27LUG2014
rubriche

Rassegna di Geopolitica - La crescita delle comunità di stranieri in Cina

RUBRICA | di Lorenzo Rendi Radio - 23:39. Durata: 14 min 34 sec

Player
"Soffrire il mal d'Africa a Guangzhou" di Francesca Esposito per "Pagina99" del 26 luglio 2014.

Puntata di "Rassegna di Geopolitica - La crescita delle comunità di stranieri in Cina" di domenica 27 luglio 2014 , condotta da Lorenzo Rendi .

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Africa, Asia, Cina, Commercio, Cultura, Economia, Esteri, Geopolitica, Giovani, Immigrazione, Integrazione, Lavoro, Mass Media, Ordine Pubblico, Politica, Rassegna Stampa, Razzismo, Religione, Societa'.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 14 minuti.
23:39

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno agli ascoltatori di radio radicale la rassegna di geopolitica di lunedì ventotto luglio due mila quattordici
Oggi ci occupiamo di comunità di stranieri insediate all'estero le comunità cinesi a lei
Se lo sono antiche di fosse e conosciute ben conosciute ma per quanto riguarda l'inverso vale a dire
Le comunità di stranieri in piscina esistono esserci come vivono
C'è un quartiere germoglio barlume di un forma di multiculturalismo alla cinese per quanto riguarda gli stranieri
Che in questo Paese sono andati a vivere e lavorare questo è il tema oggetto del lungo reportage di Francesca Esposito per il settimanale pagina novantanove
Da quando su una delle più grandi città della scena il titolo è soffrire al mal dai free ca a Guangzhou
In una piccola scuola materna di quando su vicino allargo Lupu la classe del cortile centrale come le altre cinque e multietnica insieme ai bambini cinesi spuntano giocano coloro si nascondono ovviamente si mena no anche i figli della comunità africana che vive e lavora nel quartiere il sobborgo di Vessio insieme a quello di Bayoumi in viene chiamato senza pudori politica di corretta Città di cioccolato qui nella metropoli più popolosa della Cina meridionale con oltre tredici milioni di abitanti
Nella terra di quel popolo che lo sport Tato comunque un modello urbano di segregazione spaziale è nata tra l'Africa dava una più grande de la terra di mezzo
Agli inizi del boom economico anni novanta la vecchia Canton ha visto arrivare migliaia di commercianti e uomini di affari provenienti soprattutto dall'Africa occidentale come leggeri Senegal Camerun Ghana
Secondo le stime di uno studio curato da e Gwen Pink ricercatrice all'Accademia cinese di scienze sociali nel due mila dieci erano circa duecento mila gli africani presenti in città
Anche se ufficialmente solo dodici mila si sono registrati all'Autorità
E la cifra da allora lievitata
Entrare in Cina non è facile e in molte rimangono nonostante vi siano scaduti fermandosi in posizione irregolare
Come dimostrato dalle frequente rocambolesche fughe dalla finestra durante i controlli della polizia documentate da You Q che sarebbe l'alternativa cinese a YouTube
L'immigrazione e rispettivo inserimento all'interno del contesto sociale e lavorativo si vive nei mercati nelle metropolitane nei palazzi dei parrucchieri
Ma è soprattutto nelle scuole elementari e negli asili che si vede l'integrazione della seconda generazione e la creazione di due identità in una
Mentre la Cina un numero limitato di studenti africani personale diplomatico mai è successo nella storia cinese che una città vedesse migranti africani numero così significativo
Spiega sul giorno OCCAR lanciani sa fare adesso accordo Matthews professore di Antropologia all'università cinese di Hong Kong
La crescita di ossia africane prosegue io il professor Matthews arreso la Cina urbana socialmente spazialmente più eterogenee multiculturale
Si tratta di una globalizzazione dal basso che può essere definita come flusso transnazionale di persone beni
Che riguardano un piccolo informale ammontare di capitale spesso si tratta di transazioni se mi regali legali comunemente associate ai Paesi in via di sviluppo
Da sempre esistono rapporti treccine Africa nel due mila dodici gli scambi commerciali hanno apportato circa duecento miliardi di dollari
Con un incremento annuale del venti per cento e Celeste Impero esportare prodotti finiti e importa ma Teri prime
In Africa costruisce infrastrutture e investe anche nell'ambito culturale dalla tv digitale cinesi ai corsi di formazione
Passando per le borse di studio elargite a giovani africani in Cina molti commercianti avevano sfruttando determinate connessioni familiari altri giovani apprendisti vengono per imparare e fare business
Tra loro c'è sempre qualcuno che la vede per primo la Cina all'aeroporto di Canton ieri da e per il temi ad esempio sono sempre pieni di gente che va e viene per affari racconta Duran un sessantenne somalo
