20MAG2014
dibattiti

Le nuove strategie di comunicazione nella lotta alla criminalità organizzata - Incontro dopo la proiezione del film "La mafia uccide solo d'estate"

DIBATTITO | Palermo - 17:40. Durata: 1 ora 20 min

Player
Incontro, al termine della proiezione del film "La mafia uccide solo d'estate", promosso dall'Associazione Italiana Avvocati, con il patrocinio dell'Ordine degli Avvocati di Palermo, in occasione del prossimo anniversario della strage di Capaci per farsi promotrice di un incontro tra Avvocatura, Magistratura, società civile e gli studenti dell'Istituto "Ninni Cassarà", per discutere sulle nuove strategie di comunicazione nella lotta alla criminalità organizzata.

Registrazione audio del dibattito dal titolo "Le nuove strategie di comunicazione nella lotta alla criminalità organizzata -
Incontro dopo la proiezione del film "La mafia uccide solo d'estate"", registrato a Palermo martedì 20 maggio 2014 alle 17:40.

Dibattito organizzato da Associazione Italiana Avvocati.

Sono intervenuti: Elvira Terranova (giornalista, corrispondente Adnkronos per la Sicilia), Vincenzo Oliveri (presidente della Corte di Appello di Palermo), Leonardo Agueci (procuratore aggiunto della Repubblica di Palermo), Francesco Greco (presidente del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Palermo), Daniela Crini (preside del liceo linguistico Ninni Cassarà di Palermo), Matteo Frasca (presidente dell'ANM distretto di Palermo), Alberto Mangano (consigliere del Comune di Palermo), Patrizia Valenti (vice presidente della Regione Siciliana).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Avvocatura, Borsellino, Capaci, Criminalita', Falcone, Giustizia, Mafia, Magistratura, Palermo, Sicilia, Storia, Stragi, Studenti.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 20 minuti.

leggi tutto

riduci

17:40

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Intanto vi vi presento ai nostri ospiti abbiamo il procuratore aggiunto di Palermo Leonardo acque ci ordina di fare un applauso ai nostri ospiti ai giuristi
Abbiamo il presidente della Corte d'Appello di Palermo dottor Vincenzo Oliveri
Alberto mancano consigliere comunale quindi avvenuto per rappresentare la comune di Palermo
La preside del del liceo linguistico Cassarà Daniela Rini è come
Dicevo prima il l'avvocato cioè Francesco Greco che il
Presidente l'ordine degli avvocati
Io vorrei iniziare
A con il dottor Polli veri innanzitutto perché lei
Ha conosciuto
Giovanni Falcone Paolo Borsellino
Recentemente assunto facendo un po'
Una ricerca
Lei disse di aver incontrato Paolo Borsellino pochi giorni prima che morisse
Borsellino incontrandola lei disse questa volta il frego io
Da quel momento sono passate settantadue ore circa
E Borsellino avendo ucciso insieme agli agenti della scorta in in via d'Amelio era il diciannove luglio come tutti sappiamo del mille novecentonovantadue Torre livelli lei
Ha mai saputo che cosa volesse dire Borsellino con questa frase questa volta li frego io
Buonasera a tutti
Innanzitutto io non
Non sono in grado di fare delle ipotesi a che cosa volesse alludere Borsellino
Forse lì che in quel breve periodo lo sappiano tutti era la
Ricerca della verità subito sulla strage Falcone
Starà gestendo alcuni pentiti alcuni Gaspare Montoro che stava facendo e deliberazioni
Andava e veniva continuamente a Roma sapete che aveva rinunciato meriti era stato proposto la nomina la nomina con me procuratore nazionale antimafia ci disse io rifiuto perché voglio prima degli a capo della verità
A che cosa volesse alludere non lo sappiamo certo adesso la storia ci sta consegnando una sequela di novità che
E al vaglio dei giudici e speriamo che finalmente si possa fare chiarezza su quello che
E il campanile il discorso della trattativa tra Stato e prima che ci sono molti punti oscuri molti punti oscuri non sappiamo che cosa
Ci consegnerà questo processo ci auguriamo che si arrivi finalmente la verità perché per capire chi è con chi abbiamo avuto a che fare in tutti quegli anni che hanno preceduto
La morte il tavolo della morte di Giovanni ma non è che era sorto sia molto cambiata perché
Purtroppo tutto lo sappiamo morto molti ostacoli e ci sono alla ricerca della verità nessuno ci aiuta in questo senso
Tra l'altro anche anche sul capaci perché ha a Caltanissetta si sta
Celebrando il Borsellino quater così detto ma il ventitré maggio quindi tra pochi giorni proprio il giorno delle celebrazioni
Della strage di Capaci verrà inizierà il nuovo processo anche di capaci a a Caltanissetta perché la Procura diretta data Sergio lari sta
Rifacendo le indagini
Dopo ventidue anni lei pensa che
Questa sia la volta buona per riuscire
Approvare la verità
Chiedo
Chiedo scusa
La vicenda della bravura corrisposta parlo della strage di Capaci
Penso che il qualcosa dovrebbe venire fuori io mentre lei parlava della della dell'attentato è aumentato del ricordo proprio
Perché
Come lei sa l'esercito a Palermo da oltre cinque candidati poco conosco condizionano storie detta vuole andare a cose e ricordo le amarezze
Ovvero Giovanni ma
Quelli di Paolo quando si disse che quell'attentato era solo una simulazione perché Giovanni si era procurato perdere perché le sue quotazioni in discesa e quindi voleva che le sue quotazioni di servizio
Ovviamente chi conosceva bene Giovanni
Non era Consigliere nessuno di noi ci abbiamo creduto finalmente finalmente diciamo piano piano tenuta fuori la verità anche se molte altre persone come lei sa sono morte su questa scia nell'attentato
Ci auguriamo che venga fuori nonno non non non siamo in grado di dire forse qualcosa in più potrebbero dire i colleghi di cercare il secca ma oggi come si faccia anche un segreto istruttorio da rispetto
Intanto nel frattempo arrivato anche il Presidente dell'Anm di Palermo distrettuale di Palermo Matteo Frasca che ringrazio per per essere
Attività resta la camera di consiglio non c'è problema anzi grazie
Grazie per per essere venuto sottolivelli lei diceva appunto che
Ha conosciuto bene Paolo Borsellino
Giorni fa sono ci sono qui in sala tanti giovani del liceo linguistico che non hanno avuto la possibilità di conoscerli ma l'hanno fatto attraverso
La televisione attraverso i libri attraverso i professori genitori ci vuole raccontare chi erano Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
Io
Ho avuto la fortuna di conoscere entrambi perché entrambi erano colleghi miei ricorso all'università Paolo per un anno dopo di me Giovanni era proprio del mio corso universitario
E posso dire che
Giovanni era una persona molto schietta
Nonno non rifugi ormai diciamo stava sempre nostra compagnia era colui che
Posso lo dico con cognizione di causa ho studiato a più di tutti e due aveva incominciato a studiare a Roma credo alla al Sacro Cuore poiché era sceso a Palermo gli ultimi due anni
E spesso e volentieri passeggiavamo nell'altro del dell'università nella Ierna chieda si parlava del piede almeno
Ogni tanto ci si rifletteva turche farai da grande che terminerà le idee molto chiare già sin da allora mi diceva che
Che gli piaceva fare mi sarebbe piaciuto fare il magistrato noi avevamo un poco più di limite un pochettino confuse e pensate che
Era così bravo
Che lui fece il concorso in magistratura l'anno successivo tutti quanto sia vero
Si è laureato allora non c'era come ora
Il discorso adesso c'è bisogna prima fare più danni di specializzazione bisogna superare il corso di specializzazione si poteva accedere direttamente all'Olanda al concorso in magistratura rinunzia uno dei primi che
Che pesci concorso appunto dopo un anno dalla laurea e superò il concorso
Incominciò alla alla la sua carriera incominciando impegna altresì
Come pretore di Lentini io l'intervento con due concorsi supera il concorso in magistratura dopo due concorsi però
Siamo entrati in magistratura a distanza di mesi
Abbiamo per entrambe le funzioni e lui
Segando a Lentini con operatori di Lentini perché c'era allora l'obbligo di fare il biennio di pretura ogni tanto io ero stato destinata al Tribunale di Modica ci incontravamo però era sempre indaffarato perché studiata studiata studia
Non
Da da da
Da Lentini tasso allora alla Procura della Repubblica intraprende di Trapani e lì norma aggiuntiva perché intanto qui destinata alla Pretura di Trapani
Era un collega che era benvenuti bene ben voluto dal esercitarli il suo mestiere con uno chiuso consumare la sua professione insomma con uno con la massima semplicità aveva un ottimo rapporto con gli avvocati trapanesi
