18MAG2014
intervista

Intervista a Marco Politi sul suo libro "Francesco tra i lupi. Il segreto di una rivoluzione" (ed. Laterza)

INTERVISTA | di Andrea Billau RADIO - 16:04. Durata: 42 min 46 sec

Player
Vaticanista de "Il Fatto quotidiano".

"Intervista a Marco Politi sul suo libro "Francesco tra i lupi. Il segreto di una rivoluzione" (ed. Laterza)" realizzata da Andrea Billau con Marco Politi (giornalista, vaticanista de "Il Fatto quotidiano").

L'intervista è stata registrata domenica 18 maggio 2014 alle ore 16:04.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Argentina, Bergoglio, Bertone, Cattolicesimo, Cei, Chiesa, Francesco, Giovanni Paolo Ii, Ior, Libro, Omosessualita', Pedofilia, Politica, Unioni Di Fatto, Vaticano, Violenza.

La registrazione audio ha una durata di 42
minuti.

leggi tutto

riduci

16:04

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale siamo collegati telefonicamente con Marco Politi uno dei maggiori vaticanisti al mondo che collabora attualmente con il fatto quotidiano innanzitutto lo salutiamo salve poli ora propri non ci siamo sentiti l'ultima volta per la telefonata di Papa Francesco a Pannella e abbiamo
Analizzato questa telefonata da un punto di vista particolare dal significato che poteva vere per il pontificato proprio di Francesco adesso vogliamo un pochino allargare il discorso attraverso un libro che da poco uscito per gli editori Laterza a tua firma e che a ma il titolo Francesco tra i lupi il segreto di una
Rivoluzione ecco Marco di fronte alla crisi conclamata della Chiesa lezione di Bergoglio è sembrata una chaise ta necessitata ma da quel momento il Pontificato di Francesco assunto un aspetto rivoluzionario di cui tutti siamo stati testimoni e che il libro di cui appunto abbiamo ora parlare né testimonia tutt'e le valenze ma anche le possibili impasse da cui il titolo allora io vorrei raccontare questo testo e parlarne attraversa anche un pochino una diciamo un seguire e poi il filo no che tu di pali in questo testo perché insomma è un testo molto articolato e inizio proprio io vorrei partire proprio da qui ricordati Bergoglio come Arcivescovo di Buenos Aires dove en dici Pato i passi di quello che il suo pontificato sta realizzando un modo di vivere sobrio l'attenzione ai poveri I marginali agli immigrati e quindi la proposta di una chiesa che non controlla ma compagnie fedeli e così

Questo libro in realtà parte da dove gli altri finiscono perché in genere tutti i libri che sono usciti in questo anno e sono stati parecchi
Hanno solo registrato il grande consenso di cui gode Francesco che un consenso assolutamente notevole non solo fra i credenti anche fra i non credenti
Anche fra persone agnostiche pensiamo al dialogo che Francesco ha iniziato con Eugenio Scalfari per esempio ma
Il problema è che dopo un anno di consensi adesso si tratta di capire
Come
Andrà avanti la rivoluzione di Bergoglio perché Bergoglio sta portando molti cambiamenti come suo progetto per voglio vuole smontare la Chiesa imperiale ereditata in qualche modo come istituzione dall'impero Romano in cui il Papa è un imperatore assoluto che decide tutto Bergoglio vuole maggiore partecipazione dei vescovi e governo della Chiesa quindi una forma di democratizzazione ha creato un consiglio di cardinali che questo Consiglio degli otto cardinali
Di tutte le tendenze Bergoglio vuole dare più un ruolo a quello che un parlamentino della Chiesa che il Sinodo dei vescovi una rappresentanza di vescovi di tutto il mondo che si riunisce ogni tre anni a Roma
Per discutere di dei problemi principali piccoli o può le che le donne
Vengano imposti di responsabilità lui ha detto testualmente dove si decide e dove si esercita autorità per cogliere fine vuole una chiesa che sia assolutamente trasparente nelle questioni economiche dalle questioni della banca
E anche una chiesa per i poveri cioè che usi le sue ricchezze a favore dei poveri allora qui si aprono delle difficoltà non a caso il titolo
Riecheggiare la antica leggenda su San Francesco di archivi
Che incontro il lupo di Gubbio il lupo di Gubbio dopo la predica di Francesco gli le con le mani e diventò una Millino invece qui esistono a Roma ma anche nella Chiesa universale
