia sociale che individuale
E sosteneva la la parte una prontezza della pena per riprendere una sua espressione Beccaria anche perché riteneva e in questo è
Dico moderno ma modernissimo riteneva che
E credo che l'avvocato spese complicare lì sarà
Minimi converrà con me data la critica ed è per fare la custodia preventiva
Proprio perché si sosteneva che
E la la la privazione della libertà personale prima della sentenza di condanna deve essere
E ridotta darebbe al minimo assolutamente indispensabile
E
Oggi
Che il principio da un lato della ragionevole durata del processo è entrato nella nostra Carta costituzionale sia pure tardivamente
Ma c'era già un prima nel nostro sistema giuridico dal mille novecento cinquantacinque quando è stata ratificata la Convenzione europea dei diritti dell'uomo sottoscritta a Roma nel mille novecentocinquanta
E inoltre il principio che
La custodia in carcere ante processum deve essere un'estrema ratio è consacrata nel Codice di procedura penale
Che è stato recentemente è stata recentemente ribadita
Da un disegno di legge che mi auguro sia rapidamente approvato anche dall'altro ramo del Parlamento è stato approvato dalla Camera che impone limiti più stringenti per l'applicazione della custodia cautelare in carcere
E qui credo che i magistrati debbano fare
Un esame di coscienza perché in realtà questi limiti erano
Già rigorosi prima fa purtroppo sono stati interpretati a mi avviso con un eccesso di lassismo
L'unica giustificazione che ci può essere e quella che effettivamente non ci siamo trovati
Noi dico come Paese non come magistrati a lottare contro fenomeni criminosi di
Estrema gravità chi possono averi indotto ad interpretazioni di tipo
Più rigoroso più rigoroso del necessario
Vorrei chiudere questo mio intervento adesso veramente chiudo professor Flora con un capitoletto di una pagina in cui il
Beccaria
Parla parla dei magistrati ma collegando le Aimi alla corruzione
Ora io non voglio parlare di corruzione di magistrati anche perché pur non è
Ma escludendo che ci sia stato qualche caso deprecabile non è sto
Non è un sistema patologico per fortuna
Laddove dice il Beccheri équipe il il anzi scongiurare il sovrano Annona Vezzali sudditi a temere più magistrati di leggi
Bene io sono convinto che lo Stato non debba
Inculcare nel popolo il timore di giudici nei questo costoro tale timore debbano inculcare nella
Nella popolazione almeno in maniera superiore a quelle perché è fisiologica perché logicamente il giudice colui che irrogare una prima e quindi in penale
Ma non debbono neppure cercare il consenso dei cittadini con l'erogazione loro valore
Debbono suscitare la loro fiducia questo sì di questo sono fermamente convinto coloro che
Cercano il consenso a mio avviso non sono dei buoni giudici bisogna soltanto fare il proprio dovere
E
Creando fiducia nei cittadini
La
è una distorsione del sistema quella di magistrati che circa un o consensi
Per divenire quasi degli intoccabili
Perché poi non si possa dire nulla di quel magistrato magistrati ripeto deve fare
Non anonimamente il proprio dovere e deve
In scooter e filtri ed è e deve suscitare nuovi incontri la fiducia non sicuro si suscita nei NN negli utenti della giustizia
Ritengo che
è stata per me molto proprio in questa occasione sono grato all'Unione delle Camere penali e la Camera penale di guerra anche per avermi costretto a rileggere ovviamente in questa occasione dopo tantissimi anni questo libro
Che io ritengo
Non so come potrebbe essere fatto che in tutte le Facoltà giuridiche
Dovrebbe essere quasi o reso obbligatorio obbligatorio e come erano obbligatoria liceo almeno non so se
Se adesso lo è ancora e poi qui ci sono degli studenti ce lo posso dire non so la lettura dei Promessi Sposi dell'Iliade dell'Eneide
Dell'Odissea eccede obbligatoria la lettura del
Dei diritti delle pene da ultimo se mi consente professor prora uno risposta sull'abuso del diritto ma
Telegrafica
Ora so anche ieri ci è stato fatto un richiamo a questa sentenza che è criticabile opinabile di per quell'affermazione così come è fatta nel modo in cui
E contenuto ed è stata massimata stavo allontanando forse troppo dal microfono però come si è detto prima di Beccaria quella sentenza va contestualizzata
Sì sì
Ma contestualizzati in relazione al fatto oggetto di quel ricorso due battute
Siamo in tema di esecuzione civile
Io lo dico perché io sono stato Pubblico Ministero in quella
In quella sentenza Procuratore Generale ha presentato il mio ufficio quelle udienza delle Sezioni unite
Un debito di venticinque milioni diventa in sede di esecuzione mobiliare un debito per la società era
Di
Cinque miliardi
Una cosa che
E inaudita perché
Tutto un meccanismo non lo so dire
Quindi questo già ma come dice l'abuso del processo penale
Più c'è stato
In questo processo penale ogni rimedio
Che veniva dato veniva cambiato difensore
Ora
Sì ci sono ecco delle situazioni per cui non è che voglia criticare chi critica la legge tutto criticabile però occorre anche un po'contestualizzare le cose tante volte le massime ma lei sicuramente non si è limitato come
Tutti presenti a leggere le massime e ha letto la sentenza per esteso
Io però tante volte magari si può sottovalutare la parte in fatto perché si è curiosi io oppure quando vado a leggere sentenze oppure quelle alle quali non sono intervenuto circola andare subito al diritto sospetti invece il fatto è importante lo dico prima a me stesso
Mi pare di aver sforato di circa cinque minuti vi chiedo scusa nel
Vi e vi ringrazio di averli ascoltare
Grazie al Procuratore generale per soprattutto la frase che il giudice
Deve ottenere la fiducia dei cittadini e non il consenso detta dal Procuratore generale ci fa veramente
Molto piacere
Io sarei tentato debiti intervenire sul su su su tanti punti mi limito soltanto a un paio e poi è una risposta su su questa cent senza nessuno sull'abuso
Del processo sì ma anche meno ci metto guarda moderno sulle lacune su sulle lacune
Sulle lacune benissimo nel civile se
Il giudice deve intervenire per risolvere la questione che non mette in gioco la libertà personale dignità della persona va benissimo che si riempiono le lacune attraverso
La l'opera integrativa del giudice nel diritto penale assolutamente no
Poi l'applicazione legge non vi può dipendere dal giudice non vorremmo mai più mai più mai più dire ai nostri clienti quando ci domandano senta ma come andrà a finire
Tante volte lì siamo costretti a dire ma sa dipenderà che il giudice ci capita ecco questo noi vorremmo non
Doverlo mai più dire I nostri niente
Per cosa
Cosa ne penserebbe cosa ne penserebbe Beccaria degli anonimi non lo so minima
Dico cosa penserebbe delle indagini secretamente fatte in parallelo da certi pubblici ministeri
Mentre su fatti più o meno male che si sta svolgendo il dibattimento per poi surrettiziamente utilizzare le notizie avute durante queste indagini in sede dibattimentale e non sappiamo nulla
Infine sulla lobbista quella sentenza quel il quella sentenza mi sono letto il caso ma il problema era un altro il problema più che non è un
Non c'era nulla da da da da regolamentare attraverso questa regola creata dell'abuso del diritto di difesa
Qui siccome era finito già tutto c'era più soltanto la discussione il giudice dovrà dirli soltanto guardi renda o non ha più diritto a nessun termine perché non deve svolge nessuna attività è finito tutto
Del deve soltanto del definita anche la discussione e quindi che che chiedo che cosa chiedo a fare il termine il fatto che invece si sia voluto
In quella sentenza
A sezioni unite dire ma attenzione qui c'è l'abuso del diritto e quindi non c'è stato in relazione al diritto di difesa è costituisce a mio modo di vedere un precedente pericoloso credo averci messo meno
Di tre di tre minuti
La parola adesso Panda
Collega
Silvia Larizza dell'Università di Pavia e quindi il collegamento con Beccaria e immediato
E mi piace qui anche ricordare
Non è che la professoressa Larizza e allieva delle dimenticato indimenticabile Giorgio Marinucci anche gli autore di saggi
Su questa linea che si occuperà del tema in relazione all'esecuzione della pena
Innanzitutto grazie a Giovanni Flora all'Unione camere penali e in particolar modo all'Unione camere penali di ritorno per questo graditissimo invito
Il mio intervento in questo intervento dovrei cercare di verificare quanto dell'insegnamento di Meccheri via o meglio
Parafrasando la stessa frase posta da Beccaria nel frontespizio della sua opera quanti destini G gettati abbiano avuto modo di frutti ficcare
E forse dobbiamo in maniera sconsolata constatare che dopo duecento cinquant'anni forse il tempi non sono ancora maturi per improntare il nostro sistema penale a canoni di razionalità
Molte delle proposte avanzate da Beccheri gli altri non hanno avuto alcun realizzazione pratica certo
Se si eccettua
è e non è
Sicure vinti rilevante il fatto che dal mille novecento quarantaquattro la pena di morte dopo una altalenanti cammino non fa più parte dell'arsenale sanzionatorio
E nella Costituzione e sancito presso divieto della pena di morte
Dobbiamo tuttavia constatare come il tre requisiti posti
Da Beccaria che dovrebbero caratterizzare la sanzione penale
E per consentirle di raggiungere un effetto dissuasivo la certezza la prudenza e indefettibili vita non caratterizzano assolutamente l'attuale contesto penale
Questi requisiti aggettivi in questo momento sono molto stemperata i
La pena e incerta
Essendo si ampiamente ridotta la soglia del rischio penali
Sia sul piano dell'accertamento dei reati sia su quello dell'individuazione degli autori e sulla capacità del sistema di perseguire e condannare direi
La pena non è neanche di pronte a applicazione infatti
A tutti ad otto la lentezza degli itinerante procedimentali
Ecco e poi la pena e precaria perché si disperde veramente in un mare magnum di alternative giudiziali ed esecutive
Che riducano la condanna giudiziale appena teorica rispetto
Alla quale la pena effettiva e al massimo una semplice effrazione e comunque soggetta a variabili di ogni tipo
Più in particolare si è venuta a creare appunto una situazione patologica di divaricazione tra penna a stretta astrattamente prevista dal legislatore
Quella determinata dal giudice con la sentenza di condanna e quella che effettivamente il condannato verrà chiamato ad scontate
Questa distanza accentuata ai in termini
Quantitativi tra appena illegale il Penna effettivamente eseguita avuto come conseguenza più rilevante la perdita
Di effettività del sistema penale nel suo insieme con una indebolimento dell'efficacia della sua tenuta in termini Générale preventiva
Quasi scontata è inibito e inevitabile e la conseguenza di una simile situazione di fatto il legislatore italiano consapevoli di esso ha calcato la mano sulla severità della sanzione
Presumendo ad esso correlato con pregnante effetto dissuasivo
E ha così innescato con un meccanismo perverso di trascinamento del sistema penale verso i livelli edittali definiti
Ricordava il professor Flora da Marinucci
Addirittura terroristici si sono quindi baraccati compensati deficit
Di effettività della sanzione penale con una conosciuto rigore delle comminatoria e digitali
Però un testo procedere non assolutamente conseguì pieno i frutti sperati paradossalmente
Ha generato ulteriore in effettività no mettendo in luce plasticamente
Quanto affermato da Beccaria nel paragrafo ventisettesimo
Uno dette più uno dei più grandi freni I delitti non è la crudeltà delle pene ma l'infallibilità DS
La certezza di un castigo benché madre moderato farà sempre una maggiore impressione che non il timore di un altro più terribile urto unito alla speranza dell'impunità
Quindi la scelta del legislatore di non utilizzare pene dolci a livello di comminatoria edittale ha così caricato soprattutto il momento esecutive
Di compiti che sugli impatti ente contraddizione con il ruolo che questo momento dovrebbe svolgeremo eseguire la pena
Paradossalmente si tende a non intervenire all'esecuzione della pena o in presenza di pene di qualche ammontare a ridurne drasticamente
La quantità
Se
In fase esecutiva il superamento della pena detentiva o il drastico ri ridimensionamento fossero la risposta è no
Alla partecipazione del condannato
All'opera di rieducazione appunto si potrebbe consentire a questo trend ma a il drastico ridimensionamento o la sostituzione della pena detentiva commette allerta alternativo
Alternative rispondono se non esclusivamente esigenze di deflazione
Carceraria
In relazione poi alle modalità alternative di esecuzione penso soprattutto all'affidamento in prova al servizio
Sociale sono davvero a volte così stemperare atti i tratti di affitti vista
Del risultare in contraddizione con quelle criterio matematico posto da Beccaria sul grado di effettività che la pena
Deve possedere per svolgere un'adeguata azione dissuasiva sempre nel paragrafo ventisette afferma
Perché una piena ottenga il suo affetto basta che il male della pena
Ecceda il bene che nasce dal dei difetto in queste eccesso di male deve essere calcolata
L'infallibilità della pena e la perdita del bene che il diritto produrrebbe tutto il di più e dunque superfluo e perciò tira amica
Nella situazione
Attuale
Penso come ho detto all'affidamento improba modalità esecutiva della pena il male della pena e verosimilmente inferiore Alberini che nasce dal diritto
Quindi il profilo
Della certezza
Della pena inteso come prevedibilità dell'ammontare finale
Della pena nel costituire a quindi il filo conduttore attraverso il quale e sia si snoda il mio intervento mettendo il luce quei meccanismi che rendono di fatto la pena da eseguire sempre più improvvisi vivibile
Quali potrebbero essere le cause che hanno determinato questo dissesto verosimilmente la mancata riforma del Codice penale
Il nostro Codice risale al mille novecentotrenta frutto di una precisa
Epocale politica che la pesantemente condizionato
Soprattutto il sistema sanzionatorio e frutto ed espressione di quell'epoca e nel codice Rocco la pena detentiva
Svolge un ruolo di assoluta cinque centralità sia a livello di catalogo sanzionatoria perché oltre alla pena detentiva è prevista soltanto
La pena pecuniaria scarsamente utilizzata ma sia soprattutto nelle comminatoria il digitali delle singole fattispecie incriminatrice
Cade il fascismo il Codice sopravvive pur depurato
Delle Mendez più stridenti con i valori costituzionale la parte speciale del codice quella che abitualmente si applica nelle aule di giustizia rimane immutata
E soprattutto le cornici e di scali delle singole fattispecie incriminatrice
Una simile situazione risulta sicuramente in contrasto con la Costituzione
Che non solo delinea un diverso quadro di rito porti tra Stato individuo è no in cui lo Stato non è più il fino ma il mezzo appunto lo strumento per il raggiungimento delle finalità delle persone ma soprattutto l'articolo tredici della Costituzione dichiara inviolabile la libertà personale
E questa norma avrebbe dovuto indurre il legislatore
Ad alimentare sterili scelte effettuate dal Codice del mille novecentotrenta fossero rispettosa di questo
Della libertà personale dichiarata
Inviolabile la riforma del codice non si fa
Ecco e la pena distintiva però
Un viene
Almeno a livello dottrinale guardata in maniera critica perché lei non ha più quei titoli di legittimazione che l'avevano soprattutto
Toh nelle pene molto molto gravi non è più qui titoli di legittimazione che l'avevano accompagnata fino a quel momento
Si dovrebbe ripensare il sistema sanzionatorio si dovrebbero aggiornare le fattispecie penali ma non si fa nulla e quindi l'escamotage
Che tenta di sopperire all'inerzia legislativa dovuto verosimilmente anche alle difficoltà no
La si rinviene quindi appunto i spizzichi di riforme
Che appunto si muovono tutti nella direzione di correggere le cornice
Edittali no
Correggere verso il basso li cornice di tali in modo non che non contemplino pene così elevate
E e per sortire questo risultato
è al
Il giudice appunto viene affidata una estesa discrezionalità no che soprattutto nel momento in Esecutivo spiega i suoi effetti più rilevanti
Quindi
Con questa concessione al giudice di un esteso potere discrezionale volta alla correzione delle cornice edittali evidentemente sì introduce un grosse elemento di distorsione
Ma come avevo già ricordato appunto come Beccaria
Ci dice che e uno dei più grandi tre i miei diritti non è la crudeltà delle pena ma l'infallibilità DS e per conseguenza
La vigilanza dei mia distratti e quella severità
Di un giudice inesorabile che per essere un utile virtù deve essere accompagnata da una duplice legislazione
A fronte di cornici edittali estremamente rigorose si contrappone questa discrezionalità giudiziale tesa ad un drastico correzione
Insegnamento di Beccaria eh completamente capovolta
La severità io leggo il rigore e del legislatore la dolcezza del giudice
Un altro fattore che ha contribuito a rendere significativo il nostro sistema penale
è il fatto che il legislatore ricorso e ricorre ad essa appunto non come ultima ratio come sostenibili Beccaria
Improntato do la sua opera al canone di stretta necessità
Nel paragrafo due Beccari afferma tanto il più giuste sono le pene quanto più sacre inviolabile e la sicurezza e maggiore è la libertà che sovrano conserva ex sudditi
Da intendersi come astensione da una
Del diritto penale da un eccessiva ingerenza nelle Vittadi cittadina
Garantendo ampi spazi immuni dalla coercizione e penale e questo perché e per garantire quello che mi sembra possa anche intendersi come manifesto programmatico
L'intera opera dei diritti delle pene la massima felicità divisa pere il miglior numero la Selva
Del per Cetti
In cui siamo immersi ha causato grossi problemi appunto al sistema penale
Per questi insieme di ri ragioni ruolo centrale della pena distintiva ricorso al previsioni di fattispecie incriminatrice non come ultima ratio
Ma come prima ratio il ruolo della pena distintiva ri e il risultato e e uscirne uscito ancora più rafforzato
E quindi di fronte all'incapacità del sistema di gestire
Appunto questo situazione la lotta nei confronti della pena detentiva e si combatti in maniera
Emergenziale le no
E egli dobbiamo dire che il tra l'altro
Da dati che ho potuto chi non ha verificare il tema sembra che sia o no veri
Il sistema penale appunto e composto da circa trentasei mila incriminazioni no
Ecco e quindi da una parte c'abbiamo questo abuso della sanzione e le penali questo corpus normativo ipertrofica
E dall'altra parte pere contrastare questa situazione
Abbiamo appunto questi meccanismi
Che soprattutto in fase esecutiva mirano ad un ridimensionamento della pena detentiva
Ecco
E per fare questo la legislazione della e emergenza a in un certo qual senso
Rifunzionalizzato i benefici penitenziari che dovevano costituire la risposta prima Miale della coordinamento al percorso rieducativo sempre Vito dal condannato in un'altra ottica in un'altra prospettiva quella della deflazione della deflazione carcerario
Venendo
Così molto sinteticamente
A guardare soprattutto quello che è stato fatto in questi ultimi tre mesi sia la sensazione che la legge dell'ordinamento penitenziario che dovrebbe regolare l'esecuzione della pena detentiva
Tenda appunto al superamento della pena detentiva perché perché non essendo sempre stati costruiti nuove carceri non può far altro che cercare
In dirà forse contraddittoria di buttare fuori dalle carceri
Tra gli istituti che sicuramente maggiormente hanno alimentato un certo disorientamento
Vorrei ricordare la liberazione anticipate l'affidamento in prova al servizio sociale
La liberazione anticipate in un istituto che previsto dall'ordinamento penitenziario che in base alla
Adesione del condannato all'attività trattamentale concede quarantacinque giorni ogni semestre di pena scontata
Che cosa è successo la legge del ventuno una febbraio del due mila e quattordici dilata appunto questi termini non sono più quarantacinque
I giorni
Al ogni semestre ma sono ben settantacinque giorni per semestre la detrazione di pena concessa
Con la liberazione anticipata diciamo quasi la metà della pena perché settantacinque più settantacinque fa centocinquanta giorni l'affidamento in prova appunto è
Riguarda in frizioni di pena concreta che precedentemente si spingeva fino a tre anni a seguito di questa riforma delinque mille quattordici bastino
A quattro anni cosa cioè che non va
è che questi istituti sono affidati completamente alla discrezionalità del magistrato di sorveglianza con inevitabili ripercussioni no
Anche
E perché si possono anche da questa
Discrezionalità
Originarie difformità nella prassi applicativa e un ulteriori il risvolto pericoloso e che quando si attribuisce la gestione del problema penale in larga misura
Alla discrezionalità del giudice giudice può succedere che dove l'allarme sociale e forte i giudici non conceda no questi benefici egli conceda no invece quando la situazione e più
Serena vorrei
Oggi alla Cina ecco vorrei ora fare appunto ricordare e che nel paragrafo dodicesimo Beccaria individua il fine delle pene
Affermando è evidente che il fine delle pene non è di tormentare e affliggere un essere sensibile nidi disfa ad un diritto già commesso il fine dunque non è altro che di imperi direi il reo del far nuovi dando i suoi cittadini
E di rimuovere gli altri da fare ha detto di uguali no
Ecco quelle penne dunque quel metodo di infliggere e deve essere prescelto che serbato la proporzione sarà un'impressione più
Il carcere e più diremo le sugli animi degli uomini e la Nino tuo commento USA sul corpo verrebbero
Quindi il discorso indiscriminato alla pena detentiva e l'assenza da parte del nostro
Legislatore per ora di di una volontà di ricercare delle alternative alla pena
Detentiva applicabile con la sentenza di condanna che possano ribellarsi quindi più efficace dimostra
Come nella realtà dei fatti
Il carcere non è in grado di seguire di raggiungere
Sicuramente la rieducazione del condannato
E soprattutto non è neanche in grado di impedire al meglio di tornare a commettere i reati
E questo è il fine che Beccaria assegna al pena circa il settanta per cento dei detenuti ha già avuto una precedente e esperienza carceraria
E inoltre gli estremi incertezza della pena
Fra essi che essa non riesca neanche a svolgere uniti adeguata efficace general preventiva non essendo quindi in grado di distogliere i consociati dal commettere
Reati
Soprattutto
Qui gli ultimi interventi legislativi hanno avuto come fine quella della deflazione e carceraria
