16MAG2014
intervista

Crisi economica: intervista a Giovanni Legnini sui dati relativi al Pil italiano, tornato di segno negativo nel primo trimestre del 2014

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 5 min 52 sec

Player
"Crisi economica: intervista a Giovanni Legnini sui dati relativi al Pil italiano, tornato di segno negativo nel primo trimestre del 2014" realizzata da Giovanna Reanda con Giovanni Legnini (sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all'Editoria, Partito Democratico).

L'intervista è stata registrata venerdì 16 maggio 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Cassa Integrazione, Crisi, Debito Pubblico, Deficit, Dipendenti, Disoccupazione, Economia, Europa, Finanza, Finanza Pubblica, Germania, Governo, Italia, Lavoro,
Pil, Renzi, Riforme, Spagna, Spesa Pubblica, Stipendi, Sviluppo, Tasse, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 5 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Enrica Izzo
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Il Presidente Valentini anziché la renna direttore dell'Assessore ventiquattr'ore napoletana scrive nascono in un altro segnale intitolato ritorno alla realtà
C'era l'anno del
Aspetto
Il esplicative
Trapani però
Qualche disattesa tutti quanti
Tra l'altro sono andati giudicano né
Tutta l'Europa carta in alternativa
Grande difficoltà in cui non richiesta
Appunto rallentamento o meglio
Minor crescita rispetto alla regola
Offrono il privato cioè in tutta Europa
Come eccezione del giorno
Quando poi ci si muove dentro lo allora la forbice meno zero
Zero uno
Azzeccare previsione sebbene cosa pubblica
Il tema è se il nostro Paese spazza lombardo
Modulo migliore potrebbero possibile
Questa falsa
Spingere su
Il prodotto quindi una crescita dell'occupazione oppure no queste Tessitore io
Naturalmente preferito rispondo
Come assoluto convincimento cioè è difficile immaginare che si possa fare
Molto altro rispetto a quanto già candidato che è tantissimo si tratta semmai di accelerare e accelerare
Per realizzare le riforme strutturali che sono state
Congiunta ricevuti dal tre insediamenti
Presuppone
Sulla falsa riga di quello che sta succedendo in Spagna
Diciamo tra i Paesi
Europea e neppure gli atti
Non va benissimo mettere poi a
Ha comunque acquistato
Non c'è nessun
Ma guarda e mi ha la situazione dei Paesi europei è molto diversificata difficile
Fare paragoni
Per le situazioni sia per la diversità delle situazioni di partenza
Sia per le dinamiche che si innescano perfetto per la
Delle misure delle forme che si adottano e così via
Ripeto noi abbiamo il dovere di fare in modo che la stagione delle riforme strutturali che
Iniziata si concluda al più presto il via a frutto il gruppetto io sono convinto che in questo modo
Questo trend si possa invertire che si possa dare conseguire
L'obiettivo
Indicatore libertà
Possibilmente andare oltre
Far crescere più la nostra economia basti pensare al fatto che la misurazione del PEF non ancora
A urla prima attuazione
Ovvero che avrà una parte
Basta sarà anche
Grazie
Sui ci sarà anche per le casse della Regione dati
Ma era già così nel senso che
Si intendeva anche dentro
La platea quel bonus del va bene euro vi era non vi sono
Tutti i percettori di reddito da lavoro dipendente e assimilati
Di cassa integrazione
Oltre sarebbe il caso del dottor Filippo
Non c'era bisogno di un intervento di copertura aggiuntivo perché era già stipato dentro la prevenzione
Contenuta nel decreto
Sono due un'altra è un altro dato
Alcuni dicono sicuramente non ci sono i fondi
Oltre
Sulla
Invece dicono no no
Guardi questo punto è stato un mondo dove obiettivamente
Così come è scritto riscrittura
Vale per il due mila quattro
Ma
Il Governo ha assunto un impegno solenne che intende assolutamente rispettate
Di rendere strutturale questa manovra permanente
Che significa che con la al più tardi
Strutturare avrebbe detto
Il tema del dell'incapienti sarebbe stato affrontato
In una fase successiva e soprattutto
Facendo in modo che le coperture siano anche se permanente perché alcune di quelle di quel contenute nel decreto sono
Una tantum per ragioni ovvie perché si è fatto il proprio provvedimento in modo veloce perché del disturbo dei risparmi di spesa producono effetti nel tempo e così via quindi io su questo sarei assolutamente
Fiducioso
Proposte del genere questa Commissione
Non è che si può tornare indietro una volta che si è fatto
Così grave io tassare i lavoratori
Semmai bisogna dalla
Manovra correttiva
Ma nemmeno assolutamente
Le
Il dato i dati si vadano a consuntivo
Noi ci auguriamo ripeto degli obiettivi macroeconomici dobbiamo intenderci
Sulla
Base
Si fondono le previsioni siano conseguiti quindi
Non c'è motivo che oggi per fare manovre correttive d'altra parte il nostro Paese
I condizionali in ordine c'è il problema del debito ciclopico
Che bisogna affrontare nel modo più importanti al
Documento di economia finanza
Non c'è bisogno di ridurre ulteriormente il deficit perché siamo abbondantemente sotto il famoso tre per cento
E quindi semmai bisogna fare di più sul fronte della crescita ma questo sarebbe un
Misure
Programma
In effetti se una