22MAG2014
dibattiti

Presentazione del libro di Andrea Maori Giorgiana Masi e la primavera di piombo. Cronache inedite sugli incidenti del mese di maggio 1977

DIBATTITO | Roma - 14:58. Durata: 1 ora 16 min

Player
Presentazione del libro di Andrea Maori (Ed.

Youcanprint).

Registrazione audio del dibattito dal titolo "Presentazione del libro di Andrea Maori Giorgiana Masi e la primavera di piombo. Cronache inedite sugli incidenti del mese di maggio 1977", registrato a Roma giovedì 22 maggio 2014 alle 14:58.

Dibattito organizzato da Liceo Scientifico Statale Louis Pasteur di Roma.

Sono intervenuti: Daniela Scocciolini (dirigente scolastico presso il Liceo Scientifico Statale Louis Pasteur di Roma), Marcella Drigo (insegnante), Gloria Gabrielli (professoressa), Andrea Maori (archivista).

Tra gli argomenti
discussi: Archivio, Carabinieri, Cossiga, Diritti Civili, Giorgiana Masi, Interni, Italia, Libro, Lotta Continua, Ministeri, Ordine Pubblico, Partito Radicale, Politica, Polizia, Storia, Violenza.

La registrazione audio di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 16 minuti.

leggi tutto

riduci

14:58

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ve lo dice quando posso cominciare posso cominciare benissimo
Benvenuti e buon pomeriggio a tutti voi grazie di essere presenti vedo con piacere anche perché gli studenti
E ringrazio i relatori di questa come legge ha perso
Il dottor Andrea
Maori attivista e pubblicista che ha effettuato molti studi d'archivio e ha tirato fuori da questi archivi molto particolari delle cose particolari tagliate
Sul tema dei diritti civili seduto e infatti tutte le sue pubblicazioni sono un frutto proprio di questo lavoro di ricerca
Il dottor Maurizio a un grande merito ai miei occhi lo devo dire perugino perugino fino a ieri era un mio concittadino qua a parte queste
A hai a lui va il mio ringraziamento per essere venuto nella mia scuola solo contatto tenuto dalla propria pericolo che la fonte Facebook grazie finanziario poi chi disprezza dare sul dal punto di vista culturale in Facebook né veniva poi dovrei vedere le sue considerazioni
Ecco mi pare di di ricordare che ai avuto anche un'attività parlamentare normali o no
Allora noi comunque invitiamo segreto circoscrizione consiglieri di circoscrizione è l'area in cui sicché se posso è quella a venti giorni Partito radicale quel giorno sarà ditale venti
Ecco io vorrei citare e alcune delle due pubblicazioni e si tanto per dare un'idea dei temi per esempio degli eretici della pace
Poiché Leonardo Sciascia elogio dell'eresia
Poi sempre in aree duramente ma degli diritti civili per una giustizia giusta attenta vigilanza i radicali nelle carte della polizia
Poi dossi e libertà controllata polizia potere politico e movimenti per i diritti umani e civili
L'ultima sua pubblicazione appena uscita dalle stampe quella appunto che riguarda il tema di questo incontro che è Giorgiana Masi e la primavera di piombo Corona che inedite
Sugli incidenti del mese di maggio mille novecentosettantasei
A Roma
Alla mia sinistra c'è poi ancora la professoressa Gloria Gabrielli che insegna Storia contemporanea e della comunicazione presso la Facoltà di Scienze Politiche sociali e della comunicazione dell'Università la Sapienza
Il diciamo no che lei e lei nel suo ambito di di studi ma ha riguardato
Il Perino tra le due guerre tre quindi anche il periodo
Del regime fascista e cioè un titolo che vorrei
A additare all'attenzione perché è un titolo un po'a stuzzicare ante Carlo Silvestri socialista antifascista mosso
Ogni anno quindi insomma questo titolo incuriosisce ed è sicuramente varrebbe la pena di leggerlo
Vi ringrazio di nuovo per questa grande disponibilità per essere venuti nel mese di maggio appunto noi avremmo voluto che l'incontro
Avvenisse il dodici maggio
Perché appunto il dodici maggio il giorno della morte di Giorgiana Masi non è stato possibile per varie ragioni e comunque su questo non perde certamente dissenso e ed è un incontro quello di di oggi che si differenzia dalla dalla commemorazione della morte
A trent'anni nel due mila sette che noi abbiamo
Fatto dedicando a Giorgiana il terzo padiglione con una lapide che fu appunto scoperti ma svelata da anche alla presenza dell'allora Sindaco di Roma Walter Veltroni fu una giornata all'insegna del diciamo recupero un po'umano affettivo una giornata all'insegna dell'emotività perché c'erano
Per esempio una compagna di classe dirigente Giana anche la giornalista Federica Sciarelli c'erano alcuni dei professori di Giorgiana c'era l'allora Presidente poi
C'era la sorella di Giorgiana e fu proprio lei a dare il l'esplicito divieto
Di parlare della
Dell'incidente della morte soprattutto degli autori di questa morte cioè chiese esplicitamente di di non
Rientrare in questa dal momento che per la famiglia era stato dolorosissimo naturalmente rispettavamo questa sua volontà e quindi
Quel momento fu un momento di Dini di valore intensamente emotivo
Questo io oggi invece riprende il discorso su quegli anni si riprende lo riprende anche con degli elementi che appunto su questo inediti di documenti inediti
Quindi ad un momento di ricerca storica ricerca storico archivistica e quindi di diverso segno io non voglio rubare altro tempo volevo solo far vedere qualche immagine di quella giornata della professoressa CIA rimessa a disposizione si video molto artigianale non è di grande imbarazzo
Col fatto così diciamo da una telecamera ma
Maniera molto però brevemente insomma significativo per spiegare che cosa avevamo
Qual era stata l'occasione anche di studio di lavoro con i ragazzi e qui abbiamo un delle immagini le mando dura poco della mostra che è stata allestita con mezzi
Molto rudimentali insomma pannelli salasso sanitari più bravi abbiamo su
Diciamo un pochino più artigianalmente sono i manifesti che sono stati
Presi sia la casa internazionale delle donne
La famosa
Poesia
Scritta
Per Giorgiana che ancora
Qui c'è il famoso fraintendimento sul nome
Giorgina e non Giorgiana anche diede adito a un a un equivoco anche
E poi se fosse ancora brevemente è un altro pezzettino vado solo per bravi
Qui sono nello spettacolo che verranno allestite ragazzi no sono andata troppo avanti otto e venticinque scusate
Faccio subito
Va bene ci sono del
E qui forse da più
Trentatré presenti domina sulla
Addirittura
Si
