28LUG2014
dibattiti

Nuovi criteri per l'ammissione alla scuola di specializzazione nella facoltà di medicina

CONVEGNO | ROMA - 18:00. Durata: 3 ore 20 min

Player
Incontro, organizzato trasversalmente dai vari gruppi Parlamentari.

Convegno "Nuovi criteri per l'ammissione alla scuola di specializzazione nella facoltà di medicina", registrato a Roma lunedì 28 luglio 2014 alle ore 18:00.

Sono intervenuti: Paola Binetti (deputata e membro della commissione affari sociali, Per l'Italia), Giuseppe Novelli (rettore dell'Università di Roma Tor Vergata), Eugenio Gaudio (preside della Facoltà di Medicina dell'Università la Sapienza di Roma), Paolo Maria Rossini (direttore dell scuola di Specializzazione di Neurologia, Università Cattolica Sacro Cuore),
Daniele Livon (direttore generale per l'Università, lo studente e il diritto allo studio universitario), Andrea Lenzi (presidente del Consiglio Universitario Nazionale (CUN)), Andrea Silenzi (segretario dell'Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM)), Gian Luigi Gigli (deputato, Per l'Italia), Alfonso Barbarisi (ordinario di Chirurgia alla Seconda Uiversità degli Studi di Napoli-SUN), Alessandro Pierucci (ordinario di nefrologia all'Università degli Studi di Roma "La Sapienza"), Giulia Bartalucci (referente Nazionale FederSpecializzandi), Diego De Angelis (vicepresidente dell'Associazione "Medici in formazione"), Giorgio Re (neo laureato in Medicina presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza"), Davide Pianori (laureato in medicina presso l'Università di Bologna), Nicola Ferraro (direttore scuola di spacializzazione di geriatria della Federico II di Napoli), Davide Marsigliani (spacializzando in medicina d'urgenza presso l'Ospedale Gemelli di Roma), Giuseppe Frieri (professore di Gastroenterologia presso l'Università dell'Aquila), Federico Rotondo (ordinario di Radiologia alla Seconda Università degli Studi di Napoli), Giuseppe Tonini (professore Associato, Settore Scientifico, responsabile UOC di Oncologia Medica), Stefano Maria Magrini (ordinario presso l'Università degli Studi di Brescia).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Formazione, Malattia, Medici, Medicina, Politica, Salute, Studenti, Universita'.

La registrazione video di questo convegno ha una durata di 2 ore e 49 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

18:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Professor Rossini
Visto come si fa come a scuola condotto ciascuna
Uno che identifichi con nome e cognome quasi riesce a seguire ad avere l'attenzione di tutti
Allora
Stiamo aspettando anche il professor Frati e il professor Gaudio che arriveranno penso a momenti come c'è stato preannunciato
E quindi però io propongo di cominciare il perché davvero i temi che vogliamo affrontare insieme non sono poche suppongo che
Piacere poi sarà di avere un un dialogo un'interfaccia fra tutti
Anche se come sempre succede prima che
Si cominci c'è il momento della comunicazione informale che già quello da solo varie no la scarsa CRI fine ce lo sforzo che si è fatto per attraversare Roma a quest'ora così così calda
Bene
L'obiettivo di questo incontro è veramente un po'ha tante facce ditte
E una è certamente quella di affrontare insieme di cercare di capire insieme
Quale la ratio che ha guidato questa decisione indubbiamente molto innovativa
Che è quella del concorso nazionale per le scuole di specializzazione
Cercando di capirlo in questa prima parte dell'incontro più nei suoi princìpi hanno i suoi valori e quindi anche nelle sue luce nelle sue ombre e nella seconda parte dell'incontro nella sospetto anche come dire più
Tecnico perché poi alla fine anche i principi valori camminano sempre con le gambe delle regole con le gambe dei criteri
E camminano anche con la capacità da parte nostra di rendere veri i principi non basta fermarli principino bisogna poi mettere i mezzi e le condizioni
Sulla parte diciamo sulla sinistra di questa sala ma non c'è molto da
Da sbagliati cento strana rappresentanza di giovani
Che sono stati davvero anche loro tra i grandi animatori di questo processo di cambiamento
C'è capitato molte volte con il collega
Gian Luigi Gigli con il collega Raffaele Calabrò che oggi non può essere con noi ma che è stato magna pars di tutto questo processo anche di il dialogo e di scambio di comunicazione ci capita per incontrarli molte volte di incontrarli spesso non dentro l'istituzione ma fuori piazza Montecitorio ha una sua struttura scenografica che forse voi anche oggi avrete potuto vedere
Che si presta molto bene alle manifestazioni si presta molto bene da un lato alle proteste ma si presta anche molto bene come dire a mettere in evidenza quelli che sono i propri diritti soprattutto quando si pensa
Che propri diritti siano diritti negati
Quello che mi sembra interessante quello che io ho recepito in questo anno di incontri più frequenti diciamo proprio anche abbastanza ravvicinati
Esatto le esigenza di due grandi valori che non dobbiamo perdere per strada anche nel momento in cui ci soffermeremo a guardare più in profondità il sistema delle regole
I due valori a cui i giovani ci hanno sollecitato con grande insistenza sono da un lato la trasparenza dei criteri
E dall'altro la garanzia che l'approccio sarebbe stato realmente meritocratico
A questi due valori la trasparenza la meritocrazia si aggiunge un terzo valore che è quello diciamo dell'efficacia dell'efficienza cioè che processi di fatto si realizzano secondo una dinamica secondo una logica
Che quella che li rende come dire oggettivamente fruibili da parte delle persone interessate
E perché io voglio spendere due parole su questi valori
Perché i regolamenti quello che poi qualcuno di voi saputo ha potuto prenderli nell'entrata ma ormai è disponibile facilissima mente in Gazzetta Ufficiale in tutti modi se qualcuno niente ce lo chiede faremo in modo di fargliela vedere come si dice direttamente sul desktop
Quello che non
Quello che noi dobbiamo riuscire
A mantenere
E veramente questa accoppiata di valori trasparenza e meritocrazia quella te ne stiamo discutendo in questo momento in Aula
In questo momento in Aula il decreto legge sulla pubblica amministrazione decreto-legge sulla pubblica messa sono anche lì dalle sue parole chiare uno adesso parole-chiave semplificazione
L'altra parola chiave e quella di una decisa determinata come dire insistita lotta contro ogni forma di possibile corruzione
Anche lì quello che si tratta di non perdere di vista tra i tanti cambiamenti ha il recupero questa dimensione etica tra pubblica amministrazione il che trasferito il dibattito che noi vogliamo non tanto fare perché sono stato anche un dibattito da fare
Si tratta piuttosto di una consapevolezza di quelli appropriarci e la consapevolezza di una
è chicca accademica forte
Non potete immaginare le storie ve le risparmio tutte perché io all'inizio non ci credevo
Sono
Sono un po'fortunata nel senso che vengo da realtà forse
Dalla mia di quando ero piccola qui ci sono tanti colleghi tanti amici del Gemelli ma
Il Gemelli dei tempi d'Oro come influiscono no e che e anche dalla realtà del campo su dove poi io
Ho trascorso una parte importante della mia vita professionale accademica
Mi sembrava che certe storie non fossero vere
Devo dire che mi sembrava impossibile che ci fossero fatti così gravi
No gravi di
Come vogliamo chiamare
Di ma l'Accademia per trovare un termine così e proprio è come dire proprio cosa che non crei in realtà
Sono stati talmente tanti gli esempi le storie i modelli che io credo che è stata questa percezione di un sistema che in qualche modo presenta una sua patologia di sistema
Che ha spinto poi apprendere una scelta così radicale
Come questa scelta del concorso nazionali che indubbiamente presenterà delle Ucci ma io sono certa che presenterà pure lei come tutto una serie di cose anche delle ombre
Io quello che vorrei me lo auguro proprio a livello di convinzione personale profonda di chi crede veramente che in questo paese le cose diverse sono possibili è che tutti insieme
Ci riappropriamo di questa visione della del mondo universitario di questa visione della sanità
Di questa visione della Facoltà di Medicina come di una visione in cui abbiamo ritrovato il gusto e
Di una etica della formazione il gusto di chi crede davvero che gli studenti che
Presentano qualità talenti capacità avranno un'opportunità
Sapete tutti quella vecchia frase che gira che l'università non si può vivere senza un padre senza un padrino o senza un padrone
Ecco noi vorremmo che invece in questa Università nuova
Che potrebbe in qualche modo ritrovare un pezzo una nostalgica della sua innocenza vorrei che ogni ragazzo potesse credere quando si schiva medicina potesse credere davvero che se mi studia se mi si impegna se fa le cose che sono richieste lo impone
Questo è stato quello che accade atto presso queste parole forse sono rivolte più le persone più grandi che ci sono qua dentro ma ma
Quello che ha creato davvero il miracolo italiano
Il miracolo italiano è stato possibile perché la gente ha creduto che se si impegnava Potì
E questo è il meccanismo diciamo tra virgolette di speranza molto forte di un impegno determinato
Che io vorrei che noi ritrovassimo come patto che è un patto accademico ma che anche un patto sociale che è un porto anche politico
Tra i più giovani
E coloro che invece hanno già fatto un sacco di strada e che quindi si trovano davvero ad occupare i posti di vertice
Io termino qui il mio intervento do la parola
Alla magnifico rettore dell'assetto debolissima di Tor Vergata
E
E certamente il suo punto di vista sarà per me un punto di vista importante perché alla fine non è solo un rettore
Ammesso
Per l'accusa bene benissimo no dopo facciamo senz'altro al secondo tavolo e quindi voglio dire dal Rettore presi dente direttore evidente direttore direttore di scuola in tutto no mandorle
Non è un privilegio
E sono un itinerario di fatica di
Scalini per cui di strada fatta e quindi anche una conoscenza nel bene e nel male delle luci e delle ombre che insistono ha comunque la nostra logica oggi sono loro
Noi siamo qui per capire come rendere migliore il sistema per timore grazie
Grazie grazie Paolo in penso
Dovette innanzitutto a nome di di tutta la comunità accademica esprimesse un ringraziamento lo faccio anche a nome della Crui precedente per le aree mi ha incaricato di esprimerti questo ringraziamento perché l'iniziativa che tu hai fatto
Va nella direzione giusta è quella di avvicinare appunto a tutti noi e si fa sentire
I colleghi in questo caso direttore di scuola qui presente sempre più vicine
Al sistema diciamo al sistema delle decisione
Io non non voglio naturalmente per non perder tempo e dare spazio agli altri discutere il decreto appena uscito il numero centocinque come voi sapete perché contiene
Il Regolamento mai e ben definito quindi a dare a discutere come perché è come quando sarebbe per me una perdita di tempo considero invece importante partire da questo
E cercare di
Vedere dalla base di questo dare indicazione suggerimenti a chi dovrà operare dopo MIUR e salute per ciò che riguarda alcuni aspetti organizzativi
Pratici pratici e soprattutto per ciò che riguarda
Il diciamo così futuri regolamenti applicativi
Allora il punto cruciale che voglio sottolineare
E che e già all'epoca di cui e quando facevo parte dell'Osservatorio nazionale scuole di specializzazione avevo ampiamente lavorato su una ipotesi della
Diciamo così della graduatoria nazionale anche su base macroregionale
L'ipotesi ormai c'è
Andava bene si è discusso moltissimo su questo c'è un punto critico il punto critico e che affinché questo sistema funzioni c'è bisogno di una sola cosa
E cioè il criterio di garanzia di qualità
Formative in tutte le scuole deve essere ovviamente garantito a tutti
Non possiamo fare una graduatoria nazionale in cui abbiamo ovviamente tipologia e Standard e scuole differente questo e il primo punto e per la maggiore criticità di una situazione del genere cioè noi dobbiamo offrire i nostri specializzandi gli stessi
E analoghe opportunità formati su questo dire che siamo tutti d'accordo perché altrimenti non non non raggiungiamo l'obiettivo come si fa questo
è evidente che questo si fa con un solo modo il modo con cui l'Osservatorio aveva già iniziato a fare e ha dato dei risultati interessante cioè quello di stabilire con le sai crisi
E quindi con controlli per garantirlo Stendhal di qualità
Che riguardano quelli che sono i requisiti di docenza requisiti strutturali i volumi di attività la tipologia rapporto al numero degli iscrivibili e quindi tutta una serie di cose che riguardano le caratteristiche della scuola cioè la certificazione del possesso dei requisiti da parte del MIUR
E diventa un argomento direi
Cruciale in questo aspetto perché naturalmente
E solo così
Che rispondiamo a quei
A quegli indicatori che tu hai detto di trasparenza che ci chiedono i nostri
E l'unico modo per far queste che ci sia appunto una struttura un organismo che lo possa fare con un'attivazione immediata di ricostituzione subito dell'Osservatorio nazionale e l'attivazione di tutti gli osservatori regionali perché è evidente che
Ogni cosa deve essere anche rapportata ciò che l'attività che viene svolta all'interno di una singola regione
Cosa devo cosa si dovrebbe fare in questo per garantire questi Standa di qualità
Lei sa chi vi si devono mirare a fare tre cose la valutazione degli standards strutturali della scuola la valutazione dei requisiti specifici richiesti dalla singola specialità e la valutazione del profilo organizzativo Ai fini della formazione
Questo che cosa dovrebbe consentire che noi dobbiamo andare acque a raggiungere questi standard
Valutando quindi l'organizzazione i profili di referenti le aggregazioni e la rete formativa poi su questo dirò due cose perché quelle un punto cruciale con il Servizio sanitario nazionale il training all'Out campo degli specializzandi noi non lo sappiamo
Cosa fanno dove vanno quanti vanno e dove come finiscono e soprattutto il rapporto nell'altro campo con
Il dottorato di ricerca
E questo è un punto essenziale vado quaranta e poneva come sapete
Una uno uno una uno una joint tra questi due sistemi di formazione post-laurea
Qui tra l'altro in questo decreto è ripreso perché da un punteggio anche buono a chi ha già conseguito il dottorato allora però lo specializzando che si perde di vista
Cosa gli conviene fare prima la specializzazione poeta il dottorato fa prima il dottorato perché voglio serve come punteggio per entrare nella scuola questo crea dubbi nello specializzato e questo va tolto questo duplice va chiarito se dobbiamo integrare meglio il sistema
Per poterlo appunto arrivare ad una migliore garanzia per il nostro e il nostro specializzato
Naturalmente tutto ciò richiede che dobbiamo andare proprio nel merito di ciò che riguarda gli standards operativi
Valutazione delle convezione dei processi di qualità
Vedere chi eccome fa parte della rete formativa quale ospedale perché ci vuole quell'ospedale come mai è stato inserito non possiamo più tollerare che ci siano nella rete formativa strutture che non hanno gli standards e di nessun tipo o addirittura strutture che non garantiscono poi quella formazione se non magari qualche
Qualche spazio a qualche collega del passano col tempo là dentro e questo non va assolutamente più bene
Noi dobbiamo raggiungere quindi una performances di impropriamente a tutti i punti di vista per poter evitare appunto poi quelli che sono le critiche successive al sistema
E quali sono le critiche che sul quale dobbiamo stare attenti cioè
E quello perché il momento abbiamo in qualche modo raffreddato
Cioè quello che era contenuto nel patto della salute e che ripristina tutta il discorso della formazione dei medici specializzandi all'interno del servizio sanitario nazionale negli ultimi due anni di corso di corso di formazione allora qui
è chiaro che non può essere che da Blair vengono assunti automaticamente diventano una nuova figura professionale queste persone che tra l'altro ci sono anche
Limitazione di legge a questo riguardo su questo i Rettori hanno prodotto un documento
Qua abbiamo lavorato io flusso Frattini bussola Gallai quant'altro in maniera molto specifiche accurate che l'abbiamo già trasmesso al Ministro Lorenzini su questo dobbiamo stare molto molto attenti perché e chiaro che la Scuola di specializzazione all'interno di un sistema sanitario nazionale
Deve essere previsto ma in conformità con gli ordinamenti didattici
Il medico informazione e incardinato Edelma pericolante in un'università non può ricevere un contratto
è che esula da ciò deve essere in questo questo quadro perciò definito tra accordi precisi e corretti tra università e aziende sanitarie nazionali e il collegio di scuola che deve in qualche modo
Definire e standardizzare l'inserimento di come dove quando deve andare lo specializzando e questo naturalmente più consono
Profili giuridici che non non voglio qui qui discutere a questo aspetto ma nel documento che abbiamo prodotto sono riportate in maniera precisa
Ed accurata
è evidente che tutto ciò va fatto di intesa perché sappiamo benissimo che non ci può essere
Unilaterale questo discorso il migliore
Deve lavorare d'intesa ovviamente con la con con la salute e per arrivare
Naturalmente che lo specializzando non deve essere considerato un medico che serve a coprire delle défaillance Sistema sanitario nazionale e qualcos'altro
E questo qualcos'altro barre insomma
Partecipe di tutto ciò che il suo processo formativo che solo le università d'intesa con contro con le strutture eventualmente sanitario
Possono possono garantire ecco io mi fermerei qui perché penso che sono questi tre punti chiave sui quali poi magari
Sugli aspetti più precisi così non poco spazio anche agli atti
Grazie infinite ovviamente tutto questo che ha detto il professor Morelli come guardo il mio amico collega Gigli qua sono tutti contenuti in disegni di legge diversi
E seguono iter legislativi diversi questo potrà sembrare sorprendente per per le persone che ci sono qui ma mentre noi abbiamo
Il decreto che riguarda le scuole di specializzazione il Regolamento scolpito sono è un filone coi accennavo prima adesso in Aula c'è quello sulla pubblica amministrazione che riguarda non solo letta
Dei docenti riguarda anche le scuole di specializzazioni riguarda i modelli dell'assistenza della disabile e tutto contenuta all'interno del decreto riguarda le abitazioni Centrica nazionali
Quindi questo per rimanere soltanto in temi sperimentali di nostro interesse nel decreto sulla pubblica amministrazione c'è un aspetto squisitamente
Verso il MIUR e un altro aspetto che squisitamente guarda verso il Ministero della salute questo all'interno di mille altre cose molte settanta gli articoli di questo decreto
Questo per dire poi c'è quello del Patto per la salute a cui ti riferivi tu in cui era contenuto quest'altro aspetto che è quello di
Come si gioca la figura del medico informazione tra il sistema dell'Accademia dell'università e il sistema diciamo chiamiamolo così ospedaliero
Fermo restando il riferimento che tu hai fatto
Al
Possibilità di creare delle sinergie positive ci sono tre punti che non si possa dimenticare primo è un medico informazione quindi non deve coprire Bucchi tra virgolette alla sanità
Secondo la responsabilità della formazione spetta e compete alla scuola di specializzazione e quindi è sotto la diretta responsabilità
De direttore evidentemente nel collegio dei docenti della scuola trascorsa
