30LUG2014
intervista

Riforme costituzionali: intervista ad Enrico Buemi in merito al pronunciamento della Giunta per il regolamento del Senato sulla regola del "canguro"

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 3 min 21 sec

Player
"Riforme costituzionali: intervista ad Enrico Buemi in merito al pronunciamento della Giunta per il regolamento del Senato sulla regola del "canguro"" realizzata da Claudio Landi con Enrico Buemi (senatore, Per le Autonomie (SVP-UV-PATT-UPT)-PSI-MAIE).

L'intervista è stata registrata mercoledì 30 luglio 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Camera, Costituzione, Governo, Grasso, Istituzioni, Italia, Ostruzionismo, Parlamento, Politica, Riforme, Senato, Sinistra Ecologia Liberta'.

La registrazione audio ha una durata di 3
minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Agli radicale abbiamo qui con è ancora una volta il ricordo e mi del Partito Socialista senatore bambine anche intervenuto nel corso del dibattito
In seguito alla alla pronuncia la decisione della Giunta del Regolamento cita famoso ormai regolare delle carnivoro mica mi pare di capire che lì quella pronuncia
Praticamente somale insomma sia stata argomentata sia Ada legittimata dal patto sostanzialmente che dato che la Conferenza dei capigruppo ha preso una decisione politica cieche tempi a quel punto bisogna tagliare gli emendamenti ho capito bene essi il Presidente Grasso in un momento di
Come si può dire in cui la propria
Personalità a superato i vincoli della riservatezza sulle questioni inconfessabili
Ha dichiarato oneste Presidente non è stata dichiarata quello che è la questione di fondo cioè siccome si vuole chiudere entro l'otto di agosto e dato che se non ad grado di sua sponte gli emendamenti si sta facendo di tutto applicando le regole
Quelle che diciamo consolidate e interpretando a piacimento e quelle che
Non ci sono ma sono state prodotte questa mattina
Del potere utilizzare ancora una volta questo
Questa POR ma che è comprensibile
Se la regola è scritta è applicata sempre e non in funzione dalla maggioranza che la determina ma semplicemente in base a un'interpretazione di un accordo di una formula
E definita nel Regolamento è invece
Intanto si è come si può dire approvato un comportamento
Diciamo dopo il fatto che il comportamento si è verificato inventandoci una regola
Che prima non c'era e in secondo luogo modificando tutta una serie di interpretazioni di regole che potrebbero essere applicabili manca ad esempio la regola della Camera dei deputati
Che prevede che
Questo benedetto Juan
Puro possa essere utilizzato
Ma non di fronte a
Procedimenti legislativi che riguardano modifiche costituzionali
Insomma l'attuale maggioranza sa che proprio per non potevano essere a maggioranza IP se stessi per
Relazioni per le braccia Aprica diciamo così contro di lei
Esattamente questo l'errore che fa molto spesso purtroppo la maggioranza di cui io faccio parte non è in uno però pare al per la verità anche l'altra quella di centrodestra
Cioè
Ai aveva diciamo ai
Dirigenti
Delle istituzioni siano esse parlamentari e governative fugge il fatto che
E le regole fatte in funzione delle proprie convenienze temporanee spesso producono effetti destabilizzanti e gravi quando la base storica ha cambiato l'alternanza delle reinterpretazione proprio diciamo così piacimento da virgolette non porta bene la regolare tutela di maggior
Sei minoranze così si può andare avanti con la riforma costituzionale presenta senatore guardino AIOP penso che non ci sia il clima costituente
Per dare agli italiani il un nuovo patto fondante dei propri rapporti democratici
E di i stile di governo noi stiamo facendo un'operazione
Credo soltanto mediatica nel senso che un clima Lisma riformando la Costituzione
Sinora stiamo tentando di di riformare la Costituzione non vuole
Ieri essere diciamo
Nella grammo ma non credo che si andrà da nessuna parte quindi è un esempio di come il Partito socialista e come sempre un saluto a dare più radicale