Se ti molto a tutti i processi che lui ha portato al dibattimento per lui è stato sempre un successo
Da Palermo da da Trapani è venuta a Palermo ed è venuto prima alla sezione fallimentare
Dalla sezione fallimentare lui comincio a studiare un pochettino la situazione
Lo dico perché anch'io sono stato eccezione per diventare otto anni lui era un poco una finestra perché per vedere come
I rivoli di denaro che circolavano a Palermo
L'UDC rese conto di quello anomalo funzioni penali e chiese lui specificatamente il treno asini ad ad accorgersi che c'erano dei flussi anomali nei flussi anomalie Naro perché c'erano
Diciamo istanza di fallimento e sulla base di
Lui di titoli degli assenti che facciano troppo troppo o troppo consistenti
C'era l'usura c'è tutto qui cattivi ebbe l'intuizione perché ovviamente alla marcia in più su quello luce tutte
Passo all'Ufficio Istruzione ed arrivi inseguendo questi flussi denari incomincia a capire come funzionava il sistema
Prima di approvvigionamento della droga appunto il sistema mafioso che si alimentava
Sia con uno con i flussi continuo di proventi illeciti che proveniva dalla droga sia colpito insomma questioni che ancora oggi
Naturalmente adesso inizia il collega capisci stanno di nuovo Risorgimento le stesse fonti di approvvigionamento che c'erano
Giovanni Falcone ecco
Paolo Borsellino
Avevamo un carattere pratichino differente l'uno dall'altro questo notevole
Giovanni era più compito ma non per questo meno al percorso di Paolo Paolo era molto più aperto insomma
Lei tipo scherzoso su qualsiasi cosa per lui ci guardare alla battuta molto facile trova sdrammatizzava la qualunque Paolo dava e Paolo Giovanni D'Alema quasi la persona di essere un po'più serio insomma non era così
Era molto riflessivo otteneva un ottimo rapporto con i colleghi terremo un rapporto continuo Congo con gli avvocati ovviamente quando lui capì che era negli affari che avevano le mani si andavano con piante e c'era pericolo
Anche per la sanità incomincio a prendere
Le sue istanze questa presa di distanza venne interpretato in malo modo incerta al dieci per il cane
Abbattuto tanto abbattuto tanto perché lui credeva nella sua Sicilia teneva soprattutto aveva aveva visto intravisto la possibilità
Di redigere l'ambiente palermitano dalla dal predominio mafioso
E e a Alal lavorato in questo senso e Paolo assieme a lui corno entrambi con una sinergia indicibile hanno portato avrebbero forse portata a compimento la loro opera
E purtroppo non sappiamo tutto quello che è successo però hanno lasciato un messaggio per correggere le generazioni il messaggio che traspare dal film
Abbiamo visto poc'anzi nel senso inutile mai più mafia e insieme il motto anche lì Giovannico alcolici insieme possiamo ribellare questo gruppo
Grazie per le questo ricordo
Il Rettore livelli nel frattempo a rimarcare la vicepresidente della Regione Siciliana l'onorevole Patrizia Valenti che è anche Assessore regionale il Governo Crocetta adesso parleremo anche con lei
Volevo chiedere al procuratore aggiunto Leonardo Agueci volevo parlare partendo proprio dal figlio
Come e in vista e come vista Cosa Nostra attraverso la tv attraverso le fiction attraverso il cinema a partire
Non so darmi rassegnata qualche Tindari cento giorni a Palermo di Ferrara del mille novecentottantaquattro quindi trent'anni fa al giudice ragazzino
Che racconta la la vita del giudice Rosario Livatino oppure alla più recente Gomorra sia il fino adesso anche da da pochissimo
La fiction la serie tv su un su Sky e poi il capo dei capi
Di recente il Presidente del Senato Pietro Grasso parlando in particolare del capo dei capi ma in generale anche di di altri fiction riguardanti Cosa nostra ha detto
Che sono dannose perché mi Tiziano i mafiosi dottor Agueci lei cosa ne pensa va bene così
Io vorrei
Partirei se permetti da un po'più lontano
E partire proprio da alcune considerazione
Che vengono
Dalla alla visione nello splendido film che abbiamo visto poc'anzi
Fin qui peggiore descrivere con una in un modo apparentemente solo apparentemente leggero
Una realtà molto smontò pena molto corrispondente al come stavano le cose ammetto quando il corso degli anni
Raccontati dal regista io sono palermitana sono nato nel quarantasette
Alcune cose io sono cresciuto a Palermo prima almeno finché non si fino agli anni sessanta settanta ho vissuto sempre regolarmente il Palermo e certe in certe cose che ho visto Petito sentito venti
E che
Grazie ai giovani posso sembrare cose fantastiche possa paradossali cose non corrispondenti alla realtà ho trovato in tutto e per tutto
Lealtà che articolo
Che ho vissuto personalmente
La realtà che faceva sì che
Io sono cresciute una famiglia della della buona borghesia palermitana
In cui la mafia era considerato assolutamente con qualcosa di endemico di tipico di radicato nella realtà palermitana come lo scirocco se
Una frase che sentivo
Spessissimo prudenziale
Era picchi di mafiosi ma tanto quelli si ammazzano validi non sono quindi significa non solo un problema per la gente aveva le persone perbene perché è un problema che riguarda loro
E ne molto frase che ritornare il PIL molto simile alla mafia uccide solo d'estate
Porta a considerare quel la la realtà del fenomeno mafioso sulle cui origine storiche avremmo tanto da dire non è questa certo questa la sede
Portano a parlare della mafia come qualcosa che era decisamente sottovalutato da una parte dalla parte bene della società palermitane e peraltro per certi versi pubbliche serviva che era alimentato perché tornava utile per altri versi e tornano utile il la sottovalutazione di questo fenomeno
L'esistenza di questa mentalità che in realtà prima ancora del eccola sopra all'esaltazione del ruolo di certe persone ancora ribelle delle fiction televisive era quella realtà che la rappresenta
Io tre ricordo anche ogni tanto vado a pescare la mia memoria alcune di queste di queste queste vicende
Negli anni Sessanta io ho avuto modo di conoscere anche se da lontano perché ragazzino godono riconosce l'allora Colonnello Dalla Chiesa
Era nell'inno che c'era a Palermo in occasione della sua prima esperienza palermitana che ha preceduto una decina d'anni quella che poi gli altri affrontata dal prefetto che portato dalla sua tragica fine
In quel periodo ed il comandante non so dell'acqua andate provinciale o qualche altra cosa non so bene di Palermo del battaglione di Palermo non so ad un incarico ufficiale
è una persona come molto brillante molto simpatico nella Società molto apprezzato ma poi ho sentito i commenti su di lui che è un po've ne ha quasi preso in giro
Perché era uno te allora pochissimi che credevano davvero comincio ad allora crede alla lotta al mattino alla lotta alla mafia
Ed era un po'i vecchi non era certamente vista con favore queste visto con favore questo suo impegno quasi veniva un po'preso in giro da questo mi
Ricordo una cosa che lo chiamavano scherzosamente il colonnello dalla caserma anziché Dalla Chiesa
Per significare che non
Lo considero un fanatico che crea un tematico militarista che creda qualcosa ma
Che però non non avevano un po'come come il Don Chisciotte contro i mulini a vento infatti nel fece proprio quella parte del bambino che vada intervistarlo e dice ma Andreotti veramente dice che forse ho sbagliato il luogo perché
La criminalità è un problema che riguarda più la Campania la Calabria perché è venuto in Sicilia e la guardato allargando le braccia metà quando dico che questo film rappresenta per davvero
E allora queste in questo contesto
Vi rendete conto l'importanza del di del
Ruolo dell'intervento dei magistrati e non solo dei magistrati una persona che ho avuto diretta il quale ha avuto
Mi vanto di essere stato amico negli anni Presidente quel meraviglioso poliziotto che è stato un indica sarà persona dunque potrei tanto parlare ma vi assicuro un uomo splendido prima ancora che un poliziotto spenti
Quelle persone che in quegli anni hanno cominciato
A
Parlando girare la ruota in senso opposto vi rendete conto che che impegno che hanno dovuto affrontare qual è il mondo quale contesto hanno trovato attorno se
Con testo rispetto al quale erano anche loro all'inizio visti visti attorno a sé
Diciamo la verità in parte anche dentro i palazzi di giustizia visti anche con la persona che chissà che erano per la prestazione pazzi ambiziose illuse c'erano altre linee
Io c'erano anche i colleghi che si ci doveva Sestante o specifiche ecco attendeva mente e infatti così abbiamo si sarebbe poi ma tanto tanto da dire questo punto quelli da questo punto di vista
