16MAG2014
intervista

La Rai come servizio pubblico tra riduzione degli stipendi, indagini Antitrust, tagli ai costi operativi e informazione. Intervista a Marco Beltrandi

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo RADIO - 11:56. Durata: 22 min 45 sec

Player
"La Rai come servizio pubblico tra riduzione degli stipendi, indagini Antitrust, tagli ai costi operativi e informazione. Intervista a Marco Beltrandi" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Marco Beltrandi (membro della Direzione, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata venerdì 16 maggio 2014 alle 11:56.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Antitrust, Canone, Concorrenza, Costi, Dirigenti, Diritti Umani, Esteri, Gentiloni, Giulietti, Governo, India, Informazione, Partiti, Partito Democratico, Partitocrazia, Pechino, Politica, Pubblicita', Rai, Renzi,
Servizi Pubblici, Spesa Pubblica, Stipendi, Vecellio, Vigilanza.

La registrazione audio ha una durata di 22 minuti.

leggi tutto

riduci

11:56

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale il torniamo a parlare tirai lo facciamo perché
Tra ieri e oggi
Mille il consiglio di amministrazione della RAI dato il via libera al taleggio dello stipendio delle
Delle del del Presidente del del CdA del del della RAI Anna Maria
Tarantola i sono annunciati anche
Tagli per per periti per i dirigenti che comunque non ci sono obbligati al
A ridursi le le biglie buste le buste paga
Che cosa sta succedendo proprio mentre l'Autorità per la garanzia della della concorrenza sta per concludere una delicatissima indagine che riguarda
Gli appalti esterni della della del
Della della RAI ma in tutto questo dobbiamo chiederci se la RAI i file fa il proprio fa il proprio dovere ovvero si svolge quel quella funzione di servizio pubblico del dell'informazione che tutti reclamano dall'azienda radiotelevisiva di Stato
Parliamo di questo con Marco Beltrandi già membro che la vigilanza la RAI e deputato radicale
Marco Beltrandi allora innanzitutto sorpreso che sia arrivato ora diciamo il dibattito sui temi sui il taglio dei manager della
Deve dei dirigenti di DDA alle di viale Mazzini oppure
Oppure questo è un diciamo il fumo né negli occhi nel senso che poi questo questo taglio degli stipendi non certo era davvero
Mai una volta tutto sommato posso assicurarle che siamo stati
Chiaramente deve essere su base volontaria perché come dicevo anche ieri il Governo non può intervenire pubblicando nessun taglio dall'azienda di servizio pubblico quindi
Su base volontaria mi sembra una buona iniziativa così magari
Si ritrova anche il peso dei quaranta dirigenti che dubbi Gubitosi apportato dall'esterno
Proprio mentre l'arista allora contenendo i costi ecco e quindi mi auguro che questo questo accordo vada avanti diventi effettiva
Questa mi sembra una piccola svolta positiva ecco anche se naturalmente
E perché cali qualche problema c'è perché perché comunque la RAI oltre che essere un'azienda pubblica dieci anche in concorrenza con i privati e quindi poi
E questi tetti non valgono per i privati non si vede come potrebbero valere il rischio poi
Non è che migliori dirigenti se ne vadano sempre presente quindi queste misure c'è sempre anche una certa quota di due demagogica perché poi non è mai del tutto chiaro
Quanto questi tetti consentano effettivamente di risparmiare
E quali sono i costi che pure ci sono di queste iniziative comunque generalmente sono piuttosto favorevole
Perché per gli altri dirigenti non si può fare il tagli io del
Dello stipendio come quali elementi intervengono ricordiamo che per ora mi sembra che ci sia soltanto una delibera del CDA della della RAI
Sì sì no perché esco ovunque play tutto ci sono dei contratti in essere no che si andava con questi dirigenti non è che
Se il Governo invita la RAI a fare un'operazione di spending review senza avere nemmeno i poteri per poterla imporre