E i gruppi che non cambiano posizione che sono contrari alle scelte innovative di Bergoglio che fanno resistenza attiva dietro le quinte oppure la resistenza della passività tour ottavi prima
I limiti di Bergoglio Buenos Aires come cardinale come arcivescovo ecco c'è un elemento che è stato finora trascurato Bergoglio è il primo papà che viene da una metropoli milionaria
Non viene come altri parti pensiamo Giovanni ventitreesimo
Ratzinger Karol Wojtyla da un villaggio da un paio di destino
Magari tutto cattolico viene da una città come quello writers
Il cui nucleo centrale a tre milioni di abitanti e poi c'è un'altra fascia
è la grande Buenos Aires i dieci milioni di abitanti quindi due conosce tutte le contraddizioni della metropoli moderna conoscere le varie culture
Le varie e termini è quindi viene da una realtà molto pluralista e viene anche da una realtà in cui ha visto che da un lato ci sono
Fasce Rizzieri Kissin Mega latta Cirilli
Scintille anti tecnologie avanzate e dall'altro borgate di decine di migliaia di abitanti
Che vivono con le fogne a cielo aperto oppure la realtà di tante fabbriche clandestine dove dicono persone senza diritti queste un'esperienza che nessun Papa aveva avuto prima anche
Diciamo più dodicesimo che veniva da Roma nei tempi fra le due guerre bene a Roma è una città storica la Curia vaticana è un grande centro di osservazione ma a diciamo è una città
Sostanzialmente provinciale negli anni trenta quaranta
Che non si può minimamente confrontare con le metropoli che sonno Tokyo new York e Buenos Aires
Ecco ed è appunto ripetere vediamo insomma da da Buenos Aires che lui aveva anticipato no questo suo modo di
DS che poi ha portato appunto
Nel suo pontificato però tu ricordi in questo libro come appunto già all'epoca di Ratzinger Bergoglio ne era stato il contendente perché allora aveva perso
Ecco del due mila e cinque ci fu questo conclave dopo il lunghissimo Pontificato di Ratzinger
In cui un nucleo forte della Curia e anche di cardinali latinoamericani voleva di nuovo un pontificato tranquillo una pausa e anche un ritorno alla tradizione
Questo potrebbe parere un controsenso perché in fondo dal punto di vista dottrinale Giovanni Paolo II era molto tradizionalista pensiamo le campagne contro l'aborto il divorzio
Tutta la sua impostazione il celibato dei preti il dopo alle donne sacerdote voi chiederà dal punto di vista tradizionale
Molto legato alla dottrina della Chiesa così copre si era espressa attraverso i secoli però poi chi la a suo modo
E in un'altra dimensione è stato invece ed molto innovatore le sue DTP alla sinagoga le sue dita la moschea di Damasco
E la sua decisione di fare il summit dei capi delle religioni di tutto il mondo ad Assisi soprattutto la sua decisione nell'anno del Giubileo due mila di fare un grande mea culpa
Per gli orrori e agli errori commessi dalla Chiesa allora una parte la parte più conservatrice della Chiesa cattolica
Era in qualche modo resa inquieta da queste scelte e voleva di nuovo una chiaro riassestamento dottrinale
E sulla linea della tradizione quindi nella conclave del due mila certamente Ratzinger era il candidato favorito il suo antagonisti era il cardinale Carlo Maria Martini
Che invece rappresentava l'anima riformista della Chiesa cattolica anche l'anima per per i rapporti con le altre confessioni cristiane all'ebraismo
Al mondo moderno però Martini tesso soffriva anche lui di Parkinson è quindi era impossibile avere due papi uno dietro l'altro malati di Parkinson
E quindi l'ala riformista in quel momento
Decide di puntare su Bergoglio però non c'erano possibilità
Di vittoria
Perché poi la
Poco prima nell'ultima parte del suo pontificato aveva cambiato le regole del conclave
Non era più necessario che in assoluto servissero due terzi dei voti
Ma dopo una settimana di eventuale dallo avrebbe vinto chi aveva la Baggio rapidità e quindi i fautori Pirazzini erano decisi a resistere fino alla fine per sconfiggere qualsiasi ipotesi di un candidato riformista allora Bergoglio decide di ritirarsi e anche questo lo si è capito poi da confidenze che appalta suoi amici lui in qualche modo non si sentiva pronto questa volta invece quando nel conclave del due mila e tredici