Ora il fatto che con queste persone
Che poi sono noi li contiamo eroi perché hanno avuto tutti la
La fine tragiche che hanno che hanno avuto sono che sono morti vero
Ma il loro vero terrorismo che è stato quello che hanno cominciato a fare
Cambiare la mentalità a far andare appunto come dicevo prima la ruota contabile a far sì che nel corso degli anni la mafia
Anziché essere qualcosa che faceva parte del panorama come lo scirocco diventasse non un problema il problema della società del siciliana che andava affrontato combattuto
In faccia un paper davanti come qualcosa con cui non era possibile nessun tipo di dialogo e nessun tipo di di di compromesso
Tutto questo è passato attraverso
Tante fasi tanti momenti anche di incertezza di caduta il contesto in cui va inserite sulla vicenda trattative a vicenda
Sociale storica prima ancora che giudiziarie si inserisce tornò in questo nelle contraddizioni che hanno accompagnato questo passaggio contraddizioni che sono ancora presenti ancora oggi vediamo spessissimo
Come il mafioso venga mitizzato e il giudice il poliziotto venga biasimato
Il l'Aula
Grido d'allarme contro certe Ticozzi inserisce in questo contesto
E per questo credo che si debba dire oggi che
Con le si è fatto tanto per carità sono partiti da zero siamo arrivati a cinquanta macchine arrivare a mille ancora ce l'ha vista
La strada ancora un po'lunga dottore duetto importante qualcosa si è fatto continuare lentamente ad andare avanti e non siamo fiduciosi dobbiamo esserlo grazie alla
Ad Erchie volevo coinvolgere adesso il Presidente dell'ordine degli avvocati l'avvocato Francesco Greco
Voi come associazione degli avvocati ha detto organizzato oggi questo quest'incontro prima la proiezione del film adesso questo dibattito perché coinvolto anche
Un gruppo di studenti nel nel caso specifico del liceo linguistico cassata ma quanto è importante coinvolgere
La cosiddetta la società civile i giovani perché avete deciso di coinvolgere i giovani
Grazie io
Innanzitutto
Devo manifestare uno stato d'animo temi insieme
Chiudo Pato dentro alla fine del secondo
Si sono visti tutte quelle pagine di giornale con i nomi dei magistrati e lei poliziotti
Ci sia la mafia un'emozione fortissima
E desidero veramente esprimere
Per cittadino
Vent'anni siciliano l'avvocato il ringraziamento
Per tutti questi uomini che hanno
Combattuto una battaglia di libertà
Perché la lotta alla crisi tale organizzata è una battaglia per la nostra libertà per la libertà dei nostri figli
Non saremo mai liberi veramente
Fino a quando ci sarà qualcuno che con
La forza violando la legge vorrà comprimere
La piena libertà di tutti noi e quindi
Mi sento veramente di esprimere
Forte ringraziamento una motivato ringraziamento a questi
Capiamo azionisti Erfurt
La cerca di organizzare quest'oggi questa quest'incontro che vuole essere un modo nuovo di comunicare
Nasce dalla consapevolezza che noi abbiamo maturato che è l'alone tra alla mafia a tutta la macchina
Non può essere più delegata alle forze di polizia la magistratura
è venuto il tempo in cui tutti quanti tutti cominciamo ogni giorno a combattere a combattere la criminalità
E dobbiamo farlo ciascuno di noi nel ruolo che abbiamo i nostri uffici i nostri studi nelle nostre scuole
E quindi ecco il perché abbiamo pensato di coinvolgere la scuola la scuola che ovviamente alla società del futuro la scuola è
Quella istituzione che garantisce la continuità di uno Stato la sopravvivenza in una
Comunità di una civiltà
E abbiamo voluto dire I ragazzi guarda e questo è quello che è stato fatto in questi anni questa era come
Era la situazione nella nostra città nella nostra Regione trent'anni fa quaranta anni fa come diceva il Procuratore a questi tanta strada si è fatta ma tantissima ancora fare tantissimo
Perché si possa fare questo ulteriore strada perché si possa colmare quella
Raggiungere quell'ancora lontanissima metà ammontante grandissima tanta strada è stata fatta occorre che tutti quanti noi ci impegniamo
E perché ciò avvenga dobbiamo puntare sui giovani ecco il motivo del nostro coinvolgimento l'avvocatura è schierata
Dalla parte
Nella magistratura pensiamo al fianco dei magistrati nella lotta alla criminalità
Ovviamente assolviamo alla nostra funzione difensiva nelle aule di udienza ebbene Kentucky a noi non difendiamo
Il criminale noi svolgiamo una funzione costituzionale
E questo lo facciamo nel rispetto della legge lo facciamo osservando rigorosamente
Le leggi dello Stato i codici la nostra deontologia e quando gli avvocati commette un errore quando gli avvocati giravano
Questo mandato imperativo questo dovere costituzionale di
Difendere i cittadini nel rispetto e dalla legge vengono meno
A quel giuramento che noi prestiamo quando cominciamo la nostra attività quando cominciamo a svolgere la professione avvocati e marchiamo quell'atto con la nostra tavola e noi come Consiglio diamo molto
Duri abbiamo intrapreso da tempo un'attività molto rigorosa
Sul piano della valutazione deontologica dei comportamenti degli avvocati che vengono meno a quel ricordo dove io ai giovani che iniziano preso delle decisioni importanti abbiamo preso delle decisioni molto importanti molto molto dure
Tutta la volta in cui abbiamo verificato dircele datoriali
Dico cioè ad una giustizia disciplinare dicevano col dottore invece che è molto avanti stanno dando Mazza
Che cerchiamo ben più che dare mazzate cerchiamo di essere molto rigorosi e soprattutto inflessibili perché quello che vogliamo dare un segnale di flessibilità in un momento così difficile
Così particolare gli avvocati non possono sbagliare e non vogliamo essere chiari gli avvocati che macchiano la poca sono fuori dalla dalla classe forense
Grazie avvocato le volevo
Cerca di terreni che voleva aggiungere qualcosa
Perché per un corpo coltivare Fidone del Presidente del Consiglio dell'ordine
Vi invito ai giovani a un percorso di verità proprio stamattina
Palazzo di Giustizia sesso ospitiamo ragazzi che vengono dalle scuole di fuori perché vogliono
Venire a conoscerlo vicino arriverà mai stamattina c'era una sessantina di ragazzi che venivano da una scuola di Savona la scuola a Roma
E mi ha fatto molto piacere sentiti parlare
Di
Falcone e Borsellino della mafia di tante altre cose cose che
Diciamo come diceva come accennava
Il dottore quei cinque qui molto spesso si tende a tutelare quella che è la verità mente
Va presentata per quella che perché e furono termici se lo conosci lo meritino
E con le scuole hanno un ruolo fondamentale nella lotta alla mafia perché credo che bisognerebbe farlo in tutte le scuole noi magistrati e credo che gli avvocati siamo a disposizione su questo su questo filone perché
Portiamo avanti anche noi un un problema sociale che bisogna
Bisogna aggiustare ettari nel senso giusto alle cose
Volevo aggiungere altra cosa che non
Non interrompe più nessuno
Chiacchieravo con il collega io sono di Villabate perché i titoli da parte Villabate è un paese simbolo competevano anche perché a Villabate
Commento che avrà letto gli scritti Pantaleone delle dello storico ricorderà di incerto Mino Cottone che era considerato il patriarca della mafia
Che ricordava il collega quando ero ragazzino c'era questo signore che scendeva lungo il corso
Per il Paese tutte le persone dopo tipico affittati Lino Vinci venivano incontro gli baciavano la mano io ragazzino diceva papà ma anche fanno ste persone
E mio padre faceva stai zitto andiamo via che è meglio dico oggi per fortuna non ci sono più queste cose scusi fa
No assolutamente anzi
La ringraziamo per quelle storiche avvocato greco
In realtà
L'esperienza giudiziaria insegna e che
In certe situazioni ancora ci sono
Noi abbiamo abbiamo fatta concluso
Circa una fa un'operazione che che ha riguardato il centro storico piazza Bartolo e quant'altro e il capomafia era uno che avendo ancora quel tipo di comportamenti magari non c'è il baciamano formale però di fatto ancora gestiva
La comunità che FARC tecniche vivere attorno a lui con criteri da padrino che ricordano moltissimo per intenderci presto è sempre il film il don Vito Corleone
Di queste addirittura che si interessava anche
Delle vicende private dei finanziamenti nelle questioni molto ma
Molto interni alle famiglie
E questo avviene Venica armi avviene ancora nella Palermo del l'anno di grazia due tredici
Quindi
Non è che sia così scomparsa questa mentalità e certamente
In
Momento di contenimento ma ancora c'è e dipende da noi se riusciremo a darli per darle il colpo definitivo da noi