Terzo poi che in Italia il sistema Italia che senza una specializzazione non si può accedere diciamo una sorta di ruoli istituzionali i ruoli pubblici è necessario garantire a ogni studente di medicina
Nella percentuale del novanta per cento perché quella per cui in tutte le università italiane complessivamente si laurea novanta per cento degli studenti e la facoltà
Con il CUG graduali il livello di successo un maggiore di tutte quante come questo non perché nessuna regali niente ragazzi ma perché c'è un livello di motivazione e di passione di sensibilità una dimensione
Diciamo etica del proprio lavoro così forte
Per cui se ne laureano anta per cento a questo novanta per cento non al quaranta per cento non al cinquanta per cento non al sessanta per cento ma al novanta per cento
Vanno garantite quelle condizioni quel sono la possibilità di frequentare il buono scuola speciazione voi la Scuola di medicina generale
Ma va garantito o vuoi un dottorato di ricerca ma va garantita la possibilità di continuare i suoi studi sono un po'i punti
Mi sembra qualificante di quello che ho già detto sono contenuti in disegni di legge diversi richiedono quindi una attenzione
A quelle figure di cerniera che si muovono tra il monto accademico il mondo della sanità il mondo politico un'attenzione particolare e una convergenza una collaborazione efficace peggio intervenire tutti
Grazie nato dell'invito mi scuserà sito tardi varato dall'altra parte l'idea di fatto il giro la Vespa nove grazie dell'invito perché ci permette di fare il punto brevissimamente su una situazione che ci dica che ogni tanto ricapita
E io penso che però quando si trattano questi temi sia che si tratti delle scuole di specializzazione sia che si tratti del l'età pensionabile viene a fare una scelta di fondo parto dall'età pensionabile per capirsi siamo pubbliche ampie corno
Perché se siamo purché impiego quando ci hanno quarantadue anni contributi si leva di torno
Punto e basta oppure non siamo pubbliche impiego e ci regoliamo con regole diverse rimane fino a sessantacinque settanta ottanta anni chi efficiente ed efficace quello che ha cinquant'anni non fa niente viene cacciato
Cioè non ci sono alternative acquisto non si può pensare di avere il pubblico impiego la sicurezza del posto di lavoro anche se non si fa niente magari se si rema contro l'istituzione
Se si rema contro l'istituzione
E poi da un lato reclamare efficienza efficacia merito grazie alle stelle aerobasi invece le scelte vanno fatte di fondo quando si parla di scuole di specializzazione sapendo che l'Europa intera e molto protezionista
Ma la domanda che ci facciamo si diventa più bravi nascono esplicitazioni Stati Uniti o in Europa negli Stati Uniti o in Italia
E allora se io faccio parte del board della società americana di patologia per motivi diversi avvenisse diritti in tre anni si prenderà speciazione dice laboratorio
Che danno che si chiama patologia clinica in un ulteriore anno si prende quelle di natura e patologico viceversa cinque a tre anni se ne prende due
In cinque si prende anche Medicina Trasfusionale tendo in cinque anni più o meno viva chiari se ne prende una
Smettiamola con l'ipocrisia di quella dicendo non copre pianta organica perché non è vero
Perché se pretendiamo che non copra pianta organica allora il chirurgo non lo fa operare
Se pretendiamo che non copra pianta organica fa queste allora questi pochi sia leviamo di torno e capiamo per davvero che cosa dobbiamo fare c'è stata una polemica fra
I che lo Stato la California lo Stato di New York che perché nella California
E per iscritto tanta azione di frequenza settimanale in ospedale
Quello di ieri orche la cavata ottantasei ottantaquattro in California devi fare per tutti gli anni due ore in più per tutte le settimane che non hai fatto mentre da noi trentasei ore se va bene quando va bene roba simile la stessa questione
Il danno colossale
Che ha fatto le scuole di specializzazione io sono stato favorevole a questa retribuzione lo basino bis del Codice o roba
Il fatto che nessuno studente più al terzo quarto anno entra chinato mia patologia in patologie generale biochimico fiducia il chirurgo entrava su questo
Perché acquisiva la mente del ricercatore mentre invece al terzo quarta hanno cerca di capire dove andrà a parare e va dietro il professore che forse vi garantirà la Scuola di specializzazione
Concorso nazionale locale più o meno sarà la stessa cosa
Il danno di non avere più la logica sperimentale per cui poi non ci possiamo meravigliare dei casi sta Mina se per caso noi abbiamo
Quei casi tutti quelli precedenti che ci sono stati
Boni fa il suo quant'altri roba si gioca un pegno tentando se noi abbiamo rinunciato a fare acquisire allo studente nel momento della formazione la logica sperimentale per la quale e vero ciò che oggi è dimostrato domani se ne sarà un'altra di verità ma oggi è quella
Allora io credo quando mettiamo mano a questa materia al di là di corporativismi l'Anaao lampada o la mia è una la mia Roma ormai cacao meravigliavo ero passive che vogliono un pezzo di specializzazione
Cerchiamo di ragionare nella logica di come ragione ad uno studente che vuole apprendere al al quale viene frega nulla tutte queste storie
E se si fa il confronto internazionale la strada e molto precisa capisco che è difficile
Capisco che le resistenze interne nostri degli universitari come gli improprie improprie reclami di competenze da Partito spererei che mi hanno prossima zero molti molti ne hanno
Ma allora il problema vere si fa la Rete formativa se si fa la rete a formativa quali sono le condizioni per essere criticati entra rete formativa il San Camillo per entrare da formativa al chirurgo lo fa operare si o no e quarantuno
Lo fa operare in si o no e quanto che il punto vero nodale di questo tipo oppure le convenzioni sono tutte private del professore di Chirurgia del Policlinico con l'amico del San Camillo oggi solleticato quindi lo ha danzato mandare a San Giovanni
Perché sono tutte convenzioni individuali
Allora io credo che o entriamo per davvero all'interno del sistema all'interno del problema sia quando parlavo del pubblico impiego
Sia quando parliamo di studente specializzandi e di funzionamento del sistema
Tutto il resto è per
Favorire gli amici preservare uno steccato che ci siamo costruiti impedire agli altri che vengono dentro steccato però lo studente uno specializzando all'interno del giuramento è
Un carattere accessorio grazie
Professor Gaudio che insomma credo che non abbia successo grazie ripresentato comunque
Carenza di Preside di Facoltà di Medicina
Grazie innanzitutto alla professoressa onorevole Binetti per l'invito e anche per la
Sensibilità per aver organizzato questo incontro che è importante in un momento
Diciamo delicato per
La definizione di quelli che sono diciamo gli indirizzi del Paese su queste questione
Io mi permetterei innanzitutto di data la sede in cui ci troviamo
L'ambito politico in cui si devono muovere queste
Diciamo decisioni di fare alcune riflessioni io penso che l'Italia con la
Crisi e con la spending review sia perdendo una grossa occasione ho avuto già modo di dirlo anche in precedenti incontri
Perché il momento io di i fare le valutazioni un po'approfondite su i settori in cui siamo in ritardo rispetto agli altri Paesi sui settori in cui invece siamo ipertrofico rispetto agli altri Paesi
Con i quali ci dobbiamo confrontare e diciamo che poi le vicissitudini anche finanziare con tutte le loro esasperazioni per non sono altro che un altro
Epifenomeno del delle differenti velocità e delle differente organizzazione a cui Simona i verso i Paesi della
Dell'Europa
Quindi la spending review era un'occasione per verificare dove il nostro Paese si trovasse il ritardo e a tutti non risulta più paesi dove il ritardo per quanto riguarda le scelte fondamentali per il futuro del Paese
Dei giovani di cui si parla tanto male con i quali poi si riesce a far poco
Perché se è stato un problema trovare anche i fondi per le scuole di specializzazione vuol dire che poi l'attenzione reale per il problema è la formazione dei giovani insomma sono più declamati che non che non praticati perché dico questo perché il primo punto da cui poi nasce un po'tutto il resto del il sotto investimento cronico che evita che fa in formazione e ricerca
E adesso sta cominciando a farla anche in sanità
Tre aspetti che ci interessano tutti e che a mio modesto avviso sono un po'le basi non
Negoziabili di un welfare che importante da mantenere e che sono dei punti su cui il Paese nonostante tutto non si trova in posizioni così arretrate come si trova su altri settori
Quindi non investire in formazione in cui non abbiamo ancora un sistema formativo che cotutela le difficoltà produce laureati di qualità come sappiamo quando poi e si si collocano in altri contesti
Non investire razionalizzare bene in sanità
E tutti sappiamo è uno dei pochi settori in cui l'Italia ci ha performances a livello internazionale di efficacia ed efficienza ben validate secondo me è un errore quindi il primo punto che mi permetto di sottolineare in questa sede
E che su questi aspetti va fatta una riflessione di tipo generale probabilmente vanno prese
Delle decisioni un po'più
Coraggiose di quelle che sono state prese fino alla se non si fa questo contenere ma discutere dei minimis si riproporranno sempre gli stessi problemi ma diciamo le decisioni di fondo per rilanciare il Paese
Che un rilancio culturale morale da cui deriva tutto il resto probabilmente ecco non non vengono fatti e i risultati non si vedranno nel nel breve nel medio e tra un poco
Nel lungo periodi
Questa è la prima riflessione che volevo
Svolgere in questa
Sede seconda riflessione per quanto riguarda un altro problema politico di fondo
Che Hillary diciamo dicotomia è la competizione che c'è sulla formazione di fatto fra l'Università
Il sistema sanitario nazionale che è un errore è un errore clamoroso ed è così avvertito che quando leggiamo l'articolo uno della legge parla di leale collaborazione fra università E sistema sagge il fatto che debba essere sottolineato mi pare che sia significativo perché in realtà molti problemi nascono da una mai sopita no o voglia del sistema sanitario di atti
Si reca competenze che sono
Dell'università e questo va tenuto presente a livello politico anche perché in politica poi i numeri contano i pesi relativi diciamo contano bisogna tenerne deviante nella debita considerazione
Dico questo perché molte delle problematiche che hanno impedito l'attuazione di tutto una serie di norme
Che sono in parte
Previste Mattel non riescono a trovare attuazione e perché di fondo c'è questa scontro che ogni volta si ripropone su diversi livelli Mendel diverse modalità
Ogni volta che il cambio di Governo di fatto si ripropongono testi normativi che insomma conosciamo bene che sono bloccati per la legislatura poli partono quella successiva e così via
Perché io credo alla
Collaborazione leale fra università il sistema sanitario la nazionale o meglio regionale vi per come attualmente organizzata
E o macro regionale perché e perché attualmente gli investimenti possibili non consente note uscire da questo ircocervo che la sanità universitaria per cui
Tutti tale bisogna utilizzare strutture del sistema sanitarie per poter fare
Formazione
Primo punto di criticità e l'applicazione della legge due quaranta che prevedeva entro centoventi giorni dalla sua emanazione
La stesura dell'approvazione di un schema tipo di protocollo di intesa nel quale sarebbero state risolte la gran parte di queste problematiche identificando tutto una serie diciamo di elementi fra cui anche quella che è importante per le scuole di specializzazione ma penso in genere per la formazione
Della rette formativa che è stata una diciamo enunciazione che ormai a oltre dieci anni ma non è mai stata realmente
Diciamo realizzarlo la rete formativa che cosa presuppone
Presuppone che la
Questa rete sia concordata a livello
Centrale cosa intendo per livello centrale fra
L'università e la Regione e non lasciata come veniva detto prima d'accordissimo ingordi estemporanei come oggi e spesso
Ho e identificando gli ospedali di qualità e anche su questo abbiamo tutti gli elementi c'è stato un gruppo di lavoro un tavolo misto al Ministero
Della università che ha definito anche quali sono i requisiti specifici perché un ospedale venisse considerato di qualità e potesse partecipare alla rete formativa
Questo consente due cose uno
Di identificare la rete formativa se conto vinti secondo di introdurre i responsabilità operative complesse degli ospedali della rete formativa all'interno della scuola di specializzazione terzo di riservare una quota di attività
E che era stata identificata nel venti per cento che fosse messa a disposizione della formazione degli specializzandi perché se facciamo una rete formativa
Sul presupposto che numericamente identificabile che una scuola con la unica struttura dell'azienda ospedaliera universitaria di riferimento non riesce a soddisfare no la formazione che ricordiamo può essere utilizzata
Al trenta per cento e non completamente da più scuole per cui spesso su alcuni reparti insistono dieci undici scuole no con e allora c'è bisogno di un ampliamento
Ci sono dei criteri di qualità identifichiamo questi ospedali facciamo la rete formativa immettiamo i colleghi ospedalieri che sono presenti all'interno del
Le unità operative complesse che superano diciamo questi
Il cut-off di qualità e facciamo una collaborazione leale questo è quello che diciamo da sempre abbiamo detto scritto sia sotto la presidenza del
Presidente Frati prima sia sotto la mia attualmente la Conferenza le facoltà delle scuole di medicina ribadito più volte queste cose che hanno trovato fra l'altro diciamo accordo
E piena sintesi nel tavolo di lavoro che era stato insediato dal ministro Carrozzo che ha dato il parere sulle scuole di specializzazione
Quindi questo problema che è fondamentale e che risolve la posizione del
Dello specializzando all'interno del sistema sanitario
Regionale in cui abbiamo scritto chiaramente con frasi e non accademica no I tappabuchi per capirci ma sì alla formazione qualificata all'interno
All'interno degli ospedali queste il punto perché se si tratta se si vuole passare finalmente
Da questioni di potere
Perché in questo il punto chi comanda che acquisti e di servizio che serve allo specializzando che serve al Paese io penso che la crisi sia un'occasione unica per fare uno shift dalle questioni di potere
Che poteva andare bene impegno di spesa larga e di che a questioni di funzionalità di un sistema a che abbiamo a cuore per noi per i nostri figli e per e per i nostri nipoti alla vogliamo fare questo passaggio
Di di invece che che comanda sospeso dove si forma meglio vogliamo fare queste reti di qualità che è possibile fare in Italia perché esista
Tanti ospedali di qualità vogliamo dare il ruolo giusta un consiglio della scuola di specializzazione evitando di modificare l'assetto delle scuole di specializzazione ogni anno per cui per molte scuole ci sono cinque diverse configurazioni
No in piedi che rendono impossibile
La gestione delle stesse la vogliamo finire con la fibrillazione normativa e legislativa per dare e una prospettiva a chi ha responsabilità ma soprattutto ai giovani che non sanno più quale il loro
Futuro atto che noi abbiamo delle responsabilità più di quarant'anni secondo me ha delle responsabilità che deve portare avanti
Nei confronti di chi di chi segue lo deve fare cose vieta con spirito di servizio e non semplicemente seguendo logiche di puro bilanciamento di potere necessarie per carità in politica maschi e si sono informate
Da uno spirito le di servizio penso che possano trovare
Una soluzione una soluzione migliore quindi uno dei punti fondamentali da cui nascono tutte altre cose la reale formazione degli specializzandi
Tutti sappiamo che abbastanza buona ancora da un punto di vista della formazione teorica metodologica
Che spesso è molto meno buona da un punto di vista della professionalizzazione
Reale ed è per questo che avere una rete formativa di qualità penso disinteresse di tutti sia interesse di tutti ed è su questo che dobbiamo puntare cosa possibile a legislazione vigente
Un altro punto
L'importante
E quello di della durata delle scuole anche su questo c'è stata una posizione molto chiara che abbiamo portato avanti da danni noi abbiamo un unico obbligo di essere all'interno del normative
Europea e dell'accreditamento europeo delle nostre
Specialità quelli del punto di riferimento chiaro
Sei chiaro questo principio di base io penso che non ci siano corporativismi che possano ma andare contro una linea di buonsenso di di di di di di questo tipo noi dobbiamo essere in linea con la media dell'Europa per i nostri corsi accreditati
è stato una battaglia lunga pericolosi per il Corso di laurea e mi auguro faccio un piccolo inciso che non c'entra con le scuole che modalità di ammissione eh differenti non mettano in discussione a Medicina e Chirurgia
La qualità dei corsi anche la validità europea dei corsi perché se non avremo la possibilità con un sistema di ammissione al primo anno indiscriminato
Di certificare la presenza di fare le attività professionalizzante ne andrà di mezzo anche la validità europea del titolo io penso che noi abbiamo un euro diciamo due stelle polari uno
L'Europa della conoscenza nostro punto di riferimento è l'euro su questa non c'è dubbio penso che dobbiamo essere anche un po'più proattivi in tal senso rispetto a quando non siamo stati al secondo punto e la funzione
Ed è l'interesse di che deve essere preparato
Che deve essere preparato che ha il diritto ma in un interesse del Paese non non spostiamo sempre sui diritti soggettivi dei singoli pure importante quello che mi interessa di generale interesse generale Presidente medici preparati
E ne abbiamo il dovere ciascuno per sua responsabilità di farsi che questo avvenga non è un problema di potere fra università e il sistema sanitario già questo è una posizione di retroguardia mi permetto di dire che va superata
Ecco questi sono le le tematiche generale che volevo sottoporre all'attenzione
Di questo consesso sapendo che il problema vero
E di impostazione mentale se vogliamo agire in termini di sviluppo e di rispetto di quello che l'Europa ci chiede e che i giovani ci chiedono legittimamente io penso che le soluzioni già le abbiamo portata di mano
Invece di continuare assi brillare da un punto di vista normativo
Su cui su quale piano non ci si è ormai più nessuno grazie
Grazie al professor Gaudio mi permetto solo di aggiungere a quella rete formativa che finché non riusciremo a introdurre il concetto di rete formativa che tu hai descritto
Avendo una prospettiva ospedalocentrica
Anche il tema del territorio no non riusciremo nemmeno a risolvere il famoso problema che ogni anno ogni Ministro della salute lancia
Quando dice dobbiamo come dire valorizzare la medicina del territorio a valorizzare la medicina che si occupa delle cronicità della disabilità eccetera il problema è a monte però per l'interno di questa rete formativa vitto e così ben descritto
Professor Rossini che
Direttore della Scuola di specializzazione i neurologi
Al Gemelli creazione Bruxelles assunto da tutti ma siccome
Gli altri vorrei credo corre l'obbligo da parte mia personale di tutti ringraziare l'onorevole Binetti e l'onorevole Gigli per il lavoro che hanno compiuto
Nelle aule istituzionali e anche
Al di fuori cioè nell'informativa con nel flusso di informazioni continuo che hanno fatto arrivare a ciascuno di noi