è stato ricostruito un po'il clima con le canzoni del del periodo che va bene
è tanto e non si sa
Si sa
Ora
Riteniamo
Nulla
Cambruzzi
Un attimo l'ultima cosa che era la targa verso MOI lo
Tuttavia
Vasco per farlo perché forse qui

Ventisette Veltroni
Va benissimo vado avanti non vi
Privati privata
Vorrei ventisette trentaquattro
Che
Educativo programma
Però
Primo
Il futuro
Nuove
Espropri conosce
Problema una rivendicare
Come da
No no
E ancora
Sia viene
Ritirato dal proponente la sorella che certi articoli
Si
Ettari ma
Io
Il responsabile
Ora
Giuristi pubblico
Per il famoso
Bellissima dalla
Scalia rimangono
Per il ruolo
Presidente l'ingegnere
Non
A
Se
Essa manca una piccola contestazione
Vi
Vere
Vera abbiamo
Erano in esame una vita dalla targa un attimo manda avanti sulla targa ettari diamogliela
Cinque
Sarebbe colgo o
Lungo
Salvo
Il
Il il chiara
Così
La
Io
Migliorare
Per una
Ruolo sembrerebbe un atto
Desideriamo vivere in un singolo nostra amministrazione scritto
Il mondo
Condivido la acquisendo
L'accordo generale
La
Era
Grazie
Eppure
Parole
Pubblici
Allora invitarlo ad oggi
Stamani
Ringraziamento la
Nei confronti un ordine l'immobile
Renato
Che possiamo interrompere qual era solo così un ricordare una cosa insomma che la scuola avevano fatto in
Ma in onore insomma Mennea ricordo insomma di questa rigetta
Ebbene
Sì volevo innanzitutto ringraziarvi per
Queste iniziative quella
Volevo
Sì per ringraziarvi per queste iniziative che diciamo ricordano mi dichiaro il dramma del dodici maggio ma insomma anche in questo caso i toni come nel trentennale
Sono anche molto utili a mio avviso per riconciliare tutti gli studenti che lo studio della storia
Cioè sono occasioni in cui allo studente è in grado di avvicinare la lassù di avvicinare diciamo lo studio della disciplina a quello che
Che è la sua vita di tutti i giorni
E attraverso questo flusso in qualche modo apprezzare anche il nostro lavoro cioè
Noi che lavoriamo punto sulla storia
Io non ho preparato un intervento assolutamente di carattere professionale più quasi una testimonianza molto informale anche perché anch'io insomma quindi in quegli anni fa il settantasette e l'ottanta
Ero appunto una studentessa di Scienze di scienze politiche della de la Sapienza
Quindi anche io insomma ho vissuto i miei anni di piombo
Termini con cui definiamo insomma quel periodi o no a un periodo veramente che non so se il
Oggi gli studenti possono
Mente capire l'atmosfera in cui noi vivevamo in quegli anni è un atto sarà veramente difficile veramente particolare
La violenza politica era diffusa e ne avevamo a che fare quotidianamente
Dal fine piccoli gesti io mi ricordo anche nelle piccole cose andavamo in in facoltà in università pensavamo Sempre entriamo entriamo col motorino lasciamo fuori perché se succedeva qualcosa la polizia chiudeva tutto
E quindi tu motorino riprenderei più se lo ritrova il giorno dopo lo ritroverà pezzi cioè il primo pensiero quando abbiamo entriamo entriamo
Otto oggi cioè non so se si si riesce a capire questo tipo di
Di sentimento non so come potremo vivere noi
E questo diciamo lascio da parte la mentre c'è una sola parte come dire effetti di testimonianza
è chiaro che era un periodo particolare per per alcune ragioni ben precise non era un caso ma è stato un caso per cui l'Italia si è verificato il periodo più lungo
Degli anni di piombo il periodo in cui la violenza politica diciamo si è protratta più che in qualsiasi altro Paese perché anche la Germania ha avuto
Il sorriso a fenomeni di terrorismo
Si sono ridotti diciamo in tempo relativamente contenuto per l'uso sono andate avanti dieci anni cominciano nel sessantanove con la strage di Piazza Fontana e andiamo avanti almeno fino all'ottantadue che è uno degli ultimi
Atti del del terrorismo quindi si tratta di tanti anni no
E non è un caso cioè non è un caso che in Italia per dodici anni
Abbiamo dovuto misurarci con questo tipo di violenza politica
Quali sono le ragioni sostanzialmente quelle che più o meno tutti noi in Somalia e storici ad individuiamo come
Come dire fondamenti insomma dei una miscela di crisi che è diventata esplosiva proprio in quegli anni
Senz'altro senz'altro la crisi economica che a partire insomma dagli anni dalla fine degli anni Sessanta si dipana per tutti gli anni Settanta ha un'importanza
Significativa perché i giovani del sessantotto che manifestava il sessantotto venivano danni di benessere venivano da vent'anni in cui il capitalismo era si era fermato c'era stata una crescita in tutto l'Occidente capitalistico
Per cui si era fermato una cultura del benessere è un capitalismo diciamo vincente fra virgolette rispetto alle a quelle il prime notizie che continuano a venire da dall'esterno
Quando arriva la prima crisi
Cioè appunto comincia a metà degli anni Santa la prima crisi economica con la contrazione dei posti di lavoro con la difficoltà a trovare
Spazzini con il progetto del movimento sessantottino che voleva rivoluzionare tutto che crolla in qualche modo perché questa famosa rivoluzione tanto questo utopia diciamo così rivoluzionare il sessantotto
Sostanzialmente non si realizza negli anni successivi
Quindi la crisi economica la delusione di un riformismo impossibile e una situazione particolare politico istituzionale in Italia questo ha determinato diciamo una serie di fattori che Conca demando si fra loro
Hanno creato una miscela veramente esplosiva esclusivamente senso letterale del termine nel senso che sono esplosa la violenza
Anche la crisi politica istituzionale non esiste un altro Paese in cui non c'era la possibilità di un'alternanza al Governo
Noi oggi siamo liberi di andare a votare e decidere di
Dare un voto non partire o dare un voto ad un altro partito e sperare che se non siamo contenti di un certo partito ci sarà l'opposizione allora non era così io votavo
Comunista diciamo c'era era l'unico partito di opposizione e sappiamo che non sarebbe mai andato al Governo non poteva andare al Governo
Perché tanto con la guerra fredda
Nessuno avrebbe mai accettato americani compresi che i comunisti
Fossero andati al Governo seppure con un Governo eletto democraticamente non sto parlando di un Governo rivoluzionario tenere presente che nel settantasei all'elezione del settantasei il Partito comunista ebbe quattro punti percentuali in meno della democrazia cristiana