Per quello per la nostra responsabilità di rappresentanti di istituzioni da voi giovani soprattutto per quello che dite per Comuni eccetera a veicolare ancora portare avanti certi valori
Il dottore l'indennità per vicende
Pensi che addirittura all'epoca chiedevano per far sposare la figlia chiedevano il permesso al al boss di di Villabate veramente delle
Delle storie incredibili l'avvocato le stavo dicendo poco fa
Quindi c'è un nuovo modo uno nella comunicazione anche nella lotta alla mafia perché
Voi avete fatto oggi questo dibattito però dico c'è questo nuovo modo di comunicare secondo lei
Sicuramente cioè
Finalmente oggi da qualche anno di martedì parla apertamente
Qualche anno fa si diceva che la materia del sistema che era un'invenzione dei giornalisti
Oggi se ne parla per fortuna liberamente sono tanti film che ne parlano
Ed è
Un patrimonio di tutti ormai quello di poter affermare liberamente che la mafia un cancro che si che subisce e sono convinto che più mi appariva
Più si riusciva a debellare
Veramente continua ad opprimere
La nostra vita quotidiana
Questo nuovo modo di comunicare
Probabilmente non beve
Travalicare i limiti
E quelli che sono in modo corretto di fare
Non sono forse queste altre altre valutazioni che non va non compete a me nel volgere
Ma certamente c'è questo nuovo modo di moderno e come avvocato avvertiamo avvertiamo questo questa esigenza avvertiamo il bisogno di fa sapere veramente che gli avvocati
Non hanno dubbi nel
Dello stare dalla parte della vita come abbiamo sempre fatto però vogliamo adesso ancora di più affermare
Grazie avvocato Greco e parlando proprio del Giovanni
Io volevo rivolgermi adesso alla la preside del liceo linguistico Cassarà oggi ci sono qua
I giovani studenti voi
Come a scuola come parlate di di mafia di Cosa nostra come affrontate questo tema
Allora
Buon pomeriggio voglio dire oggi siamo qui in una piccola rappresentanza la nostra una scuola di mille ottocento alunni impiantista tutti non saremmo potuti entrare
Abbiamo una rappresentanza di alcune classi sono contenta e devo ringraziare l'avvocato Francesco Greco per aver citato per aver allargato ecco quest'incontro alla scuola in particolare al nostro liceo linguistico
Non è un fatto scontato perché è vero che il mese di maggio è ora che il tema della ricorrenza della legalità Ronzini spalma un po'in tutte le manifestazioni in tutte le occasioni che in questo mese stanno cercando
Spesso però si dimentica che è la
La vera diciamo comunicazione quel tema è questo
La vera domanda che i nostri alunni la scuola una posizione molto difficile perché
I nostri ragazzi ci fanno c'è si aspettano da noi tante risposte
E non sono le dice ma le domande disciplinari quelle che ci fanno paura non sono le domande di filosofia o le domande di inglese o di Francia loro hanno molti ci fanno delle domande umane
A cui spesso la scuola non sa rispondere ad esempio ci faccia qualche ma l'ho sentita di giustizia non sette di
Hanno un una forte
Un forte desiderio di a fermarsi e di a vedere affermata la giustizia cosa che non sempre la scuola proprio perché paradossalmente la scuola non ha neanche gli strumenti e non è messa in condizione di poter rispondere a questa loro domande nelle scuole non è il nostro caso ma ne nelle scuole di Palermo fatiscenti dove mancano le strutture le attrezzature
Rispondere a queste domande dei ragazzi che vogliono o parlare di legalità non è sempre facile
Però il plusvalore della scuola la differenza sta per il prezzo che noi gli insegnanti ci siamo e siano sempre nelle aule sempre con loro sempre in prima linea ora ci vuole e abbiamo il coraggio di educare
La differenza e questa loro si aspettano da noi del risposte noi anche se queste risposte passano le possiamo dare abbiamo però il coraggio di strani giochi in classe
E soprattutto di testimoniare con le azioni non con i discorsi nostri ragazzi non vogliono
Dei discorsi astratti vogliono delle testimonianze in carne e ossa ne sarebbe incoerente parlare di legalità è poi i nostri ragazzi ci guardano imboccano ci guardano anche nelle mani e ci guardano in quello che facciamo la risposta più importante che si può dare a loro
Questo speranza di cambiamento essere coerenti essere coerenti in quello che si dice ma soprattutto in quello che si fa
Perché i ragazzi hanno bisogno di questo di delle testimonianze in carne e ossa lo testimoniano i magistrati lo testimoniano
I giornalisti gli avvocati ma noi sia ogni giorno ci siamo noi insieme a loro è la vera comunicazione non è quella dei discorsi astratti quella delle azioni concreta della coerenza fra quello che si dice e quello che si fa
Il proprio perché adesso abbiamo qui presenti in carne e ossa dei testimoni io chiederei I ragazzi se poi
Quando finiamo il giro delle domande se qualcuno nel frattempo volesse così fare qualche domanda preparare qua che domandare nostri ospiti perché insomma non non accade tutti i giorni avere sullo stesso palco e presenta la Corte d'appello il Procuratore aggiunto il vicepresidente della Regione la rappresentante all'ANM o del Comune insomma vi chiederei
Bene di escono escluderci
Lavoro pur
Terzo del trust
Esatto anche lui il Presidente della Sezione lavoro quindi
Dichiarare se c'è qualcuno che vuole così preparare qualche domanda poi alla fine saremmo lieti di
Abitudini di rispondere Presidente volevo chiedere anche un'altra cosa ieri a Castelvetrano c'è stata
Una manifestazione non contro la mafia la fanno ogni anno proprio
In vista della ricorrenza della strage di Capaci e c'è stata una polemica
Perché
Due istituti hanno partecipato però in un istituto il preside ha detto io non voglio partecipare per che non era contrario all'uso della parola mafia perché lui dice meglio usare la parola legalità piuttosto che mafie tant'è vero che poi nella nel quando certi nomi belle degli istituti che partecipavano
Ha fatto togliere il nome del suo istituto perché ha detto io preferisco parlare di legalità e non di macchie mentre l'altro presso il presidio signor dell'ISO naturalmente il finanziere arrabbiato e ha detto non in questo
Non è così che che si affronta anche la lotta alla mafia lei da Presidente come commenta da questo palazzo assolutamente quello che diciamo dei magistrati poco fa il primo valore che bisogna comunicare ragazze per la verità
E quindi assolutamente ma loro temono conoscere la la storia anche quello che accade perché se non si conosce non si la verità in uno dei valori importante quello della verità
Chiaramente la legalità di facciata di passerella è anche un po'troppo abusata nel senso che i ragazzi sono stufi ecco vivi vedere la legalità soltanto
Nelle passerelle agli e nelle manifestazioni hanno bisogno più di atti concreti hanno bisogno di vedere una scuola dove ci sono le i finanziamenti non ci sono le strutture
Hanno bisogno di vedere anche testimoni vedi persone in carne e ossa che questa legalità da realizzare attraverso le azioni poi quello che facciamo noi a scuola sono tante cose perché ne abbiamo
Al di là dei corsi di diritto ma qua non è un problema di disciplina è un problema di trasmettere valori
Loro sanno i nostri ragazzi sanno che la legalità non significa sempre
Rispettare ciecamente tutte le leggi perché le leggi qua c'è l'avvocato
Che ce lo può insegnare le leggi sono un sottomano sono anche e a volte paradossalmente non tutte sono perfette alcune vanno anche cambiate alcune vanno modificate
Quindi legalità significa e lottare insieme costruire una società dove le leggi siano anche migliori
è la scuola deve fare sicuramente di più verrà e non soltanto fare la legalità facendo conoscere le leggi ma della soprattutto trasmettere i valori
Deve fare questo questo salto di qualità fra Quentin ruolo proprio della scuola e quello di trasmettere valori quindi deve educare i ragazzi alla lealtà la verità all'amicizia alla solidarietà
Lo deve fare insieme alle famiglie lo deve fare intatti insieme a tutti gli adulti insieme a tutta la società civile
Grazie Presidente
Credo il dottor Agueci voleva aggiungere qualcosa possa
Dirà cosa politicamente non corre
Ed è questa quando io dalla
Negli anni Sessanta quando andavo a scuola
In quel periodo si parla tantissimo della Resistenza
Erano gli anni sessanta e nel momento in cui più forte il richiamo ai valori al alla
Al ricordo dei libri Ghedini quel periodo molto importante per nostra dite proposta politica che allora era
Ecco rispetto agli anni Sessanta era passati vent'anni più o meno quante passato ora dall'epoca delle stelle stragi ora se ne parlava tanto se ne parlava in modo sempre rituale sempre uguale