La presenza oggi credo sia testimonianza di questo lavoro fatto e spero che diventi un qualcosa che si proprio che poi nel tempo perché questo tavolo dovrebbe diventare questa sala dovrebbe diventare in qualche modo una sala permanente se vogliamo
Affrontare in modo coordinato i programmi che sin qui avete ascoltato io son qui di fatto credo soprattutto perché uno fatto parte di un tavolo
Tecnico istituito all'epoca dal ministro carrozza taccuini girarla professor Gaudio ha fatto riferimento coordinato in modo esemplare dalla professor Lenzi
Dove avrei dovuto in teoria rappresentare le cosiddette facoltà private in realtà io questa differenza debbo dire che almeno al tavolo non l'ho mai percepita c'è stato un un feeling immediato molto unitario si è lavorato insieme
Partendo proprio da quello del senso di etica accademica forte a cui faceva riferimento Paola Binetti prima
E movendo ci su dei binari che non so se poi
Saranno quelli che la realtà ci farà vedere dal momento in cui questo nuovo
Meccanismo di selezione diventerà operativo alla trasparenza e la meritocrazia certamente sì speriamo che ci sarà più trasparenza e più meritocrazia di quanto non ci sia stato in passato io aggiungerei una terza cosa che deriva da queste due che è brutto il termine mercato ma in fin dei conti e le nostre scuole di specializzazione confronto i prodotti
Che questo punto i medici in formazione potranno scegliere potranno dire io preferisca andare da lì piuttosto che
E questo sarà
In qualche modo una cartina di tornasole per ciascuno di noi direttore di scuola che ci farà percepire quanto il nostro prodotto formativo viene ritenuto adattata mercato livello accettabile ottimo o meno che è ottima
Abbiamo ascoltato tutti i problemi che nascono da questo Orio organico come sempre accade da questa riorganizzazione ad uno
è stato dato diciamo forse poco spazio sin qui in mano dovremmo riparlare sul problema dello iato tra il numero delle Borse il numero di
I medici che noi ogni anno lavoriamo questo è un problema che
Sta diventando cronico che nessuno affronta in modo
Definito e che prima e poi porterà ad una situazione esplosiva anzi probabilmente già allora
Allo stato attuale e quindi bisognerà capire
Con questa massa crescente di giovani colleghi che non trovano collocazione all'interno delle scuole di specialità che cosa andremo a fare
Ma anche alla prova d'esame il testo sarà un perché sarà un testo sulla volta vedremo come funziona le borse regionali in che con quale modalità e con quale logica con quale
Raziocinio verranno identificate con quale anche equità
Nazionale verranno in qualche modo messe a disposizione
Gli standards certamente riguarda il problema della rete formativa che ricordo che perché
Tutti voi girate tutti voi siete uomini e donne di scienza che
Conoscete gli scenari internazionali io debbo dire che questo problema dello scontro perenne tra università e ospedale tutti italiano c'è la norma
Al di fuori dell'Italia nessuno riesce a capire di che cosa stiamo parlando qui dovremmo veramente riuscire a
In una logica di intelligente superamento di vecchi Standard e trovare una
Minimo comune dove denominatore comune
Perché gli standards riguardano la rete formativa ma debbono riguardare anche noi
Allora ci dobbiamo chiedere credo seriamente e serenamente se la massa di scuole attualmente presente sul mercato sono tutte
Automaticamente al di sopra degli standards di cui stiamo parlando se noi per primi siamo veramente in grado di portare dei prodotti completi
In ogni loro aspetto e superiore agli standards che giustamente pretendiamo all'interno di tutta la rete formativa
Professor Frati prima ha fatto riferimento a due aspetti
Tantissime all'educazione alla ricerca la formazione la ricerca che ancora una volta a mio avviso anche in questo nuovo regolamento viene in qualche modo penalizzata non non è prevista era stato fatto una discussione all'interno
Se almeno valutare in qualche modo le pubblicazioni scientifiche nel momento dell'ingresso una piccolissima cosa ma ecco noi sempre di meno
Prepariamo i nostri giovani siano i sei anni di corso di medicina che poi negli anni successivi al di fuori dei dottorati di ricerca
A diventare ricercatore il problema della demedicalizzazione dalla ricerca non è solo italiano ma certamente non è affrontato
In questo Regolamento e poi non ci dobbiamo stupire se quando andiamo in Europa portiamo a casa
Molto molto meno di quello che potremmo
All'interno internazionalizzazione del titolo forse si poteva fare uno sforzo ulteriore importante appunto rimanere attivi per eventualmente introdurre dei correttivi per far sì che tutte
Che lo scenario che uscirà fuori da questo nuovo Regolamento delle nostre scuole le predisponga in qualche modo a diventare automaticamente CNEL
Nel numero più ampio possibile scuole di respiro europeo in cui i nostri specializzandi siano già pronti
Vai definisce ora entrare sul mercato che oramai
Dovrebbe vedere la riducono libera circolazione di malati e di operatori
Io direi che volevo ringraziare anche funzionari del Ministero che hanno partecipato al tavolo che
Sono stati citati all'inizio da Paola Binetti anche i giovani rappresentanti dei medici in formazione perché
Hanno aiutato a creare un clima di collaborazione fortissima che hanno portato a tutta una serie di competenze inattese inaspettate disperate per certi aspetti che ci hanno aiutato a
Credo fare qualche cosa di utile
Come sempre è uno strumento che parte ci saranno tantissimi
Saranno tantissimi aspetti da raddrizzare
Però nel contempo forse è un momento di crescita che una sala come questa deve riuscire a captare intercettare rapidamente che affar suo fino in fondo
Era solo due cose di quelle che ha detto la prima è
Effettivamente i ragazzini che otterranno le posizioni migliori nella graduatoria del concorso sceglieranno la scuola dove andare
E lì si tratterà di vedere il rapporto che c'è tra una scelta
Che è una scelta come dire Racco una visione raccontata una visione percepite quella che è una scuola
Autentica di formazione dove andare
Signor a capire i giovani in che misura riescono a operare una scelta di sostanza in che misura invece si faranno sedurre da una scelta di di apparenza ma quello che diceva all'inizio all'inizio il professor Novelli endemici correttore
è questo che questo deve servire ad alzare la qualità degli standards reali di tutte le scuole di specializzazione
Tutte le scuole di neurologia devono offrire uno standard molto alto o perlomeno uno standard in cui la migliore fa come dire da
Data traino a parte che poi non esiste mai la migliori ma ogni scuola
C'ha le sue aree non so come dire in cui eccelle quindi riuscire a creare una cultura di questo tipo e questo spero che costruisca davvero una struttura di scuole di specializzazione
Tutte come dire desiderabili che verranno scelte a seconda di quello che può essere il maggior interesse specifico di uno studente ma in realtà lo standards di qualità e alto in tutto la seconda cosa
Quella cui tutti difficili delle pubblicazioni il tema vero anche quello è un tema di etica della ricerca scientifica quello che hanno denunciato i ragazzi molte volte che
Il nome nel lavoro venisse messo a gratis
E venisse meno messo in qualche modo per guadagnare punti a prescindere dalla tattica dallo sforzo e dal lavoro fatto
E io credo che anche lì se chi gestisce queste cose le gestirà davvero con un senso etico molto alto che l'etica del lavoro ben fatto
Se tu hai prodotto indipendentemente dal fatto che valgono un valga per l'accesso alla scuola di specializzazione un lavoro scientificamente serio pubblicato è sempre un titolo che uno si porta dietro quindi varrà la pena comunque partecipare a una pubblicazione
Però deve sulla partecipazione che si legge
Sulla base della fatica personale dello studente e non solo della bonifica elargizione
Da parte di un docente che in qualche modo intende favorire
Alcuni piuttosto che altri io ringrazio i componenti di questo tavolo il dibattito lo facciamo dopo e invece chiamo qui il con noi il dottor Rivolta
Andrea Lenzi Andrea silenzi e il collega Gian Luigi Gigli
Gian Luigi Gigli non è solo un collega è anche direttore della Scuola di specializzazione di neurologia dell'Università di Udine
Grazie
No infatti
Sì c'è proprio
Presente
Benissimo
Va benissimo
Dei cinque metri
Non tocca gli faccia intervenire noi potrà intervenire ma
No
Allora la parola
Come si dice in gergo al Ministero
Con tutto quello che ha rappresentato la fatica di avere qui
In realtà il Ministro Gelmini aveva espresso il desiderio di venire sarebbe stata qui poi è stata
Come dire catapultata da da la città di Paestum dove c'è una
Sentivano molto
Molto importante molto di di risonanza con le scuole eccetera
Per cui ha preferito in questo momento a lasciare il passo alle competenze tecniche come dice lei a chi ne sa veramente fino in fondo di questa norma
Grazie onorevole grazie dell'invito io porto i saluti anche del ministro ovviamente con cui
Mozioni parlati stiamo parlando quotidianamente questo aspetto legato a mano a questa grossa aspettativa che c'è per l'uscita del bando
Per le scuole di specializzazione quindi il mio mio contributo al
Alla discussione che
Caratterizza il dibatto di questo pomeriggio ovviamente può essere quella di dare delle informazioni mobili in prossimità dell'uscita di questo bando che probabilmente possono interessare a parte importante della platea ma poi soprattutto i ragazzi
Mentre ascoltavo gli interventi di coloro che ci hanno preceduto la lungo questa tavola rotonda la domanda dovermi molto utili molto francamente che mi ponevo è
Quali su quanti saranno i ricorsi
Penso che il nostro sistema nostro Paese purtroppo è mi spiace dover cominciare da questo punto deve fare prima di tutto un salto culturale
Il salto culturale significa accettare anche delle regole diverse e non semplicemente insomma se la regola in qualche modo mi ha penalizzato trovo subito
La risposta che è il ricorso no questo caratterizza un po'l'attività in me purtroppo di gran parte delle persone compreso il sottoscritto che lavorava Ministero dal mentre da un lato c'è un auspicio poter lavorare sempre con un orizzonte di prospettiva
Di costruzione di qualche cosa di nuovo o in un'ottica di miglioramento di quello che si sta facendo e i margini di miglioramento sono notevoli
Da tanti punti di vista ahimè molto spesso noi
Siamo costantemente e quotidianamente impegnati impegnati con
La gestione del ricorso su ogni cosa perché sono partito da questa osservazione ha proprio per invitare anche coloro che hanno responsabilità politiche istituzionali importanti come gran parte delle persone che sono oggi presenti
A sottolineare sempre di più l'aspetto che
Se nel nostro Paese vogliamo in qualche modo raggiungere quegli obiettivi che sono
La qualità delle scuole l'accreditamento delle scuole
La possibilità per gli studenti di scegliere scuole che abbiano parità di qualità in tutto il Paese anche l'accettare che alcune scuole debbano essere chiuse magari altre possono essere aperti e cercando di sganciarsi dalla logica storica annuale
Ecco tutto questo richiede
Un salto di qualità prima di tutto culturale
Questo invece io sto notando che nel nostro Paese non c'è più non c'è più dalla scuola io fortunatamente sono ancora giovane anche se faccio parte già di con la categoria dei quaranta anni a questa azione riferimento poco fa il professor Gaudio
Per questo mi sento responsabile nei confronti delle nuove generazioni
Però nel nostro Paese si comincia dalla scuola ricorre contro il giudizio dell'insegnante
Poi si passa all'università ricorre contro il giudizio il professore poi c'è il test di ammissione che si fa un altro ricorso poi questa comunque le persone si troveranno lungo il percorso della vita sempre a trovare
Delle sfide rispetto alle quali in qualche modo non riusciranno a vincere però se l'unico antidoto a ricorso non andiamo da nessuna parte
Quindi auspicando che
Nell'ambito dei circa quindici mila quattordici mila questi sono i numeri dei partecipanti che perlomeno io stimo per il prossimo un corso di specializzazione
Non sia
Percentualmente così diffusa la logica del ricorso forse sono un piccolo miglioramento speriamo di riuscire a fare
Piccolo miglioramento Clemente passa attraverso
Un'applicazione di questo nuovo Regolamento che è stato pubblicato da pochi giorni nella Gazzetta ufficiale che passa attraverso
Diversi teste perché è un processo molto articolato e complicato con me molti di voi sapranno perché non lo sa cerco di riassumere brevemente il passaggio è
Nella legge di stabilità tipicamente devono esserci le risorse sufficienti per poter consentire
Di poter attivare un certo numero di contratti poi nella legge di stabilità quest'anno non se ne erano a sufficienza per poter attivare i contratti ospitati infatti recentemente si è intervenuti nel decreto legge ha individuare ulteriori risorse
Queste risorse vengono comunicate dal Ministero delle come delle Finanze Ministero della salute quali mi sono per la salute fa una proposta di riparto dei contratti tra le diverse scuole di specializzazione
Dopodiché questo riparto passa al Ministero dell'Università che procede cosa che stiamo facendo in queste ore al riparto di questi contratti tra
Gli attenenti in cui queste scuole sono istituito attivate naturalmente in funzione della verifica dei requisiti
Requisiti che sono state richiamate in interventi precedenti sono requisiti strutturali di rete formativa fondamentali in cui a me insomma è giusto anche
Fare un minimo di se non autocritica ma dare quello che lo stato dell'arte attualmente sarebbe necessario fare un aggiornamento dei requisiti strutturali perché sono alcuni anni ormai requisiti strutturali non vengono aggiornati
E questo ovviamente non dà la possibilità alle scuole che ancora non sono presenti di entrare nella rete manda neanche la possibilità
Ha il Ministero in primis di verificare se la rete formativa dichiarata alcuni anni fa e ancora una rete formativa presente quindi questa è la prima partita importante
In cui il contributo dell'Osservatore fondamentale ma è importante anche un altro contributo che chiama le Regioni una forte responsabilità cioè quella degli osservatori regionali
Che nonostante ci sia una normativa che li prevede non in tutte le Regioni
Operano non tutte le Regioni sono stati attivati e operano in alcune regioni bene in altre un po'meno e questo credo che sia un altro elemento importante di prospettiva ma in prospettiva a brevissimo termine visto che poi a breve dovrà esserci anche un riordino
Delle delle scuole di specializzazione
Dicevo quello che stiamo facendo in questi in queste ore la verifica invece dei requisiti disciplinari
Cioè della presenza della docenza differimento nell'ambito
Delle scuole di specializzazione in quelli della docenza universitaria della presenza
Della copertura dei Settori disciplinari
Delle scuole di specializzazione non vi nascondo che sicuramente quello che sta accadendo negli ultimi anni forse quello che è accaduto nelle ultime ore
Non aiuterà il percorso tali facesse è stata una
Cessazione esatto una cessazione significativa
I docenti universitari non solo medici ma questo per quanto riguarda i medici
Si sente in maniera ancora più rilevante con una limitata possibilità di ricambio e quindi ti sostituzione di questa docenza sta però alcune situazioni mettendo a rischio
La sopravvivenza di alcune scuole anche di scuole rinomate con una tradizione e con siamo delle strutture a livello di rete formativa molto importanti credo che questo sia un altro elemento che va posto all'attenzione della dalla politica io mi permetto se ne è una sede politica anche
Di
Proporre dei temi ma che devono essere affrontati in sedi istituzionali rilevanti come come queste
Stavo dicendo quindi che questa è la verifica che stiamo facendo
Anche con l'obiettivo
Per lo meno smog laddove questo è possibile di cercare di incrementare
Il numero di contratti rispetto a quanto accaduto lo scorso anno quindi come sapete dei margini ci sono e questa è l'attività che stiamo svolgendo in parallelo
C'è l'organizzazione di questo concorso nazionale
Sicuramente c'è
Molta aspettativa
Devo dire mi ahimè e io personalmente avrei preferito ancora concorso locale ma questo lo dico questo lavoro che stiamo organizzando al Ministero in questo momento che molto molto articolato e molto complesso
Ritengo da un lato forse ancor di più che per i corsi di medicina che per le scuole di specializzazione laboratorio nazionale sia ancora più significativa non possiamo nasconderci che
Per l'accesso a Medicina ovviamente è rimasto forte nonostante le prodotto nazionale
Insomma un elemento di territorialità molto legato anche alle difficoltà che ci sono per le famiglie degli studenti di poter consentire ai propri figli rischiare in un'altra regione quindi tutta la problematica legata al diritto allo studio
Forse sulle scuole di specializzazione somma questa problematica non viene completamente diciamo
Nomina completamente dato risposta a questo ma qualche macchine possibilità in più di spostamento il territorio nazionale importante e quindi
Si apra tutta la fase nel momento in cui c'era il bando in cui tutti i candidati saranno chiamati
A
Scegliere quali sono le scuole per cui vogliono concorre anche a scegliere in ordine di preferenza quali sono le università per cui vogliono concorre credo che le la scelta sia
Ampia forse fin troppo ampia anche perché poi si tratterà di trovare il modo per gestire questa graduatoria nazionale io vengo dall'esperienza della rotatoria che una unica
In medicina fatto che sia stato fatto il testa ad aprile costava bianche creato molte polemiche non posso non nascondervi anzi approfitto di questa occasione per dirlo
è stato essenziale per consentire agli studenti di poter entrare in aula ad ottobre se noi come mi ha fatto gli anni passati avessimo mantenuto il testo a settembre ottobre colorato razionale gli studenti non avrebbero iniziato
Gli studi quindi questi tempi tecnici servono per da un lato tutelare gli studenti nella loro gradualità di scelta ma dall'altro anche per
Riuscire a distribuire poi le le le le scelte stesse gli studenti questo problema ancora più accentuato
Per quanto riguarda le scuole di specializzazione perché ci troveremmo di fronte a
Più o meno cinquantacinque graduatorie tante quanto su quante saranno le scuole attivate quindi evidente che non potremo usare esattamente la stessa metodologia usata per i corsi di medicina altrimenti stiamo parlando di un anno accademico due mila tredici mila quattordici
Forse questi ragazzi entrano nella NAU la nell'anno accademico
Due mila quindici due mila sedici o comunque al termine il quattordici quindici quindi questa è l'altra problematiche rilevanti
Altro tema i contratti regionali
Ecco anche qui io credo che un cambio di mentalità sia necessario
Io non mi aspettavo un risultato molto diverso rispetto a quello che sta accadendo in questi in questi giorni nel senso che noi come Ministero abbiamo chiesto alle Regioni agli inizi del mese di luglio anzi credo il trenta giugno la no tax trenta giugno di poterci comunicare
Entro il ventiquattro di luglio
Quelli che erano quelle che erano le spazzole specialità di particolare interesse regionale sulle quali
Le Regioni erano interessate a
Coprire delle borse aggiuntive con risorse proprie
Ora io
O per percorso professionale provengo sia da una università che aveva la Facoltà di Medicina quindi conosco abbastanza le dinamiche dei rapporti con le regioni e poi sul futuro il privilegio la fortuna di poter lavorare al ministero e vedere anche
