20MAG2014
manifestazioni

Incontro pubblico con il Ministro per le Riforme e rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi

MANIFESTAZIONE | Palermo - 19:15. Durata: 35 min 36 sec

Player
Registrazione audio della manifestazione "Incontro pubblico con il Ministro per le Riforme e rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi", registrato a Palermo martedì 20 maggio 2014 alle 19:15.

L'evento è stato organizzato da Partito Democratico.

Sono intervenuti: Carmelo Miceli (segretario provinciale di Palermo, Partito Democratico), Maria Elena Boschi (ministro per le Riforme e i rapporti con il Parlamento, Partito Democratico), Emanuele Lauria (giornalista).

Tra gli argomenti discussi: Boschi, Corruzione, Costituzione, Elezioni, Esposizione Universale, Europee 2014, Governo, Grillo,
Istituzioni, Ministeri, Movimento 5 Stelle, Parlamento, Partiti, Partito Democratico, Politica, Renzi, Riforme, Senato, Welfare.

La registrazione audio di questa manifestazione dura 35 minuti.

leggi tutto

riduci

19:15

Organizzatori

Partito Democratico

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buonasera a tutti
Grazie per alla presenza
Accomodatevi accomodatevi pure
Dicevamo grazie per la vostra presenza
Vi chiediamo perdono se vi abbiamo avvisato con in tempi ristrettissimi Emma gli impegni del ministro anzi ci hanno consentito questa
Breve visita di questo le siamo le siamo grati
La la visita del ministro per noi un
Momento davvero importante
Il ministro boschi rappresenta a mio avviso
La più bella rappresentazione di ciò che è stato il cambiamento imposto dalla rivoluzione
Renzi
Un ministro giovanissimo e un ottimo professionista avvocato
Un ministro che è per la prima volta e donna ricopre per la prima volta da donna
Un ruolo fondamentale soprattutto per il futuro o del Paese quelle delle riforme costituzionale ed anche il rapporto Parlamento infatti sono
Delle deleghe e sulle quali la
Il Governo Renzi ripone massima fiducia
Ed oltre ad essere la rappresentazione di questo bellissimo cambiamento oggi per noi nella rappresentazione di quanto sia importante
Per
Il Progetto o di Matteo Renzi e del Governo nazionale di riforma sia importante la Sicilia
Qualcuno dubitava del fatto che
Possibilmente
Il nostro Presidente del Consiglio avrebbe messo piede in Sicilia da questo qualcuno è stato smentito al fatto che in Sicilia è arrivato il Presidente del Consiglio arrivano oggi i suoi Ministri arriveranno anche domani
Questo deve essere un segnale
Deve essere un segnale a tutti per lasciare comprendere quanto sia fondamentale anche la Sicilia per il progetto di rivoluzione della nostra terra è non va a sottovalutato
E il voto delle europee perché è come è già stato detto in piazza dalla Matteo Renzi un momento in cui vi sarà un vero e proprio referendum
Ed è un referendum che però deve essere chiaro a tutti vede da un lato
La la
La una politica semplice e facile
Quella della antipolitica quello di essere contro qualcuno la politica di chi abita la politica di chi
Insulta e di chi come è stato dimostrato nei fatti si è sottratto al confronto e si è sottratto soprattutto in determinati momenti storici che sono nella memoria di tutti alla possibilità di dare un contributo concreto
A do una nazione che era in serissima difficoltà
Dall'altro lato viene o una invece politica che
A dalla sua soltanto la voglia di continuare a credere nella possibilità di cambiare verso all'Italia e all'Europa e per questo che chiediamo a tutti voi di finita questa questa manifestazione
Di assumere l'impegno di approvare a conquistare anche ciascuno di voi un nuovo volto
Questo ci consentirà domani di rendere possibile l'obiettivo di fare de anche la Sicilia anche della Sicilia una terra di cambiamento
Io del ringrazio per la brevissima te per l'attenzione per questo brevissimo intervento
E do immediatamente la parola a Michele Lauria che e moratoria pardon che darà che condurrà le domande che saranno fatte al Ministro boschi grazie grazie ministro
Grazie grazie si mica lavori era un esponente di Governo della Prima Repubblica ma è qui cerchiamo di parlare di nuova di nuova politica allora intatta compiacere che accogliamo
Il ministro posti qua Palermo e per altro uno una la prima degli esponenti di Governo che in questa settimana saranno qua in Sicilia a Palermo in particolare anche a riprova diciamo dell'attenzione del Governo nazionale vuole dare
