20MAG2014
intervista

Intervista a Michele Governatori e a Valerio Federico sulla campagna di Radicali Italiani "Basta sussidi a chi consuma l'ambiente"

INTERVISTA | di Enrico Salvatori RADIO - 18:00. Durata: 7 min 41 sec

Player
"Intervista a Michele Governatori e a Valerio Federico sulla campagna di Radicali Italiani "Basta sussidi a chi consuma l'ambiente"" realizzata da Enrico Salvatori con Michele Governatori (presidente dell'AIGET e membro della Direzione, Radicali Italiani), Valerio Federico (tesoriere, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata martedì 20 maggio 2014 alle ore 18:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Acqua, Ambiente, Diritto Internazionale, Ecologia, Economia, Energia, Impresa, Inquinamento, Investimenti, Italia, Lavoro, Lega Ambiente, Radicali Italiani,
Spesa Pubblica, Tasse, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 7 minuti.

leggi tutto

riduci

18:00

Scheda a cura di

Alessio Grazioli
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale torniamo a parlare di iniziative radicali in materia di ambiente lo faremo questa volta ricordandovi una importante iniziativa promossa da radicali italiani insieme a Legambiente che prende il nome di cambiamo la fiscalità ambientale
Basta incentivi al consumo di risorse ambientali una proposta politica che verrà presentata per la prima volta il prossimo mercoledì
Ventuno maggio a a Roma e noi cerchiamo meglio onda di capire di che cosa si tratta dando il benvenuto a Michele governatori ben trovato Michele
Ciao ciao a tutti diciamo in collegamento telefonico Michele governatori ve lo ricordiamo è tra i promotori dell'iniziativa membro della direzione nazionale dei radicali italiani
è un bel trovato anche a Valerio Federico tesoriere di radicali italiani ben trovato
Caro saluto ascoltatori ciao buona sera e cominciamo con governatori a appuntamento come dicevamo appunto mercoledì ventuno maggio alle quattordici e trenta a Roma per la per senta azione di questa iniziativa congiunta tra radicali italiani Legambiente che prende il nome di cambiamo la fiscalità ambientali voi spiegarci nel meglio di cosa si tratta Michele
Sì la presenteremo una manifesto anche piuttosto tecnico con molti numeri che è sintetizzabile così nella sistemasse del fisco
Nelle bollette dell'energia e nel modo in cui vengono concessi
A mi ha concesso l'uso di risorse ambientali come per esempio i materiali di cava o le acque minerali si annidano una serie di incentivi
Non alla preservazione del patrimonio ambientale ma alla il suo uso grandi un'ampia pubblicità economico ma poi anche dal punto di vista ecologico e cerchiamo di
Fare una
La un'analisi lì io almeno dei principali di questi gli incentivi di quantificarli e proponiamo
Di eliminarli e di mettere quei soldi invece
In riduzione delle tasse a imprese e lavoro da un lato e in incentivo ad investimenti inefficienza molto molto
Molto interessante dunque da come si ricorda di turno iniziativa sicuramente a vantaggio dell'ambiente che intende diciamo
Aggiungere regole di tutela di tassazione per lo sfruttamento di fonti fossili poi leggo di cave acque minerali consumo del suolo ma dall'altra parte una iniziativa che si prefigge di
Recuperare risorse per abbassare le tasse sui redditi di impresa e persone perché come ci ricordava appunto radicali italiani il sistema fiscale oggi in Italia a vanta ha già no l'uso di risorse ambientali non rinnovabili all'inquinamento al contempo però il nostro Paese tasse e lavoro molto più della media dell'Unione Europea Valerio Federico tesoriere di radicali italiani così
Che cos'è il punto di forza di uno dei punti di forza di questa campagna che partirà domani campagna nazionale dei Radicali Italiani Legambiente è proprio quello
Che un'iniziativa che se vogliamo qua molte implicazioni che nello stesso tempo portare dei vantaggi in termini concorrenziali non vengono più aiutati e premiati quelli che inquinano Mattotti vengono mettere aperte
Nelle stesse condizioni le diciamo le imprese italiane quindi
Togliamo cerchiamo di
Terribili di togliere a chi viene è premiato per inquinare e di
Come dire redistribuire in termini più concorrenziali
E nello stesso tempo o tuteliamo l'ambiente naturalmente intervenendo
Sul consumo di ambiente tentando di ridurlo
E promuoviamo legalità che va subito detto che anche in ambito ambientale d'Italia e viola i principi prevede infine dei turisti più internazionali entrati nello specifico come
Già
Ha raccontato in questo periodo Michele governatori e che il trattato fondativo dell'Unione europea fa riferimento al principio chi inquina paga perché in Italia chi inquina e che consumano ambiente che avete premiato
Quindi si tratta di ribaltare
La
Situazione italiana rilanciare concorrenza e tutela ambientale nello stesso tempo e il tutto come dicevi
Tu per ridurre le tasse sul lavoro che sono appunto le più alte tra le più alte in Europa
E sulle imperiese ma questo grazie a una riduzione
Dell'opera pubblica
E va ricordato che commissario Cottarelli
A toccato nelle sue previsioni di riduzione della spesa pubblica molti ambiti ma non quello dei sussidi
Possibili i possibili che Michele governatori può per spiegarmi Ikea entità parliamo e quindi noi andiamo anche a dare uno strumento
A Cottarelli Arrigucci dunque per tagliare la spesa pubblica unica via per ridurre
La pressione fiscale molto interessante Cottarelli Renzi e il passo politico immediatamente successivo a questa presentazione del manifesto quindi governatori quale sarà
Bella a fare applicare la delega fiscale perché che è già stata approvata in Parlamento e che in realtà dice già
Le cose che noi stiamo dicendo adesso anche se in modo molto sintetico e parla di tradizione verso modi di produzione di consumo più sostenibili anche attraverso una revisione
Del sistema del fisco Mancuso salvo però poi in una specie di postilla subordinare l'applicazione di questi la riforma all'approvazione di una direttiva proposta ormai un paio di anni fa dalla
Commissione europea che però in Europa è un po'a Renata allora scusi curiosamente il
Parlamento qui ma sancisce un obiettivo
E poi però
Spetta e di essere obbligato dalla Commissione europea farlo copioso no non si capisce perché e noi vogliamo togliere questo
Questo elemento bloccante alla delega e allora Federico se vuole aggiungere qualcosa in conclusione magari ricordando anche che l'appuntamento vedrà la partecipazione di importanti ospiti relatori
Ma il dato aggiungo che si avvicinano le elezioni europee
E ancora una volta anche questi al proposta ci segnala la necessità dell'Europa
L'Europa è l'unica strada perché
L'Italia possa
Uniformarci naturalmente considerando la il livello della politica italiana l'Europa rischia di essere l'unica possibilità perché l'Italia si uniformi
A
I principi innovativi
E a tutela dell'ambiente europei e quindi
Naturalmente noi verifichiamo che in questo periodo di
Campagna elettorale non si parla di temi quali quello dei sussidi a favore di chi inquina che invece sarebbe come
Un prima
Per questa campagna elettorale
E allora appuntamento a mercoledì ventuno maggio dalle quattordici e trenta presso lo Spazio Europa rappresentanza in Italia dalla Commissione europea di già quattro novembre uno quattro nove Roma radicali italiani Legambiente con all'iniziativa congiunta cambiamo la fiscalità ambientale
Grazie a Valerio Federico tesoriere di radicali italiani
Grazie a voi è grazie amicale governatori membro della direzione di radicali italiani che coreani reali penso grazie grazie ancora buon lavoro