19MAG2014
rubriche

Speciale Giustizia

RUBRICA | di Lorena D'Urso RADIO - 21:03. Durata: 2 ore 1 min

Player
Plenum del CSM del 15 maggio scorso (nomina di Paola Piraccini come Segretario generale del Csm); Convegno "250 anni dei delitti e delle pene", Livorno 16 e 17 maggio 2014, interventi di E.

Padovani e A.

Cadoppi.

Puntata di "Speciale Giustizia" di lunedì 19 maggio 2014 , condotta da Lorena D'Urso .

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Boccassini, Bruti Liberati, Carcere, Criminalita', Csm, Diritto, El Mahroug, Giustizia, Magistratura, Milano, Polemiche, Procedura, Robledo.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 2 ore e 1 minuto.
21:03

Scheda a cura di

Fabio Arena Iva Radicev
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buonasera a tutti benvenuti ascolto speciale giustizia dalle ore ad Urso come era prevedibile e non si arrestano i veleni in Procura a Milano dove alla vigilia di una decisione
Da parte del CSM nella procuratore aggiunto Alfredo Robledo tornare implicare alla procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati in una nuova lettera infatti inviata alla CSM
Robledo sottolinea discrasia su quanto sarebbe stato pronunciato in merito all'inchiesta sul caso Ruby indagine coordinata da Ilda Boccassini in merito a questa
Assegnazione spiega che il collega Nobili non è mai stato interpellato sul punto né richiesta la sua opinione il collega Nobili
Venne meramente informato della decisione che era già stata presa dalla Procuratore della quale si limitò a prendere atto senza interloquire o commentare in alcun modo
Pertanto secondo Robledo è stata resa alla CSM una dichiarazione del tutto difforme dall'effettivo svolgimento dei fatti è per questo si chiede l'audizione n avvia urgente dello stesso
Alberto nobili
E questo dunque è soltanto l'inizio di una settimana decisiva sia sul fronte dell'inchiesta sulla cosiddetta
Cupola degli appalti che per la risoluzione dello scontro che si è aperto ormai da un paio di mesi all'interno della Procura di Milano tra appunto il procuratore capo di mondo Bruti Liberati
Ed ha aggiunto Alfredo Robledo che vede come materia del contendere alcune delle più importanti e delicate inchieste tra cui anche
L'indagine su presunte gare pilotate e sospette e mazzette
Entro metà settimana potrebbe arrivare la decisione del CSM per porre fine ai contrasti tra le toghe di palazzo di giustiziabile è infatti secondo
I bene informati addirittura entro domani entro martedì le due Commissioni del CSM che si occupano del caso la prima è la settima potrebbero chiudere
Gli accertamenti e subito dopo potrebbe arrivare la decisione di Palazzo dei Marescialli da cui dipenderà il futuro di due figure chiave della Procura
Nella stasera rimaniamo sulle attività del CSM perlomeno in questa prima parte dello speciale giustizia
Con la nomina da parte del plenum voglia quindici in maggio scorso giovedì scorso di Paola Pieraccini come nuovo segretario generale del CSM il magistrato
Fino a oggi Segretario generale della scuola superiore della magistratura ha avuto la meglio sull'altro candidato che era il procuratore capo di Trento Giuseppe Amato
Ma cessata una vera e propria bagarre al CSM sulla nomina del segretario generale dopo che all'ultimo è saltato l'accordo siglato dalle principali Currenti
Per la defezione di uno dei i togati di unità per la Costituzione
Una scelta che alla fine ha fatto private prevalere sia pure
Con lo stesso numero di voti dieci
Era dieci a dieci il candidato dello schieramento contrapposto professionalmente più anziano cioè appunto paura Pieraccini come prevede in questi casi appunto il Regolamento
Al CSM era esplosa la rabbia la rabbia degli sconfitti che in questo caso sono erano i togati diaria e di unità
Per la Costituzione si sono sentite urla scenate avvenute peraltro gran parte fuori dall'Aula del plenum
Dove secondo alcuni si sarebbe addirittura assicurato anche lo scontro fisico anche perché c'è da dire
Quella del Segretario generale rientrava in un accordo complessivo sulle nomine dei vertici degli uffici giudiziari che questo CSM si appresta a fare prima della scadenza di luglio il suo mandato
Con il rischio ora ovviamente di un effetto
A catena
Dunque aria attese attesissima a a Palazzo dei Marescialli questo si percepisce già dalle prime battute della seduta del plenum si dall'inizio della
Discussione quando per un solo voto di scarto non è passato un rinvio con il ritorno della pratica al Comitato
Di presidenza dopo che era stata bocciata la proposta è laico del PD Guido Calvi di rimettere la nomina per ragioni di opportunità alla nuovo CSM che appunto si insedierà dopo le elezioni di luglio
Il clima poi si è fatto rovente subito dopo il voto quando
La togata di unità per la Costituzione Giovanna Di Rosa si è espressa per Paola Pirazzini in dissenso con la scelta
Del gruppo che è appunto con aria sosteneva invece del suo gruppo che con aria sosteneva invece l'altro candidato la procuratore di Trento Giuseppe Amato
Soddisfatti ovviamente molto soddisfatti i laici di centrodestra anche se uno di loro Bartolomeo Romano si è astenuto
Che sta peraltro gli acini centrodestra vi sono trovati a sorpresa nello schieramento vincente assieme al laico del PD Glauco Giostra due togati di Magistratura Indipendente e ai colleghi
Togati indipendenti cioè sganciati dalle correnti Paolo Corder
è nello o Nappi con il Consigliere Romano laico del centrodestra si sono invece astenuti anche Guido Calvi il vice Presidente Michele Vietti il procuratore
Generale della Cassazione Gianfranco Ciani e il primo Presidente della Corte di Cassazione giorno Santacroce è il togato di Magistratura indipendente Antonello Racanelli ma dunque
Ascoltiamo il plenum di di Palazzo dei Marescialli del quindici maggio scorso dibattito sulla nomina del nuovo Segretario generale
Procedura concorsuale per la nomina del Segretario generale del Consiglio Superiore della Magistratura
Il Comitato di Presidenza a cui spetta formulare la proposta
A seguito in questa
In pratica e quanto previsto dalla delibera consiliare sedici aprile duemila e tre
La delibera
Che vi è stata proposta è duplice contiene una parte generale comune e poi un riferimento specifico I due candidati
Che il Comitato ha ritenuto di proporre al plenum
Nella parte comune e generale si richiamano i criteri che
A cui si ispira la decisione per il conferimento di questo posto si tratta di un incarico
Essenzialmente sfiduciare io il che esclude la natura concorsuale di questa procedura
Di nomina è proprio la citata delibera del due mila e tre che sottolinea la natura fiduciaria
E stabilisce che oltre alle valutazioni tecnico professionali deve sussistere un rapporto fiduciario il cui accertamento sfugge ad una rigida procedimentalizzazione
Per cui anche il riferimento all'audizione alla formazione della rosa la richiesta di atti istruttori eventuale alla Commissione terza
Sono fasi eventuali e facoltative di questa procedura funzionali all'accertamento del possesso da parte dei candidati dei requisiti attitudinali
Nella caso di specie le disponibilità manifestate raccolte erano soltanto cinque e anche in riferimento a livello dei candidati il Comitato ha ritenuto di poter semplificare la procedura escludendo l'esigenza di formulare preventivamente una rosa e procedendo direttamente all'esame dei titoli all'audizione di tutti
Gli aspiranti trasmettendo a tutti i consiglieri le autorelazioni dei candidati
Per quanto riguarda i criteri selettivi che che presiedono a questa Scelta
Il Comitato ha ritenuto che il candidato dovesse essere capace di presiede che delicate articolazione amministrative e svolge le funzioni di alta dirigenza amministrativa possedendo
Perciò basta conoscenza dell'organizzazione giudiziaria e capacità di mantenere adeguato livello di relazioni istituzionali
Alla luce di questi criteri il Comitato ha ritenuto perciò di sottoporre al plenum due nominativi quelli
Del della dottoressa Paola Pieraccini e del dotto Giuseppe Amato
Che più degli altri si è ritenuto potessero vantare un profilo
Professionale di particolare rilievo anche perché sa che stati posti a capo di delicati articolazioni amministrative e giurisdizionali
Per quanto attiene la dottoressa Pieraccini la delibera da conto della varietà delle esperienze giudiziarie che questo magistrato ha acquisito in diversi uffici sia di merito che di De di timidi da
Nonché della sua significativa esperienza presso la segreteria del Consiglio Superiore della Magistratura
Che ovviamente le ha dato modo di acquisire
Conoscenza della struttura organizzativa del consiglio
Di particolare e rilievo è stata giudicata l'attuale esperienza di questo magistrato quale Segretario generale presso la Scuola superiore della magistratura
Incarico che a ha svolto con lodevole impegno mostrando doti organizzative
Unite a capacità di coordinamento di una delicata struttura complessa quale appunto eh quella della scuola
Il dottor devo Giuseppe Amato parimenti ritenuto meritevole di essere proposto al plenum per la nomina al svolto funzioni giurisdizionali in uffici in delicati uffici requirenti
è stato collocato fuori ruolo presso la Corte costituzionale presso l'Ufficio studi del Consiglio superiore ha esercitato funzioni direttive in due
Uffici giudiziari requirenti Procuratore da la Repubblica di Pinerolo il procuratore capo presso la Procura di Trento che pure sede di DDA
Ovviamente la presenza quale capo l'esperienza quale capo di un ufficio di procura
Si caratterizza come un'organizzazione gestionale e funzionale speciale rispetto agli altri uffici giudiziari per la sua spiccata autonomia organizzativa che attribuisce al suo vertice un ruolo
Su propulsivo e decisionale particolarmente significativo sia sul piano amministrativo che su quello giudiziario
A questa idoneità del dottor Amato dunque adesso che preposto ad una struttura amministrativa complessa quale
E quella del Consiglio si aggiunge la sua vasta produzione scientifica in particolare in materia di ordinamento giudiziario
E penale
Dunque siamo in presenza di due magistrati
Di profilo assolutamente idoneo per ricoprire questo incarico questa è la ragione per cui il Comitato a ritenuto
Di sotto pochi entrambi alla decisione alla scelta
Del plenum rimettendosi alla valutazione finale dell'Assemblea
Consigliere Calvi
Presidente
Come lei noto insieme al collega Giostra abbiamo inviato all'Ufficio di a lei all'Ufficio di Presidenza una lettera
Nella quale abbiamo sottolineato con forza l'agli in opportunità di procedere alla scelta del Segretario generale
Forse più che di inopportunità bisognerebbe parlare
Di rispetto istituzionale che vorrebbe non delegabile così crediamo da un organo che sta per terminare il suo percorso una scelta che investe inevitabilmente l'organo subentrante
Lei ha correttamente detto poco fa che il Segretario generale la nomina del Segretario generale come
Stabilito credo all'allora in un un provvedimento dell'allora Consiglio presieduto dal professor Beltrade
E questa nomina è una nomina
Di natura fiduciaria indubbiamente di natura fiduciaria
Fiduciaria certamente del Consiglio ma
Soprattutto e fiduciaria dell'Ufficio di Presidenza
Ora
La riflessione che noi abbiamo fatto è che la Segreteria Generale a funzioni assai delicate
Funziona sei delicate che l'articolo nove del nostro Regolamento
Definisce nei suoi punti essenziali vorrei ricordare
E bene partire da questo punto che il Segretario generale
Cura
