30LUG2014
intervista

Intervista a Claudio Fava sul Decreto Legge sulla Pubblica Amministrazione e sul Segreto di Stato

INTERVISTA | di Giovanna Reanda ROMA - 00:00. Durata: 12 min 54 sec

Player
"Intervista a Claudio Fava sul Decreto Legge sulla Pubblica Amministrazione e sul Segreto di Stato" realizzata da Giovanna Reanda con Claudio Fava (deputato, Misto - Libertà e Diritti-Socialisti europei (gruppo parlamentare)).

L'intervista è stata registrata mercoledì 30 luglio 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Amministrazione, Carcere, Decreti, Giustizia, Governo, Politica, Renzi, Segreto, Servizi Segreti, Sinistra, Stato.

La registrazione audio ha una durata di 12 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con il vicepresidente della Commissione antimafia farla
Letta che versano libertà e di tutti
Che ha fatto la sua prima uscita pubblica questa conferenza stampa
Alla vigilia del voto di fiducia sulla decreto legge sulla pubblica amministrazione partiamo da questo
Per arginare tornando a parlare del
Del segreto di Stato
Fuori di esternare annualmente nel voto di fiducia strappato voterete a favore e sulla
Altrove guardare decreto-legge sulla pubblica amministrazione politicamente è un segnale importante
Votiamo a favore di un decreto pensiamo
Schiera
Rimediando da alcune
Tragici errori
Consumate dalla riforma Accornero e
Vogliono dare un segnale
Vedi dialogo DTT rispetto reciproco ma anche di attenzione alle cose accadute in questi mesi al Partito Democratico l'astensione
Non è soltanto diverso collocamento nella geografia parlamentare
La stazione anche assumere che alcuni
Segnaletico inversione di tendenza rispetto al gettito IRPEF non ci sono state non a caso oggi abbiamo
Fatto l'esempio grazie segreto di Stato che per la prima volta viene rimosso c'è una richiesta manifesta gradiva tra il dibattito in Commissione parlamentare antimafia dando segnale in controtendenza rispetto a quello che governi
Il centrodestra e centrosinistra hanno fatto negli ultimi quindici anni cioè considerare
Il segreto di Stato il tappo
Sul sul diritto alla verità
Questo Paese naturalmente anche una sorta di sudario che
Impedivo uno sguardo consapevole sul passato sulle cose del passato soccorrerlo devo dire con una certa
Un certo coraggio istituzionale deciso ieri vittoria siete stati
Protocollo farfalla
Sulle sulle implicanze le sue conseguenze questo è uno dei leader
Degli atti che abbiamo voluto giudicare in modo positivo e quindi l'astensione ha questo senso è questo disegno politico Speedline astratta cerchi esatto è stato
Nel una decina di anni fa
Valzer la
L'abitudine non codificate nessun atto formale
Di una collaborazione tra servizi di sicurezza
E
Amministrazione carceraria
Si parlò di due
Protocollo in realtà erano due operazioni nel gergo
Tecnico del servizio che prevedevano un accordo verbale tra Amministrazione del DAP
Descritto i servizi di sicurezza in quel caso esiste il SISMI
Per consentire
Nell'ottica di questa cooperazione all'accesso nelle carceri massima sicurezza
Personale dei servizi e ciò che si è sospettato si suppone riteniamo che sia avvenuto anche per
Prevenire
Per intervenire o per intercettare
Delle disponibilità alla collaborazione e alcuni
Testimone alcuni pentiti di mafia ricorriamo a tutto questo accade subito dopo le dichiarazioni che proponente
Fece giustamente
Capo mafia siciliano
E che per primo parlo dei collegamenti
Organici perché erano esistiti alla nascita di Forza Italia tra questo partito
Cosa nostra appena appena fuori queste dichiarazioni
Qualcuno decise che occorreva un rapporto una collaborazione costrette forse anche la capacità di
Anticipare
Alcune
Intenzioni di collaborazione di altri pentito
Forse il sospetto grave
Per procedere a forme di dissuasione
Tutto questo venne consegnato due procedure
Che poveri anni dopo dopo che questa vicenda venne fuori che ci fu un'inchiesta giudiziaria che ancora in corso il processo nei confronti
Di un
Giudice che avrà l'appassionata asportargliela direttore del carcere assumono
Siciliano oggi dentro il carcere opera dopo l'inchiesta giudiziaria
Si decise di trasferire tutto questo è un accordo formalizzato
Una convenzione che è stata stipulata fra i c.d.
Intelligenze il TAR Corniche che tuttora in vigore
Avere tolto il segreto di Stato su quella vicenda
Vuol dire avere
Ho sentito
Anche diciamo una
L'accertamento di alcune verità F adesso sono state protetta dal modo in cui il segreto di Stato è stato utilizzata anche in sede processuale quel processo nei confronti del direttore del carcere di Sulmona del
Il vice direttore del DAP
I servizi sollevarono poc'anzi gli Stati se arrivo poi a una discussione
Decisione Corte costituzionale
Perché Pineschi quale diritto prevalesse se quella certezza la giustizia in tribunale quello della sicurezza della
Democratico del Paese attraverso la tutela sociale sta il gesto
Di Renzi con un colpo di forbice spazza via questa procedura è questa prudenza e da domani anche con la Commissione antimafia se ne missione di leggere e valutare però
Tutti i documenti e fino adesso sono stati protetti da questo servizio è stato
In realtà le volevo
Fare una domanda a proposito di Besnate Provenzano e
Oggi tra l'altro su garantista
Ingroia
Che tra l'altro parla condanna diciamo veste non è più magistrati Ingroia si tra l'altro si occupa di una partecipata credo che abbiamo