I dati che ho trovato forniti dal Ministero della Giustizia relative al trenta aprile due mila e quattordici riportano il numero di cinquantanove mila seicentottantatré
Detenuti presenti a fronte di una capienza regolamentare di quarantanove mila e
Novantuno
Perché è un problema il sovraffollamento e perché più detenuti sono ristretti in un carcere più significativa e la riduzione degli spazi disponibili per svolgere attività in comune
E soprattutto cosa ben più grave degli spazi disponibili all'interno
Della cella questi dati però non sarebbero allarmante se
I detenuti adesso con la possibilità di svolgere delle attività al di fuori della Marcella e quindi delle attività appunto
Fuoco fuori
E essi si intende si è potuto invece constatare come alcune volte i detenuti trascorrono anche ventinove
Al giorno ristretti appunto nella
Cella
Questa situazione apportato appunto nel due mila nove ad una condanna della Corte europea di diritti dell'uomo nei confronti dell'Italia per violazione dell'articolo
Tre
Che della convenzione che e tutti gli atti i detenuti dal subire trattamenti in un mani e e degradanti c'è stata ora non mi soffermo per non rubare troppo tempo un'ulteriore sentenza
E quella del due mila e tredici dove la Corte Europea torna ancora una volta accanto
Condannare
Appunto l'Italia
Ecco
Le attuali condizioni di sovraffollamento non consentono una condizione di vita dignitosa al detenuto
E impediscono tra l'altro di
Dedicare ad essi un trattamento individualizzato come richiederebbe la legge penitenziaria
Dedicò soltanto qualche cenno
Alla legge ventotto aprile del due mila e quattordici numero sessantasette contenente ed è lega al Governo circa l'adozione di decreti legislativi sia per la depenalizzazione sia per la riforma del sistema delle pene mi
Concentro solo su questo punto
Se tutto proseguirà regolarmente nel giro circa di dieci mesi potremmo confrontarci con un sistema sanzionatorio in parte rinnovata
Tuttavia mi sembra che questa
Leggende lega non presenti elementi di discontinuità con il passato e e contraddice ancora
Una volta all'insegnamento di Beccari via
Che nel paragrafo dedicato alla dolcezza
Delle pena fissava dei capi issare irrinunciabili di un sistema penale razionale lassi diritta
Di un giudice inesorabile che per essere un utile di rottura deve essere accompagnata da un adduce legislazione
Ecco
Ci si limita ad una riforma è del sistema sanzionatoria
E in questo rinnovato sistema sanzionatoria è prevista la penna dell'ergastolo
Pinna dell'ergastolo che è una Pinna appunto aggiunta e una Pinna
Che non conosce
Un
Una fine e delle una penna
Che incostituzionale cioè la Corte costituzionale ha salvato la pena dell'ergastolo dicendo che in fondo nel momento in sé QT vivo ci possono essere
Ed evidente opportunità
Che fanno sì che una prima
Appunto perpetua si trasformi impenna di durata ad esempio la liberazione condizionale ma questo e sono una vera eventualità la costi se analizziamo meno di una pena va vista in relazione al momento della comminatoria e nel momento della della comminatoria la pena dell'ergastolo è una spina
Aggiunta e allora come si può conciliare un'aspirina perpetua a diretta
Con l'articolo ventisette terzo comma della Costituzione che ci dice che le pene devono tendere alla rieducazione del condannato che significa reinserimento del condannato
A meno di non pensare ad una rieducazione in senso morale già contestata del mille novecentocinquantasei da un grande giurista
Venendo alla
A questo rinnovato sistema sanzionatorio
Essa viene prevista
La
Come si chiama la dei tempi non è la distinzione domiciliare comunque un l'arresto dopo domicilio detenzione e omicidi le aree e
Arresto domiciliare in relazione il prima i delitti e il secondo alle
Contravvenzione
E il legislatore delegante sismicità
Ha tre scrivere che per i reati per i quali il PD è prevista la pena della reclusione o dell'arresto non superiore nel massimo a tre anni si preveda quali pena la reclusione domiciliare
Ho l'arresto domiciliare mentre però
In relazione ai delitti per i quali è prevista la pena delle reti preclusioni da tre a cinque anni
Quindi i delitti è più gravi sia il giudice ad applicare la pena della reclusione domiciliare
Facendo riferimento e i criteri dell'articolo centotrentatré in relazioni a questi ultimi case ancora una volta il legislatore non passa in rassegna lei
Fattispecie incriminatrici buttandola comminatoria edittale e scarica ancora una volta assunti giudice no la possibilità di nomina
Applicare o no o applicare queste nuove e penne però soprattutto la lettera f dell'articolo uno della legge delega
A contraddire tra PIL platealmente l'insegnamento di Beccaria
Il legislatore delegante che cosa stabilisce prevedere che il giudice sostituisca le pene previste nella lettera di dieci vale a dire la reclusione domiciliare o l'arresto domiciliari quindi la sostituzione di queste pene
Con la PN con le pinne della reclusione o dell'arresto in carcere qualora non risulti disponibile un domicilio idoneo ad assicurare la custodia del cadde dato
Ciò che cosa significa significa che viene riproposta una pinna di conversione che viola il principio di eguaglianza e in proposito sempre e sempre Beccaria presente che ed il paragrafo ventuno
Dall'intitolazione pene dei nobili e con una modernità
Di pensiero
Veramente ineguagliabile affermava io mi resta dirigerò alle storie pene dovuta questo rango asserendo che essere
Le medesime per il primo e per l'ultimo cittadino quindi comunque in testa
Intorno alla Pinna carceraria per chi è sprovvisto sto di un idoneo domicilio sì viola platealmente il principio di eguaglianza e quindi è una disposizione sicuramente incostituzionale
Vorrei solo leggere un passo a conclusione di Beccheri via che fotografa molto bene la situazione attuale
La clemenza dunque quella virtù che è stata talvolta
Per cui il sovrano il supplemento di tutti i doveri del trono dovrebbe essere esclusa in una perfetta legislazione dove le pene fossero dolci e il metodo di giudicare regolare e spedita
Spedito questa verità sembrerà dura a chi vive nel disordine del sistema criminale dove il perdono in grazie sono necessarie in proporzione della assurdità delle leggi e dell'atrocità delle condanne grazie
Grazie per questa relazione assolutamente completa del professoressa dall'INPS presto da tempo si occupa anche dei temi
Dell'esecuzione
Colgo soltanto
Due
Elementi nella sua relazione
Ascoltandola capisco che l'Unione delle Camere penali ha scelto la strada giusta cioè
La riforma complessiva del sistema
Perché
Puntare soltanto ad una riforma parziale ad esempio solo del sistema sanzionatorio anche se ce n'è tanto bisogno no riformare innanzitutto il sistema sanzionatorio può comportare degli scompensi perché
Quindi qui si rovescia un po'la prospettiva di Beccaria quindi noi
Fitto penale riformarla soprattutto la parte sociale dalla parte generare diritto penale come ultima ratio quella carceraria come ultima ratio e poi
Certamente sistema delle alternative alla
Alla detenzione queste la via maestra che da tempo l'ispezione penali ha intrapreso e che continuerà ovviamente a intraprendere
E questa notazione ultima sulla
Impossibilità di adottare certe sanzioni sostitutivi ormai della pena detentiva chi è privo di Torino in giro penso che però si potrebbe rimediare so che insomma Commissione sta si sta pensando
A residenze assistite insomma cose di questo genere quindi diciamo chi ha provveduto a confezionare quella
Quel quell'idea c'ha pensato anche a a superare
Questo questo grave inconveniente che può portare veramente alla lesione dell'articolo tre e infine
Somma il richiamo alla riflessione sull'ergastolo io lo lo prendere in seria considerazione
A parte la vergogna del dell'ergastolo ostativo che francamente è una vera vergogna
Nella dell'ergastolo ostativo ma comincerà a riflettere anche seriamente proprio sull'ergastolo in sé
Bene abbiamo concluso questa prima a fase e alla fine credo
Che si possa ancora dire che bene
Ha fatto e fa l'Unione delle Camere penali a vere nel suo simbolo Beccaria perché nel logo nell'Unione camere penali cioè Beccaria e come direbbero oggi i ragazzi Beccaria forever
La parola
Per la conclusione
A
Isolato che
Come sapete Segretario della Giunta del dodici camera
Le conclusioni io credo di essere di essere veloce per lasciare il tempo alla parte finale che mi sembrava più interessante
Volevo sono iniziate dicendovi raccontando di questo ieri un collega
Che delle Camere penali che mi telefona mi chiede dovesse io dico a Livorno lui equivoca pensa che io sia qui in vacanza e gli dicono sono qui per il congresso Beccaria
Poi parlando parliamo di costi dell'Unione e l'umidità c'è
Dice una cosa che mi fa un po'arrabbiare sempre ieri in particolare dice Massari noi siamo forti nella protesta però la proposta eccetera eccetera
Allora io dico guarda quando noi facciamo una protesta facciamo una delibera vi astensione tu che sei Presidente anche se è stato Presidente la ricevi e quindi la legge La commenti le applichi
Poi ti parlo poi mi telefoni qui e non sai non ti ricordi che c'è il congresso su Beccaria
E il Congresso su Beccaria non è un congresso scientifico fine a se stesso ma fa parte dell'attività di proposta dell'Unione Camere penali
E quindi
Lo dico anche
Hai a tutti noi tutti noi colleghi delle Camere penali dobbiamo cercare di cogliere tutto ciò che nell'attività
Che l'associazione che si chiama Unione camere penali fra risponde all'attività al versante proposta
E che sia un convegno di proposta è inutile che sto qui direbbero in conclusione perché è emerso da tutti i lavori io vorrei invece
Congratularmi anzitutto da parte dell'Unione Camere penali con la Camera Penale di Livorno
Per la splendida organizzazione con il professor
Che lei Rita l'applauso
E poi ovviamente anche con il nostro Ezio menzione anche componenti di Giunta che se n'è occupata ancorché Pisano però direi che
Non ha non ha lavorato contro il Livorno altra giornata a favore del Veneto leva
Allora diciamolo chi è la dice cerchiamo di lasciare spazio all'ultima parte a me si apre il cuore a vedere questi ragazzi qui
Sono compagni di classe di mio figlio ideali perché fa la stessa classe ma a Milano
Durante il convegno mi sono chiesto quanto fosse coerente con un convegno dove si parla di tortura
Tenerli tenerli qui però devo dire che e l'ho visto da qui sono bravi sono attenti ma ne parlo perché non solo perché
Per fargli i complimenti e segnare la particolarità e anche di questo convegno
Ma perché come avete sentito mi rivolgo a loro Beccaria non era un giurista come ha detto ieri il professor tradotti Beccaria parlava al mondo e non alla scuola
Si è detta appunto cercava di incenerire cuori
E più che usare ma usava anche la logica della ragione ecco nell'attività entriamo anche nel dire nella proposta nell'attività dell'Unione Camere penali
E nell'attività di diverse camere penali devo dire c'è anche un progetto per entrare a parlare un progetto proprio che stiamo
Stipulando purtroppo con una certa fatica perché i Ministeri cambiano stiamo stipulando con il Ministero della dell'università
Per
De entrare nelle scuole nelle classi come le vostre e parlare e parlare di cosa
Ieri ha detto c'è stato uno delle aree dei relatori che ha detto una cosa importante significativa secondo nelle pieghe io mi rendo conto che per dei ragazzi
E già meritorio essere arrivati come dire vivi alla fine
E magari difficile aver colto tutte le sfumature
Però questo il professor Negri e non c'è mi sembra fosse l'UE a un certo punto a parlato della della legalità non per andare a parlare di giovani del diritto di punire
Che il modo di parlare di legalità anche noi vediamo applicato da certi esperti devo dire
Il più delle volte esponenti alla magistratura che vanno a parlare nelle scuole
Mandarà parlare dei diritti
Dei diritti dei dei loro diritti dei diritti dei cittadini nei confronti
Del potere statale
Beccaria aveva un potere statale forte tant'è vero che si dice
E già tanto quello che ha detto perché dire queste cose si rischiava
Però il problema dei propri diritti relitti cittadino nei confronti del del potere statale è un problema è un problema che esiste e se n'è parlato adesso cerchiamo
Di sintetizzare
E questo serva la formazione dei ragazzi ma c'è un problema di formazione e parlo sempre dell'attività dell'Unione c'è un problema di formazione degli avvocati e dei magistrati a me ha fatto piacere sentire ieri il professor Onida
Che in quanto Presidente alla scuola sul della Scuola della Magistratura a si è dichiarato favorevole alla formazione alla formazione comune
Ecco c'è in questi giorni è uno dei tavoli ministeriali che sono stati aperti al ministro Orlando per a confrontarsi con l'Avvocatura ce n'è uno sull'accesso
Per noi ci partecipano
Bruno botti per la Giunta
E in questo tavolo si parla della riforma della anche dell'università e poi dell'accesso alle professioni per professioni magistrato alla professione di avvocato
C'è un problema di fare la il tirocinio parte del tirocinio presso gli uffici giudiziari
Prima ancora c'è un problema di fare un tratto finale di università diversificato assecondo delle destinazioni
Professionali in un
Elaborazione durante il Ministero Severino si era parlato
Di dividere addirittura il percorso dei futuri avvocati dei futuri magistrati future nota e che era una follia ovviamente mentre ovviamente
Quello che si deve fare e distinguere il percorso delle delle del di queste figure diciamo
Professionali comuni
Ma per quanto riguarda invece
L'accesso c'è questo problema del si è trattato al tavolo ci riferisce Bruno del problema della formazione presso gli uffici giudiziari noi ci siamo sempre detti contrari siamo particolarmente contrario oggi
Che c'è un decreto del fare del due mila e tredici che prevede questo tirocinio presso la magistratura che sembra quasi un criterio prezzi elettivo dei dei migliori per mandarli a fare i magistrati
Non mi addentro
Però Bruno ha lanciato lì è una proposta provocatoria dice va bene facciamo se immessi obbligatori presso i magistrati
Ma facciamo sei mesi obbligatori veglia vedendo e dei dei magistrati presso del tirocinio dei magistrati presso
Presso gli avvocati
E provocatoria ma fino a un certo fino a un certo punto
Però è importante per al secondo probabilmente importante necessaria perché facendo attraverso una formazione del Comune
Attraverso una formazione che nasca un allenamento dei diritti che nasca ancora nei banchi di scuola
Probabilmente si risolvono anche delle questioni di cui voi ragazzi avete sentito parlare oggi dell'abuso del diritto ad esempio no
E e magari penserete a quello che ha detto ieri sempre il professor Negri che via
Cito lui l'hanno detto altri ma lui l'ha detto specificamente
Che il problema della del processo e il problema di una persona che non c'è gliele
Lei di contrapporsi allo Stato ma che difende la propria libertà dall'attacco ovviamente legittimo e giustificato dell'autorità
Che munita del potere coercitivo
E quindi in quel quando si parte quando si capisce questo principio quando si capisce il concetto di difendere la propria libertà qualsiasi sia l'imputazione la colpa che viene mossa
Alla persona che si difende allora si capisce che il problema dell'abuso di diritto
E ovviamente in quel caso è stato un caso limite vero procuratore
L'abbiamo commentato ci siamo posti il problema se potesse essere risolto diversamente nelle fasi nelle fasi di merito però il problema dell'abuso del diritto è un problema che non dovrebbe porsi
Di fronte a una persona che difende la propria libertà
Quindi si parla di processo qui si parla di processo e questa è uno questo convegno arriva alla fine di un
Ci tutta una serie di iniziative che non hanno riguardato solo il penale sostanziale che ha ovviamente avuto un ciclo
Di convegni ed un lavoro diciamo organizzato ma c'è stato un lavoro altrettanto organizzato ancorché non così evidente che
Ha riguardato le riforme processuale anche attraverso la partecipazione anche di Valeria e di altri
Alle Commissioni alle Commissioni ministeriale che hanno licenziato il proprio lavoro e che è un lavoro che
Poi è sfociato in questa in questo provvedimento legislativo che è stato appena commentato dalla professoressa
Dalla professoressa Larizza
Ma torniamo hai e i temi del congresso del convegno molto velocemente
è emerso il concetto
Variamente che abbiamo sentito del processo come strumento di lotta
Ieri ci sono state queste citazioni è stato molto simpatico che venissero fatte con i nomi puntati delle citazioni
Chiarissima e di quello che ha detto non siamo riusciti a sconfiggere la la la corruzione che si chiamava il CdA
E che era aveva chiaramente Gerardo D'Ambrosio
E ovviamente citazione di una frase che voglio io voglio dire anzitutto si poneva un obiettivo forse impossibile diciamo diciamo così
Ma comunque si poneva un obiettivo che non è un obiettivo di un di un di un di chi fa i processi non non può non voglio adesso in fase di conclusioni
Tratto dire delle cose che sono assolutamente ovvio e forse non sono se per i ragazzi ma nonno non possiamo soffermarci per ragioni di tempo
Però
Questo dato ci serve per riflettere anche sull'attualità
Guardate
Sono giorni come sapete in cui si parla della delle vicende dell'export quindi si parla della corruzione
E quindi si parla di questa authority a cui è stato nominato giorni addietro
Un magistrato molto impegnato molto di punta un pubblico ministero molto di punta
Che è stato nominato all'Autority coloro che della corruzione ecco
Se il
Processo come è stato detto praticamente qui e l'estrema ratio
E quindi se il processo che l'ultimo momento della
Non la voglio chiamare lotta ma del
Contrasto alla corruzione diciamo
Allora
Perché il momento alla corruzione va combattuta attraverso procedure trasparenza procedure amministrative eccetera allora
Mettere un il pubblico ministero
A capo di un'Autority
Manda un segnale contraddittorio
Perché manda un segnale di comunque intendere sempre la risposta giudiziaria della risposta penale
Come risposta alla alla alla I fenomeni criminali
Io sono stato ad un convegno qualche giorno fa sulla corruzione appunto a Reggio Emilia e c'erano due versanti relatori
C'erano i magistrati e c'erano gli esperti di procedure
Di procedure amministrative
Ebbene lei e gli interventi degli aspetti procedure amministrative ma erano molto più puntuali erano molto più voglio dire utile lo dico da ma da avvocato che quindi sto dalla parte dei magistrati perché sto dalla parte
Del processo finale
Però all'Autority della corruzione ci dobbiamo mettere per forza un magistrato di punta a questo una
E e qualcosa che su cui bisogna bisogni bisogna lavorare
Perché
Se come ci è stata ampiamente detto Beccaria individua il processo come individua il modo per superare il processo
Il processo
Contro il nemico diciamo
Il diritto penale del nemico
E ci dice che il
E ci diciamo perché Beccaria in realtà abbiamo visto che qualche eccezione la tollerabile è stata ampiamente contestato al professor Padovani e ci diciamo che il diritto penale del nemico
Non deve avere eccezioni e l'eccezione più forte che non si tollera e quella della della tortura
Ebbene
Io penso che adesso non mi voglia tra vent'aveva addentrare su vicende milanesi che sono che ci stanno impieghi che stanno impegnando le cronache giudiziarie politiche soprattutto
Degli ultimi giorni e che sono al CSM
Però io penso che
Il problema più voi più eclatante è quello della dell'unità delle carriere perché è Urda tecniche uno degli argomenti più forti che viene utilizzato per
Contrastare la separazione ineludibile delle carriere è proprio quello della sottoposizione a quelli che sappiamo
Del pericolo di sottoposizione del pm alla al potere esecutivo eccetera perché si identifica
Si identifica un potere da contrastare da parte
Della della magistratura sentite
Cito questo caso il CED del CSM perché tra le tante dichiarazioni che io letto non letto uno di un componente Maggi il giudice
Giudice che ha giudicato
Processi istruiti dalle persone che si trovano lì alla al CSM
Che criticando un o di una componente avversa che aveva
Rilasciato dichiarazioni diciamo preoccupate su questo scontro che c'è eccetera
A
Lo ha accusato di una strumentalizzazione elettorale che mette a rischio il lavoro di una procura meritoria
Ora
E chiaro che ma ad magari avrà fatto il suo mestiere ma che si debba trovare un giudice che ha giudicato su quei processi
A dover difendere il lavoro di una Procura meritoria che era parte nel suo e processi ci rende ci dà l'idea del corto circuito che si che si crea
Allora devo devo andare velocemente alle conclusioni
Mi ha
Volevo dire due cose sulla tortura e sulla sulla pena di morte di cui appunto si è ampiamente parlato miele molto piaciuta la la frase che è stato detto ieri dal professor store Sortoni
Che ha parlato del torturatore e del torturato che soffrono insieme
Perché non si raggiunge la la verità
Beh questo mi ricorda molto un atteggiamento sinceramente pietoso
Che sia da parte di chi infliggere la custodia cautelare
Talora abusando come è stato riconosciuto anche dai più alti
Ranghi della della magistratura italiana perché purtroppo la custodia cautelare o un male necessario per raggiungere la verità e questo noi lo lo sappiamo
Oggi ieri il professor Onida che una persona che è venuto qui come Presidente della scuola ma Onida guardate gli va dato atto e uno che nel carcere cita
Da tanti anni e Civati svolge un atto una un'attività volontaria meritoria ha criticato noi avvocati per
La
La scarsa presenza nella fase di esecuzione storto nel c'ha difeso
Noi sappiamo che questa critica invece a una suo parziale fondamento
E proprio per questo noi sappiamo perché ce lo siamo ce lo siamo detti Cenni abbiamo fatto parte del programma fin dall'inizio
Che
Occuparsi del carcere occuparsi dei detenuti era anche un modo per
Recuperare su un piano dove effettivamente l'Avvocatura per tanti anni in passato
è stata poco presente cioè dopo tutta la fase del processo di merito il il detenuto veniva dimenticato
E il detenuto e ci siamo posti anche un altro problema e voi lo sapete perché Valerio Spigarelli nei con resti l'ha detto più volte ci siamo posti il problema del ruolo sociale dell'avvocato ruolo sociale di cui ha parlato ieri il Presidente Illy gode il
Presidente l'ordine di Livorno
Commentando la decisione ha scelto di fare un convegno del genere
E ci siamo detti
Bene
Quando un detenuto viene nella sala colloqui pesto
E ci dice che è caduto dalle scale noi non ci crediamo non ci dobbiamo credere più ma ci dobbiamo porre il problema di quei di quei lividi
