27LUG2014
rubriche

Rassegna stampa vaticana

RUBRICA | di Giuseppe Di Leo RADIO - 00:00. Durata: 30 min 3 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa vaticana" di domenica 27 luglio 2014 condotta da Giuseppe Di Leo .

Tra gli argomenti discussi: Africa, Antisemitismo, Arabi, Benin, Colonialismo, Crisi, Cristianesimo, Democrazia, Diritti Umani, Ebraismo, Ebrei, Economia, Egitto, Famiglia, Fascismo, Francesco, Francia, Gaza, Hollande, Integralismo, Iraq, Islam, Israele, Kasper, Libano, Matrimonio, Medio Oriente, Olanda, Onu, Palestina, Palestinesi, Paolo Vi, Pena Di Morte, Politica, Protestanti, Renzi, Ruanda, Siria, Teologia, Totalitarismo, Vaticano, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata
di 30 minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

La rassegna stampa vaticana
Di Giuseppe Di Leo
Buona giornata comincio con la
Un articolo
A firma di uno storico e giornalista americano introdotto dal foglio di giovedì ventiquattro luglio sulla situazione del liberalismo italiano che oggi prospera
Rispetto agli altri libera alle altre comunità ebraiche soprattutto in Francia perché naturalmente questa situazione tragica che
Sì figli sia in questi giorni hangar sarà in Palestina per la guerra che accetta palestinesi
E israeliani pone al centro anche dell'attenzione internazionale un poco
Sareste forme di in sofferenza e anche di vero e proprio anti Simitis Moranti brevissimo che in Europa soprattutto in Francia
Si registrano come manifestazione anche come attentati anche in Olanda ma lo storico mai collidenti
Scrive
Che invece la dizione del liberalismo italiano
Che oggi dei sopra o spera perché ha imparato a non fidarsi a difendersi da solo
Gli ebrei sono sotto attacco in Francia ma in Italia all'ebraismo prospera si è parlato molto della campagna crescente contro gli ebrei francesi con un attacco contro una sinagoga di Parigi nei giorni scorsi
E con grandi dimostrazioni contro Israele nel fine settimana nonostante un divieto ufficiale
Alcuni ebrei stanno iniziando a pensare di emigrare il tasso di emigrazione dalla Francia verso Israele del sessanta per cento e molti altri cercano di nascondere la loro identità religiosa
Le cose vanno all'opposto in Italia dove sono frequenti i grandi manifestazioni pro Israele i ristoranti con share soprattutto a Roma
Dove vive la più grande comunità ebraica italiana con circa quindici mila membri sono molto popolari i vecchi quartieri ebraici vicino alle sinagoghe sono diventati trendy e costosi e proliferano i festival di cultura ebraica
C'è perfino la tendenza soprattutto inaspettatamente nel sud nel Paese alla conversione al liberalismo il Rabbino Capo di Napoli ha scritto di recente governatori di sei Regioni del sud
Per proporre un giorno all'anno di commemorazione per le conversioni forzate gli ebrei
Che vivevano al sud al tempo dell'Inquisizione
E alcuni governatori sono propensi ad accettare la proposta
Perché è un contrasto così deciso tra Francia e Italia
Perché gli ebrei francesi sono così spaventati mentre gli ebrei italiani stanno così bene ci sono molte differenze alcune storiche spiega a livello altre legate agli atteggiamenti delle comunità ebraiche di oggi
Penso scrive che la lezione del revival degli presi ma italiano dovrebbe essere osservata con attenzione dalle altre comunità ebraiche compressa quella degli Stati Uniti il primo
Ci sono tradizioni molto differenti si tenga a mente che la Francia alla più grande comunità ebraica d'Europa mentre d'italiana la comunità italiana è una delle più piccole
Molte persone pensano alla Germania quanto pensano all'antisemitismo europeo ma il moderno antisemitismo di massa è stato l'invenzione francese del diciannovesimo secolo che si è diffusa negli altri Paesi occidentali
La sua prima apparizione fu l'affare Dreyfus su quanto un ufficiale ebreo dell'esercito fu accusato falsamente poi condannato peraltro il tradimento
Teodora NARS assistette al processo e conclusa che gli ebrei non sarebbero mai stati benvenuti in Europa e che avevano bisogno di uno Stato tutto loro