Che ad un certo punto il costo è sicura di resistenza non ne potevamo più
Di sentire parlare sempre le stesse cose Conte la stessa retorica
Ora il mio timore è le parole del pessimi con solo in questo che oggi della mafia di Giovanni Falcone possiede parli in modo da suscitare lo stesso effetto controproducente i prego fate in modo che non sia così
Grazie il Chievo Bergamo-lecco alcune poi vorrà rispondere proprio solo su questo
Dottore Frasca lei è da poco e la Presidente della Sezione distrettuale dell'Associazione nazionale magistrati di Palermo
E quindi è un magistrato della sezione lavoro visto che ci sono appunto i ragazzi dell'Istituto Cassarà oltre agli avvocati ovviamente
Voli spiegare ai ragazzi oggi con delibere un magistrato perché rispetto a vent'anni fa probabilmente anche lì cambiato qualcosa oggi lei sento dovesse presentarsi ai ragazzi la la solita dal magistrato quale
Forse la testimonianza più evidente il fatto che sono arrivato qui in ritardo
Perché purtroppo devo dire che fatto un po'fatica ad arrivare anche in ritardo perché ho dovuto mettere da parte di altre cose nella vita del magistrato e più o meno
Quella che la vita di tutti coloro che sono in prima linea impegnati incerti in certi ambiti
E per la verità questa vita di oggi
Nostra
Non sotto il profilo dell'impegno della dedizione quotidiana
E
Sempre meno di quella che i nostri maestri ci hanno insegnato Giovanni Paolo tutti gli altri
Oggi
Noi viviamo con traendo il frutto di quello che è stato l'insegnamento dei nostri maestri
è stato detto tutto finora qui da tutti coloro che sono intervenute difficile aggiungere qualche cosa e vi posso dire quella che la mia esperienza personale perché
Le assicuro vi prego di credermi non è retorica io ogni volta che
Ritornano questi temi dopo ben ventidue anni faccio fatica a trattenere la commozione
Perché e questa nella vicenda di Giovanni Di Paolo mentre assegnato particolarmente perché
è coincisa con l'inizio della mia attività professionale è quella di
Imparare io ho cominciato il mio tirocinio con Rocco Chinnici
Con quale ho avuto il privilegio non ore la fortuna di stare a diversi mesi a svolgere la mia attività formativa
In quel periodo a Palermo iniziavano i primi processi di istruzione
Contro Cosa nostra
In quel contesto in quell'ambiente io ho avuto modo di metabolizzare un modo di essere magistrato il modo di concepire l'idea del magistrato che è scolpita dentro di me in modo indelebile
Non ci sono modi diversi di fare il magistrato ce ne sono uno
C'è quello che ci hanno insegnato chimici Falcone Borsellino
Oggi noi
Abbiamo un compito immane che è quello di rendere attuale il loro insegnamento
Attraverso la quotidianità del nostro operare
è stato detto pocanzi è stato ricordato poc'anzi come
Le tecniche investigative di Falcone e Borsellino soprattutto di Giovanni Falcone
Oggi per noi è tutto molto più semplice nell'era dell'informatizzazione esagerata potete fare quell'attività investigativa che Giovanni aveva inventato letteralmente nell'epoca in cui verbalizzava mano gli interrogatori
Oggi sarebbe impensabile
Sarebbe impensabile potete fare questo tipo di attività
E oggi è facile è semplice parlare di controlli incrociati di riscontro di indagini bancarie eccetera voi dovete figurati che trentacinque anni fa tutto questo era soltanto un sogno
Un'invenzione di Giovanni Falcone
E allora dice oggi cosa è fare il magistrato per me continua a essere solo quello ma non è solo quello nel settore della lotta alla criminalità organizzata vedete io danni
Mi occupo di ben altro ambito mi occupo di controversie di lavoro
Non c'è e un settore della magistratura o un settore dell'attività giudiziari in generale che coinvolga magistrati avvocati dove non
Ci sia un unico comune denominatore che il culto della la cultura il culto della legalità
La lotta alla criminalità organizzata anzi la lotta a Cosa nostra perché le cose non l'ho chiamato il nome che hanno la lotta alla mafia alle mafie
Si fa attraverso l'affermazione dei valori di legalità che devono imperniare l'attività di tutti i magistrati in generale a tutti i livelli ma di tutti i cittadini di tutti i protagonisti
Più giovani e meno giovani nella loro quotidianità non può esistere non può essere un settore nel quale
Venga privilegiata la lotta alla criminalità organizzata la lotta alla mafia io occupandomi di controversie di lavoro vedete posso
Constatare quanto
La
Mafia abbia danneggiato Cosa Nostra abbia danneggiato l'economia di questo Paese e l'economia di questa Regione
Creando al di là dell'apparenza e della suggestione dell'occupazione una vera povertà perché giusto che i ragazzi qui presenti lo sappiano
Cosa Nostra la mafia e soltanto un sistema per non strozzare distruggere l'economia di un Paese
Non ci sono non ce
Quell'idea e deve essere rifiutata quell'idea per cui che ancora oggi purtroppo sentiamo incerti poi in certe parti e in certe vicende che la mafia dal lavoro mentre lo Stato o no
Vedete un settore delicatissimo delle indagini dell'attività investigativa e dell'attività giurisdizionale che colpisce fortemente profondamente Cosa Nostra e quello delle misure di prevenzione
Per misure di prevenzione che colpiscono i patrimoni mafiosi perché il il mafioso teme per la propria libertà e pene per il proprio patrimonio illecitamente accumulato
E allora in questo settore
Abbiamo purtroppo dovuto constatare che nel momento in cui lo Stato sottrae alla criminalità mafiosa i patrimoni illecitamente accumulati e li gestisce
Inevitabilmente si possono creare delle ricadute sull'occupazione
E purtroppo abbiamo dovuto constatare con grande grande amarezza
Sentire
Vedere striscioni che inneggiavano alla mafia
Mentre la mafia da il lavoro lo Stato crea disoccupazione bene questi questi messaggi sono pericolosissimi perché bisogna ricordare che se la mafia riesce a dare occupazione attraverso il circuito dell'illegalità
Perché altera le regole del libero mercato perché si inserisce in un circuito nel quale
I collar con la individuazione con la violenza e con la prevaricazione riesce a ottenere a indirizzare l'economia
Questo il modo migliore per creare la fine di una di uno Stato la fine della legalità alla fine d'anno democrazie si in uno Stato l'economia può funzionare solo quando è assistito dalle regole della legalità
Quindi questa è un'indicazione che rivolgo i ragazzi non vi fate suggestionare mai
Da questa idea pericolosa pericolosissima che è l'idea che ha portato la nostra Regione in particolare a questo livello di
Di come dire di illegalità anche nell'economia
Difficile quindi dare un messaggio diverso secondo me I giovani oggi dunque ai ragazzi alle nuove generazioni ma anche alle attuali generazioni sul modo di fare il magistrato c'è un solo modo di fare il magistrato il modo di fare una gita come c'è un solo modo di fare l'avvocato
Avvocati e magistrati lavorano con lo stesso non possono che lavorare con gli stessi obiettivi della cultura della legalità ma questo è un obiettivo che deve riguardare tutti
E riguarda i cittadini i magistrati non i vasi statico politico il giornalista il l'avvocato il professionista il il lo studente il professore sono tutti i protagonisti di una collettività che non può che avere un unico denominatore quello della legalità
Grazie carriarmati far leggere nell'ambito dei beni sequestrati e confiscati
Lo diceva di recente anche se l'ha saputo nulla presenta sezione misure di prevenzione perché effettivamente molte volte ci sono dei limiti
Reali nel portare avanti il sequestro la confisca di di un bene proprio perché
Legislativamente ci sono evidentemente ancora delle cose
Da da fare
Adesso invece volevo sentire Alberto Magliano
Ventidue anni fa dopo le stragi
I ragazzi ovviamente non non lo sanno perché non c'erano ancora quelli più grandi centri come noi
Noi lo ricordiamo e c'erano c'era il popolo delle Enzo fondino questi lenzuoli dove c'erano le immagini di Falcone Borsellino e c'era scritto le loro idee cammineranno sulle nostre gambe
Io ricordo stava qui a Palermo da pochissimo questi usciva erano esposti sui balconi terrazzi sui
Sulle finestre
Poi pian piano è scemata nove anche la presenza fisica delle persone il ventitré maggio davanti all'albero Falcone poi a ondate ogni tanto cresceva addirittura ci sono stati anni in cui c'era pochissima gente
Lei visto che ha vissuto noto questi tutti questi ultimi anni
Secondo me perché è cambiato e cosa è cambiato perché ci sono queste ondate in cui la gente partecipò e altre volte in cui invece non partecipa ma da cosa dipende