Automaticamente i contratti che negano la RAI a questi dirigenti sul ripeto spesso venuti dall'esterno diventano carta straccia
Quei motivi c'è questo aspetto un aspetto che
Insomma uno stato di diritto ammesso che il nostro ossia
Cosa su cui ho sempre più dati i dubbi e per non dire certezze negative
Lo stato di diritto dovrebbe tenerne conto e poi c'è un mercato comunque dei dirigenti fra le diverse reti ma anche
Fra aziende che operano in settori diversi lo stesso Gubitosi ricordavo ieri e portati in RAI
Circo una quarantina di dirigenti li ha collocati nelle posizioni apicali quindi sono stati sottoscritti i contratti ed è chiaro che
Adesso si rimette tutto in discussione si può farlo ma ci deve essere l'adesione dell'altra parte altrimenti cioè cosa accadrà cadrà quello che è accaduto negli ultimi anni in RAI cioè contenziosi di lavoro
Tutte le parti in cui la RAI finisse con il sempre più a soccombere calato capitolo degli sprechi del servizio pubblico che sta in quest'Aula Sears costano oppure denaro
Che meriterebbe un'attenzione perché se farai rientrano tra gli sprechi V ufficio legale tra potente che poi perde molte cause di lavoro
Una licenza non molto edificante
Del in tutto in tutto questo c'è anche un un altro elemento diciamo inquietante alla Senato su diciamo solo noi
Le forze politiche si stanno dando da fare per
Eliminare il taglio un taglio che era previsto per la RAI di centocinquanta milioni per il due mila quattordici
Che lo Stato avrebbe dovuto riversare alla RAI per il pagamento del del cannone no allora c'è il rischio che quando lei per esempio paghiamo il canone che i soldi del canone non vadano a finire proprio la RAI
La
E io l'ho detto dall'inizio questa
Questa manovra che si chieda RAI e che qualcuno del Governo segnatamente per finalità avevano del Consiglio vorrebbe addirittura imporre alla radice è illegittima
C'è e di fronte a un ricorso che la RAI sta ancora come quel capitolo buttando ma se lei decidesse di opporsi di fare un ricorso in Kosovo vince al cento per cento che allora il tono margini
E consentano al Governo dopo tutte le sentenze che sono intervenute dopo tutti i precedenti che ci sono stati che consente al Governo una cosa del genere quindi
E questa strada che in realtà però messa nel decreto questa scelta che è stata inserita nel decreto IRPEF quello degli ottanta mila euro è una strada che così complesse fra via di uscita poi francamente
E ci sono un paio di problemi onesto che alcuni emendamenti che dicono no cancelliamo questo taglio è piuttosto prendiamo i centocinquanta milioni dal recupero dell'evasione del canone
Non è una cosa insensata nel senso che
Ci sa che ci sono circa trecento milioni armamenti evasione del canone
E allora anche qui siamo alle solite o decidiamo questo canone non non si debba più pagare popoli e significa consegnare dal racket completamente in mano alla pubblicità
E non mi sembrava del tutto positivo che il servizio pubblico oppure facciamo pagare chi deve pagare possibile che
Ancora favorevole al cannone
Io tenevo chiaramente sì ma spiego anche perché anch'io sono favorevole al canone perché sono favorevole
Al servizio pubblico radiotelevisivo naturalmente se questo viene reso perché finché è un servizio pubblico non è reso come oggi allora divento anche io sfavorevole al canone però c'è una legge che impone di pagarlo quindi o si modifica questa legge non si fa a diventare qualcos'altro o comunque un sopracanone va pagato cioè una evasione altissima circa trecento milioni l'anno
Allora forse era proprio il vano prelievi denari anche perché
C'è una contraddizione dentro il Pd io voglio ricordare che la posizione del PD
E segnatamente quella del Ministro dell'allora ministro delle comunicazioni Gentiloni che oggi schierato con leggi è sempre stata quella di dire
