29LUG2014
intervista

Intervista a Filomena Gallo sull'audizione del Ministro Lorenzin in merito alla Legge 40\2014

INTERVISTA | di Cristiana Pugliese Radio - 17:13. Durata: 10 min 6 sec

Player
Si è svolta oggi, in Commissione Affari Sociali, l'audizione del Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sulle iniziative del Governo conseguenti alla sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato l'illegittimità costituzionale delle norme della legge n.

40 del 2004 sul divieto del ricorso a tecniche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo.

Filomena Gallo, avvocato, è segretaria dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica.

"Intervista a Filomena Gallo sull'audizione del Ministro Lorenzin in merito alla Legge 40\2014" realizzata da
Cristiana Pugliese con Filomena Gallo (avvocato, segretario dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica).

L'intervista è stata registrata martedì 29 luglio 2014 alle ore 17:13.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Affari Sociali, Associazioni, Bioetica, Corte Costituzionale, Diritti Civili, Diritto, Donna, Fecondazione Assistita, Gallo, Governo, Lorenzin, Maternita', Ministeri, Parlamento, Politica, Salute, Sanita', Sterilita'.

La registrazione audio ha una durata di 10 minuti.

leggi tutto

riduci

17:13

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Oggi presso la Commissione affari sociali sia tenuta l'audizione del Ministro della Sanità Lorenzin audizione sulla legge quaranta e naturalmente si è parlato di eterologa
Noi chiediamo un commento o a alla segretaria dell'Associazione Luca Coscioni Filomena Gallo Filomena benvenuta su Radio Radicale
Grazie allora che tesse ambrato intanto complessivamente questa audizione della Lorenzin
Ma intanto
Io vorrei dire che sono diciamo soddisfatti del fatto che
Il ministro insieme agli esperti abbia individuato il numero di donazioni che ogni donatore può fare
Dieci mi sembra
Sì ha identificato anche con un decreto per i beni specifici su un modello francese e inglese così come aveva indicato
Come erano indicati i giudici della Corte costituzionale
E sicuramente positivo fatto che il ministro spesso abbia rimarcato che i centri pubblici
Devono lavorare come il privato infatti vuole prevedere uno stanziamento per protestare ed i centri pubblici e anche quindi l'aggiornamento dei LEA
Questi due elementi sicuramente sono più che positivi meritano anche un plauso perché insomma
Ed è andata in Parlamento avvale delle buone notizie sì impegnati elementi che sono stati tutti evidenziati sono elementi tecnici che riguardano l'applicazione delle tecniche di fecondazione medicalmente assistita condona cioè dei camionisti
Elementi tecnici che
Sicuramente colonne ho evidenziato prima se e il numero di donazioni per ogni donatore e lo chiedevano anche i giudici che fosse inserito nell'aggiornamento degli delle linee guida
Il potenziamento dei centri pubblici e quindi una revisione anche di quelli che riguardano i fondi che possono potenziare questi questi centri ma attiene ai LEA
Quindi non un decreto legge consigli anche tutti gli altri elementi tecnici che il ministro
è andato a ad apportare al Parlamento sono tutti elementi che attengono
A un atto che si chiama Dini equità previste dalla legge quaranta così come anche previsto l'aggiornamento periodico o almeno ogni tre anni linee-guida ferme al due mila otto in nessuno dei punti che sono stati
Illustrati dal ministro Lorenzin
Vi sono motivazioni che riguardano l'urgenza e quindi l'emanazione di un decreto legge
Quindi non si capisce perché abbiamo sentito parlare di decreto-legge invece di aggiornamento di linee guida
Vi sono due punti in particolare
Che però destano o un po'di perplessità il ministro ha parlato di tracciabilità dei donatori e dei nati senza entrare nel dettaglio
E allora tracciabilità dei donatori noi già l'abbiamo perché le normative comunitarie che abbiamo recepito prevedono dei righi per lui dei donatori
E il mantenimento dei dati che riguardano le informazioni a livello sanitario quindi di screening infatti tutte le informazioni su quel donatore una fotografia ben precisa
Bene dei registri che mantengono per trent'anni questi patti mai già nel nostro ordinamento questo elemento
Poi la tracciabilità peritati
Che tipo di tracciabilità intende il ministro Lorenzi nei suoi Sperti
E questo il motivo per cui si parla di decreto-legge
è un altro elemento appunto nel nove e in chiusura della relazione che ha ottenuto ha parlato di identità biologica conoscibilità biologica per in atti
E questo allora il
Il vero elemento che spinge ad emanare un decreto legge allora