L'università dal punto di vista nel ministero
Perché è stata fatta questa richiesta alle Regioni senza
Chiedere che ci fosse l'etichetta di qual è l'Università presso la quale
Aggiungere lo specifico contratto
Maniero Intini per un motivo molto semplice che in parte negli interventi precedenti è stato richiamato
Perché
Nonostante le informazioni siano limitate ma non è che non ce ne siano credo che sia
Onere
E anche onore del ministero decidere poi su quella regione qual è l'Università di quella regione qualora venga attivata la scuola in cui collocare quei contratti perché noi dobbiamo rispondere ad un fabbisogno regionale
Non dobbiamo corrispondere ad un fabbisogno di una università specifica della Regione e requisiti disciplinari che ride con requisiti strutturali li conosce forse un po'meglio il Ministero quindi anche questo propriamente richiede
Da un lato un cambio di mentalità dall'altro citare anche il fatto che il contratto in più di ortopedia che lo scorso anno nella regione x andava l'ho vista y forse quest'anno potrebbe sempre andare
Nella stessa regione ma ad un'altra università ma semplicemente perché quello universitario a dei requisiti migliori
Rispetto all'altra è ovvio che tutto questo si inserisce nella zona mento del concorso nazionale quindi cambia la modalità il gol cimento della selezione enti formulazione della graduatoria cambiano anche alcuni elementi al contesto ora
E cioè noi siamo chiamati domani a partecipare a un incontro con il tavolo tecnico delle regioni devo dire non tutte alcune regioni hanno comunicato i contratti
Siamo chiamati a questo tavolo tecnico per
Perché le Regioni
Desiderano sapere prima come accadeva in passato
Quali sono le scuole in cui noi attribuiremo in contanti lo comprendo perché è sempre difficile cambiare soprattutto
Questo passaggio non è così semplice
Però è un altro punto di vista credo che
Carichiamo quella responsabilità un po'di tutti se necessario guardare un po'un po'più avanti guardare un po'un po'
Detto questo altro le meno quattro altro mento quando si svolgerà questo concorso altri importanti svolgerà nell'ultima settimana di ottobre
Con delle regole che stiamo definendo per consentire agli studenti di poter entrare
Per la metà del mese di novembre quindi voi capite ero sicuro che ho detto prima che le regole dovranno essere un po'diverse è ovvio che su una partecipato più scuole può un certo punto però nel dire qual è la scuola Curci cui vuole partecipare non possiamo tenere in sospeso tutto
Tutti i concorrenti perché uno non si è deciso a neanche dopo aver fatto il testo poi ha fatto la prova
E e quindi sono questi sono gli appuntamenti su cui stiamo lavorando con l'obiettivo diciamo entro
Fine mese di avere tra il riparto dei contratti insomma brevissima distanza vivere anche il bando un bando su cui poi
Le candidature saranno tutte quante
Se siete modalità telematica le domande si potranno presentare con questo ma vi posso dare qualche elemento in più a partire dalla dopo Ferragosto comunque fine del mese di agosto ma intanto il bando da tutti conosciuto prima
E dopodiché insomma ci sarà tutto il mese di settembre per presentare le domande e poi a fine ottobre si svolgeranno le prove è ovvio che per me è molto importante sapere quanti sono i candidati per singola scuola anche perché come previsto nel Regolamento
Con un tempo congruo in anticipo dovremo anche comunicare i candidati dove andranno a svolgere le prove visto che stiamo parlando di prove svolte modalità telematiche quindi anche le strutture che accoglieranno questi candidati devono avere una dotazione adeguata rispettare degli standards di sicurezza ma anche somma di svolgimento della prova
In un ambiente che sia il più possibile al riparo dai e qui concludo ma torno all'inizio dai ricorsi che me
Sono
L'elemento che dobbiamo purtroppo nel nostro Paese sempre tenere in considerazione
Grazie
Grazie al dottor limo
Che
Spero ci ha fornito due elementi canti elementi che ci ha fornito due particolarmente suggestivi per me il fatto che noi abbiamo ragionato fino adesso sui sette mila neolaureati sulle
Tre mila e cinque a tre mila cinquecento mila speriamo cinque mila e cinque borse
Lui ci ha detto che correnti concorrenti saranno quattordicimila giusti stima quattordici mila
Questo vi dà l'idea che l'anno prossimo non saranno quattordici mila perché ci saranno tutti quelli che sono andate accumulando quindi io mi auguro che un ministero che non voglia
Come dire essere invischiato dei ricorsi tenga conto che il suo interlocutore
Non è loro sono i cui organi il loro interlocutore il Ministero della salute ma il vero interlocutore è il Ministero dell'economia e delle finanze il nostro vero vera scissione politica in genere i ministeri e il MEF o no
Cioè cruente perché quello il punto dove si prenderanno le decisioni quindi quello
Penso che sia un punto importante l'altra cosa che mi sembra interessante il
Riparto
Per le scuole che mi immagino venga fatto in parte su criteri diciamo tra virgolette il PIL del mio logici su bisogni formativi
Penso e guardo professore Antonio rincalzi che tutti gli anni ci manda dei dati molto interessanti su quella che è la geriatria e quindi quello che il fabbisogno di Gelli anzi la crescita di domanda di tutto questo
E sollecita diciamo una consapevolezza del fatto che la nostra è una popolazione che invecchia che invecchia anche positivamente grazie a tutta una serie di misure una serie di diritti risorse che ci sono
E che richiedono ovviamente una consapevolezza importante quali sono di fatto le specializzazioni
Che si rivolgono a un'utenza di un certo tipo un certo tipo concreta una particolare che richiede un elevato numero di professionisti in grado di prendersene cura
E queste anche un'altra cosa e poi certamente tutti i problemi
All'interno delle Regioni non sono problemi di piccolo conto perché comunque c'è sempre
Anche uno spirito positivo
Di emulazione e c'è uno spirito un po'meno positivo che è quello di competitività e di conflittualità certo se c'è una rete formativa seria questo in qualche modo si compensa con una certa con un certo equilibrio né certezze riunita
Comunque siamo tutti in attesa reale che il sistema funzioni e il problema dei ricorsi però carissimo dottor Limone non è il problema solo del singolo studente
Non è il problema solo diciamo tra virgolette all'ascolto problema dei ricorsi e il rapporto che c'è tra noi intesi come realtà e il TAR cioè la magistratura ha fatto saltare tanti tanti livelli di equilibrio e quello e un altro problema è un problema importante inviavo di chi lo deve prendere in considerazione
Dovrebbe in questione con una serietà assoluta perché i duemila studenti in più che il TAR in questo momento ha riconosciuto comedoni all'ingresso voglio vedere quando ed inserita l'anno prossimo essere inserisce al secondo anno s'inserisce al primo anno questi due come
Come si sommano a tutti gli altri eccetera quindi questo è un altro livello che prescinde da tutti noi e per riguarda il rapporto tra diciamo tra virgolette in magistratura e
Evita accademica carissimo amico il professore Andrea Lenzi
Presidente del CUN e sicuramente niente grande esperto di questa di questo specifico per azione grazie grazie Paolo grazie a tutti voi
Per essere qui e grazie di avermi invitato mi veniva in mente una battuta sentendo quello che ha detto Daniele Livorno Cerchiari corsi che sono una vizio italico prima mi hanno detto purtroppo ci sono arrivato un attimo il ritardo e chiedo scusa che nostro lettore ma in termini Figo Luigi Frati
Ha citato all'anzianità il pensionamenti presso diversità ricorse varrebbe la pena saprei per inserire anche i magistrati così si occupano di di qualche cosa non non
Fanno anche loro ricorso per nuove con noi visto che lo faremo sicuramente
Comunque questo è un una perché il vulnus che abbiamo che subiamo sul piano dello stato giuridico costituzionalmente garantito e presso l'Università di decisamente importante va al di là della posizione dei singoli comunque detto questo
E scusatemi la piccola battuta polemica iniziale ma volevo citarla visto
Che parlavamo di magistrati che si occupano sostanzialmente dire scardinare un pochino al nostro ordinamento dunque io ho avuto la fortuna o o forse
L'impiccio di essermi occupato di questa questione scuri specializzazione sino a quando sento del con perché nel novantasette l'allora ministro Berlinguer fece la Commissione
Sulle scuole di specializzazione quindi sono ed allora più o meno che ci occupiamo del tema
E
Siccome vedo anche seduti qua per fortuna dei rappresentanti degli specializzandi voteremo in questo tavolo ma ne aveva ne ho viste molte sparsi sissignore io riconosciuti quasi tutti
Devo dire che presso Rossini prima citato quel tavolo tecnico che il ministro carrozza aveva voluto istituire in cui di cui facevano parte anche
I rappresentanti di specializzandi è una cosa che più vorrei sottolineare che quel tavolo tecnico ha portato a casa all'unanimità una serie di proposte di suggerimenti che poi a immettere una serie di circostanze non legate anche questo caso ai professori e neanche forse la politica ma insomma sovrapporsi di
Di scadenze di Dini e di Ministeri e di subentro di altri è rimasto fino adesso ancora da espletare ma che la norma attualmente in discussione in Parlamento blinderà per in larga misura di prendere
In esame rapidamente devo dire che appunto quel tavolo tecnico concluse tutti i suoi lavorano un imita con presenza dei rappresentanti dalla cui dei rappresentanti gli specializzandi del sottoscritto che è molto
Ecco spirito di servizio lo coordinava come ha detto il professor Rossini con rappresentanti anche della
Sette cosiddetto università privata ma che insomma università e sempre a pieno titolo questo cioè mette sennò
Rappresentata dal progetto Simon scaffali e sì ma insomma che non piace vi erano statali ma some università appunto perché esso sarebbe bene dirlo a tutto a tutti gli effetti e poi abbiamo avevamo anche
Ne ha prese stato nata Mennini che rappresentava i cosiddetti non mi dice che quello umane che azione invece dire biologiche laureati in lauree sanitarie
Devo dire ho fatto questa precisazione perché dire che essendo quella documento che è un documento molto articolato arrivato all'unanimità
Conclusione quindi riterrei che sarebbe importante prenderne le basi uno dei dei dati principali
Io non entro ovviamente nei caratteri sia tecnico sta dando perché
Direttore di con più che di ogni altro
Volente o nolente
Il in pista su questo tema ci siamo incontrati anche sabato mattina minor tanto per capirsi sulla sul tema quindi ci sia risparmiata è solo la domenica
Quelle cose che fu uno scritto in quel documento che tuttora sono valide
Una delle cose che il Pear su cui più gli specializzandi erano committente era quello della corsa mento dei tempi per arrivare alla specializzazione
Allora noi abbiamo delle cose assurde nel nostro ordinamento che fanno sì che e danni e pronto nei cassetti ministeriali il sistema di fare la cosiddetta laurea abilitante o meglio l'abilitazione alla settimane meramente successiva
Allora l'Aurelia assorbendo i sei mesi di
Tirocini all'interno della della laurea stessa cosa che consentirebbe intanto di abbreviare fra sei mesi un anno tutto quanto poi abbiamo sentito mi pare da d'aver capito che è stato citato il fatto che per il dottorato primarie specializzazione dopo o dottorato dopo specializzazione prima Miglio veramente nella legislazione attuale fare dottorato prima come spesso e volentieri
Facevamo fare noi i nostri allievi migliori questo sfruttando anche la norma di legge che prevede l'accorciamento di un anno a veder la sovrapposizione
Fra dottorato che adesso non si chiama più dottorato di endocrinologia del pelo ma si chiama indurre oggi appunto e quindi questo consente
Di accorciare questa è una ditemi grandi
Importantissimi
Che possono essere messi in pista nel nostro ordinamento rapidissimamente e questo intanto accorciare verrà uno due anni il percorso formativo Defender per arrivare a specializzazione scusatemi se dico questo che può sembrare completamente al di fuori del tema
Di cui poi adesso vado a trattare ma tenete presente che concerne i due anni il percorso formativo di uno specializzando significa portarlo alla specializzazione prima dei vent'anni anziché molto oltre dopo
Questo lo dico se non è laureato come hanno anticipato ventiquattro anni allora c'è una specializzazione a tre anni
E ne ho fatte pure tre perché allora se ne facevano più all'altra ma adesso che le specializzazioni
Sono quello che sono le il potere non dover perdere un anno a venticinque anni quando dirà regolarmente fino al ventisei per entrare specializzazione quando venne perdere un altro se per caso quei fari dopo il dottorato ricerca significa
Compattare il livello massimo di studio raggiungibile mentre trent'anni cosa che non è da poco e su cui il legislatore avverrebbe la capacità di legiferare alla svelta
Detto questo
Noi abbiamo ovunque certamente nella norma che prevede l'esame nazionale che adesso va va in onda diciamolo così dal due mila
Tredici due mila quattordici ricordo sempre perché quella ogni tanto qualcuno può fare confusione ma questa è la Maccanico dominatrice tende a quattordici quello di cui facciamo i concorsi a ottobre due mila quattordici
Dovremmo corrispondere alle richiesta di legge di riordinare gli ordinamenti didattici questo è un altro grande tema
è un tema su cui sicuramente alcune sforbiciate fatte come come dire in maniera avulsa da ogni razionalità come era stato previsto qualche tempo fa cioè una decapitazione di tutte
Le lei Chieti nelle procedure di di formative formative degli specializzandi senza tener conto
Del rapporto che abbiamo di necessità di poter far sì che i nostri specializzandi possono circolare a livello europeo come d'altra parte i nostri la Grandi e con grande successo ahimè devo dire di coi me perché questo significa un dieci quindici per cento e non si fece Dundee va immediatamente all'essere trova immediatamente luogo di lavoro e anche a buon
Del combo onde ritto in luoghi abbastanza privilegiati
Questo a noi costringeranno i tutti quanti a fare un una
Riflessione perché questa quando voi ricorderete nella gli anni che vanno dal due mila due mila cinque fu fatto l'ordinamento didattico attuale pubblicato nel due mila cinque
E attivato sono nel due mila otto quindi stiamo parlando dello altro ordinamento che oggi a quattordici anni e quindi non è strano doverlo rivedere perché da quattordici anni
Credo che così si
Dei dei colleghi amici e maestri qua presenti in aula direbbe che è una cosa dite Area medica e non solo vecchia ma forse vecchissima quindi non è sbagliato averlo rivedere però lo dobbiamo rivedere tenendo conto
Che allora furono fatti alcuni passi avanti per
Mettere in sicurezza nei confronti dell'area universitaria alle il
Sistema delle scuole specializzazione che nel passato era stato messo in sicurezza mettendoci dentro lei
Materie di biologia di di anatomia di fisiologia e quant'altri futuri messi in sicurezza mettendoci dentro il sistema dei crediti formativi e della formazione degli obiettivi dell'attività professionalizzanti tutto codificato come fosse un corso di laurea quindi
Di ordinamento strettamente universitario oggi quello che dobbiamo fare e allora però furono fatte anche alcune operazioni per avvicinarci all'Europa al tronco comune come l'idea ricorderete l'abolizione degli indirizzi e tutte queste altre cose
Quello che dobbiamo fare oggi Air rimodulare questi percorsi formativi vedendo se che laddove fosse possibile anche ridurne la durata ripeto vedendo se laddove possibile
Ridurne la durata perché almeno personalmente
Ma credo che nessuno voglia nessuno neanche l'inizio dei parlamentari
Parlamentari qua presente perduto grandi esperti vogliano che un cardiologo endocrinologo chirurgo plastico piuttosto che l'articolo non possa circolare a livello europeo cioè uno la
Specializzata a Roma non posso andare a Necker di Parigi
O San Bartolomeo di Londra con lo stesso successo che ha alloggi
Perché forse i nostri specializzandi hanno un Pelino di meno di attività professionalizzanti rispetto all'altro ma hanno centinaia di volte di più dell'attività qualitativa di formazione mediamente ovviamente poi io non mi con Rizzo sul caso singolo che porte nere
Ho all'errore di qualcheduno o alla dire malevolenza di qualcun altro ma io faccio un discorso di carattere generale e francamente non non ho nulla da da eccepire ai corsi di laurea di Medicina e Chirurgia italiani né alle specializzazione
Quando né ne parlo all'estero
E o mi confronto con i Paesi esteri
In questo documento oltre appunto a definire attraverso quali modalità si poteva giunge ad accorpamenti di tipologia oppure a accorpamenti di classi o di durata
Giulio BT formativi sul tronco comune però qui gli amici radiologiche arrivano dette potremo fare un tronco comune
Nelle loro tre specialità che durasse dirittura tre anni con l'ultimo anno di differenziazione alla fine insomma ci sono tante possibilità di modulazione che consentono sicuramente hanno voi della che che
Nello lo facciamo
Diciamo per diritto quello di di insegnare c'è professore universitario di mettere i mitra posso gli ordinamenti e anche altrettanto evidente e qui
Dottor Leone è stato molto bravo nel dirlo in maniera molto garbata
Ma non possiamo certo ammettere che ci siano squali specializzazione che solamente per movimentazioni internet del degli atenei questo è evidente che possono accadere abbiano perso o abbiano diminuito o abbiano ridotto o abbia invece aumentato migliorato o amplificato le capacità formative
è evidente
Che
Ricordo a tutti quanti anche la scheda informativa cinica per quanto di tanto venga riaperta per inserire solamente
I dati relativi ai alla docenza della tipologia dalla scuola delle altre tipologie presenti e ancora una scheda a parte non proprio performante al massimo diciamola così per per essere multato
Punto so forte ma e anche una scheda piuttosto antica piuttosto vecchia con delle delle quindi
Diciamo che l'attivazione della Scuola la loro istituzione e la loro istituzione l'attivazione o la la messa in rete delle varie scuole neri specializzazione
Io ovviamente un'altra attività che deve di venire dalla stessa Università cioè devono essere le università stesse a collaborare a questo fine perché l'unica maniera per tornare a continuare a mantenere ancorata
Nella nostra ambito e credo che sia fortissimamente giusto perché quello che sia indispensabile per mantenere questo livello formativo il la
Continuano a la preparazione gli ordinamenti scolastici della
Della delle scoli specializzazione anche perché questo direttamente correlato con le performances delle unità operative presso cui si svolgono le preparo la preparazione e questo fa il paio esattamente credo che ne abbia parlato
Prima
Del collega professore Gaudio e del Rey che della rete formativa ospedaliero cioè noi
Non possiamo pensare di attivare un Ascoli specializzazione in unità operativa che abbia delle performances scadenti
Né possiamo pensare anche se questa Roma rete unità operativa e autonoma e autosufficiente
Di non garantire allo specializzando là dove mancano qualche anche in questa unità straordinariamente completa che fa tutto se manca qualche cosa la possibilità di andare sul territorio a svolgerlo una parte
Dell'attività