Si è profilata la sua candidatura luglio ha capito che era venuto il momento di accettare questa responsabilità ecco tra l'altro appunto come dire i sostenitori di Ratzinger saranno poi stati invece delusi dal suo gesto finale probabilmente non adesso questa è una mia così avanzo queste code perché poi l'elezione di Badoglio è stata preparata dalle proprio dalle dimissioni di Benedetto sedicesimo che e tu definisci nel libro un colpo di Stato perché
Sì perché certamente nei più conservatori Trai i sostenitori di Ratzinger avrebbero voluto che Ratzinger
Inaugurato che una politica di
Totale ritorno al passato cosa che lui non ha fatto anche se
è stato molto esitante sul piano del governo raffica non aveva le qualità del governante era più un teologo un pensatore un predicatore
E Ratzinger bisogna dire che proprio
Rendendosi conto delle sue insufficiente come uomo di Governo con l'uomo che era chiamato a guidare una organizzazione di oltre un miliardo di aderenti
Ha avuto la lucidità il coraggio e diciamo anche la nobiltà perché quante sono le persone che rinunciano ha un incarico così prestigioso e unico come quello di pontefice romano
Ha avuto la lungimiranza e la nobiltà di ritirarsi in questo modo luglio ha fatto anche tabula rasa
Di tutte quelle lotte di potere che erano esplose con batik perché fratelli Xapo strato come ormai all'interno del Governo Vaticano ci possano clan che si com'battevano senza esclusione di colpi e rapine però anche con le sue dimostri dimissioni ha dimostrato che non aveva senso
Rifugiarsi nella trincea del passato e quindi ha aperto la strada ad una scelta di un Papa che non fosse della Curia
Che non fosse italiano ricordiamoci che era candidato abbastanza favorito in un primo momento
Il cardinale di Milano Angelo Scola ma che si potesse andare ad un papà riformatore è un papà del terzo mondo quello che è interessante che ho voluto anche ricordare
E che all'interno della Curia spessa c'erano e ci sono riformatori che hanno voluto questa svolta
E quindi diciamo che appunto è arrivato con questo tra virgolette colpo di Stato arrivata al Soglio Pontificio Bergoglio che come dici te prevede
Nel suo programma insomma di cancellare il carattere Imperial monarchico del papato ma è questo non era proprio il lo scopo della riforma della Chiesa decisa dal Concilio Vaticano II tra l'altro ammonta a molti parti insomma si spingeva si spinge ancora adesso no per un Concilio praticano terzo ma già chiaramente il Pontificato di di Bergoglio indica che questa strada è ripresa in pieno no
è assolutamente così il Concilio Vaticano II aveva sancito un principio fondamentale e cioè quello della collegialità
Diciamo che come metafora così come è Pietro non ha fatto nulla da solo ma Pietro lavorava insieme agli Apostoli
Così il Concilio Vaticano II voleva che la Chiesa fosse governata dal Papa insieme ai rappresentanti dei vescovi di tutto il mondo
Questa linea però è rimasta solo sulla carta non è stata mai concretizzata
E anche se Paolo sesto per mantenere un po'lo spirito del Concilio aveva fondato il Sinodo dei vescovi cioè questa riunione di una rappresentanza mondiale dell'episcopato che si riunisce ogni tre anni
In realtà poi questi fine odierno diventati solo delle conferenze in cui ognuno parlava per tre minuti per cinque minuti e anche perché alla fine si faceva un documento questo documento
O era generico o era disatteso da i patti che magari un anno dopo scrivevano esattamente quello che volevano loro e non quello che aveva suggerito il titolo dei vescovi
E Francesca invece sta cambiando direzione
Creando questo Consiglio degli otto cardinali e soprattutto
Lumi cuore affidare alzino dei vescovi la proposta concreta di soluzioni a
Ai problemi che stanno davanti alla chiesa nel mondo odierno lui ha scelto Kobe prima occasione di questo confronto
La questione della famiglia e diciamo in senso lato di tutte le relazioni interpersonali
Quindi
La pillola l'aborto le coppie di fatto le unioni omosessuali ecco su tutti questi temi
Lui intanto per la prima volta ha lanciato un sondaggio da diffondere in tutto il mondo tra i fedeli e quindi abbiamo una reazione parlavo prima dei lupi ci sono l'UPI aggressivi e look
Sì anche che fanno resistenza passiva
Bene ci sono dei vescovi o degli episcopali che hanno messo on line queste domande per esempio quante sono le coppie di fatto cosa pensano i cristiani che si uniscono in una coppia di fatto per cosa
