19MAG2014
rubriche

Notiziario Antiproibizionista

RUBRICA | di Roberto Spagnoli Radio - 13:00. Durata: 1 ora 20 sec

Player
L'8ª conferenza annuale dell'International Society for the Study on Drug Policy che si svolge dal 21 al 23 maggio presso a Roma il Consiglio Nazionale delle Ricerche e il simposio satellite dedicato alla situazione italiana del 20 maggio.

Conferenza stampa della professoressa Carla Rossi e del dottor Sandro Libianchi di presentazione del simposio satelite e intervento telefonico della professoressa Rossi.

Nell'ultima parte collegamento con Igor Boni, segretario dell'Associazione radicale "Adelaide Aglietta" sulla consegna delle firme a sostegno della petizione che chiede l'avvio di una
coltivazione sperimentale di cannabis per uso terapeutico nella città di Torino.

leggi tutto

riduci

13:00

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Lunedì diciannove maggio sono le tredici e queste radio radicale queste notiziario antiproibizionista un saluto da Roberto Spagnoli protestanti previste vista che oggi si occuperà di un importante appuntamento di di studio di dibattito di confronto scientifico che avrà luogo proprio questa settimana a Roma l'Ottava Conferenza della Società internazionale per lo studio della politica delle politiche delle droghe
Un convegno internazionale di altissimo livello che avrà luogo dal ventuno al ventitré maggio quindi da mercoledì a venerdì alla CNR il Consiglio nazionale le ricerche preceduto domani da una importante convegno satellite
C'è entrato sulla sulla situazione italiana a un convegno domani che si svolgerà sempre al CNR in piazza Aldo Moro sette a Roma
Che sarà incentrato sulla raccolta l'interpretazione dei dati lo studio della parte sommersa della fenomeno droga
E dunque di questo parleremo in questa in questa
Puntato le notizie l'antiproibizionista parleremo anche di uno studio interessante che è stato pubblicato a proposito di quanto sta avvenendo in Messico della correlazione tra violenza il mercato della cocaina ne ha parlato due giorni fa Lorenzo rende nella rassegna dicevo politica vi dello riproporremo perché
Un ulteriore elemento imporre interessate di conoscenza sui fenomeni anche legati alle proprie poi
In chiusura un'iniziativa
Dei radicali torinesi di cui abbiamo parlato varie volte in questa in questi mesi
Una petizione rivolta al Comune di Torino per che venga avviato una coltivazione sperimentale di cannabis di canapa per la produzione per l'utilizzo terapeutico dei derivati della della canapa e proprio oggi verranno consegnate
Le quattrocento firme raccolte la quella richiesta erano trecento quindi ampiamente superato quanto richiesto dal da il regolamenti comunali di Torino per questa iniziativa dal basso
Poco fa qualche istante fa a nostri elettorale esso Falconio faceva riferimento ad alcuni fatti di cronaca tralicci che
Sono venuti in questi ultimi giorni in Italia che trovano largo spazio sulle prime pagine dei quotidiani nei notiziari delle radio televisivi anche sul web uno di questi avvenuto a Santiago che un ragazzo ha ucciso i nonni e la zia stando a quanto riportavano i giornali nei anche fino a ieri
Cosa sia successo realmente ancora non non è ben chiaro meglio è chiaro che purtroppo l'esito tragico di questo di questo fatto pare che a muovere questo questo a fare scattare questa pulsione
Violente omicida in questo ragazzo possa essere stata la la la cocaina
Non è ben chiara la la dinamica di quanto di quanto è avvenuto
Non è ben chiaro ancora se questo ragazzo abbia agito da solo con dei complici gli di cui restano ovviamente verificando le sue
La sua versione dei fatti insomma siamo di fronte a un tragico fatto di cronaca cui alcuna diversi particolare sono ancora da
Da definire
Però ecco spiace aver letto ieri sul quotidiano il Mattino di Napoli editoriale del direttore le stando bar vanno che invece individua con chiarezza le responsabilità
Per il per il direttore mattino ci sono due killer il primo è l'esecutore materiale che però è un colpevole apparente perché il il secondo killer che anche il mandante della di questo
Di questo triplice omicidio è la droga naturalmente la droga è una è una sola
Il mandante unico ha scritto Barban o di una carneficina che non si ferma armata di una spietatezza capace da sola di mutare in un baleno la mora nell'odio
La stessa droga che con un voto di fiducia passato nell'indifferenza di tutti i mercoledì sera al Senato è diventata acquistabile cedibile con l'alibi del consumo personale senza che ciò configuri più alcuna responsabilità penale
Che dire le cose evidentemente non stanno proprio proprio così e però questi fatti di cronaca quello di santi evidentemente si può Resta denunciare citiamo serve diretta del mattino l'ennesimo delitto della follia chimica che so gioca la coscienza Alaska
Degli antiproibizionisti con il mito della sua falsa libertà
Un delitto che naturalmente è anche quello anche il primo delitto della stagione del libro spaccio sappiate che l'Italia c'abbiamo da pochi giorni libero spaccio questa è anche una segnale insomma non molto corretto perché poi si rischia di pensare che davvero si possa spacciare senza incorrere in
Si possa accedere senza incorrere in sanzioni così non è ma insomma
C'è questa invettiva contro la stagione inaugurata da una politica ignorante conformista falsamente libertaria in realtà schiava il cui consumismo ha bruciato l'ultima intercapedine di autocontrollo che separa l'uomo dall'oggetto del desiderio eccetera eccetera eccetera
Insomma come dicevamo non si sa bene che cosa è successo a Santiago non si sa bene la dinamica detto quanto ma gliele responsabilità sono
Sono delineate chiaramente almeno nell'editoriale di ieri del del mattino
Magari ecco ci sarebbe da a riflettere sul fatto che non è che prima cioè che le queste sostanze così pericolose come ci fa notare il diretta e meno male che sulle che ce lo fa notare
Lo erano anche prima e soprattutto continuano a essere affidate le cala criminalità organizzata forse meglio sarebbe
Invece affidarle un diverso una una legge diversa magari come quella uruguaiana
Che
Che poi magari può essere criticata per altri versi ma è un esperimento possibile ma insomma tutto a colpire la colpa è di chi ha la coscienza Lascala coscienza molle
Magari come cinque premino bella per l'economia agli altri autorevoli economisti che personalità politiche che hanno redatto e sottoscritto il documento