Quando nel momento stesso in cui
E le
Regioni ci avranno detto quali sono i le strutture adeguate di qualità adeguata e di Standard adeguato per poter far completare la rete formativa
Con un ordinamento didattico in mano buono non vedo per quale quale sarebbe la Scuola di specializzazione che avrebbe difficoltà a creare una circolazione
Determinata dal Consiglio dalla scuola dei propri specializzandi in una rete informativa di qualità io penso che questo sia solamente un vantaggio per la scuola
E per i i professori universitari di quella scuola per la Regione e quindi per il
La possibilità di avere una persone che vadano in ad apprendere anche presso strutture differente per universitari e per il complesso della formazione della dello specializzando quindi la rete formativa
è evidente che per noi già nel due mila e cinque era uno strumento didattico applicato qualche parte meglio da qualche parte peggio ma certamente dobbiamo chiedere non mi è parso di averlo già sentito dire
Alla Conferenza Stato-Regioni di darci delle indicazioni ben precise
Seguendo degli standards di qualità
E non certo portando via lo specializzando dopo l'abbiamo formato dei primi tre anni questo ovviamente non
Non sta né in cielo né in terra laddove viene scritto concisi
Ne
Mi che mi sta qua accanto sa quante volte abbiamo cercato di spegnere incendi in questo senso non focolai d'incendio Provincia indire
Incendi vere e proprie però insomma è anche vero che fa parte della
Come la chiamate voi dialettica parlamentare chiamiamola così insomma nel senso che bisogna correre quale della cercare di essere il più possibile presenti ad evitare tipiche distrazioni portino a qualche guaio
Arrivo e concludo perché su due punti nessuno credo professore universitario che ex
A la qualifica il desiderio di una buona formazione
Vuole formare lo specializzando troppo su una
Particolare troppo piccolo questo lo dico perché ogni tanto
Arrivano da me richieste che sono poco proponibile dover pensare che se non specializzandosi laureata venticinque anni si è specializzato trenta
Sarà sul mercato se va bene per i successivi
Tra i trentacinque anni benissimo allora io se dovessi scegliere scegliere di fare uno specializzando i specialist anzi il più ampio possibile per prenderne particolare dopo perché in trentacinque anni molte cose possono cambiare
E l'eventuale
Super specializzazione o sub espressi alle sospesi anche come si chiama in Europa io credo che sia un dopo non un primo un durante perché questo
è veramente un vulnus per lo specializzando stesso per io dico sempre la battuta pensate se fosse un altro figlio corriva restare
Perché poi dopo se per caso super specialistico endocrinologia solo dell'apice che rilevo destro visto io sono endocrinologo cui si trova in una non a Regione voglio sparisse navi Cedrate iter la sinistra e per non sa cosa fare Scurati meno abbattuta
Che ovviamente solo per rappresentare una qualche deviazione che qualche volta può accadere da ultimo
Ci piacerebbe tanto ma questo già più volte che viene detto
Anche in maniera volontaristica e almeno a livello iniziale pensare a un board nazionale cioè un esame di specializzazione sappiamo bene che non si può fare una seconda abilitazione perché l'abilitazione si offrono sorta solo nella vita ma non insegnati giuristi dopo che ho detto una serie di stupidaggini ma
Chi chi fa questo mestiere
Come come sottoscritto devi entrare anche un apprendista giurista però pensate quanto sarebbe bello poter dire tutti gli specializzandi in
E quindi di vincoli sia e sia la specializzazione hanno un board nazionale di riferimento ripeto anche volontaristico
Anche all'inizio non necessariamente codificato per norma perché potrebbe creare una serie di difficoltà
Ma se questo non riuscissimo a farlo avremmo da un lato le specializzazioni
Che si confrontano
Dall'altro specializzandi come ormai succede in alcune specialità qualche giorno fa
Ho ho avuto l'alcol piacere di essere al convegno dei nefrologi che svolgo questa attività spesso con il terreno che Amato dei chirurghi cioè mettere assieme contaminare come si dice adesso i vari specializzandi della stessa tipologia
E infine avere anche un confronto della qualità dell'aria del prodotto finito passatemi il termine delle singole specializzazione
Questo secondo me sarebbe un grande salto di culturale
E ci metterebbe ancora una volta ancora di più al sicuro da certe critiche che sono molto spesso malevole e guarda caso vengono molto spesso cui dalle parti meno mobili diciamo delle così della cosiddetta controparte sperati grazie grazie
E
Adesso penso che tutti abbiamo anche voglia di sentire qua nella voce dei giovani e qui con noi c'è Andrea Silenzi indicato uno
Presenti ci sono anche tanti altri giovani alcuni dei quali anche
Rappresentano per così dire altre sigle quindi adesso sentiamo Andrea poi sentiremo il professor Gigli dopodiché nel dibattito prime parole sottoposto tutto sotto forma di domande
Magari ma tutti voi
Intanto un grazie sentito a nome mio nome ed Associazione italiana giovani medici e la professoressa Binetti in qualità di organizzazione di questo evento perché ecco fa un certo effetto del passato sedici mesi mi stavo contando ora fuori nati a piazza Montecitorio con la professoressa Benetti professor Gigli e molti altri parlamentari che in nelle varie occasioni che ora
Gli elencherò per darvi l'idea di quella che è stato un po'il nostro il nostro dramma in generale come giovani camici bianchi
Mi ricordo quando questo e se c'è un perché questo tutto queste cose ci state dicendo non ce le dite dentro il palazzo fatta aromi farò carico di organizzare un evento per poterlo per poterlo fare quindi sono felice doppiamente di potere se qua
A diciamo risultati diciamo in via generale raggiunti ci sono alcune criticità delle delle ultime ore ma comunque ecco sono stati sedici mesi di
Battaglia di camice bianco usato in piazza invece che nelle corsie dove con luogo più proprio dove dovrebbe essere utilizzato devono tutti volevamo essere in quei giorni
è un piacere poter essere qui a fare il punto soprattutto nel rilancio verso il futuro avevo sottolineato quelle che erano le quattro parole del dell'invito no che era un'efficacia efficienza trasparenza e meritocrazia
E ne aggiungo un'altra che è stata ripetuta più volte finora dalla professoressa ma anche da molti dei relatori che è stata l'etica
L'etica della formazione etica in generale della professione
Quando ho varcato quel piccolo corridoio che separa il primo piano da questa da questa sala e girando così sono entrato ritardo come anche con il professor Lenzi quindi non è stato l'unico modo ad una
Che anche tu come spero di essere
Però è il il passato in quel corridoio Girardi tra Giolitti e Matteotti non il venire poi quindi ti fa sentire piccolo piccolo piccole quindi credo che poi sia quella al diciamo la
Lo spirito con cui debbano essere affrontate queste cose
Una riforma della formazione in ambito medico non so se l'azione da tempo rilanciato quella che era l'idea di una di un attimo costituente la formazione perché sicuramente molto si è fatto molto sta facendo la crisi sicuramente accelerato stata
Ricordata dalla dal professor Gaudio accelerato quelli che erano però in mente dei dei meccanismi necessari
Ne abbia passato questi sedici mesi con il primo
Evento ovviamente l'abbiamo mai organizzato da soli ma in collaborazione con molte di quelle che sono gruppi
O associazioni e molti sono sono vice vedere i colleghi presenti le associazioni materia specializzandi come il Comitato nazionale sfidanti specializzandi ma sono state molte ricordo la prima è il primo evento stato organizzato con una un gruppo che è stato un bruciamo motore
Di quella che è stata alla redazione concorso nazionale gruppo del concorso nazionale è stato un gruppo nato con questo questa pineta questo obiettivo era quattordici maggio
E quelle evento si si chiama per la manifestazione si chiamava cambiare il Paese per non cambiare il Paese quello era diciamo sarò il primo movenze ci faceva
Né dal lato la criticità dei contratti della diciamo del futuro che direttore parlava di quattordici mila e ora non mi voglio sbilanciare sulle sulle cifre non so se sono socchiuso possono o meno il discorso è che sicuramente c'è un buio di fronte a quella che è una situazione in questo momento per un giovane
Laureato nel nostro il nostro Paese sono seguite altre iniziative ricordo l'esempio quella con nel sette novembre organizzato insieme ai colleghi associazione per espressa Rizzardi in quel caso chiedevamo di investire sui giovani per investire sul futuro della nostra sanità
Forti di una raccolta firme certificata data tutti i giovani colleghi giovani giovani medici più di duecentodieci mila firme che consegnai personalmente all'al Vice Ministro dell'economia quel giorno
Da lì ancora una volta secondo giovani medici dei di dicembre risultato poi cosa diciamo ottenuto con la legge stabilirà con un primo stanziamento di fondi sono seguite altre iniziative di cui ringrazio sempre ecco presenti
E avrei piacere di sentire poi loro intervento del Comitato Nazionale studenti specializzandi
C'è un ma da lì nacque lo slogan e non fu solo uno slogan di Medici senza futuro più di qua
Da cinque mila firme raccolte accolte molte
Anche dal mondo dell'Accademia della della sanità quindi anche quello fu un altro pezzo importante per arrivare allo stato attuale
Da lì continuavamo perché non bastava eravamo arrivati a tre mila trecento contratti campagna ascoltiamo la sanità complesso Mobil nazionale che
Si svolse qua un mese fa era il tre giugno piazza Montecitorio ma Torino a molte altre né si l'italiano e con una grande rilevanza mediatica fino ad arrivare all'ultimo workshop con la presenza del ministro Lorenzin ospitato al Policlinico Gemelli il lo scorso dodici dodici giugno
Ne il risultato di tutto questo qual è si diceva no lo diceva anche il professor Rossini quello di avere una sala in questo momento piena di alte professionalità soprattutto però di creare un fronte di aver creato un fronte compatto un fronte compatto e la politica perché ecco erano erano sono stati sempre al nostro lato sia forse stabiliti professor dal professor Gigli maglia ce li contare anche
La professoressa carrozza nella sua nella diciamo nel modo in cui in questi spesa anche in tutta poi la sua attività anche al di là della sua attività dal ministro l'onorevole lega specializzando Filippo crimini il professor Calabrò ma molti altri è stato un fondo e trasversale che andava al di là dei colori questa sarà la cosa più bella perché ci dà
Il la possibilità di continuare sicuramente ha innovare migliorare quella che una condizione che non può fermarsi al decreto per concorso nazionale oppure alla
Alla situazione dei contratti non basta questo molto è stato già detto
Oltre a questo però la consapevolezza di giovani colleghi perché non è stato sul fronte compatto della della politica molto si è mosso anche nella consapevolezza degli studenti di Medicina leggevo i medici piace citare il Segretariato Teano studenti medicina in questo gruppo di studenti dei primi anni di Corso di laurea che però ha iniziato ad interessarsi di quelle che sono le tematiche del proprio futuro
Parlare delle tematiche del proprio futuro per un sonante medicina significa iniziare a pensare al futuro e la sanità perché
Questa la cosa che associazione ha più volte ritenuto
Di sottolineare alla politica le istituzioni saranno sanità non può investire risorse economiche aggiuntive in modo pressante parlo di servizi di di offendersi né sanitario non può
Vai a far fronte di technology via Nuova in innovazione sicuramente un capitale umano importante su cui poter investire che in questo momento rischia di fare la fortuna dei Paesi stranieri che ne post che ne potranno approfittare se non riusciamo soprattutto penso alla esatta la citata anche prima dei relatori l'ambito della competitività europea
Viviamo un momento in cui da ottobre scorso grazie la direttiva ventiquattro due mila undici nel diritto europeo codificata la libera assistenza transfrontaliera per i cittadini
Allo stesso modo ora deve essere in attesa di essere recepita dal Governo italiano la direttiva cinquantacinque del mille tredici sulla libera circolazione dei professionisti
Ma è questo facile TAR faciliterà di molto e stravolgerà sicuramente quelle che sono le abitudini e le attività lavorative dei professionisti sanitari e non soltanto in ambito europeo perché non serviranno più certificati queste vendite o comunque tra più i burocrati che ma uno potrà con la propria tesserina operare lavorare anche lì in diciamo i regimi differenti in uno stato all'altro quindi
Diciamo competitività di sistemi competitiva di professionisti fondamentale colore la formazione
In questo
Arrivando al punto più volte toccato e di diciamo pressante attualità del concorso nazionale
Questa è stata sicuramente una diciamo delle delle molle che ha apportato che ci ha fatto che ci fa diciamo presagire una una un'innovazione
Io ero uno sparo studente siamo in prossimità di andare in Erasmus nel due mila nel due mila e tre mi ricordo che già all'epoca si parlava ama forse in Italia rivela concorso nazionale come siccome come Spagna
La nostra posizione è una situazione di miseria non giovani medici è sempre stata quella
Diciamo di proattività vedere concorso nazionale come uno strumento per poter rinnovare e modificare non come un risultato da raggiungere fine a se stesso perché sicuramente c'è molto da fare nell'ambito del Corso di laurea c'è molto da fare dopo se parla dei dottorati sparlato università
Si è parlato di non col di non competitivi Dion competizione ma anzi di cooperazione di competitività tra università SSN proprio me tutto questo è qualcosa che deve essere fatto
E da questo sicuramente l'importanza di aver tenuto risultato di sapere che il concorso sarà a ora dato ottobre il bando è ora in uscita i prossimi giorni del CIAL decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale
Tutti i grandi risultati raggiunti era al tre aprile quando ci ritrovammo al Ministero l'istruzione
Associazione con l'altra associazione di categoria dei medici specializzandi la sede specializzandi in modo unico in modo univoco fermo diciamo chiese il pronto avvio del di tutte quelle che erano le procedure senza perdere ulteriore tempo perché effettivamente ho ricordato professor lenti siamo arrivati alla fine di un anno accademico sembra strano ma faremo un concorso nell'ultimo mese utile delle di questo anno accademico quindi non serve perdere tempo c'è molto che può essere
Fatto questo un primo risultato raggiunto ma mi ha rubato le parole di bocca nel nei confronti dell'abilità ante e ci sono molte cose che sono pronte in un cassetto che dovrebbero essere
Diciamo con la volontà politica perché tecnicamente piacere avere pertanto il direttore la competenza è
è massima livelli istituzionali serve anche la diciamo spinta politica che possa poi dare la determinati tipi di di riforme che possono facilitare sia il percorso
Universitario e la formazione dei colleghi ma anche credo un una diciamo ricambio un cambio di marcia dell'Università che sicuramente deve ricominciare ad avere una maggiore competitività all'interno del sistema Paese per essere veramente un volano di sviluppo
Utile a tutto il sistema sanità
Non voglio rubare altro tempo ci saranno molti degli interventi dei giovani colleghi che immagino anzi mi scontreranno molto da quelle che sono state le mie parole questo è un azione di un concorso che non è perfetto sicuramente perfettibile ci sono molti punti
Questa mattina abbiamo tutte sue reti
Pubblicare sul nostro sito una
Un documento di di analisi di alcuni colleghi aspiranti specializzandi ci sono molti punti potrebbero essere già recepiti in questo Regolamento lascio loro poi nello spazio successivo la la possibilità di di esplicarlo
Sicuramente c'è il tema già sollevate quindi sarò breve della valutazione
Da un lato delle degli standards delle singole scuole specializzazione ma soprattutto di una reale applicazione della Rete formativa delle scuole di specializzazione perché quello è
Lo strumento già presente a livello normativo situazionale dal novantanove quindi tutti quelli che sono stati gli atti negli ultimi mesi
Diciamo deputati a trovare delle vie alternative penso al Patto per la salute e a tutto quello che poi è stato scongiurato all'interno al Patto per la salute perché sapete meglio di me
E non entrerò nei dettagli ma aver ipotizzato di creare un doppio binario
Di formazione per con la scusa quindi di trovare un impiego ai giovani colleghi in una situazione in cui a parte l'imbuto checché se creato che è stato già ripetuto il blocco del turnover continua ad essere poi un muro nemmeno un imbuto ma un muro di fronte ai giovani specialisti avere ipotizzato di creare una formazione di serie A una formazione di serie B
Tra esse SN e università quindi al di là
A bando le le parole nodi
Di cooperazione di non non belligeranza non ricordo le parole esatte scritte nel decreto Rosate dette ma quasi crearsi parlava di creare dei percorsi assolutamente paralleli e non non comunicanti beh questo è stata non so se ci sono stata
A sua assolutamente ferma e si è messa diciamo nelle scuole possibilità di traverso in ogni modo a questa questa realtà perché lo strumento già ce sono reti formative
C'è già un'esperienza è stata ricordata quella della Commissione istituita dalla dal ministro carrozza che esitato un lavoro di assoluto pregio che in cui la nostra associazione ha dato un piccolo contributo grazie al nostro Presidente Walter Mazzucco
Comunque la Commissione che ha dato molti risultati potrebbero essere subito
Resi applicativi penso alla balla alla valutazione innanzitutto sia dei requisiti BT imprime la pubblicazione perché i requisiti sono stati già dati momenti che una scuola che è stata è stata aperta purtroppo però il il non sono stati mai resi pubblici quindi non è dato sapere sì persona cosa importante anche nell'ottica di concorso nazionale come scegliere lo diceva lei non prima presso l'ESA come scegliere in modo consapevole
La sede del proprio concorso
Allo stesso modo poter ragionare su una rete informativa che con gli osservatori regionali
Ricordava il direttore di l'olivo Onna ma anche probabilmente una valutazione puntuale delle della della per fare degli indicatori di performance all'interno delle strutture che vogliano accreditarsi entrare interno della struttura e penso e questo non sta solo azioni e lo ha diciamo portato inserire audizione al Senato in Commissione Igiene e Sanità la proposta di poter incaricare l'AgeNaS ad esempio
Di lavorare in con
Diciamo in
Collaborazione con il Salvatori per avere da un lato a votazione degli standards dall'altro però la votazione anche l'indicatore di performances per avere un reale cruscotto di monitoraggio e una bussola per i colleghi aspiranti specializzandi proprie poter valutare
Dove andarsi a formare e sapere quale poiché nel mondo del mercato dell'offerta veniva detto professor Rossini quali sono poi le reali scuole in grado di formare un specializzando il migliore dei modi
Vado in
In conclusione ricordando una sempre una nostra iniziativa che è stata lanciata un questo con questo spirito quella lanciata i colleghi specializzandi e specialisti
L'abbiamo chiamata mezzi Pecci Maps essenzialmente un questionario l'abbiamo lanciata sul nostro sito internet stiamo raccogliendo dati da tutti e tre tutte le nostre sedi quindi ha praticamente tutte le università italiane
