29LUG2014
intervista

Intervista a Enrico Di Pasquale su due ricerche della Fondazione Moressa sull'immigrazione nel nostro paese

INTERVISTA | di Andrea Billau RADIO - 15:07. Durata: 14 min 43 sec

Player
"Intervista a Enrico Di Pasquale su due ricerche della Fondazione Moressa sull'immigrazione nel nostro paese" realizzata da Andrea Billau con Enrico Di Pasquale (ricercatore della Fondazione Leone Moressa).

L'intervista è stata registrata martedì 29 luglio 2014 alle 15:07.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Cittadinanza, Clandestinita', Comuni, Demografia, Diritti Civili, Diritti Umani, Discriminazione, Disoccupazione, Economia, Emarginazione, Emergenza, Emilia Romagna, Fondazioni, Immigrazione, Integrazione, Istat, Italia, Lavoro, Lazio, Lega Nord, Lombardia,
Minoranze, Occupazione, Partiti, Politica, Regioni, Rifugiati, Statistica, Stranieri, Veneto.

La registrazione audio ha una durata di 14 minuti.

leggi tutto

riduci

15:07

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale ICI occupiamo di immigrazione al di là dell'emergenza sbarchi e ce ne occupiamo attraverso due ricerche
Della Fondazione leone Moressa noi siamo in collegamento con il ricercatore ricco di Pasquale
Buonasera Enrico
Poi però voi allora ci sono due ricerche degli degli ultimi tempi di la Fondazione Morra chissà che
Affrontano la questione da una parte
Della presenza di immigrati nel
Nostro Paese in particolare attraverso un'analisi il titolo delle ricerche di stranieri nei Comuni
Italiani e l'altra invece una una ricerca su quello che pensano gli immigrati residenti nel nostro Paese allora io inizierei i dalla prima che ci spiega un po'
La composizione della componente migrante della nostra società attraverso appunto la loro
Dislocazione
In ogni abbiamo fotografato la situazione dell'immigrazione in Italia al trentuno dicembre due mila tredici secondo i dati dell'Istat e emerge che la popolazione straniera arriva quasi a raggiungere la soglia dei cinque milioni siamo
A poche decine di migliaia vicini a questa soglia
E aumenta l'incidenza della popolazione straniera sul totale della popolazione nazionale arrivando all'otto e uno per cento
Ecco perché è una prima domanda scusami questi cinque milioni e sono solo gli immigrati regolari
Chi l'ha fatto questi sono appunto i dati ufficiali dell'Istat che registrano gli immigrati regionale degli immigrati regolari
Come considerazione viene da pensare che in questo momento si parla molto di degli sbarchi dei dei profughi
E e va ricordato che anche se quest'anno si confermasse l'anno record degli sbarchi arriveremo a circa cento mila sbarchi quindi confrontato con totale della popolazione straniera residente
Appare chiaro come questo o quello degli sbarchi sia comunque un problema marginale
Certo
Noi vogliamo allora realizzare come composta questa popolazione dove
Appunto per esempio in questa sta
In in inchiesta avete insomma
Visto appunto la loro presenza dei comuni insomma no
Sì si confermano le Regioni alcune regioni come
Si conferma una raccogliere la alla grande maggioranza della popolazione straniera
E addirittura in sole quattro regioni si concentra oltre la metà né la popolazione straniera nazionale sono Lombardia Lazio Emilia-Romagna e Veneto
E appunto sono le le Regioni con più stranieri
Per quanto riguarda l'incidenza sulla popolazione
Sicuramente al nord più alta che al sud e ci sono alcuni Comuni che arrivano a quota arrivano superare quota venti per cento degli stranieri sulla popolazione locale
E addirittura paralizzate in provincia di Milano si supera la quota del trenta per cento e finora non era ancora fa per la Giunta quindi significa che in questo Comune
Tre cittadini su dieci sono stranieri
Ecco tra l'altro vedo dalla vostro comunicato insomma chi illustra questa ricerca che cessat negli anni c'era sempre stato un aumento dei nati stranieri invece qui c'è stata per la prima volta una prima frenata
Si è dato questo negli ultimi anni e nel due mila tredici del primo che negli ultimi cinque anni è il primo anno in cui
In atti Ranieri freno
Sono circa due mila nove due mila in meno rispetto all'anno precedente comunque una quota intorno ai settantasette mila