I rapporti con le segreterie generali della Presidenza della Repubblica della Camera dei deputati del Senato della Repubblica della Corte costituzionale e del denaro e gli uffici della Presidenza del Consiglio
Poi gli
Il Segretario generale assiste alle riunioni del Comitato di Presidenza e provvede alla convezione facce negli atti assicura il buon andamento dei servizi degli uffici in altre parole governa il personale sia togato che ha
Sinistra attivo ha una funzione di straordinaria di straordinario rilievo di straordinaria delicatezza
Quindi
è un organo che proprio per queste funzioni per la su una Tura
Fiduciaria per le funzioni che esercita e indubbiamente deve aprire l'assoluta fiducia del di uffici con cui lavora ora noi fra un mese un mese e mezzo fra qualche settimana terminiamo
Il nostro lavoro presso questo Consiglio il nuovo Consiglio si troveranno minato
Una soggetto il quale dovrà
Aprire questo rapporto fiduciario che stabiliamo nuvole inoltro anche mette trovo irrispettoso dal punto di vista istituzionale una cosa di questo genere nei confronti del nuovo Consiglio nuovo Consiglio dovrà decidere
Soggetto con cui lavorare nel quale rivolgersi per tutte le questioni che abbiamo visto e che
Aprire la fiducia necessaria che egli dovrà il test i colleghi candidati sono tutti quanti ambedue
Che voi avete proposto sono due persone certamente ambedue apprezzate ovunque naturalmente anche da noi ma questo non è il punto
Il punto non o che noi apprezziamo il problema è che noi
Tra poche settimane non avremo più possibilità di lavorare con il nuovo Segretario ed è opportuno e bianchi e rispettoso dal punto di vista istituzionale che il nuovo Consiglio
Sia in grado di scegliere il suo segretario generale per funzioni così delicate
Da ultimo
Si potrebbe dire che B appunto perché siamo in una fase di transizione e dovremmo
Come dire a venire avanti a noi un passaggio molto delicato sarà opportuno che ci sia un Segretario generale
Questo non è un argomento forte anzi è un argomento molto debole perché
Perché il nuovo segretario certamente non è informato e non ha
Una formazione di e un'esperienza tale da poter governare un passaggio così delicato
Che tutti noi sappiamo quanti problemi crea nel momento in cui arrivano i nuovi consiglieri tutti i problemi che noi abbiamo vissuto quattro anni fa
Nel frattempo abbiamo un
La Segreteria generale facente funzioni che da cinque anni e qui che tutti abbiamo apprezzato che è stato votato all'unanimità
Il quale proprio potrebbe governare questo passaggio
Con la
Sua come il suo rigore che gli è stato riconosciuto dall'unanimità dei voti da un'esperienza di cinque anni e quindi governare questo passaggio e quindi nuovo Consiglio potrebbe scegliere il suo segretario generale
Queste sono le ragioni che ad avviso mio e del
Consigliere Giostra e rendono assolutamente inopportuno questo voto per cui la nostra richiesta è proprio quella di
Rinviare questa decisione e rimetterla al nuovo Consiglio
Va beh ovviamente Codice Calvi le sue sono considerazioni assolutamente legittime e rispettabili
Viceversa è altrettanto indubitabile la piena
Legittimazione e del Comitato a fare la proposta e del plenum a votarla fa almeno denominazione dei caratteri opportunità che lei ha ha sottolineato
Qualcuno vuol parlare contro il rinvio consigliera
Curando a favore e uno contro io
La rotta
Papà nello squallore da coprire
Perché vuole attraverso il
Ideologica giostra vuol parlare lei vuol parlare controllino
Grave
Parlato consigliere Carli a favore del rinvio
No no c'era compresa apprezzando ovviamente delle devo argomentazioni esibite dal
Dal
Consigliere Calvi io credo che
Il Consiglio debba assume questo Consiglio debba assumersi la responsabilità della nomina del Segretario generale
La legge settantaquattro del novanta
Che aveva previsto
La cadenza per la nomina
Del Segretario aveva non a caso stabilito che il la durata della dell'ufficio cadesse a metà di ciascuna consiliatura
Appunto per per farsi che la nomina venisse disposta da in Consiglio che aveva avesse già una esperienza di attività di attività amministrativa e
E atti del resto la stessa circolare che è stata approvata l'anno scorso sulla durata sui il di questi incarichi è una circolare che ha
Assegnando un termine di durata
Del dell'ufficio di sei anni tende a ottenere il medesimo il medesimo risultato
Il
La la presenza del vice segretario conto in funzione reggente ci può rassicurare dal punto di vista dell'affidabilità perché Marco dall'ordine presso una solida e di primo ordine
Ma non ci esime dall'assumerci le responsabilità del nostro ruolo e e io credo che sia
Molto opportuno che la nomina intervenga affine affine consiliatura
In modo da
Assoluta
In modo da a consegnare al prossimo Consiglio una un assetto amministrativo pieno e e non e non a soggetto a ulteriori scosse come sono sanate
Registrate nella fase precedente questa questa procedura
Perciò io credo che sia mi oppongo voterei certamente contro la richiesta di un rinvio tanto più di un rinvio al nuovo al nuovo Consiglio
Dopo tra l'altro ero a queste una decisione che si sarebbe dovuta prendere prima di avviare una procedura adesso
Dopo che la procedura è stata avviata che è stata formulata la proposta sembrerebbe quasi
Che si chiede si disponga il rinvio perché c'è la più
L'aspettativa di un risultato non non gradito questo anche dal punto di vista
Andrea carriera prego nostri un anno non ci penso neanche lontanamente perché acqua questo però dico
Che la la
Dopo che si è avviato una procedura regolarità vuole che questa procedura venga portata a conclusione
Una decisione politica
Dilonardo nord ricoprire l'incarico di Segretario generale
Dovrà essere assunta dal Consiglio eventualmente prima di avviare la procedura ma non è che dopo avviata la procedura d'OPA dopo che sono state formulate le proposte diciamo no
Non decidiamo più rinviamo al prossimo Consiglio ma questo insomma ma non non scherziamo
Se ne giostra
Se lei vuol Volpe
Pressione sentiamo anche altri Mario io no accettiamo gli altri no se lei insiste però normalmente sulla richiesta di rinvio parla uno a favore e uno contro soprattutto quando è pregiudiziale capisco quando normalmente trattiamo insieme in merito
E richieste rinvia in Commissione in cui tutti parlano qui siamo la pregiudiziale comunque
Visto che la materia è delicata se lei vuol parlare parli ovviamente se qualcun altro poi può replicare sulla posizione contraria al rinvio lo farò parlare
Ma io ero non condivido affatto la posizione del Consigliere Nappi
Trovo mi ritrovo nelle nelle osservazioni che ha fatto il Consigliere Calvi mi ha preceduto glieli avevo mi ero iscritto perché mi riconosco nelle sue senza averle concertate tra l'altro
Io trovo
Davvero di scarso senso istituzionale procedere oggi con un aggiunto in questo scampolo di di consiliatura adatti alla nomina di un raffigura nevralgica del prossimo Consiglio
Corre
Che deve avere un rapporto fiduciario non a caso dico il Comitato di Presidenza ci manda una proposta aperta quando usualmente ma dà un'indicazione
Netta al riguardo dice consigliere Nappi evitiamo al prossimo Consiglio scossoni
Ma
Perché questa nominata necessariamente scossoni che adesso che è intrisa di altre e intrecciata con altre decisioni da cui è è bene invece che sia
Tenuta lontana perché il prossimo Consiglio fisiologicamente potrà nominare quello che dovrà essere il l'organo nevralgico dal punto di vista amministrativo che accompagnerà la sua funzione
Voi voglio dire
Abbiamo
Un Marco dall'olio un facente funzioni che è una garanzia per tutti io in questi giorni ho sentito che comunque raccoglie la fiducia la considerazione il rispetto per la sua sensibilità istituzionale anzi a me se posso aggiungere spiace che non si è inserito nella rosa indicata dal Comitato di
Presidenza
Ancora
Per quelle che sono le cosiddette proiezioni di voto questo Consiglio si staccherà come una vera su questa allora che noi ci permettiamo di nominare
Il prossimo o il Segretario generale per anni al prossimo Consiglio perché ci sarà un voto in più un voto in meno si vedrà
L'anzianità dell'uno o dell'altro mi sembra veramente uno il gesto di responsabilità istituzionale
Abbiamo abbiamo un magistrato facente funzioni che non è lì provvisoriamente
E inconsapevole ha una conoscenza pluriennale delle delle delle di queste istituzioni coincidere dice
Di traghettare il Consiglio senza alcuna scossa anzi in maniera molto più fisiologica fino alla al prossimo che raccoglierà il nostro testimone io vorrei capire quali sono le urgenze e le ragioni per cui dobbiamo decidere hic et nunc
E non li lasciare lasciare questa delicata scelta dato che una scelta non l'ha fatta tra l'altro il Comitato di Presidenza al prossimo Consiglio
Consigliere Virga contro il rinvio no Presidente erogano che vuol dire no a favore del
Io sono a favore del rinvio però una terza soluzione allora chi parla contro il rinvio prima
No no per forza no se qualcun altro vuole parlare di Trovato palare due a favore se qualcun altro vuole parlare se no
Consigliere Auriemma soltanto l'annotazione che nessun concorso stiamo bloccando rinviando al nuovo Consiglio credo di farlo sia una domanda inammissibile la richiesta di rinvio
Consigliere Virga sì Presidente noi oggi ci troviamo a discutere di una pratica di estrema rilevanza a mio modo di vedere diciamo fra le più rilevanti perché il Segretario generale tutti noi sappiamo le funzioni che svolge
Sappiamo la la posizione di equilibrio che deve tenere pro per il corretto funzionamento delle delle Consiglio Superiore della della magistratura
Ora io ho ho ascoltato condivido le e valutazioni fatte dal consigliere Calvi e dal Consigliere Giostra ho ascoltato anche le considerazioni del Consigliere nati
Sulla necessità
Di dare un assetto organizzativo immediato alla Consulta
E mi rendo conto che di fronte a queste due situazioni come dire
C'è il rischio di spaccarsi e forse non faremmo una una una un non prenderemo una decisione utile
E allora a questo punto io credo che noi dovremmo fare in modo
Che il prossimo segretario generale
Dovremmo fare in modo Presidente che il prossimo segretario generale
Venga nominato si è posto in condizioni di lavorare con il consenso più ampio possibile
Perché e credo che non facciamo un buon servigio al all'istituzione
Se qual nominiamo una Segretario generale che abbia con un voto in più
Rispetto all'altro alla all'altra proposta fermo restando dico che per fortuna
Segue concorrono a questo a questo posto e concorrono due magistrati di elevatissimo valore o ognuno dei quali e si a uno
A un qualcosa in più rispetto agli altri Mannini singoli campi ma sicuramente dei magistrati di grande valore e di grande esperienza anche Consiliare
Quindi il la mia proposta è quella di
Tentare un rinvio all'interno diciamo di questa consiliatura per e mediare fra le posizioni delle espresse dal Consigliere Calvi e dal Consigliere nati
Per tentare una che la possibilità di pervenire
Al al plenum di sottoporre al plenum una proposta unica una proposta quanto meno che raccolga diciamo nelle interlocuzioni
Fatte dal Comitato di presidenza le il maggiore e il sicuro sicuro
Consenso da parte delle dei componenti del Consiglio
In modo tale da pervenire e al plenum far pervenire al plenum una proposta che raccolga il il consenso del dell'intero Consiglio
Perché credo che solo in questo modo noi avremo la possibilità di inviare perché il Segretario generale a raso rapporti soltanto con i Consiglieri ARRA a soprattutto rapporti col personale e non possiamo e e rischiare di mandare un segretario generale in qualche modo depotenziato che non vota la fiducia
