30LUG2014
intervista

Intervista a Rita Bernardini sull'articolo di Antonio Ingroia pubblicato da "Il garantista" sul 41 bis e Provenzano

INTERVISTA | di Andrea Billau Radio - 18:45. Durata: 12 min 34 sec

Player
"Intervista a Rita Bernardini sull'articolo di Antonio Ingroia pubblicato da "Il garantista" sul 41 bis e Provenzano" realizzata da Andrea Billau con Rita Bernardini (segretaria, Radicali Italiani).

L'intervista è stata registrata mercoledì 30 luglio 2014 alle ore 18:45.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Carcere, Crisi, Digiuno, Emergenza, Garantismo, Giustizia, Il Garantista, Ingroia, Mafia, Magistratura, Malattia, Nonviolenza, Provenzano.

La registrazione audio ha una durata di 12 minuti.
18:45

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale
Ci occupiamo della Satyagraha radicale anche di una novità che è apparsa oggi
Sul giornale cronache della gara antistadi nel da
Piero Sansonetti siamo in al collegamento telefonico con Rita Bernardini che ormai ha raggiunto un mese di Satyagraha buonasera Rita quella sera e agli ascoltatori allora la novità chi è apparsa oggi in prima pagina come prima notizia tra l'altro come apertura del garantista dal titolo già
Si capisce Ingroia revocate il quarantuno bis a Provenzano non è più l'uomo che o interrogato poi c'è in sommare il senso di quell'articolo
Del quarantuno bis si intende e impedire ai capimafia di dare ordine alle cosche per lui non serve più ecco verità volevo così che volevamo insomma che cinesi un tuo parere su
Questa su questa
Su questo articolo perché proprio un articolo scritto da Antonio Ingroia su questa questione che ne ricordiamo è perché poi nel Satyagraha radicale che dura da anni si aggiungono sempre nuovi elementi e prese uno dei nuovi elementi appunto da un mese a questa parte era proprio
Questa situazione di Provenzano che in uno stato di salute grave stato di salute e che continua a essere sottoposto al quarantuno bis