Va detto però che Inarcheck Nieri rallentano meno rispetto in ATI italiani quindi l'incidenza sul totale delle nascite continua ad aumentare e arriva al quindici virgola uno per cento
Anche qui in molti Comuni si raggiunge un'incidenza molto più alta
Addirittura al nord si supera il quaranta per cento
E sembra quarantotto addirittura il sessanta per cento quindi ogni dieci in atti sei sono stranieri ecco e poi c'è la questione delle acquisizioni della cittadinanza italiana no
Chi continuano ad aumentare anche questo è un fenomeno sicuramente importante nell'ultimo anno sono state oltre cento mila
E con un aumento notevole rispetto all'anno precedente di oltre il cinquanta per cento
Che sono queste è un un sintomo importante di integrazione perché significa che gli stranieri
Iniziano diciamo mettere radici nel nostro Paese tanto da ottenere la naturalizzazione la cittadinanza italiana
Ecco e a fronte di questo però questa mi pare l'ultimo capitolo Nobel della ricerca si analizza anche in questa come in altre ricerche il Calò no dell'arrivo di immigrazione nello no sto Paese e soprattutto per motivi economici e quindi questa particolarità che
Insomma nostro Paese non è non sembra essere dal punto di vista appunto dell'immigrato economico più attrattivo
Chi può sembrare una contraddizione ma in realtà è chiaro che la crisi ha avuto un effetto
Di di rallentamento anche sugli ingressi di stranieri parliamo sembra appunto di ingressi regolari quindi principalmente per ricerca di lavoro
E appunto gli stranieri cominciano a sapere anche da loro Paese d'origine che l'Italia non è più un paese in grado di accoglierli e quindi diminuiscono le diminuiscono gli ingressi e aumentano invece l'emigrazione di ritorno cioè gli stranieri che tornano in patria questo comunque non è in contraddizione con la contato sulle acquisizioni di cittadinanza italiana perché la la naturalizzazione riguarda principalmente
Stranieri che sono in Italia da molti anni quindi loro tendono a radicarsi nel nostro Paese in mente
Quelli che sono qui da meno anni
Prendono o a rientrare in patria o comunque a a cercare la fortuna in altri Paesi europei
Ecco e allora questo quest'ultimo dato realtà della
Anzi il penultimo che però chiamata anche in questa ultima analisi quello appunto di aumento della cittadinanza quindi della stabilizzazione Davis Nieri non sapesse riguarda poi un po'anche la seconda ricerca perché su questa sulla base di questi migranti che ormai si sono stabilizzati inizia nel nostro Paese che si basa la seconda ricerca con
Le quindi ogni che hanno sul nostro Paese sulla politica sulla politica dell'immigrazione anche e vogliamo
Siamo partiti da una constatazione abbastanza banale sul fatto che molto spesso chiediamo agli italiani cosa pensano degli immigrati
E mai invece ci chiediamo cosa pensino agli immigrati dell'Italia e degli italiani cosa pensi no e cosa spaziano
E questa ricerca quindi ha individuato una campione di seicento famiglie straniere
Sì ha avuto come obiettivo proprio quello di cogliere il sentimento le impressioni del degli stranieri residenti in Italia e vengono fuori dati abbastanza interessanti per certi versi dire anche sorprendenti
Ce ne voi parlare di alcuni di questi dati
Si allora innanzitutto emerge una conoscenza abbastanza buona dell'Italia da parte degli immigrati abbiamo fatto domande di cultura generale tipo sulla conoscenza della della capitale italiana delle istituzioni
Ed è emerso che quale novanta per cento stava che Roma è la capitale italiana più della metà conosce l'inno nazionale
E e una buona percentuale anche qui circa il cinquanta per cento conosce il Presidente della Repubblica e il Presidente del Consiglio
Un po'più difficile invece la domanda sulla festa della Repubblica circa un terzo qualche festeggia il due il due giugno
Dopo ci domandiamo anche quanti italiani in realtà chiedo scusa dell'atto però interessante fare il confronto si
Dopo queste domande di carattere appunto generale di cultura di conoscenza dell'Italia abbiamo chiesto appunto cosa gli stranieri pensino che gli italiani
E perché anche qui ci sono spesso degli stereotipi sul fatto che gli italiani siano razzisti o che
O che gli stranieri invece non amino lavorare emerge invece come per quasi l'ottanta per cento di stranieri gli italiani sono dei grandi lavoratori