Per la Sicilia dove forse si gioca una parte importante ecco di questa partita che più si avvicina il venticinque maggio è
Più sembra una sfida diciamo fra il presidente Renzi
Ed è per Grillo il Movimento cinque Stelle Maio non partirei diciamo da temi politici ma più datemi come dire che riguardavano l'Europa somma se
Se è possibile nel senso che siamo
In una terra che ha è noto gravissime difficoltà anche a livelli disoccupazione giovanili altissima insomma livello del cinquanta per cento i giovani fuggono via loro previsto un po'come una
Realtà distante quasi estranee forse
Questi temi sono stati poco toccati in questa campagna elettorale forse questa può essere anche l'occasione per cominciare ODIHR per dire insomma cosa può
Dare l'Europa alla Sicilia Mezzogiorno al sud al sud in genere di non fermarci a un discorso magari sui numeri che non sono sul podio Ruffano spesso fine a se stesse insomma anche sulle opportunità visto possiamo cominciare da qui
Buonasera a tutti intanto
E con molto piacere metto piede in Sicilia perché diceva prima il
Che che si accusava il governo del Presidente del Consiglio di di non venire volentieri in Sicilia invece fortunatamente lo smentiremmo queste queste contestazioni durante tutta la settimana perché con grande gioia e con grande piacere invece che che veniamo in Sicilia che vengo in Sicilia
Perché
L'Europa cosa può fare l'Europa per noi l'Europa per noi non soltanto per la Sicilia per l'Italia può fare chiaramente tanto ma possiamo fare anche noi molto per l'Europa
Forse dobbiamo proprio anche cambiare l'impostazione
Spesso noi ci chiediamo e guardiamo all'Europa un po'con con timore con con titubanza per quelli che sono ivi con gli le imposizioni soprattutto di carattere economico chiaramente i famosi parametri il tre per cento che ci impone l'Europa
E poche volte ci chiediamo invece come l'Italia possa incidere in misura maggiore in Europa essere protagoniste Europa perché questa Europa ci assomigli di più riesca anche a rispondere ad esigenze i bisogni del nostro Paese
Sicuramente io uno dei temi è quello dei fondi europei
Che arrivano in Italia e che poi purtroppo in Italia non siamo molto bravi a sfruttare a spendere anzi spesso non riusciamo nemmeno a spenderli integralmente e perdiamo anche competitività rispetto ad altri nostri
Compagni diciamo così europei e altre nazioni europee che invece sono state in grado in questi anni di sfruttare appieno queste potenzialità
Ieri il Presidente del Consiglio ha incontrato il Presidente polacco
In Polonia riescono ad utilizzare oltre il novantasette per cento dei fondi europei e grazie a questi fondi per esempio hanno trasformato radicalmente la loro agricoltura e sono stati in grado di puntare sull'agricoltura come elemento di sviluppo economico e sono diventati in pochi anni
Per esempio i principali produttori al mondo di Mele
In Polonia ecco noi purtroppo in Italia non siamo altrettanto bravi quindi abbiamo percentuali molto più basse di sfruttamento di questi fondi che invece potremo utilizzare
Per dare vita ai nostri progetti perché sicuramente da noi non mancano le idee non mancano i progetti non mancano nemmeno tante persone che hanno molte risorse che hanno proposte pronte
E spesso poi si sentono dire no perché non ci sono i fondi perché non riusciamo ad avere
Le risorse economiche per poterli realizzare realtà ci sarebbero queste risorse spesso vengono dall'Europa sta a noi essere sufficientemente bravi poi da metterle
In atto in pratica l'attuazione nei prossimi anni abbiamo centottantatré miliardi di euro da spendere
Compresi quelli che non abbiamo speso negli anni precedenti che arrivano dall'Europa su quello chiaramente dobbiamo fare un investimento diverso dobbiamo essere in grado sia a livello locale e quindi anche a livello regionale di sfruttare appieno
All'Europa anche altro l'ho detto non sono soltanto soldi non sono soltanto fondi non è soltanto quello che noi possiamo tenere in termini economici dall'Europa ma quei lo che ne possiamo chiedere per rendere più competitive per esempio le nostre imprese e quindi a vere anche la creazione di occasioni di lavoro in più nel nostro Paese
Per fare questo dobbiamo rivendicare per esempio un mercato comune dell'energia