Aumentiamo il perno del calore rinunciamo al peso della pubblicità per avere un servizio pubblico che in teoria avrebbero dovuto essere meno legato alla audience o no più legato alla qualità
Ma interessa invece pare andare
è inutile sia del tutto opposta e non ho sentito un gran dibattito dentro il Partito Democratico su questo cambio di linea
Poi secondo me centocinquanta milioni anche a prescindere dalla legittimità quindi della richiesta sono troppi cioè sono troppe per la congiuntura attuale della RAI la RAI è un'azienda che ha chiuso tutti i bilanci
Precedenti in rosso stava tornando in pareggio sotto ci metti un carico per centocinquanta milioni
E si crea un nuovo rosso quando c'è il rosso poi a pagare sono i cittadini e quindi
è un serpente che si morde la coda
Dove il verbo modo serio di affrontare la questione che cosa dovrebbe essere un servizio pubblico al G venti nell'era della
Perché citarle non non c'è questa questa messa in discussione questa discussione sul ruolo del servizio pubblico deve alberi
Ci sono state in questi anni Alari dei tagli lineari che trattano indebolito il servizio anche ai ricordo che sono state chiuse addirittura assenti in luoghi strategici del mondo Cina India insomma una volta
Ecco a proposito di di di questo
La RAI l'informazione della RAI sta bucando dei leggi importanti avvenimenti tu osservando i telegiornali noti che diciamo la la RAI non segue bene non solo fatti di politica estera che cosa hai potuto riscontrare in questi giorni
Che il servizio pubblico sul piano informativo atte a violare costantemente dei medici e del tutto balcanica in concreto in termini formativi infatti
Voglio proprio risponde direttamente alla tua domanda e vorrei ricordare che
Alcuni anni fa
Il fondatore di articolo ventuno l'amico
Giuseppe Giulietti invece quando era deputato a fare una proposta
Crediamo con una sorta di forma
Dei diritti umani mettiamoci il giornalista del TG due
Anche dirigente radicale Valter Vecellio perché ha dimostrato quella sua aria
Io credo bravura e e capacità e di sensibilità in materia perché da dove partiva questa questa richiesta partiva dalla constatazione che quando ci sono crisi internazionali dai arriva in ritardo
Poi cosa è successo è successo che voi è una delle varie spending review interni alla vicenda per cercare di lì i mali costi
è sono state chiuse asseriti come quella di Pechino inseriti aiuterebbe
Eccetera ed in quelle parti d'accordo
Che sono
Oggi anche in termini economici sempre più
Del cinque per cento del corpo fisico di quali l'Italia stipula importanti accordi di non evocare partorita dovrebbe intensificare e avrebbe bisogno di intensificare i rapporti
L'interscambio che comunque sono cospicui interni e neanche facciamo proprio quando queste sedi questi Paesi diventano fondamentali noi
Tagliamo le sedi ecco questo è un esempio di quei tagli lineari
Che sono autolesionistici incidono sul servizio pubblico verso i cittadini
E quindi l'idea era appunto quella di creare un al ministro sfondando gli sms Fiesta del direttore generale che quando c'è una crisi per esempio di diritti umani
In qualche area del mondo fosse in grado tempestivamente di raccogliere i servizi e dei
Sorpassando le dichiarazioni dirette dipendendo solo dalla direzione generale potere intervenire sui palinsesti proprio per coprire questo gatto storico purtroppo questa proposta che non abbiamo cercato di inserire nei contratti di servizio abbiamo cioè
Non è mai stata recepita dall'azienda il buco si allarga sempre di più
Mi permetto anche di dire che la reazione della RAI non è neanche tempestiva quando si tratta
Di servizi relativi alle vicende locali malgrado la RAI abbia questa rete clamorosa di sedi locali che però come dicevo ieri sono sfruttate malissimo
Per quanto per quanto riguarda le
Italy volevo chiederti questo il costo del personale della RAI si aggira sui novecentotrentatré milioni e mezzo
