19MAG2014
rubriche

Media e politica

RUBRICA | Radio - 09:05. Durata: 4 min 4 sec

Player
Rubrica sull'informazione politica nei Tg e nelle principali trasmissioni sul servizio pubblico a cura di Gianni Betto.

Puntata di "Media e politica" di lunedì 19 maggio 2014 che in questa puntata ha ospitato Gianni Betto (direttore del Centro d'ascolto dell'informazione radiotelevisiva).

Tra gli argomenti discussi: Centro D'ascolto, Comunicazione, Democrazia, Diritti Civili, Informazione, Mass Media, Par Condicio, Politica, Propaganda, Radio, Servizi Pubblici, Tv.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 4 minuti.
09:05

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno
Principio pediatri cani definisce il termine propaganda come l'azione che tende a influire sull'opinione pubblica e i mezzi con cui viene svolta
è un tentativo deliberato e sistematico di plasmare percezioni manipolare cognizioni e dirigere il comportamento al fine di ottenere una risposta che favorisca gli intenti di che lo mette in atto
La propaganda utilizza tecniche comunicative accesso a mezzi di comunicazione di vario tipo e implicano un certo grado di occultamento manipolazione selettività rispetto alla verità
Continua
Caratteristica specifica dei regimi autoritari o che comunque affermatisi in opposizione a tradizioni interessi ben radicate debbano rapidamente conquistarsi il favore delle masse delle élite
La propaganda è però strumento di tutti i Governi in occasione di quelli che Risi internazionali e interni che rendano necessario convogliare in un'unica direzione la volontà del popolo
Il rogo uso della propaganda si affermò infatti particolarmente a partire dalla prima guerra mondiale ed ebbe immenso sviluppo nei decenni successivi specie in quei paesi come la Germania o l'Italia
Dove si instaura aprono regimi autoritari a base demagogica
Tipica dei regimi autoritari e l'organizzazione statale della propaganda
Nei sistemi politici contemporanei la propaganda si presenta con due caratteristiche costanti
In quanto rapporto di comunicazione di massa presuppone sempre un soggetto emittente è un altro ricevente
Quest'ultimo di solito imposizioni n attiva né informata in quanto strumento di mobilitazione legittimazione politica è in relazione diretta con i livelli di ideologizzazione dei regimi politici
è cioè più diffusa nelle democrazie ad alta conflittualità e nei sistemi totalitari
Passiamo quindi all'aggiornamento dei dati sulle presenze televisive nei telegiornali delle emittenti del servizio pubblico radiotelevisivo
Aggiornamento che in realtà non vede grandi niente modifiche rispetto alla scorsa settimana
Ovvero cinque forse politiche istituzionali rappresentano il settanta per cento degli ascolti consentiti e i cittadini
Nel periodo in esame che questa settimana va dal primo aprile due mila quattordici all'undici maggio scorso
Al primo posto tra le forze politiche troviamo gli esponenti del Partito Democratico con il diciassette virgola tre per cento degli ascolti totali consentiti ai cittadini
Al secondo posto i membri del Governo ministri e sottosegretari con il sedici virgola cinque per cento terzo posto per il Movimento cinque Stelle quindici per cento
Segue Forza Italia tredici per cento e al quinto posto il sette per cento del Presidente del Consiglio
Se passiamo invece all'analisi dei singoli esponenti politici nello stesso periodo nelle edizioni principali dei telegiornali RAI al primo posto troviamo Matteo Renzi con il sette virgola tre per cento degli ascolti consentiti
Seguito da Beppe Grillo con il cinque virgola quattro per cento Silvio Berlusconi cinque virgola due per cento Angelino Alfano cinque per cento e al quinto posto Matteo Salvini tre per cento
Ritornando
A l'inizio e la definizione di propaganda
In Italia i telegiornali del servizio pubblico come quelli delle reti commerciali decidono preventivamente quanto i cittadini devono sapere e conoscere delle diverse forze politiche e istituzionali
Indipendentemente da i fatti e dalla cronaca politica
Così come stabilito a tavolino se gli italiani devono sapere o devono essere tenuti all'oscuro di alcuni temi o di alcune forze politiche
Non è anche questa propaganda
Buongiorno