Poteva allearsi con i socialisti
Con i repubblicani quindi con l'aria di alcuni socialdemocratici e quello sarebbe stato un Governo di alternativa non era possibile questo la possibile faremo avuto l'esercito americano in casa
Quindi
La delusione diciamo l'impossibilità di modificare
Una Spoon affetto determinato dall'egemonia democristiana creava un enorme frustrazioni noi sapevamo che tanto non cambia non sarebbe cambiato nulla
Quindi
Non c'è da tanto da stupirsi se alcune frange del movimento vada
Diciamo
E veniamo al sessantotto ma insomma
Nasceva dal sessantotto alcune frange del movimento del sessantotto che si sono pagati per radicalizzare in alcuni gruppuscoli potere operaio tanto per citarne uno
Se poi all'interno diciamo di questi piccoli gruppi si sia creato un humus favorevole all'uso della violenza politica
Non c'è da stupirsi più di tanto perché quando tu non hai un'alternativa non credi che ai strumenti su uno strumento per cambiare un assetto politico-istituzionale completamente fossi Rizzato
La risposta diciamo larghe l'aggressività cresce e una risposta possibile è l'uso della violenza
Quindi questo uso della violenza come ho detto prima si percepiva quotidianamente e cresce via via in maniera esponenziale purtroppo proprio quando la crisi politica istituzionale appunto dopo l'elezione del settantasei
Si cerca di risolvere antenne nel modo che si è rivelato poi essere il peggiore possibile cioè visto che i comunisti non potevano andare al Governo qual era la soluzione
La Democrazia Cristiana non era più giovane egemone nel nel sistema politico quindi aveva bisogno di alleati
L'alternanza con i comunisti non si poteva o non si poteva fare per le note ragioni di carattere internazionale quindi l'unica possibilità che rimaneva era quella di cercare di cooptare il Partito comunista all'interno
Del del Governo così come del resto non ho fatto negli anni Sessanta la democrazia cristiana già negli anni Sessanta fatto la stessa cosa con i socialisti e severa portati al Governo
Dopo dieci anni si era ritrovato uno stesso problema ingovernabilità impossibilità di creare un'alternanza di governo e quindi cerca di completare questa volta anche il partito comunista
Allora il segretario del Partito comunista era Berlinguer Luigi feci due conti e penso che tutto sommato
Forse per legittimare e questo partito su cui pesava non so se mai mai l'hanno loro cioè
Diciamolo uso mai questo termine però l'ente non fare un lungo un discorso molto lungo la conventio ad excludendum cioè c'è una convenzione che escludeva dall'aria di governo comunisti da una parte fascisti dall'altra Movimento Sociale momento sociale all'altro
Quindi per cercare di
Rompere questa gabbia no per cui rimaneva continuamente sarebbe rimasto continuamente all'opposizione
Decide di mettersi d'accordo con la Democrazia Cristiana e
Varare un governo che allora si chiamava delle astensioni cioè non entra al Governo ma si astiene sostanzialmente
Come se oggi non so marginale di oggi se Renzi si astenessero nuovo nel momento in cui ha difficoltà si astenessero tutti l'Oregon in piedi con l'astensione fa nessuno vota a favore assoluta contro si astengono
E quello forse il primo tentativo di cooptazione appunto del del Partito comunista ovviamente
Questo fu di nuovo l'ennesima delusione per la gioventù di quell'epoca che aveva creduto che
Finalmente il Partito Comunista stava salendo nel settantacinque aveva avuto un buon successo spettacolare elezioni nel settantasei tallona o la Democrazia Cristiana entra nel governo quindi
Diciamo il sogno di un cambiamento muore definitivamente perciò si radicalizza la lotta nel settantasette non a caso si radicalizza nel settantasette l'anno il settanta mette un anno terribile dal punto di vista delle
Io come tutti gli storici non ho memoria quindi le cose numeriche me le scrivo spetterebbe il compito
Discorde
Sono nel settantasette quarantamila denunciati quindicimila arrestati quattromila condannati a migliaia di anni di galera
Morti e feriti a centinaia
Da entrambe le parti cioè sono numeri
Che per fortuna non sono mai più verificati e spero che non si verificano mai più in Italia però sono numeri agghiaccianti
Questa
Ondata di violenza in cui
Diciamo il curiali c'era determinato da una parte dalle Brigate Rosse dall'altra lo stragismo di destra culmina ovviamente come tutti sapete insomma nel settantotto
Con il rapimento di
Di Aldo Moro
Quindi questo solo diciamo per inquadrare appunto questo anno terribile insomma perché che fu il mille novecentosettantasette e io non non vorrei togliere più spazio a
Ad Andrea maori perché il lavoro di ricostruzione che lui ha fatto su una vicenda importante ma che appunto fa anche questa il è insieme diciamo a tante altre vicende di nuovo solo per diciamo per
Per così ricondurli nel clima di quel periodo del settantasette l'undici marzo del settantasette morì anche Francesco Lorusso
Bologna
Il ventidue marzo muore Antonio Lomuscio ucciso scusate muore Claudio Graziosi ucciso dal napalm poniamo Lomuscio
Il cinque aprile
Va bene rapiscono il figlio di Guido De Martino però non
Poi viene liberato tutta una vicenda che non vi sto a dire il ventuno aprile l'allievo sottufficiale Settimio Passamonti anche lui ucciso da due colpi di pistola
Il ventotto aprile sto parlando di una settimana
Ventotto aprile avvocato Fulvio Croce
Il dodici maggio Giorgiana Masi il quattordici maggio
Antonio Custra cioè è un bollettino di guerra
Potremmo andare avanti diciamo a lungo però appunto non volevo togliere più spazio a ad Andrea perché penso che questo lavoro che abbia fatto di ricostruire attraverso le carte della pulizia
Che è una data piuttosto importante perché e in tutte in tutte fa questo diciamo importante previsto venti
In tutte le
Le occasioni ci sono sempre due versioni è ovvio che la versione dei radicali non è la stessa versione
Della polizia no però
Il nostro lavoro è quello di mettere a confronto e di cercare di capire le ragioni per cui
Non dire questa Regione questa è è la versione giusta o quella persona sbagliata quali sono le ragioni per cui ci sono queste due versioni
Andrea penso che lo abbia capito
Tutto grazie a questa occasione
E mi occupo un punto di scelte archivistiche Alchion centrale dello Stato tra l'altro grazie anche la sua prestazione professa Gabrielli e ho potuto mettere mano alle le carte della pulizia degli anni settanta