Qui
Aggiunge ci sono persone dall'angolo del Congo dall'Uganda dal Kenya dal Marocco della Tunisia dalla Libia che in pochi mesi diventano ricche anche io guadagno bene dopo la Somalia che venti anni Canada ora lavoro nella logistica
Prosegue mentre si sceglie la frutta da mangiare una pausa pranzo nel mercato sotto l'ufficio
E come un mercato delle pulci prosegue Duran vestiti beni di consumo compiuta che poi vengono spediti come
Coerente promettono affari anche se la moneta locale lo yuan diventa sempre più forte
Dal niente c'è gente che arriva guadagnare anche ventimila Liebman circa due mila seicento euro
è per questo che la Cina e grande ti offre lavoro sulla possibilità di una vita di costruire una famiglia scuole dove i tuoi figli possono studiare gente nuova da conoscere
Nella appiccicosa e umida calura di ugual su un proseguo la corrispondenza di Francesca Esposito
Concedo che non è mai veramente chiaro i mercanti cinesi si adeguano la nuova clientela
Si vendono prodotti inaspettati come copre letti matrimoniali e alle donne africane piacciono molto rimettono in camera da abbinare cuscini Renzo ora racconta un giovane commesso di uno dei tanti negozi che circondano il quartiere
E poi ci sono investite sempre appesi in bella mostra dai CAF Tanic colorati I sobrie da sciiti per l'uomo passando per gli abiti da si pop per i giovani
Tanto tutto perché ve le acconciature firma africani per cinefili nostalgici alimentari che Vendola accanto alla salsa di soglia anche latte di cocco
Qua e là ristoranti con specialità musulmane e a proposito del tema della Regione ante
Vediamo che cosa ci racconta questa corrispondenza non manca il Corano in audio bocche anche per bambini una penna in grado di leggere tradurre le pagine del Corano senza toccarle vietato infatti perché non perché non siamo sul mano
In Cina peraltro il due per cento circa di una popolazione composta da un miliardo e quattrocento milioni di persone è mussulmana e acqua su ci sono quattro mosche per i credenti
Alcune donne prosegue nel visita in giro per le strade di questo quartiere si fanno mettere lo smalto da minute ragazze cinesi e accetto di rispondere alle domande
Qui la gente e gentile spiega in portoghese una di queste signore ti trattano abbastanza bene e da due anni che vivo qui perché mi occupo di commercio di mobili ed in materia di costruzione
Di razzismo ce n'è poco ma è fisiologico
Qualcuno si arrabbia perché crede che veniamo qui a rubare lavoro anche se in realtà lo creiamo che portiamo anche la nostra cultura l'unica cosa che non sopporto e la loro cucina preferisco quella dell'Angola
Nel bugigattolo i cinesi i tavoli sono Rotondi senza capotavola le cui finestre aperte quasi ogni ora e per i vicoli gli odori forti dei mercati cinesi sotto il sole si mescolano a quelli dei capretti
Materia prima di alcune antiche ricette da Africa poco lontano da lì in un altro quartiere a dieci chilometri istanze dieci fermate di metropolitana si trova il cuore della comunità africana cattolica
Secondo l'Accademia di scienze sociali di quadro gli africani si sono distribuiti nella città anche secondo l'affiliazione religiosa
Da una parte e più numerosi mussulmani proveniente dall'Africa centrorientale dall'altra i cristiani soprattutto nigeriani che ogni domenica si trovano alle tre in punto per la messa
La cattedrale del Sacro Cuore di quattro ex residenza cinese della dinastia King è una Notre Dame in miniatura
Che sbuca quasi dal nulla tra magazzini e viottoli labirinti ICI inizia lentamente a riempirsi già verso le due turisti cinese coppiette curiose con la macchina fotografica si fanno immortalare davanti alla facciata
Tassisti libici si riposano incurante del brusio costante qualche filippino si fa il segno della croce e la maggioranza tutti africani si affretta in pomata te profumata
Quando il prete diceva messa in inglese per tutti la Chiesa è colma i coriste ripassano qualche Materazzi Trichet figli poco composti i volontari raccomandano silenzio i ritardatari allungano il crollo per provare a sentire qualcosa
Zola altra interlocutrice che qui viene citata lavora nell'import-export di oggetti tecnologici dal lunedì al venerdì di domenica sulle scalinate esserne fa il volontario
Cosa qual è la sua opinione non sopporto i curiosi che credono di essere allo zoo razzismo no non ce n'è così tanto
Qualche anno fa era diverso e molto difficile ma è solo in minoranza e paura del diverso ai cinesi non importa molto il colore della pelle l'importante e se gli fai fare affari tutto qui i soldi non hanno razziato giusto