Di una della stragrande maggioranza affermare che io concludo presidenziale e concludo colonne d'impegno l'impegno da parte di tutti i Consiglieri di trovare una soluzione maggioritaria
Che poiché ho la soluzione più condivisa
Possibile perché credo credo
Dalle interlocuzioni che in questo momento siamo totalmente spaccati va bene
Allora io metto in votazione prima la proposta del Consigliere Calvi perché
Sostanzialmente è una proposta di non luogo a provvedere non è una proposta di rinvio perché ovviamente non è che possiamo rinviare a ordini del giorno per il plenum successivo quindi quella è tecnicamente
è uno un luogo a provvedere poi eventualmente la richiesta di rinvio ad altro plenum del Consigliere Virga va bene
Vuol dire un attimo
Forse
Se mi permette il contrario di ripiano non ha chiesto solo ordinario ad alto prego accessibili un ritorno al Comitato di Presidenza perché formuli un'altra proposta questa Kissinger e Virga
Cioè se non ho perso in un parco che è una e una sorta di ritorno al comitato non aveva di come dire non aveva
Dettagliato solo voi come Mandalà con citato ostacoli erano altro plenum prima o dopo aver convocato per la collaborazione
Ovviamente come come non sfugge a nessuno scusate
Il Comitato proprio perché affatto le interlocuzioni con tutti i componenti
Ha fatto contestualmente lo sforzo per verificare se c'erano le condizioni per
Una proposta che avesse un ampio consenso
E allo Stato questo non non sia realizzato poi ovviamente non poniamo limiti alla provvidenza io non so di quali informazioni disponga il Consiglio
Esatto rispetto alla possibilità di visionare quasi infatti va bene ma se ci fosse una proposta che raccoglie più consensi sarebbe certa auspicata
Questo
Fini ci arriviamo tutti castigliana pigra
Appunto allora votiamola la proposta di non luogo a provvedere sulla nomina del Segretario generale dichiarò
Prego
No a Croce Auriemma non stiamo a fare questioni inammissibile no o rosso e rosso
Chi è contrario all'rinvii chi è contrario al non luogo a provvedere ovviamente chiaro aperta la votazione
Signor Palumbo
Tutti hanno votato
Dichiaro chiusa la votazione comunica i risultati favorevoli cinque contrari venti astenuti uno è respinta
Votiamo il rinvio all'altro plenum e o al Comitato
Stiamo già votando consigliere Marini
Va beh comunque dato che oggi siamo
A prego prego ne parli
Collega Virga ma
Dichiaro di aderire anche per motivi Presidente se mi consente non solo di opportunità
Ma
Lo dico sottovoce di una certa PGT Mita perché il Comitato di Presidenza avrebbe dovuto formulare una proposta
Ora a
Formulato ha deciso di non decidere ha deciso di non proporre perché fra meglio io lo sapevo che ogni volta che parlo zone su
Se perché quando si formano le proposte è ben chiaro che la proposta non c'è e allora io avevo insistito lei lo sa
Di formulare una proposta poi se non passa una proposta si fa fa proposta una proposta alternativa successiva sostitutiva e dice qui invece due proposte e porto l'ha ancora la conclusione alla quale ha accennato sia
Il collega calde che il collega
Virga che cioè avremmo un Segretario generale
Con una maggioranza di un voto
Il che non mi pare oppure la soluzione felice perché già in tutti gli organi lei accosterà ringraziare consigliere ma è ovvio vorrà invitiamo volevo completare hanno avanzato in genere parlo poco Presidente non lo è lei lo sa meglio di lei
Quindi tutti gli organi costituzionali c'è un quorum Moro
Che qui
Nel non esiste perché il quorum mo'è perlomeno dei due terzi ora qui a breve abbiamo invece una elezione
Come il quorum di mezzo vuoto ecco questo Bobo avevo io Yuval via detto questo va bene giorno messaggio Babele votiamo
Dichiaro aperta la votazione
Tutti hanno votato dichiaro chiusa la votazione
Favorevoli dodici contrari tredici astenuto uno è respinta
Sul merito Consigliere Fuzio
Molto brevemente la proposta
Ma io le proposte presentato dal Comitato credo che
Abbiano giustamente delineato un profili Segretario generale che corrisponde sia alla normativa del Regolamento interno
Sia alla
Necessità che ci
Si raggiunga un
Una ci sono in atti un Segretario generale
Che abbia un'ampia conoscenza dell'ordinanza dell'organizzazione giudiziaria una capacità di mantenere un adeguato livello di relazioni istituzionale
Che richiede quindi che queste esperienze siano state dimostrate anche in ambiti diversi dall'esercizio effettivo della attività giudiziaria
In questa prospettate situazioni io ritengo che il dottor Amato presenti un profilo
Che vanta una esperienza di maggiore affidabilità e che si lascia preferire al curriculum pure elevata della dottoressa Pieraccini lettera Amato infatti sin dall'inizio della sua carriera
Ha conseguito anche in virtù della sua personalità e della sua ampia preparazione culturale in entrambi i rami del diritto
Una esperienza
Maturate in realtà giudiziarie di alto livello
Meritano di essere menzionati in particolare
Il ruolo che lui ha svolto di assistente di studio svolto presso la Corte costituzionale
Nel momento in cui la stessa era presieduta dal
Presidente Saia che come tutti ricordano o dovranno dovrebbero ricordare ha costituito un momento di razionalizzazione del lavoro della Corte costituzionale proprio attraverso una attività organizzativa a cui il dottor Amato ha partecipato
Egli è stato poi componente dell'Ufficio studi che
è un ruolo che in base al nostro Regolamento
è un ruolo che offre una rispetto al magistrato addetto alla Segreteria
Un ruolo che consente di conoscere meglio tutti i servizi consiliari acquisire un'esperienza anche
Nei contatti relazionali esterni compresi anche gli aspetti del contenzioso legato all'attività consiliare
L'esperienza maturata dal dottor Amato e in grandi uffici
Altro differenza della dottoressa Pieraccini ha collaborato negli uffici di Procura alla stesura delle organizzazione della Procura subito dopo la unificazione
Ha fatto parte del Comitato scientifico di questo Consiglio ma soprattutto quello che caratterizza di più e diverso dalla proposta del Comitato di Presidenza il dottor Amato da sei anni e mezzo quasi sette
Ha svolto funzioni dirigenziali in due procure
Del
Del territori del nord sia in Piemonte sia nel Trentino è come messo in evidenza sappiamo bene che il ruolo di dirigente in generale a maggior ragione di quello della Procura
Mette proprio pro il nel condizioni il capo dell'ufficio di svolgere quel lavoro di relazioni con tutte le altre istituzioni che
Sono una delle caratteristiche che il Segretario generale del Consiglio debba avvenire
Credo quindi che rispettando
Quello che è stato alla
Doppia proposta e quindi pur riconoscendo la dottoressa Pina cinico una livello posto elevato che negli ultimi due anni è stato
Esercitata nel ruolo di Sissi Segretario generale della scuola questo assembramento in euro con una guerra uno voliamo allora
Uno iato a Roma ho letto più limitato di quello che serve al massimo rigore con il Consigliere Virga anima
Vale
Su
Consigliere ma Nappi lei qui sega variamente iscritto
Ha solo sulla pensione che il mio
Bene consigliere Marini
E voglio subito mi dispiace contraddire l'amico Fuzio l'amico Fuzio porta premesso che si tratta di due magistrati di gran valore e su questo
Non ci piove
E dove però c'è un grosso errore iniziale è quello di dire
Dottor Amato è stato assistente di studio di Saia stiamo
Quindi naviga stenti visto il proprio prova esattamente il contrario di quei
Chiedo scusa ma è innegabile traccia sfasate
Nessun assistente di studio e mai diventato il Segretario generale dalla Corte per un ovvio motivo gli assistenti tutti quelli che studiano sono organizzato
Eh ma questo questa evidenza no non ce n'è uno uno e
Che io sappia io però ho una conoscenza approssimativa dalla Corte né ha mai né ed è ovvio
Perché altrimenti gli studi e quello però mattino alla sera studia come cosa pare non organizza niente
Le il Segretario generale e quello che viene chiamato da un assistente di studio eventualmente per conto del giudice qui mi fermo perché solo due magistrati bravi e quelle però se c'è un profilo
Organizzativo di rilievo Equino attualmente ed idee ricoperto dalla dottoressa Piragine Paoli
Ci possono essere birre ragione per
Dire avrà un'altra soluzione per carità ma non è questo il certo la la qualifica di assistente di studio di sanità
Va bene non ci sono altri interventi possiamo votare
No
Possiamo votare
Prendiamo posto per favore
Allora
Gliela Cini verde
Amato o rosso
Dichiaro aperta la votazione
Tutti hanno votato
Dichiaro chiusa la votazione
Ha ottenuto voti la proposta a dieci la proposta di dieci astenuti sei la votazione va ripetuta se e come no
No no ma potrà cioè va ripetuta consigliere Nappi
Ricco
Allora
Dichiaro
Aperta la votazione
Tutti hanno votato
Chiaro chiusa
Alla votazione
Le proposte sono di nuovo dieci
A dieci e a questo punto
Ventisei
Ma votazione è chiusa già consigliere sano
è chiusa l'ho già proclamata anche il risultato
Quindi ai sensi del ventisei quinto comma
è
Nominato il candidato che occupa la migliore collocazione nel ruolo
Direi che
è la dottoressa piega Cignini e quindi nominata la dottoressa Paola
Spiega Cini
La seduta è tolta
Ecco così la rete sentito il quindici maggio lo scorso giovedì discorso il plan modella Consiglio Superiore la magistratura hanno minato Paola Pieraccini nuovo segretario generale del CSM il magistrato fino ad oggi segretario generale della Scuola Superiore della Magistratura
Ha avuto la meglio sull'altro candidato che era il procuratore capo di Trento Giuseppe Amato sulla nomina del nuovo Segretario generale alla CSM è scoppiata di fatto una bagarre dopo che all'ultimo è saltato l'accordo siglato dalle principali correnti per la defezione di uno dei togati di unità per la Costituzione una scelta che di fatto alla fine affatto prevalere sia pure con lo stesso numero di voti avete sentito dieci a dieci
Il candidato dello schieramento contrapposto professionalmente più anziano che era appunto Paola
Pirazzini come vede in questi casi il Regolamento a Palazzo dei Marescialli è scoppiata a quel punto
La rabbia degli sconfitti che erano i togati diaria e di unità per la Costituzione
Una rabbia esplosa dopo il voto con urlare scenate statu riportato dai bene informati
Avvenute però in gran parte fuori dall'aula del plenum dove addirittura si sarebbe sfiorato anche lo scontro fisico anche perché quella del segretario generale rientrava in una con
Ho complessivo sulle nomine dei vertici degli uffici giudiziari che questo CSM si appresta a fare prima della scadenza di luglio del trentuno luglio il suo mandato con il rischio ora ovviamente di un effetto a a catena
Questo dunque per quanto riguarda
L'attività del CSM nella seconda parte dello speciale giustizia invece vogliamo
Soffermarci sui lavori del convegno che si è tenuto a Livorno il sedici è il diciassette maggio un convegno importante organizzatore di stretta attualità soprattutto organizzato dall'Unione cave e penali italiane con la Camera penale di Livorno il titolo era duecentocinquantamila delitti e delle pene a duecentocinquanta anni dalla pubblicazione a Livorno di dei diritti e degli pene di Cesare Beccaria in particolare vogliamo proporvi due interventi quello del professor Tullio Padovani ordinario di diritto penale alla Scuola Superiore di Studi Universitari Sant'Anna di Pisa
Che attenuto una relazione su dei diritti e delle pene e le garanzie dell'imputato