E mi sono se non battuto su un punto una serie di relazioni che la polizia svolto
Giorno per giorno sugli avvenimenti appunto dei DS dal settantacinque al settantotto e che sono andato subito a vedere le carte che riguardano l'omicidio di Giorgiana Masi
E devo dire che lì per lì non ho dato molta importanza poi mi sono ricordato di di questi di questa documentazione mi sono ricordato poi anche del della vicenda il dodici maggio come avvenimento che comunque ogni ogni anno livelli tra cui ogni anno ripenso
E quindi qua anche una certa passione ho scritto questo instant book perché
Proprio è nata o così di getto la cosa cercando però
Una è un ente cercando di unire la passione diciamo anche militante che in qualche modo rapportato con ragionevolezza che poi comunque chi mettere mano sul
Sul questa documentazione deve sempre avere quindici amo c'è stata una motivazione personale
Forte che mi ha portato all'Istat Buccheri ha pubblicato poi con un SerT Publishing quindi una cosa molto veloce
Come diceva giustamente la professoressa Gabrielli a Roma c'era una situazione diffusissima di violenza in quel periodo di diciamo il lattice dire questa coerenza si ebbe appunto il ventuno aprile con l'omicidio del della gente Passamonti
Questa questo omicidio comporta immediata
Messa in opera di un'ordinanza prefettizia che vietava Allam ogni tipo di manifestazione cittadini di Roma
Per quaranta giorni
Questo un evento assolutamente eccezionale perché vietare manifestazioni pur politiche di carattere politico per un periodo così alto in Italia un s'era mai visto
E qualcuno giustamente a mio modo di vedere ha parlato di un
Di un colpo di Stato strisciante perché quaranta giorni senza poter manifestare sicuramente uno strappo dal punto di vista della Costituzione e poi come ho cercato di mostrare più che dimostrare
Queste o questi quaranta giorni in cui c'è stato il divieto in realtà hanno portato un'escalation della violenza stessa quindi ha avuto un effetto assolutamente contrario
Lorde del diciamo nel settantasette eccessiva ci fu un altro o di divieto intorno a febbraio di quindici giorni e quindi è stato una
Ripetizione questa volta veramente molto più più grande
Di quegli anni poiché era si usava molto la polizia aveva la possibilità di usare una legge la cosiddetta legge reale del nome del ministro
Quando la giustizia che lo propose con la quale si dava appunto la polizia un'ampia possibilità di usare le armi
Si tratta di un provvedimento che anzi si inserisce in un nesso inasprimento delle norme pubblica sicurezza e proprio nel periodo che cui parlava professoressa dal sessantanove a metà degli anni Ottanta dal
Generale sicuramente la legge più importante che era diciamo che da questo potere alla polizia ma ci sono tutta una serie di provvedimenti che vanno verso un inasprimento appunto del del di delle norme sulla tutela dell'ordine pubblico
E tutto questo porta un'escalation perché come essere giustamente il ministro è stato sottolineato dall'alto c'è questa lo Stato che si difende con questi mezzi mai nello stesso tempo non capisce quello che avviene nelle piazze non capisce
Quello che avviene nel mondo giovanile e dall'altro abbiamo la appunto della rivolta prova una vera e propria rivolta giovanile che diventa sempre più radicalizza
Nella seconda parte del libro io riporto le punte dell'azione della polizia dal primo maggio al trentuno tre maggio
E la cosa che più colpisce appunto questa Contino andamento cronologico di eventi di violenza
E e dall'altro da un lato e dall'altro il fatto che sono tutti ragazzi giovanissimi
No il ragazzi che vanno e del sedici a ventiquattro venticinque anni una cosa a queste mi amiamo proprio impressionato pure essendo l'occhio diciamo sono del sessanta quindi all'epoca avevo diciassette anni
In qualche modo ero anche coinvolto ma questo elemento di vedere questa continuità di questa generazione proprio lo sbando
Mi ha molto mi ha molto colpito
Allora arriviamo subito al dodici maggio
Allora in quel momento di radicali stavano raccogliendo le firme per un pacchetto su di referendum motore ferendo che riguardavano vari vere argomenti uno punto era proprio la legge l'abrogazione della legge Reale
è un altri riguardavano il concordato i diritti civili un pacchetto di referendum che cercava anche di interrompere questa spirale di di violenza da parte dello Stato da parte e dall'altra appunto
C'è la violenza giovanile con un semplice strumento che è quello della firma
Ma la raccolta di firme in quel momento stava andando male tra l'altro la stessa Polizia segnala
Che per esempio a Venezia o piuttosto che in Sardegna viene impedito permettere i tavoli in piazze per raccogliere le firme il TIR chimera così
Diciamo cupo veramente anni di piombo io ho chiamato primaverili piombo così cupo il clima che anche la semplice raccolta di firme era un fatto che poi essere visto come un fatto sovversivo
E a Venezia addirittura loro un gruppo di dire
In questo momento che comunque un momento non violento occupa la la Presidenza della corte d'assise perché non mandano i cancellieri in piazza a raccogliere le firme
Di fronte a questa situazione il gruppo dirigente del Partito Radicale decide di convocare una manifestazione in a piazza Navona
Piazza Navona comizio comizio che viene ovviamente spietato perché c'era questo divieto appunto di manifestare
Diritto di manifestare si apre una trattativa con la questura
La questura e la Prefettura allora dalla quarta di copertina io riporto una foto in cui si vedono dei poliziotti
Che smontano il palco in piazza in Piazza Navona dove ci sono gli amplificatori e quindi cominciano a smantellare queste questa amplificatori
Nel contempo la trattativa a Porta al fatto che
Si dice va beh non facciamo più comizio però accolta firme che in una situazione del genere poteva anche portare
A un migliaia e migliaia di firme perché chiaramente la ci sono dei termini per raccogliere le firme e quindi stavano Spes cadere scadevano a giugno
E si dice va bene facciamo solo una festa musicale con la raccolta firme nessun comizio
A quel punto cosa succede che la pulizia
Comincia a caricare i manifestanti
I manifestanti che non erano solo i cittadini del che erano andati per firmare c'erano anche i manifestanti della nuova sinistra di lotta continua e di altri movimenti che