Della London School of Economics chiede la fine della ruolo andrà ad essa e una diversa politica delle droghe a livello mondiale chi non sa
Forse ha la coscienza lasca anche il capo della polizia giudiziaria del cantore di Nash Ottelli Svizzera Olivier indigna noto esperto della materia
Che è favorevole alla legalizzazione della produzione del consumo di cannabis in ambito privato keniani appena stato con una missione ufficiale Svizzera in Uruguay per vedere che cosa stanno facendo in Uruguay
Io non vedo che aspetti positivi in questa esperienza ha detto che ne hanno intervista a quotidiano svizzero l'Express
La sola repressione non risponde più i problemi attuali se si vuole preservare la sicurezza pubblica oggi minacciata da diverse violenze occorre far sparire questo mercato dalle strade
è una strada suggerita una una una
Modo possibile suggerito da Kenya e quello di limitare produzione e consumo di cannabis all'ambito privato attraverso un'apposita autorizzazione magari a pagamento e Paco questi soldi potrebbero essere utilizzati per prevenzione per la cura e naturalmente
Bisognerebbe perseguire invece il il mercato illegale concentra sul mercato illegale non è detto che tutto questo sia che sia facile non è detto che funzioni
Però non è che le politiche che stiamo seguendo la cinquant'anni abbiano dato grandi grandi risultati ecco forse noi avremo la coscienza lasca magari come dice il direttore del Mattino magari semplicemente abbiamo qualche dubbio che le politiche seguito in questo mezzo secolo abbiano
Funzionato
Siccome poi chi parla si occupa di questa cosa da
Qualche anno insomma qualche conoscenza magari almeno pari a quella del direttore del Mattino o del senatore Gasparri abbiamo una la presunzione di di averla
E potrebbe essere interessante andare assentarsi a sentire quanto quanto verrà detto a Roma dal nei prossimi giorni come dicevamo il dal ventuno al ventitré maggio per l'ottava conferenza internazionale
Della International Society for restate andrà policy preceduto domani da una convegno satellite incentrato sulla situazione italiana
Di questo convegno Satelle tempi che Radio Radicale seguirà è stato presentato qualche giorno fa il nove maggio
Dalla professoressa Carla Rossi dell'Università degli Studi di Roma Tor Vergata e del dottor Santoni Bianchi Cordella coordinamento nazionale degli operatori per la salute nelle carceri italiane
Allora buongiorno a tutti buongiorno anche agli ascoltatori di Radio Radicale quando sentiranno questa conferenza stampa
Che riguarda una l'organizzazione di un convegno e manifestazione satellite
Del quindi di un simposio Satelle che te del Convegno internazionale eight Annual Conference of the international society for the stadio tre policy
Il convegno si tiene dal ventuno avvenga il ventitré maggio al CNR
Mentre invece questo simposio satellite sarà il giorno prima e riguarderà soprattutto la valutazione della legge e del mercato in Italia
Su la droga
In particolare il titolo eh a chi compete la raccolta l'interpretazione dei dati e lo studio della parte sommersa del fenomeno droga
Perché come tutti sapete il fenomeno droga riguarda delle popolazioni nascoste
Proprio per legge fra l'altro che emergono soltanto quando commettono dei crimini oppure hanno bisogno di aiuto
Sanitario o sociale
Quindi
Noi vediamo soltanto l'iceberg di tutto il fenomeno mentre è importante ed è anche
Tassativo in qualche modo per l'Europa
Studiare quello che non si vede quindi stimare anche la parte sommersa
Le presentazioni del convegno satellite quindi dei di questa manifestazione satellite
Sono l'importanza degli indicatori definiti dall'Osservatorio europeo sulle droghe e tossicodipendenze e sarò io a illustrare tutto ciò
Perché lavoro con l'Osservatorio europeo da più di quindici anni e sono rappresentante del Parlamento europeo pro io nell'Osservatorio europeo sulle droghe tossicodipendenze quindi l'importanza degli indicatori definiti dal dall'Europa
E inviati
Dai gli osservatori nazionali che si chiamano focal point all'Osservatorio europeo per fare anche i confronti delle politiche delle
Delle leggi e dei risultati ottenuti nei vari Paesi
Eh quelle di questo di cui parlerò
Dopo di me
Parlerà una persona quindi uno studioso della Università la Sapienza e parlerà delle nuove sostanze che vengono annualmente introdotte nel mercato
E che all'inizio hanno una diffusione completamente libera perché finché non vengono valutati gli effetti di queste sostanze le sostanze sono libere
Vengono vendute e quindi liberamente vengono anche vendute via internet
Quindi c'è una grandissima diffusione di queste nuove sostanze e il livello del numero delle nuove sostanze introdotte in Europa annualmente sfiora le cento ogni anno
Quindi è un problema veramente molto serio e certe sostanze hanno degli affetti abbastanza importanti sulla salute
E ci sono dei gruppi che studiano per l'appunto gli effetti di queste nuove sostanze e
è interessante che ci vengano a spiegare di che si tratta e
Che cosa riescono a fare loro dal punto di vista medico
Poi parleremo di cominceremo a vedere alcuni degli indicatori che sono importanti e in particolare per esempio
Gli indicatori il numero di persone che dei cedono ogni anno per motivi di droga
Che può essere quello che si conosceva quando ci si faceva di eroina per via endovenosa che erano le over dosi ma adesso che le sostanze sono tante
Altre sostanze non danno problemi di overdose Emma causano la morte in altro modo
Quindi
Si va a studiare l'Istat in particolare presenterà due studi uno sulle morti e cause di morte e l'altro sulle ospedalizzazioni per motivi di droga
Questi due questi approcci che è presente all'Istat sono approcci che non ci sono trattati dall'Osservatorio nazionale italiano
Perché non è in grado di trattare questi due aspetti dal punto di vista reale per cui presenta soltanto le morti per overdose
E ovviamente questo permette a Giovanardi di dire che migliorare che la legge migliore al problema perché diminuiscono ma diminuiscono solo perché
Lei rovina è diminuita e quindi quelli che muoiono di overdose diminuiscono ma in realtà diminuiscono da prima che Giovanardi facesse la
Legge
Quindi lei mentre invece lei morti in generale
Per che hanno come causa praticamente l'uso di diverse sostanze non diminuiscono per lo meno non
Così radicalmente e questo è uno studio che è in grado di fare l'Istat sia dal punto dei dati
Sia dal punto metodologico e quindi ce l'ho presenterà
