16MAG2014
rubriche

Conversazione settimanale con Rita Bernardini

RUBRICA | di Alessio Falconio RADIO - 10:55. Durata: 29 min 59 sec

Player
L'emergenza giustizia, il sovraffollamento carcerario, la custodia cautelare e la carcerazione preventiva, le denunce dei Radicali in Italia e in Europa.

Il nuovo intervento del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, dopo l'incontro con una delegazione radicale e le dichiarazioni del Ministro della Giustizia, Andrea Orlando davanti al plenum del Csm.

L'irragionevole durata dei processi e l'amministrazione della giustizia.

Il convegno "Sempre più prepotente urgenza" di sabato prossimo all'interno della Casa Circondariale Dozza di Bologna con Rita Bernardini, promosso dall'Associazione
Piero Capone - Radicali Bologna.

Le condizioni di salute di Marco Pannella che continua il satyagraha e le iniziative nonviolente dei compagni Radicali.

Le iscrizioni al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito e ai soggetti che lo costituiscono.

leggi tutto

riduci

10:55

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Come ogni venerdì è il momento dell'intervista del team a lei con Rita Bernardini che la segretaria di radicali italiani che noi salutiamo buongiorno Rita rotte e un saluto a tutti gli ascoltatori allora approfittiamo Rita della tua presenza del annunciare un programma il programma di archivio di ore di Aversa perché avete Aversa questa sera ci farà ascoltare
Un documento del mille novecentosettantasei nel mille novecentosettantasei
Che cosa accadde accadde che nella procura di Firenze e di questo parlava Pannella lo sentiremo questa notte alla mezzanotte e mezza la procura di Firenze decise che di limitare drasticamente che le carcerazioni preventive
Perché non c'erano le condizioni carcerarie degne di un Paese civile questo ci diceva Aversa insomma gli status suggerito come servizio lo aiuto agli è venuto in mente leggendo che cosa e potremmo partire da quasi d'accordo leggendo
Denuncia la nostra denuncia esatto
Giustamente senza firma
Rossodivita Pannella e poi tanti altri esponenti
Dell'area radicale che abbiamo recapitato alle procure della Repubblica
Ne abbiamo parlato anche l'altro giorno ma è qualcosa di importante perché a settembre
E noi avevamo fatto una diffida diffidiamo avevamo circa sette Jean oltre settecento destinatari perché
Non c'erano solo le procure della Repubblica c'erano i direttori di carceri provveditori regionali il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria i magistrati di sorveglianza insomma l'elenco era lunghissimo
E la diffida era a restare molto attenti anzi più che attenti anni non eseguire
E carcerazioni e sia in custodia cautelare e che Perrelli definitivi
E che fossero illegali della detenzioni illegale
E cioè con trattamenti inumani e degradanti così come stabilito dall'articolo tre tre della convenzione europea dei diritti dell'uomo
Beh e in tutti questi Paesi non è accaduto alcunché
Quindi e che cosa è successo e insuccesso che e
Tutti questi responsabili di della detenzione e quindi delle singole persone
Al loro affidate per
Far scontare una pena che appunto priva della libertà gli esseri umani tutte queste questi soggetti istituzionali hanno istituito perché
è i numeri dietro i quali ci sono vite umane parlano molto molto chiaro e quindi da qui dopo la diffida c'è una denuncia cioè io ti ho avvisato sono passati molti mesi
Tu hai continuato in questa opera
E nella denuncia che è stata presentata che prefigura anche una diritto che è previsto dall'articolo cinquecentosettantadue del Codice penale
E cioè maltrattamenti in famiglia e poi leggendolo ci si rende conto
Che non riguarda proprio strettamente naturalmente le famiglie ma anche le persone e la cui custodia è affidata allo Stato
Oppure in comunità o al bravo in altre situazioni quindi c'è un articolo al quale
E si appella Marco Pannella poi ci sono le firme voglio ricordare di Maurizio Turco la mia di laurea conti Sergio D'Elia Elisabetta Zamparutti Maria Antonietta Farina Coscioni Antonella caso Antonio Cerrone
Marco Beltrandi Filomena Gallo Marco Perduca Mina Welby Irene testardi Gianni detto e pace la tua come abbiamo ricordato altro giusto
E questo adesso vediamo quali