Mi fa piacere che oggi il Procuratore Ciani ne abbia parlato abbia parlato dei pasti dei test delle notizie di pestaggi dirle le caserme e abbia parlato dell'introduzione del reato di tortura
Quella dell'introduzione del reato di tortura una nostra battaglia il fatto che molto naturalmente il procuratore ma come tutti noi
Ne parli in conseguenza associ le due cose dimostra che il reato di tortura deve essere un reato proprio altrimenti non ha senso
Che si è introdotto come reato che può essere commesso da da tutti perché è un reato che deve
Come dire
Colpire un determinato fenomeno le altre per le per le altre questioni invece ci sono i reati ordinari con le aggravanti ordinarie
Infine la pena di morte
Ecco mi ha fatto piacere non mi mi toglie gli argomenti e quindi ci regala minuti la professoressa Larizza che abbia accomunato
La pena di morte all'ergastolo
E e quindi anche queste alla battaglia per
Per abrogare le reti per abolire l'ergastolo è una battaglia dell'Unione Camere penali
Ed è strettamente conseguente alla al Beccaria che proponeva l'abolizione della pena di morte sulla pena di morte voglio dire dell'ultima cosa
Noi inviteremo il convegno ma pronunciarsi su un appello che intendiamo proporre che intende proporre l'unione di guardate di con l'Unione non a caso perché
Tante volte tra di noi si parla di Giunta la Giunta Tizio la Giunta Caio e noi ci cerchiamo sempre di dire no non c'è la Giunta c'è l'Unione e poi ci cadiamo sempre
Vi dico questo adesso perché perché questo della questo appello nasce da parlando con un convegni sta ieri casualmente ad una cena
Si è parlato di questa vicenda di questa ragazza
Che figlia di un
Musulmano e di una cristiana
E che quindi per la legge islamica Dese riceve nella deve seguire rito islamico
E che invece si sposa con un Norrito
Mi pare cristiano ortodosso qualcosa del genere
E per questo viene condannata
Per a apostasia e forse adulterio noto insomma condannata alla lapidazione e adesso adesso ieri casualmente la professoressa la professoressa
Come schiave
Ne
D'
Non mi ricordo come si chiama Scholar scorra spesso essa scolastici ha spiegato benissimo che la Sharia e giustizia di Dio e quindi non è l'uomo medio che toglie la vita
Però noi ci sentiamo di rivolgere un appello sul su questo caso per l'abolizione della pena di morte per il recupero del diritto della libertà religiosa e questo appello poi però lo lascio leggere a Valerio Spigarelli più tardi quando interloquirà con i ragazzi delle scuole e sperando che ci sia la presenza del Ministro grazie a tutti
Bene abbiamo terminato
Questa prima fase adesso
Il resto
L'organizzazione mi dice che devo rimanere qua io obbedisco manco qua Presidente forme
Presiedo si sono ormai dal programma donde proviamo a niente
Però questo adesso però
Pensiamo alla voce mandare i primi
Giorgio consigliere Mura avvocato Spigarelli grazie
L'organizzazione ci porti Cavalieri Moore Spigarelli
Realizzazione e la latita
Dobbiamo inserzione latita
Il confronto chiamiamo così fra
La quarta classe di liceo
Classico Niccolini di Livorno e
Due rappresentanti del mondo giuridico della giustizia
Avvocato Spigarelli risente del grande l'Unione e il consigliere Mura
Magistrato in servizio alla procura generale di Roma fino a due giorni fa da oggi
Ceduta capo di partire entro al Ministero di giustizia la professoressa Maria Antonietta Monaco che l'insegnante storia filosofia dei ragazzi
Ci dice due parole di introduzione poi Iglio
Tre studenti ci illustra non power point che hanno realizzato de successivamente altri cinque studenti pongono i loro quesiti ai due
Interlocutori professoressa
Buongiorno proprio un secondo gruppo alla presentazione dei ragazzi non posso che ringraziare
L'Unione delle Camere penali e la Camera Penale di Livorno che ci ha dato questa opportunità sì probabilmente i ragazzi hanno faticato mai stato sicuramente un'occasione particolare
I ragazzi adesso faranno quello stile l'anno quella che è la sintesi di un lavoro che abbiamo fatto ovviamente per me quando mi è stata proposta la questo lavoro
Non si è non è stata una proposta su qualcosa di di nuovo perché il Beccaria è centrale nel percorso liceale sia per quanto riguarda storia per quanto riguarda filosofia per quanto riguarda soprattutto
Quello che è il percorso della vecchia educazione civica dell'educazione alla cittadinanza di quello che è un'esigenza formativa è essenziale per la nostra scuola
Il power point che
Di cui vi saranno
Se sarà proprio fatta una carrellata è la sintesi di un lavoro che è stato sviluppato
Sotto tre
Punti fondamentali di approfondimento la prima è la parte storica non ci fermeremo perché venda in modo ben più approfondito
In questi tre giorni abbiamo sentito parlare dell'opera del Beccaria i ragazzi hanno poi approfondito un saggio di Ilvo Diamanti uscito nel marzo scorso che riguarda la connessione
Tra la percezione della sicurezza e la richiesta di un incremento di pena da parte dell'opinione pubblica mi è sembrato interessante questo aspetto e poi come ultimo il quello che è una sorta di e indagine statistica relativa ai dati
Sull'applicazione della pena di morte la tortura nel mondo
Do la parola allora grazie
Allora
Il primo lavoro tratta del capolavoro di Cesare Beccaria dei delitti e delle pene come è stato più volte sottolineato in questo questo convegno
Che è una delle opere più importanti dell'illuminismo italiano letterario
Forte critica viene mossa dall'autore nei confronti della pena di morte
Inc
Scusate culmine dell'inciviltà statale e nei confronti delle pratiche di tortura inutili e fuorvianti rispetto alla verità
La tortura
E quella disumana pratica con la quale sottopone il presunto colpevole a parlare
Per per cari al tortura oltre che barbara usanza e altrettanto inefficace in quanto porta l'innocente in condizioni peggiori rispetto al colpevole infatti se l'innocente viene assolto dopo la pratica è stata comunque inferta ingiustizia
Mentre colpevole nonostante la tortura ma avendo confessato di lasciato libero di compiere nuovi misfatti
Sulla pena di morte l'autore
Ci informa invece esprime in questo modo che lo Stato se forte e autorevole e capace non ha bisogno di utilizzare la pena capitale specialmente se la punizione e certa e immediata
Per parasociale reato la pena un po'come un meccanismo causa effetto il criminale di conseguenza non avrà neppure l'intenzione di compiere misfatto
La pena di morte inoltre è un'offesa addirittura curare dell'uomo in quanto nessuno al diritto in concesso di poter uccidere o di delegare questo questa facoltà ad altri
E soprattutto risponde anche fa vacillare diciamo così anche le basi dello stessa stessa civiltà dello stato sociale
Altra cosa molto importante l'utilità della pena e nel suo personale trema generale egli afferma che non è l'intenzione cioè l'intensità ma l'estensione e la prontezza determinare l'efficacia della punizione per esenzione Beccaria intende
Appunto diciamo la lunghezza della pena poté punte più funzionale perché producono maggiore effetto sull'animo umano minime ma replicata impressioni anziché movimento forte ma passeggero
Per quanto riguarda invece l'intenzione o meglio la
Vanno ancora parlato la prontezza è fondamentale perché
Io importante coniugare
Causa effetto insieme al reato e pena
Infine fondamentale proporzione della pena sempre la Sonata la gravità delle colpe
Secondo indecisi secondo Beccaria legislatore il compito di legislatore e di redarre leggi chiare e non interpretabili
In modo tale che il magistrato li faccia semplicemente rispettare senza alcune di acqua discrezione questa l'opera è riassunto dell'opera di Beccaria
Scozia spetti
Ora vedremo quanto la popolazione ritenga che le pene in atto al giorno d'oggi siano efficienti e garantiscano la sicurezza di tutti tenendo di contro l'influenza esercitata dei media
Un mezzo che influenza l'opinione pubblica da divenute ormai potentissimo
Faremo ciò grazie ai dati raccolti da un recente sondaggio svolto da dare mossa a livello europeo sotto la direzione del professor Ilvo Diamanti anche se ne tuttavia ci concentreremo solo sui dati riguardanti gli italiani
Innanzitutto vediamo l'attuale posizione degli intervistati italiani riguardo vari argomenti quali per esempio provvedimenti di clemenza
Possiamo vedere dal grafico che circa due italiani sul tre nella per la precisione sessantasette virgola sette per cento
Affermano di essere contrarie provvedimenti di Plan di clemenza come risoluzione per il problema del sovraffollamento delle carceri che è un argomento che precedentemente la professoressa Larizza mi pare abbia ha affrontato
Riguardo alla fiducia nelle forze dell'ordine possiamo vedere che il i no il lavoro svolto da esse
E le misure adottate di sicurezza per la le misure di sicurezza adottate scusate per la repressione della criminalità criminalità vengono considerate
Sufficienti da più della metà degli italiani cinquantaquattro virgola otto per cento
Per quanto riguarda l'immigrazione un italiano su tre
Percepisce gli immigrati come un pericolo per l'ordine pubblico e per la sicurezza del delle persone e questo è un dato una in aumento del cinque per cento rispetto a quello registrato nel due mila dodici
E come una minaccia per l'occupazione che di questi tempi ha già di per sé è scarsa e questa
Questo dato invece un aumento del sette per cento
Ovviamente dall'altro lato circa due italiani su tre percepiscono l'immigrato come un'opportunità per favorire l'apertura culturale del nostro Paese
Ben l'ottanta per cento degli intervistati ritiene che i figli di immigrati nati in Italia debbano avere il diritto alla cittadinanza i italiana
Ora vediamo però quanto le notizie di cronaca nera e soprattutto la quantità e il modo in cui esse sono riportate influiscano sulla percezione dia il senso di insicurezza tra la popolazione
Come è possibile notare dal grafico sebbene il numero dei delitti che nel grafico è rappresentato dalla linea azzurra
Si mantenga sempre costante la quantità di notizie di cronaca nera riportata degni di alla linea rossa ha sempre seguito a un ritmo altalenante
E ogni volta che c'è stato un picco di tali notizie si è avuto un contestuale aumento dello stato d'ansia di allarme nella popolazione che possibile visionare nel grafico grazie alla
Nella linea verde
E quindi una conseguente richiesta da parte della popolazione dell'inasprimento delle pene
Al giorno d'oggi infatti l'ottantatré virgola sette per cento degli italiani considera aumentato il livello di criminalità
E il trentotto virgola due per cento e ritiene che andrebbe aumentata la severità delle pene per chi commette un reato come possiamo vedere dal grafico
Grazie
Innanzitutto buongiorno a tutti
Sinteticamente nel due mila e tredici sono state eseguite condanne a morte ventidue Paesi
La maggioranza delle esecuzioni tuttavia è avvenuta in soli sei e Cina Iran Iraq abbia esaudita Stati Uniti d'America e Somalia
Le sentenze capitali nel due mila tredici sono state emesse imbelle cinquantatré sette Paesi
Tuttavia per il terzo anno consecutivo questo numero e in diminuzione infatti nel due mila dieci erano state sessantasette nel due mila undici sessantatre e nel due mila dodici cinquantotto
Abbiamo raccolto dei dati alcuni più approssimativi altri meno da quasi tutte le parti del mondo
Da come possiamo vedere dalle slide
Ma insomma
Inoltre ricordiamo che il dieci ottobre di ogni anno si celebra la giornata mondiale contro la pena di morte un momento importante in cui tutti il movimento abolizionista riflette successi ottenuti e si passi ancora da compiere
Queste sono le fonti Wikipedia Amnesty International e i diritti e delle pene di Beccaria nuovi profili storici il libro che è utilizziamo scuola l'attirare l'attenzione
Sì evocava siamo
Qui
Allora chiamerei qui i ragazzi che si stanno depositare
Delle domande sette è stata elaborata dalla classe
Alla
La
Questa è la
Buongiorno a tutti se
Al
Darsi gli argomenti trattati in classe necessità di approfondire quanto libica il presenti nel nostro ordinamento e vorrei collegarmi al disegno di legge sono
A
Quando
Comincia posizionato
Allora
Come stavo dicendo da sugli argomenti trattati intensità per sapere
Ti specificamente in quanto libica vie presenti nel nostro ordinamento e vorrei ricollegarmi al disegno di legge contro la struttura
Che stato da poco esentato
Mi piacerebbe sapere voi cosa ogni pensate e se credete che sia ignoranti alle indicazioni che troviamo nell'operato di diritti e delle finanze
Prego la parola alla difesa
A
Parola sempre ad accusare
Resa parla sempre per ultima
Comodo così
A meno che non si trattò e si è questa è la regola
Ma io in primo luogo
Nell'apprezzare enormemente questa iniziativa
Devo dire che quella
Che in qualche modo accarezzavo mentre nelle riunioni organizzative si faceva l'organigramma dei professori operavamo un piccolo nucleo che nel frattempo pensava a questo scenario che oggi con grande soddisfazione vediamo va avanti
Vorrei dire che
Pensando a ciò che c'è oggi
Di Beccaria intorno a noi Andrea addirittura oltre l'ordinamento andrei se si può usare la ripartizione delle materie in una mattinata scolastica
Alle pere
Perché la straordinaria innovazione di Beccaria e che a metà Settecento scrive
E dei ragazzi che trovano
Nel power point la cosa più naturale per esprimere la sintesi del tutte la loro visione
è possibile leggere Beccaria questa è la straordinaria prima novità lo stile di Beccaria
Che
Acconsentito attraverso i secoli
Di fruire di questa di questa straordinario livello di pensiero filosofico facciamone tesoro
Perché probabilmente nome ancora una acquisizione pacifica intorno a noi se si vanno a vedere per esempio gli atti di alcuni dei nostri congressi non questo fortunatamente
Io direi che invece guardando l'ordinamento
La risposta alla
Domanda di fondo che è stata fatta
Come prima cioè cosa ci sia nell'ordinamento giuridico italiano di Beccaria
Credo si possa rispondere sulla base di tutto ciò che è emerso in queste due giornate
è presente
Tantissimo cioè
Si
Può ravvisare un filo conduttore
Probabilmente
Non compiuto ma presente in tutto l'ordinamento io mentre
Rileggevo Riscone ovvero l'opera dei precari ho preso qualche nota ma alla fine ne viene fuori l'ordinamento nel suo complesso
Se si pensa per esempio alla introduzione dove si dice o meglio a quell'aforisma che appare
Nel frontespizio l'opera
Dove si dice che è necessario che maturino le idee specie le più difficili perché non è possibile seminare mietere contemporaneamente
Questo è esattamente corrispondente all'esperienza contemporanea in ma qui di materia di diritti fondamentali dell'uomo
Perché noi patria del diritto anche se Beccaria in qualche modo criticava quelle radici umanistiche per quanto alla loro bontà fatto sta che noi patria del diritto soltanto perché la Corte europea dei diritti dell'uomo ci ha messo di fronte al problema della
Giusto processo della ragionevole durata del processo come diritto fondamentale di ogni uomo
Solo allora ci siamo mossi al punto da introdurlo nella nostra Costituzione nella Carta fondamentale della nostra convivenza
Prima
Ci saremmo trovati anche d'accordo in un dibattito ma non veniva affermato come principio inviolabile
E questo percorso
Che impedisce di seminare mietere contemporaneamente ma in cui la mie tintura è lontanissima lo vediamo ancora in un altro settore fondamentale che si collega poi al punto specifico della domanda
Quello della tortura
Sto un po'ampliandolo ma stop ma penso alla vicenda per la quale il sovraffollamento carcerario c'è stato sbattuto in faccia come incompatibile coi diritti fondamentali dell'uomo come vedete
Un'affermazione in sé
Ovvia e che invece solo attraverso un percorso lungo che porta alla all'intervento della Corte europea
Dei diritti dell'uomo giunge in qualche modo a compimento a compimento giungerà quando la risposta italiana che già è stata molto attiva in questo periodo sarà riconosciuta come adeguata a corrispondere a quei diritti
E così
Continuando la distinzione tra
Il livello morale dell'agire dell'uomo e il livello giuridico
Che è presente forte in Beccaria
La laicità del giudizio
Nel processo e un'altra delle acquisizioni moderni che mette i giudici quotidianamente di fronte al problema
Di quale sia l'oggetto del loro giudizio
L'oggetto del loro giudizio non è la qualità morale dell'individuo e a volte vi assicuro per esperienza anche diretta e parlo di esperienza dal giudice non da pubblico ministero quale sono oggi
Dal giudice è difficilissimo
Distaccarsi dalla
Dall'esame della qualità della persona giudicare
Un individuo che ha violentato le problème veline
Non è facile
Non è facile e
Però
Può essere fatto soltanto se queste insegnamento di Beccaria sia ben presente
Senza andare a scomodare i grandi del giorno Docci chi dice chi sono io per giudicare lui e cioè però forse cioè dovremmo ricordare
Tutti i giorni nella nostra professione ma senza arrivare a questo la nostra funzione non è quella di giudicare l'uomo la nostra funzione e quella di giudicare il fatto
Essendo informati nel modo migliore e quindi
Attraverso ciocche del fatto riusciamo a capire vedendo i testimoni toccando con mano le prove e sentendo i punti di vista nell'accusa della difesa e vi assicuro che solo quando siete consapevoli di aver sentito il miglior difensore
Potete arrivare
Con consapevolezza con convinzione ad una condanna e solo quando siete consapevoli di aver sentito il miglior Pubblico Ministero potete arrivare serenamente da un punto di vista anche di tutela sociale ad una eventuale assoluzione
Scorro rapidissimamente gli altri appunti che avevo preso su
Cosa troppo di Beccaria oggi
Il diritto penale minimo si deve punire ciò che indispensabile e
Una delle
Affermazioni
Ricorrenti nei nostri dibattiti nei tentativi
Di
Modernizzazione dell'ordinamento la prevedibilità delle sentenze che sta tutto in quella certezza che Beccaria in bocca e e così si può continuare per esempio
La
La espressione
Chiarissima la persuasione di non trovare un lembo di terra che perdona i veri delitti
Sarebbe un mezzo efficacissima prevenirli pensate ai dibattiti sulla
Sulle estradizioni sul mandato d'arresto europeo
Anche
Cosa ci richiamano alla mente il fatto che
Esiste oramai una consapevolezza di una società
In senso ampio di un arco le attività che va al di là dei confini nazionali perché se i diritti fondamentali sono tali il confine nazionale altri scopi
Non quello di tutelare diversamente i diritti fondamentale se tali sono tantomeno a livello europeo e guardate la frase di Beccaria che anticipa proprio questa idea oggi sapete che
Le giurisdizioni di giudici
Dialogano direttamente tra loro quando un reato sia stato commesso in un altro Paese ossia in per qualche ragione transnazionale dialogano addirittura direttamente
Beccaria già immaginata accolte di la realizzazione di una realtà in cui nessun lembo di terra prometta impunità e questo come modo ideale per prevenire i delitti e vengo alle ultime notazioni
Ovviamente
Vengo alle ultime soltanto perché non posso continuare questo
Queste elenco ci sono spunti modernissimi l'idea che per esempio certi tipi di reati che su un penalista
Andrebbero sanzionati sul piano economico e questo fa pensare a come questo ricorso alla sanzione detentiva sia ancora un residuo nella nostra mentalità
Che va superato perché
Evidentemente Beccaria si rendeva conto della inadeguatezza anche
Del comminare pene
Gravi ma detentiva es erano inadeguate nella sua visione se andate a vedere
Sapete a Londra
In una Conferenza dei pubblici ministeri fu fatto fu presentato un power point
E l'immagine conclusiva era la fotografia di questo concetto cioè non è che il problema sia senta e necessariamente la pena detentiva il tema della Conferenza dei pubblici ministeri inglesi era
L'azione penale cioè
Processo penale che porta che può portare alla sanzione e il rimedio contro il delitto
Ebbene dopo tanto tanta trattazione teorica fu presentata una slide dove c'era un signore seduto vicino una roulotte con dei panni appesi
Al di fuori della roulotte Pilo tirato verso l'albero più vicino bene questa immagine era la risposta al fatto che l'azione penale non era concepita come l'unico rimedio
Perché quel signore era un alto papavero della city londinese dopo l'intervento del fisco inglese
Conseguente alle sue
Malefatte
Che noi avremmo sanzionato pesantemente sul piano giuridico scialbo consentire forse ove non ci siamo sempre riusciti il il godimento finale del risultato è
Conclusivamente
Su questi spunti che ho citato
Potrei veramente fare un elenco di attualità di Beccaria anche nelle sue perorazioni
Quella sui magistrati non venali e dunque in corruttibili
L'invito a onorare pubblicamente i cittadini virtuosi se c'è qualcosa più controcorrente oggi e questo dove quasi ci si vergogna
Di ciò che invece dovrebbe essere oggetto di o no ma infine
Un'espressione
La perorazione di Beccaria perché ci si impegni
Nella educazione anche affini di promozione della legalità
Questo potrebbe essere il riconoscimento per la professoressa Monaco
Che è stata in linea con
Col pensiero di Beccaria in modo straordinario ma se ne potrebbe parlare su tanti versanti oggi avete sentito non so se avete messo a fuoco
Alcuni richiami all'idea del formazione dei magistrati e degli avvocati che forse dovrebbe maggiormente avvicinarsi è stata fatta anche una provocazione diciannove magistrati dovrebbero andare a fare
Tirocini o presso uno studio legale ebbene
Io credo che
I termini del problema non siano stati posti ancora in modo adeguato perché non standard percepita tutta la portata anche di questa affermazione di Beccaria
Perché l'educazione alla legalità
E il dato assolutamente imprescindibile oggi perché si possa immaginare un ordinamento come noi lo vogliamo un ordinamento in cui ci torneremo sulla tortura
Ma appunto non ci siano neanche le torture indirette
Nei confronti del cittadino un ordinamento in cui e qui dovremmo parlare ma allora sbadigli resta ancora di più dell'abuso del diritto dove sta
Dove avvocati e magistrati
E dico meglio
Avvocati i pubblici ministeri e giudici
Condivisione
Condivida no la base
Culturale della propria partecipazione al giudizio
Perché il limite forte
Che pone i problemi di abuso del processo il problema non è sa mio modesto modo di vedere sebbene un male facciano le Sezioni riunite
A teorizzare l'abuso del diritto perché allora se andiamo a vedere nella patria di di alcuni diritti fondamentali l'Inghilterra ci sono comportamenti che darebbero luogo all'arresto in Aula