E l'altra relazione del professor Alberto ca doppi ordinario di diritto penale all'Università di Parma su Beccaria e la sua influenza sulla scienza e sulla legislazione penale in Italia e all'estero dunque
All'estero scusate e dunque sentiamo prima il professor Tullio padovani e poi a seguire il professore Albert toccato
Come potete leggere dal programma io mi occuperò di un argomento inusuale rispetto alla
Diciamo normale
Attitudine dell'opera di Beccaria a prospettarsi nei convegni e negli incontri di studio
Dei delitti e delle pene le garanzie dell'imputato c'è un argomento di cui Beccaria si occupa pochissimo perché in realtà
Beccaria a giusto nell'ambito della propria opera grande assente adesso una specie di convitato di pietra se preferite che il processo penale
Non è che nell'opera non si rinvengano
Brani anche significativi legati a problemi di procedura ve ne sono
In ordine per verità sparso e riducibili a due nuclei fondamentali uno grossomodo al centro dell'opera
Dal
Paragrafo tredicesimo al sedicesimo
Dei testimoni
Indizi e forme dei giudizi accuse segrete e della tortura e poi verso la fine dell'opera dove
Vengono collocati il paragrafo dedicato alla cattura quello a seguire su processi prescrizione dove Beccaria affronta
In qualche modo la questione della ragionevole durata dei processi
Un tema che gli si pone visto che è un corifeo della prontezza delle pene quindi le pene devono essere pronti mai pronte ma i processi non possono essere così pronte come le pene vorrebbero essere
E infine
Un singolare capitolo dedicato a interrogazioni suggestive deposizioni che come vedremo innesta nell'opera una contraddizione di non poco momento
Perché questa parsimonia nell'affrontare il tema del processo e soprattutto perché questa
Apparente sconnessione
Argomenti diverso si che vengono distribuiti senza un preciso ordine intellegibile
Mi ha fatto molto piacere stamattina sentire dal professor fra Angioni
Ciò che ignoravo e cioè il piano originario dell'opera che
Nella sua fondamentale struttura in grandi capitoli
La riprova mi pare di come la materia processuale fosse davvero estranea al disegno originario di Beccaria
E questa estraneità si percepisce nonostante le redazioni successive che evidentemente hanno interpolato via via materiali che forse nella prima redazione non erano così presente
Ma
Perché c'è da chiedersi questa parsimonia di Beccaria come mai all'UIC il tema del processo manifestamente interessa poco
Perché per me Calìa il processo non può non essere un'entità del tutto trascurabile in quanto a del processo una visione rigidissima mente strumentale
Il processo nell'opera di Beccaria è davvero una cinghia di trasmissione del diritto penale
Di cui
Non si percepisce o non si dovrebbe nemmeno percepire la presenza l'ideale del processo penale perfetto è quella di sparire
O di ridursi ai minimi termini e questo perché
Perché i postulati su cui e rigide
La sua concezione del fondamento dei limiti del diritto di punire su cui torneremo sono decisamente incompatibili conto uno spazio autonomo
Riconosciuto al processo
Diamogli direttamente la parola
Dove le leggi siano chiare e precise scrive né nel
Paragrafo quattordicesimo dedicato agli indizi le forme dei giudizi l'ufficio di un giudice non consiste in altro che di accertare un fatto
Se nel cercare le prove di un delitto richiede si abilità e destrezza se nel presentarle il risultato è necessaria chiarezza e precisione
Per giudicarne del risultato medesimo
Non vi si richiede che
Un semplice ed ordinario buonsenso
Meno fallace che il sapere e di un giudice a voler trovare vorrei e che tutto riduce ad un sistema fatti sì o no imprestato dai suoi studi
Felice quella nazione dove le leggi non fossero una scienza
Da cui si deduce poiché ottimo sistema è quello dello scardinato un sistema che noi guardiamo con profonda diffidenza e che per me carica e addirittura
Un ideale ottima legge quella che stabilisce assessori al giudice principale presi dalla sorte
E non dalla scelta perché in questo caso è più sicura l'ignoranza che giudica per sentimento che la scienza
Che giudica per opinione del resto se si tratta di buonsenso il buonsenso patrimonio della gente comune non meno e forse più che il nome
Presso i giudici viziati dalla loro scienza una licenza malefica
Una scienza che è di per sé tossica
è
Felice quelle nazioni dove le leggi non fossero un'eccedenza quindi la scienza è un veleno delle nazioni
In questo modo quindi
Il processo si riduce
Davvero nella sua visione una poca cosa perché in pratica
Si tratta di applicare un sillogismo perfetto che egli enuncia nel paragrafo dedicato alla interpretazione cioè alla nomi perpetrazione
Negare al giudice ogni interpretazione delle leggi il giudice a semplicemente da limitarsi a un sillogismo perfetto premessa maggiore la legge premessa minore il fatto conclusione conformità o difformità
E naturalmente
Ciò comporta che le sentenze siano anche in appellabili visto che
Ho
Accerta non una certa non secondo regole di buonsenso che non sono suscettibili di valutazioni ulteriori
Quindi in questo contesto il processo si riduce davvero poca cosa prendiamo gente comune
Su quaderni amo il fatto secondo queste regole ci vorrà certamente abilità destrezza chiarezza precisione nel presentare i risultati ma poi basta il buonsenso per giudicare
Visione che credo pochi sarebbero disposti oggi a sottoscrivere cioè accetteremmo il processo di Beccaria credo
E non credo perché
Staremo piuttosto con Pietro leopoldo
Che di Beccaria era un fare vedo seguace è un grande ammiratore ma quando
In gran parte di suo pugno scrisse il testo della Leopold Dina si guardò bene dal seguire questi precetti
E si mantenne piuttosto sul solco della tradizione che Beccaria in realtà capovolge in modo drastico e radicale perché la tradizione la tradizione dei pratici
è una tradizione che vede processo i diritti di e diritto penale in una dimensione diacronica
L'una inserita nell'altra il diritto penale non vive senza processo non esiste senza processo e quindi bisogna preoccuparsi del processo
Perché il processo comincia in un certo modo e finisce in un certo modo e il diritto penale accompagna questo percorso esattamente il criterio che Pietro leopoldo utilizzarne la Leopold
Che è parte col processo con la notizia di reato con la libertà dell'imputato con il sistema delle prove e poi ci mette il diritto penale che è la regola di giudizio del giudice e poi in fondo chiamate la sentenza
C'è una visione che corrisponde a quella della tradizione ma con i contenuti innovativi
Nelle parti che interessano mutuati dall'opera di Beccaria
Ma
Dobbiamo allora dire che il marchese
Diciamo aveva le trame gole che non aveva le idee chiare non si tratta di questo
Il fatto è che Beccaria ha in mente per il diritto penale una legalità forte
E trasferisce questa legalità forte anche nel processo la legalità è dominare
Perciò in sostanza per lui il processo
è un attrito da cui si può prescindere nello studiare il moto il diritto penale il morto
Il voto che nuove dal precetto e giunge poi in caso di violazione alla sentenza in mezzo ci sta un'entità che è in sei trascurabile
Una legalità forte che muove dal postulato che solo le leggi possono decretare le pene sui demoliti e questa autorità non può risiedere che presso il legislatore che rappresenta tutta la società unità per contratto
Le leggi devono essere chiare e precise consentire di accertare i fatti nel modo che abbiamo poc'anzi visto in ogni delitto c'è un sillogismo perfetto
Ecco che non c'è nessuna necessità interpretativa
Il
Processo penale e ha vinto nella stessa legalità forte che permea donnina convogli India orienta costituisce limita e il diritto di punti
E in effetti sul diritto di punire come ben sappiamo che Beccaria si concentra
Per
Apprezzarne il fondamento e per
Tracciarne i libri
Del resto tutti i primi gli otto capitoli ampi vasti ed essenziali dell'opera sono dedicati specificamente al diritto di penalità ma a ben guardare
L'intera trama
Della
Dell'opera
Pubblicata a Livorno duecentocinquanta anni fa è ispirata alla necessità
Di chiarire fondamento e limiti del diritto di tutti
Il fondamento che consiste nel riconoscere l'intrinseca politicità del diritto penale il diritto penale e il più politico di diritti perché l'espressione diretta
Del monopolio dell'esercizio della violenza legittima e perciò deve competere atti rappresenta l'intera comunità
I limiti poi che pure vanno tracciati dipendono dal fatto che il diritto penale il più impolitico dei diritti allo STER è un tempo più politico il più impolitico ed è il più impolitico perché rappresenta l'antinomia politico una radicale
Nella logica amico nemico cui accennava poc'anzi il professor Sartori è in sostanza l'alternativa radicale alla guerra
è il sostitutivo dell'acqua
Tant'è vero
Che quando si ripropone uno schema di guerra e il diritto penale si trasforma le eccezioni alla pena di morte sono le eccezioni del diritto di guerra il nemico della società il nemico del popolo si ponte esitare uccidere
Si deve uccidere con lui la cui invita costituisce motivo di dissuasione nei suddetti a rispettare la legge penale
Cioè gli esempi costituzionalmente ontologicamente irrimediabilmente negativi questi vanno strappo
Nella logica del amico o nemico guerra anche si ristabilisce
Cioè come lo strumento penale
Che Beccaria è contro la pena di morte ma affinché il diritto penale e il diritto penale del cittadino quando ha il diritto per al nemico non è più contro la pena di morte
E la mitologia la visita sul testo perché Beccaria su questo punto è di una chiarezza esemplare poi possiamo raccontare a veglia
Che Beccaria e contro la pena di morte ma non è vero contro la pena di morte è solo Pietro leopoldo Lu inizi
Perché l'Hui abolisce il dialetto politico Pietro leopoldo cancella il delitto di lesa maestà come espressione della peggiore tirannide ereditata dal diritto romano
E quindi non ha problemi nel cancellare definitivamente per
Tutti i reati la pena di morte Beccaria no questo problema c'era
E allora
Che ci stanno a fare mi direte
Le parti che pure Beccaria dedita al processo che cosa contengo né a che cosa servono nell'economia dell'opera
Se ne occupa a ragion veduta il marchese Beccaria
Innanzitutto quando
Si tratta di espungere
Da questa cinghia di trasmissione che deve funzionare
Perfettamente scorrevole idoli IATA senza intoppi di inciampi di sorta come leggi chiare e attività di riscontro sicuramente si logistico
Quando si tratta di espungere istituti prassi discipline
Che siano contrari a postulati di ragione quando si tratta di liberare il processo da vincoli o di storture quando si tratta per l'appunto di assicurare che la cinghia di trasmissione sia bella liscio
E allora si comincia col dire
Che
Non si possono
Stabilire discriminazioni fra i testimoni
Ecco il capitolo dedicato i testimoni si distinguono i testimoni soltanto sulla base della credibilità
E la credibilità dei testi desunta dall'interesse che essi hanno nei confronti
Delle circostanze di fatto su cui si riferiscono poi il resto non conta più tutte le distinzioni dell'antico regime debbono scomparire
Così nelle forme dei giudizi
è
Si elimina tutta l'aritmetica delle prove
Che
Ricorreva nella prassi
Antecedente dell'ancien régime e si sostituisce
Il canone di giudizio con la certezza morale che si identifica come la probabilità
Perché si tratta di un giusto giù di un giudizio esempi plateau su quello che normalmente viene praticato
Per decidere delle questioni importanti della vita associata
