08AGO2014
intervista

Il Caso Napoli, il rischio Vesuvio, l'area metropolitana, l'ambiente, la partitocrazia, i radicali

SERVIZIO | di Aurelio Aversa Radio - 12:54. Durata: 2 ore 13 min

Player
Pannella 7 ott 95 Napoli sintesi Luongo, Loris Rossi, De Giovanni, Pannella 3 mar 2006.

Puntata di "Il Caso Napoli, il rischio Vesuvio, l'area metropolitana, l'ambiente, la partitocrazia, i radicali" di venerdì 8 agosto 2014 , condotta da Aurelio Aversa .

Tra gli argomenti discussi: Ambiente, Aree Metropolitane, Comuni, Disastri, Elezioni, Enti Pubblici, Fisica, Napoli, Pannella, Partito Radicale, Partitocrazia, Storia, Territorio, Vesuvio.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 2 ore e 13 minuti.
12:54

Scheda a cura di

Delfina Steri
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Ancora un ulteriore momento di informazione di riflessione realizzato con documenti d'archivio e con il quale questa volta parleremo di Napoli e di cosiddetto rischio Vesuvio lo faremo il proponendovi due registrazione cosa primari ascolterete uno stralcio di un Commissioni Marco Pannella
Pronunciato nel capoluogo partenopeo nell'assetto ottobre novantacinque durante la campagna elettorale per le elezioni suppletive che si svolsero in quella del periodo ascolterete Pannella ricordare tra l'altro
Antica presenza radicata in quella città anche all'interno del Consiglio comunale nei primi anni Ottanta e le proposte lanciate
A suo tempo per il rilancio politico culturale e ambientale della città con il progetto prima grande Napoli
E per sensibilizzare i più
Sul risveglio annunciato dalla scienza di una seria attività del Vesuvio su quale
è stato consentito l'insediamento di migliaia di persone al termine riesco tenete invece una registrazione del tre marzo due mila e sei quando i radicali della Rosa nel Pugno organizzarono a Napoli nella sede dell'Istituto per gli studi
Filosofici
Un convegno sui temi citati il tema
Era Napoli crisi e prospettive dell'aria metropolitane a rischio Vesuvio con interventi di Giuseppe Luongo docente di fisica
Deve Ducani ISMU
All'università Federico II di Napoli dal professor Aldo Loris Rossi ordinario di progettazione architettonica ambientale all'Università di Napoli e Di Biagio di Giovanni ordinario di Storia delle dottrine politiche
Sempre Università di Napoli ha di Marco Pannella sette ottobre mille novecentonovantacinque io propongo di otto
E voi o titolo tredici anni di battaglie sulla grande e Napoli proprio la non ai sindaci alle maggioranze e via dicendo
Sulla grande Napoli sul territorio
A Napoli sul territorio politico culturale sociale ed economico di Napoli istituzionale
Ebbene
Sono assolutamente convinto che una cosa
Noi
Amici
Avremmo l'aiuto della sorte
E passeranno secoli
Prima
Che il mio sogno oppormi
Alle suore mozione o alla sua evoluzione
L'associazione dice
Probabilmente
Quando accadrà e quando accadesse
Non sarà paragonabile a quella del settore ma dei millenni perdere
La sorte può darci questo
Ma l'umanità e tale
Sia essa premunirsi contro la malasorte
Cessate munirsi contro la natura gli eventi
Che possono abbattersi procedure e allora diciamo
Che in prima linea
Io mi limito a dire questo misuro le parole
Cioè in mera teoria ma non in astratto al ministro
Sapete qual è
Cioè la mera teoria era dato astratto senza nessun legale
Non dimenticate che previa
E la parola per le nomine
Da altri Oria difformi Greco e la teoria e una cosa molto concreta e molto materiale nel soluzione
Questa è politica
Ci dice che è possibile invece molto ma molto ma molto prima
E allora fidando come il corretto funzionamento deve fare
Nella buona sorte
Diciamo che noi vogliamo dare appuntamento al mondo
All'Europa
Agli affari agli affaristi agli intellettuali equivalenti agli architetti
Come in modo infelice da terzo mondo ambizioso al loro modo dai costruttori Sollers segnali allora vado hanno concepito Brasilia
Da qui invece concepire
A partire
Da quello che è incluso file Campi Flegrei
E il dubbio
A partire da questo sottostimare avvertiamo rendendo più pericoloso