Ma
Del difensore
Ci sono comportamenti anche degli avvocati mi ha detto un pubblico ministero americano il giorno in cui gli avevo comunicato che non ero certo di poter presenziare un evento perché forse c'era lo sciopero dei magistrati dice ma il giudice
Se tu non ti presenti in aula scusa non ti fa portare in manette
Come pubblico ministero quindi voglio dire lo scenario è assai più complesso il problema non è se si possa teorizzare l'abuso del diritto il problema è condividere le basi
Di questa azione che è un'azione che ci coinvolge tutti socialmente nel processo penale
Allora dove
Il punto in cui io mi dissocio dalla definizione dove è stata chiamata provocatoria dove il tirocinio del magistrato presso lo studio legale ovviamente necessario perché ci sono
Colleghi
Che non hanno idea di cosa significhi concedere o non concedere un rinvio in determinate condizioni
E estendendo ancora il concetto espresso ieri dal professore unità quello della formazione presso la Scuola della Magistratura dove francamente in più io li ho visti
I quattro avvocati invitati che siedono li avevano dibattere con cento magistrati riuniti nella formazione professionale dovrebbero alzare il dito sì lo fanno alcuni
Ma e questo un modo di confrontare le idee il problema allora lo anticiperei
E direi che occorre proprio ripensare la formazione Dori vicine di base
Che deve essere comune a tutti i protagonisti della giurisdizione dal vostro punto di vista
Tutto questo probabilmente non è coinvolto ma invece è coinvolta la portata dell'educazione alla legalità perché solo intendendola davvero come
Educazione nel senso di far propri questi principi
Potremmo arrivare a qualche risultato se pensiamo esattamente le regione del sud Italia dove quando si dice che c'è un cancro sociale dovuto alla criminalità soltanto un intervento basato sulla educazione
A mio avviso certo non disgiunto anche dal contrasto
Militare cioè quello della sanzione penale però solo in quella chiave si può sperare veramente in un avvenire come credo tutti noi abbiamo in mente
Bene
La prima cosa che Beccaria scritto libricino di pochissime pagine ha cambiato la storia del pensiero giuridico il che ci dice che noi giuristi dobbiamo abituarci ad essere concisi modico in polemica con il dottor Murone oralmente
Però segretata entrare vivace dal dibattito Boyle propongo che diciamo si sia più
Diciamo rapidi nella nella cosa e dare magari la possibilità anche ai nostri giovani
Dire intervenire sulle nostre proposte
Allora cosa c'è di Beccaria mi mi prendo dieci minuti al nono Toumi mi dai un un cazzotto
Allora quello che c'è di Beccaria è un atteggiamento razionale rispetto ai problemi di natura giuridica io più a questo fai riferimento che non a fare l'elenco di quel che c'è
Nell'ordinamento di quello che noi possiamo ritrovare addirittura come epigono nella nostra Costituzione nell'articolo ventisette piuttosto che nell'articolo ventiquattro della Costituzione
Piuttosto che nel rifiuto convenzionale di certe pratiche che sono le pratiche della tortura o il trattamento disumano
Intendendo l'ordinamento non non soltanto con l'ordinamento costituzionale ma anche come ordinamento sovranazionale
Ma quello io penso che ci debba essere e che al contempo non c'è e
Quello che voi leggete indetta riga cioè un atteggiamento razionale lui
Nell'epoca dei lumi proprio colui che tenta di dare ragione accerti istinti che in punto di giustizia poi riemergono continuamente
Perché quello che c'è e allora in Beccaria poi si perde nel corso della storia e nel mondo del diritto
E quello che voi dovete comprendere rispetto al diritto e che non c'è nulla che viene conquistato definitivamente ma c'è tantissimo che invece si conquista e poi si perde in continuazione
Quello che c'è in Beccaria è un atteggiamento che cita un'indicazione prima di tutto di metodo
Quindi vengo subito a quella che potrebbe essere pure l'anticipazione di una risposta successiva quando noi parliamo del diritto quando quelle slide parlano del diritto come visto dai cittadini il metodo Beccaria non c'è più
Cioè c'è molto sentimento molta sensazione
Addirittura c'è molto distinto e si perde la ragione
Voi avete mostrato delle slide che ci dicono che gli italiani sono
Quasi totalmente sarebbe stato contento il Ministro urlando se diciamo
Mantenendo una promessa come generalmente i politici non riescono a fare anche una promessa diciamo che è una forma educata di confrontarsi con la cittadinanza fosse arrivato qui
E probabilmente vi sarebbe stato contento di vedere che l'ottanta per cento degli italiani sono contro provvedimenti di clemenza
Il problema è che quell'essere contro il provvedimento di clemenza è frutto di un metodo irrazionale di comunicazione di questi problemi ed è frutto di un metodo istintivo di risposta a questi problemi
Se voi con noi perché non lo facciamo
Veniste e quell'ottanta sette per cento di italiani
Venissero all'interno di una cella e vedessero non leggessero sui giornali cosa significa vivere in tre
In quattro in cinque in sei
E in Italia nel due mila quattordici in una cella in cui sei costretto a stare sdraiato venti ore al giorno probabilmente comincerebbero a mutare la loro opinione ma la muterebbe ero
Dal punto di vista di nuovo sentimentale voi dovete invece affrontare questo tipo come faceva Beccaria questo tipo di problemi dal punto di vista della ragione
Quell'ottanta sette per cento di italiani non sanno che è un indulto serve da un lato a garantire qualche cosa che il loro come e dei detenuti
Cioè dei diritti inviolabili che fanno parte del nostro sistema partono da Beccaria probabilmente
Ma soprattutto servono a fare in modo che quella pena che scontano quei detenuti non sia una leva per violare la legge nuovamente perché se tutti gli anni delle persone in quella condizione finale naturalmente per allenarli a migliorare la legge
E soprattutto vanifica RAI quello che dovrebbe esserci
Da Beccaria in poi nel nostro sistema una funzione rieducativa della pena che utile alla società che razionale per la società enorme inutile per la società ecco
Allo stesso tempo nel nostro mondo c'è e non c'è il messaggio di Beccaria rispetto a questa diciamo approccio braccio razionale alle faccende di giustizia
Ecco perché non c'è e sicuramente del nostro sistema la certezza del diritto
E non c'è la certezza del diritto qui non è una polemica che è stata abbozzata prima
Nei confronti della magistratura ma e rispetto al fatto che noi abbiamo tutto un sistema di leggi complesse che da oggi la possibilità di applicare
Al massimo grado paradossalmente capovolgendo la una battuta che io ho sentito fare da uno dei più alti magistrati
Ora intenzione Ernesto Lupo grande giurista che diceva però nei nostri convegni guardate la legge si applica per i nemici e si interpreta
Invece per gli amici il paradosso italiano in questo momento che dobbiamo capovolgere
Questa battuta era una battuta male nel nostro Paese a volte la legge si interpreta per i nemici perché si arriva ad ampliare
Il disposto della legge proprio per colpire
Determinati fenomeni
Che si ritiene che non vengano colpiti adeguatamente dalla legge
Ma questo in punto di certezza del diritto cioè quello che Beccaria
Così bene e spiegava in punto di prevedibilità dei comportamenti esiziale
Voi dovete viaggiare per le strade di questo Paese essendo ben consci di quello che potete fare ma soprattutto essendo ben consci di quello che non dovete fare e non dovete trovare sulla vostra via
Qualcuno che per lottare meritoriamente nei confronti di fenomeni e che vengono ritenuti negativi inventa una legge che non c'è
Ma lo sapete perché
Perché inventare le leggi cioè decidere sul destino delle persone è qualche cosa che necessita di più processi legislativi che di coinvolgono e che deve essere fatto solamente da chi le leggi le scrive
Non da chi le leggine interprete attenzione
Quel che non c'è più rispetto al Beccaria e l'idea
Che l'interpretazione della legge sia una sorta di meccanismo automatico è ovvio che chi interpreta la legge la forma nel momento in cui l'ente
Però un conto è formare una cosa che c'è
Un conto inventare una cosa che non c'è ecco nel nostro Paese in questo momento abbiamo un problema con questo tipo di cose ed è un problema che si riflette sarebbe stato bello avere un valore
Una domanda di questo genere
Quanti di voi giovani quando hanno sul motorino
Sono certi che nel momento in cui vengono fermati dalla polizia il comportamento dei poliziotti sarà un comportamento rispettoso dei vostri diciotto diciassette o sedici anni
Io ho dei figli giovani
Loro hanno timore di avere un confronto con le forze dell'ordine non pensano che in questo Paese le forze dell'ordine abbiano rispetto dei diritti fondamentali nel momento in cui trattano per esempio giovani come voi
E quando noi che ci torneremo poi parleremo della tortura parleremo anche di questi allora nel nostro Paese non c'è
Rispetto a questo tipo di messaggio ancora una certezza assoluta che non c'è anche perché non c'è un reato come quello di tortura ma dico poi ne parlerò dopo
Infine
Allo storno non minuto non dai cazzotti però sei dalla Giunta a bene
Allora infine quello che non c'è probabilmente e anche una cultura delle regole
Condivise tra coloro che si occupano di giustizia quando noi ambo avvocati parliamo
Di cultura delle regole siamo convinti che questa cultura delle regole sia il frutto
Di una assoluta distinzione di alcune funzioni io difendo tu accusi Luigi ludica che non significa affatto che tutti e tre
Non si sia diciamo formati nella medesima maniera dal punto di vista culturale
Ma che esalta invece proprio la diversità delle diverse funzioni nel nostro Paese
Benché come è stato ricordato il giusto processo il processo che dice letteralmente che il giudice è terzo cioè diverso da chi accusa e diverso da chi giudica non esiste
Perché chi giudica e chi accusa fa parte della stessa carriera il che non è un problema prosaico
E cioè che i giudici e pubblici ministeri sono colleghi quindi sono troppo amici e quindi si danno una mano o l'uno con l'altro il problema è diverso e che i giudici e pubblici ministeri hanno una cultura da un certo punto di vista
Che si sovrappone quindi i giudici si fanno carico
Di quello di cui si dovrebbe far carico solo il Pubblico Ministero
E questo va a detrimento e per esempio va a detrimento di quella interpretazione della legge che abbiamo detto prima se non ci fosse questo non ci sarebbero neanche quei fenomeni che vorrà contato prima non ci sarebbe neanche il fenomeno di chi
Ritenendo che il legislatore sia scarso o non particolarmente bravo nel coprire tutti i fenomeni allora copre i fenomeni
Inventando una legge che non c'è ecco nel nostro Paese questo problema ce l'abbiamo lo sapete
E come si dimostra anche perché noi abbiamo questo problema con un altro dato che
Non abbiamo mostrato nel nostro Paese il quaranta per cento dei
Delle persone che stanno in prigione sono in attesa di giudizio oggi avete sentito ripetuta una regola fondamentale
Prima di essere condannati non si dovrebbe mai andare in prigione per anche per il più grave di delitti a meno che non esistono delle diciamo dei rischi di inquinamento delle prove dei rischi di
Reiterazione di determinati comportamenti e pure nel nostro Paese quasi la metà dei detenuti sono persone che non ancora non sono state condannate perché
Perché non c'è nel nostro Paese quel processo giusto che vede un giudice equidistante
Perché i giudici
Non i pubblici ministeri mandano in prigione prima della condanna i cittadini
E lo fanno perché sono
Qui chiudo portatori di quella idea molto vicina a quella del pubblico ministero che bisogna lottare all'interno del processo ecco nel messaggio di Beccaria
Forse noi potremmo anche ritrovare il fatto che il processo c'ha una sua
Particolarità
Non serve per nulla a lottare contro nulla ma serve solo a stabilire se una persona o nome responsabile di un determinato fatto
Ahimè quel quaranta per cento di detenuti in attesa di giudizio ci dice che nel nostro Paese questo messaggio di Beccaria ancora non è stato compreso
Allora io naturalmente non non non faccio nessun commento anche se liberaldemocratici la parola
Prego
Allora io ricollegandomi anche all'intervento della professoressa la rissa
Mi chiedevo se allora effettivamente è possibile conciliare e applicare soprattutto per quanto riguarda la situazione dei detenuti italiani
Il concetto di pena come punizione ma anche e soprattutto come rieducazione del detenuto è stessi in che modo è possibile farlo
Consigliere sempre sì tecnici però emotivamente sì sì sì sì
Lasciare
Ma io credo che
Proprio l'intervento dalla professoressa abbia
Avverto uno scenario che veramente ha del paradossale perché in qualche modo ha definito stamattina
L'azione che si ha quando deve essere eseguita una pena
Come pesa in certo modo non eseguirla per attenuarla per trovare alternative
Quasi che la pena scritta in sentenza e la nostra costa constatazione quotidiana sia
Un punto di partenza per poi stabilire che cosa ne deve avvenire è evidente che questo viola tutti concetti che ci stiamo dicendo da due giorni
Di certezza di ineludibilità di prevedibilità anche della sanzione
Oggi
Certo non è semplice rispondere a una domanda che sottostante a
Il quesito quale
Funzione debba avere la pena in un ordinamento civile e governo
Anche perché non sta scritto da nessuna parte e qual è la funzione della pena
Noi sappiamo soltanto che la pena deve obbligatoriamente tendere alla rieducazione ma poi non abbiamo leggi che dicono la pena serve per spaventare la collettività ed evitare che delinquere oppure da un'altra parte
La pena serve per fare in modo che il
Colpevole di un reato si ponga il problema la prossima volta non voglio incappare in questo guaio e quindi poi noi la chiamiamo prevenzione generale la prima prevenzione speciale la seconda
E così via potrei non ci sono norme che dicano questo sappiamo solo che ci deve essere uno scopo di rieducazione ecco io credo che oggi come duecentocinquanta anni fa
Gli scopi della pena non
Possano che essere molteplici perché
L'ordinamento penale e ciò che il
L'uomo ha inventato per evitare
Violazioni eccessive delle regole di convivenza che ledono diritti fondamentale almeno il diritto penale dovrebbe servire a questo
Evitare lesioni gravi
Cont la minaccia di una sanzione
Allora se questo è una
Questa è vista come una necessità perché l'uomo non ha inventato l'alternativa per tenere l'ordine sociale per
Perché poi ci sono quelli che delinquono per mille ragioni
Ebbene allora in questo contesto bisogna necessariamente fare i conti vale la pena con la pena e
Ed è giusto
Ispirarsi a quel principio di civiltà che la vede come tesa alla rieducazione io purtroppo alla domanda che è stata fatta rispondo
Serenamente che davvero e difficile immaginare oggi
Questo ruolo di rieducazione con un contesto che di per sé diseducativo
Perché la percezione di condizioni di
Di restrizione delle proprie libertà che significa volte la violazione di quanto
Di basilare sta scritto nella nostra Costituzione cioè la dignità dell'uomo percepire questo da parte di un detenuto significa pensare di avere a che fare con uno Stato che non merita adesione
E
E questo porta mille conseguenze l'esempio che ha fatto l'avvocato Spigarelli che
Si ci si pone il problema di vedere il poliziotto per strada noi lo potremmo dire invece che per il motorino quando
Passiamo con l'autovelox nascosto del nel bidone
E percepirlo come ostile e quindi come non un garante delle libertà
è un'affermazione che necessita anche bella
Visione alternativa c'è anche il problema di vedere però dalla nostra parte il poliziotto che va allo stadio ebbene affrontare una condizione di rischio personale esclusivamente per noi
Quindi
La percezione del ruolo della Polizia della delle forze dell'ordine e cosa complessa che richiama concetti di cultura il problema qui anziché di essere
Quello che la cultura comune avvocati giudici e pubblici ministeri è un problema di condivisione culturale del ruolo dello Stato uno Stato che costringe a vivere in carcere in condizioni inumane
Non può adeguatamente
Rieducare la conclusione e che però siccome questo è ineludibile la detenzione non può non avessi come sanzione dei reati gravi è evidente che questo diventa uno dei traguardi
Che abbiamo davanti e che forse richiamo quello che ho detto in risposta alla sua prima domanda e che forse dobbiamo ringraziare la Corte europea dei diritti dell'uomo perché ci ha messo davanti ad un problema che questa volta siamo costretti ad affrontare
Bene
Perfettamente
Allora la funzione rieducativa della pena è scritta nella nostra Costituzione ed è un concetto chiaro la pena dovrebbe servire diciamo a restituire una persona diversa rispetto a quella che era iniziato ascoltarla è ovvio che la pena serve anche a fare in maniera e si sappia qual è il conto che si paga se si viola la legge
Ora da questo punto di vista
Sarebbe importante che voi compendiato una cosa che difficile comunicare che noi stiamo tentando di comunicare anche quando parliamo del fatto che le pene nel loro complesso vadano risistemate che quindi non ci sia quello che avete ascoltato stamane cioè
La scelta della pena detentiva la scelta del carcere come unica pena del sistema
Ecco noi dobbiamo tentare di far comprendere e voi dovreste comprendere per primi perché sia dei nuovi cittadini
E che c'è una funzione tra virgolette chiamiamola così mai viene bene con Beccaria utilitaristica ha una funzione economica
Di questo meccanismo per cui noi dobbiamo applicare una pena che sia una pena il cui risultato sia favorevole
E dunque che la rieducazione non è una cosa che i buoni o Magarelli i debbo luci
Leggo uno nella funzione della pena per quinta appunto perché sono buoni di spirito o perché hanno un'idea
Come dire LGH della giustizia no la pena deve essere rieducativa perché solo la pena rieducativa ci restituisce
Qualcuno che viola meno la legge e questo non è una affermazione senza un riscontro voi dovete sapere
Che all'interno delle carceri quando noi applichiamo i benefici penitenziari
Tutti quelli che leggete sui giornali poi dice andato in permesso ha violato la legge sappiate che
Cento vanno il permesso uno viola la legge
Ma quei novantanove che vanno in permesso che hanno l'affidamento in prova ai servizi sociali hanno una percentuale di recidiva che incomparabile con quelli che non ce l'ha allora la funzione rieducativa della pena Paglia è utile
E moderna non è istintuale e non è una pena vendicativa il problema è che queste difficile farlo comprendere i cittadini giovani come voi ma anche quelli un po'più anziani perché in realtà
Dal diritto tribale in poi
Siamo tutti legati invece alla pena come vendetta hai fatto del male sconti il male che hai fatto c'è scritto nelle scritture c'è scritto da tutte le parti e come dobbiamo essere moderni
Rispetto alla funzione della pena e quindi riuscire anche a comprendere che una pena che è una pena più umana che è una vera beauty che magari anche meno carcere è una pena
E che ci restituisce alla società molto più di quello che non ci restituisca una penale indicativa
Fate riferimento a quello che avviene ogni tanto negli Stati Uniti
Dove sono felicissimo per la verità nel sistema delle pene però c'hanno a volte delle pene che sono molto più significative
Nome in campo nel grande delle essi ma modella una che però insomma USA a lanciare telefonini
Hai personali degli alberghi non gli hanno dato sei mesi con la condizionale otto mesi con la condizionale o magari nove mesi di galera gli hanno messo una scopa in mano e gli hanno detto adesso scopi le strade di New York per trenta giorni e l'ha fatto l'ha fatto veramente
Dopodiché probabilmente
Avrà meno istinti nei confronti e di queste persone quella è una pena utile molto più della galera che gli avremmo
Sulla carta dato noi
Una parola sola sul e chiudo su quello che a cui faceva riferimento prima forse non mi sono spiegato bene
Il problema non è stabilire se i poliziotti siano buoni o cattivi necessarie non necessari che si comportino bene o male il problema è che molti dei nostri giovani sanno perfettamente che il comportamento
Che il sistema a nei loro confronti giovani
Nel momento in cui semplicemente esige un controllo di legalità è un comportamento troppo spesso protervia Po è un comportamento che induce disaffezione da parte nei giovani nei confronti delle forze dell'ordine
Quel comportamento va modificato e dopodiché ma non naturalmente difesi anche gli altri giovani quelli che
L'avrete letto sulle vostre antologia un può età di tanti anni fa che era del Paolo Pasolini e diceva prendeva in considerazione anche nei confronti dei giovani che protestavano anche quei giovani con l'elmetto in testa che fanno i poliziotti allo stadio
Vanno compresi e vanno rispettati
Però lo Stato deve garantire che giovani governa voi siano consapevoli dei loro diritti siano consapevoli del fatto per esempio che esistono delle regole che lo Stato deve rispettare anche quando i firme motorino
Bene GRA grazie a Valerio Spigarelli
Ottenuto solo per momento quando ha detto che gli hanno dato ma una scopa non farà bene lei deve essere l'avevo un ascensore ai bisognosi fortunatamente dai non c'è stato
Mi aveva anche al da dire qualcosa sull'imbarbarimento
Del significato della pena la piena come vendetta ma
Diamo la parola ancora gli studenti
Allora dunque nella relazione di va diamanti è stato evidenziato che con la mentalità preoccupazione dei cittadini aumenta il numero dei sostenitori l'inasprimento delle pene basti pensare recentissimi fatte minuti sempre la partita di Coppa Italia dopo e quali sebbene per vari Acampora problematica della speranza e gli Stati non sia stata ho già detto di attenzione da parte di iniziare la discussione si è pari a Cesa
Vi sono aree maxi sostenitori di inasprimento delle pene
E quindi ci interessa conoscere le vostre posizioni a riguardo riguarda la necessità di contrastare o meno questa pesante influenza dei media sull'opinione pubblica
Fermo restando l'imprescindibilità del diritto all'informazione
Prego tema molto diciamo un convegno del superamento
Francese
Manteniamoci cioè c'è un'opera americana che
Che mi era capitato di consultare le
Preparando proprio un dibattito sui media e mi complimento per la scelta di questa domanda che questa è attualizzazione
Un'opera che intitolata il circo arriva in città che descrive di questo serie di auto articolati coi satellitari sopra
E l'ha massimata regionalistica affluiscono e dice alte era un ammonimento verso uno studio