Si possono avere certezze assolute bisogna raggiunge però ragionevoli certezze ispirate al canone della massima probabilità
E così bisogna espungere le accuse segrete perché le accuse segrete destabilizza non la società
Ecco quindi meccanismi di depurazione del processo di liberazione del processo dagli intralci dagli impicci
E questo
è un versante che giustifica l'interesse per certi argomenti e non per altri va bene è un altro
Che è ispirata invece all'interesse più vero che io Marchese dettare via coltiva nell'interesse
Al rispetto di una legalità forte
è proprio in funzione della legalità forte affrontati i temi che sono fondamentali nel processo
Di tutti i tempi per uno degli argomenti la cattura e
Nel processo dei suoi tempi
Per un altro verso e cioè la tortura
Per quanto riguarda la cattura la cattura
Per Beccaria si risolve in questi termini
Bisogna escludere il potere discrezionale del giudice di decidere la cattura riconoscendo che la cattura una pena anticipata
E se è una pena anticipata deve soggiacere una regola di rigida e rigorosa legalità e che significa rigorosa legalità significa che la legge deve determinare gli indizi in funzione dei quali si deve disporre la cattura
La fuga per esempio ma e gli indizi sono un po'preoccupanti per la verità è
Perché a leggerli uno si sente agganciare e cioè la Pubblica fama e la Pubblica fama eh un istituto
Del diritto medievale
La fuga la stragiudiziale confessione
La confessione dunque compagno del delitto le minacce la costante inimicizia con l'offeso il corpo del delitto e simili indizi sono prove bastante per catturare un cittadino
Delle esigenze cautelari non si fa menzione
E non si fa menzione perché la logica è che siamo costretti ad applicare una pena prima di aver accertato la responsabilità allora
Limitiamoci diremmo noi con linguaggio moderno a verificare la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza lì ci fermiamo
Anche su questo piano siamo lontani le mille miglia da Pietro leopoldo che una fare simile ovviamente non se lo poteva digerire ne vale un po'il divino
Riconosce il potere discrezionale e dice
E sarà il giudice a valutare se in quel processo è davvero necessario catturare in presenza di sufficienti indizi riconosce linee eliminabili ITA di quel potere discrezionale che viceversa
Beccaria
Vede come il fumo negli occhi perché è un errore
Lasciarli arbitro il magistrato esecutore delle leggi di imprigionare un cittadino di togliere la libertà un nemico per frivoli pretesti
E io lasciare impunito un amico adonta degli indizi più forti di reità la prigionia una tela che per necessità d'erbe precedere la dichiarazione del delitto deve essere trattata quindi col principio di legalità delle prime
Difficile dire se si possa adottare un simile modo di ragionare che diciamo trasforma un istituto processuale in un istituto di diritto sostanziale
Ma il discorso si fa ancora più delicato quando si passa alla tortura
Sulla tortura
Beccaria
Gode diciamo la verità di una famoso fatta perché
Nel capitolo che dedica al problema si limita a fare una silloge di argomenti che da circa centocinquanta anni la dottrina quella che Luigi spezza nella premessa che lei già aveva a chi legge aveva messo in campo
Quando lui nella
Parte iniziale nella sua prefazione
Diciamo
Illustra il disastro della giustizia dei suoi tempi alcuni avanti di una legge di un antico popolo sarebbero i romani che oramai è morto e sepolto
Cosa funesta quanto comune che un'opinione di traverso ovvio un uso antico accennato da attuare un tormento
Con il raccomanda compiacenza suggerito da fare in arancione siano le leggi in cui con sicurezza obbediscono coloro
Che tremando dovrebbero reggere la sorte la fortuna degli uomini
Ma come
Giustamente il grande Fiorelli il maggiore studioso della tortura detto ma
Ma che gli è venuto in mente
Di tirare in ballo Farina braccio
Investendo lo con una inutile calunnia
A fine a ciò non
Non si divertiva assolutamente
Ma suggerire nessun tormento con il racconta compiacenza al contrario ha dedicato la sua opera a circoscrivere in modo Sempre più rigido un altro momento di cui tutti di fidavano la tortura
E quindi a subordinarla vincoli
Che lo rendessero meno devastante
Circostanza ben percepita
Lucidamente percepita da chi
Ad Alessandro Manzoni nella storia della Colonna infame il quale ha presente il quadro della tortura come non ce l'aveva Beccaria perciò
Manzoni poteva permettersi di dire di Beccaria un libriccino che ha avuto tanta fortuna ma forse non la meritava sulla tortura certo non la merita
Perché sulla tortura Beccaria si limita
A
Raccattare
Opinioni ormai
Acquisite
E risalenti non per questo intendiamoci infondate talune peraltro un po'Pericle i tanti
Ma nella sostanza il discorso ricorrente la tortura è una pena inflitta anche all'innocente
Non può essere evidentemente applicata mai arbitraria nei confronti del colpevole che non deve subire altro che la pena stabilita dalla legge quindi si tratta di una istituto che è intrinsecamente contraddittorio perché
Il mezzo con il quale si opera la tortura è una pena anche se lo scopo non è quello di punire ma di accertare se sia necessario punire
Quello che diceva Sant'Agostino tortura no per sapere perché torturano
Gli altri argomenti sono più o meno quelli messi in campo dalla dottrina questa
è un argomento che risale come vi dicevo addirittura passata così non un passo in rassegna gli altri argomenti che
Ci porterebbero lontano ma
Nessun punto è bene essere chiari che Beccaria non coglie il punto
Di tutti gli argomenti messe in campo non c'è l'unico argomento che veramente conta
Perché
Se si ragiona in termini di efficacia
Della struttura cioè si rischia di a vere versioni false il debole soggiace il forte resiste
Ci si mette
Sono strano piano inclinato per cui in certi casi
Potrebbe essere ammissibile ricorrere a un mezzo del genere come l'efficienza fosse garantita lo diceva
Francis Bacon novum Morgano guardate che la tortura è per il processo penale quel che è il metodo sperimentale per lo studio della natura questo dice che
Affermazione che ovviamente sarebbe difficile condividere ma il punto vero della tortura lo accoglierà qualche anno dopo sono Filangieri
E il quale dirà la ragione vera per l'acqua la tortura non si può applicare è che esiste un diritto inalienabile a tacere il diritto al silenzio
E hanno
Autoaccusarsi
Questo la scrive becca Filangieri quindici anni dopo vent'anni dopo Beccaria
Ma è l'argomento vincente
Se io sono titolare di questo diritto e Filangieri lo dimostra e io non posso essere torturato perché non ha l'obbligo di compensare per esser torturato dovrebbe esserci l'obbligo di umano cioè prego l'obbligo di confessare novanta
E
E queste e la carta davvero vincente
Ma quel che è peggio è che Beccaria
Non solo si contenta di argomenti ricorrenti nella polemica Secchia intesi ca contro la tortura che sono argomenti della polemica seicento iscritti almeno Centanni centocinquant'anni prima
Ma per giunta
E ci mette in grave crisi quanto
Esame ma il problema degli interrogazioni suggestive delle deposizioni
Riprende il tema della tortura per rilevare che
La tortura è una forma di interrogazione suggestiva perché
Più suggestiva della tortura per suggerire la risposta mantiene quindi è chiaro che la tortura incontra un divieto anche in rapporto alla necessità
Di non formulare domande suggestive
Ma poi all'ultimo si pone all'ultimo e il problema Belem votato che carcere e come lo risolve
Colui che nell'esame si ostina se di non rispondere alle interrogazioni fatte i
Merita una pena fissata dalle leggi
E piena delle più gravi che siano da quelle intimate perché gli uomini non del Lugano così la necessità dell'esempio che devono al pubblico
Non è necessaria questa pena quando sia fuori di dubbio che un tale accusato abbia commesso un tal delitto
Qui siamo fuori di testa
Siamo letteralmente fuori di testa perché è esattamente la soluzione che verrà adottata dal Codice austriaco dopo l'abolizione della tortura
Nell'impero austro-ungarico per tutto l'Ottocento il fino alla metà dell'Ottocento cioè quella di punire il silenzio dell'imputato
E trasformando così la tortura dato lettura direttamente fisica in tortura penale punendo
Attraverso l'applicazione di una sanzione che tra l'altro nel Codice austriaco poteva essere una sanzione corporale le bastonate
Il silenzio serbato
è dico abbiamo fatto tutto sto sta ambaradan contro la tortura e poi diciamo che
Chi non rispondendo impunito se veramente anche
Evidentemente qualcosa non funziona
Ma non funziona perché si tratta di argomenti che nell'opera fuoriescono dal quadro generale
E probabilmente ora sarebbe interessa
De alla luce di ciò che ci ha detto
Stamane il professor fra giorni de stabilire da dove vengono fuori da qua edizione vengono fuori
Affermazioni così sconcertante
Ma sta di fatto che
Certamente
Sul piano della tortura
Beccaria
Lascia
Vogliamo essere molto benevoli alquanto a desiderare Maggiani peggio
Esiste una forma di tortura che l'ultima a morire la prima ricomparire che è la questione in Caputo sociologo ma
Diversa dalla quaestio preparatoria che è quella che riguarda la confessione dell'imputato la quaestio in Cappuzzo ciò room riguarda invece
La
Dichiarazione circa i complici di chi sia già stato riconosciuto colpevole del reato
Da chi abbia già confessato i dati comunque sia stato giudicato responsabile
Quindi la tortura per sapere i nomi dei complici non è una tortura volto a ottenere una confessione ma volto a ottenere una testimonianza
Perché la quaestio in capo ciò sociologia dovrebbe essere eliminata se le ragioni che
Suggeriscono meglio impongono di eliminare la tortura sono il rischio di ottenere risposte
False rispetto alla realtà false confessioni qui non si può rispondere perché c'è il rischio che i complici indicati
Siano innocenti perché i compiti indicati dovranno essere riscontrati responsabili in base a verifiche oggettive quindi la dichiarazione è una dichiarazione
Che costituisce come diremmo noi modernamente uno spunto investigativo forte ma da riscontrare se poi la quaestio in capo al soggiorno forse di retta scoprire
Circostanze oggettive dov'è che i tuoi complici hanno deposto la bomba che esploderà il discorso si fa ancora più
Per i clic tante perché
So che tu sai quindi sono certa o che come la tortura dell'altra però è la ragione per cui Dershowitz ha riproposto il mandato di cattura
E la questione Capuzzo giorno chi scompare per ultima in Europa
Vi sono ordinamenti che prima aboliscono la quaestio preparatoria aree dopo aboliscono la quaestio in capo soggiorno per esempio
In Francia
La questione Capuzzo giorni come attacchiamo
è imbarazzante legge le barche Beccaria
Perché me Kharja dice beh ma insomma
Che ci preoccupiamo della questione in capo al soggiorno
In questo caso c'è da presumere che i complici siano fuggiti e se son fuggiti è inutile darsi tanto da fare non per del tempo quando il reo è punito e questo è più che sufficiente a realizzare la prevenzione generale
Questo è quello che dice Beccaria
Si tratta di argomenti inconsistenti e paradossali addirittura tanto che uno legge tre volte prima di
Convincersi che questo è il testo
Dopodiché
Passando Filangieri che sul punto e più attento scopriamo che per lui
La questione
è talmente evidente che le ragioni non vale la pena di esporle così c'è un brano interessantissimo che la scienza la legislazione e dice beh guardate su questo insomma tali sono le ragioni che non vale la pena di soffermarsi ulteriormente