Però questo ma è tutto allora accertato che in quel giorno non c'è una situazione armata nessuno porta le armi e nessuno a attenta alla al diciamo
Fa ho fatto l'vocazione
A quel punto
La polizia carica
Carica all'interno della piazza e carica intorno alla piazza
E se arriva dopo qualche ora fa il alla formazione di una barricata e l'unica la situazione diciamo non non violenta che fanno i manifestanti ma di difesa all'altezza di punterei Garibaldi
Ponte Garibaldi acque di aree si forma anche un piccolo plotone di poliziotti ed i carabinieri
Da Ponte Garibaldi verso piazza Gioacchino Belli
Si sentono degli spari Giorgiana Masi insieme ad altre altre persone vengono da piazza dati altre già Gioacchino Belli
Vanno verso Ponte Garibaldi vedono questa situazione scappano torna indietro e Giorgiana Masi viene ferita alla schiena e Moretti immediatamente
Accanto a Lecce Eden Ascione che viene ferita una gamba e un altro ragazzo viene
Ai jeans che vengono punto tra passate dalla
La veranda da un proiettile
Subito dopo questo episodio diciamo così ci sarà si apre subito allora al Parlamento come poi magari riusciamo a vedere
Spero che le dichiarazioni di Cossiga si evidenzia
Sì se va bene quando finito e sarebbe la relazione a quel punto
E si apre subito una norme polemica con che dura per anni realtà e nel libro cerco di ricostruire le fasi più importanti
Sull'uso anche di cosiddette squadretta e di poliziotti in borghese ora l'uso di poliziotti in borghese è consentito dalla legge fin dagli anni trenta
In realtà però non devono essere riconoscibile la legge parla chiaramente di riconoscimento con la l'arma collo cioè deve essere un foulard insomma diciamo
Con il tricolore il poliziotto deve essere riconoscibile
Durante questa manifestazione la questi poliziotti non avevano non erano riconoscibile questo è un dato di fatto
La forza della diciamo dell'iniziativa che sia
Piazza Navona e la presenza di tantissime fotografie molti dei quali vengono picchiati dalla polizia questo è un dato inoppugnabile
La Puglia delle
E però riesca a favore fotografare punto molti di questi poliziotti e e anche ci sono dei filmati che provvederemo
In cui si vede l'appello polizia lanciare l'attimo timore lacrimogeno è un lancio della firma oggi no a livello balistico
In genere viene lanciato dal basso verso l'alto perché adesso e non mi ricordo le nozioni di fisica ma insomma è chiaro che
Le armi e di avere una traiettoria appunto non dritta
In realtà si vede che molti di questi poliziotti lanciano i lati monetine ad altezza d'uomo
E questo a dimostrazione del fatto che si mirava cercasi cercava il ferito e il mondo questo
è un dato di fatto la il potere politico attraverso
Il Ministro degli Interni Cossiga sottosegretari negano l'uso
Del diede scorrette che in un primo tempo dopo che venne fuori la polemica e le foto eccetera già a fine del due mila centosettantasette ci fu una prima ammissione
Una firma ammissione e anziché fu ammesso anche da l'allora questore di Roma
Appunto che disse sì effettivamente non siamo queste squadre particolari e in un'intervista al portante che secondo me poco valorizzata
Albini Migliorini appunto a Repubblica a fine dicembre settantasette
Lui dice
Che è stato un grosso errore quelle decreto prefettizio collegamento la violenza
Ci furono diverse processi ma in realtà e processo fu punto come è stato ricordato prima la professoressa finì con un'archiviazione
Ma nella motivazione dell'archiviazione del giudice istruttore D'Angelo
Si dice chiaramente che appunto si riconosce l'uso di queste squadre ma che non si poteva individuare la l'esecutore materiale del
Dell'omicidio approverà Giorgiana
Chi contestò questa versione fu o un avvocato di parte civile l'avvocato Boneschi Luca Boneschi
Il quale non dichiarò all'Ansa ma l'anziano ripreso ed ha sempre negato del fatto che fece una dichiarazione molto dura così riportata danza dicendo che era un punto un'archiviazione
Insabbiamento vere e proprie il giudice D'Angelo
Sì querela la querela
Viene archiviata anche quella però c'è un risarcimento in sede civile e gli ho dovuto pagare finito nel due mila otto anni quindi parliamo dietro questo patatrac inciso dopo trent'anni abbiamo anche questa questa cosa
E lui vi dovete pagare in sede civile perché fu riconosciuto quella dichiarazione come fatta Daloui e non una dichiarazione pressa da Lanza
Ma in ogni caso rimane il fatto che gli omicidi ma materiale del il suo potere materiale dell'omicidio non vengono non vengono individuati nel due mila otto Francesco Cossiga che era Ministro dell'interno all'epoca
Dichiara di sapere che è stato l'esecutore materiale dice lo sappiamo lo so io lo sa il
Altri dirigenti lo sa un
Deputato di Rifondazione Comunista che mi rompe sempre le scatole io immagino che possa essere un onere Medea in qualche modo che e quindi con questa a
A diciamo incertezza poi il giorno Cossiga muore e quindi serve porta via anche i suoi i suoi segreti
E e quindi l'omicidio di Giorgiana Masi rimane appunto un omicidio senza senza
Responsabile ora un'altra cosa per conclude questa diciamo cronaca e poi dire due parole sulle relazioni della polizia
Il quattordici maggio ci fu un'altra manifestazione in ricordo primo manifestazione di ricordo Giorgiana Masi
Quattordici maggio fu tre quattro mila persone si trovano lì a Ponte Garibaldi tra cui molte femministe non ci fu nessun tipo di provocazione ma è chiaro questo la polizia carica e disperde
Disperde la manifestazione stessa un'altra polemica a proposte unitarie che sulla targa Ponte Garibaldi
Che ci furono delle interrogazioni parlamentari fatti da
Alcuni deputati della democrazia cristiana
Sul fatto che questa lapidei fu messa fu posta senza le dovute autorizzazioni a quel punto il Sindaco di allora le grandi se no questa
In realtà noi come Comune ci assumiamo le nostre responsabilità la teniamo un fatto che importante va tenuta la memoria
Questo diciamo grosso modo sono i fatti che io cerco di ricostruire nel libro
Ma la cosa interessante come diceva giustamente la professoressa e sono queste relazioni di polizia cioè vedere ne abbiamo una documentaristico molto forte
Molto marcata e diffusa da parte diciamo di manifestanti chiede da era d'accordo su questa manifestazione