Chi lo stesso lo studio sull'ospedalizzazioni
Poi andremo a vedere un altro lo studio che è
Lo studio dell'uso di sostanze fra i ragazzi di quindici sedici anni
Questo è fa parte di un progetto molto grande molto più che dell'Unione europea perché sono trentotto i Paesi che raccolgono questi dati in Italia
Ci lavora il CNR e quindi sarà Sabrina Molinaro del CNR a spiegare questo progetto
E a vedere come vanno le stime delle diverse sostanze F sedici anni quindi per esempio come è cambiato
Se in realtà c'è sostanzialmente una costanza grossomodo dell'uso della cannabis
E poi c'è un aumento magari dell'uso della cocaina diminuzione di eroina e quant'altro questo studio ne parlerà appunto il CNR che fra l'altro fa anche lo studio
E questo è un indicatore che raccoglie l'Osservatorio europeo mentre l'altro indicatore sull'uso delle sostanze l'indicatore sulla popolazione generale
Che non è più accettato quello che viene inviato dall'Italia dal due mila otto mentre fino al due mila otto che faceva allo studio il CNR e non il Dipartimento per le politiche antidroga veniva accettato
E invece da quando lo fa il Dipartimento per le politiche antidroga non è
Diciamo metodologicamente all'altezza di essere accettato in Europa
Quindi nei grafici che presenta per esempio l'Osservatorio europeo
Le linee di in cui si presenta l'uso delle diverse sostanze nella popolazione in Italia finiscono tutte nel due mila otto e di questo parlerò anche io quando spiego i gli indicatori
Poi ci sarà un altro intervento dell'Istat
Che farà vedere come si valuta il valore del mercato delle droghe crea illegali perché l'Istat devi fare questo lavoro per l'Eurostat
In modo tale da modificare da intervenire comunque sul PIL considerando anche l'economia illegale in generale in particolare il mercato delle droghe
E anche in questo caso anche io ho fatto una valutazione
Si vede chiaramente che non si può utilizzare lo stesso sistema che si utilizza negli altri Paesi perché negli altri Paesi si utilizza
La stima della popolazione generale fatta ufficialmente dall'Osservatorio locale in Italia non è accettata dall'Europa e quindi non si può utilizzare
Quindi vengono utilizzate delle stime prodotte scientificamente
Per esempio da me o da altri gruppi che lavorano su questa sul problema di stimare quelli
Quello che non è l'iceberg della popolazione che usa le droghe e anche la Commissione europea non ha voluto
I inserire in un suo progetto importante sul mercato l'Osservatorio italiano perché non funziona
E e quindi questo lavoro sul mercato viene fatto dall'Istat indipendentemente dai dati del Dipartimento delle politiche antidroga che forse non esiste più
E e poi dell'ultimo di del penultimo argomento che è la diagnosi di addiction come cambia la implica abilità delle misure alternative per i detenuti parlerà il medico di Rebibbia
Sandro li Bianchi che poi interviene dopo di me quindi io non spiego niente poi parla lui
E alla fine si si parlerà di nuovi indicatori visto che vengono prima spiegati tutti parecchi
Poi si parla di nuovi indicatori per valutare l'uso il pallino uso sulla salute di chi fa uso di droghe
E in particolare vedere anche
Da un pronto soccorso che abbiamo analizzato come pilota Progetto pilota
Come va a questa questo fenomeno e questo sarà un contributo dell'Università di Tor Vergata
E molto interessante è che chiunque voglia discutere intervenire attivamente in questo satellite
è previsto un ampio dibattito di tutti i partecipanti chi indichi chiunque vuole intervenire può presentare può inviare
Una presentazione e penso o ne accetteremo un certo numero e quindi alla fine lasceremmo uno spazio a conclusione di tutto il satellite
Io mi fermerei qui senza spiegare cosa sono gli indicatori
Del C. Händel dell'Osservatorio europeo perché li spiegherò nella prima
Nel primo intervento di del venti e lascerei la parola a Sandro li bianchi che spiega un'altra parte del satellite
Grazie Carla
Sono di bianche sono medico lavoro di Norman grande carcere metropolitano
Qui a Roma come associazione la coordinamento nazionale degli operatori per la salute nelle carceri italiane ci occupiamo proprio dei problemi
Della salute dei detenuti e naturalmente con un occhio di riguardo rispetto
A quelli che sono i problemi legati alla consumo di droga la tossicodipendenza
E anche se c'è se ne dimentica ogni tanto però anche al problema della dell'alcol dipendenza che pur non essendo
Una sostanza stupefacente a un'azione stupefacente se ingerito in quantità
Non congrue
Quindi diciamo è assimilabile come problema ma anche come misure alternative DPR trecentonove lo prevede espressamente
Questo è un argomento
Quello delle delle competenze proprio all'interno delle carceri che ha avuto recentemente un grosso cambiamento perché dal due mila otto ogni competenza sanitaria di prestazioni
All'interno delle strutture penitenziarie ha cambiato la titolarità quindi dalla Ministero della giustizia attraverso un decreto sono spassava delle Regioni
E le Regioni hanno preso questo questo incarico debbo dire non con molto entusiasmo perché
Naturalmente sono responsabilità riorganizzazione di modelli necessita di coordinamenti che spesso
Ancora sono embrionali o non esistono addirittura all'interno delle regioni e tra le Regioni
Nel titolo di questa conferenza del venti maggio appaiono due due parole importanti le parole
La parola dati la parola lo studio della parte sommersa ovverosia tutto ciò che come diceva la professoressa rosse non si vede ma c'è pesa
E tra l'altro costa anche dei costi sia in termini umani che in termini proprio economici che si valutano
I dati i dati sono
Quelli che sono il nostro il core business cioè quello che è l'attenzione maggiore che noi abbiamo
Verso questo questo settore
E in dati di cui dobbiamo disporre sono dati piuttosto complicati ad di ricavare in quanto sono di natura diagnostica e presuppongono quindi un intervento specialistico specialistico da parte di un degno osta che deve dare un'interpretazione a un complesso di altri dati e sintetizzarli in un dizione finale che è una diagnosi di tossicodipendenza o di alcol dipendenza
E questo è tutt'altro che facile tant'è vero che
Se noi andiamo a vedere le diverse casistiche ma anche nei paesi dell'Unione europea
Dei diversi Paesi già le dizioni che vengono usate nell'ambito degli studi sono diversi uno dall'altro quindi quando si vanno a confrontare a fare