Quale prese di posizione anche perché Pannella chiede
In questa denuncia di essere informato in ordine ad un'eventuale richiesta di proroga di archiviazione delle indagini preliminari
E no e poi che fra l'altro è Pannella nominare come suo
Ne avvocato di fiducia difensore l'avvocato Giuseppe Rossodivita quindi questo è e qualcosa che cioè è presente
E ed è idee il lavoro chili costante che cerchiamo di fare così come voglio segnalare chi era in fase di traduzione perché
Purtroppo al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa i documenti si devono
Consegnare nelle due lingue ufficiali e cioè o in inglese o in francese
è in traduzione in questo momento perché è stato completato un dossier che abbiamo redatto con Deborah Cianfanelli
Avvocato
Perché fa parte della direzione di radicali italiani
Firmato da Meda Deborah da Laura sconti
Che consegneremo appunto al Comitato dei ministri delle Consiglio d'Europa perché c'è proprio una procedura che prevede questo e qui vieni
E ripercorre la con tabelle cifre e anche valutazioni la situazione che e che è venuta a creare attribuito della sentenza Torregiani quindi è
Un il monitoraggio noi presentiamo tabelle ufficiali quelle
Distribuite e diffuse dal DAP e c'è poi di
Per ogni tabella o i nostri dati che confutano
Quelli messi a disposizione dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria oppure nostri commenti per valutare come la situazione sia cambiata in questi anni
E a proposito di sentenza Torregiani evitare ieri evidentemente in vista della sentenza Torregiani anch'che in vista della sentenza Torregiani e tornare a parlare il Presidente della Repubblica noi da Radio Radicale chiosando indiretta perché la dichiarazioni Napolitano è arrivata sulle agenzie di stampa proprio mentre eravamo in questa fase di presentazione dei programmi abbiamo notato come di sicuro Napolitano parla due giorni dopo aver ricevuto te Maurizio Turco e Marco Pannella
Al Quirinale
E parla il giorno dopo cioè l'altro ieri riferimento d'intervento
Di Andrea Orlando ministro guardasigilli di fronte al CSM non c'è quindi una sede
Più che mai sole ne
Nel suo plenum e Napolitano parla evidentemente a fronte delle cose che gli avete detto voi e a fronte delle cose che ha detto o non ha detto
Ma poi Orlando pilastro ieri al CSM perché poi Napolitano ieri USA un aggettivo molto chiaro anzi due ne usa misure no urgenti e adeguate evidentemente non ci paiono adeguate quelli che sono state prospettate fino a questo momento
Che esce dall'altra parte questo lo abbiamo sottolineato anche nel corso dell'incontro
Con il Presidente della Repubblica abbiamo un Ministro della Giustizia
Che e afferma abbiamo risposto a tutti gli appunti mossi dalla Corte
Cioè praticamente una condanna della Corte europea dei diritti dell'uomo per i peggiori reati perché il titolo è tortura del della violazione dell'articolo tre
Il Ministro della giustizia Andrea Orlando ridefinisce che ci hanno fatto dei rilievi degli appunti
E già qui lo credo che sia e che dimostri il eletti in coda gli atteggiamento devo dire che lo stesso vale per il capo del dato Tamburino
Certa e torniamo poi all'interlocutore di Napoli data
Teste tornando al al ministro Orlando certa per e sono le espressioni chiusa che dimostrano credo quello che c'è dietro
Abbiamo ridotto l'attenzione dei numeri
Sono quasi azzerate le situazioni di detenuti con lo spazio al distrutto dei tre metri quadri ed ho spesso grossomodo ha ripetuto ieri Tamburino e
Questo
A nostro avviso questo neanche il contenuto della della nostra memoria che abbiamo che stiamo per mandare al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa volta tradotta
E cioè che ora non si sono letti la sentenza Torregiani o fanno finta di non comprenderla e pago devo sottolineare anche un'altra cosa che a me sembra gravissima ormai le notizie che arrivano
Dalle varie carceri sono diverse da sono in atto
Dei trasferimenti in alcuni casi consistenti anche diciamo centinaia di persone in altri casi un po'più limitati ma
Che cercano di ridistribuire la popolato soprattutto dalle case circondariali del tentiamo AFAM Vittore la bozza oppure Poggioreale Regina Coeli eccetera eccetera