è la questione omosessuale e invece altri episcopali che semplicemente hanno ottenuto queste domande
In riunioni intermedi i consigli
Gli italiani per esempio l'episcopato italiano non ha mai messo on line questo sondaggio episcopato italiano non ha neanche pubblicato sulle pagine dell'avvenire però
Francesco vuole che su questi temi si sviluppi un dibattito ci sia un confronto ci sia anche uno scontro fra opinioni è diverso per esempio
Si sta profilando l'eventualità che ti dia la comunione ai divorziati risposati cosa che finora sia Wojtyla che Ratzinger come pacchi hanno sempre negato
Però non vuole essere Luigi a deciderlo affacciandosi dalla finestra
In piazza San Pietro vuole che siano i vescovi
A fare delle proposte concrete per cui
Questo ottobre si riunirà il titolo dei vescovi internazionale
Per analizzare la situazione e poi nel due mila e quindi ci sarà un secondo sinodo che dovrà fare delle proposte concrete in altre parole
Francesco vuole rubare un dibattito aperto all'interno nella Chiesa cattolica e vuole poi che
I vescovi chi assumano la responsabilità votando documenti votando emendamenti scontrandosi
E
Creando delle maggioranze di fare proposte concrete proprio in questa domenica
Francesco parlando ai fedeli in piazza San Pietro ha detto che ci sono problemi all'interno della Chiesa bisogna riflettere risolverli
Con il confronto e con il dibattito questa veramente è una linea completamente nuova eccetto tra l'altro una chiesa non imperiale è una chiesa appunto che dialoga con
Il
Tutti e quindi non solo all'interno della Chiesa ma anche con le Regioni differenti i non credenti in particolare con questi ultimi la svolta è stata radicale no
Sì tutti hanno notato e anche criticato all'interno del Vaticano da parte di alcuni settori che lui dopo pochi mesi abbia voluto rispondere con una lettera una serie di rilievi di annotazioni che aveva fatto Scalfari
E CalPERS sempre stata una persona attento ai problemi della religione e anche diciamo ammiratore di Gesù Cristo come personalità storica
Però è sempre stato fortemente e duramente contrario ad ogni forma di clericalismo a ogni forma di intervento dello Stato della Chiesa delle faccende dello Stato
Ed è anche notoriamente un non credente lui ritiene che la Regione sia soltanto un'invenzione
Consolatoria ecco scegliendo come interlocutore proprio all'inizio del suo pontificato Eugenio Scalfari
Pata Bergoglio ha voluto dimostrare l'attenzione verso il mondo dei non credenti più tardi l'ho anche ricevuto e con lui ha avuto un le Ugo colloquio
Questo Marche anche una differenza rispetto a Papa Wojtyla e a Papa Ratzinger sia Colitti la che Ratzinger hanno avuto delle parole gli attenzione
Verso il mondo dei non credenti ma soprattutto Papa Ratzinger Benedetto sedicesimo
Valorizzava i non credenti come cercatori di verità questo era l'espressione che lui usava ma in qualche modo come persone
Diciamo a cui manca una gamba che purtroppo non hanno la dimensione trascendente lo danno la dimensione della fede e infatti ci ricordiamo benissimo la grossa polemica sia del quando era
A capo insomma del
Versato fictio poi dopo quando è stato papà atti sulla sul contro le realtà il relativismo no esattamente veri quel patto la politica duri e IBA
Poi
Accettata tutta la questione dei cosiddetti principi dei gol non negoziabili per cui
In qualche modo la Chiesa di Roma pretendeva di dire
L'ultima parola non solo sulla Pepe che è legittimo ma
Su quello che è la natura su quella che la laicità la giusta laicità alla cattiva laicità ecco perché voglio invece che viene da una società pluralista ha sempre detto di non considerare i REM mai il non credente come una specie di minuta bene
Ma proprio nel dialogo con Scalfari ha detto che la cosa importante e come ciascuno uomo si pone rispetto al problema del bene e del male
Ciascun uomo porterà i suoi valori porterà il suo retroterra culturale ma è lì poi si vede poi ciascuno con la propria cultura e con la propria visione del mondo
Che sia trascendente o che sia semplicemente ancorata nella storia
Bene dirà farà testimonierà e dalla parte del bene o dalla parte del male anche questa è una
Forte rivoluzione che Bergoglio sta introducendo e non a caso dietro le quinte in Vaticano è stato
Criticato perché ho voluto parlare direttamente con Scalfaro