Insomma uno dice no soffermati spiega
E apertamente la voglio sapere perché se no devo far fatica io e in effetti una ragione c'è per respingo una ragione fortissima per respingerla questo in capo socio
Che quando l'imputato è stato dichiarato colpevole e quindi reo
Se viene sottoposto a tortura viene sottoposto a tortura perché è testimone
è infatti anche nel nostro ordinamento assume la veste di testimone ma si può torturare un testimone però la tortura contro i testimoni è stata abolita ancora prima dalla quaestio preparatoria
Il testimone si punisce per falsa testimonianza per testimonianza redigente parte vuoto culturale
Fine della trasmissione
Come vedete quindi
Quando affronta questi temi processuali Beccaria risulta Pericle tante e risulta per i chi tanto e mi avvio alla conclusione perché alla base
Viene
Come il vizio occulto ma non tanto culto questa trasposizione
Specie della legalità
Forte che domina il fondamento e domina i limiti
Della potestà punitiva nel processo cioè l'idea che questa legalità forte sia trasferibile nel processo e questo
è un mito
Un mito pene inflitte Colosi ISSI Mimmo
Perché il processo di un meccanismo diacronico a scansione progressiva come un diaframma di flusso
Che all'inizio presentai spesso è per lo più una legalità debole la notizia di reato è
Un principio intorno al quale si intravede
Una fattispecie
I limiti in cui si intravede e in modo i come poi questa notizia si spesso dice sono appunto il processo
L'idea di un percorso lineare del diritto penale attraverso il processo ce la poteva avere solo precaria che non aveva mai visto un processo in vita sua
Ma non ce la leva Pietro leopoldo che seguiva tutti i processi del suo Granducato deteneva un registro e sapeva bene quanto Pericle tante sia il percorso del diritto penale nell'ambito della vicenda processuale
La legalità
Che si offre nel processo penale è infatti alla fine quando si è concluso il giudizio quando abbiamo accertato nei vari
Grati delle impugnazioni che Tizio o a commesso quel tal fate quel fatto si concretizza in quella dimensione normativa
La legalità raggiunta è forte ma la legalità offerta è debole
E il processo piaccia o non piaccia tende ad assumere un carattere per formativo
E cioè affondare l'ontologia al sociale
Di ciò che deve accertare crea ciò che cercavo assume
Perché procede con selezioni che possono essere suggestiva con ricerche che possono essere mirate combattere interscambi surrettizi tra prova il fatto con abusi della prova indiziaria
Con una abusi nella custodia cautelare che si risolve in una sorta di potenza processuale
Quindi come una serie di anticipazioni di giudizio è il progetto è uno strumento costantemente a rischio
Ecco che
In questo modo disegna preoccuparci del processo e i pratici conoscevano benissimo la situazione
I tattici dell'età di mezzo
Sapevano tutto queste avevano eretto meccanismi selettivi di natura processuale rigidi e vincolanti anche se spesso erano
Assurde incongrui avevano l'aritmetica delle prove avevano l'immensa teorica degli indizi avevano la scansione tra inquisizione generaliste specialisti la disciplina della tortura che era una disciplina
Estremamente rigorosa
Che sarà violata decine di volte nel caso della Colonna infame come Manzoni
Segnalerà punto per punto perché conosceva la dottrina perfettamente amato-odiato
I testi di riferimento e sapeva quindi dighe illegalità si fossero macchiati giudici che avevano proceduto in quel modo
L'UE rimprovera quei giudici di avere accertato contro la verità un fatto che non avrebbero potuto accertare se avessero il tempo rispettato le loro regole
C'è in sostanza la necessità di un limite rigoroso di un
Canale costantemente tracciato che in altri ordinamenti comincia da molto prima che da noi da noi la pratica dell'età di mezzo
Fa volto
Negli ordinamenti di common law la Magna Charta comincia nel due mila quindici a fissare i due pilastri giudizio dei pareri quindi il giudice non è il re
Il giudice estraneo
Altre è poi l'abbia Scopus
Il potere del re ha dei limiti invalicabili e su queste due colonne poi sia rigetto tutto il sistema della common law che è un sistema incentrato soprattutto sulla disciplina del processo
Delitto penale inglese si riduce a poca cosa il processo invece
Estremamente complesso
La stessa cosa accade nel nostro
Medioevo e nel nostro
Nella nostra età di mezzo dopo il quarto Concilio lateranense quando furono abolite le orda lire e vi fu la necessità di procedere all'accertamento della cosiddetta verità materiale quindi si ricorda la tortura l'equivalente del metodo sperimentale
Regole di formazione della prova e regole di giudizio furono elaborate in modo estremamente
Dire il complesso
In un contesto che purtroppo a differenza di quello inglese non aveva come retroterra il limite del potere del sovrano quindi si muoveva nel pratici medievali con maggiore
Difficoltà di quello che non fosse per il
Ti gli omologhi colleghi inglesi
Ma Beccaria
Che pure ha
Gli enormi meriti che tutti gli riconosciamo e che Sempre gli saranno riconosciuti in ordine
Alla delineazione del fondamento dei limiti di un potere punitivo che da noi non aveva per l'appunto potuto fruire
Della tradizione
Che in Inghilterra aveva tracciato questi limiti è fissato questi fondamenti Beccaria
Punta sulla scomparsa del processo
Dopo avere sfondato il
Diritto di punire dopo averne delineate limiti
Scommette che il processo
è per me è una scommessa
Perde la scommessa e su questa scommessa per la città
Perde anche il diritto penale che aveva creduto di edificare
Perché noi continueremo a vedere un processo che non è un processo adeguato a realizzare quel diritto penale
E quindi Beccaria è un grande classico che ha bisogno tuttavia di un complemento che
E purtroppo mancato
Non ha direi minimamente
Mancato alla promessa la relazione può sopra domani perché ha evidenziato i dubbi e
Le contraddizioni delle carenze peggiore chiarire il compito veramente arduo
Se fosse stato
Dato a me e l'avrei avrei detto che addirittura angustiante angosciante è quello di vedere Beccaria la sua influenza della scienza dell'azione penale Italia all'estero brevi cenni sull'universo
Non a caso abbiamo chiesto di affrontare questo tema Bertoc adopri perché uno studioso che coniuga in sede chi conosce la sua opera chi conosce Umberto Croppi può confermarlo
La la qualità di grande penalista di pena mass ma anche a cui aggiunge quello del comparati vista e direi dello storico perché Bergodi sugli ultimi anni ha dedicato molte le sue energie molte sue ricerche
Alla storia la storia di rito penale ha spesso anche alla storia in sé
E quindi qui vedere quale fa al meno cercare di intravedere qual è
Stata l'influenza
Non soltanto nella legislazione ma nella scienza e non soltanto in Italia ma
Anche a livello comparativo è un compito veramente arduo io do senz'altro può Alberto da propri che ringrazio molto
Bene io ringrazio oggi gli store toni per avermi invitato su colui che mi telefono
Ormai un anno fa questo bellissimo convegno e un onore per me essere qua ed è un onore poter parlare di Beccaria
Io devo dire che però oggi ristoratori ma anche tirato un bel lo scherzetto siamo sinceri perché parlare dopo padovani
è una delle cose che
Vere tragedie che possa capitare a un povero oratore che vuole improvvisarsi come tale
E quindi chiedo scusa se suscitano sbadiglio quant'altro ma dopo padovani appunto non può essere così
In più dovrò cercare anche di contrastare alcuni aspetti di questa critica tutto sommato diciamo la verità affatto padovani APECA via perché questa visione di Beccaria
Per certi versi un po'inedita notti padovani perché spesso almeno lo italiani tendiamo a
Gloria arcidi Beccaria e quindi adottarlo
Padova ANIA mostrato anche alcune debolezze alcune indubbiamente condivisibili altre magari in parte discutibili del del pensiero Beccaria io però devo cercare di parlare dell'influenza di Beccaria
Sul pensiero sulla scienza penale ittico Italia all'estero ed è anche sulla legislazione
E quindi in qualche
O doveva parlare che la fortuna di Beccaria diciamo Londra sfortuna come parlato sostanzialmente padovani e quindi devo in qualche modo verificare se sia giusta anche quella osservazione che si faceva prima
Di chi a definito il libro di Beccaria un libricino fortunato pro
Effettivamente fortunato lo fu e Fortunato continua ad esserlo le mie saranno giusto come diceva Sortoni si Gomes parlo dell'universo saranno osservazioni sparse
Cercherò di dare qualche notizia anche noto notizia o Le a volte forse aneddoti anzi addirittura
Per dare un'idea di quella che si è stata questa influenze dove si è arrivata in qualche modo riscatti amo anche Livorno che ci ospita oggi perché tutto sommato
è la patria di questo libricino
E quindi riscattare Beccaria significa in questo senso riscattare oggi anche Livorno
Ora Beccaria sentiamo
Sentiamo in mora e le che su
Il suo voto traduttore francese no disse
Che quel libro appartiene somme o Montoya tour le passioni quindi appartiene al mondo tutte le azioni a un anno o due dalla pubblicazione
E il primo anonimo traduttore in inglese dell'opera
A diciotto mesi dall'edizione del mille settecentosessantaquattro scrisse trarsi dopo crea pone nel saggezza osei progressivo due svolta Veggetti volge Novelli religione ormoni di elevare soli upload
Quindi sentite
La la lode straordinaria
Bentham scrisse
Ho mai master foreste frange questo preciso riferendosi
A Beccaria
Queste alcune cosette o la fama vide carica del suo lavoro libretto dunque correva rapidissima pochi mesi o pochi anni dalla sua uscita anonima defilata per i tipi dell'editore coltellini dei delitti e delle pene
Con ritmi incredibili per i due enti e scarsi mezzi a disposizione del secolo diciottesimo era già diventato un classico in un batter d'occhio
Così mentre l'edizione italiani francesi inglesi si moltiplicavano anche in altre nazioni Beccaria veniva tradotto non vale la pena andare alla ricerca di tutte queste traduzioni certo non si può passare sotto silenzio
Nella ricezione dei delitti e pene nel mondo ispanico di cui parlerà che intero Olivares tra poco
Ne nell'area tedesca la pronta traduzione in tedesco correlata un famoso commento dei Carla Ferrian ombrello
Chiede Fini già allora l'opera di Verdi Beccaria immortale da un paio d'anni dopo contribuì non poco a far penetrare del Beccaria nel mondo germanico
E quindi
L'influenza diciamo si distingue magari possiamo distinguere in due fasi
La influenza di Beccaria e del suo libro nel primo secolo che la sua vita diciamo influenza ancora fresca
E l'influenza di Beccaria invece nel nostro secolo che ormai può e non è più neanche il nostro secolo Manessi nel secolo scorso in questo cioè negli ultimi tempi
E in questo secondo senso si discute allora di che cosa dell'attualità pensioni Beccaria cioè è ancora attuale o no
E allora rapidissimamente sulla influenza del Beccaria nel secolo diciottesimo e diciannovesimo c'erano e qui lo sappiamo un po'tutti forse tutti quelli sono seduti qui ascoltarmi lo sanno
Sovrani sistemi penali che esso si ispirano a lui per l'eliminazione della pena di morte o per pene più moderate meno crudeli nonché per la solo lo si diceva per la certezza del diritto e per la codificazione la codificazione
Sembra nascere dal libro di Beccaria
Ed entro certi limiti anche per la secolarizzazione al diritto penale Pietro leopoldo di Toscana Lario Pollina nello stralcio introitata sei lo diceva padovani Giuseppe secondo il Codice penale ostili avere mille settecentottantasette