Da lì nacque il sionismo l'attuale campagna contro gli ebrei francesi e in parte la continuazione di questo vecchio antisemitismo di destra legato al nazionalismo all'odio cattolico verso gli ebrei in parte il risultato dell'islamismo radicale
Che ha radici profonde fra la comunità araba in parte incoraggiato dall'odio della sinistra radicale
Verso lo Stato ebraico io prima le chiederei che lo sostengono al contrario prosegue ma collidenti non c'è una tradizione di antisemitismo di massa in Italia il regime fascista Consi compensi molto i crimini terribili ma l'odio verso gli ebrei
Non si è mai diffuso al contrario della Francia non c'è mai stato un movimento popolare antisemita fra il diciannovesimo il ventesimo secolo
Per quanto riguarda la maggioranza cattolica Francesco è il terzo pappa filo ebraico quando alcuni suoi amici Brady Buenos Aires che hanno fatto visita lui ha ordinato che cibo kosher nei ristoranti
Affollati vicino alla sinagoga il Vaticano e duro contro gli antisemiti
E questo in Italia molto più esso inoltre mentre sia la Francia sia d'Italia hanno governi di centrosinistra il Presidente francese volante non ha lo stesso background fino ebraico del Primo Ministro italiano Matteo Renzi
Che ha sostenuto i libri di Firenze quando era Sindaco ha perfino organizzato l'illuminazione e
Nella sinagoga
Andarsi a possibili crimini di guerra in titola l'Osservatore romano dell'altro ieri venticinque
Degli venerdì venticinque luglio il rappresentante della Santa Sede in prima pagina ricorda Osservatore Romano chiede un cessate il fuoco immediato sulla questione dei diritti umani a Gaza
è intervenuto lo a giovedì l'osservatore permanente della Santa Sede presso l'ufficio delle Nazioni Unite
A Ginevra l'arcivescovo Silvano Tomassi
In un discorso tenuto al Consiglio dei diritti umani il rappresentante della Santa Sede ha sottolineato che circa il settanta per cento dei palestinesi ci si erano civili innocenti e che si sta consolidando una cultura della violenza e qui frutti sono la distruzione la morte
Nel lungo periodo affermato ancora il diplomatico vaticano non ci potranno essere vincitori nella tragedia attuale ma soltanto ulteriori
Sofferenze sempre in prima pagina Antalya laterale
Taglio alto alterarle enti cono di spalla c'è il la foto di papà Francesco venisse meri Amma la donna
Sudanese che era stata condannata a morte per posta sia che sia stata liberata grazie all'intermediazione Governo anche del Governo italiano e che è stata ricevuta per una mezzoretta proprio l'altro giorno
A Santa Marta da Papa Francesco Papa Francesco scrive l'Osservatore romano incoraggia ha incontrato Mariam la giovane cristiana sudanese condannato alla pena di morte nel suo Paese che era posta sia rimessa in libertà dopo le pressioni internazionali
Ne ha tarda mattinata
Di giovedì ventiquattro luglio la donna compagna tarda al marito idem due piccoli bimbi uno dei quali la piccola era nata in carcere e due mesi fa è stata ricevuta dal Pontefice Zappalà parta con loro era anche il vice ministro degli esteri italiano Lapo Pistelli
Recatosi in Sudan per completare la trattativa accompagnare meri ammesso o in Italia da dove poi si trasferiranno mi gli Stati Uniti il Papa ha ringraziato media me la sua famiglia per la coraggiosa testimonianza di costanza nella fede
Da parte sua la donna espresso riconoscenza per il grande sostegno a conforto ricevuti dalla preghiera del Papa e di tante altre persone credenti di buona volontà con questo gesto
Papà Francesco ha voluto manifestare vicinanza attenzione preghiera anche per tutti coloro che soffrono per la loro fede
E in particolare per i cristiani che subiscono persecuzioni o limitazioni imposte alla libertà religiosa nella mattina di
Di giovedì all'arrivo all'aeroporto di Ciampino mediamente sua famiglia erano stati accolti dal Presidente del Consiglio dei Ministri Renzi