Quello che siamo alle metanalisi già vediamo che le selezione dei pazienti possono essere diverse spesso non sovrapponibili in tale esempio spesso viene usata la parola consumatori
Altre volte tossicodipendenti altre volte dipendenti soltanto e così via
Le Regioni ancora non hanno un sistema di rilevazione di questi dati
Che possa essere sostenibile tant'è vero che
Nonostante nel dipartimento delle politiche antidroga o forse
Anche
A causa di questo ci sia stato un intervento
Di un tentativo di sistematizzare questi tipi di Italia ancora siamo nella precarietà e nell'incertezza dei dati ricavati e quindi non il problema non è stato ancora risolto
Questo problema della dell'inquadramento diagnostico si svenuto a complicare un pochino negli ultimi tempi in quanto
Dall'America ci vengono delle indicazioni
Concordate a livello internazionale che
La ride nomina pensione del problema comprende escludere alcune categorie in una nuova categoria
Quella della Dickson cioè il problema della dipendenza in generale
Che ha dei confini molto labili che si attarda canoni per le norme italiane in maniera abbastanza complessa difficile dare
Un immediata ricaduta rispetto al concetto Della dipende la tossicodipendenza rispetto a questi nuovi nuovi criteri che sono stati pubblicati di recente un paio di mesi fa
Nel manuale diagnostico delle malattie mentali il cosiddetto DSM quinto quinta edizione
Quindi noi abbiamo di fronte il problema
Oltre che della interpretazione dei dati proprio di avere un dato che sia uniformemente riconosciuto applicabile ero
Soprattutto omogeneo e concorde concorde nel mentre tra i vari operatori
In carcere questo è un problema particolarmente sentito in quanto se si riesce
Ad avere un accordo sulla definizione di questi ambiti noi abbiamo
Che la ricaduta immediata sono di tribunale di sorveglianza le procure possono applicare le misure alternative se questi criteri non sono
Riconosciuti condivisi applicati
L'applicazione delle misure alternative è complessa talvolta impossibile
E quindi uno dei motivi della sovraffollamento allo scouting proprio delle carceri è proprio quello che è difficile trovare delle soluzioni geognostiche del giudice disciplinari
Per mettere d'accordo sia e clinico che il magistrato nel nell'operazione dell'applicazione delle misure alternative se poi pensiamo che mediamente
In Italia secondo
Dati osservazionali più che altro s'è il trenta quaranta per cento delle persone
All'interno delle strutture penitenziarie sono riconoscibili come tossicodipendenti ma una gran parte ancora superiore quindi si sia intorno
Al settanta ottanta per cento medio
Possono essere riconosciuti quali consumatori in questa categoria abbastanza ampia immaginiamo cosa possa significare riuscire ad applicare una misura alternativa significherebbe
Tendere non dico svuotare ma
Scaricare di parecchio il peso delega cioè oggi il sovraffollamento è un grossissimo problema in questo momento siamo arrivati in pochi mesi ad avere
Sessanta Ugo più di sessanta mila detenuti ad oggi partendo dai sessantasette sessantotto mila di qualche mese fa
Questo non significa che la situazione sia risolta pensiamo sempre un dato importante che ci fornisce
Il Ministero dalla giustizia sulle sue strutture la capienza delle strutture è intorno ai quarantadue mila posti per personale rispettando
Le norme europee che identificano con nove metri quadrati nello spazio vitale minimo naturalmente minimo
Per la per una persona che è in stato di ristrettezza delle libertà personale
Questo significa che ancora siamo molto al di là
Del sovraffollamento
E il trenta maggio il trenta maggio l'Europa ci farà i conti nel senso che
Se noi avremo dato di Italia disposizioni numeri e certificati tali da sottoporre
Questa questa situazione nuova il Consiglio d'Europa probabilmente potremmo evitare una mega multa
Enciclopedica perché si parla di diverse centinaia di milioni
Che sono
Anche dove legati ai rimborsi che essi fanno alle
Le persone che hanno subito questo
Questo danno perché di danno si parla
Che non è legato alla pena la pena è un discorso il danno alla persona è un altro discorso e non è né costituzionale né riconosciuto nessuna Paese europeo
Questo è un po'il tuo senso della
Dell'in degli interventi e della giornata della giornata del venti Maggio noi speriamo anche dal confronto del con gli altri operatori riprendendo il discorso era professoressa Rossi di poter avere anche dei suggerimenti
Tali da poter essere messa in pratica anche delle progettazioni diverse da quelle che ci sono in questo momento che non appaiono
Soprattutto quelle legate
Alla una certa assenze
Del dipartimento delle politiche antidroga che sul carcere non non ricordiamo che abbia avuto delle degli interventi particolare a parte un convegno che è stato fatto nel due mila e nove dopo un po'
Questo questo argomento è stato è diventato orfano e ce ne dispiace parecchio
Un'altra questione importante da dire che questo argomento della diagnostica pesci Fichera
In termini di utilizzazione a fini di misure alternative è oggetto di studio di un gruppo
Di studio appunto
Formato da entità universitarie associazionismo e pazienti stakeholders
Che sono certe socie se ne dimentica ma quando si fanno delle linee-guida quando si lavora per i pazienti non possiamo dimenticarci di farli partecipare anche a loro ecco questo sarà un'occasione per
Presentare anche
Questo gruppo di studio che si è costituito da poco tempo ma che già sta producendo dei risultati
Radio Radicale
E naturalmente essendo impossibile andare sul sito che dell'università CDD
Uniroma di uno due punto it dove è preannunciato sia il satellite sia il convegno dal ventuno al ventitré di maggio e quindi chi fosse interessato trova tutte le indicazioni sia per partecipare all'uno sia per partecipare all'altro
Grazie a tutti
E grazie anche agli ascoltatori di Radio Radicale
Erano la professoressa Carla Rossi addossandole bianchi che hanno presentato il simposio satellite che si svolge domani a Roma alla Consiglio nazionale delle ricerche in piazzale Aldo Moro sette simposio satellite dell'ottava
Conferenza annuale della Società internazionale per lo studio delle politiche delle droghe comete salito si parlerà dell'importanza della degli standards diciamo così di analisi dei dati come definiti
L'osservatorio per delle droghe dipendenza di Lisbona stiamo sanno storicamente semplificando per necessita di discorso