Che eliminano entrambi la pena di morte
Salvo quello del austriaco che la lascia appunto per i reati politici lesa maestà
Caterina a seconda di Russia e le sue istruzioni che prendono ma presto Beccaria e come sapete che attiene a seconda voleva Beccaria e Russia va Beccaria non ci andò perché fu nominato professore in quei giorni
La Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino del mille settecentottantanove in Francia che ripete in certi punti pedissequamente Beccaria e la successiva codificazione penale in Francia
In Inghilterra l'influenza straordinario sul black storno forse il padre il diritto penale inglese non su l'abbiamo detto prima subentra un suk merce John Stuart Mill su Romiti
In Polonia Svezia in Danimarca in Spagna e Portogallo in America
L'influenza sui padri fondatori
E dunque sulla Costituzione gli Stati Uniti nel mille settecentottantasette degli emendamenti dei mille seicentonovantuno
Ecco come influenza straordinaria ma anche in America latina ebbe una notevolissima eco l'opera di Beccaria
Ecco ma
Ovviamente anche in Italia si pensi che il Pietro Ellero un giurista che forse molti di voi conosceranno una abolizionista come era Carrara nel mille ottocentosessantadue credo sessantatré scrisse su Beccaria
E ISEE conteggio praticamente elencò ottanta punti
Delle riforme che De Caria sosteneva nel suo libro
E disse il
Andava la
Verificare quante di queste ottanta erano state applicate
E a giudizio dl euro attorno al mille ottocentosessanta in Italia ne erano già state attuate una settantina su tanta pensate dunque quale l'influenza
Le pensioni per carità ma
Ma in Italia Beccaria ed è anche un altro ruolo più diretto perché
Forse questo l'aspetto che si conosce un pochino meno perché Beccaria fu chiamato addirittura a far parte di una Commissione per un Codice Penale tra il mille settecentonovantuno e il mille settecentonovantadue
Fu chiamato in questa Commissione
Che doveva predisporre un codice penale per la Lombardia austriaca
Il progetto c'è fu studiato anni farà Cavanna uno dei più grandi storce il diritto ho avuto
E questo progetto poi
Andò avanti perché a Milano si lavorò anche nei negli anni successivi a progettare codici penali ci fu un altro progetto del mille ottocento sei fatto Milano sempre da grandi
Giuristi quando dei carri era già morto vivamente che era diretto figlio di questo progetto del mille sta centonovantuno novantadue
Ebbene questo progetto e mille ottocentosei non divenne mai legge e quindi si potrebbe dubitare che non abbia avuto una grande importanza
Non è vero questo progetto ed una fondamentale importanza nella codificazione italiana pre unitaria
Quindi a partire dal codice napoletano parmense sabaudo eccetera in tutti i codici per unitari
Perché i codifiche attori di quel periodo per reazione al Cotten al napoleonico che con la restaurazione veniva meno
Preso lo spunto proprio da quel progetto milanese mille ottocentosei diretto figlio del progetto di Beccaria
E da quello prese con la riforma i più importanti per dar vita ai codici preunitari le riforme più importanti rispetto al Codice Penale francese mille ottocentodieci
E sono riforme tutte nel senso delle principali
Vi è che Beccaria e individuato cioè da un lato
La
Logge attivismo del diritto penale sapete Beccaria diceva l'unica vera misure dei delitti
è il danno alla nazione non è l'intenzione di chi commette il fatto
Lo gentilissimo ricevo ma poi anche
La secolarizzazione ovvero
La distinzione tra diritto e peccato diritte morale la codificazione penale preunitari italiana
Se facciamo eccezione per la codificazione che ci fu negli Stati da Chiesa
Fu una
Codificazione ispirata alla separazione tra diritto e morale
Infine congiunte e infine infine un terzo punto molto importante altra caratteristica l'umanesimo conduciamo l'umanesimo tipo il tipico di Beccaria che anche qui connota
Decisamente i codici per unitari italiani a differenza del Codice Penale francese rigo Pessina scriveva diceva spregio attivamente le
Formule recise
Del Codice Penale francese formule decise di assoluto rigore del Codice Penale francese
Ecco vedete che sostanzialmente è è evidente però questa grande influenza sul diritto penale europea sul diritto penale direi mondiale si possiamo dire così
E sul diritto penali italiano per tutto l'Ottocento finché totalmente lo sapete tutti mille ottocentottantanove
Codice Zanardelli un'abolizione della pena di morte che fu discussa e nelle discussioni si richiamava ovviamente molto spesso il nome e le idee il Beccaria
Ecco ma
Andiamo più sull'attualità
Nel nostro secolo e anche negli ultimi decenni
Tutti quelli che sono occupati di Beccaria in Italia normalmente hanno dato per scontata l'attualità del pensiero di Beccaria
E ne potrei citare a bizzeffe nuvoloni dell'Italia Vassalli nel primo doganale e tanti altri
Tutti hanno dato per scontata la attualità del pensiero ed è carica
Beh
Voglio anche ricordare un bellissimo libro che uscire attorno al mille novecentottantanove novanta che erano gli atti del convegno che si tenne nell'ottantotto a Milano
Che si chiama Beccaria il modello Criminal policy libro straordinario perché
A quel convegno intervennero studiosi da tutti i Paesi praticamente a Paesi dell'Africa dell'Asia dal Giappone dalla Cina dalla Russia dal dal
Da tutte le nazioni europee dall'America ecco
In quel libro voi vedete che ciascuno autore
Riferisce dell'influenza che ho avuto Beccaria del suo Paese
E praticamente sempre abbiamo riscontro di una fortissima
Di un fortissimo impatto di Beccaria su quelle registrazioni o su quella scienza
Quindi diciamole potremmo anche chiudere il discorso dire Beccaria un avuto un grandissimo impatto anche nel corso del Novecento ce l'ha tutt'oggi a tutt'oggi si riconosce la sua attualità a maggior ragione in Italia
In realtà ci sono alcune voci critiche a parte quella nuovissima di Padovani che aveva sentito pochi minuti fa su cui ancora non mi ero preparato ma
Poi su cui magari risponderà il mio amico nega di che si occuperà di processo ma a parte quella per esempio in Germania di recente si sono sollevate voce abbastanza critiche
Uno fra i fra i critici realtà a molti sostenitori Beccaria in Germania come vedremo fra poco ma uno dei critici del pensioni Beccaria è Wolfgang nonché che pochi anni fa
A scritto sul tema
Il mio in qualche modo ha fatto eco a queste tesi anche CAI a bosco è un altro importante studioso tedesco
Che ha dedicato un è un articolo intero a Beccaria e la tortura
Ecco NAU che critica Beccaria
Nel modo seguente io vado a leggere perché riporto quasi testualmente le critiche di da un che intanto parla di quasi spregio attivamente di un cosiddetto schema Beccaria sarebbe quello schema secondo cui Beccaria
Era stato bravissimo aveva avuto una grande influenza su tutto il il sistema penale moderno le sue idee sono condivisibili eccetera eccetera e no che scrive
Dunque Lauger effettive idem decade il critico il diritto penale medievale non secolare
Ma
Anche il fondatore o amplificatore di un nuovo crudele di diritto penale pubblico orientato all'efficacia il vantaggio sociale che sostituisce il diritto penale religioso
Per lui le istanze di Beccaria limitazione a pena di morte la tortura i suoi principi
Proporzione legalità dannosità sociale
Sono motivati male vice e in modo troppo superficiale per poter fissare degli immutabili limiti generali limiti conformi allo Stato di diritto di un diritto penale umano
Le sue teorie generali sono troppo poco concrete solo un sentimento per l'umanità e razionale e troppo poco piene di contenuto per poter tener testa agli sbandamenti del diritto penale nella sua concreta forma interpretazione
Per far ciò
Diceva ok non basta un giurista laico illuminato di buon cuore ma ci vuole un giurista beneducato nelle tecniche giuridiche e diffidente verso ogni forma di dominio il che non si trova in Beccaria dice
L'ineluttabile contratto sociale di Beccaria a cui nessuno si può sottrarre e il principio di utilità portano alla inevitabilità e alla necessità delle pene e dunque è un diritto penale ancor più potente forte
Il fondamento utilitaristico di Beccaria prosegue in aule non porta all'assoluto limite di ogni pena ma al sostegno della pena se conforme allo scopo porta dunque all'altra legittimazione
E non alla limitazione del diritto penale e il principio utilitaristico
Portarsi a sostegno di un diritto penale liberale e fondato sulla ragione oppure all'opposto di un diritto penale inumano brutale
E i poteri di turno dice nautri grazie alla clausola del danno sociale ricorda Beccaria che può essere riempito di contenuti solo in
Nodo arbitrario può decidere di quanto e quale diritto penale esso abbia bisogno per la sua conservazione dunque lo stato di diritto penale di Beccaria e lo stato di sicurezza
Rafforzato dalla legge con un contenuto variabile
Infine infine
Concludendo il diritto penale dei Calìa quindi sarà pur tutto
Sarà certamente un diritto laico ma urbano non lo è di certo questo scrive ma ok
Ora
Permettetemi una critica Arauca
Il anche se non voglio poi farlo avvocato d'ufficio anche perché purtroppo dopo padovani fare comunque brutta figura e in ogni caso qui ci sono avvocati molto più gravi linee che non faccia nel più avvocato ma
Siamo possiamo accettare questi punti di vista ENAC
Consideriamo punto per punto questa critica sia pur cercando di velocizzare la cosa sul primo punto il Beccaria non giurista non è una novità
Non è neanche un argomento decisivo contro Beccaria foglio erbacce il famoso foglio al bar tedesco grande padre del diritto penale moderno in Germania e altrove scrisse Beccaria non parla la scuola
Ma al mondo
E in effetti lo stesso Beccaria se sembrava critico verso la scienza penale ce l'ha detto prima padovani delicate quelle quella nazione in cui le leggi non fosse una scienza e ammetteva candidamente agli amici
Di non essere un esperto in materia di forensi e Polidori non dimentichiamolo da venticinque anni quando scrisse il tipo uscì quando aveva ventisei lo scrisse da venticinque lo stesso Cantù fra gli altri aveva stigmatizzato questo aspetto
Ed allora è una critica ricorrente ha dei carri armati
Ci sono state e che come i ceti argomentazioni in contrario
Per esempio Pietro è il vero che ho già citato prima in una recensione proprio a Cantù osservo che Becagli aveva sottoposto feroce critica tutte o quasi tutte le caratteristiche del sistema del diritto e procedura penale dell'epoca
Antico regime mostrando così riconoscerlo quanto meno sufficienza
Senza questa conoscenza non sarebbe stato in grado di criticato in quel modo e così puntualmente elencando ottanta punti in cui il diritto penale la procedura penale andavano cambiati ottenendone
Gran parte
E era verissimo che il suo libro la più pieno di sentimento che di ragione
Anzi proprio questo in questo avvio proprio in questo aspetto essendo il sentimento assai più contagioso ed espansivo del ragionamento logico come rilevo bene Errico Ferri
Sta forse la chiave del successo di quel libricino
Che parlava e voleva prepara parlare prima di tutto i cuori dei lettori
E qui cuori seppe conquistare
Quanto all'altro aspetto collegato a quello che ho detto prima della critica e di NAU che no alle istanze di Beccaria
Sono motivate male quindi non possono fissare immutabili limiti del diritto penale umano ebbene la storia lo smentisce
Clamorosamente
Come abbiamo visto più sopra al contrario l'impatto di Beccaria sulla scienza sulla legislazione fu dirompente sovrani adottarono molte sui denti ed i codici preso spunto dal suo libro