Dalla consorte signora emesse dal Ministro degli esteri Mogherini oggi un giorno di festa una giornata degna dell'Europa commentato Renzi si tratta di un indubbio successo commenta qui do sempre Osservatore romano dell'impegno dell'Italia nella vicenda
E L'Osservatore Romano che martedì ventidue luglio vi va ricordato le parole del Papa all'Angelus
Di domenica che aveva spingano quattro sul quale mi ha spiegato la parabola del buon grado della zizzania dell'Arpac senza GDO i tempi in cui
Sembra che le preghiere la diplomazia non servano a nulla
Per riportare l'IPAB la pace di laddove le terre su uno quelle terre cui
Ci sono conflitti è però Papa Francesco dà una spiegazione attraverso il Vangelo dell'avvalora e dell'attesa
Noi a volte affermato Papa Francesco all'Angelus abbiamo una grande fretta di giudicare classificare
Mettere di qua i buoni di lei cattivi ma ricordate lì
La preghiera di quell'uomo superbo o di io ti ringrazio perché io sono buono non solo come gli altri uomini cattivi come si legge nel Vangelo di Luca capitolo diciotto dire invece commenta il Papa sa aspettare
Egli guardarmi nel campo della vita di ogni persona con pazienza e misericordia
Vede molto meglio di noi la sporcizia il male ma vede anche i germi del bene attenti con fiducia che maturino dico e paziente essa aspettare
E poi hanno ha affermato appreso con preoccupazioni le notizie che giungono dalla comunità cristiane a Mosul in Iraq e in altre parti del Medioriente indolore
Esse sin dall'inizio il cristianesimo hanno vissuto con i loro concittadini offrendo un significativo contributo al bene della società oggi sono perseguitate i nostri fratelli sono perseguitati sono cacciati via devono lasciare le loro case
Senza avere la possibilità di portare in niente con loro a queste famiglie a queste persone voglio esprimere la mia vicinanza
E la mia costante preghiera e il patriarca Sacco ha inviato una lettera Ban Ki Moon sulle persecuzioni cristiani e musulmani scrive Camilla idrica
Su avvenire di venerdì il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non può rimanere fermo ed essere un semplice osservatore
Delle continue atrocità commesse contro i cristiani lo scrive il patriarca caldeo lui Raffaele Sacco in una lettera indirizzata al Segretario generale dell'ONU e resa nota da assegni un sin qui denuncia una pulizia etnica contro i cristiani
E chiede di fare pressioni su tutte le parti in causa per fermare questo massacro
La nostra comunità scrive il patriarca Sacco ha offerto un numero sproporzionato ha sofferto un numero sproporzionato difficoltà causati da conflitti settari attacchi terroristici
E migrazioni ora persino pulizia etnica i militanti vogliono cacciare la comunità cristiana
Sacco chiede anche che le Nazioni Unite sviluppi con urgenza una strategia per proteggere e preservare il nostro patrimonio colpito il dato di fiamme dai miliziani
I fondamentalisti islamici denuncia ancora il patriarca continuano a bruciare Chissi antichi monasteri
E sarà difficile ricostruirli nel testo il patriarca chiede infine che in Iraq il nuovo Governo una volta insediato si impegni nella protezione delle minoranze e nella lotta al terrorismo
E il taglio basso un articolo di luci H Pucci ricorda
Ancora tra giovani Asia Bibi è in carcere in Pakistan dal mille ottocentosessantuno giorni ancora enti in attesa che i giudici fissino l'appello
Per decidere
Che cosa farne bella accusa della spegni acché la porterebbe
Alla condanna a morte su questo anche si chiede l'intervento
Delle autorità nella comunità internazionale Aldo Maria Valli vaticanista suoi Europa
Di venerdì riguardo a meri a me la diaspora di cristiani scrive ci sono più cristiani perseguitati oggi che nel primo secolo ha detto durante la Messa Santa Marta il trenta giugno scorso nel giorno in cui la Chiesa ricorda i saluti Proto martiri
Uccisi sul Colle Vaticano per ordine di Nerone nell'anno sessantaquattro dopo Cristo
