04AGO2014
intervista

Intervista a Nicola Morra sulla riforma costituzionale in discussione al Senato

INTERVISTA | di Claudio Landi ROMA - 00:00. Durata: 4 min

Player
"Intervista a Nicola Morra sulla riforma costituzionale in discussione al Senato" realizzata da Claudio Landi con Nicola Morra (senatore, Movimento 5 Stelle (gruppo parlamentare)).

L'intervista è stata registrata lunedì 4 agosto 2014 alle ore 00:00.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Costituzione, Governo, Movimento 5 Stelle, Politica, Riforme, Senato, Voto.

La registrazione audio ha una durata di 4 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio Radicale abbiamo qui con noi con la moda di Cinquestelle già capogruppo dei senatori cinque stelle senatore perché i Cinquestelle continua con il suo tra apri virgolette chiuse virgolette Aventino sulla riforma costituzionale
Perché la conduzione del dibattito in Aula restart fino ad un certo punto accettabile dopodiché dopo che il Governo è stato mandato sotto
Al primo emendamento con votazione segreta importante sull'emendamento Candiani vi è stata una sostanziale
Bocciatura
Di tutti quei voti segreti che la stessa presidenza dell'Aula aveva preventivamente a mezzo è stata negata alle opposizioni tutte la possibilità di intervenire e di ragionare nel merito delle questioni sollevate dai singoli
Provvedimenti dei singoli emendamenti per cui noi ci siamo domandati che il senso potesse avere continuare ad accompagnare da spettatori inermi ed inerti
Un Progetto di riforma che diventerà probabilmente riforma
Visto che la maggioranza questi dopo le accorpi appunto di maggioranza in maniera del tutto non democrazia autoritaria
Per cui dopo che si era rientrati nella speranza che per di emendamenti Mucchetti
Ci fosse la possibilità di ottenerne il voto segreto avendo
Anche per questa possibilità verificato come la Presidenza avesse preso un altro abbrivio sotto
Tu ponendo sia al volere del del gruppo del PD
Noi abbiamo deciso che la nostra presenza era assolutamente in Occidente cifre anche perché legittimata
Quanto stava avvenendo chiarissimo però nei prossimi giorni se prossime ore insomma sono previste altre votazioni abbastanza delicati in alcune delle casi con voti lavori scrutinio possedeva almeno per ora
Sulla carta sulla carta perché in base ai precedenti ringrazio l'AGEA e comunicata in Aula che si potrebbe tornarci potrebbe usa sempre il condizionale
Si potrebbe tornare a votare in modo segreto all'articolo diciotto ora io questo lo ricordo non perché sia un convinto assertore del voto segreto anzi perché mai del movimento in data tredici settembre due mila e tredici abbiamo presentato appunto
Una modifica una proposta di modifica del Regolamento del Senato che escluda sempre e comunque la possibilità di ricorrere al voto segreto
Giacché sposiamo l'idea che si debba saper assumersi le
Responsabilità di ogni singolo vuoto permettendo
Agli elettori di sapere che cosa le letto abbia fatto però poi abbiamo anche constatato che in un Parlamento di nominati e quindi presumibilmente anche di ricattati cito il senatore Di Maggio perché di maggio in Aula
Ha sostenuto che forse alcuni senatori sonda ricattati tra virgolette
Sempre fra virgolette in un Parlamento in un Senato di nominati forse il voto segreto era quello che più consentiva
A molti colleghi di potersi liberamente
Noi non abbiamo appoggiato questa richiesta ma certamente non l'abbiamo neanche osteggiata l'abbiamo subita come d'altronde è stato anche in altre occasioni
Visto che Grasso non ha più consentito voti segreti ma ci siamo domandati che il senso appunto che il valore
Poteva avere compartecipare ad una oscillazione contiene ed immediate di tutti gli emendamenti che rappresentavano un problema per la maggioranza di Governo
Chiarissimo ringrazio come sempre lì con la moto e già capogruppo dei senatori dei Cinque Stelle un ascolto come sempre da Radio Radicale