Ecco tra l'altro ad AVEPA ed abbiamo anche detto anche la telefonata Panella da questo punto di vista esimi si attiva INEA abbiamo già parlato perché appunto anche quella non segna tecnico e poi per le per tanta o nella seconda tappa importantissima perché ricordiamoci
Pannella rimane nella storia d'Italia dell'ultima a parte del novecento come
Il grande capo fila di due referendum fondamentali a referendum dell'aborto al referendum del divorzio e in cui la società italiana si è scontrata direttamente con i diktat della Chiesa cattolica anche lì
Francesco parlando con quello che
In molti ambienti del Vaticano e visto come l'arcinemico e l'Arci diavolo ha dimostrato di non avere nessuna barriera nel suo confronto con le persone d'altra parte
Lui ha fatto capire con chiarezza che la Chiesa non deve essere una specie di Fortezza
Una fortezza che emana ordini ma ha usato questa felice espressione la Chiesa come ospedale da campo che in un campo di battaglia che oggi è la
Realtà mondiale segnata da crisi
Accanto alle persone che soffrono ecco tra l'altro appunto dicevamo delle resistenze diciamo che
Comunque il Papa appunto oltre che come messaggio sta agendo anche obiettivamente
Come
Un capo insomma no a una una delle responsabilità di nomina e est e li sta come dire esercitando in pieno le con per esempio a disagio disarticolato il sistema di poté del vecchio potente segretario di Stato Tarcisio Bertone no per esempio per quanto riguarda la CEI che come tu ricordavi non sembra seguire appassionatamente no al il il Po ti fegato di Francesco Dante vero basta vedere non so gli commenti alla sentenza l'ultima sentenza dalla Consulta sulla legge quaranta è un esempio solo per le ma anche quello che facevi del prima insomma però anche lì il lunedì ha cominciato a fare delle nomine e a confermato in in alcune cariche elementi importanti e questo anche questo dovrebbe segnare insomma un cambiamento persino nella cenno

Le sue prime nomine
Vanno tutte in direzioni e di un cambiamento per esempio a capo del Consiglio degli otto cardinali ha nominato come coordinatore il cardinale dell'Honduras spara bianca che un noto riformista
In Segreteria di Stato Nona
Permesso al cardinale Bertone che avrebbe voluto di rimanere ancora come un anno come Segretario di Stato così come era successo
Ai tempi di Ratzinger quando il cardinale Sodano precedente Segretario di Stato di Wojtyla era rimasto ancora un annetto ad esercitare le sue funzioni invece dopo pochi mesi
Bergoglio ha destituito Bertone ha scelto
Il cardinale Parolin un uomo di grande esperienza diplomatica quando si dice di esperienza diplomatica si dedica appunto persone
Che conoscono la società mondiale e le sue articolazioni nel suo pluralismo poi paroline anche una persona
Che al contempo è anche molto sta certo una figura
Diciamo di Prete volto praticante come prete quindi una figura religiosa e però attenta al pluralismo e poi soprattutto
C'è stato un forte intervento iniziale i papà Francesco sulla CEI
Lui ha promosso cardinale il l'arcivescovo di Perugia Bassetti che è una figura pastorale
Ha cambiato il Segretario generale della CEI
Scegliendo il vescovo della più piccola e direi quasi ghiotta agli italiani diocesi dalla Calabria
Cassano Jonico monsignor garantito un'altra persona che vive con grande semplicità che ha rinunciato al suo
Allora sotto arcivescovile vescovile per andare a vivere in un seminario con i suoi preti e soprattutto adesso che si apre la
Assemblea generale della CEI
Il Papa ha deciso di
Intervenire
Ad apertura perché vuole dare il lunedì le nuove linee di indirizzo alla c'è in genere invece udienza avveniva alla fine dei lavori
E poi un'altra novità rispetto alla quale si misurano delle resistenze e che il Papa vorrebbe che
I vescovi italiani si scegliessero autonomamente trasparente mente in una normale campagna elettorale il proprio Presidente cioè che non venga nominato dal Papa
Era l'unica eccezione mondiale come è sempre stato e stranamente invece finora i vescovi italiani hanno resistito a questa innovazione
E hanno detto sì faremo una consultazione ma poi diamo tutto l'incartamento al Papa invece il Papa vuole che i vescovi italiani sia supera le loro responsabilità
Anche di indicare una linea e quindi anche lì di nuovo la volontà di un confronto aperto fra quelle che possono essere le linee