Per cercare di contenere il sovraffollamento di questi istituti chi è impressionante
Ed era non poi i conti che noi avevamo fatto perché non c'era solamente il discorso
Della capienza regolamentare che abbiamo contestato credo in un modo efficacia e nel corso di questi anni se sono arrivati a dover mettere
L'asterisco per precisare che quelle cifre non sono proprio e latte
Ma che bisogna togliere migliaia di posti da quella che deve capienza regolamentare vuol dire capienza di legge legge che va
Rispettata
Ma che dire tutto questo dimostra
Come l'Amministrazione proprio penitenziaria nonostante io qui voglio salvare però voglio dire con
Tra con franchezza alcuni rappresentanti e diciamo responsabili del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria che hanno dimostrato e che cercano di dimostrare
Molta attenzione proprio alle singole e limite
Che subiscono questi trattamenti dentro le carceri italiane
E che spesso si spengono e qui voglio dare una notizia agli ascoltatori di Radio Radicale per mancanza di cure e infatti Maria Grazia Lucchiari poco fa ci ha comunicato
Che
Praticamente è in corso un'indagine sulla morte avvenuta
Nel carcere di Padova l'otto marzo scorso di un
Detenuto Francesco Amoruso che arrivati in ospedale con una peritonite perforata e chi è morto subito dopo l'intervento
Ecco ECURIE fu cui ricoverato d'urgenza ma impressionante Rapallo che citato da cinque ne dissi che nonostante questo detenuto continuasse a dire che ci stava veramente molto male avevamo sottovalutato
Le sue condizioni di salute tanto che appunto è arrivato
All'ultimo istante per lui è stato l'ultimo istante di vita purtroppo
E c'è tutto Queco perché la questione dei metri quadrati non
Non può soddisfare perché nelle carceri italiane c'è il problema appunto della mancanza di cure
C'è il problema delle malattie infettive c'è il problema dei tossicodipendenti che certamente è clamorosamente sovradimensionato rispetto
Tutti gli altri Paesi europei
Però ripeto a me preoccupa e cerco di occuparmene anche
Che è questa
Sottovalutazione che fidare del fatto che ci sia uno Pato che per anni e anni elettori Corbari che era il mille novecentosettantaquattro tanta segno di radio radicale da appena nata quindi va be'erogato
Che per anni e anni e non si sono fatti scrupolo di eseguire uno Stato che appunto fa esibire una pena legale cioè contro
Le sue stesse norme la Costituzione quindi quella che dovrebbe essere
Il faro che ci guida e da alcuni anni essendo state implementate nel nostro ordinamento anche Ipres ex quindi per esempio della Convenzione europea dei diritti dell'uomo io a me quello che preoccupa è che poi c'è tutto l'altro aspetto della giustizia
Ecco del quale tranne nulli radicali tranne Marco Pannella con il suo sono
Integra sembra non volersi veramente occupare nessuno che è quello delle altre sistematiche violazione dell'irragionevole durata dei processi
Io sapevo che nel penale fino a qualche anno fa la media era intorno hai cinque anni
Della durata che è una media proprio
Straordinaria se paragonata a qualsiasi altro Paese europeo ma adesso siamo arrivati vicino ai sette anni
E tutto questo appunto cioè un Paese in ginocchio
Da questo punto di vista dove la giustizia praticamente non è amministrata
E continua così tranquillamente ICI sono
Qui possiamo dirlo milioni e di vite umane distrutte sai che non fa amministrare la giustizia che è la prima garanzia che deve essere data ai cittadini
Rita a proposito di darci domani sarà hai se non ricordiamo male proprio dentro un un istituto di pena quello di Bologna per un dibattito
Sì ce ne seguiremo una una iniziativa
Sì ma guarda intanto devo ringraziare Monica mischiati con parsimonia perché questa iniziativa l'affanno veramente riparando data imporrà non è un'iniziativa improvvisata perché
Fare un convegno all'interno di un carcere non è così semplice insomma ci sono
Dopo una serie di misure di sicurezza per dirne una ma abbiamo chiesto di voler fare la diretta però non sappiamo ancora se
Sarà possibile quindi ma perché ovviamente non è un luogo comune diciamo
Serata fatti guarda credo che è stato scelto dai nostri
Compagni dell'associazione Piero Capone radicali Bologna