Papa Francesco se si guarda al Medioriente scrive Valli il quadro e drammatico quando mezzo secolo fa un Papa Paolo sesto andò per la prima volta in te tra Santa le comunità cristiane erano numerose in alcune città come Betlemme erano in netta maggioranza nessuno pensava che potessero essere costrette andarsene
Al contrario si respirava la speranza di una pace duratura fare breccia Siani arabi oggi tutto è cambiato e la speranza lasciato il PAN
Sua la paura israeliani e palestinesi si massacrano la Siria e devastata in Libano una bomba a orologeria l'Iraq con teatro degli orrori
L'Egitto un'incognita milioni profughi in fuga fra loro tantissimi cristiani
Particolarmente drammatica la situazione di cristiani dell'Iraq siamo senza parole perché quanto è successo è davvero scioccante affermato monsignor sa ad essi rubo vescovo ausiliare caldeo di Baghdad
Dopo che i jihadisti degli SISS hanno costretto il poker cristiani rimasti amo sulla fuggire
I cristiani ha ricordato il vescovo sono a Mosul da secoli e quelle famiglie sono state improvvisamente strappati via dalla loro città dalla loro casa nella loro vita siamo davvero preoccupati per il futuro di cristiani in questo Paese
Non era mai accaduto che fossero cacciati dalle loro case recentemente ricorda Aldo Maria Valli leader cristiani dell'Iraq si sono rivolti all'Unione europea perché ed era lì tutto a Bruxelles il patriarca caldi o il vescovo uscito cattolico di nessuno
E l'arcivescovo caldeo di Kirkuk hanno incontrato il Presidente del Consiglio europeo fare Rompuy altrui sono appelli sono stati rivolti alle all'ONU ma è inutile nascondere il senso di impotenza al di là delle dichiarazioni di principio nessuna iniziativa
Circa il comportamento dei Lissi scontro i cristiani di Mossul il patriarca maronita beccare a RAI pone una domanda provocatoria ma decisiva
Che cosa dicono i musulmani moderati il silenzio in effetti eh Assurbanipal
E anche Claudio Sardo direttore di dell'unità sul venerdì sull'invitando il venticinque luglio diviene riscrivere la libertà religiosa era un tema cruciale
Le immagini di meri AMA Roma con il marito e due figli piccoli sono un simbolo il simbolo di libertà
Davanti alle utenti che persecuzioni che centinaia di migliaia di cristiani di diverso e confessioni
Disco non ci invade parti del mondo che talvolta in occidente si fatica a riconoscere come tali
Il Governo Renzi ottenuto un risultato di grande valore etico e politico scrive sardo portando in Italia su un aereo della Presidenza del Consiglio questa giovane donna condannata a morte in Sudan per apostasia cioè in quanto cristiana
E costretta sofferenza in carcere anche quanto incinta di sui bambini
Del resto il premier Italia italiano l'aveva detto chiaramente a Strasburgo inaugurando il semestre di presidenza italiano se l'Europa non è capace di indignarsi e di reagire di fronte a casi come quelli di meri amor di Asia Bibi in Pakistan
Anche le incarcerati perché cristiana o delle ragazze nigeriane detenute debbo quaranta allora l'Europa non è degna del proprio destino è questo osserva Claudio Sardo è uno dei grandi temi del nostro tempo
Giulio Albanese su avvenire sempre di venerdì iscrive di fronte a questa ondata di fondamentalismo
Non vi è dubbio che il consesso delle nazioni dovrebbe interrogarsi sul perché di una flagrante violazione della Dichiarazione universale dei diritti dell'Uomo approvata il dieci dicembre mille novecentoquarantotto
Da lì dall'ONU d'altronde non è un caso se allora furono pochissimi i Paesi a maggioranza musulmana che parteciparono all'elaborazione la firma di tale dichiarazione
Molti entrarono nell'ONU successivamente diedero una dizione solo di principio la dichiarazione stessa senza ratificare firmare l'insieme degli accordi dei protocolli
Nell'ultimo trentennio alcuni organismi islamici hanno formulato specifiche dichiarazioni che si rifanno alla visione occidentali pur mantenendo nella loro essenza un approccio più Crati co
Il problema di fondo che nel mondo mussulmano la concezione di diritti umani e fortemente condizionata dalla propria specifica identità culturale e religiosa