Nelle nei diversi episcopale della Chiesa cattolica e d'altra parte che si può prevedere anche
Impostazione della sua apertura dell'Assemblea delle sei quando per esempio qualche domenica fatta
Limite intorno a sé nelle scuole non ha fatto una giornata della scuola dei lì per esempio per la prima volta non si è abbattuto casa almeno lui non l'ha fatto no rispetta lo Stato italiano anche questo
C'è una novità sacrificherò molte novità intanto la prima è che il
Il papà
Ha sottolineato che il Vaticano non si vuole più in mischiare nella politica interna italiana
Pochi mesi dopo le sue lezioni ha ricevuto i vescovi italiani ha detto che i rapporti con le autorità civili sono appare il vostro lo ha detto due volte come dire
Ogni
Chiesa cattolica nelle diverse nazioni prende ovviamente naturalmente posizione sugli eventi sociali se si vuole anche sulle
Questioni politiche ma lo fa come propria responsabilità quindi non è più il Vaticano che dice bisogno non bisogna fare una legge sul testamento biologico cambiare o meno la legge sulla fecondazione artificiale
E così via queste una svolta epocale
Quindi adesso la responsabilità e alla Conferenza episcopale italiana e
Un secondo elemento direi
Che fondamentale e che proprio nello scandalo delle Crespo e con tutte le intercettazioni che sono venute uno dei principali faccendieri
Ex democristiano poi passato a Berlusconi questo Frigerio in una telefonata chi lamenta dicendo all'uomo e il nuovo Papa semestre frega della situazione italiana il che significa che
Faccendieri politicanti non possono più andare in Segreteria di Stato
Ho presso amici presuntivo tali
Del Pontefice per cercare appoggi questa è una grande svolta si
Solo altri due i temi di cui vorrei parlare con te che sono dei
Temi centrali no per la crisi della Chiesa che insomma apportato anche quella come dicevamo all'inizio necessitati non certo senso una figura di svolta anche se magari perché leggendo papà trent'Bergoglio non si pensava che
Magari potesse poi essere così rivoluzionario il suo pontificato però
Due temi sono centrali uno l'ha già accennato quello delle finanze vaticane quindi dello IOR e l'alto e quello della pedofilia

Quando quando
Ho scelto proprio questo titolo Francesco tra i gruppi
Avevo ben presente che uno dei degli scogli contro cui Francesco doveva muoversi era proprio quello delle finanze degli affari del Vaticano e di tutto il mondo religioso
Lì bisogna dire che
Per quello che riguarda la banca vaticana Francesco in un anno a compiuto grandi progressi ha dato carta bianca e ha incoraggiato il Presidente
Questo tedesco poco fra i perché dello IOR a chiudere i conti a revisionare oltre dieci mila conti correnti
A eliminare anche conti sospetti a stabilire nuove regole sull'apertura dei conti anche sul controllo dei conti
Per esempio adesso è stato fatto anche un profilo di quelli che sono i correntisti
Perché un conto può essere un vescovo conto può essere un capitale che ha dei rapporti con organizzazioni religiosi che hanno delle missioni nel Terzo Mondo e un conto è un semplice
Impiegato del Vaticano che ha
Suo conto corrente presso lo IOR allora sono state organizzate diciamo delle a regole di comportamento per cui si vede in
Sì improvvisamente uno di questi personaggi
Fa delle operazioni bancarie che vanno fuori dal normale quindi accertato una forte volontà di riportare lo IOR ad una correttezza e a una trasparenza però il Papa vuole ancora di più vuole
Vuole che lo IOR perda in fondo la sua caratteristica di banca
E diventi soltanto un istituto finanziario che aiuta
Opere di bene opere missionarie opere di assistenza cioè uno strumento assolutamente tecnico il Papa ha anche creato un comitato antiriciclaggio all'interno del Vaticano in modo da controllare
Tutte i movimenti di denaro non soltanto della banca ma anche nei vari
Dicasteri e ha creato un al Ministero delle Finanze anche per avere un controllo su quelli che sono gli appalti
Per i lavori che vengono fatti in Vaticano dove notoriamente come anche in Italia per gli appalti pubblici c'è un sacco di gente che mangia che ci profitta e che fa delle operazioni
Sporche però il Papa chiede anche di più il Papa vuole che anche le grandi congregazioni religiose che hanno grandi beni utilizzino questi beni