D'altra parte a dieci abbiamo pochissimo materiale no a parte gli atti processuali che è sempre un taglio per tre partito anche difficile
Aviere insomma soprattutto per quegli altri negli anni
Allora sugli episodi di maggio del settantasette l'omicidio di Giorgiana Masi viene ridotto in una a pagina una paginetta e mezza e viene ridotto in modo molto frettolosa né realtà
C'è un passaggio che riporto libro abbastanza significativo in cui
Tanto per darvi un po'l'idea sempre trova al muro
Ecco
Lo stesso episodio narrato
Allora naturalmente fanno circa sedici definiscono trova
Dato dalla
Sarà
Allora
Grazie inchieste
Speriamo su tutto
Ah ecco allora
Pare aperta
Questo
Ecco allora
Dice la relazione Polizia in un breve molto importante passaggio della relazione viene riportato che alle ore qui citazione quindici e quarantacinque un gruppo di circa mille dimostranti si raduna margini di piazza Navona
Per cento di questi attestate si in piazza della Cancelleria improvvisamente improvvisamente attaccano con lanci di bottiglie incendiarie Sassi i reparti dislocati nera prospicienti Piazza San Pantaleo
Le forze di polizia sono costrette a più riprese a fare uso di artifizi lacrimogeni così si chiama tecnicamente
Soprattutto allo scopo di alleggerire la pressione del
Citata da facinorosi i quali con estrema mobilità impegno hanno più volte in più punti i reparti
Quello che viene pubblicato invece sullo stesso episodio dai cronaca di una strada e che il dossier che fece particolarità nel settantanove ore quindici e quarantacinque quindi proprio al minuto
In piazza San Pantaleo un funzionario di PS attraversa Corso Vittorio avvicinandosi a gruppo dei dimostranti raccolte se lo sbocco di via dei Baullari c'è uno scambio di improperi e subito viene ordinato il lancio di lacrimogeni
C'è un fuggi fuggi generale la polizia spara l'attimo oggi neanche la Sant'Andrea Della Valle i dimostranti vengono inseguiti sia verso Campo dei Fiori sia verso largo Argentina via Reno la
Le strade sono affollate il traffico su Corso Vittorio resta bloccato ci sono scene di panico come ad un segnali concordato
Anche in altri punti presidiati la pulizia parte un attacco quell'italiano vale un piccolo gruppo di persone disperso con uso di dati e Moggi una piazza delle Cinque lune
Quelle parti di polizia Riva caricare un gruppo di giovane che si erano accolte in via del Plebiscito il cronista del Messaggero scrive
Contro il giovane che so sono sotto un arco avanzano altre parti di PS partono slogan e sotto grido di scemi uscirne
La polizia risponde con sette otto candelotti sparato ad altezza d'uomo manifestanti si ritirano poi torneranno indietro la scena si ripeterà fino a quel momento è una zona disordine non si sono visti i sampietrini né molotov
Come vedete due versioni completamente opposte rispetto
A sullo stesso episodio tratto mi ha colpito questa coincidenza di orario proprio al minuto allora qui chiaramente
Va fra
Non è che dobbiamo ricercare una vita giudiziaria
Però io alcune riflessioni le vorrei fare
Nel senso che poi questa versione allora funziona così in quel periodo tutte nei commissariati di Polizia d'Italia
Dovevano Manni commissariati varie sedi periferiche funzionari di un certo i livelli del ministero dovevano mandare il le loro relazioni al agli apicali del Ministero dell'interno
Gli apicali Ministero interno poiché praticamente le usavano per il ministro per i capi netto del ministro che queste parole poi le ritroviamo all'interno
Diciamo delle prime reazioni che le prime dichiarazioni di Cossiga in Parlamento e altrove
Allora questa relazione sono molto importanti perché ci dicono esattamente minuto per minuto quello che è avvenuto
Con episodi però sull'episodio di Giorgiana Masi io trovo una e strano in coerenza con quello che è venuto fuori
Perché abbiamo le fonti fotografi i video abbiamo comunque sia le dichiarazioni il radio radicale che trasmetteva la cronaca indiretta degli episodi
Allora queste qui secondo me questo visione è una visione distorta
Allora io cosa posso dire posso dire che sulla vicenda di quel giorno e poi cerco di mostrarlo anche con altri piccoli particolari c'è stato una diciamo la volontà
Di
Sminuire la la realtà di come sono andate le cose
Questo ma io mi sento di dirlo tranquillamente insomma poi anche i processi
Qualche modo lo mostra e soprattutto quel giorno
Mentre in altri casi magari dice all'episodio gli episodi vengono narrati in modo più più neutro anche se poi la neutralità delle carte di polizia ma sempre pesa con le molle
Perché ci sono tutta una serie di passaggi chiuso designers bisogna sempre interpretare perché il commissario scrive per il suo superiore superiore corregge che scrive e poi magari per il ministro quindi
In ogni caso Fonti documentari a me pare molto molto importanti
Sia per il momento mi fermerei qui insomma
Se
Si dunque a è così allora io gli ho trovato grazie un amico lo dico chiaramente no stato ci sono diritti d'autore
Ci sono tre invidio interessanti su Youtube che me amico riuscito a scaricare
Di pochi minuti il primo riguarda diciamo prima sono posti il video che riguarda un punto i con i poliziotti che Cusano le pistole cioè e dietro si sente
La voce di Cossiga alla alla Camera dei deputati
Il secondo video e riguarda i funerali di Giorgiana Masi e il terzo il video riguarda le foto riguardano le fotografie
E mettono in ordine presentatoci almeno due-tre quindi
Sperando che
Vic
Mi piace sperando che il calcio qua
Uno Giorgia ma non per ordine l'uno due tre sì sta
Gratis sette accendiamo angoscia magari
Così lo vediamo meglio
Settimane e ti conviene
A fare qua allargare segnalate sono dall'altra
Poi parleremo
Contesto
Vorrei
Coordinarle avrebbe
Ora
Il
E qui
Così
Ci
Andrebbe a Roma nuove
Approvata almeno analoghe e non ricorda
Bene
Fratture
Julio
Programma Grandi la
Vengono liberalizzati diventano virgolettato applicazioni di prima abbiamo migliore richiamati in questa occasione ha deliberato di allargare il ragionamento pietroburghese almeno
Ragionevole
Approvato
Io
Sbagliato
Ecco perché
Regioni
Solvibilità di
Emergenza come dovrebbero bilaterale augurandole
Il motivo per il progetto
L'Arpac rendendo noto
Brillanti
Già
Culturali
Almunia
Identicamente comunque abbiamo
Oggi
Grazie
Non c'è un certo
D'Amico
Che all'epoca
Capaci esaustiva
Statista
Di qui
Grazie
Andrebbe
Risolvere
Didattico impiegato per ritornare
Al riguardo virgola ricordare