Se questi sono gli elementi che devono essere
Fondanti di questo decreto legge non sono elementi urgenti perché i giudici della Corte costituzionale nel cancellare il divieto di eterologa lo abbiamo ribadito anche con il manifesto firmato da
Tantissimi giuristi
I giudici hanno chiarito che non c'è un vuoto normativo non c'è l'esigenza di prevedere una norma sull'anonimato e non hanno animato dei donatori
Prima della legge quaranta e in Italia i donatori erano anonimi tutti i donatori di cellule nel nostro Paese sono anonimi
Seguendo no la società civile presenterà al Parlamento un'esigenza di prevediamo una norma che preveda semmai anche un doppio binario donatori anonimi e donatori non anonimi
Se un giorno ci sarà perché Fidenza farà un percorso ben diverso dal decreto legge ci sarà una norma che si farà votata riparla mento discussa
E i è un'altra questione non vorremmo che queste motivazioni invece che abbiamo sentito durante la diretta lì alla dodicesima Commissione
Debbano essere dei pretesti per rallentare l'applicazione di una tecnica che secondo i giudici della Corte costituzionale e immediata talmente applicabile
Rimesso ha parlato di prima dell'estate però alcune cose che vanno discusse
In Parlamento per le linee guida non hanno bisogno di un partito parlavi cioè delle novità talmente necessità non soltanto del parere del Consiglio Superiore di Sanità
Di un lavoro condiviso con il registro nazionale sulla fecondazione assistita e degli atti persi
Pensavamo che il lavoro che si stesse facendo durante questo mese al Ministero sfociate poi nella nazione delle linee guida quindi
Il parere del CSM perché PEF e poi la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale
Inversa è stato confermato quello che abbiamo
Appresso nei giorni scorsi tramite i mass media
E
Elementi tecnici che dovrebbero entrare nelle linee guida e mentre nuovi elementi che non costituiscono un'incidenza nel nostro Paese perché prevedere adesso all'improvviso un album differenti tardi il regime e per i donatori
Quando i giudici della Corte costituzionale non hanno evidenziato questa esigenza
Non c'è un'emergenza perché questo decreto-legge non posso dare naturalmente la risposta vedremo se riusciremo a leggerla con gli atti del ministro
Staremo a vedere tu o penso che l'associazione Coscioni farà in tema qualche iniziativa viste le carte così come sono state messe
Giù diciamo dal ministro lasciando quindi delle aree grigie
Ma intanto noi già dalla settimana scorsa abbiamo promosso il manifesto dei giuristi con i giuristi is che ha trovato la massima condivisione e chiarisse incorre
Tutti i partiti delle parti più salienti della sentenza centosessantadue
Confermando comunque la diretta applicazione della nuova legge quaranta perché abbiamo una nuova legge quaranta
L'assoluta assenza di vuoti normativi e la totale garanzia eliminati per le coppie che accettano a queste tecniche e anche per i donatori
E questa è un'iniziativa che dovrebbe
Rafforzare le motivazioni di quella sentenza e rendere anche il ministro forse un po'
Più deciso nell'emanare le linee-guida invece
Da quello che esce fuori c'è solamente un'opposizione per il Governo a quello che invece
Avvenuto con la cancellazione del divieto
Credo che nelle prossime ore sicuramente
Cercheremo perlomeno di
Provare un dialogo con questo Governo un dialogo che stiamo cercando ossia sulla fecondazione assistita ma su tutti i temi che riguardano le libertà civile libertà individuali
Ma che fino ad oggi non ha prodotto grossi risultati perché di tutto si parla tranne che del rispetto dei diritti
In questo caso anche quando ci sono sentenze supreme dobbiamo assistere invece a un procrastinare l'esigibilità di un diritto che lo stesso Ministro all'inizio
Della sua relazione in Commissione ha dichiarato immediatamente i siti inquinati durante il questa questa relazione del ministro abbiamo sentito più volte la parola diritto esigibile immediatamente
E ed è stato anche un dato apprendere che anche chi difende la legge quaranta nel porre le domande al ministro confermato che lascia utente contestabile assolo applicata
Però poi appoggiato questo decreto letta che dovrebbe introdurre qualcosa di nuovo
Allora nei prossimi giorni ritorneremo sicuramente sul tema intanto io ne approfitto per dare appuntamento a chi ci ascolta al prossimo congresso dell'Associazione Luca Coscioni che si terrà affettando e dove parleremo anche i legge quaranta si
Momento militante chiediamo con non è un momento militante ringraziamo naturalmente Filomena Gallo la segretaria dell'Associazione Luca Coscioni e chiaramente torneremo a parlare anche di questa vicenda grazie Filomena
Grazie a voi