Che ammoniva i Presidenti delle Corti che il momento per fronteggiare l'espressione tipica dell'americano per fortuna sappiamo meno di questa
Il momento per fronteggiare un uragano
Non è quando ce lo si trova alla porta di casa mai e quando è a trenta miglia dalla costa quindi dei processi sui mezzi di informazione bisogna pensarci prima ebbene
Dicevo complimenti per aver scelto Emilia perché questi sono lo strumento che più potentemente oggi influisce sulla realtà vera giustizia
Pensate che negli Stati Uniti ci sono lo dico solo perché mi sto rivolgendo agli studenti che credo lo lo possano percepire come
Forse come ovvio però più vicino alla loro esperienza CEI ci sono dei siti
Nei quali o i cittadini ogni avvocate o gli imputati o tutti
Si esprimono sui giudici nei quali si sono imbattuti per qualche ragione che lo fanno con le cinque stelline che noi sappiamo
Almeno io almeno sono limitato a quelle di Veio di Amazon o delle danno le stelline di gradimento dopodiché
Cioè la statistica qual è il peggiore June dice del tribunale di
E e queste reso pubblico
In che modo questo possa incidere sulla performances di queste corti poi sette tutto da studiare e viene studiato ma ecco il l'influenza dei mezzi di informazione né poderosa
Se voi pensate i processi che si svolgono in televisione
E avete il processo parallelo
Che
Influenza l'opinione pubblica in una maniera che addirittura
Rischia e mi tengo basso di sopravanzare il processo vero quindi
La televisione
Presenta una apparente realtà giudiziaria che conta di più per molti di quella che sia invece l'esito vero del processo allora il processo in televisione per quel versante ma pensiamo anche i processi veri
Proiettati sui teleschermi
Io non ho mai visto
Miei colleghi o avvocati o imputati o testimoni
O poliziotti uscieri comportarsi come nei processi veri che vengono trasmessi in televisione e tutto alterato
è alterato dalla presenza della lucetta rossa e della telecamera rispetto alla quale
L'imputato ritiene di dover recitare la sua parte
Perché a un proprio sul territorio nel quale vive nel quale poi la sua prestazione di Sarah valutate gli darà una certa posizione
E altrettanto vale per il testimone alla fine vale pure per il pubblico ministero
Nella sua gestualità
Ovviamente anche per l'avvocato ERP per ultimo per il giudice
E per il modo in cui conduce il processo quindi ma che cosa
Vuol dire questo possiamo pensare che allora sia meglio ridurre l'informazione evidentemente no e la stessa cosa risponde lei sul versante dell'influenza sull'opinione pubblica riguardo alla alle sanzioni è vero
C'è una influenza diretta della delle modalità in cui
I fatti di cronaca vengono presentate sulla reazione pubblica che poi come avrete constatato è sotto gli occhi di tutti eh
Altalenante perché si succede continuamente la richiesta di pene e a spreco alla richiesta di libertà
Quando l'esempio che viene esaltato sul momento sia di segno opposto a quello del crimine efferato e sia per esempio di una compressione eccessiva di diritti che da un caso singolo invece porta scardinare interi
Intere regole del processo ecco che allora
Questa incidenza diretta bisogna ammettere che esista la risposta che si può dare intanto e nell'auspicare
Una classe politica che
Non lasci
Questa propria azione alla in balìa delle spinte o dell'estate o o delle rilevazioni
Statistiche
E quindi che
Svolga un proprio ruolo maturo di democrazia di interpretare il sentire popolare ma non nel senso di corrispondenza diretta al sondaggio
Siccome questo voi non è sufficiente bisogna auspicare la maturazione anche culturale di una società
E allora la maturazione su di una società passa attraverso la consapevolezza che rispetto al mezzo di informazione
Occorre
A vere le lenti corrette per
Leggerne
Il messaggio
La mia
Personale posizione dunque e in questi termini il pensare di disciplinare certo esistono ambiti nei quali si può immaginare che se ci siano delle regole di legge
Oltre le quali non si possa andare anche nel travisamento
Da parte dei mezzi di informazione
Ma
In linea di massima non è l'intervento sull'informazione quello che è vincente mai l'intervento sulla cultura di chi riceve queste informazioni benissimo cioè
Sembra

Allora
Dopo i fatti di di Roma
Non su più forse penso il Ministro dell'interno era a
Proposto il
Esatto il Daspo vita che è stato immediatamente preso in giro da qualche mente brillante parlando di error darsi Polo
Perché una fregnacce come quella che aveva detto questo ministro meritava Lazzi e frizzi ed era proprio la trasposizione pratica di come in questo benedetto Paese
Sì discuta di questioni importanti e si tiri in ballo la giustizia con un'informazione che è un'informazione che poi produce da parte della classe politica una risposta anche a livello dell'informazione cioè bassissima
Allora primo problema che ma
Sottolineato è proprio questo concetto della sicurezza perché noi ormai stiamo parlando non più di un concetto di sicurezza che è misurabile cioè siamo in un Paese insicuro perché c'è un certo numero di reati
Noi sappiamo perfettamente che nel nostro Paese non ci sono stati mai così pochi omicidi da penso cinquanta sessanta anni a questa parte
Eppure se essi vengono alcune delle pagine dei giornali sia una impressione soprattutto rispetto a certi fenomeni come per esempio la mafia
Del contrario
Quindi quello che si percepisce come sicurezza esattamente antietico a quello che è il dato vero della sicurezza
E questo è tra l'altro il rapporto molto spesso invertito anche su altri elementi
Sì dice attenzione per aumentare questa SIFCO sicurezza che non è quella vera ma quella percepita dobbiamo aumentare la risposta diciamo punitiva dello Stato dobbiamo innalzare le pene
Innanzi amo le pene andiamo a vedere che questo innalzamento delle pene non produce una diminuzione della commissione di un certo tipo di reati e quindi di nuovo siamo
Di fronte ad una informazione che chiede qualcosa che sa perfettamente dovrebbe sapere perfettamente che poi non è la medicina per quello che sta chiedendo
Allora
Questo perché succede beh succede un po'per quello che abbiamo detto anche prima perché la pena Cha comunque una funzione simbolica all'interno della società che è facilissima mente spendibile
Per
Si fa la faccia cattiva dicendo innalza o le pene e tutti penseranno che quell'innalzamento delle pene produce sicurezza anche quando questo non è vero
E chi informa come e i giornalisti italiani AM molto spesso
Primo di questi strumenti di conoscenza nella polemica che molto
Di sovente questa associazione l'Unione delle Camere penali fa con l'informazione io ho utilizzato spessissimo questo tipo di figura
Se un cronista sportivo raccontasse una partita di pallone dicendo a un certo punto un signore vestito in maniera diversa dagli altri ha preso una cosa d'onda e la messa su un cerchietto bianco tutti direbbero vana quello non sa neanche
Le regole del calcio
I giornalisti italiani molto spesso raccontano i processi senza sapere le regole del processo e quindi raccontano il processo in una maniera che dista altissima dal vero ma che corrisponde però
A due cose uno all'idea
Quella di prima della della sicurezza all'idea banale della giustizia e due questo spiace dirlo perché tutto il resto condivido a mani basse quello che ha detto il dottor Mura
è beh due però c'è un'altra cosa che in punto di informazione sui processi e va detta sono saltate le regole anche per colpa di qualcuno
Perché non possiamo sempre essere senza responsabilità e fortunatamente oggi e io ho apprezzato moltissimo l'intervento del Procuratore generale il Procuratore generale oggi va detto
Che quello che c'era nell'idea di Beccaria era un giudice che non si rende protagonista era perfino un accusatore
Che sta in un certa posizione ecco sono saltate le regole qui perché voi avete visto e non so se già votate o voterete tra un po'
Che alcuni
Protagonisti delle vicende di giustizia hanno talmente esposto se stessi da diventare uomini politici da un giorno all'altro siccome uno solo io sono uno dei nomi li fa
Parlo di Di Pietro vent'anni fa e di Ingroia molto più da vicino
Non doveva succedere così
E non doveva succedere che queste persone diventassero degli eroi mediatici
Perché queste persone sono riuscite a diventare degli eroi e mediatici violando le regole interni della magistratura senza essere sanzionati adeguatamente quando erano magistrati
E Ivan i giornalisti stabilendo con costoro dei rapporti che li hanno aiutati a diventare degli omini pubblici
Quando noi parliamo della informazione e della giustizia dobbiamo pure parlare e di questo in altri Paesi non succede proprio non succede
Perché i giornalisti sono deontologicamente più corretti perché le regole vengono rispettate perché sarebbe inimmaginabile
Che le intercettazioni telefoniche di un processo finiscano sui giornali in altri Paesi non succede dovremmo fare in maniera che non succeda neanche nella
Ecco che l'anno non succede anche perché
In altri Paesi c'è una cultura della presunzione di non colpevolezza estranea ma io ricordo ancora di aver visto un giornale inglese dove veniva ritratto un signore che
Dutan ma aveva appena sparato al Bitto John Lennon e non c'era scritto l'assassino di John Lennon c'era scritto l'uomo che ha accusato di aver ucciso tombe
Non è una replica ma la precisazione non è una non è meno che non ha diritto a dare
No sono preoccupato perché
Non riusciamo a trovare bene il terreno di scontro certo
Come ci ha preoccupato nega no l'apicoltura della pena di morte e adesso a seguito delle
Però non va invece non è una replica proprio perché mi sono venuto in mente quello che precise si era la è una precisazione né un'aggiunta
Quella che era la conclusione di quello studio in quello scritto di Sellers che che era intitolato il circo arriva in città quando parlava dei
E dove si diceva che in pratica al centro della pista conclude proprio ricordo la trave perché
Incisiva
Al centro della pista il direttore del circo il giudice che deve
Disciplinare anzi scriveva che deve tentare di disciplinare
Gli approvati trapezisti il clown insomma tutti quelli che sono i protagonisti della della scena gli animali
Deve tentare di disciplinare lì ma sempre
Garantendo e assicurando loro la possibilità di interpretare la rispettiva parte e alla fine se si vede la metafora era simpatica
Però da qui l'espressione finale
Era questa dopotutto passo must go conto ebbene Bruno Vespa ci riesce benissimo essa
Ancora la parola le nostre strade
In molti Paesi ad esempio gli Stati Uniti la pena di morte legale mentre lo torturano non è una contraddizione considerando che spesso le modalità e i tempi di esecuzione della pena diventa una sorta di tortura stessa
Quindi tocca già almeno
è
L'impressione che è difficile
Sia contrasti sì è difficile che ci sia contrasto
Io avevo
Preso qualche appunto sulla pena di morte
Leggendo il
Tra le righe di Beccaria e alla fine mi pare che a questa domanda si attagli questo appunto
Io
Ho preso nota di ciò che viola il pensiero di Beccaria nel ritardo nell'esecuzione e quindi esattamente quella percezione che
Ha portato a questa domanda viola il pensiero di Beccaria su tutti questi versanti primo non è immediata
Secondo
Non è proporzionata perché a questo punto viene svincolata
Dal rispetto della corrispondenza della Senna
Alla gravità del fatto poi sarebbe ancora
Più sproporzionata se prendessimo in esame il fatto che per esempio in quelle realtà
Come gli Stati Uniti d'America avvengono sanzionati con la pena di morte anche i minorati mentali e quindi lì il problema del
Aprirebbe ancora uno scenario più complesso poi ancora viola il pensiero di Beccaria perché e ingiusta
Perché la sofferenza
Sa aggiuntiva comporta un'ingiustizia se la sanzione è stabilita è quella diretta della morte e infine
Perché
Se si guardano le statistiche sulla utilità della pena di morte nel dissuadere
I cittadini dal delinquere dal commettere reati gravi di sangue si constata che non c'è affatto
Una corrispondenza tra
L'esistenza della pena di morte la riduzione di questi reati
Se
Prendetene
Questa dichiarazione
L'applicazione della pena di morte presenta numerosi problemi come la discriminazione razziale o il fatto che molti condannati vengono cui scoperti innocenti
E questa è la dichiarazione di
Il Presidente degli Stati Uniti dopo la vicenda di alcuni giorni fa dei primi di maggio nel modo in cui fu applicata la pena capitale
Che peraltro il Presidente Obama salvava rispetto ai crimini che chiama più orrendi come
L'uccisione di bambini o quelle di massa
Se andate a vedere sostanzialmente è un po'il salvare quella
Parte della pena di morte che invece la nostra cultura ci porta a dire in questo Beccaria non ha raggiunto il risultato
La non non è approdato a quella spiaggia che invece noi riteniamo naturale e questo sul versante americano ma se ci fermiamo a quello invece
Del mille settecento
Del periodo successivo al mille settecentosessantaquattro si vede che Beccaria qualche decennio dopo la pubblicazione deliberi Cino cioè
Mille settecentonovantadue
Opera nella cosiddetta Giunta criminale una Commissione con la quale va beh
Ci sono troppi professori perché entri qua nel dettaglio fatto sta che era una Commissione le in qualche modo di elaborazione legislativa
E perde
Sulla propria tesi della pena di morte perché vincono quelli più favorevoli di luglio alla pena di morte e la cosa interessante è che gli argomenti che in quella sede
Non ci consentono di vincere sono più ricchi di quelli che stanno scritti nel libro dei delitti e delle pene perché tra questi argomenti ci sono l'ingiustizia della pena
La minore forza dissuasiva rispetto alla pena perpetua tutte quelle cose che
Abbiamo sentito in questi due giorni quindi e ripropone la tesi dei delitti e delle pene però aggiunge
Che la stessa che la pena di morte non è accettabile perché il re è tarato ile
E questo è molto interessante perché esattamente il concetto che ha espresso il Presidente Obama in quella intervista che colletto poc'anzi la irreparabili età come
Ostacolo e e il professor Palombi al quale che abbiamo sentito questa mattina al quale dobbiamo
Un bel approfondimento
Anche su questo versante nel suo libro del due mila dodici parla di raggiunta consapevolezza da parte di Beccaria successiva
Alla grande opera circa la problematica del dell'errore giudiziario mi permetto di citare questa riflessione del professor Palombi
Perché
Porta l'attenzione
Su un altro concetto che
Si ritrova proprio nell'intervista di Obama Obama dice
O che molti condannati vengano cui scoperti Innocenzi è nota il professor Palombi che in Toscana
Dopo l'eliminazione sull'onda del libero di mettere la pena di morte il risultato statistico era stato di un calo dei delitti
Ebbene
Verso fine settecento invece Beccaria dette
Registrare affranto la quantità immane di decapitazioni che nonostante ciò continuavano ad avere luogo in Francia quindi questo ponte
Tra il modo di vedere la problematica
Dio offrire una risposta a questa domanda e un ponte che se di attualità del Beccaria si deve parlare questa volta è veramente macroscopico
Bene
Barbieri anche sulla Commissione anzitutto comprano azioni volte a non parlerò troppo della pena di morte nel senso che nella nostra società c'è reciproco fortunatamente una sorta di
Tabù
Per tabulas senso migliore del termine sarà memorabile tanti anni fa
Scrisse un articolo memorabile su un giornale disse che noi
Saremmo diventati una scelta molto
Consacra quando avremmo edificato come il tabù dell'incesto il tabù della guerra
Forse nella nella nostra società il tabù della pena di morte
Ancora c'è regge e obiettivamente quelle ogni tanto quelle dei fiumi carsici di una parte della società che chiedono
Di riconsiderare questo tabù sono minoritari forse e il retaggio di una della parte migliore della nostra cultura cristiana cattolica viceversa io vorrei parlare della tortura
Vorrei parlare della tortura a voi giovani in questa maniera perché forse su questo non ci troviamo d'accordo non soltanto sul fatto che in Parlamento si sta discutendo di una ipotesi di tortura che è un'ipotesi di tortura che non funziona perché come ha detto benissimo
Prima Vinicio Nardo
Proprio la logica ci porta a dire che il reato di tortura è il reato commesso dall'uomo dello Stato nei confronti della persona
Che ha su cui esercita il suo dominio in quel momento per definizione
E quindi sembra introdotto un reato di tortura deve prendere specificamente in considerazione questo fatto
Invece lo stanno scrivendo in maniera
Diversa e lo stanno scrivendo in maniera diversa perché incredibilmente non si dice forse voi giovani non lo sapete
Ma molto spesso rappresentanti delle istituzioni
Rappresentanti delle forze di polizia rappresentanti anche una parte di quei pubblici ministeri prestati alla politica hanno protestato preventivamente contro l'introduzione del reato di tortura
Come dire confessando evidentemente che una certa quarta azione nei confronti di alcuni e indagati evidentemente deve essere esistente pure nel nostro Paese altrimenti non si capiva la protesta è una sorta di excusatio non petita
Però io ve ne voglio parlare sotto un altro profilo
Ma se voi stesse dentro una ancella da soli per ventidue ore al giorno con la luce sempre accesa
Nella impossibilità se non in certe ore di parlare con altri esseri umani
Nella impossibilità di avere anche in un certo tipo di cibi
Se voi dovesse andare a parlare con i vostri figli sempre dietro un vetro senza possibilità di toccarli se voi ogni volta che andate in quella stanzetta col vetro dove non avete la possibilità di
Toccare qualcuno veniste scusate la brutalità
Spogliati li facessero una ispezione corporale cioè negli orifizi corporali voi questa come la chiama resta
Io la chiamo tortura
E questa tortura esista nel nostro Paese si chiama quarantuno bis
Voi non sapete che nel nostro Paese
Noi Torno appuriamo persone pregevoli che hanno commesso reati orrendi ma li sottoponiamo a tutto quel lo che io vi ho raccontato in tre minuti senza senso perché non ha senso un'ispezione corporale in una situazione di questo genere
Perché non ha senso se posso registrare come in effetti registro
Tutto quello che dice il papà al figlio anche di quattordici anni
Metto agli quella barriera di vetro solamente perché impedisco di toccargli impedisco di avere un minimo di affettività
Questa è una tortura e cari ragazzi questo mollo dico non lo dice nessuno lo diciamo solo noi lo dicono alcuni esponenti politici pochi
Tutti gli altri sono garantisti da esportazione tutti
Tutti dicono no alla tortura tutti si scandalizzano quando in Uganda si tortura quando negli Stati Uniti magari si tortura però questo schifo italiano lo denunciamo come tortura solamente noi
E noi siamo gli avvocati penalisti italiani e noi non siamo rivoluzionari non siamo
Di amici delle no noi siamo persone normalissime nella nostra associazione c'è gente che vota molto a destra e gente che vota molto a sinistra
Se noi lo diciamo se noi tutti insieme lo diciamo dovrebbe essere una cosa significativa su cui questa società si dovrebbe interpellare eppure non si interpella
Ecco io spero che voi da questo nostro scambio di battute anche sulla tortura attorniata a casa e chiediate anche ai vostri genitori ma lo sai che succede così qui da noi
Professor coloro bene
E Marco non c'è riuscito a riferire che ci fosse cose un dissenso posso
Solo una frase perché è giusto tornate a casa chiedete sette sanno queste cose ma
Qual è la realtà
Del di pericolosità che determinati individui
Non voglio richiamare immagini che hanno sciolto nell'acido i bambini che hanno
Il livello di pericolosità Chausson lo so nella replica ci sarà centro è ovvio che lo dico consapevole che l'uditorio
Con non condivida di
Ma
Non è questa l'immagine che mi interessa a me interessa il livello di pericolosità pervasiva
Della criminalità mafiosa chiamata era
Tutti i modi che volete camorristica ndranghetisti eccetera
Che conosciamo in Italia la prego di la pericolosità pervasiva significa che qualsiasi strumento ad oggi si sia il reato non si riesce a contrastare la circolazione
Di ordini informazione certi colpa dello Stato e e fatto sta che lo Stato cerca strumenti per ostacolare questo percorso ecco io credo che
Sia giusta la perorazione di principio
Che viene
Dall'altro in particolare dalle camere penali e dall'Avvocatura però il messaggio non
Perlomeno personalmente non lo ritengo invece condivisibile
Nel momento in cui
Effetto a questa definizione
Perché ed è giusto limitare quindi verificare se sia indispensabile quel tipo di contrasto a possibile comunicazioni ordini ordini di morte
Ordini strategici alle organizzazioni criminali
Ma di fronte ad un fenomeno di questa dimensione
Definire semplicemente tortura perché e fortemente limitativo delle libertà della persona laddove noi sappiamo che la Corte europea dei diritti dell'uomo che ci ha insegnato tanto
Invece su questo versante non segue questa questo livello di censura ecco perlomeno
Accettiamo che ci sia da approfondire il problema e non saltiamo automaticamente alle conclusioni dal fatto che un'ispezione corporale sia particolarmente rigorosa
A quella che allora questo sia uno Stato che tortura i detenuti
Abbiamo adesso e no no nell'ambito
Allora a me sembra che la replica del dottor Mura approvi esattamente quello che ho detto io
Perché tutto quello che io ho raccontato ai ragazzi ma questo punto stiamo parlando tra noi a questo punto stiamo parlando tra avvocati e magistrati a questo punto siamo parlando a tutti gli altri cittadini
è del tutto fuori della logica afflittiva fine a se stesso
Quelle sono afflizioni fine a se stesse non sappiamo perfettamente che molto più utile per evitare la trasmissione dei messaggi e far parlare i detenuti
Fargli addirittura dare dei messaggi registrati è un paradosso
Non sappiamo perfettamente bene che non c'entra assolutamente nulla un'ispezione corporale inutile con la trasmissione dei messaggi lo sappiamo tutti quanti e sappiamo tutti quanti perché lo abbiamo confessato in sede europea questa il paradosso
Noi in sede europea quando siamo andati a difendere il quarantuno bis
Abbiamo detto si presti si perdesse che da quando abbiamo il quarantuno bis abbiamo un sacco di pentiti e quando abbiamo detto questo abbiamo spiegato in sede europea che il quarantuno bis serve con nell'Eva per costringere dal punto di vista del comportamento e dell'autodeterminazione i cittadini questo nelle convenzioni internazionali e definito come tortura lo so che fa paura la palla parola