Degli appartenenti alle forze dell'ordine vengono affidati cordate
Va bene
Lento ricordi
L'assemblea
Perché le
Nelle operazioni del riciclaggio vedendo rinvia avvocati in organico
Devo dire
Per evitare
Bernardo
L'apertura di Roma preveda
Credo percorribile recupererà importante lampeggio d'organico tanto elementi inseriti tanto di tante cose latino
La procura di Roma prima Greenberg approfondire almeno ad esempio cambiano
Fuori valsero avverrà questo è il secondo si rimanda al secondo si
Sì sì quattro
Fa
Spaccio appassionato
Polizia
Grazie si
Il numero
Basta
Di
In
Io
Umana
Indica
Io ma
Lo straniero
Importantissime
No
Con
Vengono
Un
Fascicolo
Suo
Tengo
In
E
Eliminare ad un altro
Strana
Mentre
Soprattutto
Allora
Informa
Ma
Bisogna
Mediante rientrare
Generica
Piena
Così
Diversa entrambe le estremamente
Bandiere
Nella
Ma
No
Dei
Padrone non
Il terzo momento
Allora se ecco che sino a un altro documento credo che sia pesarese Falconera
Anche il Bilancio
Primo novembre loro rimane
Nel momento in cui
Relatore
Il problema
Oramai
Ora
Coraggio
Lungo
Propongono
Marghera
Abbiamo
Macro Angelo Marroni durante
Generale
Finali
Ma
Pongo
Compare
Volevo siamo alla fine
Devo dire due parole non tanto di commedia perché
Diciamo sono firmati dell'epoca e quindi mi sento anche
Il valore emotivo dell'altra cosa ma una
Fatto mi pare importante del
Grazie che io riscontrato e il fatto che
Nella
Nelle carte del Gabinetto del Ministero dell'interno
Viene segnalato un fascicolo
A nome di Giorgiana Masi
Sono andato a prendere perché chiaramente interessante ancora quel fascicolo rimanda ad un altro fascicolo all'altro il numero di protocollazione
Vado a riprendere cercare
E non c'è
Allora le cose sono due io me lo avessero fatto quest'idea un'ipotesi diciamo
Buona
E quella che dice no questo documento non c'è perché è servito per indagini giudiziarie no
Ecco questo potrebbe essere quindi rimasta del Ministero Ministero per l'Aula però è anche vero che queste si fanno le copie insomma se vuole mettere a disposizione tutto i gabinetti e tutto il le carceri Gabinetto
Le mie Center per gli studiosi fai una copia c'è
E altre ipotesi e quelli che forse qui documentazione
A del materiale diciamo ha dei documenti contiene dei report dei rapporti tale che forse non si voleva mettere a disposizione io vi lascio con questo punto interrogativo perché
Non è che voi fare ipotesi diciamo
Troppo riparte però sicuramente la cosa mi ha molto colpito ed Enrico questo fatto un paio di pagine del vicino
Come anche su altri episodi sempre quel periodo rapimento delle magistrato Durso anche lì è un episodio molto simile
Cioè e questo Paese ci sono ancora troppi misteri troppe diciamo anche danza di trasparenza anche su fatti avvenuti tantissimi anni fa
Ecco questo anticiparne volevo dare
Come
Contributi
Bene Graziani benestante
Varenne
Resoconto dei fatti che penalizza ma hanno una loro tale eminenti anche
Forse molto molto al Ministero non resta più niente
E la professoressa qual è aggiungere qualcosa
Anzi magari
Veniamo a lasciare la parola chi vuol bene Manni ragazzi quindi
Professor Arisi
Presenti
Ex professo
Può venire anche così registriamo
Chiarezza
Oppure
Quei fenomeni
All'interno nel dibattito della sinistra fra i giovani e i partiti ufficiali
Che secondo me sono stato uno degli elementi che ha contribuito a dar mano libera alla polizia io c'ero in quella ma alla manifestazione proprio ero presente fisicamente sull'economia
Io stavo sul lungotevere
E mi avvicinavo proprio a
Troppo ed è ripartita un'altra carica
Siamo scappati tutti verso piazza Gioacchino Belli
Però
Dal
Dall'attacco fatto dall'autonomia se non ricordo male al servizio d'ordine del Partito comunista da alla Sapienza
Quando per primi caricarono
Le tute blu con una gigantesca chiaramente inglese infame poiché ci fu il parapiglia l'assalto ecco secondo me va anche apprezzato il fatto che se i partiti ufficiali non danno uno sbocco
Formale e sostanziale a quelli che sono i movimenti di protesta il rischio è che rimanga tutto sfacelo
Prego
Visto che siamo sul numero delle testimonianze lavorano sei davanti a sé il ruolo
Qui non ero alla manifestazione del dodici maggio perché io ero su un'altra
Postazione io ero con aggiungevo nel Partito Comunista
E
Costeggiava amo quei referendum perché in quel periodo il partito comunista era su una deriva molto più legalità aria e quindi era a favore della legge Reale contro il terrorismo
Perché
è vero quello che ha detto il professore
Se non l'ha capito il Governo qual era la l'ansia di protesta il desiderio che montava tra i giovani
Sicuramente non l'ha capito neanche il Partito comunista all'epoca e quindi questa criminalizzazione del dissenso giovanile dell'epoca secondo me ha creato dei problemi di incomprensioni ma molto forti
Perché poi di negli strali prigioniero tutto della le persone i ragazzi che hanno
Che vediamo qui oggi come eravamo noi allora era molto dura vedere certe scelte certe posizioni la scelta del governo delle astensioni fu una grandissima delusione perché
Non eravamo al Governo ma non eravamo contro eravamo per la gli operai e per la lotta di classe ma non eravamo contro la borghesia che era al Governo quindi era una situazione veramente di grande
Confusione per cui in questa in questo scenario
La strategia della tensione da un lato che tentava sempre ritenere sull'orlo del pericolo della guerra civile c'erano anche delle frange di estrema destra che agivano in Italia non era così limpida la situazione
E i poliziotti in borghese che nelle manifestazioni agivano d'agitatori e poi dopo succedevano casi come quello di Giorgiana Masi
Qualche anno prima c'era stato in mano i saldi che abitava qui arriverà vecchia ed è intitolata una piazza a Primavalle dove normalmente vi saranno i suoi compagni
Quindi era un periodo veramente brutto diceva la professoressa
Quando andavo all'università lei
Vedevano se dovevano entrano con il motorino che facevo politica quegli anni quando tornava a casa la sera
Non torno ma dalla stessa strada o facevo il giro due o tre volte sotto casa primari
Posso già remoto rimandare nella bozza di Tolfa portavo sempre qualche cosa di pesante perché non sa domai chimico di aspettare sotto casa o che cosa succedeva il clima purtroppo era quello in quegli anni oggi e
Tutto sommato molto più tranquillo