Perché i costi differenti dell'energia all'interno dell'Europa creano
Una penalizzazione per le nostre imprese il trenta per cento dei costi dell'energia in più in Italia rispetto alla Germania rende le nostre imprese meno competitive non a caso siamo il secondo Paese non il primo
In Europa per il manifatturiero
Ma soprattutto per me dovremmo ripartire dalla tutela delle nostre eccellenze purtroppo non siamo in grado di tutelare i nostri prodotti made in Italy
E
Tutti quei prodotti su cui viene riconosciuto universalmente una capacità un'eccellenza dell'Italia che poi però non viene tutelata a livello europeo quindi a chi
Votiamo chi voteremo per andare in Europa che chiederemo di rappresentarci in Europa dobbiamo anche chiedere poi
Di essere competenti preparati soprattutto di stare in Europa davvero di lavorare tutti i giorni in Europa per portare avanti le nostre proposte nostri temi
Ecco grazie c'è un problema sicuramente di
Autorevolezza della presenza italiana in Europa c'è anche però con un come accennava un problema di capacità di spesa che deriva molto spesso da conflitti anche istituzionali o da uno mancato coordinamento fra Governo nazionale e Governo regionale ecco ci si chiede questo come è possibile che si è giunti a questa situazione tuo sommato davvero di di Cristina l'utilizzo di di questi fondi magari pur avendo come nel caso attuale in Sicilia insomma una un Presidente Regione un Presidente del Consiglio lo stesso colore politico cioè che tipo di difficoltà si incontro se uno legge qual è stata la causa di uno di questi ritardi
Allora intanto c'è un elemento che vale per i fondi europei che vale penso per la maggior parte dei dei temi che è quello della eccessiva burocrazia
C'è una duplicazione comunque nella documentazione nella nei vari percorsi di autorizzazioni che vale anche per i fondi
Che purtroppo spesso ha creato dei ritardi e sono dei ritardi che vanno a colpire direttamente i cittadini quando provano ad avvicinarsi alla pubblica amministrazione si rendono conto che per ottenere un certificato devono chiedere un giorno di ferie
O perché ha un'impresa per ottenere un'autorizzazione deve fare la processione fra cinque uffici diversi che potrebbero tranquillamente parlare tra di loro comunicarsi documenti dati tra di loro senza dover far perdere preziose ore di lavoro ai cittadini
E chiaramente questo poi riguarda anche l'utilizzo dei fondi europei su questo il Governo si è impegnato con rappresentando la riforma della pubblica amministrazione che poi diventerà un provvedimento normativo a inizio giugno
Per un'opera di semplificazione del Paese ovviamente ci sono delle misure che sono già in vigore il tetto dei duecentoquaranta mila euro per i beni Ager pubblici
Ma quello soltanto un primo passo un segnale forte importante di una volontà di cambiamento profondo ma poi occorre incidere nelle procedure nella semplificazione per poter finalmente liberare il Paese consentirà anche a chi fa impresa in questo Paese di potere
Davvero mettere in campo tutte le proprie energie quindi il primo elemento sicuramente quello della burocrazia e lo faremo nei prossimi prossimi mesi con una riforma profonda e soprattutto con un grande investimento sulla digitalizzazione
E la semplificazione anche però nell'ambito della digitalizzazione perché oggi abbiamo una quantità incredibile di banche dati tra enti locali è stato
Si parla di centinaia quando in Inghilterra sono quattro
Che ovviamente riescono a comunicare tra di loro e quindi riescono poi anche a dare risposte cittadini in modo molto più semplice molto più rapido questo sicuramente il primo elemento
Dall'altro poi ci vogliono come sempre persone competenti persone preparate che siano in grado poi di sfruttare al meglio queste risorse
Non soltanto nella spesa ma poi anche nella rendicontazione successiva perché altrimenti li si blocca si interrompe il percorso
Il Governo Renzi avviato un percorso di di riforma suona il ministro tra l'altro
Che a queste che queste competenze in Sicilia ci si interroga oggi più che mai sulla senso sul significato diciamo e sul coglie sul valore dell'autonomia speciale quattro mia che qui è stata diciamolo chiaramente spesso quindi uno strumento di privilegio insomma o comunque uno scudo per difendere antichi privilegi antichi e guarentigie