Di quanto non sia mai stato perché non stiamo distruggendo stiamo includendo l'accusa di defluire ne abbiamo fatto una palude qua bisogna incendiare il Palazzo di Giustizia
Per non fare dei compensi servitù perché sia Talsano criteri finanziato
Affrontare la criminalità comune anche materie quando vi dico non hanno voluto che come sapete per il referendum su questo tipo
Tra detenuti
Non vengono che voi sappiate nulla
Sul dove evidentemente una realtà la più
Brutta chiara prodotta
Tuttavia devozione Eugenia sconvolta distrutta
L'agenzia esiste
E relativa non sappiamo della scienza è relativa
Va valutata va compresa
L'Italia si sia il Pd ci possono essere altrettanto posti assessore gli interessi di scienziati
Grazie consigliere De Rita della scienza come gli interessi ideali
Diventano interessi politici di bottega diventano low cost attraverso lo stesso
Da qui
Abbiamo il rischio
Che fra cent'anni oltre cento in teoria anche questo
Di questa nostra storia resti nulla
Quando ha cominciato a gridare contro la politica cinica imbelle
E gli eletti dell'ultimo momento
Come coperture quelli che poi hanno il potere
No erano quattrocentodieci nel
Sulle pendici del Vesuvio oggi sono cifrate a seicentocinquanta mila più cento mila non cede guarda nemici
Quante volte
Adesso dicevo
Dovrà grattacieli appena l'ambientalista Siniscalchi rappresentante contro me fascista di destra
Non so che cosa sono problemi io non ho capito perché sono contro di me
Ah sì
La porto la droga la sessualità
Il divorzio l'obiezione di coscienza
Le notte il caso Tortora i casi di giustizia la giustizia giusta il referendum si certo che penso
Ma si sono dovuti ammucchiare assieme
Presentare due candidati dire che agli altri non esista
Per togliere ai giovani di questo quartiere di questi quartieri
In qualche misura un momento Di Gioia è un momento di diversità
Quel censimento dice
Che il ventotto per cento dei giovani fra i diciotto e ventiquattro anni
Intende votare
Amici e la prima volta che accade la mia forza è sempre stato
Silenziosa
Quante volte si si è chiesti ma chi ha mai votato per questo sono le nonne cattoliche silenziose che hanno votato
In gran parte dei paesini di montagna terno perché sapevano che non è un bel spendevamo nulla ma noi servivamo latita la famiglia con le nostre riforme che volevamo loro conoscevano tutto questo
Che ci hanno
Aiutato
Ma oggi i giovani ci sono
Quanti sono ai tavoli i ragazzi di Alleanza Nazionale che sono venuti io dico loro
Per essere fedele ai loro ideali non ai miei
Per onorare la loro collocazione politica con la libertà e non puoi selvaggio etico
Territorio voglio votare firmiamo il referendum sulla droga perché sappiamo
Quello che successe nostri fratelli maggiori nella sezione Fornero dell'MSI Teresa perché ragazzi Marinaro
Sono parlata io lo denunciamo dal Consiglio comunale nell'ottantaquattro ottantacinque ottantatré ottantadue finendo a terza posizione quando riuscivano a sopravvivere
Non potendo spararsi una pera
Si sta tavolo il terrorismo essere poi insultati più come due volte traditori delinquenti e della
Legalità e del proprio partito perché non li facevano comodo
Allora
La realtà qui di Napoli
Il nostro amico Siniscalchi
Sta nell'imbarazzo e per la terza volta dico perché
Perché abbiamo fatto la lotta contro l'affiliato contro Napoli contro Cirino Pomicino colto De Lorenzo contro i ladri conto adottata modernità che volevano venti mila vani equitativi Apagna oneri
L'avrei feroci capitalisti distruttori dell'ambiente
E adesso il loro piano le prevede ventisei mila
Ventisei mila
E allora Ministero manette che è bravo e furbo adesso si prepara a fare un casino della Madonna del non vogliamo il porto sulla spiaggia certo tanto poi il ventidue si voto
E lui Torre raccontare nulla rispetto al potere napoletana
Il porto sensata fare sulla spiaggia o faranno sulla spiaggia media sarà perché lui li minaccia le manette quelli se lo minaccia le manette questi deve mettono a lui ed etico ragazzino lasciaci lavorare
Ma
Abbiamo
Un'altra cosa
Ci torneremo su questo subito
Lo storico Galasso amici lo storico Galasso
Va reso libero di scrivere la storia
E perseguita
Comunque non è libero