Basta leggere la dichiarazione universale dei diritti dell'uomo nell'Islam adottata nel mille novecentottantuno dal Consiglio islamico di euro ma come anche la dichiarazione del Cairo del mille novecentonovanta elaborata dall'Occidente l'organizzazione della Conferenza islamica
Per rendersi conto del loro influsso della componente il forte influsso della componente che ho logica del costante richiamo al dettato della Sharia solo nella carte a Rabat di diritti dell'uomo lì mia centonovantaquattro è possibile individuare
Un'impronta giuridica in qualche modo più laica attribuibile alla necessità di allinearci sul piano formale agli standards internazionale dei diritti umani
Prendendo in esame queste carte slavi che sorge però qualche dubbio sul fatto che esse possono essere considerate dal punto di vista giuridico veri documenti di codificazione finalizzati al rispetto dei diritti umani
Nella maggior parte dei casi infatti conclude Giulio Albanese si tratta di carte una forte connotazione declamatoria che non prevedono per esempio l'istituzione di meccanismi di controllo effettivo sull'operato dei singoli Stati
E su questa situazione ancora su questa tematica
Che sta anche
Sollecitando interesse particolare del tecnico che mi sta assistendo nella trasmissione io proseguo e perché c'è un articolo di Andrea
Recarvi sul su ad Corriere della sera del venerdì venticinque luglio il continente di mille chiese l'Africa dove il cattolicesimo Sardegna rischiando di diventare marginale l'Africa e così scrive lo storico
Fondatore Comunità di Sant'Egidio le chiese nascono come funghi Malawi crescono comunità ne ove tutte costali
Di guarigione nonostante cattolici siano forti la Chiesa cattolica e sfidate in profondità eppure la crescita cattolica è stata impetuosa nell'Africa novecentesca come nessun continente
La Chiesa è passata dai due milioni di fedeli del mille novecento centoquarantatré milioni attuali
Nell'orizzonte della modernizzazione coloniale si collocava come la religione moderna e di riferimento
è rimasta così anche
Con la decolonizzazione quanto il Vaticano africani Zatoichi scopa atti e favorito l'indipendenza e senza nostalgia per i poteri coloniali
Negli anni Novanta molti vescovi cattolici con il consenso generale hanno guidato le transizioni dalle dittature alla di mucca alla democrazia per esempio che avviene garantendo ha avuto un ruolo non secondario
Nell'anche nel venga un processo di democratizzazione viene ricordato un padre della Patria
Ricordiamo che la settimana scorsa Nessuno tocchi Caino ha premiato il Presidente del Benin per avere eliminato anche la pena capitale
Proceda però Riccardi qualcosa è cambiato anche se le statistiche danno ancora in crescita e cattolici le vocazioni religiose il cattolicesimo africano
Diventa più marginale il suo spazio nella società e il rosso ha meriti storici ma conta pure clamorosi fallimenti come il genocidio del mille novecentonovanta con
Quattro in Ruanda nel Ruanda tanto cattolico il mondo della globalizzazione cambia tante mentalità africani orienta la domanda religiosa
La crescita degli comunitario protestanti neo pentecostale a un'impennata sul finire degli anni ottanta anche se le radici sono nei decenni precedenti
Chi frequenta l'Africa vedi costruire nuovi chiese delle più varie denominazioni
Spesso al centro c'è la preghiera di guarigione le televisioni trasmettono i messaggi di predicatori in concorso cinquanta canali privati trentacinque appartengono a chi è sempre il risveglio
E poi in taglio basso articolo altrettanto interessante di Roberto Tortoli
Sulla crisi il paradosso nella terra di Gesù la sua comunità rischia di sparire scrive tolto di
Il cristiani hanno rappresentato un capitolo importante
Nella storia del mondo islamico la dimmi alla protezione offerta dall'impero musulmano in cambio di una tassa sancita dalla legge religiosa mi ha per secoli regolatori esistenza essa garantiva una cittadinanza di seconda classe
