07AGO2014
intervista

Intervista a Pierpaolo Vargiu (Presidente Commissione Affari Sociali della Camera) sul decreto Lorenzin in materia di fecondazione eterologa

INTERVISTA | di Sonia Martina RADIO - 13:01. Durata: 8 min 26 sec

Player
"Intervista a Pierpaolo Vargiu (Presidente Commissione Affari Sociali della Camera) sul decreto Lorenzin in materia di fecondazione eterologa" realizzata da Sonia Martina con Pierpaolo Vargiu (presidente della Commissione Affari sociali della Camera, Scelta Civica con Monti per l'Italia).

L'intervista è stata registrata giovedì 7 agosto 2014 alle ore 13:01.

Nel corso dell'intervista sono stati trattati i seguenti temi: Bioetica, Decreti, Fecondazione Assistita, Ministeri, Parlamento, Salute, Sanita'.

La registrazione audio ha una durata di 8 minuti.
13:01

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

L'attrice Lorenzin annunciato che il decreto legge sulla fecondazione eterologa sarà portato al prossimo Consiglio temi ma gli studenti il decreti soffra
Fra le varie norme contiene disposizioni sul donatore che sarà anonimo e identificato con un codice ma per poterlo rintracciare in caso che si scoprano malattie soprattutto nel dispositivo non c'è alcun riferimento alla possibilità di conoscere la razza dei donatori e ne vogliamo parlare oggi con Pier Paolo Valentino di scelta civica per l'Italia è Presidente della Commissione affari sociali della Camera Presidente buongiorno buongiorno a voi
Senta ma era proprio necessario un decreto secondo lei non sarebbe stato meglio l'aggiornamento delle linee guida
Ma io credo che sia necessario
Forse no ma opportuno sicuramente sì nel senso del condividere il ragionamento che ha fatto che il Ministro alla Sanità che su un argomento di questo genere e ha una sua Annamaria sensibilità il CERM abbastanza intensa
Sia utile normale anche chiuso chieda Parlamento faccia sentire la sua logica
Penso sia meglio che non si è limitato ad assumersi la responsabilità efficiente così delicate ma che sia utile alla discussione in Parlamento rappresenti la sensibilità del Paese questa conclusione riusciamo a farla
Senta perché dice che l'origine vadano in testa l'interesse delle famiglie e l'interesse qui nasce
Dunque compensare la la legge quaranta e è stata smantellata questo vuol dire che nel quando fu fatta era evidentemente beh è lontana dalle necessità poi reali però lei non teme che proprio in Parlamento possano rinascere le solite
Divisioni dire
Gliela sta è un'occasione non è una scollatura col Paese reale perché in realtà sui temi di bioetica il Paese reale e attraversato tardare tante fibrillazioni
Da radicali contrapposizioni anche ideologica si vede direi che purtroppo il rischio che il Parlamento non sia affatto scollato dal Paese reale la
La speranza che sia almeno dal punto di vista del confronto reverse con la totale questo palco reale che non ci piace e possa essere una sede in cui invece
Ci sia la composizione anche criticare e culturali del ragionamento di prospettiva di angolo di visuale che poi consentano di fare
Una norma buona che abbia come punto di riferimento non la pregiudiziale ideologica qualche parlamentare comunque supportati ecco allora che tutto possiamo spingerci verso il Paese
Ma che abbia come punto di riferimento le cose migliori che si possono fare a garantire rispetto alla sentenza della Corte costituzionale
E allora ci auguriamo come scrive Filomena Gallo stamattina su Europa che siano il Parlamento ed il Governo a ad assumersi la responsabilità dei cambiamenti e non che questa si
Affidata nuovamente ai giudici ma
Presidente secondo lei riusciremo ad allinearci i Paesi europei io credo che chi come lei ha Mameli cultura liberale sacche spesso la nella società
Commenti che sono bassi indica anche partendo da presupposti civili si arriva a conclusioni diverse
La forza al metodo del confronto è quella di non emettere bene insieme posizione
Qualche volta fare giustamente inconciliabili ma in realtà semplicemente frutto il presupposto differenti per comprendere nell'interesse comune quale possa essere il Lerna punto di caduta ben sapendo che poi alla fine si fanno scelte non è che le scelte se non è oltre