Può scrivere pagine solo su una certa storia e non su un altro
Questo accade nell'Italian sovietica
E lui è un collaboratore Galasso
Ricordate Montanelli
Come si chiamava quello col papillon poiché ha fatto libri per dieci anni insieme a Roma Gervaso fanno spesso in Liberia copia
No perché vanno bene
Ebbene
Anche
Il collaboratore l'uno bis dello storico Galasso però
Non riesce a scrivere
Le pagine le storie degli importanti
Vedete come dittatoriale
Devo però naturalmente non parlo di Peppino Galasso
Io parlo di Galasso e Alfieri che sono gli unici
Che possono scrivere la storia di questi dieci o quindici anni ma sanno che i magistrati che abbiano messo davanti e una parte della magistratura napoletana dei collaudatori
Non li possono consentire a Galasso che sa tutto
E Altieri riscrivere la storia di Napoli e della sua politica in questi dieci anni e io voglio liberarmi
Io allora possono scriverla questa storia
Perché si lo hanno già detto la cosa del caso Cirillo Tortora è semplice
La mano pubblica si è mobilitata ad un certo punto in una gigantesca manovre di digressione per saldare a
Allora da Bruxelles
è venuta qui anche
Una militante
La Mario Bonino da Emma
Ecco
A proposito
Il chissà vivere la vita e la politica come lotta e dove non so quanti dei suoi colleghi
L'avevano altro che come mestiere politico e non come lotta per la vita del diritto per la vita e il diritto il diritto alla ditta
Sono gli unici dunque dicevo la verità del caso Cirillo Tortora non può venir fuori finché questi altri o perlomeno
Se io diventa un deputato di Napoli
E mi aggiungo per collaborare a Bassolino e al Rastrelli
Ebbene altre cose cercherò riporta la verità nostra
Ebbene
Una parte lo Stato italiano
Ha fatto un'operazione che forse in parte si sta ripetendo a Palermo sotto forme diverse
Ha messo ha fatto una retata di ottocentosettanta persone una notte
Con un centinaio di omonimia ed altri
Per togliere di circolazione gli ultimi residuati
Della camorra perdente di Cutolo
E lasciare quel di Galasso ed i cantieri e le altre totalmente
Vincitori sul terreno e senza nemmeno residui questo
Si è fatto in quella operazioni
E da quel momento
La politica ha potuto svolgere con tutti d'accordo senza danni
Non parla
I pizzini o anche il mio amico si ora non si è costituito parte civile contro senza cioè
La verità di questa Napoli da portare alla luce io facevo dei nomi i magistrati caro camorristi la notte tutte le notti
E chiedevo
Ah Cetrangolo e ad altri
L'orrore l'urgenza della querela della diffamazione della calunnia
Volevo andare in tribunale per cinque anni niente
Perché solo oggi opera una chicca vorrei però ricordarla per sorridere un tantino come si fa l'eletto
Il giorno in cui io sono entrato in Consiglio comunale a Napoli
Era stato scritto sul panorama su tutti i giornali evitando che un commissario preventivo prefettizio veniva
A spiegare i misfatti della classe politica istituzionale al neo eletto consigliere del Consiglio comunale giuristi eludere un funzionario dello Stato che si guardasse bene aveva chiamato tutti i cardinali generali
Non so se dall'assessore
Alfieri la la tutti li aveva chiamati
Si apprestava a parlare
Le C due punti all'ordine e se ne andò
Poteva cominciare
Da questo punto se c'è una prima mozione d'ordine di sedie poiché manifestamente dei colleghi Consiglieri comunali neo eletti erano armate
Che fosse un'interruzione di seduta perché portarsi dove l'orario negli spogliatoi
Come si confà
Salati Barone baroni quando venivano le armi
Credo però lasciare inapplicabile no
Il Corano
Era spaventato poteva ricorre di qualcosa che non andava
E mi sono state date i dieci minuti il quarto d'ora perito mezz'ora
Nessuno ha detto ma chi quale chi è armato
E questo la secondo atto in Consiglio comunale a Napoli
Penso a tutto prima seduta
Dico ma vada a che viviamo la stampa noi eccetera
Per esempio
Beh
C'è il Circolo della Stampa dove il noto biscazziere camorrista destino
Notoriamente
Che le sedute tutti i giorni fino a ieri sera e stasera e domani