Mani riconosceva almeno il diritto fondamentale insistere
Nonostante le tante limitazioni giuridica religiose e sociali
I cristiani non mancarono di contribuire alla civiltà islamica nel suo complesso tenendo viva una fede ma dando anche uomini di lettere e poi ti medici studiosi e funzionali al servizio dei califfi o governatori dalla Spagna gli indiani Suma
Quell'equilibrio ricordare autoctoni in magari dissapori antico sia incardinato in un ventesimo secolo che ha sconvolto tutto eppure a lungo che esse anni hanno coltivato la convinzione di poter contribuire alla rinascita culturale araba
E avere un ruolo nella politica nella vita di Paesi come in città o Siria Iraq per non parlare del Libano dove erano maggioranza cristiane erano figure come libanese Boutros Albus stagni
Il grande scrittore intellettuali morto nel mille ottocentottantatré il fautore della rapidissimo o leader politici come Michelle afflato fondatore del partito Baath nel mio centoquaranta
Proprio il basta il partito che segnerà la storia nella seconda metà del ventesimo secolo di Siria Iraq e cristiani sono stati anche alcuni famosi protagonisti
Della resistenza palestinese come Georgia Bashir del Fronte popolare per la liberazione della Palestina per non parlare della storia unica dei mal uniti a cui sono legate le sorti di benissimo
Come ho avuto rapporti secolari con la Chiesa di Roma creando un rapporto unico fra le due sponde
Del
Mediterraneo
Il esce ricordo che l'Osservatore romano si è
Soffermato sul tema quel cambio
Tema
Sul tema della crisi economica internazionale con una riflessione
Delle dei religiosi quante difficile afferrare questa Chrissie problemi soluzioni nelle riflessioni dei religiosi su
Sul Corriere sull'Osservatore romano
Di domenica ma
Ma ancora
Osservatore Romano ha pubblicato posso solo segnalato non ho avuto tempo di farlo la settimana scorsa ma lo faccio articolo del Premio Nobel per la pace
Muhammad Yunus perché lo scorso dodici luglio ha partecipato a un seminario organizzato Pontificio Consiglio di giustizia PACS
Ed è un economista bengalese ideatore realizzatore del microcredito moderno bene l'Osservatore romano di sabato diciannove luglio a pubblicato quasi integralmente il suo intervento lo segnalo perché è un intervento
Interessante
Invece teologia due riti mettono in croce la teologia in ginocchio di Castel scrive Matteo mazzo Uzzi vaticanista del foglio subito giovedì ventiquattro lui io consideriamo il recente volume del cardinale ca Kasper basato sul suo discorso al Concistoro come una tipica proposta sul divorzio il nuovo matrimonio
Un lume pubblicato da Queriniana mi ricordo a scriverlo un corposo articolo che sarà pubblicato sul numero dei costo della rivista Nuova etto metterà otto teologi statunitensi
Fra cui sette domenicani docenti alla Pontificia facoltà dell'Immacolata Concezione di Washington all'ateneo dell'Ohio alla Catholic University of America
Le proposte del cardinale Kasper scrivono sono simili a quelle che negli ultimi mesi erano apparse sui media in quanto discusse dalla Conferenza episcopale
Tedesca
E aggiungendo poi gli otto teologiche sebbene di per sé relativamente semplicità di proposte sulle vanno un'ampia gamma di questioni teologiche
Il punto di partenza per ogni discussione in vista del Sinodo autunnali osservano e che un matrimonio Rattle consumato tra due batteri Zatti non può essere sciolto da alcun potere umano incluso quello di un vicario che assegnato a Romano Pontefice
è stato Giovanni Paolo II prosegue il saggio chiarirlo una volta per tutte se la Chiesa scrivono dovesse cedere alle crescenti pressioni che vorrebbero metterla tacere sulla dimensione pubblica del matrimonio ciò costituirebbe un passo verso uno sviluppo in negativo
E vorrebbe dire abbandonare un elemento essenziale nonché la ragione stessa del matrimonio
Dallo studio delle proposte illustrate dal cardinale Kasper si regge sulla rivista fondata nel mille novecentoventisei calcare fu cardinale Chalal su giù meno ne era ancora cardinale