Dei nuovi sviluppi dell'utilizzo delle fonti ufficiali per lo studio delle dipendenze del degli studi sull'uso Frei sedicenni in trentotto Paesi dell'Unione europea delle nuove sostanze introdotte sul mercato
Delle del di questioni importanti come il poli uso e anche dell'analisi dei dati dei pronto soccorso che poi
La valutazione del mercato delle droghe legali e le ricadute sulle case e tutto questo domani
In questo sì posso satellite che fa così diciamo così da preambolo rispetto alla situazione italiana poi all'Ottava Conferenza
Internazionale della Società Internazionale presidio delle politiche delle droghe di cui parleremo tra qualche minuto prima però
Tanto per per mostrare quanto anche è complicato quando si parla di di droghe
Appunto di droghe non di droga quanto ecco quanto è un fenomeno complesse sono
Liquidarlo con qualche intervento un po'morale già anche qualche bella paroni qualche intervento parlamentare in qualche dito reale serve solo
A mettere a posto la propria coscienza un po'a buon mercato consentiteci di dirlo la realtà è molto più complicata va studiata analizzata e le politiche per governare questa realtà
Andrebbero magari calibrate di volta in volta sulla scorta delle esperienze fatte
Da questo punto di vista interessante per esempio vedere cosa sta succedendo in Messico oltre alla guerra di droga da alla quale
Assistiamo purtroppo da da da molti anni
La relazione che c'è tra mercato delle droghe violenza e la relazione che c'è un aumento della violenza e
Diminuzione avrebbe della cocaina circolante sul mercato questo è oggi è stato oggetto di uno studio realizzato negli Stati Uniti di cui ha parlato Lorenzo rendi nella rassegna di geopolitica del pochi giorni fa del sedici maggio sentiamo
Il saggio è stato appena pubblicato
Negli Stati Uniti ed è intitolato scarsità senza Leviatano
Dove il Leviatano inteso nell'accezione o pensionati Stato regolatore scarsità delle vietano gli effetti violente dalla scarsità di cocaina sulla guerra alla droga in Messico uscito nel febbraio scorso
Pubblicata dal CGIE di che sta per Center for Global development è una organizzazione no-profit indipendente di Washington
Nell'ambito di un gruppo di studio lavorativo denominato oltre la barriera gli autori di questo studio sono quanti a Milo Castiglio Daniel medica della università delle Ande
Pasquale resta Repo del MIT Massachusetts Institute of Technology di che cosa parla saggio
Utilizzando il caso del commercio della cocaina in Messico la nostra analisi Schio gli autori dimostra che la scarsità del prodotto porta violenze nel mercato in assenza di un intervento di una terza parte il Leviatano appunto
Noi abbiamo elaborato un modello matematico economico secondo il quale la scarsità delle forniture di cocaina fanno mentre il totale dei profitti quando le domande in elastica
Non in grado di adeguarsi e mutamenti disponibilità e in assenza di una parte terza e abbiamo rilevato che sciocche esogeni sulla disponibilità derivanti da variazioni nel totale di cocaina sequestrata in Colombia principale Paese produttore
Causano scarsità e aumento della violenza collegata al traffico di stupefacenti in Messico che invece il paese di transito
Sempre secondo il nostro modello spiegano gli autori la correlazione tra scarsità di cocaina violenze più alta vicino al punto di passaggio al confine Messico Stati Uniti
Nei luoghi dove più duro lo sconto per il controllo del territorio da parte dei cartelli e dove la repressione sostenuta dal Governo e più presente le nostre stime suggeriscono che nel periodo due mila sei due mila dieci la scarsità di cocaina
A provocata da una più efficace opera di interdizione da parte della polizia in Colombia la guerra alla droga li condotta
Avrebbe inciso in Messico ripetuto ricadute pare un ventuno virgola due per cento sui tassi di omicidio per un quarantasei per cento sugli omicidi collegati alla droga
In buona sostanza sostengono gli autori la scarsità creata dalla lotta alla droga in Colombia avuto ricadute negative nella forma di maggiore violenza in Messico
Questo descrivono gli autori della ricerca vediamo allora che cosa scrive mai colture mense che è uno degli esperti del
CGD di questo centro studi nel presentare il saggio analista i quasi quattro mila chilometri di frontiera tra Stati ritiene Messico sono un precipizio economico il più grande differenziale di PIL tra due Paesi confinanti al mondo
A tutto vantaggio degli Stati Uniti attraverso questa linea sbagliata le donazioni proseguono un profondo e antico scambio di beni servizi e lavoro investimenti eccetera
Alcune di queste integrazioni avvengono attraverso mercati illeciti transnazionale molto floridi quale esempio droga armi lavoro con significative effetti sociali ed economici per entrambe le parti
La politica economica di questi mercati complesse poco compresa ed è definita sulla base dell'applicazione letterale di leggi interni
Questo rapporto secondo Clemens fornisce dunque uno sguardo nuovo sugli effetti a cascata delle politiche di contrasto
Sui mercati illecite transnazionali innanzitutto
Prima cosa che emerge per la prima volta si dimostra come la lotta alla droga in Colombia incida sui prezzi della cocaina anche mercati distanti come quelli messicani una correlazione economica diretta
Sui prezzi
E secondo dimostra che l'aumento del prezzo della cocaina causato proprio dalla sua scarsità a causa della minore fornitura dalla Colombia
A come correlazione un aumento della violenza in Messico insomma questo è il tipo di correlazione che esiste appunto tra
Cocaina i violenza Messico questo meccanismo transnazionale dunque può aiutarci a spiegare i notevoli bruschi improvvisi aumenti di violenza che si sono verificati in Messico a partire dal due mila sei
Questo è quanto si era mai colto emesso del Center for Global dirlo Manta di Washington nel presentare questo studio appena pubblicato intitolato
Scarsità senza Leviatano gli effetti violente dalla scarsità di cocaina sulla guerra alla droga in Messico
Secondo il quale insomma
Portando avanti la lotta alla droga in un Paese non si tiene conto delle conseguenze anche attraverso il meccanismo economico commerciale dell'assenza comunque di uno Stato di un mercato
Regolato e produce degli effetti a distanza e gli esempi sono quelli quanto viene in Colombia e le ricadute che essi hanno in Messico lo studio lo potete ritrovare integralmente sul sito internet
Ci G di zero punto organica il sito del Center for Global development di Washington