Stipendi anche le Battistini adesso basta pensare l'Assemblea regionale non ci sono dirigenti guadagnano mezzo milione di euro l'anno insomma siamo a questi livelli ora c'è un dibattito aperto sulla specialità che sugli Statuti speciali
Dal vostro punto di vista e
è stata sbagliata fino adesso l'uso che si è fatto dalla politica quindi stata sbagliata la politica in Sicilia oppure devono proprio essere cancellate gli statuti speciali
Nella notte proposta che ha è che abbiamo presentato come Governo di riforma costituzionale non viene eliminata la specialità perché riteniamo che abbia comunque anche delle ragioni storiche in alcuni casi dovuti anche la vicinanza con altri Paesi in zone di confine
Diverso dalla Sicilia ovviamente quello che abbiamo chiesto già con questa riforma è che poi le Regioni a Statuto speciale si adeguino adeguino i loro statuti
E che la riforma che stiamo proponendo non si fermi Reggio Calabria questa è una riforma che deve riguardare tutto il Paese quindi anche le regioni a statuto speciale
E soprattutto tutta la nostra
Attività anche se volete rivoluzionaria per certi versi di riduzione dei costi della politica quest'opera di dimagrimento sugli stipendi dei manager di riduzione del numero dei parlamentari
Di snellimento delle procedure
Di eliminazione di alcuni privilegi per esempio abbiamo già previsto con con l'ultimo decreto legge che nessun ministero possa avere più di cinque auto blu di servizio
Piccoli segnali chiaramente ma che finora non sono stati fatti che quindi rappresentano una svolta epocale rispetto a prima
Non possono fermarsi in Calabria io mi auguro che anche in Sicilia ci sia la volontà politica e il coraggio di portare lo stesso tipo di riforme anche qui rinunciando a un
Se tu della propria specialità perché la specialità può funzionare per alcune cose se ci sono delle misure di buon senso a mio avviso giuste che riguardano tutto il Paese penso che la sui la Sicilia debba essere io orgogliosa di scegliere di applicare anche qui
Anche perché
Questo tema della lotta agli sprechi veniamo in campo più politico attuale poi rischia come dire in qualche modo può esservi rischia diventare materia diciamo di competenza di politica da parte di cinque stelle faccia in qualche modo parlo poco ballo possono scippare questo tipo di di filiera o di politica ecco
è su questo perché stanno facendo la campagna elettorale anche in questi giorni ma in realtà non ci si para niente perché questo è un tema che è sempre stato del Partito democratico che è sempre stato comunque legato
Alla al Progetto di Matteo Renzi fin dall'inizio quindi non non stiamo in qualche modo andando nel campo del Movimento cinque Stelle ma stiamo semplicemente portando avanti un progetto un programma che è sempre stato
Così per noi una priorità fin dall'inizio
Dopodiché c'è una differenza c'è chi fa delle promesse elettorali degli spot elettorali promettendo a volte anche delle cose il re Agli disabili quindi senza serietà essenza rispetto anche nei confronti dei cittadini i quali si chiede un voto sulla base di un programma che però deve essere serio e realizzabile
E c'è chi invece governando il Paese queste misure le ha già fatte le ha già concretizzate e non sono impegni non sono annunci non sono promesse ma sono realtà vere per cui per esempio approvando in Parlamento la legge che abolisce le Province
Che è stata fortemente osteggiata dal Movimento cinque Stelle che ha fatto ostruzionismo che ha cercato in tutti i modi di bloccare in Parlamento questa riforma
Noi la prossima domenica avremo una schede in meno nella cabina elettorale non voteremo per il rinnovo delle Province e domenica prossima risparmieremmo cento milioni di Euro semplicemente non rinnovando i Consigli provinciali
E questo l'ha fatto questo Governo l'ha fatto il Partito Democratico
Questi sono fatti
Sono fatti concreti
è ovvio che mettendo il tetto agli stipendi dei manager ed è un fatto perché già in vigore si risparmiano dei costi ma soprattutto si dà un segnale al Paese si dà un esempio perché io mi auguro che quello sia un esempio che poi seguiranno anche le imprese private
Perché c'è bisogno di rimettere un po'di equità e anche un po'di sobrietà nei nostri costumi non soltanto nel pubblico ma cominciando dal pubblico io sono sempre più convinta che se chiediamo comunque