E dai Jaques Maritain mi oggi diretta dal cardinale George Cottier ciò che emerge una sfiducia nella castità l'eliminazione dell'obbligo della castità per i divorziati scrivono gli otto teologi costituisce la principale innovazione delle proposte medesime
Dato che la Chiesa permette già ai divorziati risposati che per un motivo grave continuano a vivere insieme di ricevere la comunione qualora accettino di vivere come fratello e sorella
E non vi è pericolo di scandalo l'assunto delle attuali proposte a ogni modo e che tale castità sia impossibile per i divorziati
Forse che ciò non evidenza una velata disperazione nei confronti della castità e del potere della garanzia di sconfiggere il peccato il vizio s'man ti tappo iscrivono la tesi del porporato tedesco secondo cui il primo Concilio di Mircea abbia decretato la missione di divorziati risposati alla comunione
Tale affermazione costituisce un'errata lettura del Concilio è prevista la controverse sul matrimonio
Del primo nel secondo del terzo secolo soprattutto
Il riferimento a un libro
Quindi la chiave di lettura su questo libro pubblicato alcuni decenni fa oggi riproposto dalla casa editrice Aracne
Del teologo voi comunista Giovanni Ceretti intitolato divorzio nuove nozze penitenza nella chiesa primitiva Aracne
Editore
Poi è uscito un volume del cardinale Müller il volume intervista libro piccolo meno di cento pagine pubblicato dal case digerisce are si intitolato
La speranza della famiglia e su un punto viene riproposto o da avvenire Guidi giovedì
Riguardo nemmeno un Concilio ecumenico può mutare la dottrina della Chiesa afferma cardinale Müller perché il suo fondatore Gesù Cristo affidato la custodia fedele di suo insegnamenti della sua dottrina che ha posto dei suoi successori
Pertanto la dottrina della Chiesa non sarà mai la somma di alcune teorie elaborate da un gruppo di teologi
Pur per geniali che possono essere
Bensì la confessione nella nostra fede nella rivelazione niente più e niente meno che la parola di Dio affidato al cuore interiorità e agli labbra annuncio della sottesa però poi
Il cardinale prosegue e critici mette mezzo il ruolo dei teologi anche del Concilio infatti afferma i cardinali Müller abbiamo sul matrimonio una dottrina elaborate strutturata basata sulla parola di Gesù e va bene
Che occorre offrire nella sua integrità
La troviamo un evangelica in altri luoghi del Duomo testamento soprattutto nelle parole di San Paolo nella prima lettera i cori insieme alla lettera e Romani B però il valore diciamo così gerarchico tra Gesù Paolo non è lo stesso
Comunque prosegue il cardinale abbiamo a disposizione anche la tradizione con la P maiuscola con molti scritti e molte riflessioni dei Padri della Chiesa però era un teologica giunco
Per esempio Sant'Agostino appunto a tutto ciò si devono aggiungere gli sviluppi della scolastica altra corrente teologica
E del Magistero dei conciliatori quindi Firenze di Trento per finire un ultimo stadio della progressiva esposizione del dogma lo troviamo un magnificamente espresso nella lumen già insieme soprattutto nella gaudium et Spes
Che sono la sintesi completo operata dal Concilio Vaticano II di tutta la dottrina della Chiesa sul matrimonio compresa la domanda sul divorzio come vedete poi alla fine comunque cerca
C'è
La parola di Gesù che è però a cui si aggiunge poi proprio perché ci supera non ha lasciato nulla di scritto è stato molto molto poi l'accordo in quanto è nelle sue dichiarazioni
A cominciare dalle dichiarazioni di trent'anni cioè gli sinottici poi c'è San Paolo e poi c'era o ci sono i contributo appunto dei padri delle Chiese della scolastica quinti dei biologi e poi anche dei concili come vedete la questione
è molto aperta io qui però chiudo questo appuntamento di rassegna stampa vaticana potete scrivermi su Twitter all'indirizzo giù oggi Leo l'appuntamento è per domenica prossima grazie dell'ascolto buona giornata
Abbiamo trasmesso la rassegna stampa vaticana dj seppe di lecco
E
Quindi
Chiaramente