Così Lorenzo renderà Sora Sergio Polito e la cui data del sedici maggio dunque gli affetti della guerra la droga quando si consegna appunto i il mercato delle droghe da una parte le mafie dall'altra si pretende di contro il di contro batterlo di di combatterlo in maniera militare anziché a regolarlo
Ecco anche questo è un affetto di politica delle droghe che evidentemente non non funziona poi si può pensare che chi esprima dubbi su queste politiche vedrò che abbia la coscienza molle la coscienza lasca ma questa è la realtà
Poiché i fatti una realtà che va studiata è una realtà che è come dicevamo quella di un fenomeno molto complessa
Che non è non si può liquidare con un poche righe sul giornale o in un
Cinque minuti in una di dibattito intervento parlamentare
è proprio per questo che qui torniamo dunque all'argomento principale di questa puntata la tesserati per vizio lista si discuterà a Roma da domani e poi nella Conferenza internazionale dal ventuno al ventitré
Proprio per ragionare e fare il punto della politica delle droghe nel nostro Paese nella conferme l'Ottava Conferenza
Internazionale
Della società internazionale di per lo studio la politica delle deroghe e per parlarne abbiamo adesso al telefono l'abbiamo sentita poco fa nella conferenza stampa la professoressa Carla Rossi buongiorno Carla
Può giocare offerto buongiorno agli ascoltatori somma ci siamo sono ne abbiamo parlato in questi mesi siamo alla vigilia di questo appuntamento e siamo alla vigilia infatti stiamo organizzando le ultime cose
Che ha coglieranno poi tutti questi partecipanti
Cominceremo con un'apertura molto molto importante a mercoledì mattina molto importante perché ci sarà il Sindaco di Roma ci sarà naturalmente aliquote Tercas Presidente della associazione che ha citato prima
Ovviamente citerò per forza anch'io
Poi ci sarà il mio rettore e ci sarà anche Mauro Palma in rappresentanza del Ministro della giustizia perché ne abbiamo avuto il patrocinio sia dal Ministero della giustizia e del Ministero della salute
E nonché dal Comune dalla Regione cioè da Roma Capitale e della Regione Lazio
Quindi l'apertura diciamo tiene conto di di tutte queste cose mentre poi si comincia con i due
Plenarie quindi due pensioni minime uniche
E sono tutte e due molto importanti nella prima c'è don Ciotti che parlerà di narco mafie e nella seconda cioè Julio calzata Mattei che parlerà della politica e antidroga che hanno adottato in Uruguay scusa sa dette dal responsabile
Del del dell'ufficio insomma nella pratica delle droghe dell'Uruguay insomma quindi una presenza autorevoli senza sentiremo proprio che cosa state cosa stanno fu ci hanno anche perché
La la legge di qualche mese fa hanno cominciato adesso a a renderla operativa insomma questa un mese
Certo quello di sarà interessante oltretutto lui sarà accompagnato dall'ambasciatore dell'Uruguay in Italia quindi
Che in qualche modo è un tramite il cervello interessante anche il titolo della della delle nella relazione questa prolusione di Julio calzata che dall'illusione del contratto cento anni di politica delle droghe dall'illusione del controllo
Totale alla realtà di un controllo re di una regolamentazione di un controllo regolato e chi no ma infatti è una è un titolo che esprime moltissimo cioè noi diciamo cose simili da tanto tempo
Quindi vi è chiaro che che interessa
Sicuramente mozzo ma sono tre giorni di lavoro intensissimo impone perché ci sono vivamente ci saranno specialisti da tutto il mondo di alto livello
Io ho scorso un po'il il programma è veramente un programma certo molto tecnico molto molto specialistico ma
Molto molto denso no filtrare a tutti sono specialisti da parte dei dai cinque continenti ma ci sono specialisti criminologi medici politici cioè c'è proprio tutto quello che in qualche modo dovrebbe occuparsi
Della politica sulle droghe per il fatto che una politica
Divertita da altre politiche cioè se facciamo per esempio la politica per gli studenti universitari è molto più semplice perché li possiamo andare a contare
Possiamo parlare
Mentre invece la politica sulle droghe prevede delle popolazioni in accordo siti senza dire che come come racconto
Quello studio che ha circa di cui ha parlato Lorenzo rende l'abbiamo tanto sentire cioè il PAI e una politica in un paese
Ha delle ripercussioni in un altro Paese magari magari lontano insomma se non ci sono veramente fra l'altro uno degli interventi stavo sentendo Lorenzo aventi quand'è uno degli interventi proprio parla della
Del
Dei
No a me viene la parola
Della violenta in Messico
Per cui imporre ancia tecniche che elenca ai veneti in una realtà pagare quello che non a caso una realtà dove il caso di dire che la guerra la droga e di deflagrata nel modo più più più sanguigna che ha superato andata al di là di di qualunque
Immaginazione non otto non lo Stato con l'abbiamo già visto insomma
Colombia
Appunto ci sono anche diversi interventi che parlano della coloro che le altre situazioni
Diciamo del Sud America quindi abbiamo diversi rappresentanti del sud americana vai anche da Nadia nell'applicazione li abbiamo veramente
Ecco
Nella e continente ecco sicuramente nord sicuramente la il il livello della conferenza non ha
è notevole il il
Il problema semmai è che poi dopo
La politica recepisca quanto dicono gli specialisti quanto mostrami specialisti delle loro studi e qua sopra Tze pensano soprattutto all'Italia tocchiamo veramente un punto
Certe per abbiamo delle idee innanzitutto chi non ha dato l'elenco di tutti apre il congresso del però il congresso nella Costituzione
Emma Bonino in un'attenzione speciale sempre politica
Quindi
Hanno
La cena certa la chiusura tra l'altro considerando che che ha siamo che da due anni Ciampi siamo due anni di ritardo e di più dalla da quando l'ha potuto tenersi
La Conferenza Nazionale sulle droghe in fondo questo appuntamento potrà diciamo così potrebbe avere
Una essere qualche modo una supplenza di alto livello se la politica recepirà poi cosa uscirà dalla conferenza Settat era c'è anche quello che
Hanno già iniziando questa protesta che capo pensiamo di fare turbinata presentazione dei risultati fondamentali del convegno al Senato quindi
Diciamo non è che finisce venerdì però no no certo questo
Allora
Non ci resta che ricordare che
Allora il convento allora la Conferenza nazionale così come il il simposio satellite di domani si tengono la sede del Consiglio nazionale delle ricerche a Roma che sta in piazzale Aldo Moro