Fino a due anni fa era di novecentocinquanta cinque milioni di DDA euro di fronte a un risultato questo è quello dell'ultimo anno netto di duecentocinquanta milioni in positivo
Rispetta i duecentoquarantacinque in negativo del dello scorso anno quindi più cinque più cinque milioni
Volevo chiederti
Ecco questi dati
Giustificano o giustificano dei dei tagli oppure un'azienda che va bene deve essere c'è non deve subire diciamo queste misure draconiane cioè
Che cosa si può dire su
Su questo anche in relazione ha una risicatissima indagine che è quella della del dell'Antitrust che star scoprendo diciamo un sacco di di di magagne per quanto riguarda gli appalti esterni della della RAI e trovando diciamo molti legami con dirigenti della RAI e costi lievitati diciamo
Lassù il canone potrebbe diminuire anche se di minore se diminuisse ero questi
Con scrive vengono lievitati di di tutta questa mercato sotterraneo degli appalti
Io so solo questo che tu che tutte le ricerche scomparsa indicano che la RAI a un eccesso
Clamoroso di personale
Con i numeri che sono assolutamente da primato
Che poi messo in rapporto ai ricavi e confrontando il tutto con i concorrenti uno può vedere bene come la cosa mi così non regga barche direttori citato oltre novecento milioni cd spende per stipendi io ricordo più il
Il ricavato del campione
La a circa un miliardo e
Terzo un po'meno un miliardo e quattro un miliardo e tre
E per cui Campa sale questo la dice lunga
Dopodiché da una situazione di questo tipo che è piena di sprechi perché gli sprechi ci sono a partire dagli appalti e sono lieto che qualcuno indaghi finalmente
Non è la strada dei tagli lineari quella
Che si deve adottare bisogna tagliare essi ma là dove ci sono gli sprechi e non
Non la fare atti che poi magari
Ho indeboliscono il servizio pubblico io ricordo che la
Giustamente la percezione del servizio pubblico da parte degli italiani in un anno intero oggi ed è sempre peggio salma
Percezione di una qualità continuamente in ribasso quindi gli non fra i tanti mai fare investimenti forse si deve tagliare appunto sugli appalti
Forse si deve tagliare il soggetto in questi fornitori consulenti esterni che
Sono molte volte Campovolo sensazione che siano ex dipendenti RAI
Che si sono fatti l'azienda in proprio per rendere il servizio lo stesso azienda oppure familiari di dirigenti che poi
Hanno aziende che l'autonomia e l'appalto con una lancia a circa una serie di strutture Totti
Che francamente me riflettere però l'attenzione del giornalismo più trenta perché la politica visto che ha gli strumenti che la Commissione di vigilanza
Aiutasse la RAI quest'opera che autoriforma crescere molto ampia
Anche per riportare nel conto economico in equilibrio perché adesso con questi chiuso centocinquanta milioni ammesso che la RAI e c'è da dire intervenire considerare il tema parlare di nuovo
C'è la la norma del mi sembra dell'articolo venti del del decreto IRPEF
Che diciamo sui tagli obbligati alle
Alle aziende controllate dal dallo Stato si prevedono per il due mila quattordici tagli del due virgola cinque per cento e del quattro per cento per
Per il due mila e quindici tra i dettagli la valuta i tagli dei costi operativi
Il il
Il Vice Ministro dell'economia Enrico Morando di di fronte alla Commissione di vigilanza della RAI ha detto che questi costi operativi non verranno ridotti per alla RAI è un errore strategico
E circa un anno e l'ottimo morale lo si rende conto che non si può imporre questo tipo di cosa netta del decreto né in altro modo insomma come ho detto basta un semplice ricorso la cosa cambia quindi
Non capisco perché il Governo italiano si debba infilare ancora una volta i precedenti sono degli anni forse in una partita che sono già di perdere tutto lì
Certo
Un'ultima a un'ultima vicenda che cosa di nicchia spetti dal