Sulla percezione sulla diciamo quindi parliamo di specializzandi di specialisti non non quindi persone che hanno comunque vissuto stanno vivendo la per la formazione
Per avere poi la il modo di sintetizzare dei dati
Che possano aiutare i colleghi nella a scegliere quindi la la propria la propria scuola avendo non soltanto l'idea di quale la migliore citavo la migliore il miglior professore data dal da poter seguire ma la mia scuola formativa relazione
Proprio a
L'esperienza di chi ce di chi c'è stato chi si è formato
Ho detto quindi non sto posizione contraria alle alle forme ibride ero presente a Bari nel corso della Conferenza nazionale della della FNOMCeO
Si è parlato è stata fatta la settimana successiva nostro corso nazionale sull'altro forse sulla formazione
Si parla anche lì di accesso al lavoro e di formazione
Un diciamo un segretario di uno dei principali sindacati i medici del territorio aveva utilizzato proprio spazio di dibattito per parlare di una situazione assolutamente catastrofica in cui molti campi si annidano nell'ambito formativo italiano
Parlando di una metastatizzazione diffusa in ambito universitario
E citando la nostra associazione come l'associazione dei giovani dell'università
Ho avuto il piacere di di avere lo spazio successivo e quindi poter replicare alla queste affermazioni ribadendo che il nostro se mai è stato ruolo dei giovani della formazione io personalmente col discorso concorso nazionale o più folte avuto modo di
Confrontarmi con toni diciamo solamente non Dadone dell'università con il mio Preside su queste su queste
Iniziative lo ribadiamo sempre anche in pubbliche occasioni perché appunto possono esserci visioni differenti
Ma
La formazione del territorio ma integrare nelle scuole di formazione
E soprattutto iniziare a dare valorizzazione alla formazione in medicina generale credo debba essere una priorità a cui l'università da un lato non si può o discostare debba essere partecipe
Ma sicuramente
E da superare quella che è la costante e ripetitiva
Differenziazione compartimenti stagni tra territorio-ospedale diversità che non fa sicuramente diciamo gioco a quella che è
La volontà di cambiamento
Per l'innovazione sicuramente i giovani non la capiscono sono parole probabilmente del ventesimo secolo non del ventunesimo secolo silenzi inizi a lavorare sull'integrazione dare qualità alla formazione modo certificato in modo integrato
Noi per questo è anche per diciamo supportare esternamente quelle che sono i lavori nel Patto per la salute è stato scongiurato diciamo un quello maschera il pericolo che prima ho descritto ma è stato dettagliato un importante appuntamento la scadenza di ottobre
Due mila quattordici per lei all'istituzionalizzazione di un tavolo di lavoro politico sulla formazione in ambito di ambito sanitario
Noi abbiamo lanciato la proposta non è come si cimenta a cui stanno aderendo molte inizi molte realtà della rappresentative dei dei giovani di ambito sindacale
Ma ma soprattutto di ANDI diciamo di ambito non sindacale
Di un forum dei giovani della salute e quindi una piattaforma che possa dare in modo integrato anche in quelle che sono delle differenze del dell'Händel mondo di John ogni della della sanità una visione di quelle che possano essere delle proposte quindi questo meccanismo già attivo già nel prossimo due agosto in alla faccia delle vacanze delle ferie
Organizzeremo un primo incontro per poter lavorare su questa piattaforma
Comune concludo dicendo che ovviamente un non si può non parlare in questa sede la situazione di specializzandi non medici già brutto come si diceva definito in di non medici noi da sempre abbiamo avuto lilla la volontà di condurre nostre battaglie come giovani della della sanità e in piazza come c'erano sempre anche specializzandi non medici a fianco delle nostre iniziative
Sicuramente quello che va evitato è questo un appello alle forze politiche
Alla
A diciamo istituzioni presenti in in sala
Non si deve ingenerare una lotta tra tra giovani una lotta tra poveri giovani perché sicuramente tutto quello è stato realizzato e tutti i risultati raggiunti dopo sedici mesi battaglie in piazza per poter raggiungere queste cifre cinque mila contratti che sicuramente viste le cifre date anche dalle al direttore diciamo sono una panacea non definitiva per la malattia di un sistemica di questo Paese sicuramente ecco l'impegno e la richiesta le forze politiche di farsi
Portavoce con il MEF che lo stanziamento di fondi aggiuntivi per le Borse specializzandi non medici Montale che non si ingeneri una lotta tra poveri giovani ma si possa valorizzare il capitale umano per dare un futuro nostra sanità
Ringrazio ancora per per l'invito
Grazie soprattutto perché l'ottica messe in evidenza e quella che supera la contrapposizione
Giovani Medici contro i baroni e viceversa costruisce
Tutte le caratteristiche fondamentali di quella che come sul piano sanitario l'alleanza terapeutica medico paziente in questo caso diventa l'alleanza positiva
Raggio vani medici e professionisti esperti secondo una rete positiva di scambio di arricchimento reciproco ma anche
Secondo la logica di quella che è una staffetta in cui si passa il testimone quindi c'è tutto il piacere di un testimone che
Migliora le performances
Della squadra nel suo insieme esso ha la parola al professor Gigli e che anche un collega parlamentare con cui tutte le battaglie fatte su questo fronte sono state come è stato ripetutamente detto ampiamente
Diviso e quindi ENEA una voce autorevole diciamo tra virgolette dalla politica Grazie Paola come diceva il professor Lorenzin un orecchio
C'hai tutti i difetti
Se il professore universitario se il medico se i parlamentari proprio questo momento malapolitica diciamo può ambiente tutti le perché di questo sistema
Beh vorrei dire che come l'amico Andrea Silenzi diceva
Anche gli
è un anno e mezzo che siamo al pezzo su questi su questi argomenti
E però senza entrare troppo nei dettagli vorrei ricerca i dati un po'la cifra politica se volete di quello che che sta accadendo
E la cifra politica secondo me
è che
La formazione universitaria medica è in questo momento sotto attacco e
In una condizione di perdita di autorevolezza e di credibilità
Io credo che questo in parte avvenga
Meritatamente
Nel senso che
L'anno l'università
La componente medica dell'Università ha certamente le sue colpe
E non solo per il modo finito anche in mano ai giudici per cui
Alcuni dei mutamenti universitari sono andati avanti non solo perché c'è stata gente che se presso i titoli di docenza non appare affatto voi più
Alcuna produzione scientifica
E non solo perché c'è qualcuno che è il medico poi in realtà da università nel servizio sanitario nazionale non la fa
Però ha fatto solo altrove non solo perché la stessa gestione delle scuole di specializzazione
Si è rivelata in molti casi certamente deficitaria
Deficitaria perché anche lì ci sono stati problemi nella selezione dei dei giovani da mettere
Perché anche lì vi sono stati problemi quindi di trasparenza talvolta addirittura c'è stato un chiamiamolo pure sfruttamento dei giovani
Dal punto di vista diciamo dell'interesse di chi e aveva il compito invece di formarli
E e forse c'è stata anche così la trasposizione del concetto matematico del limite no in alcune realtà di eccellenza cette cos'è il limite diceva di matematici
Bekili alcuni di noi l'hanno tradotto nel fatto sapere sempre
Di più fu sempre meno cose fino a sapere tutto di niente
E questa è stata il tipo di formazione che certamente in alcuni ambiti ha finito per gridare scandalo no e e però detto tutto questo sui nostri demeriti
Vogliamo anche dire che qualche qualche merito ce l'abbiamo se ancora oggi forniamo gente in gamba
Io senza timore di
In brodo armi come si dice
Posso dire che tutti i ragazzi che sono passati dalla mia scuola sono tutti occupati
Al momento
E con soddisfazione di chi li ha ricevuti in una arco diciamo di superficie che va
Oltre che in tutto il Friuli Venezia Giulia anche in larga parte del Veneto
E in alcune realtà della Lombardia e qualcuno se n'è andato anche all'estero dove pure è stato ben accolto in America in Inghilterra in centri diciamo assolutamente qualificati allora forse qualche titolo di merito ce l'abbiamo
E tanto per lui essere onesti qualche titolo di demerito forse ce l'hanno anche gli altri
Voglio dire senza peli sulla lingua ben più di qualche demerito a mio avviso ce l'ha in questo momento una gestione del servizio sanitario nazionale che risente
Di
Problemi grossi come la
Politicizzazione
Come la sindacalizzazione eccessiva e come l'asservimento molte volte ai voleri di un chiamiamolo despota più o meno illuminato che può essere il direttore generale di un'azienda
Così come dei dei titoli di demerito molto forti Celani avviso anche lo Stato stesso
Che ha cominciato col deve evitare nei confronti degli specializzandi
Tutti noi chi ha fa il professore universitario sa Kent per anni c'è stato chiesto di allargare il numero dei posti degli studenti di Medicina nelle nostre Scuola di medicina
E ogni anno c'era la discussione apriamo non apriamo allarghiamo non lo diamo per ristrutturazione guarda giù al ministero ce lo chiede
Andiamo avanti ad allargare bene uno Stato serio avrebbe dovuto preoccuparsi
Di programmare
Gli accessi a Medicina in funzione anche di quello che però lo sbocco di un sistema che comunque prevedeva come requisito fondamentale la specializzazione e poter esercitare nel servizio sanitario nazionale
Noi invece abbiamo da questo punto di vista rischiato lo sperpero come è stato già richiamato di un
Di uno sforzo
Formativo anche economico del Paese per mettere i nostri laureati a disposizione di di altri Paesi
E devo dire che da questo punto di vista anche altri aspetti dell'approccio dello Stato al sistema della formazione medica
Non hanno parimenti brillato qualcuno è stato già richiamato mi pare fosse il professor Gaudio che richiamava la continua fibrillazione no delle delle norme come dire e in un clima di incertezza continua
Come si fa a accrescere a programmare a verificare anche i risultati di ciò che uno
E è andato facendo no
E potremo metterci però anche qualche esempio più recente e di e di questa mattina per non dire dell'altra notte se volete il fatto che su un tema caldo sensibile
Come quello delle abilitazioni
Alla docenza universitaria
Beh
Stiamo facendo adesso un passo indietro rimettendo in discussione due punti fermi che era una durata della abilitazione e il fatto che chi fosse Stato bocciato all'abilitazione non poteva ripresentarsi prima
Che fosse passato un biennio ecco ridiamo adesso un cattivo esempio
E il biennio passato ma la valutazione è stata appena conclusa
Storica e culturale
Dove sta AVEPA apriamo un dibattito se volete sul Consorzio
Collegato
Mi scuso non ho parlato troppo
Cosa abbiamo fatto in questo periodo
Ne è stato già detto abbiamo affrontato il decreto carrozza che poi dirò come secondo me era un buon punto di caduta abbiamo lavorato per portare a casa i contratti di formazione delle leggi di stabilità
Abbiamo lavorato anche indirettamente oppure se volete per interposta persona per spegnere qualche incendio lo richiamava il professor Lenzi nel
Cosiddetto Patto della salute dal Ministero della salute e le Regioni
Stiamo lavorando ancora sul
Decreto novanta quello sulla pubblica amministrazione
E abbiamo incominciato a lavorare anche qui se volete indirettamente perché per ora ancora solo al Senato
Sul disegno di legge Lorenzin
Che comprende al suo interno come sapete anche elementi che riguardano il riordino delle professioni sanitarie
Che fare ora B innanzitutto direi non piangiamo rispetto hai dati di fatto prendiamoli come dati di fatto qualcuno ha già detto e prendiamole anche positivamente ripeto l'idea del concorso nazionale
Io sono uno di quelli che avrebbero preferito abilmente mantenerli concetto positivo di scuola
Ma
L'idea del del concorso nazionale se serve a garantire oggi è giovani
Una sicurezza per quanto riguarda la trasparenza delle procedure
Io credo che vada oggi accolta senza riserve anche perché non era più
Altrimenti sostenibile
Abbiamo però molto da fare invece e qualcosa è stato già richiamato abbiamo da fare sul monitoraggio
Innanzitutto ma non solo il monitoraggio per quanto riguarda il funzionamento delle scuole di specializzazione
Abbiamo da fare una valutazione in termini di monitoraggio per quanto riguarda
Flussi di pensionamento dati epidemiologici mutamenti tecnico-scientifici della
Della medicina
E quindi rispondenza della tipologia delle scuole e della numerosità diciamo degli ingressi che nelle scuole sono richiesti per quanto riguarda il futuro
Della professione medica in questo Paese questo lavoro estremamente serio lavoro sementi importante che abbiamo inserito nel decreto carrozza e che attende però di essere ovviamente implementato
è dobbiamo lavorare certamente alla
Anche qui realizzazione piena del concetto di rete formativa
Che mi permetto solo in questo dissentire da quello che ha detto il professor Gaudio secondo me non basta nemmeno identificare con l'ospedale perché può all'interno all'ospedale così come all'interno all'università ci sono delle ampie zone di
Variazione ma la rete formativa certamente deve servire
A dare il meglio della formazione allo specializzando questo è lo spirito di servizio di cui si diceva e su questo c'è molto da fare
E infine anche l'idea del board nazionale a cui si faceva riferimento io credo che sia un qualcosa che aiuterebbe certamente
Tutte le scuole ad adeguarsi poi standard formativi sapendo che comunque può devono rispondere ad un elemento di valutazione
Oggettivo e di carattere nazionale che in qualche maniera sarebbe l'occasione di una verifica anche della bontà del sistema formativo che ha portato quei ragazzi voi a sostenere l'esame del bordo
Cosa invece secondo me e assolutamente insostenibile e mi avvio alla conclusione
Cerco di essere proprio telegrafico credo che
Insostenibile sia
Quello che siamo riusciti temporaneamente a far decadere ma che sarà oggetto di un tavolo Ai sensi dell'articolo ventuno che è rimasto del Patto per la salute cioè l'articolo ventidue del patto della salute non è possibile pensare
Ne che la formazione
Possa in automatismo prevederei non per il bisogno formativo dello studente ma perché così sta scritto che gli ultimi due anni vengono trascorsi
Nelle strutture della la rete ospedaliera che fa capo alla alla scuola di specializzazione
Se non per un criterio appunto di formazione in ambiti
Dei quali appunto io non sono in grado di garantirti la formazione evidente oppure c'è qualcun altro Cuetara Borbera dire meglio di me
E così come non è ancor più accettabile il fatto
Della professione parallela della specializzazione sul campo con un contratto da infermiere per medici che e non si sa bene poi che fine farebbero se rimarrebbero a vita di serie B
Oppure se andrebbero a saturare e tutti i posti in sovrannumero oppure se comunque potrebbero per quella via
Bypassare quella che era la selezione delle scuole di specializzazioni ingresso delle scuole spese già rendendo di fatto non più competitive
E quindi quasi inutili
Ecco io credo che su questo noi dobbiamo invece essere estremamente duri e chiari
Allo stesso tempo quello che è ormai insostenibile è l'arroccamento feudale di chi dice questa è la mia scuola di specializzazione e ne faccio quello che mi pare questo credo che dobbiamo dirci
Forte è chiaro che non è più sostenibile nel nostro attuale panorama
Per fortuna secondo me
Termino dicendo raccogliendo per così dire l'invito che ha fatto il professor Rossini
Il professor Rossi è stato bene oggi e siamo qui positivamente con in fondo tutti gli attori
I nostri politici direbbero gli stakeholder no del del del sistema tutti gli attori tutti i portatori di interessi positivi di questo sistema ci sono i docenti
C'è il ministero ci sono gli specializzandi
Ci sono i giovani medici bene io credo che
Sarebbe molto bello lasciata voglio sono con un auspicio se oltre a muoversi quei pochi perché siamo pochissimi parlamentari sensibili a questo
A queste tematiche o quanto meno quelle comprendono fino in fondo perché le hanno vissute le vivono in prima persona
Credo che sarebbe molto bello se potessimo sentirci e sentire usi tutti quanti più vicini
Sia nella possibilità diciamo di a vere sollecitazioni consigli input stimoli per iniziative per proposte
Ma anche per gridare forte e chiaro
E più di qualche volta ce n'è bisogno in modo tale che alcuni tentativi maldestri possano anche rientrare perché parliamoci chiaro o l'università non come corporazione
Ma come istituzione alla quale il Paese non può rinunciare è in grado anche di tirar fuori altre forte alla sua voce oppure
Quel discorso che facevo all'inizio
Cioè che è sotto attacco soprattutto per la sua componente medica
Avrà solo un inevitabile esito un esito di carattere negativo nostro auspicio quindi è che possa essere coniugata della buona politica
E della buona universi
Noi dobbiamo fare in modo che queste due
Diciamo molto modalità di essere
Istituzionale
Buona politica che ha a cuore il bene comune e buone università che ha a cuore la formazione di sull'enti possano
Darsi la mano procedeva a braccetto e sostenersi a vicenda grazie
Sappiamo adesso il ringraziando tutti i relatori di questa tavola apriamo adesso inizi
Prego di venire vi prego solo di essere brevi per protestare
La possibilità alla maggioranza di voti poter intervenire
Barberi dissi sono nella seconda versione degli studi di Napoli e sono ordinari chirurgia generale ma qui rappresento anche il la Conferenza dei presidenti dei Collegi dei professori ordinari sfratti
Associati
Nella dell'università quindi la carta Demi a medica diciamo
Prendo subito spunto dalle ultime alla conclusione del professore briglia il collega Gigli
Dicendo che effettivamente sono d'accordissimo colui re dobbiamo considerare l'università con istituzioni servizio e solo in questo modo noi possiamo operare e renderci credibile nella nostra società
Tuttavia per quanto riguarda il discorso della
Attinente al tema
Specifiche delle specializzazioni noi dobbiamo dire che indubbiamente proprio in questo accenno al servizio
Il valore fondamentale di questa una regolamentazione nuova è la trasparenza la trasparenza come
Il il fatto di poter portare a a livello nazionale
Se questo nell'immaginario collettivo è la
La garanzia di trasparenza di per gestire a livello nazionale le ammissioni
E su questo il leader collegio a ha fatto un documento che abbiamo mandato alla più
Persone personalmente a politiche appunto che appoggiato a questo
Però secondo me un po'il leitmotiv di questa diciamo
Discussione
è che noi abbiamo perso dei momenti
Delle occasioni
Per migliorare perché indubbiamente in i primi a riconoscere che c'è un problema di efficienza delle specializzazione siamo
Stessi docenti e credo che siamo
O vuole le poche categorie che ammettiamo i nostri errori altre che autoreferenziale
Ma perché abbiamo un metodo scientifico diciamo
Però e tutte le occasioni e perse e che non abbiamo applicato adeguatamente già degli alberi che c'era
E fondamentalmente quando parliamo di efficienza Fal gamma anche di un livello omogeneo delle scuole di specializzazione
Qui il edito dall'Osservatorio nazionale che era demandato a fare i sette visite e vorrei correggere un relatore non andava ma a chiudere o a andava consigliare a cercare di valorizzare ciò che era presente nelle varie diciamo realtà periferiche