A rientra Carrier venatori indicate nelle aule anni all'ingresso terzi esternato cuscini per cui chi volesse l'ingresso aperto anche a non specialistico immagino vuole è aperta specialisti domani sera Bidognetti scrive questa cosa quando si arriva
Quindi tutte le informazioni Turati dettate dalla conferenza stampa si possono trovare a un sito internet che è quello
Del centro interdipartimentale di bio statistica ed informatica che
Www punto ci idi Birch a Como Imola Bologna Bologna punto uniroma due in cifra punto it e Piazzetta Chivasso eventi
E si aprono a tutti gli eventi sia quelli che abbiamo già fatto sia quelli che stiamo Steffanin SIS allora noi
Come radio radicale ci saremmo seguiremo il simposio di domani seguiremo alcuni momenti poi della Conferenza internazionale sicuramente la la la mattinata le due finali di apertura con don Ciotti con Julio calzata
Altro alcuni altri modi antri momenti quindi avremo anche i NAS ascoltatori poiché non potranno essere a Roma
Cercheremo di fornirli poi alcuni momenti di questa Conferenza e poi dei suoi sviluppi che Tucci in qualche modo ci
Ci anticipavi
Che dire allora tutte le informazioni al sito che abbiamo dato a questo punto buon lavoro e magari ci riposiamo risentire per un consuntivo per
In un'azione di guerra testi questa giornata queste giornate importanti sette Paesi è sicuramente importante anche la chiusura assunta ugualmente politica e poi chiuderemo anche annunciando il convegno della nostra rimane così
Scienza politica con Emma Bonino benissimo allora grazie Carla saranno tre giorni di lavoro intenso quindi Chieti auguriamo buon lavoro a teatro che attenti convegni visti e poi naturalmente ci sentiremo nei prossimi giorni grazie alla professoressa Carla Rossi allora questa è l'appuntamento di questi prossimi giorni un appuntamento
Importante
Sarebbe l'occasione per anche per la politica italiana per i politici che seguono queste queste questi questo problema queste queste questioni che pagano prendere decisioni politiche di governo delle droghe essere quanto meno se non presente a tutti i giorni di lavoro ma almeno
Prendere contatti insomma anche perché questa su questo dovrebbe fare la politica insomma poi governare i fenomeni sociali appiglio aggiustare le aggiustare nel senso migliore del termine cioè
Riorganizzare le leggi quando si mostra che le leggi non funzionano per governare punto fenomeni che poi
Sono anche complessi e sono anche di di
Hanno hanno in sé molte né molte
Questioni correlate insomma che hanno a che fare con la sicurezza pubblica la salute e lo sviluppo di una di una società noi nel nostro piccolo cercheremo di po'
Opporvi qualche momento di questa di questi giorni di dibattito e di confronto e di conferenza scientifica che si svolgeranno a Roma
C'è un'iniziativa che promosso dai Radicali dai radicali torinesi iniziativa di raccolta di firme che si è articolata in queste in queste settimane per una petizione parliamo di Torino per previsione comunale che richiede la sperimentazione della coltivazione della cannabis per finalità terapeutiche nella città di Torino su questo su questo i i radicali torinesi
Hanno raccolto delle firme in questi giorni verranno consegnate proprio oggi queste queste firme vediamo se adesso riusciremo a
Collegarci metterci in collegamento con i Gorgoni che Presidente dell'Associazione radicale Adelaide Aglietta la nostra regia
Con Lorenzo Bruschi ci sta provando vediamo se Luciano intanto vi diamo conto di qualche notizia sempre che per quanto riguarda punto poi la realtà della politica delle droghe nel nostro Paese la prendiamo e
Ci così una volta di più
E non pagano facevamo ma torniamo consigliarli il se il notiziario droghe che trovate sul sito dell'Aduc all'Associazione per i diritti degli utenti dei consumatori
Indirizza droghe punto ad un punto it è una vera miniera inesauribile di informazioni aggiornate in continuazione su quello che succede un po'in tutto il mondo
Dalla cronaca della guerra le droghe a prese di posizioni politiche a pubblicazioni di
Ai documenti scientifici al dibattito politico che poi viene un po'in tutto il mondo e allora citavamo appunto il lo citavamo nell'apertura di questo noti sarà tipo revisionista
Del a capo della polizia giudiziaria del Cantone di Nash teller esperto di politica delle droghe Olivieri di neanche stato di recente in a in Uruguay e per verificare proprio per andare a vedere cosa sta facendo quella quel Paese
E da poliziotto da esperto di politica delle droghe si dice favorevole a studiare la legalizzazione della cannabis per in uso privato
C'è un'altra come delegazione legalizzazione la cannabis va be'intanto c'è il presidente uruguaiano cosa musica
Che ad ovviamente difende il piano per la legalizzazione della marijuana nel suo Paese e sostiene per esempio che il suo piano è migliore di quello messo in atto in Colorado perché è molto più restrittivo e perché in quel Paese e colorata c'è molta ipocrisia e questo è anche interessante e anche delle sante perché da una nel confronto tra del sulla politica delle droghe Nico credo tra posizioni rigidamente proibizionista e chi invece chiede fu di cambiare le politiche abbiamo da una parte
Mi praticamente una posizione abbastanza univoca monolitica cioè le droghe fanno male le droghe la droga fa male la droga va proibite dobbiamo difendere la Società appunto
E dall'altra parte invece c'è chi dopo decenni di fallimento della guerra le droghe prende atto che queste politiche repressive non funziona ma quelle strade che si propongono sono sono vari sono diverse e sarà interessante vedere quelle che funzionerà ma quello che non funzionerà nelle interessante proprio vedere questo questo dibattito a distanza tra l'Uruguay per esempio il colorata ma mi dicono che
Siamo riusciti siamo citi a stabilire collegamento con Igor Boni Presidente dell'Associazione radicale della dagli territori non buongiorno Igor
Buongiorno a tutti allora voi tra possiamo dire tra pochi minuti consegnate queste quasi quattrocento firme per questa petizione che chiede di avviare una coltivazione sperimentale di cannabis per fini terapeutici a Torino
Ritorno sostanzialmente quattrocento il rene servivano per cento avere diritto di presentare la petizione secondo quanto previsto dallo Statuto
Una petizione che chiede al Comune di passare dalle parole i fatti perché confido viale siamo riusciti ad ottenere il voto a maggioranza su due mozioni