Come grande cambiamento per per per la RAI che cosa vorresti vedere cambiato nel nel futuro prossimo in una in un'azienda che
Che produce in televisione sempre di giusti peggiore di peggiore qualità
Io dico solo questo che lo diciamo da anni e non è che ci siamo limitati a dirlo denunciarlo spiegare il perché abbiamo presentato progetti di legge
Abbiamo presentato proposte abbiamo svolto iniziative non si può accusare i radicali
Di essere complici in questo inerzia interessata della politica affinché tutto rimanga così perché il problema di questa azienda e che si va avanti così è condannata inevitabilmente a un declino che sarà prima o poi anche economico
E che io ho sempre detto iscrivere anche rischio d'Italia cioè ci sono le condizioni e credo sia
Al cento per cento all'ora
Cosa si deve fare di fronte a questo anzitutto la la prima cosa che si dovrebbe fare
è per ripensare il servizio pubblico nella nell'attuale contesto dei media
Se non se la maggioranza e da culturale italiana non è in grado
Insieme alla Commissione di vigilanza magari aiutata dalla Commissione di vigilanza biglietto impegnare e di ripensare il ruolo del servizio pubblico oggi dove tutto è cambiato e
Evidentemente non ci sia se poi addirittura quando si discute del contratto di servizio si
Nardiello apprende sempre trovando sponda nella politica per cui hanno sempre più ridotto del servizio pubblico
Allora non si riesce a capire come possa legittimamente pretendere poi di far pagare il canone cioè
Che non si aumenta la percezione della qualità da parte del pubblico della programmazione si è mossi ridà lustro al blasone del servizio pubblico evidentemente
Anche la percezione di legittimità del canone sono sempre più bassa e già credo sia molto bassa quindi
è un tema che va ripensata in toto andrebbe riorganizzata completamente e dovrebbe svolgessimo un'azione sinergica positiva tra dirigenti dell'azienda e politica in particolare la Commissione di vigilanza
Dal momento che dal momento che invece magari i principali attori della politica forse al prossimo con il Movimento cinque Stelle che oggi presiede prima Commissione di vigilanza
Non sembra avere molto interesse affinché le cose della RAI cambino perché la RAI dar loro il sostegno politico fertile qualche non sappiamo che buona parte del palinsesto è occupata proprio
Dal anche dagli staff del Movimento cinque Stelle quelle probabilmente continua adesso c'è uno scambio sgradevole tra spazi e orari
Assegnati appalti impotenti
Quindi lei sempre i soliti quattro cinque e lo vediamo anche in questa campagna elettorale europeo dove lo ricordo ci sarebbe ancora liberamente del quattro per cento da superare allora assetto come servizio pubblico
Nel rispetto della legge non dargli spazio sufficiente a evitare Vietti affinché i cittadini scelgono con consapevolezza
è evidente che poi è una corsa si riduce a quattro e solo quattro verbali passeranno col Parlamento
Con
Questa questione è fondamentale questione della legalità la questione della riforma dei contenuti del servizio pubblico la riforma dell'articolo che è l'intenzione
Bisogna sperare rispettare questa questo intreccio perverso di interessi fra dirigenti RAI ricerche dalla politica e con criteri oscuri controllo Kundera scali ci siamo battuti
E dirigenti appunto fra dirigenti va bene partitiche una beneficiando di questo leggibile
Se ne fregano dei conti economici e preferiscono che l'agenda vada direttamente al fondo ecco questo è il problema
Alla base non è piccolo me ne rendo conto però non so se ha già consapevolezza dal mondo politico ma soprattutto volontario a rimuovere riformare questa situazione
Bene io ti ringrazio ringrazio Marco Beltrandi
Già parlamentare radicale membro della della Commissione di di vigilanza
Sulla RAI col quale abbiamo parlato della situazione del
Della dell'azienda pubblica di Stato radiotelevisiva naturalmente grazie
Elemento