06AGO2014
intervista

La tutela dell'ambiente, la salvaguardia del territorio, il rischio Vesuvio, la Grande Napoli, la partitocrazia, la magistratura, i radicali

SERVIZIO | di Aurelio Aversa RADIO - 11:48. Durata: 2 ore 17 min

Player
Pannella 14 ottobre 1995 Napoli Pannella, Luogno, Zevi, Loris Rossi 19 ottobre 1995 Napoli Zamparutti, Bonino,...

25 gennaio 2010.

Puntata di "La tutela dell'ambiente, la salvaguardia del territorio, il rischio Vesuvio, la Grande Napoli, la partitocrazia, la magistratura, i radicali" di mercoledì 6 agosto 2014 condotta da Aurelio Aversa .

Tra gli argomenti discussi: Ambiente, Associazioni, Campania, Disastri, Giustizia, Italia, Legge, Magistratura, Napoli, Partito Radicale Nonviolento, Partitocrazia, Per La Grande Napoli, Radicali Italiani, Sviluppo, Territorio, Urbanistica, Vesuvio.

La
registrazione audio di questa puntata ha una durata di 2 ore e 17 minuti.

leggi tutto

riduci

11:48

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Con la registrazione che riascoltare TETRA qualche stante questa volta parleremo di tutela dell'ambiente di salvaguardia dal territorio di quanto da tempo era di carattere ma ne propongono su questo argomento con il primo documento dal quattordici ottobre novantacinque
Chi ascolta è retto uno straccio di intervento pronunciato a Marco Pannella Napoli durante
Una manifestazione
Elettorale svoltasi in occasione di elezioni
Suppletive al termine alcuni momenti della del convegno Lista Pannella organizzo qualche giorno dopo il diciannove ottobre né del capoluogo partenopeo del tema rischio Vesuvio è grande e Napoli
Difesa ambientale e sviluppo integrale con interventi del vulcanologo Giuseppe Longo e degli architetti Bruno Zevi Aldo Loris grosse convegno incentrato sull'incredibile
La vera storia dunque hanno tuttora attivo e su quale grazie alla complicità di certa politica di certa magistratura sono stati possibili
Pericolosi insediamenti urbani e non solo da ascolterete Marco Pannella denunciare tra l'altro anche in quella sede le assurde scelte dichiara sguainato negli anni territorio partenopeo
E ribadire la sua proposta per una grande e Napoli al termine di ascolterete invece una registrazione più recente della venticinque gennaio due mila dieci
Quando i radicali
Illustrano alla stampa il contenuto di una mozione parlamentare per la messa in sicurezza del territorio nazionale di una proposta di legge per l'istituzione di un osservatorio nazionale sull'uso del suolo né dal nostro Paese da ascolterete tagliate interventi all'ex parametri ricade Elisabetta Zamparutti e di Emma Bonino
Napoli quattordici ottobre mille novecentonovantacinque
Quando diciamo Bindi in realtà hanno distrutto
Hanno distrutto l'aria hanno distrutto il cielo hanno distrutto la terra hanno distrutto l'acqua non è una facciata fatalità
Se noi questo lo diciamo e perché era possibile non farlo e oggi è possibile
è possibile non avere conati di nausea
Come lo sento quando i miei amici candidati e concorre
Li ho sentiti ancora ieri
Parlare
La della più bella città del mondo
Denti ribelli tre quartieri nel mondo io quando sento dire Berto di noi che viviamo nell'ambiente più un meraviglioso diceva no sia Maurizio reperibile sia Vincenzo Siniscalchi proprio ieri all'ora
E io quando è venuto il mio turno ho detto no il nostro problema
E che abbiamo hanno distrutto usata meravigliosa città non è più quella ne abbiamo lei va bene la qualità della vita non è Cuesta
Sono tredici anni
Quattordici che gli ho chiesto il voto e mi risponda rate con i partner toccando ferro
Vi siano state accordi questa politica accecare debuttante di ottusità
Questa politica sta facendo salire da quattrocento mila a cinquecento e seicento mila le persone che abitano ai piedi e lungo le falde del Vesuvio quando la scienza ci dice
Io ancora attivo che dobbiamo stare attenti oggi sono settecentocinquanta mila io chiedevo rivolte
Per potere
Fare fronte a questa eventualità e a tutte le altre
Noi siamo fra il Vesuvio i Campi Flegrei abbiamo questa zona qui sul non è così ma giù nel centro amare amarena Napoli
Che aveva un sottosuolo splendido ricche di acque che andavano nel Golfo ma che arrivavano da tutte le falde appenniniche raro ovunque
Napoli era una delle più ricche belle ma una in più ritiene città come acqua come testimoniano poi da Caserta
Fino alle reiterate fino ad molte vite ancora adesso napoletane un sottosuolo con delle ATER favolose bene
Hanno con le cementificazioni cosa hanno fatto hanno chiuso la uscita mare
Di queste splendide acque e adesso il centro direzionale l'hanno fatto sopra una palude io penso che quando fu incendiato il centro direzionale
Si mise alla camorra dove c'era il Palazzo di Giustizia vi ricordate
Ebbene però molti di noi chiedono di sapere anche chiedere a un indice di abbassamento
Delle fondatamente fondamento e pericoloso e non volevano che si sapesse
Perché evidentemente sarebbe tanto necessario intervenire subito a livello penale per vedere chi
Perché aveva fatto scegliere di edificare quel centro direzionale
Sulla parte sempre più paludosa il friabile
Vedete quello di nuovo che si è costruito il solo quello
E si è costruito peggio che sulla sabbia sulla palude su quel tipo di chiedevo i voti
Mi chiedevo i voti perché anche senza i vostri voti
Se uno chiede a queste cose se uno lei vede
Compassione magari in carcere ma la lotta all'alba io non vi chiedo come gli altri candidati
E come soprattutto gli altri partiti
Di votare perché domani questi partiti vi promettono di fare altro da quello che ieri hanno fatto ma perché mai
Se continuate a votare dovrebbero adesso questa volta
Essere capaci di quello del quale non sono stati da Bajini fino a ieri dica perché erano piattini gli alloggi sono riusciti perché non ne sono capaci non era un cattivi ieri
Ma oggi e questo l'inganno eppure pure
In tutto questo canaglie
Con la Rivoluzione americana che noi da quanto tempo la stava predicando abbiamo bisogno di due partiti
Non dei quaranta perché è così o Lullo o l'altro è chi vince prende tutto qui
Chiede incedere distributive tutto
Per corrompere tutto come appunto leva intitolata al secondo lotta i socialisti totali comunisti totale di operative rosse
Porta Giorgio Almirante il popolo aggrada poco alle Brigate Rosse di senza nipote porta da calcio alla camorra di Alfieri e Galasso
Così sono andate quindi e quindi si sono spesi dalla voragine dei quartieri
Con la scusa di non portare la deportazione proletaria sotto proletaria decine di migliaia di miliardi perché lì lì e non altrove
No imprenditoria già vorrei spiegato ricattata dalla camorra doveva spendere danaro e non per creare verso Caserta avverto Benevento
Dice sempre al dolore sullo sede prima abbiamo parlato
Vi sia una cosa molto semplice
Da Napoli a Caserta di sono ventitre ciao Maurizio se crede titola deve portare un saluto di ricambio gli auguri e
Votiamo perché magari fra dieci anni vinca il migliore per il momento però che sia una illusione ha detto il PDA
Ma già detto lo che vi dicevo quello che abbiamo abbiamo dinanzi a noi una possibilità oggi di correggere gli errori del passato enorme
Siamo alla vigilia di spese enorme
Quando l'origine Losi momento Buddy parlava di Bagnoli avvisi sapete perché importanti al Vomero
Sapete del più importante al Piaia anche a Posillipo
Perché Agnoli è il nome di altre migliaia e migliaia e migliaia di miliardi
Che arrivano e si rischia di cui l'anno a partire
Dal palato dalla sala dei baroni dal Municipio dalla Regione
E sono di nuovo pronti consociati cari amici perché
Perché a sinistra e a destra
Dinanzi al mio atto di candidatura ed è latente o comunque detta battaglia continuerei a farla comunque
Ma perché dinanzi al fatto che io a luglio ho detto mi candido
Da una parte e dall'altra si è fatta una sola cosa si è cominciato a cercare disperatamente chi candidare per sfottere il pericolo Barbera
Di vero hanno timore hanno paura ma i poteri di destra di centro e di sinistra
Le cooperative rosse
E quelle bianche il Banco di Napoli
E tutte quante le organizzazioni del credito
Le funzioni hanno ancora in un certo modo
I partiti che ancora continuano a ragionare se volete in questo modo anche della opposizione decadere qualche spicciolo una parte dei vantaggi e stanno uniti
Ed è così che cioè

Ed è così quindi a dirci che io lui sono candidato il venti luglio
Guardate io sono
Come sapete forse parlamentare europeo
Ora non credete a quelle code dicono i giornali su quanto guadagna parlamentare europeo
Io posso dimostrare chiedimi io trattengo
Cinque e sei sei milioni al mese
Magari non hanno nemmeno interamente bisogno
Ma
Prego
Ma la no il disoccupato il pensionato che il ragionamento del cavolo fare
Perché tu ritieni di allora allora il ragionamento è questo e che i deputati dove è un modo di vedere le cose dovrebbero guadagnare quanto un operaio
E a questo punto chi va a fare il deputato io credo che deve essere deputato non un burocrate ripartito de aumentar così larga condizione sociale
Ma deve divenire reputato okay dimostra la gente gli indipendentemente dal suo stipendio è uno che lotta che il problema che costruisce
Che fa le leggi che chi è capace di creare giustizia e di fare riforme è indipendentemente dal ma anche dobbiamo avere un Parlamento nel quale si candidano anche persone che hanno come studi professionali guadagnano decine di milioni magari al mese
Devono potere non guadagnare altrettanto marciare chiudere i loro studi per avere un minimo serio di torno diritto anche a loro se non si candideranno
Il farmacista al limite
Deve potere andare lì e non non andarci sei bravo
Perché se no non mantiene il suo tono di vita questa demagogia è quella che vi flotte
Così avete avuto consiglieri comunali e deputati compongo scrivendo perché nella vita civile non sapeva fare niente e poi hanno rubato gonfio
La demagogia la demagogia un egualitarismo invece i due i conti perversi il problema questo distruggono anche la nostra Costituzione che viene sempre detta alla radice dell'altri male
Se uno ha una visione drammatica serio e responsabile della vita è inutile scrivere delle costituzioni demagogiche con questa cultura applaudite legge è totalitaria
L'uomo ha il diritto al lavoro cari amici e si è poi il diritto non c'è e se il lavoro non c'è est Europa sette figli
E si moltiplica e la democrazia è è il lavoro c'è invece solo per il venti per cento quella vada distribuite lavoro e la miseria
Il diritto alla salute capito l'uomo ha il diritto a non morire per Costituzione a salute eterna
Baggianate sinistra mettete legge
Che ha un'idea pare additivata assistenzialista provvidenziali vista nella storia del Governo la tragedia ma anche la nobiltà di azione e uomini
Di comprendere qual è la strada da percorrere quando sono gli anni delle vacche magre come fare a creare ricchezza per poi distribuirla
E non quella di scrivere che è diritto quel che invece non è possibilità il diritto non è questo che conta perché altrimenti davvero secondo la mia visione
Siccome noi abbiamo
Assolutamente il diritto di esigere
L'esercizio dei diritti che la Costituzione cita abbiamo il diritto di sparare contro questi glielo girando il lavoro
Questo sarebbe e sarebbe un'infamia una stupidità perché se ammazziamo quelli che non danno oggi il lavoro quelli che verranno al loro posto non solo non ci daranno il lavoro ma ci metteranno in galera
Però ci toglieranno ogni possibilità anche di notte sociale quindi abbiamo gli si dubbi e di diamo in un mondo di illusioni un momento fa
Mimmo Pinto diceva quanti sono i partiti
Voi sapete ho sempre detto il problema sono i partiti che hanno distrutto gli ideali innovare quali erano stati costituiti
Oggi per strada
Io ricevo un bel manifesto dietro di pubblicità
Di
Vincenzo Siniscalchi che è un ottimo professionista lo sappiamo un ottimo cittadino
Scusate
Sì l'avvocato Vincenzo Siniscalchi è un ottimo professionista un ottimo cittadino qualcuno che un'ora la sua città che a tutto il mio ristretto che è un contribuente di Radio Radicale che come gli altri come Maurizio De Tilla
Rivendica che di avere condiviso con me questi decenni di battaglie per i diritti civili sono light
Tutti e due ex Presidente dell'ordine tutti e due sono se me lo consentono due fotocopia Maurizio De Tilla candidato della destra viene dal mondo socialista
Vincenzo Siniscalchi candidato della sinistra viene
Dai tanti lontani dal mondo del Movimento Sociale Italiano e comunque è stato diciamo sempre considerato con particolare stime attenzione
Dentro scoppierà Ciriaco De Mita oltre che da me ed altri
Vado un po'e da sinistra al candidato più moderato e più di destra la destra il candidato almeno moderato e meno di destra solo due ex Presidenti nell'ordine sono due avvocati
Non si sa che cosa possono fare sul piano della lotta perché hanno se e civile e sociale hanno scelto un altro modo di essere dal compiere e i compagni da Rifondazione Comunista
Quelli che la classe operaia bravi bravissimi setta eletti treni lucrano
Facendo gli Assessori buongiorno politicamente e gli altri quattro Lubrano facendo gli oppositori variegata lo toglie la piana no lumi dal Governo l'obbligo all'opposizione e realtà acquisti potere forte l'operaio
No e Foti le lotte di classe e democratica e quindi quanto più sono così tanto più quell'altro Mister manette
Alfonso Pecoraro Scanio iscritto comanda particolarità un bel tragico
è bravissimo verde no Luigi Bassolino non voleva uno di destra
Bassolino voleva Petrella o qualchedun altro perché era un minimo fosse allegato storicamente diciamo lo schieramento democratico di classe ma
Pecoraro Scanio pur tipo legale Pannella
No Rifondazione Comunista un tot di gente di Trenitalia girano in questi quartieri eradicazione nemico e hanno imposto contro Bassolino
Proprio questa caratteristica di un uomo nel senso migliore di destra candidato della sinistra
E gli altri hanno risposto con un uomo di estrazione di storia socialista come candidato di AN
Il gioco delle due cartelle sede delle tre ma vi dicevo io la vedo questa gode di propaganda fatta molto bene il centrosinistra