Credo che ci ricorda le parole ancora una volta alle parole del Presidente della Repubblica due anni prima del messaggio alle Camere stavamo nel due mila e undici
E e il titolo che hanno scelto è
Una Sempre più prepotente urgenza un imperativo giuridico politico morale
E è un convegno anche abbastanza lungo perché avrà sia una fase mattutina anche una pomeridiana
E naturalmente oltre alla direttrice anni or sono previsti gli interventi di Giuseppe Di Federico che professore emerito di ordinamento giudiziario che fa parte della direzione di
Radicali italiani poi Deborah Cianfanelli che abbiamo ricordato per il suo
Dossier ed è sempre uno anche
In questo caso un avvocato mi va bene minimo che è garante pere per le persone private della libertà personale
Nella regione Emilia-Romagna interessante anche la presenza delle Presidente del Tribunale di sorveglianza
Francesco mai dopo
E poverini ci c'è il Presidente della Camera penale di Bologna e anche il direttore dell'ufficio detenuti e trattamento dell'umido dell'Emilia-Romagna
E Armando reo atto ma ecco qui voglio fare un una precisazione perché era prevista naturalmente anche la presenza
Marco Pannella allora abbiamo accennato
C'ha accennato glielo diciamo in ogni momento però ecco non so quanto Siviglia
Fermo nella mente di chi ci ascolta consapevole Marco sta portando avanti dopo l'operazione e che ha subito veramente uno del lungo Sarca gracile ha avuto
Se momenti piuttosto prolungati in in una fase sicuramente difficile postoperatoria né di giorni di sciopero della fede continua il
Satyagraha
E le sue condizioni sono molto debilitate questo dobbiamo dirlo
Con franchezza a chi ci ascolta anche quando abbiamo avuto l'incontro con il Presidente della Repubblica
Nonostante
Marzo cerchi sempre di farci forza insomma e di apparire in grande forma però insomma erano miscibili i segni di questa prolungata e azione non violenta credo proprio quel giorno dovrà fare dei controlli
E proprio sulle sue condizioni di salute quindi domani mattina all'ad hoc sulla credo che non ce lo ha farà proprio ad esserci ma perché
Perché
E l'ha valutazione che è stata fatta come partito radicale è che si
Non ci siamo a queste elezioni europee non è che non ci siamo così caucciù per un capriccio
E non ci siamo come liste ma cerchiamo di essere precedenti in un altro modo perché lo Stato italiano
Si connota sempre di più dopo sessant'anni di partitocrazia con un comportamento vera e propria sovversione sono queste le parole
Che ha usato Marco Pannella comportamento suppletivo
Contt Lucchini e contro cosa contro la legge fondamentali contro le leggi ma anche contro chi queste leggi
E queste norme fondamentali cerca di richiamarle come ha fatto il Presidente della Repubblica con il suo messaggio alle Camere iniqui la
La cosa fondamentale e cioè l'obbligo di rientrare nella legalità
In modo che l'Italia possa tornare ad essere un Paese dove si afferma lo stato di diritto il la democrazia tutto questo
Cerchiamo di affermarlo con la non violenza che vede protagonista primo luogo Marco Pannella
Ma in questi giorni per esempio so che sta portando avanti ormai credo che sia al nono giorno anche Maurizio vuole ogni sesto il suo sciopero della fame
Non l'abbiamo fatto per molti giorni con i reni testa ma insomma ognuno con i suoi modi esatti quarantasei
E neppure parecchie non ricordo precisamente ma
Per esempio poi ci sono iniziative che io credo che siano
Veramente significative e importanti perché tutte le giornate ogni settimana di sabato
I i radicali dell'associazione radicali Catania vanno davanti al carcere di piazza avanza
Parlano con i familiari e raccolgono
Decine di anni partecipazioni allo sciopero della fame da parte dei familiari dei detenuti ed è questo un contatto che cerchiamo dico
Che abbiamo costantemente insomma e domani
Ne vedremo una porzione di detenuti purtroppo non faranno
Tutti gli oltre cinquecento detenuti del carcere della Dozza perché non è possibile quel problema o comunque a farla sentire anche loro di fatto che si dovesse allora grazie a Radio Radicale ecco però ecco
Purtroppo queste iniziative che nove gestiamo noi ma innovazione non ci consente sono
E di poter incontrare come facevamo quando avevamo diritto come parlamentare rientrare anche a sorpresa nelle carceri di incontrare uno per uno