Ai cittadini di dover fare degli sforzi in un momento di di difficoltà e lo fanno danni purtroppo sia i cittadini che le imprese perché la crisi ancora non è superata
Non possiamo noi come classe politica a prenderci il lusso invece di rinviare di dire che per noi possiamo aspettare
Che ci sarà tempo la prossima volta tra sei mesi tra un anno dobbiamo cominciare da noi per questi primi provvedimenti di questo Governo hanno riguardato le riforme costituzionali e quindi la riduzione del numero dei parlamentari e il risparmio anche che da questo
Deriva ha riguardato il taglio delle Province ha riguardato le auto blu ha riguardato il tetto dei mendace ovviamente questi sono primi segnali dopodiché
Naturalmente la preoccupazione principale il tema fondamentale per il Paese resta quello dell'occupazione lo sappiamo benissimo in particolar modo dell'occupazione giovanile e e non vi dico niente di nuovo purtroppo
Ed è ovvio che lì sta all'impegno del Governo innanzitutto con la garanzia giovani
Che prevede per il prossimo anno e mezzo un miliardo e mezzo di euro per i giovani novecento mila ragazzi tra i quindici e ventinove anni potranno se faranno richiesta nel portale usufruire di queste misure fare un'esperienza lavorativa un'esperienza formativa
Abbiamo
Trasformato in legge un provvedimento che riforma sia il contratto di apprendistato che il contratto di lavoro a tempo determinato e che crea ha già creato nuovi posti di lavoro perché per fortuna anche se ancora
Troppo poco anche se in misura marginali il numero degli occupati è aumentato
E in quella legge nel decreto-legge Poletti era convertito c'è una misura che riguarda la ricerca
Che ha consentito ad Electrolux di non chiudere e di mantenere centoventi mila posti di lavoro in Italia di elettro box quindi le cose si possono fare
Ovviamente ci vuole la determinazione e ci vuole anche una certa velocità perché io credo che i cittadini a noi chiedano uno di rispettare gli impegni che ci prendiamo due di farlo però anche velocemente
Lei periodo Beppe Grillo ieri sera da Vespa
Non l'ho visto devo essere sincera non l'ho visto
Perché ero in piazza a Napoli ieri sera sia stata una bella iniziativa del Partito Democratico con Renzi in piazza a Napoli
E ed è stato più bello stare con la gente stare con le persone in mezzo in mezzo ad una piazza festante ho letto oggi un po'i commenti sui giornali ho visto qualche pezzetto in televisione oggi nei vari TG
L'ho già detto mi sembra che che Grillo in realtà ormai sia diventato
Come quei politici che prima lui criticava perché se sceglie di andare a Porta a Porta e quindi nel salotto buono della politica italiana anziché stare in piazza
E non so se avete visto come si sono salutati ho visto le foto finale si sono dati cinque proprio come come vecchi amici perché la prima trasmissione loro hanno fatto insieme mondi avevo un anno e mezzo Quinza ma si conoscono bene ecco
Se decide che comincia a parlare il politichese perché ieri sera comunque ha cominciato a parlare qui il politichese che tanto critica invece che parlare in modo semplice chiaro diretto i cittadini
Beppe Grillo che un po'diverso da quello che che siamo abituati a conoscere
A me non piace Beppe Grillo che ha contro l'Italia
Perché continua mentre vediamo un bel per Grillo che contro Renzi che contro il Partito Democratico che contro Berlusconi ma in definitiva è contro l'Italia c'è chi fa il tifo perché le cose vadano male
In modo da poterle rendere ancora peggiori distruggendo tutto
Noi diciamo invece che facciamo il tifo per l'Italia noi stiamo lavorando e lavoreremo in questi ultimi giorni di campagna elettorale insieme a tanta gente che con noi sta nelle piazze stanno i mercati sta fuori dalle scuole
Perché non invece l'Italia lì la vogliamo ancora più bella vogliamo costruire una speranza per il futuro dei nostri figli per cambiare l'Italia vogliamo bene e sinceramente vogliamo andare anche in Europa orgogliosi del Paese che rappresentiamo
E non andare a distruggere tutto in Europa dicendo che tanto in Italia tutto va male niente funziona secondo me dobbiamo anche ritrovare un po'l'orgoglio delle cose che siamo riusciti a fare
Anche
In questi ultimi tre mesi
E l'orgoglio del Paese che rappresentiamo con i suoi limiti quelle cose da migliorare da cambiare ma comunque convinti che portiamo un Paese che è tra i fondatori dell'Europa e che è una locomotiva per l'Europa non un peso