Lunedì è il candidato di
Partito Democratico della FIBE
Partito popolare italiani Ulivo
Partito Repubblicano italiano la malta
Sì ma i candidati dove esiste è candidato a fare al fatto finisca laburisti
Un altro per
Rifondazione comunista
Socialisti Italia
Patto Segni
Alleanza democratica
Comunisti unitari
Verdi Sole che ride
Alternativa avverbi solidali rette Partito socialdemocratico Italia
Cristiano sociali alternativa Napoli sedici partiti per la grande battaglia della sinistra e il rinnovamento sedici
Sedici apparati
No unipi il nome di che
Siniscalchi cosa garantisse la sinistra la lotta contro il Banco di Napoli al suo sistema creditizio camorrista
Cosa garantisce
Una rottura degli schemi di potere esibiamo Bagnoli invece della gente identificazione
Abbiamo invece che l'equivalente di ventisei Negrar Vanni abitativi che adesso propongo Roselli raggiunti a monte l'uccello
Questo no perché questi sedici propongono sta cosa abbiamo avuto con Rossi una piccola come dire piccola vittoria nemici
Che si voleva fare il ponte la grande porto un grande porto a Bagnoli
Sulla spiaggia fino a otto giorni fa noi ci opponiamo Rossi dice Manni visitarli con quell'accordo da millenni anche i romani li avevano fatto il POR
Cioè noi lo buttiamo accerto che volete fare un porto praticamente di intensità industriale Pesaro Piano agrituristico avvio spiazza ed è tutt'
E allora hanno detto si hanno sentito Pecoraro Scanio e gli altri va bene
Allora proprio
Il porto non lo facciamo sulla spiaggia
Lo facciamo sul pontile
Italsider
Va bene scusatemi ma questi sono pazzi diceva Rossi e altri il pontile come è noto sotto è vuoto
E la funzione di un porto che è quello di proteggere dal moto ondoso che è di proteggere il porto l'acqua lo specchio d'acqua di proteggerlo dalle mareggiate le altre cose non si può fare
La verità è che il loro cosa c'è dietro
Non
Al posto del pontile
Faremo un bollo ex novo costruiremo sotto eccetera questa è quello che ma perché perché si deve adesso non investire
Per lo sviluppo alternativo di Napoli verso Caserta verso Benevento
Quando si diceva all'inizio alla fine degli anni Cinquanta questo amici Caserta era ventitré chilometri con una linea rotaia di scorrimento veloce in dodici minuti si sarebbe da centro a centro
Ventitré chilometri lineari scorrimento veloce dodici minuti
In mezzo ad un verde se avessimo concepito
Tenendo presente rispettando le qualità del territorio irrobustendo nella vivibilità il verde l'agriturismo forse anche ma anche l'agricoltura avremmo avuto la possibilità ma qui
Qual era la giustificazione storica con Laurora e dopo con la DC con i Comuni
Della cementificazione delle colline del Vomero
Di ghiaia e perché noi vogliamo abitare vicina al cento per
Vicino al mare
Risultato ci mettiamo di sabato di venerdì sera aveva quaranta minuti per fare del privato
Così non con Marco Pannella Napoli il quattordici ottobre novantacinque nel corso di una manifestazione elettorale nonché azione di elezioni suppletive
Egli escutiamo adesso invece alcuni degli interventi che caratterizzano convegno organizzato qualche giorno dopo sempre meno nel capoluogo partenopeo del diciannove ottobre
Di quell'anno e dal tema rischio che su via grande Napoli difesa ambientale sviluppo integrale
Il primo intervento che lei ascolterete quello di Marco Pannella seguire interventi deve vulcanologo Giuseppe Luongo e degli architetti Bruno Zevi e Aldo Loris Rossi conoscenze che nessuno di noi uniti
No
E se il sapere provvisorio prevalente in quel momento dello sviluppo dell'antropologia umana
Ma anche questo
E quindi alla base apparterrà al quale l'ipotesi se volete o la tesi ma nipote quelle bandire
Si dice che il Vesuvio non è spento
E questo mi pare non c'è
Non c'è più avanti
Si dice anche
Che
Le sue manifestazioni di vario tipo
Potranno avere o no cadenze qui da scelte la la la scienza si divide
Cadenze e scadenze
Difficilmente assumibili
Come cerca
Ma
Credo che non in astratto ma in
Tesoriere non vi sia nel prevalente nel minoritaria otto se qualche singolo cioè da quello che
Cerco di sapere
Che escluda un consistente interlocutori non
Un consistente rischio
Che qui
Generazioni
Che quei queste generazioni assisteranno
A
Una manifestazione
Della vita
Del Vesuvio
Che sia del livello di quello che nei millenni abbiamo conosciuto alcune volte
Ma anche se fossimo
Ad un livello minore
Dall'entità del rischio
Questo è banale basterebbe per creare un problema
Immediato che
Risposta a questa teorica situazione
Che per colpa del rischio Napoli negli ultimi trent'anni ha cambiato Quarantelli dimensione
Facendo sì che basta non la manifestazione calcolarlo
Ma qualcosa che in passato
Ha prodotto danni grandi Vannoni immense perché Napoli è andata al Vesuvio
Perché
Si è andati quasi
Con un istinto sacrificale di Olocausto prendo
A questo grande
Della nostra storia marcato tutte le culture Imola
Propizia no
Offrendo
Per una manifestazione fra le maggiori e non le massime
Io non lo cauto o dove per fortuna sappiamo che anche in teoria questo può essere scartato cultura
Dovessimo assiste alla manifestazione diciamo immediata esplosione senza la possibilità della scienza dell'Osservatorio
Comunque un tantino di avere un po'di tempo
Ora quindi se esiste il rischio concreto
Che settecentocinquanta mila perciò perché poi
Come dire per imprudenza non per prudenza Orazio dovuto si ferma
Perché in realtà sappiamo che il rischio come dire è duplice ne parliamo Vesuvio ma non parliamo Flegrei nel titolo
Ma in realtà sappiamo che questo è per me che non sono un'apocalittica
E quindi come tale voglio capire
Degli ordinanze mezzi metto da parte perché il paziente degli altri non certo punto mi hanno scoraggiato fatto mancare il coraggio
Bene o male e sappiamo anche
Chiedo ciniche
Scientificamente non discusso
Una tendenza anche questa non possiamo
Semplificare la
Anche l'incontro la frizione tra i due continenti e via dicendo
Può consentire di dire che noi viviamo in un'area
Nella quale
I massimi sconvolgimenti della terra
Possono tornare anzi torneranno a manifestare
Sì che io lo diventa già dovuto mi leggo che ci sono le scosse telluriche a un passo lo sento dire a Francoforte avendone del quale
Delle quali
Non ho memoria no che fossero zone sismiche e dico questi sono segnali di altro
Certo quando penso alla Sicilia o penso al sud della Spagna o penso
Alla costa nord dico che circa Perilli umanità
Di politiche dietro che arriviamo se abbiamo la certezza teorica
No che la Terra in tempi che possono essere anche molto vicini in quanto tale sarà sconvolta questa lo sconvolse
E non finalizziamo il vivere comune l'essere
Viventi resta recita l'essere senza romantici
Ma
Creatori quelli che vogliono creare la propria dei
Creare la città
Costruire architetta
In funzione futuro presente
Tutto questo mi pare estraneo
Alla cultura della politica non ce n'è umanesimo khettara
Da questo punto di vista e la cadenza antropologica e io ho una Regione ritengo forse dobbiamo farcene
Così come io so che una ragione devo farmi era in questo sono inadeguati
Chiedo l'ecosistema italiano
Pertanto la sorpresa usato oggi Mancuso
Questo tema
Ne sorpreso in questo vecchio un mastino rinvio unico
Responsabile
Di avere cercato di custodire l'ordine invece che il diritto per trent'anni e che adesso non tratto riscopre forse
Che è meglio custodire il diritto alla legge illudersi di custodire l'ordine
L'ordine punto voi astratta di cui hanno paura dell'architettura e si distrugge d'accordo
Quello che
Guida al paradosso nella consapevole
Indicazione nel paradosso di una fetta di verità e di un modo per esporlo
Indro quando Bruno dice il centro direzionale
è almeno un errore
Dinanzi al resto
Che
è
Lo sviluppo delle cose
Senza nessun tentativo di governo e di animazione della ragione e nemmeno gli interessi o di interessi che siano almeno perversi
A nome dei quali poi confrontarti va invece nella mediocrità terrorizzante fortissima delle cose della logica delle cose io lo capisco
Lui dice appunto se è un errore io degli europei tutto perché alla settimana scorsa mi pare mi è stato chiesto in base a questi piccoli scrigni domande proustiano insomma ta ta ta ta qualora l'errore che non ripeterebbe
Io dico quelli piccoli che non insegnano loro
No aggiunge forse una sintonia tra il
Quindi io comprendo c'è questa urgenza Vieste al mondo deontologicamente presente
Ma vi dico che occorre edificare architettare dare forma
E si sa caliaro ma e chi cioè i costi
Ma è chiaro che questo è un'affermazione di chi vi dice io dico una verità arresti pongo nell'ambito del grande paradosso cerchiamo di cogliere
Come spesso Spallone
No una verità che io e per il tanto preziosa che io ve la presento condita rivoluzione lingua hanno di un mucchio di menzogna no dico sono disposto vanno per Trezzo purché
Questa fiammella di verità venga fuori
Il compito potature perturbato operativo allora io mi chiedo
è o no doveroso io non dico legittimo
Un approccio dinanzi a gente
Che per cultura in questa Italia nell'ecosistema italiano che da ottant'anni ignora la cultura di pura
E ignora la cultura ha prodotto scuole tenuto nota
E ha prodotto se volete la grande illusione riceverà periodico magari una grande
La grande illusione totalitarie totalizzante una grande tragica elusione dell'unità del dell'umanità
Di ordinare e
E li paga il prezzo l'unico grande ordine e quello della morte è quella dell'immobilità
E quindi tutte le illusioni la fascista no o la comunità hanno trovato spiritualismo hanno trovato
Attuali
L'attualismo gentiliana vanno a cercare di trovare nel momento di ogni singolo atto all'estrema responsabilità e libertà da Parma e un assoluto
No è nella legge
Dissi poi ci separano procede alla sua saggezza e quella degli rimproveravano al Consiglio dei ministri
Quella mediocre personali costato Togliatti resa grande dagli eventi e
Diceva Co.Re.Com ottima cattiveria no ripeto produce travaso invecchiando così riunitisi vegliava su valori Balkan parlava di patti agrari creatura che
Dovreste dare il cinquantacinque per cento al contadino invece decade no ma diceva così no re
Riparazione di un uomo come Benedetto Croce molto umano molto umile molto attento
Diffidente per le grandi eccessive ambizioni dicevo e degli altri come segue gentile aveva dell'altra dimensione
E infatti poi all'interno di quello alberga bene lei lavora dagli organi tutte queste cose non è solo botta
Per il nostro tentativo di riferire risorse alle sorgenti della creatività alle sorgenti della vita delle scelte e anche della vittoria politica
Io credo che dire settecentocinquanta mila di voi da una politica cieca ma abbiamo in cui si sta col sistema politico
Napoletano e nazionale fatto in modo tale preziosità da vent'anni e questo deve essere ignorato sociale ecco hanno paura che porta il carro dietro siamo a questo livello
Va bene essere rimosso
Io dico no invece ne dobbiamo fare uno con l'aiuto dalla sorte non consumare altro avendo
Metterci subito a salvare settecentocinquanta impignorabilità e per farne il televisore probabile altri tre milioni ottocento mila della campagna
Allora e allora io vorrei vive che il libro che io voglio che la gente punti sapendo benissimo che per centocinquanta anni e duecentodieci abbandoni questo può non verifica
Ma è un periodo la gente si prevede che si sappia che il prezzo si può verificare anche subito anche ieri
E di dinanzi quale migliore occasione per dire
A questo punto
Decidiamo di
Costruire la grande Napoli
No di organo are organizzare innanzitutto giuridicamente e quindi c'è la volontà politica ed eletti
Il territorio
E chiamiamo a concorso anche i quattrini
Beh innanzitutto quindi ho i numeri la cultura gli architetti
Dandogli come tema
E come concorso vero
Quello di fare S sia pure sia la dorsale sia pure in Roma Caserta Salerno
è l'ipotesi su questa dorsale
Appoggiare
E dire siccome per nuovi nell'assetto che dovrà venire fuori questo il problema
Anzi potrebbe essere io dico no diciamo che noi vogliamo ecco la coda migranti
Noi vogliamo
Che
In questa zona senza apparenti connessione
Nelle foto viene dopo
Facciamo
L'opposto di quello che è successo hanno voluto fare grande edilizia grande industria sociale e hanno creato le cattedrali nel deserto
Molti segniamo con India comandiamo noi commettiamo
Quaranta
Grandi cattedrale
Senza preoccuparsi se sono nel deserto
Senza preoccuparsi se la seconda e via dicendo perché sappiamo che se questo accade le interconnessioni l'organizzazione
Vado larga e certo che si vuole
E si formerà
Questa è la richiesta in fondo il suggerimento invece da è chiaro che poi settecentocinquanta mila quando si dice
Occorre riportare or ora occorre portare il problema non è quello il problema è se tu gli dai un posto meglio
Se tu gli creo un posto migliore
Più bello la trasmigrazione cioè per suo conto
Se non ha voglia di a Porta in tutto questo è evidente Bruno Zevi assumere la sua funzione
Quello dell'architetto e dell'umanista
E nell'uomo libero
Dissacratore
Io personalmente essendo al momento invita politico e dovrebbe essere
Espressione della sovranità e quindi le posso
Perché voglio mettere d'accordo in condizione di
Se il committente
No allora dico che per me il problema del sottosuolo
è un problema arrivata a un punto nel quale io devo avere il Michelangelo del suolo
Le cose che qui sappiamo le palafitte ma che sono quelle
Fatto tredici li hanno edificato sulla roccia e quindi grazie che possono fare cento
No in su e diciassette in sotto
Qui hanno edificato sulla qui treno che hanno creato no all'area e quindi andare a cercare tra virgolette la roccia e quindi abbiamo
Praticamente il rapporto cinquanta sotto e centotto che magari tende però con un rischio che caschi blu
No nella sì non occorrono i due comunque va bene Bruno voglio dire con un rischio concreto
E devo anche dire nemmeno riservata tempi storici ma tempi politici
Cioè il integrare quello che è stato commesso dal rischio
Napoli
Al grande Vesuvio includendo quindi anche
In questi trent'anni inimmaginabili