A favore dei poveri
Molti mesi fa disse che per esempio che c'erano delle calze vuote bisognava darle
Agli immigrati bisognava darle hai sempre a casa ecco da allora non è successo niente in questo campo e questo ci dimostra che ci sono delle forti resistenze adesso tempo fa
A Palermo una serie di senza casa hanno occupato edifici della diocesi ma appunto è un'iniziativa dal basso non è che la Diocesi ha messo a disposizione queste case
Se anzi diciamo qualche che tollera questo forse proprio perché questi senza casa in invocano le parole del Papa ma Sellam è sempre lo parlerà molto bar volentieri qui c'è un fenomeno diciamo anche
Nuovo da questo punto di vista cioè molto spesso ormai liste dei i fedeli
Nelle parrocchie o anche nelle diocesi imboccano le parole e le dichiarazioni di Francesco contro le autorità ecclesiastiche locali
Così come ho notato io vengo adesso dalla Grecia dove il sogno partecipata una riunione a una conferenza
Ortodossa così come si stanno tanto che anche all'estero quindi anche
Per esempio in Grecia del mondo ortodosso che è sempre stato molto sospettosa nei confronti del Patt irrigua della monarchia papale
Spesso ci sono dei fedeli che cominciano a citare
Le parole o le proposte di Papa Francesco il magari anche contro alcuni riflessi conservatori del loro che lei non si è aperto senti abbiamo dato secondo me è un già un'idea abbastanza Pia di quello che è il tuo testo io vorrei Conte pare arrivare un po'a una conclusione
Perché va beh altro testo non mi sembra che ci siano
Dei punti tipo critici da parte tua verso questo nuovo papà dei perizie per ottenute le voglio chiedere sette attese sembrato che
Su qualche cosa invece non si sia speso forse come doveva è così ma d'altra parte la cosa interessante soprattutto nel finale del del libro è questa definizione che tutta ai
Di questo pontificato come
Un possibile papato a termine ecco ci vuole spiegare
Sì intanto come punto critico rimane la questione degli abusi sessuali e della pedofilia l'atto nel senso che
Per tutto un anno l'opinione pubblica
Non ha battuto il tasto su questo problema proprio per l'unica grande fiducia dimostrata nei confronti di Francesco
E Francesco però trova delle resistenze nell'episcopato mondiale ad adottare misure efficienti contro gli abusi
Nel senso che una prima svolta ci fu con Papa Ratzinger che con la sua lettera ai cattolici irlandesi disse che
Bisognava finirla
Di pensare in maniera errata di difendere il buon nome della Chiesa nascondendo questi casi ma che bisognava affrontarli
Bisognava andare incontro alle vittime e soprattutto i preti dovevano anche andare di fronte ai tribunali civili
Allora ci sono stati i Paesi paparazzi archi chiesi allora che ogni episcopato si desse delle linee guida su questo
Tema
E ci sono stati dei Paesi l'America alla Germania all'Inghilterra
Dove si è organizzata
Come strutture specifiche la lotta agli abusi quindi sono numeri di telefono
Indirizzi e-mail in ogni diocesi per esempio in Germania ci sono personalità laiche ed ecclesiastiche a cui rivolgersi quindi per ascoltare le vittime seguire le vittime anche per stabilire dei risarcimenti
La all'episcopato italiano per esempio
Non ha fatto assolutamente nulla
Ha detto semplicemente che il Papa ha ragione che bisogna contrastare questo fenomeno ma non esiste un numero verde non esiste una persona in una diocesi a cui uno possa rivolgersi per
Segnalare questi problemi meno che mai poi si parla è ufficialmente da parte della CEI di risarcimenti in altre parole la CEI se ne lava le mani e affida tutto
Alla volontà dei singoli testo il che significa e ancora assolutamente troppo poco anche qui noi vediamo
Una resistenza
Nella Chiesa universale in certi settori a quelli che sono le svolte indicate
Sia da paparazzi anche da Papa Francesco allora Papa Francesco adesso recentemente ha formato una commissione fatta di quattro donne quattro uomini anche questa è una novità
Per elaborare una nuova politica ancora più efficace
In questo campo è interessante che di questa Commissione faccia parte una donna che è stata abusata da un prete a tredici anni è un irlandese si chiama meri Collins
E una delle prime cose che ha detto e che bisogna stabilire l'obbligo di denuncia
Dei criminali alle autorità giudiziaria statali anche lì per esempio l'Italia