Ma questo non è stata fatta adeguatamente ogni ha fatto pochissimo non è stato una un è stato un'occasione perduta
Tant'è vero che quando il professore Andrea il presidente scusatemi sfugge la parola il cognome
Senza ecco
Ha chiesto aiuto alla alla nostra organizzazione per dare il il nome per dare i i nomi dei coordinatori per aumentare l'attività di questo noi abbiamo fornito cinquanta
Diciamo nominativi ma con tutto questo non si è ottenuto allora cominciamo apportare a regime giochetti c'era già e che non si è portata un altro problema è al livello di alla Rete
Formativa in osservatori regionali che si dette più denaro non esistono o se esistono funzionano ma malissimo
E questo sono a queste cose allora non possiamo spostare il problema dicendo facciamo alla missione nazionale e poi questi problemi che portò nelle carni proprio intrinsecamente la possibilità di una
Adeguata efficienza fuori non si vengono fatti
E poi vorrei è specchio Udo spende qualcosa per una dei proventi più grossi eccetera la formazione chirurgica essendo io chirurgo
Andate bisogna finire di a vere o ordinario alla chiamo un'aggiunta giungla legislativa per quanto riguarda l'attività formative dei chirurghi
Qua si è arrivato a molta are università perché nell'equipe chirurgica e c'era solo uno strutturato
E un uno specializzando e che aiutava nella atto opera operativo che peraltro era una mitigazione
è una cosa fatta apparire a Pavia quindi un fatto pubblico
E qua bisogna capire in una situazione di efficienza e di riduzioni di spese l'equipe chirurgica secondo o la legge
Richiede due strutturati oltre allo specializzato ma è uno spreco proprio nella nella struttura
Dall'altra parte il problema grosso è che il il secondo strutturato che dovrebbe fare il terzo sarebbe veramente
I pro gestito è assurdo
Dall'altra parte però anche questa infatti frazioni del tutor
Un tutor che e responsabili tutto quello che fa il
La il Milano specializza e neanche questo è possibile perché se no andiamo nella difesa nelle cose allora concludendo io dico che
Siamo facendo uno sforzo per rendere più credibile queste specializzazione sia da un punto di vista
Di diciamo
Di in chiarezza e di equità
Ma
Dove andiamo se poi sfide capita alla l'Accademia mandando rottamando il oltre il cinquanta per cento dei dei
Degli organi non degli organi di tutta la forza universitaria io credo che questo è un punto cruciale
Perché veramente quasi deve capire se la azione politica non vuole sottrarre alla nazione alla nella società la funzione pubblica dell'università o meno
E con questo
Domanda forse è pleonastica però che ai suoi fondamenti greco grazie e dunque dovete pensare che qui noi alle sette meno dieci dobbiamo lasciare l'aula
Questo lo dico perché ci sono fortunatamente per tutti noi delle regole delle cose inc all'interno delle quali ci muoviamo per cui se voi volete intervenire per porre delle domande per fare un'osservazione puntuale se cannoni siamo molto grati
Tutto quello che noi raccoglieremo se ce lo mandate per durante la posta elettronica lo raccoglieremo e lo porteremo nei dovuti gli ambiti di conoscenza
Adesso vi chiedo solo per perché spetta a voi stessi di essere
Concreti
Alessandro peer ucciderà Sapienza io credo che i colleghi non me ne vogliano ma la parte più interessante con ascoltato stasera è quella
Del direttore generale
Dico questo per due motivi uno tecnico e l'altro polemico dico prima
Quello tecnica e questo quando lui ha parlato della
Possibilità che le Regioni vivano queste
Borse di studio
Io vorrei raccontarvi cosa succede in Italia a coloro che cercano di anticipare i tempi in questo caso il sottoscritto come si è balenata questa possibilità di queste borse di studio regionali
Io ho immediatamente scritto al Presidente la mia regione e all'onorevole Zingaretti
The prestando la di e-mail per avere un posto dopo essermi andato accuratamente a vedere quante erano le manchevolezze di nefrologia e perché la mia la Scuola di specializzazione in grafologia nella Regione Lazio e ho visto che erano numerose
Non riuscivo a trovare una risposta
Verosimilmente solo per cortesia perché lo conosco personalmente
Mi disse guarda non è una cosa che ci riguarda dico come non mi riguarda
E tanto per dargli una tiratina d'orecchie gli ho mandato quello che aveva fatto la Regione Veneto che aveva dato tutti quei posti proprio in ottemperanza quello che sarebbe successo eccetera eccetera
Insomma per farla breve alla fine sono riuscito a fare farmi dare una lettera dalla Regione Lazio
Ovviamente l'onorevole Zingaretti a un gran politico lui non l'ha firmata non ha fatto firmare al direttore generale
Dicendo che la Regione Lazio non c'entrava nulla con l'attribuzione di nuovi contratti di medici informazione che mi rivolgessi al Ministero
Sia dell'università sia della della della
Università allora ho raccontato questo piccolo episodio per far capire che fa dire al fare in Italia si è sempre di mezzo un gran mare
La seconda cosa la dico con uno un attimo di piacere quando il direttore generale ci ha ricordato che noi siamo il Paese dei ricorsi io vorrei ricordare una cosa che è l'Amministrazione che ci ha messo
Veramente costretti a volte
A fare tutti sti benedetti ricorsi e dico questo non a caso
Perché quando io ero ancora giovane andavo per uffici soprattutto quelli che erano le parti diciamo che avevano contatto col pubblico spesso e volentieri c'erano ma fai ricorso ma fai ricorso
Ed era un veramente un'ossessione vorrei ricordare che il Presidente Renzi ha detto che la battaglia di tutte le battaglie la burocrazia
E questo vorrei che il direttore generale mi consenta polemicamente non dimenticarsi
Prego
Buona sera sono vorrei Giorgio neolaureato della Sapienza e rappresentante del Comitato Nazionale aspiranti ufficio interregionale sì
No per noi è una
Prima
No lo si riferisce al Presidente
E naturalmente volevo perché una cosa esporre delle criticità in relazione appunto al al Regolamento del del concorso
E e per fare delle domande a le criticità che sono uscite fuori dal
Appunto dalla dal nostro Comitato sono in primis quella di prevedere l'obbligo pr i partecipanti che siano lui o extra uniche
Di aprire una lingua italiana certificata almeno a livello C uno questo perché anche a livello internazionale quindi europeo
è richiesta noi italiani la la stessa cosa
Altra cosa importante credo che sia la
L'uscita immediata della
Del programma di studio magari anticipando proprio il il bando stesso questo per permettere una maggiore miglior preparazione di di né orale laureati e nel contempo anche di
A far sì che la metodica di assegnazione di apertura delle buste in affidamento dell'incarico
E dilla
Nella di incarico si la società punto in carica da per la la stesura di quiz siano rese pubbliche e nel contempo anche lì i professori
Che facciamo parte della Commissione non possano essere nello stesso momento professori che
Fanno parte di
Diciamo di quelle di quelle strutture che preparano i concorsi appunto gli studenti
E la domanda poi per concludere al dottori con
è appunto visto che si è parlato di questa stima di quattordici mila aspiranti
E invece la nostra sembrava al massimo di tredici mila lo sapete appunto su cosa viene basata questa questa stima grazie
Buonasera li chiamo darle pianoro e sono laureati in medicina l'Unione sta di Bologna
E offra ai promotori della petizione Medici senza futuro di cui parla prima Andrea Silenzi e che ha raccolto molte firme
La realtà volevo intervenire su questo sul numero di contatti la programmazione però sono stato molto provocato a quanto è stato detto nella prima parte del pomeriggio per cui
Reazioni caldo che sta da quello che ho sentito
Lei onorevole ha iniziato citando quattro parole efficacia efficienza mere trasparenza e su questo sono svolti tutti gli interventi
Parlando di rete formativa di accreditamento delle scuole di specializzazione di qualità della didattica della Scuola di specializzazione che sono temi sprona molto importanti non dimentichiamoci che
L'Amburgo fa tutto tranne la valutazione del scuole di specializzazione ancora questa parte non è iniziata per cui tutto il processo ava di fatto ha escluso la Scuola di specializzazione
Dall'altra parte credo che sia molto importante e qui una domanda più forse una richiesta al Direttore
Lì con
Di mappare precisamente tutte le domande che verranno fatte a questo concorso di specializzazione in modo che valutando le richieste e poi vedendone i risultati chi ha vinto e da dove viene
Ci possa valutare veramente come parametro non oggettivo se vogliamo dire perché fa parte dell'impressione dello studente fa parte dei problemi o della vita dello studente scegliere
Però almeno ci sia c'è un elemento in più per capire quali sono gli atenei che formano meglio indipendentemente da la media di Nervo di voto di laurea di frode POPPI laureati quali sono le scuole di specializzazione che più ha tra
No no e perché
In modo che questo possa essere affiancato come parametro a un'eventuale attivazione del processo di valutazione dell'abuso squali specializzazione
E avere bisogno di tutti i criteri di accreditamento delle scuole in modo che si possa utilizzare una serie di di di input per valutare veramente qual è la formazione specialistica del medico in questo Paese
Non dimentichiamoci come è stato detto da da qualcuno prima che
Fondamentale anche l'aspetto della ricerca c'è il bello del mondo universitario tra formazione per citare che è stata mette collegata la ricerca
E quindi anche questo parametro che a una valutazione molto più precisa di quella che
E sulla didattica oggettivamente può essere utilizzato perché un conto uno studente che vive in una scuola di specializzazione
Che lo forma molto bene un conto uno studente che
Imparano scogli specializzazione profondo molto bene e lì da un metodo di affrontare problemi da ricercatore che possa sviluppare non solo la sua professionalità e la salute dei cittadini ma anche la salute di tutta la popolazione italiana tra qui forse quaranta cinquant'anni
Per cui secondo me valutare bene tutti questi aspetti e puntare a far a ma pare e rendere pubblici
I risultati delle domande può essere molto utile al fine della valutazione grazie
Grazie
Buonasera io sono Giulia Bartalucci referente formazione per essere specializzandi a nome della Confederazione volevo ringraziare innanzitutto tutti coloro che insieme hanno in questi mesi hanno comunque perseguito questo obiettivo in cui credevamo molto
E appunto nel per noi dal grande soddisfazione vedere tra qualche mese il concorso nazionale e anche questo Regolamento
In realtà abbiamo sempre creduto nel concorso nazionale perché o lo vedevamo un po'uno snodo perché appunto essendo al centro tra la formazione pre laurea e post laurea poteva andare influire positivamente in tutto il percorso formativo e quindi lo vedevamo veramente un momento fondamentale
Quindi a
Ringraziandovi ancora per per le sforzo e esprimendo la nostra soddisfazione per l'obiettivo raggiunto ci sentiamo anche però vicini a molti dei punti toccati questa sera
In particolare appunto una revisione dei piani di spendere ogni studio delle scuole di specializzazione ma anche la grande tematica della durata degli studi post-laurea fatto comunque e ci sentiamo di sostenere questo aspetto
Che nella formazione post-laurea oltre allo studio sia comunque una progressiva acquisizione di competenza professionalità ma anche responsabilità e questa progressività diciamo deve essere mantenuta
E è per questo molto difficile parlare anche di tempi di durata e però un argomento fondamentale
Inoltre
Ringrazio anche il presidente Lenzi per aver toccato questo questo punto un la presenza di porte nazionali dal punto dal punto di vista delle delle scuole specializzazione sarebbe fondamentali
Anche su base volontaria e anche noi differisca Cerizza dici vediamo molto vicini a questo tema
A questo punto ecco poi ringrazia che Andrea Silenzi che a sottolineato quanto questo fronte sia stato unito in questi mesi per raggiungere questo obiettivo e ci chiediamo visto che sono così tanti punti comuni perché non continuare
Quest'momento positivo e continuare magari con un un contesto permanente o comunque un tavolo tecnico un altro contesto permanente a perseguire questi punti come molte altre la valutazione della qualità delle scuole
La Rete informativa tutte ma che ci stanno molto a cuore e per così dire battere il ferro quando è caldo abbiamo raggiunto l'obiettivo importante ci sentiamo di spingere
Perché anche altri punti siano toccati in maniera oggettiva sotto la luce di quello che l'onorevole Binetti diceva all'inizio di una forte etica dell'insegnamento ma anche della prendi mento e comunque generale della formazione che ci porta a
A perseguire questi obiettivi sotto sotto questa luce grazie mille
Salve a tutti io sono motivo De Angelis il vicepresidente di Dinacci informazione ringrazio l'onorevole Binetti l'onorevole Gigli per l'invito
Allora volevo attaccarmi un attimo a quanto aveva detto il
Professor Lenzi in merito al fatto che lui si è laureato a ventiquattro anni ha avuto il tempo per penso di ben ventisei specializzazioni io mi sono recato al luglio scorso avevo ventiquattro anni anch'io ancora sono in attesa di fare il primo concorso
Quindi sono laureato a Tor Vergata acquisirà il magnifico rettore che saluto
Però ecco
Adesso erano gravissima guardi in di questi tempi penso che molti sarebbero anche disposti a prendere gravissima non voi non voglio parlare di questo quello trattare sinteticamente cinque punti perché voglio ascoltare le
Le risposte
Del direttore generale degli onorevoli
Primo punto abbiamo letto della delibera della Giunta regionale del Veneto perché di imporre vincolare insomma i contratti di disperazione regionali alla Regione stessa vogliamo capire in che modo ignora intenzione di insomma prevaricare su questa su questa zuppe sta dei libri in qualche modo ne pensiamo che divora abbia i mezzi insomma per
Superarla insomma
Secondo punto è quello questo forse non è stato detto nessuno volevamo aiutare a capire di come arriviamo a questi quindici mila candidati perché in euro a reati saranno sei mila settecento
Acquisisco mano i ragazzi che non sono entrati nella mia negli anni passati acquisì sommano però
Il pesce Aristide programma nuovamente il concorso perché o in una seconda sulla redazione
Gli specializzandi che già sono entrati e magari non sono soddisfatti della loro scuole di specializzazione ne vogliono provare un'altra e i ragazzi che hanno il diploma di medico di medicina generale che vogliono prendere la prima specializzazione
Ecco noi chiediamo se non è il caso di limitare in qualche modo di insomma di favorire chi non ha neanche nel libro ma nella né un titolo insomma i neolaureati come come possono comportarsi
Di fronte insomma anche perché si presume che uno specialista magari abbia anche qualche competenza in più rispetto
A un'abilità altro ecco
L'ultimo punto di volo trattare insomma se si poteva in che modo si potesse sensibilizzare insomma anche se
è difficile rispetto a questo dalla di ricorsi
Che praticamente o qualche ogni ragazzo che fa ricorso sembra che negli ultimi due anni il TAR gli dia ragione
Dopo il TAR e se il Consiglio di Stato però e forse rispetto al Consiglio di Stato qualche cosa i Ministeri possono fare pezzi in Siberia Zare il Consiglio di Stato ecco questo intendo non so
Perché se magari i ragazzi fanno ricorso al TAR e lo vincolato al Consiglio di Stato Ida torto forse ci si pensa due volte a fare tutti questi ricorsi al TAR e perché la programmazione in medicina assente
Tra annullata
Adesso daremo quindici mila per cinque mila posti tra cinque sei anni in questo lei ricorsi sono ne saremo trenta quaranta mila vediamo quello che succede grazie diciamo
Consigliere
Signor
Norme semplici
Sì sono Nicola Ferraro assorbirlo scogli geriatria della Federico II
Ringrazio la l'onorevole anche per la precisazione sulla geriatria vi ringrazio tutti innanzitutto il punto positiva a mio parere di questo no Regolamento riguarda l'aspro vince distrazione dei gli studenti fisico dico come genitore qualche anno fa mia figlia si è laureata in medicina
Chiesi di far fare né di fare le domande fuori dalla sua sede universale non lo ha fatto quest'anno sarebbe costretto a fare altre domande in altre sedi questi sicuramente positivo
E poi un altro modo positivo che creerebbe quel minimo di competizione tra le scuole a me farebbe piacere che
I migliori della tipologia della scuola
Geriatrica OSCE gli esso la mia scuola come come sede sicuramente questo è importante questo ridare un Consiglio forse al ministero e forse anche agli studenti
O ai medici ai colleghi ai giovani colleghi cioè trovare una situazione formato anche informali in cui le scuole di specialisti possono presentare
A me farebbe piacere che al di là di quella diciamo mediocre sito della Federico II che presenta solo il mio nome per quanto riguarda per quel precisazione poter presentare di strutture di sede lei ha chi colazioni della mia scuola interessi scientifici i laboratori scientifici e la Rete di formazione perché la mia scuola a una rete di formazione abbastanza
Diciamo ampia io ho fatto anche la lotta per avere delle strutture territoriale di formazione perché per il geriatra importante anche il territorio non solo l'azienda ospedaliera
Qualche problema tecnico guardo con terrore il dottore
Livorno quindici mila io pensavo diecimila forse quindici mila ragione il dottor
Pensiamo che dovranno quindici mila DOP tori medici nello stesso momento della stessa ora fare lo stesso diciamo quiz sedici famosi settanta quiz generali
Io no mi vengono i brividi a pensare come riuscirete a farlo
E poi una piccola che dica un po'diciamo politica
E così no è una piccola critica diciamo un po'politica è un po'diciamo anche ideologica
Ecco
All'articolo quattro se non sbaglio alla Commissione nominata dal ministro per carità in questo caso il ministro ex rettore ci fa piacere è stata sicuramente bene in futuro potrebbe anche non essere un professore universitario potrebbe essere qualsiasi tipo di di persona bene penso che dal mille novecentoventidue dai tempi della riforma Gentile
Nessun ministro nominasse una Commissione in maniera assolutamente autonoma e senza confronto cono comunità o senza regole questo mi dispiace un po'grazie
Colleghi veramente andiamo
Barlumi di tempo perché dovremo andarcene andarcene dopo aver ascoltato il suo gli spazi tra
Un quarto d'ora
In Sardegna da diversi anni medicina d'urgenza sono specializzando del Gemelli
Allora due cose innanzitutto volevo sapere se avevate cominciato a prendere in considerazione il discorso è specialisti non medici non abbiamo il grosso problema che sopra le nostre teste nel mio specificarlo sopra sotto i laboratori
Lavorano persone gratuitamente e quello è un problema che dovremo risolvere e separatamente dalle Borse scuole medicina che se no
Ricominciamo la cosa è un'altra ma domanda soprattutto al professor Lenzi
Una richiesta più che altro non facciamo l'errore di valutare le scuole sugli specialistiche escono perché una volta non lo specialista è uscito non è che possiamo dirgli attuale se vorranno è superato concorso Riva e fa un altro anno
Le scuole ci dobbiamo mettere mano subito cioè il concetto è validare le scuole la specializzazione prima dobbiamo trovare un modo per chiudere chi non è in grado valere dei criteri seri e fare in modo che i programmi vengano rispettati nomina come sigillo membro
Medicina d'urgenza abbiamo delle scuole come Simeone facciamo una scuola tutti gli anni dei terzi anni che si confrontano