Se proprio britannico saperlo in rima ciarpame magia vado a letto e che ha detto hanno preso e hanno creato una paura dove una palude lì dove c'era in fondo accezione carsica
Splendide favolosa il deflusso di acque nord sorgente di tante cose hanno chiuso deve il sorgenti ma la quella via manco più al mare
E quindi questa una città nella quale sia impedito all'acqua e distruggere corrodere tutto quanto nei due cose Bassolino
Non è possibile che in Consiglio comunale che la classe politica se nel suo
Io sono grato al punto da arrossire sono grato tutti perché il perché in questi venti giorni
Mi è giunta la conferma
E questo l'approccio dobbiamo usare cioè io quel poco lo so un pochettino ascoltato mi sono trovato immediatamente ho visto l'altra sera in condizioni di escludere
Con persone serissime probabilmente anche potentissime improvvisato non sapendo
Quindi gli hanno fatto
Il piano
Dei ponti
A Bagnoli
Mi sono stupito io stesso a ogni cosa che l'unico accennava capivo dove voleva andare
E ho avuto una conferma
E chi gli imprenditori vogliono giustamente nella piena totale non si riesce a fare nulla
No questo problema in questa città di organizzato di grande livello non riesce a fare nulla ti devi arrangiare cioè dell'Italia collega Marmo
Loro hanno fatto questo piano di aggiornamento di quello dei libri
Perché sono andati da Bassolino cioè sono andati al potere tutto quello che cosa volete quello che volete ve lo facciamo
A condizione appunto l'approccio fatto cioè
Cioè il Consorzio
Che gioca sull'apparente terza
No quella lì siamo pronti
Forse ma con tutto il resto aperte
Con queste dimensioni
Adopero all'industria all'altro imprenditore non mi ricordo come si chiamava ma hanno detto che era uno dei più importanti operativamente quelli mi hanno chiesto aiuto dire degli d'urgenza hanno la loro intelligenza sono allarmati ridetermina
Interessarmi va detto
Abbiamo avuto Padova parlo con la politica siamo andati alla politica e la politica del Comune e la prima anche se non ha competenze se non consultive come sappiamo e ci hanno detto che se noi facevamo questo a Bagnoli
Allora avremmo potuto fare
E quindi non il quinto quanto abbiamo speso tempo danaro evidenziando Amadei da voi venite voi ci mandate popolare
Non è stato opposto come pretendeva noi abbiamo studiato abbiamo trovato le soluzioni culturalmente e politicamente
Economicamente le più interessanti
Viva il profitto che ho sempre detto va difeso papà proclamato va visto e va valutato
E quindi abbiamo proposto alla città questa roba no e a questo punto Bruno la realtà di questa città
E che la sinistra
Per Giorgio parli di Berlusconi io l'abrogazione l'accetto poco dell'attivazione non lo è con me
Questo come io avevo previsto ben presto
Doverosamente presta la vittima di un linciaggio
Sarà in giro ad accogliere a chiedere l'elemosina per i propri figli per cui per tutta la questa è la realtà della potenza di Berlusconi dinanzi al potere di questo Paese
Fra l'altro anche va bene una meteora di un anno e mezzo
Perché
Gli sarà accaduto di riuscire disturbare
L'ultima vittoria dei vincitori ringrazio ciliegina di Palazzo Chigi quando già hanno già tutto e sono impazziti
Oggi sono subito in condizioni credo di capire meglio che cosa sostanze culturalmente l'introduzione della trovata di una unica ecco della sovranità
Anche legislative governativa dei novantasei comuni dottor intanto no io voglio volevo per fare cosa da dodici anni fa
Aggregare in un'unica autorità metropolitana
Ponendo però non è presente ecco il problema badate che non è possibile avere novantasei autonomici entra di raccolta della spazzatura parlando come la gente non dei rifiuti
No e tutto questo non vorrei che l'aspetto appunto legislativo perché quello più connesso al politico
Che è la quinta edizione
Per realizzare le cose che ci
Vi stanno a cuore in realtà lo lasciaste al politico così
Perché questa o una cosa che non non riusciamo a crescere elettoralmente politicamente
In modo duro contenente tutte lo stesso cose che vanno bene per le biblioteche
Tutto il nostro il vostro lavoro vanno bene ragioniamo svolge
Probabilmente
Crederanno errore equivalente dell'incendio della biblioteca di Alessandria e verranno messe dentro i computer internet e per le altre cose non sarà più il cartaceo
Progressivamente è molto pratico immaginare fra dieci vent'anni
Un luogo nel quale l'uso e manco ricerche per tanti elettori le tracce della storia risolvete mandate via di questo
Carella e diciannove ottobre mille novecentonovantacinque sempre quel convegno organizzato dalla Lista Pannella sul rischio Vesuvio grande Napoli e aspettiamo adesso gli interventi che però non c'era nella vulcanologo Giuseppe Longo
Gli architetti Bruno Zevi Caldon Loris Rossi
Diciamo subito che Marco Pannella credo che sia stato uno dei primi politici dico credo perché mi può sfuggire qualcosa e non voglio cadere nella trappola che mi sono dimenticato qualcuno ma è uno dei primi politici già toccato questo argomento molti anni fa e credo forse in Consiglio comunale
Legando proprio anche discorso e la grande Napoli il rischio insito quindi mi sembra innocui economiche
Il panorama politico di
Ichino
Non sono
Saccomanno
Non l'ha capito ma
Non l'ha capito
Non è facile capirlo non è facile capire questo problema perché chiaro
Perché
E tutta la classe dirigente non la card non l'ha capito e stiamo parlando di una classe dirigente di buona volontà
Usiamo questo termine onesta
Onesto intellettualmente poi c'è una classe dirigente non onesto intellettualmente che cura avendo avuto tutta una serie di messaggi non hanno utilizzato questo messaggio
Allora entriamo subito nel merito uno il master plan
Sono
Dati inventati anche in Italia per l'area vesuviana ma sono state inventate spende alcuni miliardi per fare i documenti cartacei che non sono servite a nessuno e forse nessuno sa che esistono
Lo decisiva alcuni anni fa ha fatto cose di questo genere ma non solo del master plan sono solo titoli master plan l'interno e diciamo in gran parte vorrei dire spazzatura
Questo è il primo era il secondo elemento di questo problema ufficialmente se ne sta parlando da circa vent'anni
Quando nel mille centosettantasette alla provincia di Napoli sotto la spinta di alcune personali quale mi spesso
Fece un convegno sul rischio Vesuvio sul rischio vulcanico a Napoli
Ne avremmo difficoltà a usare nelle a indicare i rischi vulcanico nel titolo del convegno dovremmo utilizzare un altro tende quindi vent'anni fa mio centosettantasette non si poteva parlare di rischiosità
Diceva con la gente non è come
Infatti questo questi
Certamente questo è uno degli elementi drammatici quindi questo convegno poi non ha avuto seguito
Il primo è risultata prima conferma locale della bontà della delle cose che si dicevano già loro cioè bisogna intervenire sul territorio per ridurre il rischio abbassare la vulnerabilità e distribuire il valore esposto cioè noi
Persone e le nostre attività in modo adeguato alle caratteristiche del territorio dalle persone che poi
Questa cosa l'ha afferrata bene è stato Aldo Loris rosse forse altri ma dico Aldo Loris rosse perché c'ho avuto a che fare con altre ne abbiamo parlato quindi nessuno ricordare quello che in questa città come un qualcosa è stato fatto
Bene il bravissimo Flegreo
Siamo nel mille centottanta di pochi anni dopo c'è la conferma che il fenomeno naturale che investe prestare che vada al Vesuvio fino a Ischia
Ma prese in seria considerazione va preso in seria considerazione perché l'effetto di una scelta sbagliata sul territorio è quella di non far sviluppare questo territorio
Quindi quando parliamo di rischi e ne stiamo parlando di una scelta di necessaria a fare se vogliamo avere speranze e di sviluppo in questo territorio
Allora oggi è bene che non ci sia un vulcanologo sulla parla di queste cose maleducato sia poca parte di un problema che è molto più grandi che il problema della riorganizzazione del territorio così lo definiscono essendo un ignorante in materia
Un riorganizzazione che non vede sono organizzazioni urbanisti ma anche di attività
Bisognerebbe abbassare l'attività hard direi e aumentano attività sotto perché questo passaggio già bassa moltissimo il rischio ma chi ci ascolta nessuno
L'emergenza
Di grande interesse per chi deve intervenire
Perché aspettiamo l'evento naturale
Perché un evento naturale scatta l'emergenza il disastro l'emergenza è positiva per le forze speculativo perché concentra le risorse subito arriva i dieci mila cinquanta mila i sessanta mila miliardi dobbiamo vi Pigna concentra le risorse e annullare le regole
E non abbiamo i risultati un esempio classico potrebbe chiamare richiamare rozzo
Abbiamo
Scelto l'obiettivo di abbassare il rischio quindi riorganizzare il territorio e che cosa abbiamo ottenuto abbiamo ottenuto un mega quartiere
Non si è abbassato il rischiosità di Pozzuolo perché non si sono fatte con gli interventi paralleli quindi grande speculazione e abbiamo aumentato il rischio perché abbiamo aumentato il numero di abitanti e numeri abitazione sul territorio è questo immediato come effetto ma non è finito
Abbiamo espropriato
De ideata il territorio i cittadini che abitavano in quell'area quindi un'azione speculativa drammatica autonomi soluzioni potrà dire molto meglio di me che cosa e significato a questo cioè siamo stati poi traditi
Molti diciamo scienziati che credevano seriamente alla necessità di organizzare il territorio appunto per abbassare il rischio non hanno avuto che è una risposta estremamente negativo alla fine sono stati
Utilizzati consentire questo tema perché io sono tra gli utilizzabili in quel momento utilizzato per un'operazione maldestra diciamo maldestri per i cittadini ma positiva per le forze dalla speculazione
Andiamo al Vesuvio io non voglio
Speriamo che a lungo ma voglio lanciarvi riflessi che potrebbero essere utili anche nel dibattito che segue al Vesuvio risolve il problema non è ancora più drammatico di quanto non le abbiamo per l'area flegrea
Quella cittadina tra i due vulcani e molti pensano che Napoli sia una città sicura
Bene anche Napoli deve entrare nel
Discorso della sicurezza e quindi al discorso di come organizzare il territorio per aprire sicurezza in futuro
Ci hanno regalato in questi giorni la Protezione civile Marco ci ha regalato un piano di evacuazione
E io non ho firmato pur facendo parte della Commissione unito che non ha firmato questo piano
Preso nota oggetto di accuse che ho cambiato idea e io potrei rispondere facilmente solo gli imbecilli valutando idee ma non solo non è sufficiente questo
C'è la dimostrazione perché cambi idea perché ci siamo resi conto degli ultimi anni che volevo vedere un'eruzione più difficili quando immaginassimo e non possiamo e dobbiamo essere estremamente precisi perché sono settecento mila persone a rischio
Per non dire altri due milioni indotti c'è un indotto per altri due milioni di persone
Quindi abbiamo un grande problema da affrontare il piano di evacuazione perché il mondo non regge Progetto per due ordini di motivi proprio perché
Per il contenuto tecnico che inadeguate per potere potremmo
Definire punto per punto e non è questa la sede per fare per dire questo inadeguate l'ho detto pubblicamente l'ho scritto anche sui giornali quindi non ho problemi a ripeterlo lì accanto a questo piano
Allora il piano è stato predisposto dalla Protezione civile comma quattro tecnici multifunzionali e il Presidente il Prefetto di
Ora perché il piano al di là dei contenuti tecnici è sbagliato perché un piano di evacuazione
Non farà altro che
Congelare la situazione cioè dice questo e il livello di rischio quando da questo momento in poi avete un piano quando arriverà alle mozioni riporteremo via la domanda io pongo e da oggi sino all'adozione che faremo
Se c'è un c'è un rischio sul territorio bisogna intervenire per ridurlo
Quali sono le operazioni
Da realizzare e quali sono gli interventi da fare per ridurre il rischio bene bisogna discutere veramente fare un master plan
Veramente mette insieme architetti
Urbanistica riti ora visti i sociologi economisti vulcano necessario Genova notevole ma c'è un problema anche se
è Regione dove sotto l'avviso sono Gino di sociologia una cioè voglio dire che abbiamo un grande problema di capire la gente come risponda sollecitazioni estreme quest'oggi io ho capito bene dalle
Salvo sei Cincinnati
Siamo però forse stanno incominciando a capire qualcosa spedisco non ricordo male
E allora e chiudo immediata nel mezzo minuto ancora è un il piano di evacuazione è un piano speculativo chi paga prego
Questo
Rischio Vesuvio
Essa ufficialmente ieri Colussi
Danilo dorica se il pacchetto ha
Fatto un piazzale sbagliate sale semplicemente Samantha io con lei per il periodo adesso al momento del disastro agire ma insomma
Adesso eh agricolo
Avrebbe già numero diciannove è un boss Pettenò
Ma attivo sì
Ecco si aggirerà su Napoli questo spetterà che rischio ha bisogno certo quindi questa è una vittoria che vede conseguito europeo c'è un altro passo in avanti tutti insieme ai
Peraltro grazie appartiene a ottanta che voi avete
A c'è una dichiarazione ufficiale quindi ormai ufficiale di Vesuvio parlare bisogna non aver rischia
Il problema però e che
Da una dichiarazione di questo genere
Bisogna tiri Sinisi realizzi ci sia una scelta precisa valida no una scelta sbagliata altrimenti
Il risultato di questa dichiarazione può essere addirittura più negativa dell'uno dichiarare abbagliata cosa allora è
Da lì in quel milione e mezzo all'Europa tra culture no ma io con la delibera io mancanza altrove ci sono ancora Lunardi andrebbe ad un sistema ormai siamo grossa
Ma questo è fatto anche perché accettino personale aggredita collateralmente nel garage c'è benissimo a cosa permangono in gravidanza ma mi sarei
Mi sarei aspettato
Mi sarei comportato abbia un'altra maniera
Avulsa quale scusare sarà calata nella la graduatoria passato parole più rianimatorie che uguali altre formazioni e in modo specifico
Quali candidati
Invalidi Pannella consigliarono nei loro programma di elettorale il rischio Vesuvio almeno risulta ad un candidato che abbia fatto questa cinque o comunque abbia