Generazioni penalistico veneravano come un profeta e adottarono le sue dottrine come canoni quasi indiscutibili di scienza della legislazione
E
Quindi e questo proprio in relazione a quelle istanze a quei principi a cui alludeva ok cioè alla pena di morte la tortura proporzione dolcezza delle pene alla legalità e alla doverosità sociale
Now che a criticato dicevo prima Beccaria anche sul piano delle umanità
Del suo diritto penale secondo da o che legittimerebbe un diritto penale feroce addirittura inumano
Lo stesso a Bossi concorda sul punto
E alla fine sottolineando il fatto che fra umanitari utilità in Beccaria prevale alla fine alla seconda istanza il che porta e può portare ad imbarbarimento i del sistema
Esempio classico che lo stesso ambo sport è quello della pena di morte
E noto ricche Beccaria sostiene per l'abolizione della pena di morte ma come ha detto padovani prima si sa anche che c'entro certi limiti altissimi ambiti laddove necessario l'ammette
E soprattutto in linea generale né si prevede la sostituzione con la pena della schiavitù perpetua ovvero di lavori forzati irritante in base all'argomentazione Italy utilitaristico che possono anche sembrare spietate
Scrive Beccaria non è il terribile ma passeggero spettacolo della morte io scellerato ma il lungo e in stentato
Esempio di voto un po'di un uomo privo di libertà che è divenuto bestia di servizio ricompensa con le sue fatiche quella società che offesa che il treno più forte
Contro i diritti
Bene ma come mai allora accanto
Critico Beccaria proprio relativamente alla sua ferma opposizione a pena di morte tacciano idolo di affettato sentimentalismo umanitario
L'afflato umanitarie libricino ride caviglia a me pare fuori discussione lo stesso Beccaria mira più spesso a intendere ieri cuori suscitando fremiti come lui stesso diceva che applicare le ragioni con argomenti logici
Per citare ombrello ancora una volta Beccaria usava parole degne del linguaggio degli angeli
Il suo libro ero un prezioso gioiello di dolcezza e mitezza che onora tanto l'Italia e Livorno oggi
E Calamandrei
De Caria abbatte i patti Polini partivo lì e Scardino alle porte delle prigioni per farli penetrare un raggio di umana pietà e aggiunge il dogma morale che alimenta il libro e l'amore dell'umanità
Possiamo credere nautiche oppure possiamo credere Calamandrei vedete voi comunque citiamolo stesso precaria che dice
Apro virgolette consultiamo il cuore umano e in esso troveremo i principi fondamentali del vero diritto del sovrano che punisce i delitti
L'utilitarismo certamente un punto di riferimento di Beccaria
Come lo era per tanti pensatori desueto ma ben diversa come ha ben dimostrato ad esempio Herbert parte nel sessantaquattro
E ad esempio l'impostazione di un Bentham
Lui si vero campione dell'utilitarismo che infatti criticava Beccaria per le sue contraddizioni per i punti in cui Beccaria accedeva al sentimentalismo rinunciava al suo utilitarismo
Va bene passiamo oltre le incertezze potrebbe ravvisarsi poi sul rifiuto la pena di morte
E l'approccio parenti concessione o la legittimazione la stessa in limitatissimi ipotesi solo spiegabili forse anche altrimenti rispettoso rifiuto per un delitto penale umanitario
In primo luogo Louise scrisse amore lei voleva rivelatrice lettera del ventisei gennaio mille settecentosessantasei pluri citata per la verità è un po'
E confessò di aver evitato di prendere posizioni troppo chiare però farla fine di un Galileo odio Machiavelli odio Giannone
Ho voluto essere il difensore degli uomini senza esserne il martire scrisse in secondo luogo lo scrittore cari alla storicizzato
A quel tempo già dire le cose che lui disse contro la pena di morte rappresentava un atto di grande coraggio
Le minime concessioni ad essa d'altronde andrebbero analizzati in profondità
Cosa che non si può fare certo in questa sede basti qui riferire come non otto sempre le l'errore già citato che Beccaria considera conforme a diritto solo l'abolizione della pena capitale
Ermete quest'ultima solo in caso di vera e propria guerra contro qualche criminale
Ora
In sostanza se vogliamo trasferire i concetti Beccaria nel gergo legale attuale de cari a me ammetteva la pena di morte solo nell'ambito del Codice penale di militare di guerra
Cosa che la stessa nostra Costituzione del quarantotto ammetteva
Come sappiamo
E si dovrà attendere fino al due mila sette per vedere modificata la Costituzione italiana anche su quest'ultimo punto però per vedere abolita in toto la pena capitale in esecuzione di ciò che aveva stabilito
Un un emendamento alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo nel nel due mila e due solamente
Va be
Tagliamo un po'perché non voglio esagerare ma molto più di recente comunque cioè
Teniamo conto che ogni qual volta si è discusso di pena di morte si tira praticamente sempre in ballo Beccaria
Pensiamo i I memorabili discorsi che fecero Pasquale Stanislao Mancini uno Giuseppe Zanardelli nei lavori preparatori codice Zanardelli che citavano a più riprese Beccaria per dimostrare
La inutilità era ingiustizia pena di morte
E pensiamo invece cosa successe quando poi nel mille novecentoventisei Alfredo Rocco con un altro memorabile in senso diverso naturalmente discorso cercò di convincere
Che la pena di morte a cessare almeno per certi reati
Diciamo utilizzando anche lì ma a mio avviso sfruttando in modo improprio alcuni accenni di Beccaria
E tutto sommato
Spacciando addirittura per un po'paradigmatico sostenitore pena di morte e quali invece non è assolutamente stato perché abbiamo visto che la storia ha dimostrato il contrario
E quanto all'ergastolo anche qui lo si è detto prima effettivamente si è notato una sorta di quasi crudeltà di Beccaria ma in realtà anche qui va storicizzata anche questa questione allora una pena perpetua come quella
Non era nulla in confronto i disumani tormenti che prevedeva e che prevedeva il diritto di allora la dottrina penale quel quel Farinazzo che è stato dato dato poco Fatah
Da Padovani però
Qualcuno di noi l'ha letto e i tormenti che prevedeva non solo in Canada in un campo di tortura ma anche in campo di pene sostanziali e definitive sono impressionanti
E poi non erano solo nei libri queste cose purtroppo erano pratica quotidiana
L'ultimo argomento dinamo che la dannosità sociale dice NAU che una cosa così eterea che non ha un grande significato
E che può addirittura portare a fondare il diritto penale non a limitarlo ma teniamo conto dei carichi a usa il danno sociale sostanzialmente sempre in senso limitante nelle sue pagine
Non in senso ampliativo del diritto penale
E in più teniamo anche presente che è vero forse che la dannosità sociale sarà un concetto vago ma forse nostro caro vecchio bene giuridico è un concetto molto più preciso di queste dannosità sociale
E perché allora oggi molti vanno alla ricerca di quei concetti anglosassoni che sono riferibili all'AFAM principal che non è altro che la traduzione in inglese
Del danno sociale idee Calìa e non a caso John Sturniolo
Prendeva da Beccaria questi concetti perché molti oggi vanno a caccia di queste teorie anglosassoni come fondamento delle teorie moderne liberali del diritto penale che sono quelle
Che si rifanno al danno sociale che De Caria
E comunque a mio avviso più in generale i supplenti il suo pensiero è uno di quei pensieri che vanno sempre considerati
Perché vanno considerati perché sono i pensieri sono le idee dei grandi fondatori
Che c'è chi ha parlato anche di mito proprio libro uscito recentemente sarà un mito sarà realtà io credo
Con dell'Itala collo colore con Vassalli con tanti altri che Beccaria vada considerato il fondatore del moderno diritto penale e in questo senso quando si riversi ragione solo incerto
Argomento centrale del diritto penale non si può fare a meno
Di partire o comunque di fare di rifarsi al Beccaria a volte anche solo per sottolineare il fatto
Che certe cose che non sono state ottenute nemmeno oggi
Erano già state proclamate come verità inalienabilità Beccaria nel mille settecentosessantaquattro solo le cose che si leggono nel degli iscritti americani
Ho anche nel sentenze incerte sentenze sulla pena di morte sulla tortura su certe garanzie processuali eccetera eccetera
Sulla legalità eccetera si trova proprio questa frase diciamo del mille settecentosessantaquattro Beccaria diceva queste cose come è possibile che i duecentocinquanta anni dopo siamo ancora a discuterne
Bene Beccaria non va mitizzato al punto da prendere per oro colato tutte le sue opinioni
Non solo molte del sud e le sue singole idee lo riconosco anch'io è solo un partigiano o l'avete capito di Beccaria
Solo superato tout-court errate anche se parametrata addirittura a livello dell'atto dottrina sua contemporanea
Ma anche alcuni dei principi a lui formulati sono oggi ampiamente discussi se non registri rigettati
Si pensi alla sua concezione rigidamente preventivate appena superata dall'articolo
Ventisette costituzione in base al quale pene devono tendere alla rieducazione del condannato che precaria
Non prende in considerazione oppure alla scarsa sua considerazione delle detto soggettivo del reato
Laddove lui considerava il dando la Società unico metro per valutare il disvalore del fatto
Ma questo che significa nel diritto non esiste un pensiero assoluto che non sia sottoponibile a critica non esistono scoperte scientifiche stricto sensu intese come quelle non so di Newton
Cade la mela sulla testa nel diritto esistono lenti passi avanti conquiste ma sempre aperte al di
Atti tra la discussione ed è comunque fuor di dubbio che prima di Beccaria
Ieri il Buglio viene il diretto terrificante barbaro dell'Ancien Régime e con Luigi ricco cominciando ripeto il diritto penale moderna il cui postulati solo comunque in divenire
E lo saranno anche in futuro per questo come ha scritto Marinucci
Anch'io ritengo Beccaria
Il nostro
Contemporanea nostro contemporaneo e chiudo con una Calamandrei
Se qualcuno l'ha ridetto in questi giorni vi invito andare via rileggere quella introduzione straordinaria
Di Calamandrei a
La ripubblicazione nel quarantaquattro nel quarantanove di dei diritti del pene durante alla fine il fascismo
Ancora sotto le bombe direi e
Nel momento in cui si usciva nel quarantanove questa seconda edizione con un suo prologo straordinario anche lì dopo le riforme costituzionali che lui attribuisce che gran parte meriti Beccaria
Cosa ha scritto Calamandrei ha scritto anche oggi a quasi due secoli di distanza
Beh allora due secoli la vitalità di queste pagine non è spenta e quando in uno di quei subita anni ritorni di barbarie che ogni tanto esplodono nella storia della civiltà
Sembra che nelle leggi abbia ripreso stanza la inutile crudeltà Cesare Beccaria è ancora là sprofondato verso poltrona secondo il suo costume
E parquet sorbetti ma ascolta e aspetto assenze pazienza il momento di far sentire la sua voce grazie
Ecco e con le relazioni dei professori Tullio Padovani ordinario di diritto penale alla Scuola Superiore di Studi Universitari Sant'Anna di Pisa e del professor Alberto ca doppi ordinario di diritto penale all'Università
Di Parma relazioni alla convegno organizzato dall'Unione Camere penali italiane il sedici del diciassette maggio a Livorno sui duecento cinquant'anni di dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria
Termina anche per questa sera lo speciale giustizia a tutti grazie per l'attenzione da Lorena Durso hanno buon ascolto e successivi programmi di Radio Radicale