Grazie intanto
Ricorda il dovere di portare i saluti del Presidente del Consiglio comunale di Palermo che oggi non era in città e quindi mi ha chiesto
Meritatamente i sostituirlo il dottor Salvatore Orlando
E ovviamente porto anche il saluto del Consiglio comunale di Palermo che vorrei sempre ricordare
A scapito dei detratte sono cittadini che rappresentano la comunità palermitana in quanto eletti dagli elettori palermitani
Voglio approfittare di questa domanda
Per fare però anch'io un passo indietro come il dottor Agueci
Poco fa
Intanto devo dire che
Ho apprezzato molto gli interventi fatti ma quello dottore Guerci perché
Forse per un fatto di generazione di età in qualche modo ci siamo rivisti
Un po'più adulti però del PIS bambino
All'interno di quello spaccato della società palermitana che però guardate non è solo uno spaccato della Società per evitare anche lo spaccato della società siciliana e di una parte consistente della società del nostro Paese
E mi collego quindi alla domanda
Che cosa è successo intanto il film ci dimostra
Apro un'altra parentesi scusate non mi piace farlo perché così l'ho vissuto il film molto bello io l'ho rivisto oggi intanto devo ringraziare l'Associazione perché fatto secondo me è un'operazione importante
E credo che i film hanno la capacità di farci vedere le cose al di là di come
Spesso vengono narrate perché sono più immediati perché c'è l'immagine c'è la parola ci sono i fatti
Un altro film per chi non l'ha visto i giovanissimi soprattutto che merita di essere visto e il figlio cento passi sulla storia di Peppino Impastato
Perché quello dimostra e mostra un'altra realtà e soprattutto
Cita una prospettiva vera di come si può superare vincere la guerra alla mafia
Guardate la guerra la mafia si vincerà non sono un esperto dal punto di vista della giustizia la magistratura da questo si vincerà quando il figlio del mafioso si comporterà come Peppino Impastato
Cioè quando sarà in grado di respingere la figura del padre mafioso ed emancipare se stesso poi tutta la sua famiglia quella sarà la vera vittoria
E vengo alla domanda e vengo anche un passaggio che diceva il dottore a quindici che cos'è la nostra società la nostra società vive di emozioni
E guardate il ventitré maggio e il diciannove
Di quell'anno sono state due emozioni molto più di quelle ancora drammatiche voglio ricordare Dalla Chiesa voglio ricordare i chimici Piersanti Mattarella potremmo fare un lunghissimo elenco costa
Di vittime della mafia ma quelle due stragi
Compiute con un sistema che qualcuno già ai tempi chimici definiti libanese perché non lo sapesse il sistema libanese da quello degli attentati dinamitardi
Con una dimensione distruttiva che non aveva precedente cioè l'Amati aveva fatto il salto di qualità non usava più neanche la lupara neanche la pistola neanche l'arsenico come magari aveva potuto fare mezzo secolo prima
Il problema era che c'era un'evoluzione ma talmente violenta da mettere piffero ma soprattutto
Il Messia che parlava francese ma soprattutto gli altri il padre della sua
La futura moglie davanti a sbattere il muro davanti all'evidenza
E così non puoi più mentire attestare non puoi più dire che la mafia si uccidono fra di loro che uccide sono innestate quindi le altre tre stagioni questa mentre il filo che tutto sommato che fanno di male se noi pensiamo
Che in questa città
Ora non so se questo fenomeno accade dottore quindici
Ma quando ti rubavano la macchina non andavi alla stazione di polizia denunziare il furto
Perché qualcuno ti diceva che chi dovrebbe rivolgere a Tizio o Caio ritrovati normativa troppo nella delega cave ancora questi ecco io non l'attuale
Che negli orari cosa al cavallo da un lato
Può pongo la domanda adesso
Questo significa che lo Stato non vera
Autorevole non dico non era presente perché la rete ma non era autorevole ed è un fatto di cultura
Allora che cosa succede del novantadue succede che davanti avendo sbattuto la faccia davanti a questo fenomeno delle stragi così violente
Mettendo in crisi in discussione un mondo che era quello che abbiamo visto rappresentato
La gente ha deciso che non ne poteva più
Questo è stato un punto di rottura
E sono nati spontaneamente guardate perché non c'era nessuna
Capacità di organizzare queste non sono stati nati spontaneamente decide di movimenti in varie forme quello dei lenzuoli che ci ricorda verifica eh uno dei più
Significativi dal punto di vista la comunicazione perché io non avevo paura di mettere il non solo il mio balcone non conoscendo neanche il mio dirimpettaio che avrebbe potuto essere teoricamente qualcuno
Che avrebbe traumatici Sochi Bovetti portotorresi linea del film un po'caricaturale ma ci sta in un film così drammatico perché drammatico quel sei persone sono guardiamo bene
Ecco nessuno la gente ha deciso di uscire allo scoperto poi quello che succede
In queste situazioni di presa di coscienza e che il tempo paradossalmente se i risultati non sono uno dietro l'altro quindi se non c'è una continuità il tempo cristiani
E allora quello che tu prevede un impegno civile intanto
Comincia a far diventare un impegno individuale allora oggi non lo posso fare c'è un altro impegno mi sembra che di impegno civile al contrario degli impegni individuale deve prima di tutti gli altri impegni individuati personali
E quindi gli obblighi ad essere quasi un militante della legalità
A ribadire in ogni occasione che quello è importante perché il senso per la tua vita e della tua vita sociale Baratello penso questo quella società che ancora presentato dice va bene
Una ragazza che è stata intervistata da adibire a poco fa ha detto cambiano le forme attenzione
Quindi se non siamo bravi come fu bravo Falcone a capire qual è l'anno le forme attraverso le quali la mafia riusciva a macinare questo suo potere per mafia e il sistema di potere
Non è criminalità comune allora stiamo attenti le forme
Cambiano e e questa
Cioè in questa città ce l'hanno dimostrato che possono cambiare
Anche aspetto
Possono anche essere presentabili come erano presentabili negli anni Sessanta Settanta tante cito mi dispiace dottore quei cita devo citare spero che l'ordine non me ne voglia cito dottore invece quando ha detto che persino un magistrato di cui non ha fatto il nome frequentava la casa di Michele Greco è vero ma il vero
Perché no
Si anch'io mi limito capacità di fare un altro giorno siamo felici quindi significa che non c'era quell'assenso gli cito una sia consiglio a tutti il bellissimo
Libero che dedicato a Rocco Chinnici
Che si chiama i
C'è un filo logico recentemente
Si chiama non si può più così non si può dire così non sicure
Leggendo un po'per capire la realtà del Palazzo di Giustizia di quegli anni
E non solo del Palazzo di Giustizia dottore quindici perché il vero problema e che il palermitano ma potremmo dire siciliano non ci scordiamo mai dello straordinario libro di Tomasi di Lampedusa il Gattopardo
Perché quello e una fotografia
Che non è sbiadita diciamo ha cambiato Corso colore ma non è sbiadita la vera differenza è tra sentirsi individuo e sentirsi cittadino
E quello che fa la differenza ed è sentirsi cittadino
Cioè travolto la scuola anzi determinante fondamentale è determinante la formazione credo che Bufalino dicesse che bisognava per cambiare la nostra Sicilia partire dalle scuole elementari
Io ho fatto per trentacinque anni il flusso una scuola media
E per ventisei anni l'ho fatto in una scuola di un quartiere popolare e lucido perché sarebbe ingeneroso per la cosa che sto per dire
Vede a proposito di fiction domanda
Fatta dagli operano alla quale però non abbiamo risposto io me li sono visti i miei alunni di seconda di prima seconda e terza media lindo validi una puntata del
Non è capo dei capi che al professore
Lei troppo poco undici gabbia troppo poco Rina o opere
Badi che stai parlando visto ieri sera io sono uno dei bei depotenziata risulta
Da una bruttissima ho visto la fiducia del Capo dedicate io sono il capo dei capi cammina c'è una dichiarazione camminano la foto di scena
Agendo esaltazione ma perché succede questo perché la scuola
Non è in grado di offrire modelli concordo con la
Dirigente
E di offrire modelli no è perché la nostra nella nostra società ormai le agenzie educative
Che erano istituzionalmente preposte a formare il cittadino la famiglia
La scuola
Permettetemi anche se non sono
Bloccato l'oratorio