E l'articolo no e la squadra mobile si guarda bene di andare ci siete tutti i magistrati e giornalisti consiglieri comunali leader politici avvocati ingegneri medici radicali magari un soggetto
Dopo due giorni la DIGOS piccolo fatto denuncia politica ci è andata Elia beccati tanto questi erano sicuri ecco per dire un eletto lo voglio dire
A Vincenzo Siniscalchi e lo voglio dire addetti la voglio dire alla gente
Quando con questa signora già allora
Calzoncini corti
Siamo entrato nel settantasei nel Parlamento italiano ramo in quattro
Quello che è accaduto in quel Parlamento con maggioranza del novantadue per cento
Tutti lo ricorderanno quelli di una certa età da soli
Adesso rispetto
Alla partitocrazia ecco che cosa fanno gli eletti
L'opera
Lei è divenuta ministro europeo lotti
A orari peggio di prima corre peggio di prima si assume responsabilità peggio di prima
Io stavo qui voi avete visto che facevo il digiuno
E questa qua
Girava da un pranzo ufficiale all'altro la comunità Capi di Stato non so che cosa
C'è da dire insomma
Aveva fame
Provate a spiegare
Invece così in sei o sette giorni
Allora
Il ventidue ottobre
O il ventitré ottobre
Io ho cento
Sarò felice felicissimo
Perché un po'masochista evidentemente lo so
Visto che se mi eleggete per dieci giorni io mi dimetto da parlamentare europeo dove stop per tre anni e mezzo garantito e qua
Anzi è bene che le nostre storie si vedano
C'è quest'altra cosa che mi ero proporre palle che bene regolarla subito della napoletanità
Patto per favore
Spero di qualche a Teramo dove io sono nato
Il quali maggiori vanno sempre quelli di Casarano
A oggi io gli auguro
Che sia approvata la sua innocenza
Costituzionalmente parla hanno preso Cirino Pomicino
Mi pare che non sia proprio milanese
Mi pare questo è un problema è un fiore
Un'altra inquinamento ad esempio non perfetta una breve presentazione da parte calabrese
Ecco voglio dire
La napoletanità che cos'è che cos'è l'appartenere ma intanto o abituiamo innanzitutto la libertà il diritto l'amore la forza il lavoro la paternità mette sulle cose che ci abitano
E che qualificano o no
Lo devo anche dire quelle infrastrutture
Cioè della marca più settentrionale
Dei veicoli del reame
La risposta
Sarà vero Sorrentino dall'altra parte del Tronto c'erano gli Stati pontifici
Volevamo regnicoli napoletani
Ciò un prozio qualcuno dice una mamma ombrellone troverete non è possibile ciò produzione un signore dove c'è il seminario avanzata ma polemica a Roma essendo di terra vano
Qui si veniva nelle università chiusi veniva semina
Ed è davvero mi raccontò benissimo
Quando avevo diciassette anni e non compiuti Paccanaro elevato filo Marino
Un altro sulla quale cui napoletanità mai magari pure che dire visto che era abruzzesi
Come Benedetto Croce il quale mi disse siamo parenti queste altre cose consentitemi di dire
L'emozione che ho trovato tornando anche al palazzo in quelle stanze
Ricordarmi quelle parole e vedere purtroppo con l'assenza di recente guadagnata di Elena
Silvia ad l'impiego ad accoglierli questa
Che volete un po'all'opposto tenere tre sorelle c'è Corviale
Le tre sorelle napoletane e vive darà voce ancora l'Argentina felice
Offendere o caffè perché in quel momento non erano ancora
In condizioni di non prendere
E che abbiamo voluto per prime
Ospitare questa candidatura e darmi il benvenuto nel momento in cui sono arrivato con tanti tanti
Con cinquecento copia inizierà un avvocato essendo arrivato a casa
Dove come avete fatto l'onore in sessanta settanta invece di accoglierli ieri sera
Siete arrivato primo per andato diceva ma gettare un giovane valente avvocato che dice ma
Ne ha dato che qui tutti avvocati siamo nel due mila e il Politecnico abbiamo bisogno di avvocati anche perché
Insomma questi politici
Erano tanti ma sono un po'di migranti insomma lo ieri sera non so se conoscesse ancora l'ultima notizia perché è andato alla
Quindi dico
Voglio fare questo patto con Napoli perché
Perché appunto chi sono i settecentocinquanta mila alle pendici del Vesuvio perché gli apporti diceva densità abitativa come dice però oggi e appalti si riscopre completando
Perché non voglio mi portò sulla spiaggia Vannoni muovemmo