Io non so cosa dicono i sondaggi peraltro
Non possiamo anche pubblicati questo voi qui per fortuna così tutti siamo costretti a favore per la campagna elettorale in questi ultimi giorni come se fosse il primo perfetto me
Gli organici nei sondaggi però mi faccia raccontare una sensazione che però ha già confermato anche dalla sua presenza qui dalla presenza di un di alcuni suoi colleghi e saranno quindi prossimi giorni
L'impressione che poi la partita alla fine si possa giocare davvero assurdo dove
Cinquestelle
Nelle ultime elezioni perlomeno ha raccolto una messe di voti probabilmente come reazione alla cattiva politica che c'è stata nel Mezzogiorno
E a sud con è d'accordo su questo senza se non c'è soltanto profilo comunque la Sicilia per carità parlo del sud di genere può avere un ruolo decisivo in queste elezioni
Sicilia può avere un ruolo decisivo perché sicuramente sappiamo che qui la battaglia è molto accesa molto infuocata chiaramente in termini elettorali con con il Movimento cinque Stelle
Io credo però che ci siamo di fronte ad una scelta non siamo in Sicilia come nel resto d'Italia forse qui ancora di più
Tra chi
Come noi sostiene che si possa avere un Paese migliore che ci siamo bisogno di riforme vere radicali e porta avanti un progetto di di cambiamento
Che poi anche nei nostri volti in una classe dirigente nuova in un modo anche diverso di fare politica però convinti che ci debba essere un'idea un programma delle proposte
Che stiamo presentando e soprattutto che stiamo realizzando in questi tre mesi e chi invece
Da in qualche modo la priorità semplicemente alla rabbia allo sfogo di un di un malcontento di una delusione senza però poi essere in grado di costruire nulla
Io le pezzetti che ho visto ieri sera di Grillo in parte anche nell'intervista di Casaleggio
Mi pare che abbiano già i nomi della possibile squadra di Governo si è mai un giorno dovessero andare loro al Governo ma non ci hanno detto una idea o una di cosa vogliono fare se saranno loro al Governo
E mi pare che anche ieri sera quando Grillo veniva incalzato gli veniva chiesto sì ho capito ma voi cosa proponete cosa andate a fare cosa farete quando sarete al Governo in realtà non è stato in grado di rispondere io credo che poi i cittadini
Possano lanciare un grido d'allarme il voto Acri a Grillo è un grido d'allarme anche da parte dei cittadini è il segno sicuramente di un malcontento per errori che sono stati fatti in passato anche dalla classe politica dall'apparato burocratico
Però quando finisce l'urlo
Tutto resta come prima
E io credo che molti cittadini abbiano capito molte persone abbiano capito che in realtà poi c'è bisogno di qualcosa di più e che quindi alla fine sceglieranno chi è in grado poi di offrire delle soluzioni e non soltanto delle proteste
Io le ho fatto la premessa è la promessa che non lo trascinano in questioni localistica diciamo però
Un cenno su quello che sta succedendo anche nel suo partito
Sicilia avrà sicuramente letto l'hanno raccontato insomma due l'una di uno scontro abbastanza duro Satta presidente della Regione un'ala del part do su temi che teoricamente dovrebbero unire come quelli come quelli dell'antimafia ecco non si rischia davvero di fare un regalo a dirlo a Berlusconi in questo momento
Purtroppo sì e devo dire che il Partito Democratico anche in passato ha dato grande capacità di sapersi fare del male da solo in certi momenti perché spesso le lotte interne tra le varie parti del partito
Poiché sanno ci hanno bloccato e comunque
Ci hanno fatto del male
Allora io credo che che si debba imparare dagli errori del passato e non ripeterli
Noi abbiamo un obiettivo che è quello di essere il primo partito in Italia domenica prossima di esserlo sia nel risultato per le europee sia nei Comuni perché ne abbiamo quasi quattro mila comuni al voto domenica
E io vorrei che la maggior parte di questi Comuni fossero poi amministrati dai sindaci del Partito Democratico quindi abbiamo una sfida importante che ci aspetta domenica e dobbiamo marciare compatti uniti
Essere davvero il più grande partito quali siamo tutti insieme
Quindi io mi auguro che queste divisioni che ci sono qua un
Nella in questa Regione possano essere davvero superate