Queste agenzie ormai hanno perso il primato perché la scuola si è ridotta per i problemi che ricordava la Presidente negli temporali addirittura varate negli anni Settanta c'è una grande battaglia per
Fare il tempo pieno nella scuola
In Italia lo hanno fatto in Sicilia alcune scuole provano a farlo tra l'altro diciamo bellissima scena dei bambini
Fatte all'interno del cortile della scuola manica larga dove io ho avuto la fortuna di insegnare per tre anni prima di avere la sede definitiva
Bene il tempo prolungato non si fa più perché non ci sono i soldi per mantenere i professori e il personale a fare il tempo prolungato nella scuola
Quindi quando si riduce il tempo scuola arrivo veramente solo Ruffini
E quando contro l'altra grande agenzia educativa che la televisione molto più di internet molti si preoccupano di internet ma io inviterei mentre internet e come dire ci devi andare de ricerca
La televisione non la deve cercare ricerca
E quindi tu sei passivo con la televisione bene la televisione ed è diventato
La principale a mio modo di vedere le cose Agenzia educativa di questo Paese allora interroghiamoci sui messaggi che passano veniva nulla salvo
Perché questo è il vero problema di controllo a scuola è stata depotenziata ridotta quasi al lumicino e chi
Civile con luoghi anche di responsabilità sa quanto delle penali
Allora io credo che la nostra società deve riconquistare il senso della civitas essere noi dobbiamo essere più cittadini che individui
Perché attraverso il nostro essere cittadini possiamo contesta non solo dire ma io sono pulito nonno rapporti ma anche denunziare
E guardate denunziare c'è una scena bellissimo visto niente non c'ero verso il cielo dormivo
Il classico dove lo storno bisogna avere il coraggio di denunciare e quindi devo dire che scrivendo di indagini spesso di quello che accade insomma ho notato che
Il Procuratore acque ci forse non lo può confermare che ultimamente accade più spesso che ci siano testimoni fronti a a parlare e purtroppo accade dunque alla vita purtroppo è successo questo omicidio però in altri casi c'è quanto passano
Un buon segno e poi la cosa più diffusa
Il dottor Frasca che è verissimo
Cioè qui bisogna rilanciare un'economia legale guardate l'economia mafiosa è illegale prova sempre ragione che fuori dalle regole allora anche dal punto di vista del capitalista cioè di colui che crede nel mercato
Se io intervengo in un mercato Ponte alle regole che sono oltre o fuori mercato per esempio l'acquisizione facili capitali intenzione di provenienza illegale io rovino tutti quelli che fanno gli investimenti rischiando accollandosi il rischio di impresa
Questo è un altro dei motivi per cui bisogna spiegare e un posto di lavoro paradossalmente che si crea con l'attività malavitosa Battle dieci e invece sono creati con il suo Governo affronta e con l'impegno dell'imprenditore
Allora se non si chiariscono questi concetti di fondo nonché gli Monica che la società deve far propri e quindi passati dall'essere individuo
All'essere un cittadino cioè colui che sta cento alla collettività alla quale richiede ovviamente un alto profilo morale ma questo è il compito delle famiglie
Quando ci sono della scuola reato odierne degli esempi che danno i tanti magistrati che sono le forze dell'ordine sono impegnati in questo grazie ad Alberto in maniera non
Cerca di fare qualche Floriani
Abbiamo qui dicevo prima la vicepresidente della Regione Siciliana Patrizia Valenti grazie Alberto
All'inizio del film Arturo raccontando la Palermo di quegli anni a un certo punto dice che la mafia influenzarla la vita
Di Palermo dei palermitani sono passati più di vent'anni trent'anni
LA dal rappresentante delle istituzioni perché all'epoca accadeva anche che gli stessi rappresentanti delle istituzioni quasi
Non ammettevano neanche la presenza di Cosa Nostra a Palermo oggi per fortuna non è così
Cosa è cambiato se è cambiato qualcosa in tutti questi anni lei da rappresentante appunto della Regione quindi vicepresidente
Della Regione Siciliana oggi come come si vive in questo questo problema è ancora così la mafia influenza ancora la vita dei dei siciliani dei palermitani
Ne devo dire che sarebbe bello dire no
Ma ci prenderemmo in giro
Ci prenderemmo in giro perché è vero che sicuramente eccetera una coscienza che si è sviluppata in questa città
Che ha avuto sicuramente un guizzo d'orgoglio nella respingere il fenomeno mafioso
Proprio credo nel momento in cui con le stragi del novantadue si sono susseguiti una serie di avvenimenti che hanno scosso io vorrei ricordare
Quei funerali in chiesa sanno meglio di me che si San Domenico dove furono tirate
Le le monetine Rubens cui risultato alla classe politica fu furono messi a suoli alle nessun fatto il cordone per la prima volta il Palermo si mobilita davvero scossone
Credo che da allora sicuramente qualcosa sia cambiato nel senso che c'è una maggiore coscienza
Antimafia hanno all'interno all'interno della nostra città però devo dire ancora che ancora c'è molto da fare
C'è molto da fare perché vedete io in qualità di vicepresidente Venturi Governo in qualità di Assessore alla Funzione Pubblica devo
Fare una precisazione noi abbiamo
Purtroppo un'attenzione particolare della mafia laddove ci sono i grossi capitali
E noi siamo una Regione che destinatarie di grossi finanziamenti da parte dell'Unione europea poi spesi bene spesi male altri altri sforzi
Ma non c'è dubbio che dall'inizio degli anni Novanta ad oggi sono arrivati i fiumi di denaro sulla nostra isola
Che al contrario di quello che era l'obiettivo fondamentale di questo finanziamento così massiccio le le politico di coesione cosa sarebbe dovuto succedere sarebbe dovuto succedere con questo fiume di denari
Noi avremmo cambiato la nostra situazione economica
E saremmo oggi magari delle una regione con un reddito pro capite superiore a quel famoso settantacinque per cento che ci porta a essere sempre tra le regioni più povere di Europa
In realtà cosa è successo è successo che nonostante tutto il sistema di controlli incrociati che c'è sull'utilizzo delle risorse comunitarie
Molto spesso gli stessi sono stati oggetto di attenzione mafiosa
Che hanno provo distolto quello che il raggiungimento dell'obiettivo finale cioè questo scatto bella dello sviluppo economico della nostra Regione
E quindi magari posteriore e si è visto grazie all'azione dei vantaggi strutturati e per esempio alcuni settori l'influenza mafiosa era stata tale da determinare né
Una un utilizzo
Sicuramente eccessivo rispetto alle nostre necessità
E chiaro dissolto magari da altri settori
Allora quello che la presenza del fenomeno mafioso laddove ci sono i i grandi finanziamenti
E l'intersecarsi con la pubblica amministrazione io credo che oggi
E qui sono felice che ci sia il dottor Agueci che sempre più i testimoni di come
In effetti sta anche cambiando con l'azione del vostro Governo
Il coraggio diciamo del da parte della nostra stessa Amministrazione di denunciare tante volte tante infiltrazione
Perché negli ultimi sì e due anni sono state numerose la denuncia presentata dal quattro
Stiamo dando tanto lavoro ma intende dire stiamo dando tanto lavoro perché magari c'è più coraggio non perché prima non ci fossero queste situazioni spesso quello che viene denunciato oggi
Nei vari settori un sistema che si è
Incancrenita negli anni
E a chi ha portato sia alla stessa dei finanziamenti comunitari ma non certamente per il fine per cui erano stati programmati
Ecco è un po'un circolo vizioso perché avere attivato queste risorse per le stesse senza aver generato sviluppo rendere i nostri giovani più indipendenti da quei posti di lavoro da qui dalla mafia
Piuttosto che dal lavoro legale per cui non si crea sviluppo non si crea sviluppo spesso volutamente
Perché così il le nostre generazioni
Si scoraggiano perdono di fiducia nei riguardi della delle istituzioni e si rivolgono magari ad altri ambienti alimentando quindi una cultura della non legalità pur di poter lavorare
Allora quello che stiamo cercando di fare ed è proprio quello di rompere questo filo questo circolo vizioso che con la complicità devo dire tante volte
Di tante persone che all'interno dell'Amministrazione si prestano volontariamente o o magari non esplicitamente ma semplicemente tacendo
Magari non sono
Bracci armati come si sul dire però si limitano a non dire si limitano avvenuta non denunciare
E io dico silenzio ricollego
E io dico che chi può essere pericoloso molto pericoloso perché chi sta con le braccia conserte per
Per non attirare l'attenzione sul disse io credo che faccia a volte molto più danno di chi sta nell'IBAN versa sul proprio conto corrente magari una certa cifra di