Ma la tortura è esattamente questo è un tipo di condizionamento un tipo di trattamento che induce i detenuti affare o non fare certe cose
Detta in quella maniera sembra digeribile detta in quest'altra maniera non è digeribili e secondo noi fuori della Costituzione e con rispetto parlando che ogni tanto sento queste perorazioni per cui alla fine del discorso circolare si dice va beh
Ma in Europa non sanno ancora condannato anzi non c'hanno condannato ci hanno salvato c'è tempo
C'è tempo probabilmente succederà ma detto francamente non ho neanche questo riflesso non tutto quello che viene dall'Europa va bene
In Europa ci sono anche gli anonimi che valgono con le prove in circolazione e se siamo il popolo di Beccaria francamente semmai dovremmo tentare di non andare sotto giudizio in sede europea su diritti fondamentali come questo
Noi siamo perfettamente consapevoli che utilizziamo questa maniera di
Tenere alcuni detenuti per minare la loro dignità e di nuovo questo lo abbiamo scritto
Tanti anni fa io da Presidente della Camera Penale di Roma raccolsi le lettere di alcuni detenuti al quarantuno bis alcune erano non regole così brutali come quelle che vorrà contato erano regole cosche sembravano sciocche
C'era un detenuto che ci scriveva scusate ma perché io non posso mangiare le melanzane
Quando sto a Cuneo e invece Melesi mi fanno mangiare i pomodori pelati da un'altra Patrick fregnacce sono sano no era il quarantuno bis
Il quarantuno bis è questo tu sei sotto il mio dominio
E io un minino anche la tua dignità ed è scritto quando non l'abbiamo introdotto si diceva che questo serviva spezzare all'interno del circuito carcerario la diciamo d'la posizione
Del criminale di mafia e ad annichilire la sua personalità criminale
E finché lo fai con quello che vorrà contato prima significa tortura
Non c'è un'altra parola per definirlo certo i radicali a un certo punto scrissero tortura democratica ma perché questo ossimoro doveva essere ancora peggiore di tortura dottor Mura
Io spero che prima o poi la magistratura italiana lo riconosca che il quarantuno bis è una tortura e si unisca a noi e dica questo lo dobbiamo eliminare il che non significa assolutamente noi
Lo abbiamo addirittura nel dibattito del due mila tre scritto e approvato
Non significa eliminare le esigenze di sicurezza con i regimi di sorveglianza speciale le esigenze di sicurezza vengono tutelate al massimo grado il motivo per cui cioè il quarantuno bis che questa è una maniera di lottare contro il crimine organizzato
Però violando i diritti fondamentali
Di quegli esseri spregevole i che hanno fatto le stragi e che hanno sciolto nell'acido le persone
Ma la distinzione fondamentale e che io amo Sorgo nella cedo le persone e questo ci viene da Cesare Beccaria Azzano stavamo ancora ai tempi suoi
Ci sono perché io dovrei essere imparziale ma non ce la faccio perché io insieme a mia moglie ho fatto una virgolette non è una lezione un colloquio con i bambini della terza elementare
E bambini e la terza elementare alla fine hanno convenuto che anche chi aveva fatto delle cose importantissime delle cose gravissime non poteva essere diminuito nella sua dignità
I bambini della terza elementare
Ho detto atto dell'utente
No abbiamo finito avevo finito col c'è ancora un'altra domanda
A scusate non abbiamo finito era sulla tortura ma penso che abbiamo risposto nella piazzetta scusate l'abbiamo finito

Altre
All'erario nazionale l'ultima domanda letterario sfidante denaro accumulato negoziali secca
E affrontare tutti questi dati ci siamo chiesti perché la pena di morte questa né per la sinistra si numerosi Paesi
Fino alle particolarmente identicamente assunte nei dati che abbiamo in raccolto nessuna parte
Questa parte del mondo
E perché no stante l'esecuzione
Avvenuti in ambito militare
Che risalgono ormai a trent'anni fa
Per chiedere garanzie completamente politica
Per le domande
è
Sì però gli internazionali
Si sono battuti per
Ma io credo che
Si dovrebbe spaziare terreni dare una risposta a partire per esempio dal
Brillante relazione di ieri della professoressa scolastico che ci ha insegnato qual è la logica profonda
Di realtà importanti del mondo contemporaneo come tutto il mondo arabo
Che evidentemente fanno messe in conto nel momento in cui si affronta un problema
Così radicale come quello della eliminazione degli
Di una pena di una sanzione che è nella tradizione storica e culturale
Di di altri Paesi quindi intanto
Difficile dire perché non viene
Se così logico eliminarla abrogata
Le
A giorni sono molteplici sono soprattutto di resistenza culturale e qui
Soccorre almeno sul piano della speranza
Da un lato il vostro favore Point perché segna il trenta
Favorevole però d'altro lato la frase di apertura che poi non è di Beccaria ma l'ha appresa
Da Baccone sulla sul fatto che ci vuole tempo perché
Le idee e quindi forse
Questo tipo di dibattito che noi non non esiste sono dentro questa sala della Camera di Commercio di Livorno ma fortunatamente in atto in tutto il mondo non è che siamo piccoli
Partecipi oggi potrebbe portare a quella conclusione
Io
Come invece conclusione di questa bellissima occasione di conversazione con voi di vorrei
Confessare un
Una sensazione che ho provato e non l'ho trovata anzitutto quando sono reo confesso e sul
Unicità delle carriere sono stato giudice e mi porto appresso questa tara
Anche da pubblico ministero ma
Il successo nessuno è perfetto e
Quando ero giudice ho avuto occasione di di leggere di Leonardo Sciascia un romanzo porte aperte
Immagino che sia noto molti che che forse una bella lettura di sviluppo di queste nostre riflessioni
Perché riguarda proprio la pena di morte una vicenda ambientata nel periodo fascista a Palermo è basata su fatti reali
In cui una Corte d'Assise deve affrontare un caso di triplice omicidio premeditato perché l'imputato è accusato di aver ucciso e viene provato che ha ucciso
La moglie
La persona che aveva preso il suo posto sul lavoro e colui che l'aveva invece licenziato che era un gerarca
L'imputato è reo confesso quindi non ce n'è più diciamo ci sono le prove più c'è addirittura la Giunta della della confessione bene c'è un giudice a latere in questa vicenda in questo racconto ma non solo
Che è contrario alla pena di morte e trova un alleato in questa visione in uno soltanto dei giurati voi sapete che
In Italia
Non abbiamo quella che invece molti pensano che ci sia in tutte le aule anche del nostro Paese cioè la giuria da un lato il giudice dall'altro lato non è così quel e il modello inglese americano
Ed è tutto diverso noi abbiamo
La Corte d'assise che la Corte il tribunale
In caricato di giudicare i fatti più gravi gli omicidi
E questa Corte d'Assise composta da due giudici professionali il Presidente di un giudice a latere e
Da cittadini comuni che vengono estratti a sorte
E quando poi si va in appello cioè quando si fa il secondo grado del giudizio per controllare la prima sentenza ancora la Corte d'Assise d'Appello ha composto da due giudici e da sei cittadini
Ebbene
Quello del giudice all'ATER e cioè
Non il Presidente ma il secondo giudice professionale che stava nella Corte d'Assise di Palermo
Contrario alla pena di morte intimamente trova un alleato in uno dei giurati
E comunque Duce insieme a lui la battaglia ottenendo alla fine il successo di far prevalere nella camera di consiglio il suo punto di vista il processo si conclude con l'ergastolo con la
Intuizione dell'ergastolo
Secondo grado di giudizio come in Italia e possibile
E
Sugo impugnazione cioè questo appello viene chiesto dall'accusa
Il risultato invece e la pena di morte ebbene
Io credo che a conclusione di questa nostra conversazione come
Come
Tre
Regalo non è giusto ma come segno
Che vorrei che vi rimanesse da parte di chi ha contribuito a organizzarla come noi e a metterla in piedi l'espressione che sono andato confesso eccetera sono scritta che sono andato a rileggermi
Ieri e con cui si conclude
La
Meditazione di quel giudice che si era opposto e aveva avuto successo in primo grado ma
A fronte del quale impegno ciononostante alla fine fu inflitta la pena di morte
Da un lato in carriera rovinata perché questo provocò evidentemente conseguenze anche nell'ambiente giudiziario ma questo giudice
Definisce in questo modo la propria consapevolezza quella di avere raggiunto
Il punto d'onore della mia vita l'onore di vivere ecco io vi auguro di portarvi dietro quando ero vi penserete a
Ripulendo le da liberando le vallate Barbosa Itavia delle mie chiacchiere però ripensare tra questi concetti portar via presso questo concetto dell'onore di vivere che probabilmente è l'unica
L'unico elemento che ci può far sperare che l'obiettivo
Che voi immaginate
Ponendo quella domanda di estensione di questo divieto alla pena di morte possa un domani essere raggiunto
Anch'io
Ci metto veramente un minuto per dirvi un'altra cosa non torno sulla pena di morte l'abbiamo già detto Po noi avremmo voluto
Ma lo diciamo lo stesso rendere noto un appello
Per un per la vicenda che è stata anticipata prima di una giovane donna condannata a morte avremmo ho fatto un appello
In questa sede che più o meno suonava così penalisti italiani vini via Livorno per celebrare l'opera di Cesare Beccaria
Che primo se meno nelle coscienze degli uomini rifiuto della pena di morte fanno appello al ministro della giustizia al Governo al Parlamento italiano perché anche il nostro Paese assuma ogni possibile iniziativa
Che valga a sottrarre la giovane Mary Ann alla minaccia per l'abitazione
Quella condanna a morte ancora più ripugnante perché comminata non a fronte di un comportamento delittuoso ma a causa dell'esercizio di un diritto universale ed inviolabile della persona umana quale è quello della libertà religiosa
Gli avvocati dell'Unione delle Camere penali
Auspichiamo auspicano con forza che è una grande mobilitazione internazionale impedisca l'esecuzione di questa sentenza che la vicenda
Faccia avanzare nel mondo la battaglia contro la pena di morte ora che cosa è avvenuto da stampare ad adesso
Che quella
Sentenza che quel processo proprio per
Per
Per merito della mobilitazione a cui noi avremmo voluto dare anche il nostro contributo con questo appello è stata sospese ai siti farà il processo con una accusa che non contempla la pena di morte
Allora perché bolletta un appello perché l'ho letto a tutti quanti noi
Beh per dire che che noi di nuovo fatemi parlare degli avvocati italiani dell'Unione delle Camere penali che non sono tutti gli avvocati italiani però sono una della realtà più importanti dell'avvocatura italiana anche molto spesso non viene
Rappresentata per come
Noi facciamo cose come questo dibattito che abbiamo fatto questo convegno che abbiamo fatto
Non perché ci interessi dal punto di vista professionale noi lo facciamo perché agiamo all'interno della società affinché succedano piccoli miracoli come questo
Quindi noi in questo appello in quello che abbiamo fatto oggi ci mettiamo una parte importante della nostra attività che è quella di restituire alla società una parte una piccola parte del privilegio
Che abbiamo cioè quello
Di fare
Per mestiere per professione difensore del libertà delle persone che a mio modo di vedere è un enorme privilegio
Noi vorremmo dare a voi giovani che ci avete fatto queste domande il senso di quello che facciamo
Vorremmo che voi comprendesse che cos'è il diritto che cosa sono i vostri diritti che cosa sono i diritti inviolabili delle persone di tutte le persone anche delle più
Si pregevoli persone perché siamo convinti che pian piano
Questi rito penale moderno che probabilmente anche se come dice Tullio Padovani non del tutto c'aveva in testa Cesare Beccaria duecentocinquanta anni fa
Diventi una realtà sempre più diffusa e acché ci sia un mondo dove la pena di morte diventi come dicevo prima un tabù ecco
Tutto quello che abbiamo fatto in questo giorno e mezzo ivi incluso questo discorso con voi fa parte questo privilegio che
Noi restituiamo la società con la nostra attività
E vorremmo avere la possibilità di farlo sempre di più con i giovani e per questo che ci stiamo diciamo attrezzando per poterlo fare in tutti i licei e non solo con voi che siete stati in una certa misura attivi leggiate ma vi ringraziamo perché siete stati con noi
Ebbene
Come dicono gli avvocati che non voglio rompere le scatole mi associo a quanto detto viva al
Collega Spigarelli devo dire però che mi corre ci corre l'obbligo fra i tanti ringraziamenti di ringraziare ancora una volta radio radicale che segue tutti i nostri convegni
I nostri convegni ancora una volta
A registrato indiretta tutto e poi ce lo potremo anche di sentire andando sul sito di direi di Radio Radicale quindi
Tante grazie a tutti e
Ci rivedremo credo ancora con qualche iniziativa dell'Unione delle Camere penali che porterà la cultura della legalità e della libertà a tutti i cittadini
Scusate
Solamente per ricordarvi che la sessione pomeridiana del convegno con l'istituzione dell'Unione Camere Penelope si slitta però si svolge alla corda netta
E per chi c'era ieri essa insomma dove il passo c'è anche un pranzo quindi andiamo tutti insieme riconduciamo
Se se prendete posto cominciamo
Capisco che i ritmi sono un po'serrati però insomma
è stato sono state due giornate intense siamo alla fine
Ci siamo ovviamente ristretti anche se questo è il momento in cui ci allarghiamo ci allarghiamo a tutta l'Europa
Avremmo ha messo una un intervento che possiamo dire un po'
Conclusivo delle delle due giornate convegno del professor Mauro Palma che
Tutti noi conosciamo bene perché l'abbiamo avuto con noi diverse volte ed è Presidente del Consiglio europeo per la cooperazione dell'esecuzione penale del Consiglio d'Europa
In passato è stato anche Presidente del Comitato prevenzione tortura quindi direi che ha
Perfettamente le stimmate per
Per concludersi queste
Queste questi queste giornate di riflessione su Beccaria
A seguire poi avremo questo evento
Che non definisco il più importante perché già definito più importante l'incontro con i ragazzi liceali e forse effettivamente lo era però è sicuramente
Una un momento direi storico non voglio usare le parole troppe infatti che
Per l'Unione delle Camere penali perché oggi firmiamo
Questo questo primo accordo che vedrà i frutti del lavoro intenso
Della della professor Pansini del giovane come è stato definito professor Pansini
Quindi la parola la parola Mauro Palma
Grazie grazie dell'invito e mi scuso innanzitutto per il fatto che
Per un altro convegno nonché visita al carcere di Nuoro dove ero ieri nono potuto partecipare
Ai lavori delle del vostro convegno sono arrivato soltanto questa mattina più o meno del fase finale della discussione e con con gli studenti che però proprio per
Perché alcuni degli argomenti Telepiù quei pochi che ho sentito mi hanno particolarmente sollecitato volevo partire da alcune cose proprio data che
Questa mattina sentivo
E per esempio sentivo
Negli ultimi interventi quando si parlava di quarantuno bis si parlava di finalizzazione alla collaborazione finalizzazione accenni veniva
In mente proprio una frase di Beccaria
Nel quel sedicesimo capitolo dei dei diritti e delle pene quando lui dice che le esigere che un uomo sia nello stesso tempo accusatore accusato no
Lì l'assurdità delle esigere questo tipo questo tipo di di di ruolo e forse sono
Cose su cui ancora oggi e dobbiamo riflettere io mi partirò un attimo dalla questione proprio tortura appena arrivare al ruolo dell'Europa e pere
Distinguere tra ruolo espansivo anche nell'affermazione dei diritti dell'Europa e rischi invece a volte di rinchiudersi che l'Europa stessa
Manifesta innanzitutto distinguo subito solo tra due europei
Del stinco tra l'Europa del Consiglio d'Europa quindi dare larghezza dei quarantasette Paesi tenuti insieme dalla Convenzione europea per i diritti dell'uomo e le libertà fondamentali
Che rappresenta hanno come dire il legame tra quelli tra i Paesi che che nessuna parte sappiamo tutti che sono tutti quelli di questo
Territorio largo d'Europa di con l'arco perché per esempio essendoci dentro la Russia ci porta fino al Pacifico quindi è un'Europa
Che si estende anche nell'Asia addentro quella Turchia dentro diciamo con l'Europa larga ricordo sempre
Che manca all'appello la Bielorussia
La Bielorussia non fa parte del Consiglio d'Europa e non è parte della Convenzione europea per i diritti dell'uomo in quanto che la Bielorussia mantiene la pena di morte e dai se coesione alle condanne quindi non abbiamo ancora
Pubblico nel territorio anche del Consiglio d'Europa dicevo distinguo questa
Dalle
E dall'Europa dell'Unione europea che pur nella sua importanza all'Europa dei ventotto Paesi attuali
Ha fatto rubato dopo come punto di arrivo che ancora come dire molto parziale il riconoscersi in una carta dei diritti fondamentali la Carta di Nizza che dopo Lisbona
Entrata a far parte dei trattati
Però c'è una differenza tra per
Individuato come elemento costitutivo il fatto di riconoscersi in un paniere di diritti da tutelare e nominare un giudice la Corte di Strasburgo
Che che ha il compito di vigilare perché gli Stati ottemperino a quanto
E la convenzione prescrive e invece un altro processo che perché
Come dire a appartiene alla mia generazione ricorda anche in varie sigle che nei criticamente identificavano la la natura la cieca no comunità economica carbone acciaio
Il Mail mette il mercato economico comune e via dicendo poi il serpente monetario polio Unione
Finanziaria che di certo poi arriviamo ad una carta dei diritti cioè sono due percorsi che molto molto diverse forse alcuni
Delle possibilità di vedere un territorio come un territorio forse e oggi meno cogente però ugualmente
Diciamo importante sull'espansione diritti e l'altro territorio che
In qualche modo molte volte vede i diritti come come dei lacci rispetto al due
Sparizione che invece perché è molto più motivata sul piano economico perché mercantile economico finanziario
Dicevo parto dalla dalla tortura nel territorio europeo e
A me piace sempre ricordare che la prima sentenza
Che prevede che una testimonianza e estratta sottocultura tortura non potesse essere accettata nel procedimento
è una sentenza molto vecchia del mille trecentoundici
Ed è nel processo I Templari l'arcivescovo Rinaldo tra Concorezzo per la prima volta dice io non accetto questo tipo
Di testimonianza perché è stata estorta sotto tortura sappiamo tutti bene
E qui degli grandi maestri credo che ci è stato interruzione Adriano Prosperi e via dicendo eccetera calati maestri hanno illustrato diciamo questo percorso sappiamo bene come
Il territorio qui europeo abbia sperimentato la tortura sulla linea dell'in cui dell'Inquisizione e delle pratiche dell'Inquisizione e quindi l'importanza diciamo di dei delitti e delle pene in particolare mi riferisco proprio a quel se dicessimo
E preparate Raffo delle che riguarda in maniera specifica la tortura eh l'aggressione a quell'idea
Di prova regina e che la tortura in qualche modo poteva fornire che era poi latte la confessione
Il
Da tortura diciamo che evidente verso cui Beccaria rivolge il suo sguardo un attimo dura che io di solito
Direi seguendo la la sua traccia
Posso catalogare con quattro care in quattro categorie una tuttora di tipo giudiziario per con ferma
Una tortura di tipo giudiziario pere punizione perché c'è anche quella
Invece una tortura di tipo politico per il terrore è una tortura di tipo politico per combattere il nemico de quo due parole su ognuna ma le ritrovate poi
Nel diciamo il tetto in forma contemporanea però quelle che sono i quattro punti che l'UE elenca le da un lato c'è la tortura diciamo di tipo informativo di tipo confessori io o o di indicazione di altri
Con imputati e via dicendo che è quella che io chiamo giudiziaria per conferma però accanto a questa c'è anche ed è molto
Presente e
La tortura che in qualche modo agisce laddove non si ha fiducia nelle punizioni legali
E si vuole andare alla punizione illegale come e meccanismo diciamo sostituzione distrutto induttivo della punizione legale questo in me
Ci sono stati diversi casi in esaminati che per esempio come Comitato per la prevenzione della tortura
Abbiamo dovuto esaminare in Europa laddove e in qualche modo diciamo una un
La persona individuata come responsabile di un reato
Veniva conveniva lasciata o veniva direttamente diciamo unità tra virgolette al di fuori e prima
Della e se voi andate a vedere alla definizione
Della e tortura che dalla Convenzione delle Nazioni Unite e nella convenzione contro la tortura qua la definizione che viene data e questo uno degli elementi che mette dice perché chiunque
Per ottenere informazioni oppure per punire per
E via dicendo poi c'è
La e
Tortura del che invece diciamo questa diciamo sono il tipo di tortura questo primo aspetto di tipo giudiziario sia per confessione che per punizione è quella che sì qualcuno
Ha familiarità con la quella cosiddetta
Io l'ordinanza penale di Luigi quattordicesimo che quindi siamo nel tardo mille seicento mila seicentosettanta circa era il tipo di e possibilità che veniva messa
Beh e veniva messa come conferma anche della questione cioè nel caso in cui un reato prevedesse la possibilità di pena di morte prima di dare alla pena di morte veniva chiesta la conferma attraverso che il supplizio sostanzialmente
Invece poi apriamo le il due tipi di tortura che poi sono stati
A ampiamente anche sperimentati in regimi anche
E dittatoriali che è la tortura per terrore cioè la teoria dura come strumento per incutere diciamo terrore
E l'ultimo aspetto e invece quello della tortura
Rispetto al nemico al nemico individuato e e quindi diciamo in un certo senso
Passatemi il termine a tortura per pubblica utilità in un certo qual modo hanno
Fatto per sconfiggere un nemico che e questo aspetto ci porta alla contemporaneità e ci porta abbastanza hai giorni nostri è un aspetto che quest'ultimo che nell'impostazione di Beccaria non troviamo
Ma che invece e troviamo molto più recentemente ma addirittura non la troviamo anche nei commenti alle impostazioni di di precaria per molto per molto tempo
Anche se io prendo il libro delle lo scomparso Nino Cassese umano disumano sulle e quindi parlo di questioni di anni
Novanta diciamo delle come come tipo di di di tutti i testi anche in quel caso la tortura classica esaminata viene vista da Cassese come un qualcosa che ormai appartiene alla I kiss valori non viene più nominata
Viene negata da tutti gli Stati perché appartiene disvalore c'è ma è compito delle di chi indaga andare a scovare se c'è realmente stata il pesce
