30LUG2014
intervista

Intervista a Cesare Salvi sulla riforma del Senato

INTERVISTA | di Claudio Landi Roma - 00:00. Durata: 5 min 6 sec

Player
"Intervista a Cesare Salvi sulla riforma del Senato" realizzata da Claudio Landi con Cesare Salvi (docente universitario).

L'intervista è stata registrata mercoledì 30 luglio 2014 alle 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Camera, Costituzione, Csm, D'alema, Europa, Flessibilita', Governo, Istituzioni, Lavoro, Legge, Legge Elettorale, Libia, Magistratura, Ostruzionismo, Parlamento, Partito Democratico, Politica, Premio Di Maggioranza, Presidenza Della Repubblica, Proporzionale, Referendum, Riforme, Senato, Ue.

La registrazione audio ha una durata di 5
minuti.

leggi tutto

riduci

00:00

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui con noi Cesare Salvi i giorni e l'attore sulla forma di Governo se non ricordiamo male nella Commissione bicamerale presieduta da Massimo D'Alema allora professore salvi formelle professore appunto di diritto civile se non ricordo ma però anche prima
Ecco professor saldo senatore salvi riforma costituzionale è possibile un referendum confermativo sulla riforma costituzionale anche si ci sarà la maggioranza di potersi nel seconda lettura
Ma molto difficile che perché è molto difficile perché è una specie di comma ventidue cioè se
In questo testo viene messo come alcuni emendamenti che la legge sarà sottoposta al referendum
La norma che prevede il referendum può entrare in vigore solo scelte è già entrata in vigore la riforma costituzionale altrimenti non è applicabile quindi avremo la realtà
Un meccanismo non di reperendo mo'come si chiama impropriamente
Ma rende il senso confermativo cioè un giudizio su un testo che non è ancora entrato in vigore come quelle
Vedere articolo centotrentotto della Costituzione ma avremo un referendum su una legge costituzionale già entrata in vigore
Quindi se vorrei cioè non si è mai più simile
A quello che ricordo concernente le referendum ordinaria insomma quelli previsti per legge ordinaria finiamo assai bene attenti a quello che scrivono per non creare ulteriori pasticci oltre molteplici già contenuti in questo testo non so se
è stato chiaro quindi mi pare di capire lei dice essere la la norma che prevederebbe eventualmente il referendum anche il caso non c'è anzi i due terzi e sarebbe non sarebbe promulgata Villesse non insieme alla legge costituzionale ma la promulgazione leggero sale per sarebbe bloccata per fare il referendum
Appunto non potrebbe essere bloccata se è bloccata non si può fare per saremo se si vuole fare referendum deve essere già entrata in vigore
Alla mente nulla impedisce che in via eccezionale si faccia un referendum abrogativo sulla riforma costituzionale ma non applicando l'articolo centonovantotto devono inventarsi un marchingegno apposito e quindi marchingegni
E poi ci sono tanti che lei comunque molti dicono questa una nervi informa in senso torri Dario a leggere sembrerebbe molto più una riforma in senso confusionario non so se sono del tutto d'accordo
Mellea petto diciamo autoritativo se lo si vuole usare questa espressione
Deriverebbe dal combinato disposto
Della riforma costituzionale del quello che viene chiamato vitali comune cioè la legge elettorale
Approvata dalla Camera quelli banche quanta confusione non è da poco che non è da poco anche quelle in quanto confusione perché
Con il premio dato al primo partito la prima coalizione o quello che sia
Può accadere che abbia la maggioranza assoluta alla Camera
Un partito anzi certamente accadrà che maggioranza assoluta un partito a coalizioni corrispondentemente il Senato che sarà una letto
Il secondo grado se rimane questo testo ma certamente non in modo proporzionale nel senso ancora intendono le persone normali nonostante quello che c'è scritto nel testo
Una maggioranza che una forza politica che in quel momento abbia il venticinque trenta per cento dei voti dispone della maggioranza assoluta
Da che le consente di reggere i presidenti Repubblica i giudici costituzionali i membri del CSM e anche
Appare ulteriore riforma costituire gli dice c'è uno sbilanciamento dei poteri checché ne dicano alcuni costituzionalisti e politologi SIPEM riceve un effettivo sbilanciamento dei poteri doveri che
Uno può dire e ma dando vince il PD male Costituzione non si sa quanto tempo dura nove si arriva qui
Una forse ci siamo accorti come
Dico che sia probabile ovviamente non è auspicabile ma è persino possibile perché
Con l'economia e le condizioni sociali abbandonata a se stesso
Anche da questo Governo per il tutto si occupa tranne che di questi temi Giacoia proposta ma il ciò Barak perché la Scala anche ministro il lavoro che fino a tante scuse
Ma questa è una buona domanda che fine ha fatto il job partite che fine ha fatto la riforma fiscale
Vedremo Ghezzi ne farà il DIEF perché se non capisco male le previsioni fatte dal Governo non reggono swahili eritemi vedere quella famosa flessibilità e di essere Unione europea
E le vere questioni l'altro giorno bar forse proprio ieri o l'altro ieri invece ha fatto un Twitter io lamenta concentrata sulla Libia
Avrà la mente concentrato sulla Libia ma che sta facendo neanche libero se non vanno particolarmente non mi pare ma e liti questo famoso Cemes
Tre di presidenza italiana vuol dire che se c'è un problema di questo tipo e il presidente di turno abbia convocato prende iniziative eccetera invece
Zero assoluto salvo il povero ambasciatore speriamo speriamo bene chi è rimasto lì mentre tutti gli altri se ne sono andati perché stiamo Cesare Salvi cioè relatore in Bicamerale nella Commissione bicamerale di Massimo D'Alema sulla forma di Governo con l'ascolto da Radio Radicale