Ma intanto io avrei dato un titolo diverso
Quest'articolo di Antonio Ingroia vorrei intitolato come era bello il quarantuno bis sedi una volta
Perché sostanzialmente l'ex magistrato attualmente abboccato con incarichi particolari offerti dalla Regione Sicilia
Il limite in tifoserie coloro che da una parte dicono che il quarantuno bis c'è un accanimento carcerario gratuito equiparabile alla tortura
Lo sport citando sì e dall'altra parte il suo passato criminale cioè quello di Provenzano che ha terminato orribili stragi e omicidi per l'ospedale qualche allentamento nel trattamento detentivo
Ora sembra che Ingrao gli a
Voglia dire anzi lo dice proprio espressamente che attualmente
Il regime del quarantuno bis se dovrebbe essere ricerche il carcere duro anche se lui lo definisce carceri differenziato
è il carcere duro dovrebbe essere dato solamente a i capimafia si chiama tra perché non comunichino con il mondo eterno
Mentre viene dato indiscriminatamente
A coloro che hanno collegamenti insomma che sono considerati se non proprio capimafia ma insomma
Con collegamenti stabili con la criminalità organizzata l'unico dice espressamente oggi lo si dovrebbe dare a qualche decina di persone e non alle centinaia
In tutta Italia che oggi sopportano questo tipo di regime di carcere duro quindi ecco perché avevo pensato a un titolo diverso com'era bello
Il quarantuno bis e di una volta perché perché da anni da quando è stato istituito
Il quindi subito dopo le stragi di Falcone e Borsellino
Qual è questo regime di carcere duro è stato
Inflitto a centinaia sono contemporaneamente centinaia hanno raggiunto i seicento agli ottocento
Persone che appunto subiscono il quarantuno bis
Quindi non si capisce all'epoca erano centinaia i capimafia de e oggi sono divenuti solo qualche decina
Insomma questa analitiche fa Antonio Ingroia mi sembra sinceramente un po'strana il problema
Anche se scusa se ti interrompo dignità e sul caso poi particolare come dire siete d'accordo sono supposizioni
Bene certo d'altra parte si tratta di una persona
Che nonostante il suo passato criminale di boss mafioso
è attualmente non in grado di intendere di volere non è in grado di adempiere gli atti quotidiani della vita non si alimenta se non
Tramite un sondino che solo recentemente
E è è stato immesso direttamente all'intestino perché quello nasogastrico non era più in grado di nutrire sullo
Adeguatamente sia per le medicine che devi assumere per il tumore alla prostata e altri
Malattie di cui
è afflitto insomma nelle altre parti del corpo non gli consente di assorbire
Il nutrimento e in particolare le medicine quindi una persona che è stata dichiarata
Incapace di intendere e di volere e che gli atti vengono notificati a un suo tutore perché lui non è in grado di leggerli
Non è più chiamato a testimoniare in giudizio proprio per la sua incapacità quindi di che cosa
E di chi stiamo parlando vista la situazione
Di questa persona quindi carcere duro
I secondi Ingroia serve l'unico scopo del quarantuno bis è quello di impedire i collegamenti della dei boss mafiosi con la la criminalità organizzata
Chi giustifica solamente per questo non essendo in grado di
Provenzano DF-RED più un boss mafioso capace di comandare
Quindi il quarantuno bis a suo avviso non ha più stanco però dovrebbe chiedersi
Perché noi robinia poniamo il problema di Provenzano come caso emblematico però poniamo anche il problema del quarantuno bis
è perché è indubbio che questo sistema particolarmente afflittivo
Ne che prevede un isolamento della persona che si trova in questo per anni anni perché viene poi continuamente rinnovato alle medesimi persone
E prevede una quasi completo isolamento di queste persone
Mettere vede che non ci possono essere incontri indiretti con i familiari se non attraverso un dei trovo divisorio e un citofono citofono
Pr i minori di dodici anni che vanno a trovare il loro congiunto che si trova al quarantuno bis è previsto per i che per soli dieci minuti
Questi possano abbracciare
Essi possano abbracciare diciamo si possono fare Utari si possono toccare
E fra l'altro fino a poco tempo fa diretta addirittura in alcuni casi si prevedeva che il bambino perché ha dodici anni lo dobbiamo considerare tale
Che salutato per il proprio congiunto
Dovette completamente allontanarsi dagli altri parenti che lo hanno accompagnato e questo naturalmente
Si determinava uno stato di anche aprire il bambino che si sentiva aiutato in questo
Luogo lugubre che è il posto dove si svolgono i colloqui del quarantuno bis e poi c'è stato un sentenze mi pare della Corte di Cassazione
Nieri che ha ristabilito un po'di umanità ma insomma in realtà il regime e che ed ama Orizio turco e Sergio D'Elia
Che hanno fatto negli anni passati un genio veramente completo intervistando tutti quelli che si trovavano al quarantuno bis è stato definito una tortura democratica
Che serve poi fondamentalmente a
Far parlare
Attraverso appunto questa tortura che soprattutto di tipo psicologica le persone che sono sottoposte a questo
E tipo di carcere differenziato
Come lo definisce Ingroia e si però appunto come dire su queste parole di Ingroia sul suo concetto di quarantuno bis
Cioè
Che appunto magari non
Punti trova non trova dichiari accordo però e sicuramente anche lui dove devi ammettere che
è stato esteso questa è stata estesa questa detenzione forse
Daniele beffare magari dibattito proprio su questa su questa invece altro utilizzo del quarantuno bis che tu mettere in luce il Ministero ma è l'
L'utilizzo che è stato tant'è fatto e invece sembra che il dottore Antonino Ingroia
Riferendosi al passato Astir mi che in passato era diverso insomma chi oggi ha assunto queste
Dimensioni di centinaia e centinaia di persone invece bisognerebbe
Infligge allo solamente ai capimafia parla di qualche decina di persone che dovrebbero subire e questo regime però d'altra parte Andrea le osservazioni e che facciamo noi
è sono anche quelle chi affatto recentissimamente labile legazione dell'ONU che avvenuta a visitare l'Italia e che si è occupata delle detenzioni arbitrarie
Oltre al fatto che abbiamo richiamato da Radio radicale che questa delegazione dell'ONU
Delle Nazioni Unite si è meravigliata del fatto che le istituzioni italiane non abbiano tenuto in debito conto il solenne messaggio del Presidente della Repubblica che chiedeva amnistia e indulto per rientrare nella legalità
Beh far dei rilievi
Anche alle regime del quarantuno bis tetti ad avviso di questa delegazione non corrisponde ai a metri
Internazionali alle convenzioni internazionali alla Carta dei diritti dell'uomo dell'ONU
Ecco mi pare che abbiamo insomma abbastanza commentato questo
Articolo di apertura che direttore di tra
Gli artisti più sanzioni ti ringraziamo sempre per nell'operare anche il bus lasciando se non altro che qualche informazione parto anche della nostra iniziativa
Lo dobbiamo soprattutto all'UI perché la censura completa
Sino a questo punto è infatti appunto ha fatto aprire il numero di oggi del Garante Ansa di mercoledì trenta luglio a a questo articolo di Ingroia su
Revocato il quarantuno bis a Provenzano che ci ha dato però poi appunto a a adito di poter precisare insomma rimettere di nuovo i punti sulle il su questa
Questione importante per lo Stato di diritto nel nostro Paese grazie allora area Bernard-Henri Ciao