E quindi una buona percentuale anche se irrealistici pensano che immigrati lavorino comunque per il novanta per cento siano dei grandi lavoratori quindi
Diciamo un'opinione più sui gli stranieri che se gli italiani in merito alla diciamo alla predisposizione o comunque alla tendenza al lavoro
E poi ci sono domande su il fatto che seguita considerino per esempio gli italiani come razzisti
Fin sul razzismo contrariamente a quello che si potrebbe pensare vince il no la maggioranza degli stranieri dice che gli italiani non sono razzisti circa il il settantacinque per cento
Mentre c'è una buona percentuale di immigrati élite e che sono gli stranieri a non volersi integrare arriviamo quasi al cinquanta per cento quarantacinque diciamo
E questo conferma in generale una tendenza abbastanza critica con le politiche migratorie che
Per certi versi potremmo dire che gli stranieri
Siamo favorevoli a una maggiore chiusura nel nostro Paese diverso i nuovi immigrati qui naturalmente dobbiamo sempre decisa ricchi questi immigrati chiedete si migranti che vi intervistato tasso uno quelli più radicati insomma nel nostro Paese no edotto quindi si potrebbe ipotizzare che gli stranieri che vivono qui da più anni
Risentendo comunque della crisi e dell'aumento della disoccupazione
Iniziano a a voler rallentare i nuovi immigrati proprio perché
Anche chi vive qui
A sicuramente difficoltà questo lo testimonia il fatto che circa l'ottanta per cento conferma che molti stranieri ce ne sono andati dall'Italia per la crisi
Anche se appunto forse in questo caso potremmo
Giustificare un valore di concorrenza effettiva perché è vero che il mondo del lavoro
Immigrato che non fa per come le ricerche hanno dimostrato tanta concorrenza lavoro d'italiani tra immigrati potrebbe esserci effettivamente Point in crisi economica una concorrenza effettiva
E dato comunque anche altri altri studiano ha evidenziato come anche il numero di disoccupati stranieri sia aumentato con la crisi
E quindi è chiaro che anche gli immigrati che vivono in Italia iniziano a ad avere paura insomma della crisi
E questo di molto ad esempio una percentuale di risposta alla domanda troppo facile per gli stranieri entrare in Italia
E c'è una una percentuale molto alta oltre il sessanta per cento che risponde di chi
Quindi appunto tutto questo conferma una certa preoccupazione da parte degli immigrati sulle sull'immigrazione SISS
No mentre
Sì mentre scusa c'è una invece una problema molto sentito che è quello della cittadinanza italiana oltre l'ottanta per cento
Sostiene che la l'attuale normativa troppo rigida e comunque andrebbe favorito l'accesso alla mala qui cifre della cittadinanza italiana ecco e tratta infatti questo poi questi due dati
Chi sembrano contraddirsi ma non si contraddicono in effetti poi vengono confermati anche perché voi avete chiesto pure questo
Dalle intenzioni di voto no
Fini e l'altro è curioso come ad esempio movimento come la lega Nord che è storicamente abbastanza intelligente contro l'immigrazione
Riscuota comunque cinque virgola sei per cento dei potenziali consensi da parte degli immigrati
Questo punto a a confermare una certa preoccupazione del delle comunità più radicate
C'è da dire comunque che il partito più votato sarebbe quello dell'astensionismo quindi il quaranta per cento della
Degli intervistati o non andrebbe a votare comunque non saprete cosa votare
Tra invece i partiti più potabili ci sono quelli della sinistra quindi Partito Democratico Excel con quasi il trenta per cento dei voti
Un'altra domanda che abbiamo posto è quella sul preferenza sull'i personaggi politici
E qui ancora domina il Partito della dell'astensionismo con oltre il quaranta per cento
E tegole invece Matteo Renzi col ventitré per cento Berlusconi in quel quindici per cento ed è qui che Rillo con il dodici per cento
Bene insomma questo mi pare quindi un quadro interessante no eccome dice di te inusuale perché non non è stato spesso
Chiesto agli immigrati radicati nel nostro Paese cosa pensi no no di
Questo loro nuovo Paese io se non hai altro da aggiungere Ricotti ringrazio naturalmente ci sentiremo la prossima volta grazie rigo di Pasqua Acropoli la Fondazione leone con essa però