16MAG2014
intervista

"Spes contra spem": Luigi Amicone commenta l'intervento di Marco Pannella all'Assemblea del PRNTT di oggi

INTERVISTA | di Roberto Spagnoli Radio - 17:12. Durata: 4 min 40 sec

Player
Luigi Amicone è direttore della rivista settimanale Tempi.

""Spes contra spem": Luigi Amicone commenta l'intervento di Marco Pannella all'Assemblea del PRNTT di oggi" realizzata da Roberto Spagnoli con Luigi Amicone (giornalista, direttore e fondatore del settimanale "Tempi").

L'intervista è stata registrata venerdì 16 maggio 2014 alle 17:12.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Amnistia, Carcere, Cristianesimo, Digiuno, Diritti Umani, Emergenza, Giustizia, Napolitano, Nonviolenza, Pannella, Partito Radicale Nonviolento, Politica, Presidenza Della Repubblica,
Riforme, Storia.

La registrazione audio ha una durata di 4 minuti.

leggi tutto

riduci

17:12

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Continua e la Satyagraha di Marco Pannella l'iniziativa non violenta per la legalità la giustizia e l'amnistia banale è un intervento durante una riunione alla sede radicale è tornato su un concetto che spesso ha toccato stesso presente nei suoi interventi Spes contra stemma c'è avere speranza anche quando le circostanze concrete inducono invece a perdere ogni speranza proprio adesso che dice Pannella invece abbiamo
Il contrario la sperma contro la spesso cioè e quindi la le la le condizioni concrete che rischino di uccidere ogni speranza abbiamo telefono il direttore della rivista attenti Luigi Amicone direttore la sentito cosa ha detto ma nella cosa ne pensi
Sì questore innanzitutto interessante questa ricco della lettera di San Paolo ai Romani
Pannella parla Roma
Di Roma dentro Roma
E questa ecco che è poi il richiamo rimpallo ad aprire fede no è il fondamento della fede la speranza e contro ogni speranza perché e
Dal punto di vista dei Cristiano l'esempio di codesto appunto in riferimento a un che di Paola reale
Ramo no Graziosi morto allora Centanni sua moglie era quasi morta aveva Centanni ed è stato il padre del popolo ebraico
Specifiche la questione evidente è sotto gli occhi di tutti Luisa far percepire anche gli animi nel suo intervento mi pare tutti parlano tutti aderiscono il Capo dello Stato
Ripete che anche un e ha ragione Pannella quando dice sbagliando è una non è una questione di affollamento è una questione molto più radicale e la questione dell'amministrazione della giustizia in Italia punto da qui fiatare
Dalle carceri si apre tutto il problema di una riforma della giustizia che
Diventa diventa indispensabile ma naturalmente
Le speranze che vanno contro la speranza è che nascondono l'indicibile cioè che nessuno ha la vede la forza
Necessaria e ad aprire per entrare veramente nel merito a ciò che tutti riconoscono ma che poi
Non hanno la ed è l'apporto la di portare avanti fino in fondo infondo Pannella va anche oltre cioè bisogna essere speranza anche come farlo immettendo in gioco il il proprio corpo insomma
Sì il proprio corpo ma
Certo Pannella a questa scelta radicale appunto no
Ma non la forma di questa radicalità può essere finalmente quella di smettere di girarci attorno e di entrare per esempio dentro il Parlamento chi è nel Parlamento
Chi è ai vertici delle istituzioni
E
Appunto mettersi in gioco veramente fisicamente poltrone Istica mente cioè mettendo in gioco la propria o reputazione e la propria carica per andare sino in fondo ciò che figli
Conviene giusto necessario indispensabile
Per
Che questa
Questo Paese continua a essere
Possa diventare un Paese civile e democratico perché il punto questo alla fine no di fronte certamente questa è la carne della sfida di fronte a
Una
Ma e Codella in grida della savana che sembrano essere a vere
Conferma nelle urne avanti con la con le manette avanti con
No con con
Con la gogna avanti con
Neanche con la ghigliottina perché è una farsa ghigliottina non hanno neanche il coraggio del sangue vero davanti a questo bisogna avere il coraggio di avere una forte una fede
Per dare più di queste speranze cialtrone grazie grazie al direttore di Tempi Luigi Amicone buon lavoro a risentire sembrerebbe presso