L'Italia come Conferenza episcopale italiana
Si sta nascondendo perché è chiaro che
In altri Paesi il il vescovo come in Francia o degli Stati Uniti ha proprio un obbligo giuridico in Italia ci dice il il vescovo non è pubblico ufficiale
Quindi non ha obbligo giuridico ma questo non significa niente l'ha chiesta
La Chiesa italiana non si può nascondere dietro al fatto che
Il Vesco buona l'etichetta di pubblico ufficiale deve essere una decisione autonoma dell'episcopato italiano di dire ogni vescovo appena in mano degli elementi effettivi lieve Benucci are
Alle autorità giudiziarie italiane
Quello che un sospetto colpevole noi abbiamo qui un caso drammatico al alle porte di Roma in una diocesi suburbio incaricato
Dove il vescovo reale nonostante che fosse avvisato che un prete don Ruggero Conti
Si stava comportando male
Chiedeva sospetto di abuso nei confronti di parecchi minori
Ecco questo vescovo non è mai intervenuto nel frattempo don Ruggero Conti è stato già condannato in seconda istanza e nessuno finora da parte perché applicata comunicato
Che ci siano state prese delle misure
Nei suoi confronti e questa è una cosa che non va quindi è molto importante che Merico lento questa irlandese abusata tredici anni nella nuova Commissione istituita da
Papa Francesco abbia detto che bisogna arrivare alla denuncia obbligatoria
Tu dicevi per quello che riguarda le prospettive pontificato c'è un elemento molto interessante da un lato che riguarda la personalità del Papa e dall'altro quello che riguarda proprio
La sua situazione
Il Papa e anziano ormai a settantasette anni
Quindi
Quanto può durare ancora questo pontificato sette otto nove dieci anni io noto che già ci sono
L'apporto e conservatrice che ha in qualche modo cinicamente speculano sul fattore dell'età e dicono va be'aspettiamo
Perché tanto dopo cambierà il Papa quindi questo è un elemento di resistenza anche qui si trovano i lupi
E poi c'è un altro dato nuovo interessante per la storia della Chiesa
Lippi missioni di Papa Ratzinger furono motivate
Con due spiegazioni primo che
Di paparazzi che non si sentiva più in grado di esercitare
Il ministero di Pontefice cioè
Prendeva atto che umanamente anche finiscono le forze che si esauriscono le forze
Per guidare un'organizzazione di un miliardo di persone e poi aggiungeva anche di fronte a rapido mutare dei tempi cioè anche il rapido mutare della situazione sociale della situazione politica la situazione
Geopolitica della crisi della chiesa richiede una persona che sia
Assolutamente con tutte le forze fisiche psichiche per essere all'altezza della situazione
Ecco io penso che papà Bergoglio come una persona molto razionale
Nel momento in cui si sentisse
Diciamo verso gli ottantacinque anni di non aderire più tutte le forze
Allora potrebbe anche lui decidere di dimettersi
Proprio in occasione dell'ultimo conclave del due mila e tredici c'è stato un cardinale africano il nigeriano o naja accada perché ha detto
Ma secondo me si un papà decidesse
Di fare una legge per cui ci si dimette a novant'anni non mi sembrerebbe una cosa strana cioè il Concilio Vaticano II ha introdotto per la prima volta nella storia della Chiesa
L'idea che un vescovo verso i settantacinque anni si dimette
E quindi diventa un vescovo intenzione
La scelta di paparazzi Nacci stiamo sperando che possibile anche
Che ci sia uno pappa intenzione accanto al Papa regnante ed è interessante che Francesco
Dell'intervista al direttore del Corriere della Sera ha detto lui papà in pensione deve diventare un'istituzione quindi non più fatto eccezionale
E quindi bisogna abituarsi
Alla presenza di queste due figure io credo che anche Bergoglio quando sarà il momento potrebbe fare una scelta del genere ecco allora siamo in conclusione di questa nostra conversazione naturalmente fino a quel momento Papa Francesco potrà operare per appunto attuare poi questa sua rivoluzione se i lupi come gli e definiti temi non prevarranno in qualche modo nella loro esistenza e dunque naturalmente ci ritorneremo io ringrazio molto Marco Politi vaticanista anche collabora con il fatto quotidiano con cui abbiamo parlato di questo suo libro Francesco tre gruppi il segreto di una rivoluzione edito da la terza grazie tante e buon lavoro
Arrivederci a tutti