Affrontare questo problema né oggi né ieri quelli per la prossima
Se se bavaglio alle gare e spero che dice ascoltatore di Napoli
La rendano conto l'unico e tiene conto
Di questo che non è un'opinione ovini avevo ufficializzata cioè filiere ormai acquisita agli atti dell'atto dei problemi di Napoli come accadeva riservi difendendo tra e parte un'altra parte bene
Volevo solo aggiungere una un un altro elemento brevemente speculativo del piano sta proprio nel non fare accompagnare al piano una serie di scelte sul territorio cioè lasciare lasciare attualmente il territorio
Diciamo la speculazione Pertini di cittadini sono garantiti
Dal piano per la loro sicurezza fisica senza sapere che poi il dramma viene dopo quando ci sarà alle votazioni cioè l'espropriazione dicevamo prima del territorio se chi va via a grande difficoltà a rientrare è questo
Lo sappiamo perché abbiamo già fatto queste queste esperienze quindi chi compra il territorio e chi va a vendere quale abbiano assista preparando la speculazione drammatico
Oggi già c'è una speculazione sull'immobiliare il che significa che c'è qualcosa che non funzionano di vista politico della gestione infine e chiudo
Questo è un problema che investe i Comuni la Provincia e la Regione Campania per utilizzare la Regione Campania nessuno
Nei dei Sindaci dell'area reso via nella nel Presidente alla Provincia
Ne il Presidente alla Regione anche un c'è affrontare questo problema non dimenticando che la legge della protezione civile del febbraio due se ne vadano
Assegna compiti molto chiari e precisi a questi enti territoriale questo grande
Il piano serve alle autorità locali come
Giustificazione della loro inerzia prendendo Marco Pannella che tira fuori questo problema con vivacità ettolitri con impegno e con
Conosce insolita io mi fermo qui grazie
No valutare dediche Pannella e io devo sottolineare
Che
Fa nella
Parlando affrontando problemi urbanistici passa indebitamenti e quelli architetto
Cioè contrariamente
Ai politici fissi che parlano sul sempre di urbanistica due dimensioni
Noi
Con la sua statura parlati urbanistica atta a lei dimensioni fino al punto
Da dire ma perché
Non va be'mettiamo non privilegiamo Laterza dimensione
Abbandonando commettendo eccetera
Gli altri due
è io gli voglio rispondere che
Questo è stato molte volte fatto nella storia
E specialmente in due casi
Ognuno
Quello
Di Michelangelo
E qui alterò quello di Borromini
Michelangelo e i bambini non hanno elaborato nessun piano regolatore però Michelangelo ha fatto a Roma invece che fare il Piano regolatore di Roma affatto Roma come come dice lui
Con Paoli
Pollini grandissima attenzione e significato estetico
Apparentemente il svincolati da un disegno globale che poi invece si visto deduceva diversi vissuto piatta
Partito dal
San Pietro centro religioso
Sala un ci va detto a far niente quello che poteva fare però
è quello di vedere di non rendere avulso questa grande episodio mirato e il Tevere
E di legarlo alla città e quella guerra molto semplicemente rendendo la Chiesa di San Giovanni e fiorentini
Che essa invece da questa parte dei singoli facendola uguale a San Pietro più piccola e quindi mettendo in contatto due cupole cioè avete operando a terra a terra
è questo ecco ferie
Poi
Ha fatto il centro civico
E cioè il Palazzo Farnese Palazzo Farnese voi
Era faccia a faccia di Antonio la sabbia
Rassicurato allacciarsi purosangue cominciare a sfondare
A a
Alterare completamente le promozioni a fare il lavoro il lavoro più ampie rinascimentale che si poteva il sette a fare un
Un ho un
Cornicione che era con misure non del terzo piano quando il la altimetria era tripartita secondo gli ordina rinascimentale
Da verde è al Parini se è colpa
Un cornicione che invece e con esso non del terzo ordine ma di tutto il palazzo lui pensa di sfondare il cortile
Risponde ci sono degli atti bruttissimo
Fa un ponte esiste ancora azione verso il timore che non esiste perché non è stata continuato e fa un grande quartiere popolare a Trastevere quello che processato ma più spostate qualunque era molto meglio sarebbe B
Poi ma in Campidoglio è il centro e il centro della deve laico per la città e cosa fa fa la piazza del Campidoglio
No non l'ha fatto così come facevano tutti barocchi va fatto così
Così cioè
Io sono il palazzo capitolino e degli affari così
Cioè prende la posso aria la cioè
Ricevere garantirle fatta di spazio e mai creati all'urbanistica allora prende questo spazio esordiva indietro non è che il lo lo lo street davanti no lo chiede in via prudenziale
è però una volgarità trova può essere
Dice bisogna raccordarla la città erogata una strade una sala stempiatura
Che
Congiunge il Campidoglio Nebraska al
La Chiesa di Gesù che ha dato un'altra cosa
è poiché
Pagliuca Borno mi ricordo Matteoli sicuramente che fa a un certo momento fa la Libia e di espansione Larini espansione per lui e allora
Nomentana
Chi ama la via Appia
Pia
Quella che esso si chiama via venti Settembre gli atti e che va a finire a Porta riempie però porta via non è una porta di uscita come altre volte no è una volta inversa
Perché mica ad personam sempre l'inverno Dozzo del
Del buonsenso no
E allora questa volta guarda all'interno invece di guardare all'esterno al costo che cosa significa un po'prima
Un po'prima
Cambio di elezione ma
Alle Terme di vecchie Terme di Diocleziano vecchio guarda questa terra
E la
Citava fuori Santa Maria del grande lei poi
Pensa a una sua madre che colleghi Santa Maria degli Angeli a Santa Maria Maggiore dubbi costruisce Luini Calandro mi sanno una che appena
Questo e tutto è tutto ne ha fatta così da San Pietro ha attraversato a Roma a parlare e gli ha dato
Possibile
Ecco qua i volumi
No massima idrica Ciamarra ancora non è né Michelangelo ecco perché dice tutto e se fregnacce sui mezzi innovativi sui valori Selva aver la nuova tipologia Ceglie invio
Io accolgo il tuo invito
è di diritti era qualcuno si diventi Michelangelo a Napoli
Ma tutto il CD venti milioni non si lascia richiami gran bella esercizi diventa quando se
Passo Pannella qualunque edifici diventa miliardi
E giovani
Cioè noi gli esami ecco sciolto
Cessa meglio fare chiosare voi fa abbattuto allora
Questo è quella è quella per cioè sì
Sia va aggiornato per
Poi lì
Edilizi e abbiano proprio per se stessi per quando
Ma è volto a Michelangelo
Promuovere un cantiere
Non è fatto divieto che aveva fatto il San Pietro aveva fatto il Palazzo Borghese certo nella parte l'attraversamento s'intende
E nel corso il Campidoglio era pezzi era un cantiere non ti parlo Tratta B entro non c'è niente era tutto un cantiere ma lui abita
Capito questi toni sarebbero stati gli incentivi in un'espansione edilizia che avrebbe creata interni della città
Veniamo
Al mito di questa città
Al mito del mito mito che io vado
Sbandiera nel senso di Milano Torino no andava l'ambito invitava che perché io condividevo eccesso sempre
Cercate o anche adesso lombarda di moda si muove ma
C'è stato un periodo che non andava di moda ma gli ho allora lo spingeva ancora di più la sostenevo ancora di più
Ed è
Allora disse così
Ecco sempre di rottura anche qua non ho capito io quando ho scritto
La prefazione allibrato sulla Napoli
Europea
Europea
Avevo
Eletto quell'attenzione capire tutto in Libia io dico qua
Cioè un elemento nuovo noi la richiesta di
Elementi innovativi
Ma c'è
Un elemento nuovo
Un tema oggetto nuovo sarà megalomane non sarà mica aveva Rio so dare una mano
Non mi frega niente io firmo questo appuntamento rosso approfondirà da nord ebbene nate nuove sempre bene cioè non
Dalla major volte io ho mai sostenuto tiepido che invece diventasse o un farabutto o un fallito dal punto di vista
L'ho mai caldamente abbia rubato molto larga banda
Non viene neanche apparse pure checché che
Soltanto purtroppo un ammasso no passi Cats io maggiore gli anni fa mi pare il motore statico mediatico allora
Io sono convinto
Che
Scommettendo su Aldo Maurizio Rossi io faccio un affare faccio un attimo investimento
Però
Però devo anche dire che le domande gli opposto a Attilio Sciara ente riformulate cioè
Si parla di impiantare di raccontarci trenta le statistiche mondiali quanti sono gli aveva guarda anche il terzo mondo nel campo turistico e non ci sarebbe
Dove vogliamo
Questa volta tu parli rischio Vesuvio e grande poli senza poco tendo a rilievi del situazioni indiane
Vagliando aveva realizzare sennonché genesi attende il decorso dei blocchi di ghiaccio che vengono chiudo al fondo no lanci previa rientra
Voi vogliamo visti deserti e chiamerà
Allora fare un discorso geometrico lineare sperando che tutti quanti capiate in quindici anni di battaglie a Napoli ho fatto un discorso serrato come ha ricordato l'amico lungo sul problema del rischio Vesuvio perché le armi sono incrociata con le tesi di vivo
Il discorso è assente
Napoli e chiusa fra due zone ad alto rischio permanente definita la Commissione nazionale grandi rischi anche riserviamo e aria fritta
In caso violento vulcanico Massimo
In caso di evento vulcanico Massimo
In caso di reintrodurre amico Massimo creare investite da questo evento vulcanico sono distrutte per diciamo quindici chilometri di diametro c'è la così come centocinquanta chilometri guerra a destra e a sinistra
Cosa abbiamo dedotto da questo assunto che non ci inventiamo noi ma che ci hanno detto
L'essenziale e in particolare l'amico del Perù diciamo che in queste due aree bisogna attuare subito ad horas una politica di decompressione alla densità abitative e ed il rischio perché altrimenti divisa si saranno giganteschi
Come fare ad attuare questa politica
Secondo quale modello secondo quale idea si può attuare questa decongestione
Io vorrei essere preciso sulla questione del piano del trentanove di vicinato
Ed è l'idea di vicinato realizzata nel settantadue che non condivido
Il dal Ticino all'auto idea geniale nel trentanove quando aveva individuato nell'area orientale di Napoli
Un'area di espansione quando pensare in grande quando in quell'area non c'era quasi nulla allora si pensava a un centro direzionale
In quell'area che investisse
Che cosa l'area del delle Ferrovie dello Stato Riley è semplicissima la alla si aumenta la stazione avvia Fernandel batterie hanno imparato e l'area viene incendi in quell'ambiente il centro direzionale eccetera
Questo è stato possibile fra non è stato capito nel trentanove continua a non essere capito
Addirittura questa idea geniale viene rivitalizzata il rito
Pigliate An in considerazione quando tutto all'urbanizzazione dell'area e salme di tante cioè l'unica area che ora è di è rimasta libera che quell'ala diviene oggetto di speculazione tant'è vero
Che c'è stata una proposta demenziale per urbanizzare quelle aree di fare trecentocinquantacinque fabbricati in quella
L'idea di Piccinato era geniale del trentanove nome attuale oggi bisogna invertire
Vede io non condivido però di Piccinato e quando lui come responsabile del piano comprensoriale ha deciso
Che il centro direzionale di ruolo di Napoli andarsela rientra
Badate bene c'è stata la proposta fatta ospizio vicinato che va capito che la direzione fondamentali sviluppo la città era Napoli Caserta e aveva intuito che il Centro regionale l'area metropolitana andasse posizione la metà
Distanza fra Caserta in
Questo non è stato fatto
Viceversa è stata fatta attuata l'idea di un primo Centro direzionale anzi centri servizi a ridosso dell'abitato
Questo è stato un fatto negativo perché a ridosso della vita è sorto questo bubbone
Che è sbagliato per varie ragioni è una sacca chiuse tra
La collina di Poggioreale sede di cinque cimiteri
Perché non voglio dire vicina dal
Il rilevato ferroviario
A sinistra c'è la città congestionati se c'è una unica via di uscita sulla destra ora in questa sacca non si potevano mettere cento mila
In più in questa sa che l'area e qui il
Perché lungo Cesari Wandissima verità un'area alluvionale
Il titolo in tufo su cui si andava qua a posizionati generazionale Satta renda guardi cinquanta metri sono sicché
Noi per realizzare un centro direzionale di centocinquantacinque fabbricati grattacieli noi facciamo
Dei pali che arrivano a questa distanza
Mentre l'Empire State building e alto quattro volte grattacieli che ne facciamo chiarezza sotto soltanto perché granito diciassette metri nulla si è avuto il contrario cioè un quaranta metri di fondazione e facciamo soltanto ottanta cento metri fabbrica
Fatto un conto elementari
Nell'area centro direzionale
Centocinque la cinque fabbricati trecento pali di cemento armato per ogni il fabbricato sana se si realizzano cinquantamila pali di cemento armato
Abbiamo puntato questa cinque-sei cifra e viene quando la piramide di Cheope in cemento in cemento armato che sta che sarà densa cementificando la falda
Sta cementificando la fa ora si va da qualcuno che cacci risolti per deviare la falda idrica quando noi diciamo
Fermate il CIPE del Senato
Diciamo che è un disastro ecologico quando piove voi tutti a dire a Napoli si allaga tutta l'aria di via Argine
E sembra Venezia perché non perché non ci stanno le fogne telefonici stante
Ma e si crea una tale
Massa d'acqua che l'arretramento cementifica tutte le è stata l'aria è stata distrutta vi ricordo di quell'area c'è la famosa di il Vito Geremia
Quando Carlotta detenuta Napoli ha visto Stalin IT chi sono questi hanno fatti si Giardina
Pacello da mercoledì hanno e stragi consegne portati a Parigi hanno iniziato il giardino francese in quell'area ora cioè la devastazione più completo
Allora non è un caso che io non ho costruito nulla del Centro nazionale non è un caso che io non ho costruito nulla
Perché fu essendo fuori e di dei partiti che contano delle lottizzazioni ma è un incarico alla Regione è un incarico va bene manca va bene non me ne frega niente perché
Se uno decide di essere minoranza di rilevanza e vuole pagare qualche cosa che voglio vado per non aveva in carico però mi piglio lo sfizio di dire
Queste sono sbagliate queste cose per questa ragione
Allora piccina ha fatto un errore clamoroso quando ha insediato ha indicato tante che è stata anche accusato