Il denaro destinato ad altri scopi grazie al Vicepresidente c'abbiamo quindi alla chiusura illuminarci nei tempi io volevo credo solo porre una domanda brevissima al dottor Oliveri
Si nel frattempo una una se c'è uno studente che vuole fare una domanda pregato ad avvicinarsi
Volevo chiedere col dottor Oliveri che insomma è un magistrato che non non ha mai avuto peli sulla lingua lei uno che dice le cose che che pensa negli ultimi giorni ci sono state delle polemiche
Sull'antimafia
Antimafia che più antimafioso dell'altro addirittura il giorno della come Morazzone di Latorre dal palco qualcuno ha detto no la politica in realtà non sul sulla mafia non lavora quanto tante tanto quanto le associazioni
Ma tutto questo parlare
Se polemizzare litigare all'interno dell'antimafia alla fine non lontana la gente dall'antimafia
Io non credo perché più ci parla di mafia
Ricerca millimetri per il potere diciamo normalizzare quello che l'ambiente ovviamente parlare un po'come diceva il dottor Agueci poc'anzi dice battere sempre sullo stesso tasto può anche ottenere sì l'effetto contrario io non sono io non sono molto d'accordo quando col dottor nemici perché
Come diceva la la preside pocanzi bisogna fare memoria di quello che il passato se io non faccio memoria del passato non posso trascinata non farlo con retorica tassa non farlo con retorica
Lei accennava poc'anzi ha ritenuto di Bianchi dottore mancano non poco tergiversato mi consente insomma sulla domanda io dico questo ogni cosa passa di moda e lei su questo siamo perfettamente d'accordo
Però ricordiamoci che
Idee le lenzuola bianche sono state sostituite da tanti movimenti cittadini abbiano Addiopizzo morì Palermo la tante altre direzioni che
Stanno veramente quindi Confindustria
Sanno veramente dando degli ottimi risultati
Allora vengo al discorso antimafia o mafia dico bene tutto sommato c'è sempre la divergenza di vedute su determinati argomenti però in fondo diciamo tutti le stesse cose
Perché dov'è uno solo sessanta appello è sempre quello di lottare contro la rivediamo insieme siano insieme perché l'unione fa la forza e a maggior ragione perché ci ci contrapponiamo ad una forza che allo stato non ci dà mi consenta
Il
Presti parlava di legalità e il vero quello che dice lei
Perché noi presentiamo noi stessi ma non basta che presenti agli stessi perché poi il ragazzo giovane si guarda intorno dice ma dove la legalità incominciando da noi quell'un processo civile che dura cinque anni dodici anni tredici anni
Che cosa presentiamo di premialità o
Anche
Che lo voglio dire tutto quello che noi vediamo in giro immondizia tante cose queste non sono immagini delle grandi per carità ma sono immagini carcere costi non li facciamo la nostra parte ognuno di noi potevamo fare idonei al sarà parte
Però ci sono le forze politiche che dovrebbero quindici come si suol dire fare la loro parte in maniera molto ma molto più spiccata grazie con questo invito
Ragazzi brevissimamente così ci avviamo alla alla chiusura eccomi tutti i sensi Betta che mi alzo
Eccomi qua dopodiché chiamano Gabriele in un senso dello
Questo
Del liceo indica sarà
Volevo partire con una considerazione la nostra scuola
Nando salutiamo il vice Presidente che se ne sta andando grazie Patrizia Valente Grazie buona continuazione grazie tutti grazie per essere stata qui
Dicendo la nostra scuola
Nella zona altamente mafiosa come punto
Vediamo un tal de'comunque del Monte Pellegrino
Nonostante questo il nostro professore italiano comunque storia riescono sempre a
Farci a darci di documenti dal della storia appunto legale lotta contro la mafia
Ma la mia domanda Specchia intanto alla domanda tutti voi per tutti c'è l'amore uno
Per chi vuole rispondere H inversione risponde
Come può un giovane
No dotare concretamente contro la mafia perché uno dei dubbi che cilene
Il sesso lamentati lo chiediamo i nostri professori ma ovviamente loro non possono risponderci
Adeguata quindi lo chiedo a voi relative verso dispersivo lecco annuisce alza la mano al dottore querce ecco qua
No no ma è una cosa
Antichità parto da lontano ma
Sensibilmente c'è stato in Italia il tentativo una settimana fa un personaggio diventati improvvisamente popolarissimo
Qui si chiama Gelli acaro niente tutti quanti sapete che
Che voglio dire se si pensa all'illegalità se si gira l'altra parte sia un personaggio del genere
Sapete tutti quello che ha fatto qualcosa per presentate
Questo signore assieme a un gruppo ridotto
Di
Siedi ultra del tifone come tema hanno cercato di bloccare esteri figure sulle uscite a condizionare un evento sportivo dandone pessime immagine per l'Italia contenuti
Riflettendo su una considerazione tutto ciò questi signori
Gentian però
Quelli che stavano con lui
Potreste dieci cento
Mille persone non di più hanno condizionato una cultura di trenta mila persone
Gli atti ventinove mila certamente non la pensavano e non volevano le cose che hanno voluto che ha avuto il gruppo di ultrà che aveva condizionato dei trasporti
Però non volevano vedersi la partita di farglielo squadre oggettivamente
Però tutti questi altri hanno fatto niente per opporsi per impedirlo pasta perché si fosse tutti quanti alzati e dei che e dire a quei signori state al vostro posto che fino a tutto non c'è bisogno di quello spettacolo
Triste indecorosa quindi assistito
E qui se permette che la risposta basta che da parte delle persone
Che mi è pervenuta mai corrette chiama perché hanno degli ideali delle condizioni che credono a una società giusta
Basta che si organizzano che suppongo ai violenti che sono sempre pochi sono in minoranza e prosperano della in per la
Debolezza delle indolenza
Farge Nicola con Lazio
Una risposta in tre parole come possono fare i giovani
Possono fare i giovani possono contribuire alla la lotta alla mafia
Avendo il senso del dovere rispettando lo Stato rispettando la legge rispettando le istituzioni e facendo il loro dovere
Semplicemente facendo questo il modo più semplice che possa esistere e quello di fare ogni giorno tutti quanti tutti continuano a produrre
Non basta niente di più questa
è una ricetta studiando anche tanto perché quelle fondamento verrà emanati è quello di studiare io di quegli edifici
Non ho mai autogoverno in questo periodo dato vita ad un quello di studiare una ricettazione veramente semplice semplicemente fare il nostro dovere tutti quanti l'ultima domanda chiediamo tu sei Gianluca
Io volevo chiedere un'ultima cosa ma può alla Commissione ma in particolare il signore che ha toccato un argomento che mi ha colpito molto bello che le istituzioni che oggi non
Non ci aiutano correttamente perché
Ci danno messaggi sbagliati come pesanti queste fiction il capo dei carpini
Bolo chiedere secondo lei cosa cosa bisogna fare per
Cambiare tutto questo si stanno
Domandavo né qua è competente in due parole
La domanda invece il problema secondo me è un problema centrale Lai detto bene
E il punto è quanto male quello che noi vediamo cioè che l'ente abbiamo mentre vediamo quella cosa allora torniamo al problema
La scuola e la preside la detto e io che vengo dalla scuola ma sono in pensione ma insomma
Che veniva da Scola so quanto a fatica fanno i professori gli insegnanti i dirigenti scolastici intanto a fornire un modello attraverso il proprio comportamento
Chissà quanti insegnanti agli tuo perché estivi perché si comportano da persone
E che hanno maturità non solo ma anche rispetto dite perché la prima regola rispettare l'altro se io non ti dispetto in quanto allievo tu hai già un modello sbagliato e poi la capacità di critica il possibile domande
Il nonno assorbire
Come se fosse
E quello l'unica possibilità e il ma perché ecco come fanno scusami seniores i bambini piccoli la prima cosa che va perché a qualunque
Cosa è comunque
Fenomeno assistono sito
Bisogna avere una capacità critica in questo la scuola può fare molto
E poi dovete essere lo strumento persi misurare quanto la scuola sia importante
Più di questo non ti so dire è e poi ricordarsi sempre che non basta essere individuo senese cittadini cioè fare i conti con una collettività che è quella il per compagni della sua famiglia delle persone che vivono lettura stessa esperienza
Grazie a RAI perché mancano grazie anche
Allo stesso tempo a questo punto possiamo chiudere ringrazio tutti i dati Matteo Frasca Leonarda quei centrali veri Alberto mancano all'ala presi declini naturalmente il presente l'ordine degli avvocati Francesco Greco grazie a tutti