Ruolo dirigenziale e anche lui
Come tra l'altro un'iniziativa
Non violenta che i radicali stanno portando avanti si parla
Di questo box perché
Sarebbe grava in condizioni
Di salute talmente gravi da non poter partecipare
Dibattimenti nelle piazze lasciassimo riguardano che ha in quarantuno bis e ci si chiede se
Non ci sia il caso di gli avvocati quarantuno bis se non addirittura creato una condizione carceraria
Io sono assolutamente d'accordo se ci fosse una condizione
Arresti domiciliari pretende cure a domicilio
Per consentire a questo molti
Poter concludere la sua
Fitta
La condizione meno umiliante di quella carceraria
Io credo che questo
è un dovere che abbiamo perché penso che la risposta la giustizia dato
Alle carneficine organizzata la mafia una risposta dettata da un principio
Non siamo come lo
Lo Stato ha un sentimento della
Nella giustizia
E della tutela dei diritti
Degli esseri umani tutti che naturalmente cosa vostra nonna
Dimostrate praticati in questi anni questo segno come diretti
Civiltà giuridica e nel rispetto dei diritti
Invito i cittadini esseri umani
Va manifestato da praticato fino in fondo anche nei confronti dei detenuti al quarantuno bis
Io penso che il quarantuno bis se un istituto da ricredere preposto nel senso che dovremmo essere capace di garantire
Di impermeabilità della condizione carceraria rendere la città per città
Il punto dieci difendere i boss mafiosi in carcere senza ricorrere
Una pratica così oppressiva
L'altra attenti repressivo dico anche
Che fino a quando però questo istituto esiste
Bisogna evitare
Che alcuni
Ne facciamo
Uso e abuso a loro convenienza a loro piacimento
Come accaduto in passato quando è stato inopinatamente revocato quarantuno bis poi
Ristabilito nei confronti capomafia come Aldo Ercolano com'è accaduto nei confronti di altri capimafia che dal quarantuno bis riusciva a fare le gare
Lettere decisioni direttive e ordini
Tutto questo non può accadere
Naturalmente dentro un aggiornamento più di che fornisce per cui io considero
Che mantenere in vita questo istituto rappresenti per lo Stato l'ammissione di una debolezza cioè il fatto non siamo capaci di garantire di impermeabilità
Diciamo nella società
Dalle dalle direttive dagli ordini dalle decisioni giunte a formarsi una volta che sale
è una cosa sulla quale
Occorrerebbe riflettere il calo di Provenzano è un caso diverso perché non introduciamo in questo ragionamento caso influenza nel caso diverse domande
Stam ma sta
Probabilmente riflettere per morire mi sembra atto di umanità anche dove civile garantiti e questa cosa possa avvenire
Le condizioni di maggiore conforto senza rispondere sul piano come dire
Il piccolo Lambert
Della vendetta dovuta ma lui non ha avuto pietà né conforto ma non è questo il modo in cui noi rispondiamo
Anche le nostre stesse si fa a dire che questa è un'assurdità contrapposti ma non sarà avanti
E non garantista tiritera coloro che pensano sia giusto ad esempio
Quando i radicali
Abolire il quarantuno bis non ha niente a che vedere con il favorevoli ai capimafia acciacco impossibile che in Italia ogni volta che si parli mai
Questioni così delicate sicuramente ma
Legate ad una questione di principio di Stato di diritto a Scafati sempre le fazioni lì squadre quasi un esposto squadre di calcio
Via un po'perché questi ragionamenti vengono affidati più diciamo all'istinto
Allora la
Deposizione del sangue la pancetta ragionamento pacato
Io volesse fra coloro che attualmente ci sono quarantuno presso l'Istituto
Cioè non possiamo prescindere che consentirebbero consegnare la pena anche un elemento
Detti vendette di risarcimento nei confronti di chi è stato asserito umiliarla violenza mafiosa non è così siano
Credo che occorra la certezza della pena la giustizia della pena la capacità di tutte prive di una pena credo che non occorra lasciare spazio ad alcuna furbizia prepotenza per cui fino a quando un istituto esiste il quarantuno per i soggetti esterni si può permettere
Al mafioso più protetto più furbo di poterlo aiutare credo al tempo stesso che
Noi dobbiamo
Dare alla detenzione
Il valore e la funzione
Lo scopo la Costituzione riconosce e garantisce la detenzione che dovrebbe essere
Anche
Un percorso educativo che anche la ragione per cui io sono tra coloro che non possono
Castro pena
Tollerabile perché una pena che togliendo la speranza nega il diritto ad una
Restituzione alla società rendono non soltanto
Sinisi emendati le proprie colpe e va anche recuperato
Un altro rapporto un altro atteggiamento la società non c'è nessuna educazione per caso è soltanto il tentativo di
Proteggersi da qualcuno che sta in piedi recuperate una riflessione che è stata fatta in passato e questo va dato atto grave carenza stati sempre
In prima linea nel nel pretendere un ragionamento non è un motivo sulla riga signor Pinocchio mi scuso non può essere accantonato essere affidata all'esito di consultazioni
Allora al
Referendario
Al momento critico demordere della soluzione fine pena mai
Scritto sulla
Vita di un essere umano che in alcuni elementi rassomiglia anche alla pena capitale perché tutti i titoli il diritto alla speranza gliela tolga subito dopo la pena capitale
Voglio da tolga sardisti l'ambito
Questa questa assenza di speranza attraverso l'ergastolo c'è un elemento di Disma iniziazione col quale dovremo misurarci togliamo sfavillante