Di essere colluso con i proprietari del suo voi ricorderete le battaglie fatte io ho difeso vicinanza contro questa accusa Mati esatto era così
Allora
In questo caos nel quale lui DDA quale l'idea che bisogna caccia sulla quale stiamo lavorando anche con l'amico l'uomo
Se Napoli compresa tra due zone ad alto rischio permanente bisogna attuare due politiche subito di decompressione di questa
Poi c'è una direzione Napoli Caserta che sino a Piccinato il sistema non era ancora legittima oppure non è più legittima
Perché Napoli c'è un assetto mono cento dico e monodirezionale centro congestionato invece Napoli-Caserta da direzionale zecche ora conurbazione
Lungo questa direttrici si saldano tre fasce roba quella costiera quella mediana Aversa
Pomigliano e quella Teano Caserta ovvia è tutta con urbana non è il più possibile tenere un p un nell'idea di piano come quella di vicinato
Nemmeno è possibile localizzare in questo centro il sinodo cento nel segno allora noi abbiamo
Detto a questo proposito
Una cosa molto chiaro non è un'idea nostra ma che il Consiglio idea geniale di un grande gioco informale quale Luigi compagni Deminor cioè pedofilo convalida enunciate questi le alla metà degli anni Sessanta ed era stata messa nel dimenticatoio
Cioè l'idea quale quella di considerare lasse Roma Caserta Salerno
Come la spina dorsale
Di un sistema SINAL mente riequilibrato che non si è che non cada l'armatura urbana non cada sulla sulla costa
Questa idea che sembra un una cosa banale invece e una genialità dirà considerato in Italia nel sistema urbano italiano il danno e trentanove aree urbane tredici aree metropolitane
Per riequilibrare questo sistema basato sul triangolo Roma cioè Genova Milano
Torino bisogna creare un asse di riequilibrio territoriale Roma Caserta Salerno perché perché è l'unico asse l'unico asse tipo tentare di ridurre il brave tutta l'armatura urbana Italia
E che cosa perché e l'unico ANAS ma per chi lungo questo asse ci sta misure agricoli
Più importanti d'Italia l'agro romano l'abbiamo i fondi l'agro nocerino sarnese l'abbiamo il sei quindi integra il primario
Lungo questa Sisal un'insidia industriale più importante quindi questa sera integra anche il settore seconda noi abbiamo dato sforzi
Per localizzare su quest'asse anche le attività terziarie quater allora il problema si chiarisce la città e il territorio
Della piaga amanti cade sul Napoli finalmente si raddrizza perché poggia su questa spina dorsale che diventa la spina dorsale di tutto il sistema finalmente riequilibrato allora noi diciamo anche un uomo al potenziamento e la direttrice Napoli Caserta
Ritiene che vogliamo attuare pochi hanno capito un'ovvietà che invece chi vive a Napoli sai nemmeno i rilievi gli statisti via divisa l'avevano capito finché non li abbiamo rilevata noi
Che poi noi Colombo
Chi viene da Roma in macchina arriva h a capo passa capo potrebbe scendere talmente alla Garlatti sa perché non si fa passa capo va a Caserta
Entrava riorientare e torna in città c'è da dire tutto il sistema del traffica viene esce ed entra Napoli dalla Solaria orientale
Queste chi conosce la orografica lo sa bene perché Napoli poggia sulle ultime propaggini Campi Flegrei l'unica zona tra i due sistemi vulcanici fregare ed esitante è quella orientando in tutto il Porta Capuana sta oriente
Stavo standard ma la la la lucida stavo incentivi per andare al nord e riuscire così e passare al nord allo diciamo
Bisogna spezzare questo schema modo cento che è monodirezionale
E dobbiamo attuare una città policentrica e pluri direzionale perciò mi interessa nell'idea dei Villagrande lavori Pannella
Che netti in considerazione il punto da cui siamo partiti cioè il
Il il la decompressione le aree vulcaniche due e non una due aree vulcanica ad alto rischio permanente e noi diciamo be ovviare a questa
Io sia ogni mattina Sissi creano dalla arrivo orientale dieci dodici chilometri di macchine che entrano in città e fanno venire l'infarto alla città Agila qualificate vista coloni ma che stiamo
Allora diciamo nell'aria occidentale bisogna realizzare un
Un accesso ulteriori e una nostra idea abbia inventato qualcosa non abbiamo inventato nulla
Perché duemila anni c'era ed era l'aria campana decorre cava Pozzuoli a capo siculo capisce che la storia urbana del dell'area campana e centrata sul Papa capisce
Che poi suonerà il porto di Roma Pozzuoli capo importante importanza da Napoli capo allora il problema qual è
Noi diciamo volete finalmente capire che l'area urbana i congestionata e poi dirò qualche cosa sulla questione delle tubature
Perché non vorrei fare la parte di chi fa gli indici
Paga di persona che non fa i progetti e poi si sente punitive tela qualità dell'architettura è quella che riscatta lavora la violenza degli indici allora il problema del modello che proponiamo noi quale fatto con tante discussioni che l'amico luogo e quant'altro
L'asse dirigo libero la cassetta sarà è una realtà
Ora nel piano il CIPE tra si chiama corridoio plurimodale basso che veniva cioè e una spina dorsale che integra le autostrade l'alta velocità un sistema di collegamenti con porti aeroporti idrovia
Quindi è il fascio portante non lo diciamo non lo dice il CIPE perché l'ha capito finalmente
Allora il problema quale capire che noi dobbiamo agganciare se vogliamo risolvere il problema è congestioni Napoli la città più alta densità abitativa due volte un bond
Dobbiamo agganciare l'area metropolitana questo ANAS come diciamo è insufficiente l'unica direttrice il sistema monodirezionale vogliamo un sistema
Bruni direziona allora apertura di un collegamento a occidente tra Lario occidentale e la era la sistemarlo strada allora abbiamo un quadro
In cui c'è l'asse di quello territoriale
Corridoio plurimodale Baseleghe riconosciuto ormai a livello di sistema cinque direttrici nord-sud di collegamento mila cita sì sì sì decongestione no all'unica uscita dalla parte orientale della città
E poi dice
Poi che ci stanno altri sistemi urbani chiaramente riconoscibili quello costiero quello mediano e quello
Teano Nola noi diciamo tre fasce
Tre cinture verdi c'è il bisogna spezzare la conurbazione che in atto negli ultimi trent'anni sono stati costruito distrutti duecentosedici chilometri quadrati di terreno se stessi
Sì non si interviene ad horas
Con un'idea di grande analcoliche abbia questo respiro Navoni esso tutta non ci sarà liberata Bettini fa finta di tradurre questi problemi in qualità soltanto
E di delega la qualità possa diciamo riscattare la miseria e io sono del parere che
Migranti aveva già precisa fatica ma grande non c'è
E che quindi abbiamo bisogno di essere ai giocatori in un labirinto dominato dal sottosviluppo allora
Quando
L'amico Marco Pannella lancia rideva grandeur io porrei in Russia
Perché uno degli errori fondamentale l'ammirazione comunale quella di avere una girato le spalle al territorio
Io ho impegnato dieci anni di vita a fare se polemico disegnato da Napoli a quattro mila centosei del due mila e quattro mila distinte nessuno e del mio ordine
Però
Noi abbiamo atomico un grande sconta la metà degli anni ottanta
Quando avviato lo schema che noi suggerivamo con un'utopia realizzabile politica allora ecco Napoli est abbiamo detto no alla consociativismo che si apprestava negli anni ottanta a devastare definitivamente alla citata che c'erano tre i progetti sul tappeto che noi abbiamo sconfitto
Massicci abnegazione oriente progetto si OLAF con le cooperative rosse
Sta interramento del centro storico Progetto signora con le cooperative rosse dentro massiccia immigrazione e l'aria orientata occidentale Bari Bari comunisti socialisti tutti mischiati abbiamo letto
Poiché Napoli cioè il settantacinque per cento e l'aria
Coperta di case
Noi abbiamo poi riscontrato
Che non si tratta più quando nitide Alviero dicendo diceva Napoli era corona di spine erano i Paesi vi erano di tre quattro mila abitanti cinque mila abitanti
Ora tutta la fascia dei Comuni intorno a Napoli e caldo utilizzata tutta cimentato legati alla e regali inorridito c'è un torrone di cassa
Allora noi diciamo perché la cellula la la la Resistenza
A noi vogliamo che l'area occidentale il Parco Bove nella diventare il parco verde quando sia davvero possibile Capodichino il parco perché è una questione di
Sopravvivenza fisica quando io sento
Rilanciare direi che l'attualità possa riscattare la miseria e non siamo più in questa
Condizioni
Ora noi abbiamo bisogno di riequilibrare l'intero sistema
Quindi il rischio Vesuvio diventa il rischio di cambio tra via elettiva a
Io direi tutto rischio visure rischio Campi Flegrei è l'occasione per fare svegliare la città
L'area metropolitana e sangue vorrei impostare tutto il tema della vi equilibrio nella nemmeno vanno in termini completamente nuovo l'architettura ben ora non c'entra nulla
Senta vera chiameremo tutti i maggiori architetti del mondo però oggi è bisogna capire quale modello di sviluppo quale idea allora noi diciamo e concludo
L'assetto attuale di Napoli Emmola cento che è monodirezionale
Noi dobbiamo spezzare questo assetto che grava sulla costa dobbiamo riequilibrare il territorio quindi noi
E io per primo io da solo di dire in solitudine o rilanciato levrieri compagna
Io ora viene riconosciuto universalmente a seguire quelli per evitare a Roma Caserta Salerno e quindi con il mercato nuova si fa un grande discorso
Cinque direttrici verticali che spezza il sistema radio cento dico e crea un sistema maglie così si sviluppa e si
Togliere l'assedio alla città
In tutto questo certo io per io credo che la cosa che è da respingere il piano di evacuazione quale
Dieci consiglieri come giustamente diceva l'amico lungo sapiente sarai quelle incombevano a Bologna è quella di distanza Granada l'ANAS Firenze quello va in Sicilia ma nel frattempo che cosa si fa allora l'idea geniale rimarco quale
Proprio non proponiamo un'idea di riequilibrio progressivo il territorio l'obiettivo è di comprimere l'aria che segnalate con prima l'aria fra i veri non c'è altra alternativa non si possono fare de deportazioni
Vi dico un altro lato in più Bruno lo volesse Cividate ma io purtroppo Piero considerato uno che faceva solo disegni astratti utopici mi sono dovuto
Ho dovuto imparare a fare i conti ora divento io quello che faccio i conti che non fa più disegni astratti fortunatamente faccio dispone sono un folle sono scritti solide fatti i conti è facili seguito pazzi
E allora nei miei disegni passi disegno il quale oggi in alcuni conti quale voglio che gli altri mi risponda lo sui conti allora dico
Quando sento che qualcuno dice Napoli tutt'al più lo spazio degli indici per gli standards quindi ricevibile riduciamo gli standards io farò una battaglia furibonda controversi persona
Perché l'onorevole Lulli standards debbano capire che minava la battaglia per non mettere più casa e lo dico a chi
Costruisce e indomita case paparazzi grattacieli avvia
Facciamo ASL a
Ha sbocco continuo allora per concludere dico
Le duale alto rischio permanente due politiche di decompressione attualmente da Napoli e Caserta
Che la distanza minima perché la gente pensa di Caserta sia la distanza Napoli Caserta sono ventitré chilometri quando la sola isola di Malta ne abbiamo due Province è come se ci fossero due Province al Central Park c'è la Provincia e non abolisce su qui una pura idiozia
L'area orografiche nulla l'Area Storica e una che la Campania Felix e noi diciamo che c'è un modello
Su cui tutti gli atti e che nel mondo possono cacciavite geniale però se non ci mettiamo d'accordo su questo scheletro portante Napoli cadrà su se stessa come una qualsiasi metropoli nel terzo mondo
Allora e concludo veramente io pregherei da intelligenza folgorante libro Zeni
Esaminare queste questo direi che nella legge di attaccarla
Però penso che è opportuno che ci si caccia fuori moda l'alternativa a quello che noi proponiamo da quindici anni
Se c'è esca sì e non c'è modifichiamo il nostro andiamo avanti però vorrei che fosse chiara l'esigenza di
Creare questo quadro di unione
Io credo che su questa battaglia si può fare diciamo una
Una grossa un grosso investimento culturale politico economico se noi siamo in grado di
Dire dove come possiamo realizzare questo insediamento netta l'avrete asetticità di cinque mila cinquecento mila vani vuoti cinquecentomila l'animo di sono quasi pari ai seicento mila abitanti delle aree
Io comincerei subito lo fa l'ordinanza di demolizione di tutti gli scheletri di tutti gli uffici già in Costituzione la verifica della vergogna e ci siamo accordati alto rischio veramente
Decisione ad horas tutti e tutti gli scheletri previa debbono essere dolori poi bisogna attuare questa decompressione progressiva e preparare un modello generale bisogna penale lo schema della grande Napoli grazie
Era il diciamo ottobre novantacinque così il professor Aldo Loris De Rossi interveniva al convegno Lista Pannella organizzato a Napoli ed al tema rischio che su via grande Napoli difesa ambientale e sviluppo integrale
La prossima registrazione invece più recente dal gennaio due mila dieci quando i radicali nel corso di una conferenza stampa illustrare una serie di iniziative parlamentari
Per la messa in sicurezza territorio riascoltiamo quanto dissero in quell'occasione a partire dall'intervento l'ex deputata radicale
Chris breakthrough Zamparutti la mozione di cui inizia oggi la discussione in aula è stata o frutto di un lavoro congiunto con le associazioni
Ambientaliste che abbiamo avviato all'indomani della tragedia di Messina
Quindi un testo preparato allora e che viene discusso a distanza di pochissimi giorni da un'altra tragedia che ha colpito il nostro Paese quella caduta a Favara
E sono drammi diverso incerto ma comunque entrambi tragica espressione di una frequenza di morti dovuti alla cattiva gestione del territorio
Alla assenza di un'efficace azione di sua tutela e delle gravissime carenze della politica urbanistica ed edilizia
Di questi ultimi sessant'anni
Politica che è divenuta ormai insostenibile perché là sopra urbanizzazione selvaggia a degli ultimi sessanta anni con l'aumento di ben ottantacinque milioni divani dal dopoguerra ad oggi