Alla fine del luglio due mila dodici però il quartiere nero a organizzato una manifestazione che ha coinvolto oltre cento mila persone
In un Paese dove ogni tipo di aggregazione viene letta con grande diffidenza
La morte sospetta di un nigeriano detenuto dalla polizia dopo un diverbio legato ad alcuni controlli effettuati nel quartiere
Ha visto scendere in piazza inferociti connazionali che denunciavano la crescita della xenofobia cinese
Qui c'è chi viene dalla Sierra leone ci sono persone che hanno visto la guerra da vicino che hanno sofferto e conosciuto risoluzione difficili gli africani non vivono nel torpore del boom economico cinese racconta un fotografo proveniente dal Madagascar
Le reazioni di atteggiamenti sono diversi a seconda dei popoli i cinesi vivono di giorno gli africani invece di notte
Verso le dieci di sera al quartiere si accende di una luce diversa donne inizio una spintonare cucinare il pesce all'aperto chiacchierano e si confrontano
E la comunità africana cerca di preservare la propria identità anche ricostruendo ed attendo i palazzi enormi altissimi degenerasse concreti alle finestre enti intrisa fisco questa enorme città Guangzhou
Nonostante l'architettura seriale non sembra lasciare spazio all'invettiva in questa letta Africa cinese non riuscire mai a trovare due posti assolutamente identici
La Cina non è l'Africa sintetizza Falbo visti padre senegalese madre francese e quando chiama casa dal call center per le telefonate internazionali fa sempre attenzione al fuso orario nonostante siano passati già tre anni che vive qui
Cosa mi manca l'ultima questione posta si guarda intorno Fabris prima di proferire la parola libertà
E queste la lunga corrispondenza di Francesca D'Esposito da Conso città meridionale cinese dove esiste cresciuta si è sviluppata la più grande comunità di straniere di africani in Cina dente versante vedere come si sta
Sviluppando questo forma di convivenza e di nuovo multiculturalismo anche religioso a quanto pare
In Cina
Da segnalare ancora in chiusura ne approfittiamo ne abbiamo veramente un minuto c'è un box sino dedicato all'interscambio commerciale treccine Africa che è letteralmente esploso negli ultimi anni e vale la pena allora
Di vedere quali sono le cifre di cui si parla la Cina il primo partner commerciale per l'Africa interscambio del due mila dodici e si è attestato centonovantotto virgola cinque miliardi di dollari
Per il due mila tredici il Financial Times stima che sia stata superata la soglia dei duecento miliardi
Impressionante l'esplosione nel due mila i rapporti valevano appena dieci miliardi nel mille novecentottanta un solo miliardo
Il sorpasso se gli Stati Uniti è avvenuto nel due mila nove nel due mila dodici i rapporti commerciali se dovete Africa si attestavano al novantanove virgola otto miliardi di dollari
La metà dell'interscambio africano con la scena dei centonovantotto virgola cinque miliardi di commercio complessivo il cinquantotto per cento corrisponde a importazione di Pechino
L'ottanta per cento dell'importazione cinesi interessa materie prime
L'Africa è seconda solo al Medioriente come Regione fornitrice di petrolio per traggono
Sull'Amendola i principali esportatori verso Pechino l'Africa rivelasse comunque l'importanza secondario nella strategia commerciale cinese per quanto in netta crescita
L'interscambio complessivo vale appena il cinque per cento del commercio cinese il Paese africano con cui le relazioni sono più sviluppate e il Sudafrica con venti virgola due miliardi di dollari
Molto più marcato l'impegno cinese in campo politico per quarantuno virgola quattro miliardi di dollari che Pechino investito in cooperazione internazionale da dominano alto mila tredici il quarantacinque virgola sette per cento era diretto a Paesi africani
Tra il due mila tre si del due mila quindici Pechino pianifica di portare a trenta miliardi di dollari i prestiti concessi all'economia africane sono numeri che fanno veramente paura quello di interscambio
Commerciale tra il continente africano e la scena questo una borsino di riassuntivo in conclusione ma decisamente
La parte più interessante di queste doti pagine e la corrispondenza di Francesco de Sposito intitolata soffre il mal d'Africa a Conso
Lo trovate sull'ultimo numero collo del sabato ventisei luglio della settimanale pagina novantanove
Con questa segnalazione sulle anche la puntata di oggi della rassegna Riggio politica con la saluto da Lorenzo rende noi teniamo a sentirci e domani mattina alle ore sette in chiusura come sempre
Ricordiamo
L'indirizzo di posta elettronica attivo per commenti sulle rubriche che ascoltate commenti suggerimenti critiche eccetera l'indennizzo che io ascolto chiocciola Radio Radicale punto detti a domattina