Il decennio successivo gli anni due mila ci hanno portato di fronte alla tortura esibita come strumento su cui siti
Sì batte si discute e si è discusso tarata addirittura nelle nostre case attraverso le immagini televisive di Abu Ghraib entrata dei nostri
Dibattiti giuridici attraverso le posizioni per esempio di di lascio Witz no diciamo quindi posizioni su crediti dicevano
Di fronte al nemico esterno c'è questa
C'è questa possibilità e e in lei tutte
Diciamo la le tradizionali negazioni che erano state fatte all'indomani della tragedia delle secondo conflitto mondiale
Cadono di fronte ad una situazione e che si manifesta adesso
Questa ipotesi è resa esplicita ai loro documento crei il documento di difesa nazionale e così del office Opel dal consigliere degli Stati Uniti del due mila quindici
Redatto da aggiorna in più che era intuire consulente del l'allora responsabile del dicastero della Giustizia Consales
E che era ville e che esplicita questo aspetto
Perché dico questo perché c'è un principio
E arrivo al Noemi
E all'interno di questo documento quei due mila cinque non è che parliamo proprio
Tantissimi anni fa nel due mila cinque che ci dice che quella c'è su
A che pensavamo colte con la modernità e poi con il dopoguerra di aver fatto rispetto ad un passato
In realtà invece poteva riproporsi diciamo perché dice nessuna corte c'è un certo punto un pregio
Giustizia o giudice avrà giurisdizione
Per
Considerare una possibili applicazione dell'abbia score pus dovuta nei confronti di uno straniero detenuto nel e Dipartimento di difesa di Guantanamo
E quindi mi si individua un territorio in cui mi si dice che nessuna corte all'interno del documento
Ufficiale di di un Governo nessuna corte potrà in qualche modo mettere
E gli occhi su questo tipo di situazione
E allora la domanda che mi viene fuori che che viene fuori subito eh
Rispetto a questo tipo di tortura politica
Utilizzata perché si è individuato il nemico interno e quindi quella che io
Ho ironicamente detto tortura di pubblica utilità
è possibile o meno al di là dei al di qua dell'Atlantico diciamo nel territorio europeo
E
Questo la risposta è immediatamente negative allora qui c'è un punto di vantaggio che l'Europa Cha all'Europa
A stabilito sin da ormai diversi testi decenni non sin dall'inizio della Convenzione europea però ha stabilito che il
Non ci possono essere luoghi dove non ci sia un'autorità incaricata e autorizzata a poter mettere gli occhi dentro
E quindi
Se evento questo non significa che non ci siano siano insistiti in Europa
Perché sappiamo bene che ci sono indagini su alcuni Stati dove
Dette tensioni segrete sono esistite e via dicendo ma non si può avere legittimità un principio come quello che non c'avevo precedentemente
Non può avere legittimità un luogo dove non sia possibile
Che un'autorità indipendente possa
Legittimamente
Andare a vedere andare ad annunciare
E questo mi sembra un punto di forza dello strumento europeo un punto di forza del Consiglio d'Europa non mi sembra e secondario sottolineare che e le
Pur nelle sue come dire le sue contraddizioni
Pur
Nella adozione e di legislazioni di tipo eccezionale
Che anche molti Paesi dell'OPEC dell'Europa hanno adottato dopo dire dopo l'undici settembre nei primi dieci anni e via dicendo
L'Europa abbia tenuto fermo il fatto che rispetto
Alla possibilità di controllare che nessuno sia sottoposto a torture o trattamenti appena inumane degradanti
Non ci possa essere limite poi sapete che l'articolo tre che questo che esprime il principio che dicevo poc'anzi
Della Convenzione europea dei diritti dell'uomo è uno dei pochi articoli inderogabili della convenzione
La convenzione in realtà ha soltanto quattro articoli che sono inderogabili
I gli articoli inderogabili so all'articolo due l'articolo tre il quattro comma uno e il sette il due la tutela della vita il tre
E la proibizione della tortura il quattro comma uno è il divieto di lavoro forzato e di schiavitù e il sette è il principio di legalità nulla pena sine lege
Che questo significa che anche
Può essere derogato in particolare situazione anche i le l'articolo cinque quello che come dire obbliga
A a convalidare a confermare ogni e privazione della libertà da parte di un'autorità e giuristi e di autorità giurisdizionale quindi di un'autorità indipendente
In deve l'articolo era stato derogato dal Regno Unito nel due mila due
E e l'articolo cinque perché appunto è un articolo derogabile
E il Regno Unito ritenne in quel periodo di che essere sotto una minaccia tale che permetteva rare la deroga sarà poi la Camera dei Lord successivamente nel dicembre del due mila quattro
A togliere questa cosa
Ebbene in quel periodo però in cui il Regno Unito R in situazione di deroga rispetto al al formulare un capo di imputazione apportare alla persona di fronte al magistrato
Non poteva però derogare dall'articolo tre
Per cui per esempio il Comitato qui allora presiedevo queste persone
Che erano come dire oscure al magistrato erano trasparenti hanno voi cioè non voglio potevamo continuare a vedere sempre
Perché noi eravamo incaricati di vigilare su un articolo che era inderogabile è chiara la differenza
Tra deroga di articolo derogabile o meno
Questo strumento di avere degli elementi di
Inderogabilità e quindi degli obblighi o delle proibizioni assolute è uno strumento quell'Europa si è dato molto forte e a me diciamo in qualche modo
Piace sottolinearlo piace sottolinearlo per dire che anche nei contesti zoppicanti dell'Europa e poi subito dopo passo a quelli zoppicante in effetti
Però ci sono degli aspetti che sono degli aspetti che probabilmente anche la generazione politica europea odierna
Non una sarebbe in grado di di assumere che sono stati assunti nei nei primi anni Cinquanta forti diciamo
Della e esperienza catastrofica da cui letta dell'Europa usciva e che secondo me noi dobbiamo continuare
A considerare come dei punti forti dei punti di valori dico un un'altra a questo proposito faccio un'altra parentesi
Perché la sentenza per esempio che a coinvolto l'Italia rispetta i trattamenti inumani e degradanti del sistema detentivo è importante perché è una violazione dell'articolo tre guardate
Bene io questa è una cosa che ripeto sempre perché a volte magari non è chiara a tutti l'Italia è stata condannata molte volte dalla Corte europea dei diritti umani
Per molti molti
Casi soprattutto relativi alle il ragionevole durata dei processi però fino al due mila e otto
Non era stata mai condannata per i più l'azione dell'articolo tre
Era stata in verità condannata una volta
Per diciamo non aprire sufficientemente indagato un caso di denuncia di e maltrattamenti
Quindi era nel nulla una condanna sul Carso quindi non non aveva accertato la Corte una violazione
Dell'articolo tre relative maltrattamenti marchio relativa alla effettività dell'indagine svolta su di essi
Dicevo fino al due mila otto non è stata condannata se tranne questa eccezione
Dal due mila otto a oggi è stata condannata ventuno volte per violazione dell'articolo tre
Allora
Un qualche cosa questo aspetto e qui chiudo la parentesi su questo punto deve far riflettere stamattina che sentivo il dibattito
Tra
L'avvocato Spigarelli procuratore Murano sentivo l'ultime e me battute del dibattito e le
è chiaro però che dopo al di là
Diciamo delle singole posizioni su singoli aspetti
E è chiaro che però diciamo tutti gli operatori di giustizia anche
La magistratura anche le Procure eccetera devono riflettere su questo fatto magari
Per dire che c'è stato un cambiamento di giurisprudenza da parte dalla Corte europea che che è diventata molto più
Se volete più più rigida su alcuni aspetti anche criticando le voglio dire
Ma quello che a me stupisce è che non si prenda atto di una situazione che anche in questo Paese è commutata pareggiati emani mente come paradigma in sostanza cioè noi
Siamo passati da una situazione in cui comunque su questi principi avevamo tenuto ad una situazione
In cui non possiamo più dire di aver tenuto chiudo questa parentesi per dire come l'Europa abbia un che paniere diciamo di possibilità soprattutto relative
Ai diritti fondamentali che deve
Mantenere come proprio patrimonio e in particolare il fatto in sé che che le si è data degli strumenti
Di tipo di di indagine e anche di visita di ispezione eccetera
In maniera tale da mettere in piedi un meccanismo e effettivo di e Petit concretezza rispetto al divieto assoluto della tortura
Poi altra cosa e come singoli Paesi rispondo ora questo voi sapete che per esempio l'Italia
Non ha ancore reato di tortura ora una delle due Camere lo approvato e all'approvazione dell'altra Camera ci sono perplessità sulla formulazione
Soprattutto perché non è un previsto Como reato specifico ma è previsto come
Una reato in cui l'essere pubblico ufficiale tanto un'aggravante ma non è non è qualificato come reato comunque diciamo i singoli Paesi hanno delle arretratezze ma l'Europa
Nel suo contesto questo punto quantomeno non l'ha legittimato
Tengo però all'altro aspetto è che l'aspetto della debolezza nello stabilire
Soprattutto l'Unione europea
Le proprie regole interne
Che nello stabilire quali possano essere gli strumenti di cooperazione giudiziaria
All'interno di un territorio dove ormai ognuno di noi passa da un Paese all'altro deve sempre con più facilità diciamo quasi tutti sono entrati nell'area Schengen quindi
E diciamo passiamo condoni senza
Documenti e via dicendo nello stabilire questi strumenti a me pare che l'Unione europea abbia seguito un percorso inverso e
E è un percorso che in qualche modo può presentare alcuni rischi sarà perché gli strumenti di cui ha parlato prima
Sono datati molti anni fa sa che questi nuovi strumenti sono datati e invece anni recenti quindi li sentono di un dibattito che secondo me sui diritti sia andato affievolendo
Sarà per questo sarà perché in un caso parlavamo di un territorio Consiglio d'Europa in questo caso parliamo di un'Europa
Che ha interessi economici molto come dire forti di un Paese con l'altro fatto sta che per esempio quando si è parlato di di Arre mandato di arresto europeo
E a mio parere si è preso il problema e dall'altra parte cioè noi siamo
E le la prima cosa su cui abbiamo cominciato a cooperare come arrestare alla gente cioè abbiamo preso quello che doveva essere il punto come dire di arrivo di un percorso
A partire da l'accordarci sui beni giuridici da tutelare e su come tutelarli sui tre interrogativi che poi lo dico in soldoni in sostanza che
Perché pulire cosa punire come punire no a partire da quello fino ad arrivare
Alla detenzione la privazione della libertà la detenzione
E invece l'Europa è partita l'altro verso e nel
Partendo all'altro verso partendo da un funzionali ISMU piuttosto che da un concettuale induismo
Ante edito da un'idea di come rendere efficienti gli strumenti piuttosto che dalla requisiti riflessione su quali sono gli strumenti necessari
è chiaro che poi la discussione su beni giuridici comunemente da tutelare sia fatta asfittica per cui quando si ha fatto l'elenco per esempio dei reati
Che tutti dovevano riconoscere ci sia poi messi d'accordo che la contraffazione di cd un reato che talmente grave sul cui tutti i paesi che europei trovavano l'accordo c'è l'accordo
Mi diventa poi
Un accordo segnato dal minimalismo e dalla capacità in qualche modo
Di colpire la minorità sociale dei soggetti che sono all'interno del territorio europeo non è solo un po'un minimalismo è e anche l'ATI la tipologia sociale ecco perché per esempio oggi io oggi
Qui come compito devo controllare i sistemi di esecuzione penale in Europa tutti i sistemi di esecuzione in penale sono infestati diciamo così da una detenzione che è detenzione sociale
Prima di essere detenzione penale in sostanza perché in realtà
è su questo tipo di questioni su cui poi si si realizza l'accordo allora dicevo cella il mandato d'arresto europeo
E andate in questa direzione c'è alle altre le altre forme di cooperazione per esempio
I diritti procedurali no i diritti procedurali si era fatta CRA mappa di Stoccolma
Che ne prevedeva all'inizio alcuni e che prevedeva
La tradizione degli atti la questione della trasmissione degli atti
Prevedeva la questione dell'accesso all'avvocato sin
Diceva il primo testo sia in sede per il momento che deprime lasciano per Liberti quindi sin dal primo momento della privazione della libertà non dopo che hai fatto un po'di
Operazioni di varie
Prevedeva la possibilità di accesso a me a un
A un medico che verificasse le condizioni anche di e anche un medico di dei CELTA dell'in R. Sato che verificasse come parere secondo che verificasse le condizioni della persona e fermata prevedeva la notifica salvo casi circostanziati eccetera
A una parte terza della privazione della libertà
Ecco questa road mappa assentata presentato assottigliare sulla traduzione degli atti siamo arrivati alla questione della traduzione degli atti principali
E voi capite bene che la definizione di atti principali
è una questione che determina un una ma come dire una vischiosità un flusso che mi diventa molto molto difficile quindi sì anche lì si è andato assottigliando sulla questione
Del l'accesso al medico e della notificazione alla terza parte è stata espunta
Dal completamente della dalla rotta dalla road mappa
Mentre invece si si è che molto cento incentrati sulle cooperazioni informative
Di polizia quindi una questione come dire ancora una volta di funzionali ISMU e di efficienza e con la possibilità
Che poiché il dibattito attuale che è in corso del procuratore europeo
Il con tutto il rischio diciamo della
In un sistema in cui hai seguito un procedimento all'altro verso quindi non hai prima definito il paniere dei diritti e che tutti dovevano in qualche modo riconoscere e poi in cardini del procuratore o con un sistema che essendo a macchia di leopardo tra i diversi Paesi
Nel rispetto alla tutela dei diritti procedurali può vedere un procuratore insediarsi in andare
A definirsi laddove tali diritti siano meno cogenti e capite che allora ancora una volta mi diventa
Uno funzionali Smoke è a detrimento delle ipotesi delle ipotesi di quella che si dice tante volte l'Europa dei diritti la globalizzazione dei diritti l'allargamento dei diritti e così via
Ecco due facce quinti di una situazione europea una situazione europea che è partita su una serie di fondi di fondamenti una situazione europea attuale che rischia di essere molto piena piatta ad una efficientismo che avvolte considera i diritti dei soggetti come dei lacci rispetto alla propria l'efficienza della propria azione
Rispetto a questo
Questa tendenza io credo
Che nell'apertura del semestre italiano voi sapete del semestre italiano prevede che l'Italia sia titolare
Di una serie di dossier che sono quelli già aperti dal semestre precedente e che pur volendo diciamo un Paese potrebbe aprirne di nuovi
Posso dire abbastanza con sicurezza che l'Italia non apriranno nuovi dossier nel semestre nuovo ma porterà avanti quelli
Che sono esistenti ecco nell'apertura di questi dossier tra cui c'è appunto la questione degli strumenti diciamo di di di procedura e quindi anche
Delle la questione del procuratore europeo io credo sia importante che si apra un'interlocuzione diversa con l'Europa
Così come rispetto ad altri temi che non può che aprire qua con opinioni riversi
Che sono temi rispetto ai Eileen come dire ai le costrizioni di bilancio temi rispetto alla politica economa
Mi comunitaria spesso si sente dire dobbiamo impostare una marcia diversa rispetto al rapporto con l'Europa io credo che anche rispetto a questi temi
Ritiri si deve avere una soggettività diversa rispetto all'Europa una società ci attività che non può essere
Quella degli Stati nazionali che ognuno difende il proprio in qualche modo il proprio ordinamento la propria tradizione
I propri modi diciamo anche di concepire tradizionalmente appunto le procedure del proprio Stato ma deve essere quella delle reti trasversali
Ecco perché mi faceva piacere e mi ha fatto piacere aderire all'ipotesi diciamo di una sessione in cui si parla di una rete trasversale perché
La mia interlocuzione con l'Europa deve essere un'interlocuzione di reti trasversali che facciano sì che l'Europa ritorni in qualche modo a riesaminare
Come diritti propri pilastri i propri fondamenti perché se invece e le l'interlocuzione con l'Europa e l'interlocuzione di rappresentanti soltanto degli Stati
Bene quei dossier andranno avanti
Con un meccanismo che è quello in cui ognuno cerchia
Come dire che il proprio sistema sia meno aggredito di continuare con il proprio sistema
Così come è sempre stato allora io credo che una una possibilità per esempio di a vere una Rete come la ritenevo camere penali
Di chi chi può diciamo
Di tipo trasversale tra più Paesi con diversi colleghi e non soltanto come tradizione peraltro che in Italia ha dato dei risultati e sta dando dei risultati penso
Lasciatemi citare visto e mi occupo sempre di cadere la questione dell'osservatorio che l'Unione camere penali
Farvi spetta al carcere la possibilità di avere un'interlocuzione che spinga all'Europa misurarsi con soggetti aggregati
Che siano aggregati in maniera come dire orizzontale planare non in maniera settoriale statuale
Penso che possa essere una metodo per riportare anche questo aspetto dell'Europa a quei principi e quei fondamenti che a cui non vogliamo rinunciare ad l'articolo tre le altre cose che dicevo all'inizio
E che invece poi sul piano procedurale a forte sembrano essersi andate un pochino dimenticando che sfumando
Basta
Bene
Diciamo che il professor Parma ha introdotto
L'argomento ultimo di cui parliamo perché praticamente ci ha spiegato
Do quello che c'eravamo detti e che ci aveva ivi in passate che ci ha portato a pensare all'Unione delle Camere europee c'è la necessità
Di creare una rete
Che parli dei diritti nelle nell'Europa a Milano c'è da diversi anni uno studio legale e che organizza con all'OLAF che in questa Procura diciamo antifrode
Un convegno NA
Ogni anno convegno molto
Partecipato eccetera e ha chiesto alla Camera Penale di di con la poco operare diciamo
E c'eravamo all'Africa e ci eravamo resi conto che non c'era proprio l'argomento della dei dei della difesa
è infatti grazie a questa cooperazione in quel convegno argomenta la Difesa entrato però vediamo che lavora in realtà ed a fare molto più più ampio
Lo sta facendo come come tutti sappiamo il professor Pansini che
O con la sua attività portato ricorderete quest'estate alla firma di un protocollo con
Gli avvocati spagnoli che per primi hanno condiviso con noi questi principi che sono comuni di di un'associazione che si occupa
Te l'affermazione del diritto di difesa del giusto processo
Oggi passiamo con l'aggregazione insomma il Proton Cino sistema ancora piccolo ma sicuramente si sta info intendo
Ad una firma proprio di un
Di un primo di un primo Statuto con una serie di avvocati colleghi che sono qua ci hanno seguito in questi lavori che vi presenterà il professor Pansini
Che va be'ci pensa professor pazzia chiamarle insieme con Presidente Spigarelli che porterà la penna perché deve
Firmare la trovi qua allora
Allora Valerio Spigarelli
Presidente dell'Unione Camere penali italiane
Professor
Victor Moreno catena
Presidente
Della società e dell'Unione spagnola degli avvocati penalisti
Il collega Paolo derisa e Cugnana
Del Portogallo
Il collega Paul cioè per
Che in delega del collega Mara inverno del Foro di pari
Il collega Ezio menzione menzione che ha delega del
Collega Batoni e dire di Istanbul
Località fa
La scelta del collega menzione è stata anche per le sue caratteristiche somatiche un po'vicine
Eppure
Tutto
Turco napoletano
E poi il collega si concili perché
Del
Egli ha presa dagli avvocati San Marino
C'è un'altra
Prego io
Prima di dare la parola i rappresentanti dei vari Paesi mi permetto di fare
Una sorta di in bilancio di questa attività che mi è stata
Commissionata dall'Unione Camere penali italiane
Alla fine di questo mandato mie
Domando se
Devo osservare rancore
Nei confronti di Spigarelli quale venne l'idea per primo di labile questo mandato o se devo formularvi i ringraziamenti
Dico che ho
Malgrado la fatica girare l'Europa il sollecitare l'interesse dei
Dei colleghi dei vari Paesi
Non solo di quelli che sono presenti anche
Di altri Paesi che hanno in itinere la procedura VIA visione alla alla nostra iniziativa
Devo dire che tutto sommato e una conclusione soddisfacente di un progetto che avevo portato avanti
Molti anni addietro nella mia all'ora Università di Urbino
Processo che vede
Processo poi purtroppo fallito che vide la creazione
Del Centro italiano del centro internazionale di studi per un processo penale europeo
Organizziamo quattro grossi convegni internazionali uno dedicato addirittura i diritti della difesa in Europa un ordine dedicato all'organizzazione e alla struttura del pubblico ministero
Uno dedicato al sistema delle prove in Europa uno dedicato al problema delle intercettazioni di comunicazione
Il
Perché intuimmo che il futuro dell'Europa era necessariamente anche fondato su di una
Effettiva piena collaborazione giudiziaria
Che doveva necessariamente essere preceduta dalla unificazione degli ordinamenti
Viceversa l'Europa ha fatto esattamente il contrario
Mi pare che sia una caratteristica delle scelte europee di fare le scelte all'inverso
Lo stesso è successo sul piano monetario
Al quale si è creata una moneta unica e non si sono creati
Gli organismi che dovevano presiedere al funzionamento dalla moneta unica
E e noi ci siamo trovati
Di fronte a un problema che su tutto
La ricerca di norme che fossero applicabili dovunque
E questa di circa di un metodo per consentire l'applicazione
Dell'Europa
Delle delle norme in tutta l'Europa
Ha visto una conseguenza che era la conseguenza preveda imprevedibile si è dovuto scegliere uno Standard Amelio
Ma lo Standard meglio
è andato inevitabilmente
Avvicinandosi ai livelli minimi di garanzia
E non ai livelli massimi
Quella
Battaglia che noi dell'Unione Camere penali italiane abbiamo fatto abbiamo portato a tanti per anni
Con
Coloro che mi sono succeduti nella presidenza dell'Unione
Io dovette affrontare la battaglia per l'entrata in vigore del nuovo Codice loro allo
Tutto affrontare battaglie
Molto più dure
Che sono sfociate perfino nell'ottenere la modifica di un articolo della Costituzione per introdurre la garanzia del contraddittorio tra i diritti fondamentali RAI tra le norme fondamentali della Costituzione
Dicevo quella battaglia correva il rischio di essere vanificata
E
Da queste
Limitazioni consequenziali che venivano dall'Europa