Ci porta ad essere il Paese sono dati del Cresme primo in Europa per disponibilità di abitazioni con un valore medio di due vani a persona e paradossalmente l'emergenza abitativa
Non risulta risolta come
Appunto la tragedia di Favara tristemente testimoniato a Favara sta emergendo che c'erano alloggi popolari realizzati dall'Amministrazione comunale
Mai assegnati ma lasciati degradare e divenire oggetto di atti vandalici io credo che questa sia una politica delinquenziale
E se poi pensiamo che larga parte di questo sovradimensionato patrimonio edilizio
Post bellico è privo di qualità e non antisismico la tragedia dell'Aquila ce lo ha ha purtroppo
Benna dimostrato
E questo patrimonio edilizio appunto privo di qualità è collocato su un territorio quell'italiano e quello meridionali in particolare che è sofferente da un punto di vista
Si è secco ed idrogeologico con do solo un esempio venticinque mila scuole sottoposte a elevata
Il rischio sismico mentre altre tre mila e cinquecento strutture scolastiche risultano costruite in zone ad alto rischio idrogeologico e parliamo di sto
Ore in cui gravitano oltre quattro milioni e mezzo di persone fra studenti insegnanti e che altri lavoratori allora io credo che una considerazione vada fatta
Ed è questa la grande opera che serve al Paese non è lo stretto di Messina o le altre grandi opere annunciate ma la messa in sicurezza del territorio e la rottamazione edilizia a partire da quella postbellica priva di qualità e non antisismica
Io leggo che l'ordine degli architetti della Regione Sicilia messo a disposizione personale
Per schedare le condizioni di e stabilità degli edifici vicini a quello che è crollato a Favara
E dico che occorre partire proprio da questo nonostante il Governo avesse impugnato una legge regionale e quella della Basilicata che prevedeva l'introduzione
Del fascicolo
Del fabbricato perché occorre correggere quegli interventi edilizia ammessi dalla legislazione statale
Che è regionale con il cosiddetto Piano casa e che occorre che questo punto sia
Ha all'ordine del giorno del prossimo Consiglio dei Ministri e questa la questione di cui occorre discutere anche perché nell'intesa Stato-Regioni del Prix IMO aprile il Governo si era adottato si era impegnato ad adottare entro dieci giorni dalla sigla dell'accordo un decreto di semplificazione
E che noi abbiamo in realtà
Individuato come strumento istituzionale non per introdurre ulteriori semplificazioni
Ma invece per
Correggere gli affetti di una politica che continua ad incentivare sostanzialmente nuova
Edilizia per chiedere e lo facciamo con la mozione in discussione oggi di avviare invece un'azione di recupero e di riqualificazione del patrimonio edilizio esistente
Favorendo la rottamazione con eventuale delocalizzazione degli edifici pericolosi che sorgono in zone a rischio o che sono privi di qualità
E riconoscendo priorità di intervento alleare ad elevato rischio idrogeologico a partire dall'area vesuviana e dei Campi Flegrei
Così come a partire da quelle edificazioni lungo le fasce fluviali e questo solo per portare alcuni esempi io credo che i Comuni debbano avviare subito un piano di rottamazione dell'edilizia non antisismica possono chiedere per responsabilizzare anche i proprietari sostanzialmente è sparito il proprietario dell'edificio crollato
A Favara perché quanto meno auto certifichino
Lo stato di abitabilità e l'antisismicità degli edifici di cui sono proprietari e lo Stato deve intervenire su questo fu inter riconvertendo quindi poi propositi non solo del piano casa ma anche delle new towns annunciate da Berlusconi
Perché non è accettabile assistere agli affetti di politiche che il favoriscono ancora nuova edilizia come il cosiddetto Piano casa
Peraltro con modalità di dubbia costituzionalità avendo l'intesa Stato-Regioni acconsentito alle regioni e devo dire che nessun governatore si è opposto a questa modalità
Appunto hanno ha consentito di innovare la normativa in materia di governo del territorio
In totale assenza di una legge quadro nazionale e quindi esautorando di fatto il potere legislativo del Parlamento con conseguenze come quelle cito solo una in Campania
Si autorizza la trasformazione dei capannoni industriali al di sotto di quindici mila metri quadrati in abitazioni residenziali dove per darvi l'idea
Quindici mila metri quadrati equivalgono a un campo di calcio e mezzo e questo viene ha consentito in una regione dove c'è Napoli
La città a maggior densità abitativa d'Italia collocata tra Vesuvio e campi Flegrei
Allora io credo che questo non sia marginale sono almeno un paio di decenni che Marco Pannella Aldo Loris Rossi del Partito Radicale
Hanno cercato in ogni modo di imporre l'agenda politica nazionale ma anche europea le norme rischio al quale si stanno espandendo esponendo gli abitanti
Del del nostro Paese è la rottamazione edilizia lo strumento per rilanciare l'edilizia e questo Berlusconi lo deve capire abbiamo cercato anche di avviare uno un dialogo con luci su questo punto
Anche perché mi pare poi che il Piano Casa dai risultati che lecco su su sui quotidiani
Non ha assortito questi grandi affetti di di benefici economici a dimostrazione ancora una volta che i cittadini esprimono e manifestano maggior senso di responsabilità
Dei governanti dei e dei governatori ma nella mozione chiediamo anche che insieme a questo piano grande piano di rottamazione dell'edilizia sia sostenuto il miglioramento dell'efficienza
Energetica noi sappiamo che questa
Nel settore può essere peraltro una valida alternativa anche al nucleare chiediamo che il gettito legati legato agli interventi ammessi
Dalle norme a sostegno delle
Di Lipsia siano vincolati al finanziamento di contro prestazioni ecologiche
Proponiamo anche di avviare una revisione delle leve fiscali ICI e IRPEF affinché in un'ottica liberale
Lo
Strumento fiscale serva a favorire l'uso parsimonioso del suolo la riqualificazione energetica e la localizzazione l'allocazione residenziale degli immobili
Perché poi cosa significhi questa sovra urbanizzazione
Lo hanno spiegato molto bene in un'audizione recentemente tenuta alla Commissione ambiente alla Camera dei deputati esponenti dell'Osservatorio
Dei consoli consumi di suolo che è stato istituito presso il Politecnico di Milano insieme all'Istituto nazionale di urbanistica
E Legambiente quando ci hanno spiegato che nella sola Lombardia nel periodo dal novantanove al due mila e cinque è stato urbanizzato un territorio a ritmi di dieci ettari al giorno
E come se ogni anno quindi si fosse realizzato una città grande quasi come Brescia
E sottratto un prato grande come Pavia
E chiediamo però nella mozione rispetto a questa materia
Che vive una forte disomogeneità di criteri di monitoraggio dei consumi e degli usi del suolo di avviare una
Al maggior
Uniti uniformità di criteri di monitoraggio
E io in questa conferenza stampa su questa materia che è fondamentale perché finché c'è disordine finché non c'è un dato chiaro parametri chiari con cui mi misurare quel devastante consumo di suolo che c'è stato e che c'è tuttora non è neanche possibile poi elaborare adeguate politiche di buon governo del territorio
Quindi oltre ad illustrare i contenuti appunto della
Della mozione presento anche la proposta di legge per l'istituzione di un osservatorio nazionale
Sull'uso del suolo che abbiamo realizzato che abbiamo preparato insieme
A a Paolo Pileri del Politecnico di Milano proprio perché uno strumento indispensabile e proponiamo che sia istituito
Presso il Ministero dell'ambiente appunto quanto meno per avere i dati chiari certi uniformi comparabili
Tra Regione e Regione e anche nell'arco del tempo per poter sulla base di questo dato di chiarezza anche poi
A cercare di avviare quelle politiche quanto mai necessari e indispensabili
Per a il buon governo del nostro del patrimonio del territorio
Del territorio italiano io credo che
Appunto ossia poi nell'accezione che il Governo a
Propriamente tratto dal linguaggio domestico quello appunto di mettere ordine nelle cose il suo aspetto più importante per questo ritengo che intanto l'istituzione
Di un osservatorio nazionale sull'uso del suolo sia fondamentale oggi è stata interpellata la proposta di legge a tutti i parlamentari
Io mi auguro che abbia un ampio sostegno e che sia tempestivamente messa all'ordine del giorno della Commissione ambiente
Ma appare evidente come la questione ambientale oggi in Italia sia quanto mai una questione democratica di leggi non rispettate lo abbiamo sentito di controlli non effettuati di opportunità di governo non colte
Proprio perché le tragedie purtroppo si sono ripetute dove c'è stragi di legalità c'è anche poi stragi di vita umana era potete leggere o nel testo l'ottobre due mila e nove quando partiva il manifesto appello con delle proposte di governo per appunto risolvere
Le i rischi che ci sono in Italia e oggi abbiamo delle proposte a partire dalla
Dal disegno di legge sulla sull'osservatorio del suolo che possono dare degli strumenti e proprio chi
Ha collaborato con Elisabetta Zamparutti alla redazione di questo di questa proposta di legge il professor Paolo Pileri del Dipartimento di Architettura e pianificazione
Del Politecnico di Milano potrà darci adesso la una descrizione delle difficoltà che esistono in questo settore
Grazie sì buongiorno a tutti
Come dicevano come diceva sapete a San Polo onorevole Zamparutti prima questione davvero che questa materia non è conosciuta e questo è
Davvero inaccettabile
In un quadro in cui il suolo ebbene ricordarlo non è una risorsa ambientale
Molto limitata e mappamondo
Più di quella superficie non c'è e questa questione quando poi ritorna le nostre pianure nelle nostre valli nel nostro nostre colline
E ancora più tangibile il suolo la superficie territoriale è un bene comune limitato voglio dire non è riproducibile non se ne può aggiungere dell'altra una volta che questa viene utilizzata
Questa è la cosa importante quindi talmente importante però che non ha come contropartita la una conoscenza altrettanto capillare ma anche il generale direi in Italia
Noi come istituzione scientifica l'abbiamo scritto e riscritto insieme a Dinoia Legambiente attraverso solo tre sui consumi dei suoli
Abbiamo tirato fuori i primi numeri su questa su questa questione quando prima si diceva dieci ettari al giorno
Dice tre giorni sono davvero tantissime Lombardia più o meno la parte nord
Di tutta vitali ha quindi Veneto escluso che vuol dire escludere un bel pezzo arriviamo a venti ettari al giorno quindi un un'altra un'altra qui vuol dire che quasi due città come Brescia in ogni anno vengono uno urbanizzate
Come forse lo zucchero vino del pandoro voglio dire tutto un poco ha un po'la
Bene
Da cosa incredibile che ne abbiamo passato il primo anno di attività primo anno e mezzo di attività come istituzione scientifica Attili Funari alle Regioni e lo dico molto molto chiaramente perché così che si fa anche ricerca telefonando Regione che fanno le Province a chiedere
Semplicemente una carta di uso del suolo è chiaro che se vuoi capire come vanno le cose bisogna di saperla oggi ieri e oggi quindi due carte di uso del suolo ma cosa sono del cartello solo come dice la Commissione ambiente sono
Qualche centinaia di migliaia di euro per ogni regione fondamentalmente bene solamente quattro regioni
Hanno risposto all'appello ma non perché le altre fossero indo lenti ma perché proprio non avevano questo tipo di materiale di base quindi non non non vi è a conoscenza di quelli che sono gli andamenti
Degli usi dei suoli nel nostro Paese si sta provvedendo in alcune regioni direi altre sei o sette stanno provvedendo a realizzare
Un'altra mappatura degli usi del suolo dopodiché arriveremo al cinquanta per cento della copertura nazionale però
Dopodiché c'è un altro problema perché ogni Regione in questo momento né ci stiamo accorgendo che sta come dire osservando gli usi dei suoli con il proprio occhiali e lo sta raccontando
Con la proprio il proprio linguaggio e cosa voglio dire mi spiego voglio dire che la superficie urbanizzata per la Lombardia è una cosa fatta da difficile senza replica pannoloni magari per il Veneto invece fatta solamente degli edifici residenziali P capannoni grandi
Questo pone il problema di comparabilità ma anche alla fine di di di di falsificazione uso questo termine in senso buono del dato di in di non conoscenza corretta del dato
Eppure come ricordo sempre a partire mi studenti otto mila comuni in Italia fanno pianificazione
Fanno pianificazione nello lo diciamo chiaramente insieme come né quanto prima a tutti quelli che con cui abbiamo condiviso questo percorso fanno pianificazione praticamente
Per usare un termine che va bene in questa occasione alla cieca insomma in qualche modo senza conoscere qual è lo stato di uso dei suoli va bene
In
Questo
L'abbiamo già detto è grave
Su questa partita che altri Paesi europei dove sono preposta manca anche importante capire se è una cosa unica diciamo in buona compagnia oppure no non siamo in buona compagnia al di là delle Alpi stanno molto attenti a monitorare gli usi dei suoli si sono dati anche dei limiti molto concreti e specifici la Germania anche non mi sembra che abbia un pile scadente o che non mi sembra che non varia la crescita economica
Abbia deciso invece di
Finire di consumare i suoli a breve da cento ettari al giorno in tutta la Germania e loro hanno un monitoraggio molto preciso da anch'
Su tutto solo tedesco da cento ettari al giorno che erano circa la metà degli anni Novanta si arriverà nel due mila e venti a trenta due mila venti vuol dire fra praticamente una manciata di anni e si arriverà al due mila e cinquanta zero va bene mettendo ovviamente in campo altre
Altre iniziative sostitutive
Altre persone non conosciamo neppure le aree dismesse e se in questo momento qualcuno di voi volesse comunque legarsi a un sito internet per capire quante o qual è il patrimonio urbano già utilizzato ma non più funzionale per lette le urbanizzazioni