Però sono a mi sembra che sia corretto quello che ha fatto il Ministro di non aggiornare le linee guida
Con un'interpretazione che fosse quella del Governo ma di trasferire al Parlamento che è lo specchio del Paese l'Arnas possibilità di scegliere su aspetti che stessa ha sottolineato che poi
Vanno a influenzare
Incidere sulla mia modo di ragionare di ciascuno di noi stessi
Non sono
Questioni su cui le stesse mie direttive né delle linee nello scientifico che vendemmia comunità eccepire sui media ci sono espresse sono assolutamente i venti anni c'è un dibattito
Forse il Parlamento e doveva
Deboli dopo il
Se tutto va bene il loro migliore e lei come Presidente della Commissione affari sociali della Camera che cosa ne pensa dell'anonimato del donatore o al fatto che almeno per quanto ne sappiamo nel dispositivo non vi sia alcun riferimento alla possibilità di conoscere la razza dei donatori riguarda vivono
No questo momento la compagnia agricola CIPAG decreta perché Beppe padrone e quindi era solo il San Carlo sono la maternità e c'era la stampa
Personalmente sono ma è molto attenta a compendiare diritti fondamentali che sono quelli ad esempio
A conoscere la la possibilità
A dal punto di vista sanitario
Di attraverso la medicina Anna individualizzata di prevenzione il particolari malattia che immagino penso più rosea sempre più forte sempre più interessante per ciascun individuo sex con la garanzia dell'anonimato che a mio avviso
Condizione fondamentale per me non inaridire la donazione dei camionisti
Ministro Lorenzin
Che anni fa a suo tempo ha fatto parte di quella maggioranza di centrodestra che ha fatto questa legge quaranta
No popolo proibizionista nella stessa persona oggi invece qua vede la prima risposta che però
Cioè non è solo una battuta
E che personalità liberale sono convinto che sono i tempi non cambiano mai idea perché non stavano ricambia Cersosimo sempre radicati nelle nostre convinzioni senza cambiare mai certificare mosso riesce decreti rientrerà calare cosa fa assai più complessa come lei sa meglio di me che chiunque di noi fa parte
Di una maggioranza rinuncia un pezzo della propria sovranità personale benessere e sintonizzato con
Lei vede generali
Sono comunque
Un percorso vi mediazione che avviene tra tanti
Quindi spesso ciascuno di noi partecipanti in misura maggiore o minore a scelte che se fanno parte dell'attività di un Governo sono su togliete la composizione di posizioni differenti serio credo che il ministro lo del seminario abbia fatto una cosa
Perfetta
Quindi tre anni perfetta insomma proprio la buona e cioè abbiamo il tetto che invece di avocare al Ministero da lei guidato e quindi invece di ex dico
Di arrogarci il diritto di essere il mediatore delle
E differenti posizioni culturali mantenere ciò nel Paese abbia fatto una cosa sacrosanta ce l'abbia individuato al Parlamento il punto dalla mediazione frutto del confronto
Va bene lo scontro che io sono convito che su alcuni
Segretario di ripresa normativa ci sarà
Dicendo che
E il Parlamento il luogo dove prevedeva vera sintesi la mia speranza
Devo dire quali certe giacché che qui in Parlamento non si verrà a fare battaglie
Per avere una articolo sul giornale di Acquapendente in cui si viene riconoscete come al paragrafo direttore ma chi verrà ecco l'idea di fare cose buone stiamo parlando è un tema delicato che interessa almeno dodici mila famiglie italiane siamo interessati a sedici mila affidabili le famiglie italiane non mi sembra che uno di quei tempi
Con quel valga la pena riscontrato e poi verrà bello
Il nome di pregiudizio ideologico ma mi sembra uno di quei temi col Parlamento Ulivo all'asta Presidente io la ringrazio la ringrazio per essere stato con noi a Radio Radicale aveva fatto la accanto ad ascoltare giacché
Allora ricordiamo i nostri ascoltatori che era Pier Paolo Vargiu Di Centa civica per l'Italia è Presidente della Commissione affari sociali della Camera dei deputati grazie grazie buon lavoro avere del cielo