La cosa assurda è che gli amici all'urgenza ogni scuola fa una cosa diversa ognuno fa come gli pare non c'è un programma non viene rispettato sulla carta tutti perfetti tutti carini poi nella pratica ognuno fa quello che vuole
Quindi la quale la nostra richiesta almeno la mia richiesta di quello che vedo dai colleghi e delle cose cercare di valutare veramente gli vale
E facciamola finita a me grazie grazie
Buonasera Giuseppe fieri onore di dirigere la Scuola di specializzazione in gastroenterologia all'Università dell'Aquila
Prima di tutto grazie di questo incontro con l'onorevole Binetti e qui vorrei riportare
Secondo il discorso proprio sul far fronte no noi siamo al proprio faccio gastroenterologo da
Credo
Più di trentacinque anni o quasi
So come si forma un gastroenterologo mio formati tanti e fatti da sé però non così non quello del fegato come dice il professor Lenzi o delle so procacciatore ma faccio cerco di fare una sentono che poi possa essere speso in tutto il fegato
Però
Noi siamo partiti con la scuola con tutti i requisiti avevamo eletti posti letto lo scoprirà la rete corre dell'ecografia e così via non li dovrà tutti
Poi quando
Il direttore generale dice che non Ciappi soldi per qualcosa chiudete posti letto non ti rinnovo degli strumenti eccetera io questi requisiti serva a perdere
E gran parte del mio lavoro in questi ultimi due-tre anni quattro va bene che ci abbiamo del terremoto di mezzo che è un pochettino imbrogliato le acque ma non è solo quello
Mi son trovato a utilizzato non perso utilizzato il mio tempo solo per recuperare i requisiti allora io mi dica il requisito è che
Però o richiedevano delle risorse
Ma queste risorse erano risorse dell'ASL
O dell'Università lo stessa un ateneo a volte ho visto sembrato avesse scarso potere contrattuale nella figura del direttore e direttore cosa nei confronti della della ASL
E in questo abbiate pazienza ho sentito un po'la distanza anche delle istituzioni come dire come
Questo tavolo per esempio qualcuno
Da poter dire scusa ma io come posso fare ciò qualche risorsa in più per mantenere queste risorse per consentire poverino
Di
Continuare a fare dei gas eterogenei come tutti questi ragazzi vogliono che siano validi e spendibili grazie grazie
Buonasera e grazie
Nell'invito io sono una pediatra pediatra di famiglia di Roma e sono portavoce della si impegna la Società Italiana Medici pediatri porto i saluti del presidente Meta
Leggo un breve comunicato che il Presidente mi ha detto di leggere poi di consegnare
Premesso che la specificazione Pediatria è una delle più valide in Europa
Premesso che la pediatria di famiglia e l'unica realtà in Europa oggi il tasso di mortalità dei bambini sotto i cinque anni in Italia inferiore a quello medio europeo e a quello degli Stati Uniti e quattro virgola tre per mille nati
La si interpreta o ad una valutazione previsionale fra pediatri disponibili e pediatri necessari per i prossimi undici anni
I dati a nostra disposizione sono riportati nella tabella allegata che poi lascio a voi e messi a disposizione per la valutazione che riterrete opportune ci permettiamo di evidenziare che l'attuale sistema che prevede duecento contratti ministeriali l'anno per la Pediatria
è un corso di formazione di cinque anni non garantirà per un prossimo futuro un turnover necessario per sostenere
L'attuale sistema di cure pediatriche
Nello specifico considerato che il numero dei pensionamenti in funzione dei dati anagrafici in possesso
Dimostrano che tra due mila dieci due mila quindici
Avremo una perdita di mille settecentocinquanta e di tre mila seicentotrenta fra il due mila quindici due mila venti e di quattro mila seicentodue perché è una gaussiana tra il due mila venti e due mila venticinque
Si passerà dagli attuali quattordici mila trecentotrentotto agli otto mila novecento stanti i cinque anni di specializzazione previsti volendo ipotizzare il invece una riduzione del numero degli anni di specializzazione così come avviene nei maggiori Paesi del mondo abbiamo visto che in Francia sono attualmente quattro anni
La disponibilità dei pediatri nel due mila venticinque sarà superiore di duecentosettantanove unità nel due mila venticinque quindi la si impegna auspica un'attenta riflessione sul tema confrontandosi con tutti gli attori al fine di pro la Marin maniera oculata sia il numero delle Borse sia gli anni dedicati alla formazione e la sintesi auspica inoltre che i corsi di formativi che i co così di formazione preveda ma un adeguato periodo di acquisizione di competenze specifico anche nell'ambito di cure primarie quindi del territorio grazie grazie all'ACI
Grazie
Mi si dica poca rotondo secondo diversità di Napoli
Non sono direttore nessuna scuola perché data la mia età già fatto tutte
E docenze e tutte le direzioni di scuole in varie città d'Italia perché ho insegnato io nel piano abbiamo un'anomala trovano ottimi lotta ameranno fra poco non ti preoccupare sia aperto perché
O senso che c'è una virtù
No voglio dire perché però fatti in molte città d'Italia perché sono un fine professor
Cioè io insegnato dappertutto e questo per me la grande qualità perché significa che mi sono confrontato molto sul territorio
Io
Prendo la parola per ringraziare dell'organizzazione perché mi ha fatto capire che c'è un po'di confusione nella mia mente molto probabilmente
Io sono venuto perché
Parliamo di questo
Le prossime
Certa mettiamola così più simpatico e per le tre le scuole specializzazione con questa regolamentazione nazionale
E siccome in quest'aula del mio settore diagnostica per immagini e radioterapia ci sono nove i colleghi che venga tutti Italia sta a significare che ne esce crediamo molto
E quindi grazie per essere presenti tra abbiano parla di tante altre cose
Che con questo non è un ente che vedere
Perché vi ha parlato di presso l'Università su questo argomento questo è un Regolamento non sta scritto niente
Beh io mi permetto di dire che siccome tutti quanti si riempiono la bocca e che la medicina italiana e ad alti livelli perché la vita media del Paese
E su dell'est Europa vuol dire che qualcosa oppure abbiamo fatto no che sa bisogna anche disse cose belle emergenza non va bene la ritenga segreto immagine
Io non sono di Ettore Scola
Fa un prodotto finito perché quando è scritta nei pronto soccorso e ne facciamo bene
Lo facciamo a livello europeo quindi
Sono gli uomini che fanno le cose e anche quando saremo i regolamenti e le applicheremo
Saranno gli errori dei momenti faranno un prodotto sbagliato allora non solamente con le leggi si fanno le cose ma con il comportamento quindi chiederei
All'onorevole
Ma al mio amico Renzi che grazie avete formative che noi abbiamo sempre atti perché siamo servitori dello Stato abbiamo fatto un prodotto finale di qualità sul territorio che avete formativo giacente
Basta farla funzionare se io me ne voglia far funzionare
Va bene non abbia fatto funzionerebbe non io noi
Vorrei gentilmente stimolare
La possibilità di a vere
Una riunione come questa dove noi tutti abbiamo la possibilità di colloquiare della nostra perché sembra che la nostra voce spesso non venga ascoltato quindi vorrei chiederle una cortesia
Di uno Stato generali ascolto per i docenti e le scuole di specializzazione o docenti universitari stimolando anche Andrea Lenzi Kirkuk ho parlato prima di farsi promotore per questa iniziativa grazie
Ultimo intervento
Sera sono Giuseppe Tovini direttore di specializzazione di oncologia del di università Campus bio-medico di Roma ringrazio anch'io per l'opportunità anch'io sarò sintetico
Tre punti allora il nuovo concorso
Centodieci quiz settanta domande quiz su argomenti caratterizzanti trenta diaria dieci di specialità che possono valere venti punti e poi quindici dei titoli
Non lo so ecco su questo io credo che dobbiamo riflettere molto
Io credo che dieci domande di specialità sia poco allora secondo punto agli internati che fine fanno sono una cosa seria
Ne abbiamo fatti sempre seriamente e non
Un modo per cercare di far andare avanti lo studente che frequentava
I progetti Erasmus gli stage all'estero che peso hanno mi pare che in questo concorso no non ci sia traccia
Il dottorato di ricerca a mio avviso viene penalizzato perché poi fanno sei anni di medicina
Sì due anni possono fare
E siamo a otto per poi prendere una specializzazione e poi li mandiamo in pensione a sessanta anni insomma non lo so quando questa è un grosso sessantacinque o detto sessanta era
Era ironico
Terzo punto io sono il primo direttore non lo dico così di scuola di specializzazione di oncologia medica a Roma perché tutti gli altri non erano oncologi medici
Anche le scuole devono avere dei direttori che sono
Di quella
Raggruppamento non può fare il direttore di oncologia medica
Non so un patologo clinico non perché non vada bene Amato patologo radioterapista oncologo ognuno deve fare
E il proprio lavoro anche quali requisiti minimi delle scuole e poi abbiamo parlato alla meritocrazia mi è piaciuto quello che ha detto
Andrea Silenzi appunto un punto di partenza questo nuovo di concorso
Però allora andiamo a vedere anche il merito delle scuole le scuole che meritano diamo dei posti io vi dico ci sono scuole con dieci posti
Dieci possibile specializzandi ma non hanno una degenza io credo che questo non vada bene
Quindi anche qua andiamo a controllare queste cose però virtuosi devono essere
Premiati grazie
Ultimo
Ma che finiscono Presidente era facoltativo medicina domani Brescia e volevo fare un'osservazione su quello che aveva detto il dottor Limone a proposito della
Diciamo così per vivere
Non perfette comprensioni tra Ministero e Regioni sulla richiesta avanzata dal professor Mancini con la sua circolare
Per la Lombardia hanno salvato rendono necessari costituendo
E la Regione ci ha confortato membri cinque colleghi
Le altre sedi universitarie lombarde quando abbiamo mandato ma ancora nei primi mesi di quest'anno una stima abbastanza accurata del fabbisogno di specialisti
Ma data sulla precedente che era stata fatta col notevole contributo del professor Stella Cometa lei certamente conosce questa stima prevedeva un incremento rispetto al triennio precedente disaggregata per per specialità per cui credo che la stima su quante fossero le borse
Che
La Lombardia richiedeva per soddisfare il suo fabbisogno il Ministero
Già ce l'avesse capito poiché
Questo sia un problema che attiene soprattutto alle difficoltà economiche che lo Stato incontrare garantire quell'equilibrio che bene o male si era costituito negli anni passati tra
Numero dei laureati in un sistema numero chiuso il numero
Di persone che veniva raccolta all'interno delle scuole di specializzazione più che
Tra virgolette è un capriccio delle Regioni e poi ancora vorrei associarmi alla alla richiesta del professor rotondo
Che credo sia assolutamente giustificata grazie
Rapidamente cercando di rispondere per lo meno tutte le domande dirette a cui io posso dare una risposta puntuale
Stima dei quattordici mila c'è stata una domanda che cercava di capire come si arriva più o meno questo numero tensione questo numero
Tiene conto anche delle domande doppie che molto spesso ci sono e attenzione quindi questo insomma è una prima valutazione importante da fare
Un po'come quando sono sull'abilitazioni si danno dei numeri di quanti sono i candidati ma le domande non sono esattamente quanti sono i candidati perché alcuni farà domanda subito il settore questa volta ci sono dietro la sei possibilità di di di di scelte è quindi evidente che i numeri
Saranno saranno sì sì potrà stesse esatto dipenderà anche molto dalle date dar l'articolazione entro su questo questa la stima prudenziale che stiamo facendo ovviamente mi collego subito ad un'altra domanda che era
Correlata a questa non sarà semplice organizzare in un'unica giornata
La possibilità di sostenere questa prova per questi numeri se sono maggiore ancora più difficile ma è evidente che questa nostra una procedura telematica ricordo che nella stessa giornata quando parliamo di medicina sono circa sessantacinque mila
I ragazzi che fanno una prova di medicina in quel caso no a modalità cartacea queste telematica che quindi ha altre tipologie di complicazioni
Vedo anche molti professionista ripresenti noi abbiamo chiesto la rilevazione anche l'università sia quelle che hanno medicina ma anche quelle che non hanno più vicina ed ad esempio poli tecnici per capire quali sono le dotazioni informatiche che hanno perché diventa importante costruire una rete
Che sia solida per poter svolgere questa tipologia di prove
Altro elemento
Che riguarda soprattutto gli studenti stranieri qualcuno chiedeva se si poteva mettere lui un livello di certificazione intenzione anche questo mi ricollego a quello che dicevo prima è comprensibile da un punto di vista
Diciamo sostanziale dobbiamo fare molta attenzione per vedere che era una cosa del genere di non incorrere in limitazioni non prevista dal punto di vista regolamentare
Voi sapete benissimo che cosa facciano gli atenei localmente su questo non nascondo che ne stiamo anche cercando di monitorare attentamente tutto quello che è stato fatto in questi anni sui concorsi locali per arrivare ad una risposta che si adegua
Non c'è un problema di commistione tra la Commissione nazionale che va leader ai ricchi i teste viceversa coloro che li predisporranno
Nel senso che abbiamo somma verificato che non ci siano queste commistioni evidente che ci potranno essere tanti inizialmente ci saranno nella Commissione di validazione dei testi
Dei professori universitari però questo è inevitabile perché regolamento stesso che lo prevede quindi non possiamo assolutamente va beh gloria
Soprattutto c'è un'etica vi sia una parola che molto spesso somma è stata
La proposta in questo dibattito
Per quanto riguarda poi la delibera le le delibere di qualche Regione che vorrebbero destinare loro contratti in maniera un do specifica a laureati nelle proprie Regioni o a residenti nel proprio senso al di là dell'aspetto legato credo la Provincia autonoma di Trento e Bolzano
Su cui ci sono delle particolarità legate alla alla lingua ovviamente le delibere che collegano l'attribuzione dei contratti regionali al fatto che grazie ci siano dei laureati
In quelle Università di quella regione io semente non la vedo compatibile con il Regolamento che è stato pubblicato che non lo vedo compatibile come operatore nazionale quindi insomma risposta e in queste due parole che ho appena detto
Per quanto riguarda
Il
L'aspetto legato ai programmi di studio è un altro argomento importante evidente che settanta quesiti ben settanta quesiti saranno esattamente sul percorso di medicina com'era in passato quindi non ci saranno stravolgimenti
L'unica differenza che in passato le domande Arno notte di fatto insomma più o meno a priori questa volta no sulla parte rimanente le trenta domande di aria più le dieci specifiche di scuola
Ora lì il Regolamento dice delle cose abbastanza chiare poi evidente che stiamo parlando di casi
Clinici diagnostici analitici e quant'altro diventa un po'difficile dare un riferimento puntuale
Su che cosa significhi questo credo che voi sapete meglio di me che cosa significa questo sarà un degli scenari molto parimente rispetto e quali erano poste le domande rispetto a questi
A questi scenari specifici era molto difficile e qui mi collego anche ad un'altra domanda stata fatta
Immaginarsi di fare più di dieci domande specifiche di scuola demente cui so che le posizioni sono molte e variegate tenete presente che dieci
Per cinquantacinque scuole per due perché c'è bisogno della copia di backup del teste Berto un numero di domande non così semplice in così poco tempo anche da
Mettere a disposizione
Per quanto riguarda poi con alcuni hanno fatto riferimento e contratti regionali sia per quanto riguarda
La la Regione Lombardia sia per quanto riguarda la Regione Lazio non tanto una specifica quello che ne chiediamo non è il fabbisogno regionale che le Regioni hanno comunicato al Ministero della salute
Per arrivare al fabbisogno nazionale e quindi al e alla distribuzione dei contratti tra le specialità
Quello che ne chiediamo sono i contratti finanziati dalle Regioni allora io capisco anche che le Regioni attendano i nostri contingenti non credo che i nostri contingenti cambieranno in maniera significativa
I contratti che verranno attribuiti dalle dalle Regioni poi devo dire che su questo manterrà molto più ampio ovviamente ci sono situazioni molto diversificate libero nazionale ci sono sistemi regionali in cui ci sono rapporti sono più semplici e tutto sommato consolidati in cui queste
Informazioni sono anche più fluide sistemi in questa in cui questa cosa invece più
Articolata
Sicuramente non non è mio desiderio burocratizzare ed essere io il primo Samoa creare problemi di di ricorsi
Vedo se sto perdendo qualche domanda particolarmente importante il peso dei titoli nell'ambito del Regolamento qui è l'altra tipologia di o
L'azione importante attenzione che stiamo costruendo una rottura nazionale in cui devono essere limitate al minimo con i pro e contro questo porta la discrezionalità nella valutazione debba essere il più oggettiva possibile evidente che introdurre qualsiasi elemento
Prima nella una tavola si parlava anche delle pubblicazioni ad esempio credo che le applicazioni scientifiche
Se una cosa importante però chi di voi ha vissuto e concorsi diciamo locali sa benissimo che anche su questo in passato non tutte le università si comportavano
Nello stesso modo quindi dobbiamo anche fare attenzione a questi aspetti che non sono secondari per arrivare al narratore nazionale che sia il più possibile oggettiva con quelli validi discrezionalità sono inevitabili e poi
In ogni tipo di percorso di valutazione
Credo spero di avere risposto a tutte le cose più importanti che mi ero segnato segno mancata alcune
Io comunque avvisato qua subito chiuderne confermo un po'fuori alcuni sono anche disponibile alla realtà e volevo dire una cosa intanto ringraziare tutti voi che siete quanto
In particolare tutti coloro che sono intervenuti al tavolo il tutti coloro che sono intervenuti con le loro osservazioni coloro commenti ma anche tutti coloro che hanno ascoltato in rigoroso in religioso silenzio le cose che si sono dette
Voglio raccogliere la provocazione del collega che era seduto qui adesso non vedo dove bravo
Beh diciamo che era un ringraziamento Bond come dire può attivo proattivo stimolante se voi sarete d'accordo noi abbiamo le vostre e-mail perché voi che siete accreditati pervenire
Nervi rinvii chiamo in novembre perché dicono venti novembre comunque prima di Natale sicuramente
Per bravo
Bravo per sapere intanto così riusciti racconti riconducibile accolti i ricorsi ha avuto troppo presto Vodafone comunque per fare una valutazione insieme perché abbiamo una fortuna
Chiamiamo prendiamola come fortuna che i prossimi esami poi saranno il quindici di marzo
C'era scritta
No
Che negli anni scorsi
E quindi io adesso mi sto occupando degli esami di ottobre qualcuno faremo il prossimo incontro ad aver però però sono molto presto sono nell'aria di primavera mettiamo il fianco anche perché deve uscire tornerò tra le prime tra novembre e dicembre daremo acquisiremo patrimoni esperienza in parte vissuta
Raccontata dai nostri studenti avremo i nostri ragazzi iscritti nelle scuole di specializzazione ciclicità
Avremo i giudici del TAR attivissimi e soprattutto potremo assume una posizione a brevissimo
Rispetto alla prossima Tanda vi ringrazio infinitamente