Coloro che nella stragrande maggioranza dei casi devono
Subire i trattamenti inumani degradanti da parte dello Stato indichi dovrebbe
Amministrare la giustizia
E anche la detenzione affinché sia una detenzione legale purtroppo non lo è
Rita un'ultima considerazione se non ci sono altri appuntamenti da segnalare diciamo dell'agenda più stretta diciamo della
Non ti io sinceramente ieri mi aspettavo che oggi sono Napolitano ci fosse più spazio sui sui giornali sui media e manifesto che a un'attenzione costante out L'Unità ho visto ci sono ma comunque
Insomma il Presidente della Repubblica e continua a dire a chiedere delle soluzioni urgenti quindi vuol dire entro il ventotto maggio proviamo a tradurre e adeguate cioè non quelle che ad appreso il Governo fino adesso
Evidentemente misure straordinarie di clemenza
E non passa
Va beh ma questo guarda queste uno fruibili molti di per cui noi siamo presenti in modo diverso solo con la non violenza in queste elezioni europei che non sono elezioni democratiche
è il problema della informazione ma non per noi
Veri diritto dei cittadini di essere informatici questa è una è un capitolo preciso
Che ci auguriamo non solo denunciando
Determinati fatti ma questi fatti di denunciamo con cognizione di causa attraverso nel monitoraggio unico che è quello fatto dal centro d'ascolto dei programmi
Radiotelevisivi che fa questo monitoraggio che incrocia le presenze televisive con negli ascolti e quindi
Dimostra trasmissione terre trasmissione quanta porzione italiani è possibile raggiungere
Anzi si è raggiunta concretamente e con una potestà riduzione piuttosto
Che un'altra quindi un monitoraggio scientifico unico e che da a
Dimostrare concretamente quello che avviene volevo dire un'ultima cosa attenga perché avevo citato Tamburino sì
Guerra anche il le espressioni usate da Orlando anche Tamburino
E che cosa afferma
Dice ci sono ancora cinquemila persone in più a parte che non sono solo cinque mila persone ma
Cinque mila persone in più rispetto agli obiettivi delle dipartimento ma chi ci frega noi degli obiettivi della legge l'Assise insisto
Ecco signor dovrebbe importare a Tamburrino la legge il rispetto della Costituzione un'ora e lascia intensa Torregiani e quindi corrispondere
A quanto accertato richiesta non gli obiettivi del dipartimento
Per cui poi si danno anche altre cifre
Dice entro due anni dobbiamo arrivare a cinquantacinque mila detenuti che capire perché investiranno gli obiettivi
E mentre le persone detenute dei nostri istituti sono sottoposti
A quella a quei trattamenti l'ultima cosa volevo dire sul Partito radicale perché ascolto grazie a
A voi a questa radio le voci e di coloro
Che ancora troppo pochi
Stanno s'
Scegliendo iscriversi iscriversi stanno sciogliendo di
Per fare un tratto di strada assieme di prendere questa abbonamento questa Petra questo biglietto per un anno iscrivendosi al partito radicale
Non stiamo a proposito degli abbonati non siamo abbonati e e lo voglio dire perché io sono segretaria di radicali italiani ma senza il partito radicale
Nessun soggetto dell'area radicale ha ragione di esistere non è che noi stiamo
Abbonati
A a
A dovere esistere
A tutti quelli che ci dicono e ci hanno detto durante tutta la nostra storia e che non ci fosse radicali che non ci fosse Marco Pannella bisognerebbe inventarmi
Beh diciamo che ad inventare lì in questo momento i radicali sono non più di mille persone in tutti Italia
Bene
Poi quando non
Quando accadrà perché noi ripeto non siamo abbonati ad esistere e quando accadrà che noi che ha più questa fiammella accesa
Nella nostra Italia che innalza la Bazzan la bandiera del diritto della democrazia del rispetto delle regole e poi non ci si può lamentare se non ci ha dato
La sua forza tutte nella propria porta il proprio contributo per cui
L'invito è quello ad iscriversi al partito radicale e ai soggetti che lo costituiscono
Zero sei sei otto dove sei e radical parti punto grazie davvero grazie a te Grazia Rita Bernardini che dunque lo ricordiamo domani a Bologna nella carcere della Dozza vedremo se
Usciremo avere dei permessi per poter
Rendervi conto indiretta di questo appuntamento che avrà sessione antimeridiana e pomeridiana