E si possa lavorare tutti insieme per un obiettivo più grande che è quello di dare una speranza un futuro diverso a questa terra e Alitalia e ci può riuscire soltanto il Partito Democratico quindi non possiamo permetterci fallimenti
Grazie torniamo ai temi del lavoro proprio
Volevo un po'capire sapere da lei se dopo il provvedimento gli ottanta euro somma di più in in busta paga che premendo sicuramente importante ma certamente sufficiente specialmente in zone come quelle del sud ecco quali altri strumenti sono si possano mettere in campo perché magari anche appunto strizzando le risorse europee perché insomma si possa davvero invertire in qualche modo il trend negativo la
La ripresina sta cominciando dal resto del Paese ma il sud mi pare che ancora davvero indietro
Io mi rendo conto che il provvedimento degli ottanta euro
Non ci sia la soluzione
Chiaramente non ha la pretesa di esserlo però non sottovaluterei l'importanza di questi ottanta euro non li considererei con una cosa così derubricare e sono certo non le finora così no soprattutto perché io credo che che non sia così appunto parlando con le persone faccio un esempio semplicissimo ho parlato con con un poliziotto di recente che
Devono stipendi inferiori mille cinquecento euro e netto guardate l'ultimo adeguamento del nostro stipendio è stato nel due mila otto
Dal due mila otto gli stipendi dei poliziotti non sono stati più toccati ed allora l'adeguamento fu di quattordici euro
Noi in un'unica soluzione a tutte le categorie che guadagnano meno di mille cinquecento euro abbiamo dato mille euro in più all'anno mille euro in più all'anno pulite senza tasse significa tanto per le famiglie
E significa tanto perché vuol dire incidere sul cuneo fiscale vuol dire ridurre le tasse sul lavoro non è uno spot elettorale elettorale non è una misura assistenziale ma è una politica sul lavoro precisa vuol dire abbassare le tasse sul lavoro
Dopodiché questi mille euro servono anche probabilmente
Per far riprendere i consumi perché probabilmente
Alcune famiglie che utilizzeranno per pagare le bollette o per affrontare meglio la spesa di fine mese ma magari qualcuno li utilizzerà per uscire una sera in più a cena fuori o per comprarsi un paio di scarpe in più quindi agli atti riprendono comunque anche i consumi probabilmente con questa misura dopodiché
Non è la soluzione al tema dell'occupazione ovviamente
Però abbiamo messo in campo altre misure che servono al semplificare l'accesso al lavoro e quindi a cercare di semplificare anche la creazione di nuovi posti di lavoro sia con i contratti a termine
In un momento in cui purtroppo di lavoro ce n'è poco significa dare a qualche persona in più la possibilità di giocarsela
E obiettivamente chi poi assume e investe sia nella formazione sia nella preparazione di una persona se quella persona in gamba è valida
Difficilmente ci rinuncerà dopo a meno che ovviamente non abbia le condizioni economiche per pagarli ma si spera nella ripresa quindi se c'è un investimento sulla persona poi quella persona
Se la gioca
C'è comunque una provvedimento più ampio che già in discussione al Senato che riguarderà la riforma dei contratti a tempo indeterminato l'estensione della maternità e soprattutto tutto il tema del riordino degli ammortizzatori sociali perché pur
Quindi sul lavoro non ce la
Dopodiché dobbiamo ripartire avendo fiducia nel nostro Paese
E quindi andando ad incidere di nuovo sulle tasse come abbiamo già fatto perché ridurre del dieci per cento lire APPA alle imprese significa ridurre i costi alle imprese quindi dare una mano all'impresa e poi a lavorare meglio a creare dei posti di lavoro
Perché presenteremo nei prossimi giorni dei provvedimenti che andranno ad incidere sui costi dell'energia quindi riducendo il costo dell'energia favorendo nuovamente le imprese
E la creazione di posti di lavoro
Ma soprattutto la vera rivoluzione passa dalla semplificazione della burocrazia perché io credo che parlando con chiunque
Il primo tema la prima il per la prima priorità per cercare poi di fare meglio impresa di creare posti di lavoro e quello della semplificazione burocratica per questo abbiamo investito tanto su questo tema che è centrale
E che a giugno dopo questa fase di consultazione diventerà un un provvedimento
Però ci sono segnali di ripresa per il nostro Paese perché sono