E dove è collocato questo è un dato ignoto va bene è un potenziale un potenziale enorme non è noto non è sistematizzato quindi quest'altro problema quindi tutte le politiche di Roma
Di urbanizzazione fanno fatica a depositarsi in quelle aree perché non le conosciamo sono localmente
è stato citato
è stato citato anche la questione del sottoutilizzato il venti per cento del patrimonio edilizio residenziale italiano non viene utilizzato via Tisato sporadicamente
Quando ho fatto vedere queste percentuali nemici tedeschi mi colleghi tedeschi ma detto caspita ma siete un po'matterello i
Da voi questa percentuale pari al cinque per cento va bene quindi dire siamo quattro volte al di là e anche questa riformazione conosciamo poco
L'ultima questione quindi
Come dire
Credo che un osservatorio sull'uso dei suoli centri sono anche perplesso che che non ci sia già ecco voglio dire ecco perché Molteni politiche di sviluppo locale e ambientali partono risorsa suolo
Ah sulla questione ambientale poi credo che dopo di me sicuramente di Legambiente WWF diranno altri
Importantissime cose però dico che ne stiamo studiando una questione importante che sono studiando ed è in arrivo una direttiva UE anche sulla sul suolo è una cosa importantissima questa
Ad ogni trasformazione degli usi suoli corrisponde un effetto ambientale
Questo verso una cosa molto chiara
Dei vidi ne cito uno nei primi trenta centimetri di suolo e conservato circa tre volte la la quantità di carbonio che c'è in atmosfera a livello planetario
è un dato importante nel momento in cui urbanisti quei trenta centimetri di suolo saltano il carbonio torno in atmosfera
No si forzi si lega polo Carboni che forma voilà l'anidride carbonica Raineri stiamo calcolando stavo propri in questi giorni
Tra un'altra ricerca che il Politecnico che è proprio il mio dipartimento sta sta realizzando io sto sto conducendo ho fatto i conti che quei dieci è per il giorno di di di di suolo urbanizzato in Lombardia in quei pochi anni purtroppo mi spiace che il criterio cita sempre Lombardia che peraltro una delle ragioni che a questa questa strumentazione cartografie così via bene
Questi fori IULM urbanizzati corrispondono per compensare quella ci o due avremo bisogno di oltre tre milioni di alberi ma questi sono calcoli che stiamo cominciano a provare a fare sono stime
Va bene quindi possono essere poi un po'di meno cupo di più o non lo so
Però è importante cominciare a dare dimensione credo a queste a questi fatti che non trovano spazio trovano poco spazio una ricerca trovano poco spazio ancora nel dibattito trovano poco spazio negli impegni delle amministrazioni locali che invece credo che questa nell'anno della biodiversità abbiamo il Protocollo di Kyoto abbiamo tantissimi architetto in tantissimi traguardi da rispettare e quarta caso se voi andaste a vedere si dotino andassimo a vedere questi traguardi sono poi legati anche all'uso del suolo
Che non è solamente quindi un patrimonio privato per farci un pochettino quello che voglio madre ripercussione importantissime quello pubblico
Un altro dato presente mi sono accorto che oltre il venti per cento la popolazione Lombardia vive in ambiti in comuni che sono urbanizzati oltre il settantacinque per cento fate conto che questa oltre il settantacinque per cento di urbanizzazione per gli inglesi vuol dire
Non vere condizioni ecologiche
E ambientali
Capaci
Minimamente di rispondere a quello che semplicemente la ma gli usi del suolo le persone che vi sono lì non oltre trentacinque per cento in Germania potete tre cinque per cento di a Roma diaria urbanizzate in Germania
Gli indici di compensazione ecologica che prima l'onorevole citava aumentano proprio perché sta già oltre trentacinque per cento sia in una sopra una soglia critica va bene io sto dicendo che
Il venti per cento lo forse non vale a dire invece in centri urbani che sono ormai dati oltre il settantacinque per cento un anche questa informazione credo che non ci siano e quindi credo che un osservatorio sull'uso dei suoli possa come dire raccogliere queste informazioni
Obbligare la raccolta di questa formazione perché così che bisogna fare
E orientare le politiche di sviluppo locale del territorio credo che questo sia
Importantissime doverosi Simone anche che quindi ovviamente il mondo scientifico contribuisca
A raccontare queste cose e a far sì che questo queste informazioni diventino come siamo anche un po'dire noi sotto socializzato dicendo diventino conoscenze socializzate Celentano
Accessibile a tutti questa è la grande sfida anche europea sulle questioni ambientali non sono questioni tecniche di cui si occupa polpi ieri e stop no non esiste questa cosa deve essere conoscenza socializzate
Credo che debba fermarmi qui che possa fermare qui eventualmente dopo grazie
Grazie al professor Pileri adesso diamo la parola professor Paolo Berdini che Consigliere nazionale del WWF Italia che tutti conoscete anche l'impegno che ha avuto
Sul territorio del Lazio credo che ci potrà spiegare gli effetti a volte devastanti del Piano Casa e come la situazione delle leggi regionali d'Italia
Volentieri
Prima però due premesse la prima su Elisabetta Zamparutti che che non non sono non finirò mai di ringraziare c'è Elisabetta Zamparutti nella guasti assoluta
Solitudine dentro il Parlamento sta portando avanti da anni questa tematica che è fondamentale per lo sviluppo
Del nostro Paese
Lo diceva prima Paolo Pileri e quindi lei sta svolgendo una funzione straordinaria
Deve essere sottolineata insomma perché mocio insomma se il Parlamento veramente contenuto
Inizia a discutere dei temi veri e non non di quello che purtroppo quotidianamente dobbiamo
Dobbiamo sentire insomma sarebbe già già questa una una grande svolta civile culturale di questo Paese la seconda premessa brevissima perché quanto quanto affermava Paolo
Non dall'idea dello sconquasso che è avvenuto perché lui cita un dato che insomma
A ai non tecnici non non colpisce dieci ettari al giorno va bene sarà poco sarà tanto non lo so
L'Istat ha invece a certificato che dal mille novecento novantacinque cioè da quando questo Paese esce da Tangentopoli quindi riprende il processo di costruzione nel nostro Paese sono stati costruiti tre miliardi e duecento milioni di metri cubi
Qualche cosa come dieci milioni di stanze abitate io perché me la sono prodotti a metà anno la popolazione aumentata di tre milioni di abitanti nello stesso periodo e sono tutti immigrati quindi gente che non accede a quel bene casa
Quindi si è costruito tanto perché evidentemente c'era c'era un fiume di denaro che girano per il mondo
Io fare attenzione Elisabeth l'unica Rotella il piano casa non è partito perché ancora non c'è l'effetto dello scudo nel del terzo scudo fiscale
Di ventitré adesso ci stanno altri centomila miliardi quindi euro che stanno girando e vi dicono gli esperti del settore che sta riprendendo al le compravendite perché chi avrà riportato i soldi con quella ridicola cifra
Cominciati alimentare in un'altra volta il ciclo il ciclo dell'edilizia e per questo nascono i Piani casa Moccia arrivo
Però per tornare a alla al dato che fa impressione in questi undici anni è stata non è stata urbanizzata qualche cosa
Come la Regione Umbria cioè ottocento mila ettari sono spariti da questo Paese
Questo il alla cosa che preoccupa è questo quindi questo non ovviamente non se ne parla perché appunto l'agenda politica parlare d'altro e quindi questa è la la cosa
Veramente preoccupante il WWF ha fatto su questo uno studio molto pregevole condotto da Bernardino romano per l'Università dell'Aquila e poi io ho lavorato un po'come Elisabetta sa sui dati dell'Istat
L'Istat dice e qua mi ricollego al fatto del del dell'anno della biodiversità questa mattina stessa e il Presidente
Del WWF insieme a Fulco Pratesi è presidente onorario sta dal dal Presidente della Repubblica per sottolineare l'importanza di questo anno ebbene tutti gli studiosi
Naturalisti ci dicono che se l'urbanizzazione supera il cinquantadue per cento si mette in crisi la biodiversità
Ebbene l'Istat dice che da Varese fino a ormai a Padova esiste una gigantesca conurbazione cioè tutta la Padania è stata urbanizzata in quest'ultimo undici anni in particolare ma non solo come tutti sanno
Allora questo l'elemento cioè noi rischiamo
Di
Lasciare la biodiversità esclusivamente nelle aree protette cioè in piccole oasi che sono sparse nel nostro Paese invece il problema è quello di riportare a coerenza tutto un un Paese che deve vivere di questo ma vengo al tema che mi è stato assegnato io intanto devo sottolineare perché anche questo andrebbe andrebbe con forza mi ha detto
Che le due regioni fatto bene Elisabetta dirlo le due Regioni gravano votato un Piano casa che aveva quanto meno una coraggio alla redazione del fascicolo del fabbricato che non è Lalla la panacea di tutti i mali e il crollo dire altro sarebbe avvenuto per carità ritiene
Sbagli Remo a ha esagerato e l'altra ma ma ma è quanto meno uno strumento di civiltà cioè ogni edificio alla carta di identità di come è stato costruito di quale tecnologia utilizzato
Di qual è il livello dell'invecchiamento nemmeno questo in un Paese come l'Italia in un Paese ricco come l'Italia si può fare perché il Governo
Il il nell'ottobre del due mila nove ha impugnato presso
E la la la Corte il libretto casa della votato dalla dalla dalla Regione Lazio della Regione Basilicata e questo questo è questo questo e lo scontro tra chi porta avanti appunto del delle istanze
Di di civiltà e chi invece sta affondando questo Paese nel nel cemento e nell'asfalto
Cementa asfalto che sono gli elementi che connotano il il piano casa del del Governo che poi è stato declinato
Ahimè senza nessun senso critico da da tutte da tutte le Regioni però qui qualche spiraglio c'è nel nostro Paese perché una Regione se rifiutata di di applicare il Piano caso sul proprio territorio e già questo non era scontato
Perché tutti dicono a me ma non stesse fermiamo l'economia si ferma tutto l'economia e quella è quella che che che dice da anni il Partito radicale cioè di ritornare sul costruito
E poi c'è l'altra novità che secondo me ancora più interessante perché nel né in questi anni in questi ultimi anni quest'ultimo scorcio se creato una rete diritti di Comuni
Che che come slogan hanno no al consumo di suolo addirittura un Sindaco cioè rivinto comune piccolissimo per carità non è un anno da quello
No una rondine non fa non non primavera ma insomma
Gli elementi culturali vanno visti nella loro bellezza allora quel Sindaco di Cassinetta ha detto che nel suo territorio non si aumenta di Luceri vinto le elezioni su quello anche con una con una quantità grossa ecco un un numero insomma ancora piccolo ma sono più di venti di Comuni hanno detto che nonostante le Regioni avessero recepito il piano casa declinandolo nelle varie nei vari aspetti
Avrebbero rifiutato di applicare sul sul proprio territorio questore quindi ci sono degli elementi di novità in questo Paese non è vero che c'è
Sì c'è un cappello Grungo dall'informazione magari c'è qualcuno che non va mai in televisione nonostante altri sono tutti i giorni in televisione ma insomma nonostante questo cappello plumbeo la società civile si sta riorganizzando sta mettendo davanti al legislatore
Degli elementi fondamentale per lo sviluppo del nostro nel nostro Paese qual è secondo me il fatto più amaro
Del del piano casa del del Governo declinato dalle Regioni il primo su questo buco è fieramente ha fatto una norma una battaglia straordinaria nel senso che alcune
Delle delle regioni cito tra tutte la la Sardegna
Fa hanno fatto il Piano casa in violazione di norme nazionali quindi in quindi siamo siamo alla follia cioè loro fanno un Piano Casa non rispettando i piani paesaggistici che sono uno dei pilastri su cui si regge appunto uno stato di diritto
Ma oltre a questo fatto di censura che è stato appunto quindi censurato impugnato da parte del WWF
C'è l'altro elemento
Qual è il futuro delle nostre città perché perché ha ragione
Ancora una volta Kim chi mi ha preceduto
Cioè in alcune regioni vengono trasformati opifici industriali oppure attività commerciali che di solito stanno in zone non urbanizzato già stanno isolate nella campagna pensato all'ultima
All'ultima levata del del della costruzione di grandi ipermercati stanno isolato in campagna con queste leggi noi permettiamo
Permettono perdono di trasformare questi questi opifici Linde residenza
E come condanniamo questa gente a vivere in dei posti isolati all'interno di zone che non hanno servizi non hanno detto che non hanno nulla è questo il futuro
Vendendo è uno dei Paesi più ricchi del del mondo ecco credo che qui è che rispetto a questo noi sappiamo davvero delle carte straordinari da giocare
E il fatto che la mozione fatto prima che che che il Partito Radicale abbia posto all'attenzione del legislatore questo credo che sia un buon viatico per poter riprendere questi temi di fondamentale importanza grazie
Grazie professor Berdini adesso do la parola al Presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza che proprio a partire dal rapporto di Legambiente ci spiegherà un po'lo stato del dissesto idrogeologico del territorio italiano
Sì io intanto una
In premessa vorrei sottolineare perché
Questo è un fatto abbastanza originale diciamo nel panorama politico italiano la metodologia per cui poi si arriva a questa mozione a questo
Proposta di legge che nasce da un incontro un intreccio con
Le associazioni con le istituzioni scientifiche che di questo si occupano e che stanno al fronte diciamo dal
Da qualche anno e questo diciamo bisogna se vogliamo
Dare atto diciamo di questa novità politica e culturale direi quasi
Importante e poi il
Piccoli sarà battuto sulla prosa del Piano casa noi
Si continua a parlare del piano casa
Come se quello fosse la risposta al problema vero delle case delle abitazioni in Italia non ci troviamo di fronte a due diciamo a un problema che è quello della mancanza di abitazioni per le fasce deboli soprattutto ma non solo per per esempio i giovani se li vogliamo mettere
Tra le fasce deboli e dall'altra parte invece è una