Almeno per come l'abbiamo vissuta non in quegli anni
Ecco quindi
Giusta l'osservazione una contestualizzazione di quelli che sono stati i rapporti tra i partiti il maggior partito di opposizione dell'epoca e i movimenti giovanili è qualcosa che è stato fatto e che comunque sino ad ora continuare a essere fatto perché
Forse la mancanza di dialogo in quel periodo ha giocato un ruolo significativo
Signor pasticciere ricordare
Difensore anche simbolico hanno tracciato acclamato all'università
Ecco no l'esame lo dico per i ragazzi i seri essa allora ci può raccontare
Poco testimonianza orale
Diciamo che hanno
Lama grazie
Più importante sindacato d'Italia
Sì venga perché così registriamo per la radio scusa
Anche se
Una parziale
Charlot sessantanove aveva ottenuto una serie di avanzamenti sia sul piano alla realtà e cioè
E il movimento studentesco soprattutto nella sua parte più movimentista e non nelle frange che facevano avvenimenti a gruppi più organizzati e questo probabilmente è stato un ulteriore elemento che ha
In qualche modo da un lato
Fatto sì che il Partito comunista
Esercitasse un minor controllo comunque considerasse dei nemici tutti i giovani partiva e dall'altro lato fosse necessario dei primari e basta
No quindi volevo sembrano però mai preso nel dire che per quel quel giorno andai anch'io ma la manifestazione di darla avanzate
Alla CGIL stante l'università anzi ci andavo tutti tranquilli perché eravamo ambiti che non sarebbe successo niente lama divario tra quelle di successe l'ira di Dio e gli auguri lasciano modello dentro
Quindi non ce l'aspettavamo proprio no
Però questo diciamo così
Mi permetto di dire che c'era una certa differenza
Io non facevo attività politica in quel modo quindi probabilmente se ci fosse stato lei avrebbe il sub dorato avvenga qualcosa
Non c'è e ad andare in Germania ente Nicola ce l'ha avanzi veramente oggi no guardati ricorrente alzo Ceregnano
Tornerò su questo il ritorno
Fontana ci aspettavamo quello no non ce l'aspettavamo per niente
Per la mancanza di dialogo
Contribuzione sostanzialmente nell'ordine civile
Va
Proprio
Rimango
Ecco
A lotta all'evasione basta l'investitore
A riaprono
O
Fumo eccetera partito immediatamente il servizio dove ha fatto tutto da metalmeccanico
Questi sulla via Tiburtina eccetera che hanno caricato agli studenti
Diventino una realtà
A
Rubare positive sono accaduti vedersi poi dopo è stato distrutto
Quale dopo è stato distrutto il camioncino con tutto l'apparato gridano ora c'era via audiovideo e via discorrendo ma insomma
In particolare
Grazie
Fatti
Va bene
Grazie qualcosa da dire
Il mio io spero e sono cosa che non lo capisca per capire
Il momento che vivono all'attualità bisogna andare assolutamente all'indietro ragazzi quindi la storia deve essere una disciplina per voi assolutamente indispensabile distanze sotto la guida dei professori
Italiani tornante alle in storie diceva qualcuno due secoli fa
Costoro perché la storia è importantissima per per capire il presente e quindi in un invito calorosissimo ai ragazzi a studiare compassione questa disciplina inc
Professorini guidarli bene
Allo studio
Di questa materia anche attraverso le poche come sta i documenti come sta cercando di fare il nostro laboratorio di storia noi copriamo i relatori per anche in andremo le tale da essere guidata metodologica li portiamo per il nostro laboratorio di informatica va bene inerente ad hoc
Io volevo intanto esprimere il mio ringraziamento va dannare alla professoressa presenti per questa occasione di di riflessione
Che non vuole essere semplicemente una riflessione penso su ciò che è accaduto ma può ovviamente a essere riferita al presente mentre
Francesco possono che atto prima faceva l'intervento dicendo appunto sottolineando la lontananza no che a volte si crea tra i movimenti e i partiti
Mi vengono in mente tanti episodi più vicini il G otto mangiano Valle
Quattordici ottobre di due anni fa a Roma ce ne sono tante di situazioni beh il G otto la dichiarazione insomma li abbiamo assistito forse ha qualcosa di veramente
Grave che forse non ha neanche non ha neanche avuto una
Mi riservo una risonanza adeguata a mio avviso perché veramente credo che siano stati sospesi fosse stata sospesa qualsiasi forma di
Di diritto insomma di diritto civile questa è un fatto veramente grave insomma
Esatto e ci sono delle condanne senza però questo forse non non è ancora non lo so forse non è detto abbastanza insomma e va va detto va detto per
La storia lo sappiamo benissimo che è interpretazione insomma però insomma ci sono
Ovviamente ci sono documenti ci sono i confronti tra le fonti come
Ho trovato apprezzato molto confronto che hai fatto appunto tra le fonti portando anche una metodologia di lavoro che è quella di appunto di confrontare questo può essere utile per voi ragazzi che studiate no cioè capire
Come si scrive insomma questa è storia recente
è e non ai nel distacco emotivo che possiamo avere con un'altra forma di storia me sono venuti i brividi prima mentre vedevo il filmato lo dico senza anzi somma problemi perché è troppo certi con
Oggi mento ancora forte molti di noi erano erano lì alcuni insomma ce lo ricordiamo molto bene io auspico sì diciassette anni sedici anni insomma me lo ricordo ricordo benissimo insomma
E quindi non c'è e chiaramente non c'è un distacco come ci può essere nei confronti una storia più insomma più lontana in più insomma
Che ci coinvolge di meno insomma ecco la guerra dei trent'anni sicuramente non ci dà questa stavolta su questa emozione che almeno a me insomma dato rivedere alcune alcune scene insomma
Però ecco quello che mi mi è piaciuto che ho apprezzato insomma sicuramente questo partire dalla dalle fonti dalle ricerche archivistiche
E che sono insomma il modo in cui noi ci possiamo avvicinare alla storia capire cos'è un fatto storico perché è un fatto storico insomma sappiamo quant'è problematico definirlo insomma no
E credo che questo insomma sia una un importante insegnamento che ci viene dall'occasione si di parlare di Giorgiana di accogliere la presentazione di questo lavoro che sicuramente insomma
Casualmente devo dire che è stata veramente un caso la imbattersi in questa in questa insomma in questo avvenimento però alcun caso fortunato insomma
Che ci ha portato a creare questa questo pomeriggio insomma di discussione di e di confronto grazie
Va bene l'anno