La tendenza ad una livellamento sul basso che dovevamo avere perlomeno una garanzia
Che i Paesi che erano più progrediti
Nella
Processo di
Gara di
Di stabilimento di garanzie forti dei diritti di libertà
Dovessero necessariamente abbassare questi queste garanzie
Io ho avuto l'esperienza anche
Della mandato dell'attuazione del mandato d'arresto europeo ero il vicepresidente della Commissione ministeriale
E ci accorgemmo quanta difficoltà trovavamo nella rendere
Possibile la di immergere nella vostra legislazione questo strumento sovranazionale
Tutto questo ci ha portato devo dire che
Faccio un parentesi un passo indietro questa
Attività che portammo avanti con il CIS prego con l'Università di Urbino ha trovato sempre la collaborazione la sensibilità e la collaborazione del Governo di somme
Che al quale
Anche in questo momento voglio rinnovare il mio ringraziamento per la collaborazione che abbia dato in questa attività dicevo
Venimmo Intini intuimmo la necessità che
Quella con la quale ha concluso la sua splendida relazione il collega Palma
Della
Di creare
Un momento di intervento di assurgere
A interlocutori necessari
Nel momento nel quale si formavano queste norme queste direttive sovrano natura nazionali e che avrebbero poi dovuto essere
Recepite
Anche
Superando
Gli ostacoli
Del conto delle costituzioni internazionale
E che individuavamo
Nella
Unità e della Unione europea il terreno sul quale ci dovevamo muoverci
Poiché
Solo se ci furono i gravissimi fatti di disturbo
L'arresto dei quaranta avvocati
Turchi accusati soltanto
Mi consentite l'espressione del reato di aver esercitato la propria
Professione
Correremmo corse il collega
A a Istanbul collegamenti ore a Istanbul per
Esprimere immediatamente la nostra solidarietà la nostra vicinanza solo stato poi successivamente anche io Adista Mulas rinnovare questa questo attestato di vicinanza in quel momento
Abbiamo percepito che il problema non poteva essere soltanto limitato
All'Unione all'Unione europea il problema si doveva estendere I Paesi
Della
Perché appartenenti al Consiglio d'Europa
E abbiamo trovato né i colleghi turchi immediatamente dei interlocutori entusiasti
è nata così
La
Idea dell'associazione che ha due categorie
Di partecipanti ma tutti con gli stessi diritti e colleghi stesse prerogative i Paesi della Comunità europea i Paesi del
Consiglio d'Europa
Io devo esprimere il mio ringraziamento a Victor Moreno
Vecchio
Fraterno amico Pecchioli
Non di età per carità
Se giovanissimo dei confronti della VIA età come direbbe dicevo con qualcuno fino a pochi anni fa certa un recentissima la
Victor Torino
Che immediatamente leggendo il nostro Statuto lo Statuto dell'Unione Camere penali
Prima se entusiasta della finalità della finalizzazione dalla nostra attività
Non
Un'attività corporativa ma un'attività che si caratterizza SEC unicamente esclusivamente
Nella tutela dei diritti del cittadino il difensore è un tutore dei diritti l'Unione deve diventare
Tutto dice i diritti di tutti i cittadini
E rileggendo lo statuto della associazione spagnola ho avuto la soddisfazione come appartenenti all'Unione camere penali trovare trasferiti
In quello statuto tutti i nostri principi che sono i principi sui quali abbiamo fondato poi questa bozza di Statuto che andrebbero ad approvare
Dobbiamo dunque essere presenti nel momento formativo delle norme solo sovra sovranazionale
Perché queste norme
Ci consenta un futuro
Nel quale i diritti dei cittadini
Non siano
Compensati come a Guantanamo non siano purtroppo calpestati come qualche volta succede anche quotidianamente nei nostri processi perché nel futuro
Di questa Europa non ci siano
Assurdità come
Il quarantuno bis per quanto riguarda il nostro Paese dobbiamo
Formulare dobbiamo attivarci in questo senso
Ho cercato di adempiere al mio compito probabilmente male
Come
Caratteristica del mio operato restituisco il testimone
A Valerio spero Spigarelli
E
Nel fare questo
Mi consente
Che io formulo un auspicio
Che l'unione europea dei penalisti intere dell'unione dei penalisti europeo internazionale dei penalisti europei da possa avere la stessa fortuna
Che ha avuto e lo stesso sviluppo che ha avuto l'Unione delle Camere penali italiane grazie
Riprendiamo diamo la parola
Successivamente prima no io io non dico due parole di come Enzo parola ma la diciamo ma mezza parola è tutta spesa
Per ringraziare Gustavo se non ci fosse stato Gustavo con il suo entusiasmo e con
Anche con la sua rete di rapporti di relazioni con il suo
Prestigio probabilmente questo progetto sarebbe rimasto come
Per molto tempo è stato solamente un un'idea forse anche una declamazione o la sottolineatura di una necessità
Noi sappiamo perfettamente che questa è solo il primo passo non ripeto frasi abusate di un percorso che sarà lungo io spero sarà anche un percorso
Molto significativo
Io penso che noi oggi
Sia pure
Diciamo con con la limitatezza del Primo piccolo passo siamo consapevoli che stiamo creando qualche cosa che può veramente portare un contributo all'edificazione di una
Strategia
Di coloro che si occupano dei diritti della difesa della libertà dei cittadini nel momento formativo delle leggi ma anche
Anche un piccolo mattone per costruire una associazione che possa come noi abbiamo fatto in Italia a scendere in campo rapidamente tempestivamente
Per la difesa nei casi concreti di violazione del diritto di difesa di violazione dei diritti fondamentali dei cittadini
E e soprattutto che si possa iniziare ad invertire in una qualche misura
La tendenza che prima era stata descritta cioè quella di
Partire dalla fine
E quindi partendo dalla fine anche di lasciare ahimè per strada alcuni dei principi che sono hanno voi così cari
Oggi firmeremo qualche cosa che diventerà uno Statuto successivamente che diventerà una costruzione successivamente lo facciamo con un
Piccolo gruppo di persone ma io penso che sia
Assai significativo e con il ringraziamento a Gustavo non non si può dare anche un un ringraziamento a Victor Moreno Capena io ricordo perfettamente quando
Queste state andammo con Gustavo fummo ricevuti
Con Gustavo dai colleghi spagnoli e lo dico senza enfasi ritrovammo in quella riunione in Spagna in quella riunione che era tutta formativa di un'associazione anche in Spagna proprio in vista di questo
Che stiamo facendo molto dell'entusiasmo molte anche delle
Affermazioni forti dei principi che erano alla base del percorso del cammino dell'Unione delle Camere penali
Italiane e penso che quella quell'entusiasmo fu contagioso per nove cioè fu un entusiasmo che ci trasferimmo vicendevolmente
E vorremmo che fosse un entusiasmo che si propaga poi agli altri pian piano un entusiasmo non che è una declamazione unto siamo che poi passa
Per fatti reali per fatti concreti quando ci siamo detti che era necessario andare in Turchia
è necessario andare a vedere che cosa succedeva al diritto di difesa in Turchia verificammo che quell'entusiasmo si traduceva immediatamente in fatti concreti e in in un'azione che è un'azione
Sottolineo la parola perché l'ha già
Detta Gustavo politica noi facciamo da giuristi da avvocati facciamo un'attività che è un'attività
Né nella miglior senso
Politica perché vogliamo cambiare la politica europea sotto questo punto di vista
Non dico altro dico solamente che sono contento che questo avvenga qui in Italia che sono contento che nuovi abbiamo contribuito a questo percorso
E sono profondamente convinto che riusciremo a portare con noi anche molti altri soggetti
All'interno dell'Europa e anche in confini più allargati come a detto Gustavo perché poi
L'idea è di invertire anche dal punto di vista culturale una fase storica in cui la difesa dei diritti
E sul piano internazionale molto spesso segna il passo non dico altro e lascio la parola invece i colleghi
Per le per farci sapere
Dal loro punto di vista come vedono questa questa nostra iniziativa
Io in questa attività ho fatto c'è una mia attività dell'Unione ho fatto due professioni che non mi appartengono ho fatto il
Pediatra neonatale con
L'Unione camere penali
Sono stato all'il all'interno all'insorgere dell'Unione Camere penali ho fatto l'ostetrico ginecologo per l'Unione europea adesso do la parola quelli che se devono essere i pediatri dell'Unione europea Victor Moreno
Tante grazie Gustavo Valerio
Io mi scuso di non parlare italiano
Ma con un giovanotto come come Gustavo io sicuramente può parlare un po'e spagnolo
Credo che
Este via coi
Questa mostra dando un passo prima ero
Pero enormemente importante
Parola me ancora
Della defensa deludere Cioce dello stile dannoso d'Europa
Deve possedere corsi anch'essi de che reggono Fini ha vinto deludere Ciolos nel convegni europea dovere cioè sul Mar Rosso quello strappato dell'ICI vuoto esauriscono Fini ha detto formale
Questa oppure di aver sempre libero pena un momento
Certo i compensi dico la relazione del professor Palma a fare un
Una esso uno al minuto su possiamo lavora Guantanamo questo i commenti credo che lo Sanioc Noventa durante il mandato dei Clinton minimum nordamericano Povia pensare
Più Guantanamo Povia volesse marcia
Per queste non senso dello Stato e settembre
La maggiori ha dalla sua fino all'americana mirava siano truci tiro non attendiamo che soffriamo Guantanamo non raccolti ante de che Lautrec Cioce
Dell'osso dette nido Stroke reclusi Idros e in quanto all'amo era assolutamente escono fiducia che l'aveva scorto sul nome si stia
Esatto il Konstantinos verrà sia dal Forum Tampieri lacrimare un'altra in un unico a esclusi
L'applicabilità
Dal mondo delle Cioce a partite dello Stato in favore dello Andress
Chi ero
Forme Ustari io
Che l'opinione pubblica europea
Della mano dello scavo addosso penalista sa europeo OSP fu era corsi ente della debilitato
Ve lo stretch oppure con l'affido sportelli a norma
Tre mosche star
Permanentemente Activos
Permanentemente denunziando l'applicazione
On line applicazioni dello stretto fra con la filosofia normali
Esso
Un appelli esso unte Silvio e su
No obbligazioni dello Savoca lo specialista sa salire al passo alzare la voce è stato presente ante il poter
Parla del Centre
Lo stretto Cioce dello stile dannoso europeo su
Che sta mostrando i comprimere il passo
Con uno su
Cui poco Spice est Europa e molti Amato alla porta Ivano Sonia Marra alla povertà
Del resto dello Spice europeo su farà l'opera Unali ANSA dello scavo vado specialista spia europeo su
Che
Fu era
Del corporativismo del lavoro Asia aziendali mire
Belle
POR la protezione
Porre la garanzia
Dello Stretto Cioce dello stile dannoso europeo su particolarmente tante nostre una lesa penalizza particolarmente Händel poter
Ante la polizia
Ante lo strip un altissimo
E se essi ce l'ho detto che questa possa
Collega menzione
Spero parlo in italiano non intorno
Della Regione
No sono qui
Diciamo come portavoce ma
La voce diretta del Presidente
Del del Consiglio dell'ordine di Istanbul c'è pervenuta ieri l'altro dopo che già erano stati presi accordi operativi perché forse qui quest'oggi per la firma
Con una lettera
Che vi voglio leggere
Che rimanda a fatti tremendamente drammatici nello stesso tempo però rimanda al
Ruolo che all'interno di questi fatti cerca di a vere
L'associazione il consiglio dell'ordine per
Arrivare a scoprire la verità su questi fatti
E allora la lettera così dice
Mi rincresce di informarvi che a causa
Di un incidente molto triste che ha preso che ha avuto luogo nella nel nostro Paese
Come forse già sapete non sarò non potrò essere venire in Italia non nonostante che abbia avessi già preso accordi
Su tutti quanti punti circa
Cinquecento persone sono state uccise nel disastro minerario assomma
E il lutto nazionale è stato dichiarato in Turchia per tre giorni
Come assai come Consiglio dell'ordine Noè abbiamo
Delle responsabilità legali nella raccolta di prove
E nel cercare di individuare quelli responsabili del disastro
Per cui
Io sono
Presente mente assomma e devo stare qui anche dopo anche domani anche domani vogliamo voglio scusarmi per la mia assenza e vi ringrazio lo in avanti e per
Perché sono sicuro che ne capirete il motivo
Per piacere
Fatte come se fossi con voi fisicamente
Come Consiglio dell'ordine di Istanbul siamo onorati di essere uno dei membri Fendi fondatori della
Camera penale europea
Certamente aspettiamo un'altra occasione di incontrarci e speriamo che sia nello stretto futuro
A questa lettera che rimanda a questo dramma abbiamo corrisposto
Come Presidente dell'Unione
Appena abbiamo saputo dell'immensa tragedia che
Ha colpito il vostro Paese abbiamo purtroppo immaginato che non saresti stato capace di essere a Livorno in questi giorni ce ne dispiace amo ma ci dispiace amo molto di più per la ragione di questa assenza siamo sicuri
Che
Tu sarai voi sarete capaci
Di
Dare una mano nel trovare le vere responsabilità di questa tragedia per quanto riguarda l'incontro siamo sicuri
Siamo sicuri di poter considerare il Consiglio dell'ordine di Istanbul come uno dei fondatori della nostra Camera penale europea
Ci saranno altre occasioni sperabilmente molto presto di incontrarci discutere stare insieme
Porteremo le tue parole alla all'Assemblea e
Certamente siamo certi che essa capitale serie ragioni per cui tu non puoi fare qui
Abbi la certezza che siamo vicino a te altro paese in questo tragico momento
E ci domandiamo se possiamo in qualche modo essere d'aiuto
Se ne vede settori intravede quelque qualche modo per cortesia non esitare a dircelo e siamo a tua disposizione
Quindi non ci sono i turchi e non ci sono per purtroppo un tragico ma fondato motivo
Credo che sia tesse nelle loro responsabilità non soltanto esser lì nel momento del lutto ma
Svolgere anche noi in questa occasione così tragica
Il lavoro che un bravo difensore di fronte a simili fatti
Si pone come obiettivo cioè di ricercare la verità enti mettere insieme delle prove e così via
Lo pongo che si possa mandare una lettera come Assemblea fondatrice
Della Camera penale europea
In cui si esprimono questi dati e questi fatte cioè non soltanto
La vicinanza nel momento della tristezza e della tragedia ma anche l'apprezzamento per ciò che loro stanno facendo aspettando le
Per una prossima vicina occasione grazie
Collega portoghese Paolo tesa e quindi al grazie
Onorevole come
Dirò alcune parole in italiano proprio tanto va posto vostra gentilezza per la storpiato Tura e approfittando cita per ringraziare opinione deve Camera penale la magnifica ospitalità
Con che sia accolto
E con il Garante sorpassati stazione che il Forum penale associazioni abbia Focardi penalisti importo che è assente
Integrare come un profondo attore vuol milione internazionale
Gli avvocati penalisti euro prego
Insieme con asso sia sonno muore
Contrari parti italiana spagnola
Franzese del San Martino
E turca
L'iniziativa dei maestri colleghi italiani e appare a un momento giusto
E e comma una lacuna che era stata sempre più evidente o di favore europeo
Che era una mancanza di una forcina tifare con potere per presentare il il favore dal diritto penale mentre favore abbiamo lassità dinanzi al pertanto
Fin dall'inizio abbiamo aderito anche a Sacconi entusiasmo
Che problema chi si fanno sentire dal campo dove la giustizia penale sono in larghissima misura comune alla pratica forense dal nostro Paese
Senza l'acqua preoccupazione deve essere esaustivo
Tra questi segnavo Como più bracciante dunque ove che su tanti e da una progressiva persistente erosione delle garanzie di difesa
Effettuata da una OBG fare azione profusa i sconsiderata dettata Augusto De ove di congiunture i capricci
Bocche conseguenza di una tendenza dei due pacchi eliminiamo di sanzione che trascende a notte fonda in mente un intervento minimo chiede che offre né alla curia sa dei principi
E sere riservato al diritto penale
E tubo che in un'aria
Pratiche è che anche alla nostra emerge dei una progressione geometrica che ovvero i siti di euro alimentazioni idea latitante controllori sanzionatoria dei regolatori
Chi si sostenendo di una natura amministrativa sono dotati di sanzioni e sempre sempre più onerose non accompagnata dal desiderato dei rafforzamento e alle garanzie di difesa
Infine ma non meno importante cui ha avuto che possono sorgere con una tendenza verbo l'armonizzazione di aver legislazione degli Stati membri ne ho diritto penale che ne è una procedura penale
Da che la prevista istituzione di un pubblico ministero europeo sia solo uno ma expressis fu esempio
A un atto di questi problemi sinteticamente e non si attivi
Ci sono altre che ha certamente preoccupano a tutti e chi si è feriscono principalmente alla pratica dell'avvocatura
Ed io per sue garanzie di prerogative tra cui risaltano qui un rispetto per il luogo di un difensore e per il segreto professionale
In Portogallo veri
Ci hanno banalizzato vertice Simeone studio legale io ha incluso tenersi casi di intercettazioni telefoniche ha toccati anche a noi i famigerati Spagna
Atto Tocci del re eccedere vigilante i combattivo né alla difesa intransigente e del ruolo che è una Forcato penalista
Mentre è un elemento imprescindibile allo Stato di diritto io al funzionamento del sistema giudiziario
Per fine manifesto Illy i miei auguri di ogni sul sesso per l'Unione
Chi oggi è a fare con lo Stato vitto assicurando offre che potete sempre contare con impegno militante teoria avvocati apporto che io sì ed è un lavoro associazione
Grazie misure per la pazienza del con che mi hanno ascoltato
Collega fede
Grazie
Allora che non si tutto come
Inno collega del Portogallo
Mi scuso in anticipo per il mio italiano però voglio parlare in italiano perché sono innamorato della vostra lingua nel vostro Paese quindi importante per me di parlare la vostra lingua
Stesso sardo molto breve io rappresento uno studio legale di Parigi con il mio collega che mente di Napoli
E vi ringrazio molto il mio collega l'avvocato Panzini presenta l'invito e siamo onorati di essere cui per partecipare a questo progetto
Al
O sette ho sentito due cose tra l'altro dei molto importante del da parte mia mi pare del del della del collega Panzini la prima cosa che non ne
Secondo noi il punto non deve essere un associazioni corporativa è vero che questo punto e
E molto importante siamo qui per i cittadini
E siamo qui per tutti i cittadini non solo gli imputati evidentemente gli imputati però anche i cittadini che sono
Le vittime siamo per tutti i cittadini non siamo lì per noi per gli avvocati o per inutili si corporativi degli avvocati e ed ero chiese credo che tutti i colleghi cui siamo siamo d'accordo io ed è molto importante di un po'di visto politico perché
Questo è un gesto politico oggi
E la seconda cosa molto importante
Forse il il più importante
Dobbiamo prendere il meglio di tutti indotti belli Paesi europei in materia di di diritti
E
Molto spesso in Europa prendiamo lo peggio di tutti
Dobbiamo prendere il meglio ad ci sono
Bellissime cose in Italia rispetto ai diritti della difesa che no in Francia non abbiamo quasi niente forse in Francia
Però
Dico forse in Francia abbiamo
Piccole cose diritto della difesa però proprio piccole rispetto all'Italia dobbiamo metterli dentro il progetto la stesso discorso per il Portogallo la Spagna tutti il meglio non lo peggio e credo che
Questo principio abbastanza
Semplice forse un po'tutto Popa Sico però
Nell'idea
E importante in questo momento è ancora una volta ringrazio per l'invito e se siamo onorati di patti citare tutti insieme a questo progetto grazie
Buonasera a tutti io
Appartenga uno Stato che però non mi consente di scusarmi per la mia lingua perché almeno ha con il piccolo ed italiani bene o male in comune
Intanto ringrazio veramente per l'invito e il professor Pansini in primo luogo che si è fatto appare però motore promotore pressante cortese di questa partecipazione sanmarinese a questa bellissima giornata
Ci ha creato un pochino di impaccio da un lato ma tanto tanto orgoglio dall'altra
L'impaccio ve lo spiego perché l'impaccio e che San Marino al momento non ha ancora una per
No prima Camera penale non ha un proprio organo di rappresentanza alla stregua
Delle Camere penali europea di ciascuno Stato
Quindi si trova in questa sede oggi a testimoniare
Con favore la
La sigla di un patto europeo fra le singole Camere penali dall'altra parte si trova impegnata attraverso me come rappresentante oggi tutti i colleghi Italy sammarinesi
Ad intraprendere a percorrere
Quello che sarà un percorso che perderà per gradi la costituzione di un proprio ente nazionale
Per poi aderire a momenti in cui verremo ammessi a quella che sarà speriamo fra poco la
Partecipazione all'organo europeo
Consentitemi di brevissime note perché il tempo prezioso per tutti e non ve lo voglio rubare
A commento alle parole che ho sentito dai colleghi sono veramente parole che mi sono rimaste dentro e che parteciperò ai miei di colleghi sammarinese
San Marino è uno Stato che forse i colleghi italiani sapranno è impegnato da un po'di anni in una rincorsa per un allineamento standard europei che fino a pochi anni fa appunto erano abbastanza sconosciuti per San Marino
Pur facendo parte di una lunghissima tradizione di
Regole di libertà e di garanzie per i diritti
Si è trovato però un pochino trascurato nel momento in cui si è dovuto mettere al passo con quello che
Il tempo assegnato per i singoli Stati europei a livello di legislazioni nazionali
Per quello che riguarda il diritto penale e quindi noi difensori che esercitiamo questo mandato
Avremo sicuramente bisogno del supporto degli esperti
Degli organi delle Camere
Euro penali europee perché perché a San Marino abbiamo ancora un sistema che quelle inquisitorio
Che ci permette cioè che non ci permette di essere veramente allo stato di garanzia all'avanguardia rispetto a quello che
Opera in altri Stati
Ed è per questo che insomma cercheremo di percorrere un per un un cammino di adesione come ho descritto prima anche per avere
A livello interno sammarinese quelli che sono ordini gli stand reca che vengono o usati negli altri Paesi a livello di garanzie della difesa
Quindi in questo senso ribadisco il favore del di San Marino al momento in cui oggi verrà siglata l'Unione delle Camere penali europee
E mi ritengo impegnato di portare la parola di questa camera di questa assemblea di oggi davanti ai miei colleghi sammarinesi grazie a tutti
Il viaggio cessata addio condizionati da grosse sempre messo
Allora procediamo procediamo allora firmata dallo
E questa bozza di Statuto e poi ovviamente sarà
Approvato
Dando atto che il collega sta balinese ferma con la clausola le l'adesione formale sarà fatta
In qua
Se non esiste
Se non esiste già
Certo
Rovesciata è essere invece seppur