Una che chiede la legalizzazione della cannabis terapeutica un'altra che chiede la legalizzazione sostanzialmente della della marijuana quindi è il più vasto raggio
Però visto che il Comune di Torino a delle aziende all'interno del proprio territorio che si occupa di agricoltura ne vogliamo fare un progetto concreto di produzione e di commercializzazione della cannabis a fini terapeutici
Ed è questo che chiediamo con questa petizione abbiamo raccolto facilmente le firme
Un pubblico il pubblico che ha firmato la petizione e tendenzialmente giovane però con relativamente poca difficoltà siamo arrivati ad obiettivo è fra pochi minuti Chupa con Giulio Manfredi stiamo andando alla sede del Comune di Torino dove consegneremo
Queste firme che comporteranno un obbligo per il Comune di
Darci una risposta e di darci anche spazio per ora a illustrare il nostro progetto all'interno dell'
Aula delle Commissioni consiliari competenti nella quell'iniziativa interessante anche perché è una cosa che abbiamo ripetuto tante volte al momento
In Italia è possibile utilizzare i farmaci derivati dalla dalla cannabis o i derivati della cannabis per uso terapeutico ma dovendoli portare dall'essere a costi molto molto elevati quindi questa iniziativa sicuramente importante
Si può prevedere c'è stato questo all'approvazione di questo ordine del giorno che ci ricordavi
Quindi gambe avete potuto in qualche modo valutare se poi effettivamente si riuscirà andare al di là della del dibattito la pizza insomma se c'è un qualche modo un'apertura nelle forze politiche del Comune di Torino
Ma dunque a livello di maggioranza consiliare
E c'è un'ampia maggioranza che dal punto di vista appunto prettamente politico è d'accordo
Sulla su su questo progetto Steve problema che adesso li poniamo davanti alla prospettiva di farlo non solo di enunciare dei principi in linea generale
E quindi sicuramente vi saranno delle divisioni lo dico anche perché il Partito Democratico che di fatto il gruppo più grande in Consiglio comunale peraltro sottolineo che sono lo faccio tutto questo da candidato alle regionali
All'interno delle liste del PD che da
Un un valore aggiunto all'iniziativa e crea anche all'interno del peso democratico un qualche scricchiolio in più
Ci sono già fare telefonate di preoccupazione su questa nostra iniziativa quindi credo che abbiamo tutti gli argomenti per riuscire a far nascere il dibattito di fronte al dibattito
E alla poi al voto che speriamo di portare in Consiglio rispetto a questo progetto concreto di coltivazione
Credo che sia anche difficile poi mangiarci le parole di chi ha votato a favore della progetto della legalizzazione poi in politica come città tutte possibile ma come sempre cercheremo di far saltare fuori le contraddizioni che esistono
Anche nel centrosinistra ovviamente poi quello a cui ci riferiamo perché e da lì che arrivata i sostegni alla nostra iniziativa sulla legalizzazione consiglio comunale però
Come sempre andiamo passo un po'più avanti saliamo un po'più avanti mezzo ma per per rassicurare anche lei timori magari di qualche esponente politico possiamo dire che
Di sorta
Tante volte abbiamo polemizzato nuove ha ragione da questo punto di vista con quando era sottosegretario senatore Carlo Giovanardi che invece su questa cosa era anche rispetto alle proposte fatte quando i Radicali erano in Parlamento non aveva avuto
So obiezioni soluti e recentemente proprio dal ministro alla Salute vernice Lorenzin ai microfoni di Giovanna Reanda ma ha detto che lei non è contraria l'uso terapeutico Racanelli se questo dato che c'è una letteratura scientifica e come si usano altri fatti quindi voglio dire
Non ci sono siamo malati uso terapeutico quindi non non questo potrebbe confortare insomma anche
Vincoli i politici cittadini provenienza io credo che guardando Compaq matti città e con laicità questa situazione stiamo parlando di una cosa che dovrebbe essere di una banalità assoluta cioè noi chiediamo
Di legalizzare l'utilizzo della cannabis terapeutica
Che avrebbe un vantaggio esclusivamente per chi
è malato entro nato con malattie molto gravi e che trova ragionamento da utilizzo di cannabinoidi quindi parliamo di qualcosa che tutto pertinente qualcosa di positivo
è chiaro che la politica poi ha il difetto di non guardare mai le cose ero ma insomma dalla mentre con le compagnie Mati città
E si rischia sempre di cadere nel dibattito ideologico e quindi di
Di guardare la droga come qualcosa di negativo a prescindere che deve essere proibito noi da
Gente che vuole legalizzare
Le droga cominciare le droghe leggere però diciamo che in questo caso parliamo
Di di qualcosa molto molto semplice
Di molto molto sotto il profilo troppo so rispetto a quello che vorremmo fare però in Comune a questo si può fare
E il costo
Discutere credo che sappiano che i radicali quando si mettono poi lo fanno li costringa davvero discutere saremo cosa viene fuori
E ne seguiranno il l'evoluzione di questa iniziativa grazie Igor risente c'è presto allora
Roberto Calderoli care tali formazione competenza grazie grazie di Carboni Presidente dell'Associazione radicale Adelaide Aglietta di Torino dunque tra qualche minuto la consegna di queste quasi quattrocento firme trecentonovantadue per la precisione
Dei cittadini torinesi firme raccolte dai radicali torinesi unica c'è una petizione comunale che richiede la sperimentazione della coltivazione della cannabis per finalità terapeutiche nella città di Torino
Ricordando che a gennaio punto come diceva che poco fa il Gorgoni il Consiglio comunale aveva approvato un ordine del giorno prima firma del consigliere comunale Silvio viale
A favore della cannabis terapeutica siamo arrivati dunque alla fine di questa puntata de notiziare antiproibizionista
Tra tra poco la troverete Onna on line su internet su Radio radicale punto it han detto potete andare nella Sezione delle
Rubriche li trovate la pagina qua denoti sarà tipo revisionista quindi potete riascoltarle stringo scaricarla in podcast
In in onda invece ci risentiamo fra una se
Hanno lunedì prossimo alle tredici ricordiamo che se volete
Commentare questa puntata del notiziario prese vista dieci cosa ne pensate o anche solo dice che ci ascoltate potete scriverci una e-mail all'indirizzo io ascolto chiocciola radio radicale il punto vita grazie a
Luciana brune Lorenzo Bruschi per l'assistenza tecnica un saluto da Roberto spagnoli