Aumentati gli investimenti esteri in Italia perché sono aumentati i mutui le famiglie adesso negli ultimi tre mesi
Hanno ricominciato ad avere un progetto per il futuro ad avere una speranza per il futuro e quindi anche di impegnarsi a lungo termine ha ripreso il turismo
è aumentato il numero degli occupati quindi ci sono dei segnali incoraggianti ancora deboli ancora cioè da incidere da lavorare tanto di più
Però c'è una ripresa c'è una speranza diversa e questo secondo me è il primo segnali importanti di un cambiamento vero che non è solo per la classe politica ma è per le famiglie è per le imprese è per tutto il Paese
Senta abbiamo parlato di Renzi parliamo anche ritardi Renzi di Grillo parlo anche un po'di Berlusconi a questo punto il terzo morire il terzo protagonista di questo in questo momento pre-elettorale
Avete stretto un patto con Berlusconi che è costato anche uno certo una certa dose di polemiche insomma e che dovrebbero portare al compimento alcune riforme importanti
Tra costoro e prendere dopo le elezioni al comma il timore che proprio questo momento elettorale quindi che l'esito delle elezioni potrebbe anche essere non buono per Berlusconi perbene Curiel configurare diversi scenari il timore che questo
Questa intesa possa venire meno ce l'avete in questo momento
Finora Forza Italia ha sempre mantenuto gli impegni che ha preso con il Partito Democratico e quegli altri partiti della maggioranza sia sulla legge elettorale sia sulle riforme costituzionali
In tutti gli appuntamenti che che ci sono stati approvando la legge elettorale alla Camera e approvando e e andando avanti nel percorso delle riforme al Senato
In questa fase elettorale su richiesta proprio delle delle opposizioni degli altri partiti c'è stata una pausa sul tema delle riforme proprio perché volevamo evitare di correre il rischio che potesse essere considerato un
Una bandierina elettorale e quindi riprenderemo subito dopo il voto però in modo determinato il sulle sulle riforme
Vediamo quello che succede domenica io sono convinta però che se il Partito Democratico avrà un grande risultato domenica avremo ancora più forza per portare avanti il processo delle riforme
Io sono convinta che Forza Italia non si sfilerà dall'accordo
Se si dovesse sfilare la maggioranza i numeri comunque per andare avanti sul terreno delle riforme quindi andremo avanti comunque perché è un impegno che abbiamo preso verso i cittadini perché trent'anni che se lo sentono dire ed hanno diritto finalmente
Ad a vere una risposta
Quindi ci sono tutte le condizioni tutta la volontà di andare avanti comunque
Matteo Renzi giusto sette giorni fa qui in piazza Castelnuovo a Palermo insomma ho detto chiaramente che dovrebbe ripetuto anche in altre piazze che sarà alla fine un referendum fra
Fra la vostra idea d'Italia e l'idea l'Italia che ha Grillo Grillo che si era detto ah se vinciamo noi il giorno dopo siamo siamo al Quirinale e chiediamo noi non lo so di sciogliere le Camere di mandarli a casa di bruciarli arrogo non o non ho non ho capito
Ecco e invece se vincete voi quando ritorsione fisica faresti nei confronti dei Cinque Stelle
Assolutamente nessuna
Noi non non facciamo una campagna elettorale contro qualcuno non ti chiamo contro qualcuno noi facciamo il tifo per il Partito Democratico lavoriamo per il nostro partito perché lavoriamo per l'Italia facciamo il tifo per l'Italia
Quindi non ci sarà nessuna ritorsione ma continueremo come prima anzi con ancora più convinzione a lavorare per tutti nell'interesse di tutti i cittadini a prescindere da Chiara hanno votato il venticinque di dicembre
Quindi noi continueremo con il sorriso determinati a portare avanti il nostro progetto io mi auguro sostenuti
Da tanti voti e quindi da tante persone che domenica anziché rimanere a casa davanti alla televisione e lasciarsi convincere
Dalle sirene di quelli che dicono che il voto per l'Europa è un voto inutile che tanto l'Europa è lontana da noi che tanto non cambia niente
In realtà spendano la televisione vadano a votare perché in ballo se il loro futuro e quello dei loro figli e né lo vogliamo costruire insieme a loro
Grazie grazie al Ministro
Poste grazie a voi che ci avete ascoltato l'abbiamo chiusa e siamo in imperfetto rare grazie ancora per il contributo che ci ha dato grazie a tutti arrivederci e
Mi raccomando domenica prossima