Moltiplicazione di seconde case di ampliamento di seconde case di villini che poi il Piano Casa sostanzialmente
Andrà in quella direzione o nella trasformazione di capannoni in un in condomini perché questo in più o meno andando a leggersi
Le leggi prima di entrare nel merito del rischio lei anche cioè noi cominciando entrare nel ricevere qui vanno
Sfatato i due luoghi comuni
Il primo Messina tanto per fare un esempio non è e setto soltanto dell'abusivismo
Troppo facilmente si pensa che i problemi del rischio idrogeologico dipendono dall'abusivismo non è più così ci troviamo di fronte a una situazione in cui
Molte delle case a rischio molte delle abitazioni e degli interi quartieri
Sono costruiti in aree golenali sotto frane e si sono costruite con hanno diciamo con tutte le le regole del caso con le autorizzazioni e le licenze del caso questo da una parte forse ci deve far interrogare anche sulla cultura degli amministratori
Di questo mese parlo di cultura politica di di volontà dica di comprensione di quelle che sono in i rischi
I rischi veri io
E l'altro elemento è che riuscito sui giornali non sono era già uscito qualche mese fa
Che dalle foto aeree si registra che il ci sono due milioni di abitazioni che non
Sono registrate al catasto danno economico non da poco oltre che danno
Alla al territorio
L'altro luogo comune che già veniva accennato che si pensa alla all'edilizia come volano economico come se fossimo nel mille novecentocinquantacinque
Cioè con un modello di sviluppo di questo Paese che non tiene conto di come sta cambiando il mondo di quali sono le vere sfide che abbiamo davanti
Di come è cambiato il Paese e di quello che e di qual è il ruolo che potrebbe avere l'edilizia perché nessuno vuole criminalizzare l'edilizia però bisogna capire quali edilizio serve al Paese
E come si fa la nuova la nuova edilizia
Nei piani casa regionali devo dire che un dato costante è la dimenticanza del rischio idrogeologico tra i criteri
Di condizionamento tra i vincoli per le moltiplicazioni dei miei volumetrica semplicemente non c'è è questa la dice lunga diciamo su l'attenzione che nel Paese c'è intorno a questo
Ne intorno a questo tema
Il
Non solo si parla di consumo di suolo si pensa appunto dell'edilizia possa funzionare
Davo lane economico dopodiché però ci si dimentica di quelli che sono i costi sociali i costi nei trasporti pubblici i costi in termini di aumento delle emissioni di CO due per cognome costretta a utilizzare la propria auto e questo significa multe per il Paese che andranno a
Prima o poi diciamo il Paese si troverà
A pagare ed entreranno o nella fiscalità generale o direttamente sulle tasche dei cittadini comunque sono soldi che sono inutilizzabili per
Per la ripresa economica
La stessa chiave di lettura la vediamo nella in quel punto
Qua passaggio quell'emendamento diciamo approvato credo al Senato sulla cosiddetta legge sugli Stati che consente grazie agli Stati di aprire nuovi quartieri in aperti i territori
Agricoli
Diciamo c'è stata lì una disattenzione anche perché mi sembra che sia passato in una Commissione che non aveva proprio Commissione del Senato che non aveva proprio questa come specificato suo competenza ci auguriamo che alla Camera questa cosa possa essere bloccata ma quello è un modo di diciamo di moltiplicare quello che ha funzionato fino adesso ve lo sia i centri commerciali come punta di diamante di una Colli colonizzazione dei terreni agricoli che poi si trascinano appresso l'invasione anche lo slabbrato mento
E lo saprà mente urbanistico
Noi ci troviamo di fronte a una situazione in cui la sicurezza idrogeologica in questo mese è evidentemente in crisi
Ma guardate che non è in crisi soltanto una questione finché il di risorse finanziarie perché sulle risorse finanziarie si potrebbe anche fare una bella battaglia si potrebbe richiedere che invece di spendere due miliardi di soldi pubblici per il ponte sullo Stretto vadano coi
Sulla messa in sicurezza del territorio il problema che spesso dai Comuni vengono richieste di messa in sicurezza il territorio che servono semplicemente ad alzare un muro
Per
Salvaguardare il centro commerciale o quella lottizzazione che è stata fatta in aree golenali per cui anche lì i veri problemi della messa in sicurezza del territorio per esempio passano
Sulla delocalizzazione di abitazioni e di strutture non stiamo alla nostra indagine
Che purtroppo sottolineo purtroppo è l'unica diciamo indagine quelle facciamo insieme la Protezione civile che fornisce qualche dato aggiornato perché i dati istituzionali sono fermi al due mila e tre
In quelle indagini Sotta che solo il cinque per cento delle abitazioni il sette per cento i manufatti industriali è stato delocalizzato negli ultimi anni e quindi una cifra irrisoria rispetto alle esigenze
Del Paese visto che ce l'hanno in un Paese in cui c'è l'ottanta per cento dei Comuni che in aree a rischio idrogeologico
E in questo ottanta per cento dei Comuni cioè circa il settantacinque per cento delle abitazioni o di manufatti che sono in aree a rischio al rischio di esondazione a rischio di frane
E quant'altro allora rispetta questa le sfide per cui come si diceva prima sapere cosa c'è sul territorio è il primo passaggio fondamentale
E anche però sapere che le due sfide fondamentali vanno nella direzione dell'abbattimento delle missioni ci o due lo diceva
Elisabetta prima in termini di riqualificazione energetica degli edifici che significa un grande volano economico perché significa chiedere alle aziende della del mondo dell'edilizia una riqualificazione professionale
Che significa ville che quei lavori lati moltiplicazione do la volumetria non possono essere fatti in nero perché ci hanno bisogno di una competenza tecnico-professionale che il diciamo il i lavoratori in nero non ha non hanno hanno bisogno di aziende medio-grandi significa una spinta non a caso anche lance su questo
Disponibile a un ragionamento costruttivo fra un ragionamento in cui si parli di e certificazione energetica degli edifici in cui si parli di
Segmentazione anche del mercato perché poi nel momento in cui io certifico la qualità nei gialli Rifici avviene quello che è avvenuto per gli elettrodomestici sì si parva licet se possiamo permetterci un esempio
Di questo tipo significa che i gli edifici qualificati energicamente sono giustificate da un punto di vista del mercato dei costi e maggiori a cui si sottopone chi lo chi lo acquista
Ecco la messa in sicurezza dicevo quindi passa in parte attraverso la battaglia per la riduzione delle missioni cioè due sull'altro versante passa attraverso
Dei piani che non
Che hanno bisogno di competenze tecnico-scientifiche se bisogna sapere esattamente come si mette in sicurezza un territorio che non basta alzare qualche briglia o qualche muro di cemento
In più e che soprattutto non si può intervenire soltanto a valle del danno
è la cultura della prevenzione quella che deve guidare
Gli interventi e per prevenire bisogna sapere qualcosa quali sono mi i problemi principali per questo diciamole l'idea dell'Osservatorio del suolo su cui appunto peraltro come già detto ci siamo
Mossi in modo spontaneo ci sembra
Una leva fondamentale
Per grazie grazie Presidente Cogliati Dezza e adesso do la parola a chi ha promosso il convegno a Milano da cui è partito policy al manifesta pelo il cui sevizio dire i parlamentari cioè la vicepresidente del Senato Emma Bonino
Io farò solo qualche rapida osservazione mi scuso con gli oratori saranno successivamente ma faccio appello alla vostra
Comprensione
Sull'uso non del suolo ma del tempo in questo particolare momento ma mi auguro che il lavoro che abbiamo avviato e che vede adesso ulteriori passi sì
A proceda velocemente
Ora la la prima questione è una questione di metodo è già stato ribadito da molti ma lo faccio mio impossibile legiferare o amministrare o quello che volete senza sapere ora
Il problema vero e che quale sia la situazione italiana di utilizzo del suolo con dati certi e quindi da tutti riconosciuto il perché
è chiaro che ognuno può farsi autorevolmente una ricerca ma bisogna trovare un modo che i risultati siano come l'Istat per intendersi poi si può fare polemica ma insomma
L'istante quell'agenzia che quando parla di prodotto interno lordo poi si può fare polemica
Però quello è il dato è quello è riconosciuto da tutti ed è quello che
Guizza scelte economiche
Condivisibili o non condivisibili ma il dato di partenza è la fotografia
Quello che noi ci proponiamo di portare avanti è la stessa situazione istituzionale cioè uno osservatorio sul credito dei suoli che produca un risultato
Riconosciuto da da tutti
Perché così è il mandato diciamo istitutivo del dell'Osservatorio
E che quindi sia allo strumento che consente a livello nazionale a livello regionale a livello comunale insomma tutti i livelli decisionali e consenta soprattutto ai cittadini
Di farsi un'opinione e quindi poi di produrre o una
Linea politica perché la non conoscenza e
Materia importante ad esempio se io penso al Lazio per intenderci o a Roma in particolare
è i cittadini hanno la sensazione che non ci sono case
In realtà in a Roma una alloggio su sette vuoto
Quindi non è che non ci sono case ci sono altri meccanismi per cui queste case non sono a disposizione del mercato
Del dei cittadini e quindi la richiesta di nuove costruzioni a parte
Anche da una non conoscenza della situazione e di quei vincoli che tolgono dalla mercato e dalla disponibilità dei cittadini
Un come vi ho detto un alloggio su sette vuoto a Roma c'è un problema di edilizia sociale questa è ancora un altro discorso però partire dalla conoscenza un dato fondamentale
La seconda questione conoscere dove abitiamo
Ora lo abbiamo fatto e sono state fatte utilissime battaglie per cui anche se comprato una giacca c'è scritto o dovrebbe esserci scritto da che cosa è fatta da dove viene come composta licenza voi andate a comprare una casa e questi elementi informativi e in realtà non ci sono quindi il fascicolo di caseggiato che ha aspetti burocratici e non è taumaturgico e c'è però
è di nuovo un dato di conoscenza dei cittadini che insomma si ha una casa su cui uno ci fa il mutuo si spera che valga altrettanto quanto una giacca e quindi il cittadino posso sapere con quale tecnologie carte è stata costruita sei sismica antisismica se a norma se non a norma eccetera
Tutto questo come avete visto è stato
Recentemente almeno sulla al Regione Lazio e Basilicata
Cassato dal Governo o o meglio sì cassato dal Governo per quanto riguarda il piano casa la terza questione
Siamo quindi gli assassini dell'edilizia o dei costruttori la risposta è chiarissima è no perché il problema è quello di lavorare sul costruito
Ed è lavorare per la messa in sicurezza Pavia rottamazione di altri interventi di quello che è già stato costruito nel nostro Paese non torno sulla rottamazione che Elisabetta a
Spiegato bene quindi cioè lavorare sul costruito metterlo in sicurezza a volte rottamarlo totalmente
C'è poi quindi non è e c'è poi tutta l'altra questione che è stata accennata su cui voglio solo spendere due parole che è quella della certificazione energetica
E della sostenibilità ambientale degli indici degli edifici
In quest'ora amo o c'è stata una direttiva europea
Detto cioè la prossima che arriva sul suolo complessivamente molto importante ma sulla certificazione energetica già c'era una direttiva europea a recepita nel due mila e cinque nel nostro Paese
Che ha dato avvio poi a recepimenti regionali in alcune regioni non ancora in Lazio e questo apre un altro grande invece possibilità
Di di intervento perché come è stato spiegato la certificazione energetica del
Di
E degli edifici e porta poi a tutte una serie di conseguenze a
Che lavorative e di metodologia lavorativa perché è evidente un edificio con certificazione energetica necessita di alcune tecnologie tali per cui in nero viene molto difficile sostanzialmente
è anche lo sviluppo di tecnologie importanti infine
Se vediamo ad esempio cosa provocato in altre regioni questo recepimento possiamo vedere questi dati infine
La la questione del sul ruolo
Mentre per l'acqua c'è un qualche dibattito piuttosto acceso sull'acqua bene pubblico al centro il suolo è come se
Invece nella percezione complessiva del del cittadino e del legislatore
E come se fosse non un bene pubblico peraltro obiettive obiettivamente limitato non è che bisogna fare chissà quali studi
Ma come se fosse illimitato per cui l'utilizzo del suolo che si è prodotto in questi in questi anni ha del drammatico proprio perché
Se non si interrompe questo meccanismo questo mette meccanismo rischia di diventare non matematico mai geometrico nella sua nella sua
Esponenzialità quindi va interrotto questo ciclo
E senza criminalizzare nessuno bisogna mettere mano al costruito per tutti questi interventi che abbiamo detto ivi compreso il dato non solo della certificazione energetica che poi ovviamente collegato con quello dell'efficienza energetica
Credo che questo apre la possibilità di tecnologia le possibilità di lavoro apre possibilità di sicurezza per i cittadini e arresta
La il furto del suolo sostanzialmente che stanno pagando in questi morti
Sicché conoscere per deliberare vale non solo per i cittadini ma anche per i legislatori
E gli amministratori ed è fondamentale che i siti cittadini siano a conoscenza di questi dati di questi dati certi
De senza avere percezioni che sono sbagliate e cioè che le case non ci sono per esempio e quindi una spinta nuove costruzioni che può venire anche dai cittadini ma se si conoscessero i dati forse
Ci si rende conto che il problema è di non disponibilità dei già costruito dipendono da altre strozzature e non dalla Ida adegua senza di metri cubi
Era una registrazione delle venticinque gennaio due mila dieci e con questo intervento di Emma Bonino pronunciato durante una conferenza stampa di illustrazione di alcune iniziative radicali parlamentari a non per la difesa del territorio concludiamo qui questo spazio di informazione di riflessione realizzato con documenti d'archivio