Se ad esempio al brogliaccio aggraziare evoluzione per trovare Carige anche andare evidenziare
Fluttuanti agricola annunciarlo Franzella facendo dal avvocato aiutandoli a mandare in galera qualora i quali con i quali costituirà parte civile se non lo accetta a dei propri situazione
Ancora il popolo serbo
Nestore logica
Ma sono qui anche
Perché e lo ha ricordato ancora non si aprono generico e mi spiego
Che non è proponibile avete invece continua ad andare avanti
Con la gente la povera gente la gente che indica se volete per il proprio sia in grado di gente dirigenze cosa si deve fare
Da anni stiamo diminuendo il numero degli abitanti strettamente delle cento dei nostri quartieri dolorante vanno azioni vanno verso Caserta Avellino dall'ente
Cioè vuol dire che quella
E la zona naturalmente necessita di sviluppo che dobbiamo governare e di cui dobbiamo fare ricchezza
Ricchezza ambientale agricola terziaria industriale abitativa e lui chiarezza architetto è unica alterità le ricchezze appellarla buoni
Sopra quella allora veritieri
All'evoluzione politica
E alla corruzione e vada al degrado del terrore
Io non
Qui ci sono troppi Franceschiello di della partitocrazia
Il meglio che se ne vanno e poi tutt'al più potranno per fare qualche bella ricostruzione come dire di valutazione storica del personaggio vanno spesso tutte di rotta
Ma no
Qui si deve lottare sulla droga
Ma sulla droga per il momento in questa elezione non è un causando laddove però
Abbiamo il referendum sulla droga abbiamo voluto anche lui
In primo luogo
La gente discutesse firmasse lo firmasse capisse
A gennaio del Congresso lo sappiano i ragazzi ma soprattutto i cazzi tedesco lo sappiano i norvegesi
E a San Patrignano
C'è molto da quello che interessa il coordinamento e il Congresso del coordinamento radicale antiproibizionista pubblico aperto a tutti non si era convinto che nel nostro
Ma era assolutamente convinto che occorresse il nostro dialogo pubblico e la ricchezza delle nostre terre le nostre proposte
Per arricchire ancora di più le proprie e salvare più vite il più diretto e più salute e più moralità nel nostro Paese
Allora chi l'ha detto
Io una cosa posso dire
A coloro che sono contro
Quello che noi vogliamo
Nessuno come me
Dato riportato saprà fare in modo che le parti del Paese di come le nostre lei verso cui andiamo sedi madri
La mia collega altri cittadini Solvay Augello della droga segnalo all'ordine del giorno propedeutico alla volta dell'andamento delle del Parlamento dei partiti e dalla città nessuno di coloro
Questa è quella sul vostro proibizionismo
Può prendere questo impegno io ossia in modo non gli ha tante anche se appassionato come l'altro
Mi dicono se voi volete della politica non abbandoni il tema droga che le leggi non li abbandonino le dice
Se volete che non sia l'eroismo alle
E i limiti delle comunità solo che venga affidata alla soluzione di questo problema seguano legittimamente preventivi siano davvero al PAT tese
Funzionano
Che il proibizionismo tra virgolette attuale funzioni almeno
Glielo dico lanni
Con i quali si giustifica
Votate ENI
Perché iniquo non
A
Dara bravo c'è eccome questo Paese si interroga tuttora e si è interrogato sui problemi dell'apertura del flagello clandestino della porta dei problemi morali
Da una parte e dall'altro
Perché l'abbiamo opposto all'ordine del giorno della vita pubblica italiana come lo era tristemente e tragicamente all'ordine del giorno Pellerito nelle nostre famiglie ebbrezza alcolica
Non
Ca
Prima
Un gruppo di intellettuali politici uomini di cultura che detti
Si accingono a prendere due diverse iniziative a partire da bagno
Di grande prestigio
Io però un'eccezione
Alla via regola mai promettere nulla durante le elezioni mai mai mai mai ma in realtà non faccio eccezione perché non è una promessa
Io sono senza reticenze
Partecipe
Della lotta a partire dalle posizioni di quei sessanta
E a partire dalle posizioni del WWF su Bagnoli rispetto
Militante tanto Vincenzo Siniscalchi
Mi dica l'altrettanto Vianello e agli altri mi vedo l'altrettanto gli astenuti aridi in sé erba ambientalista che andranno accompagnato il degrado e la contrattazione di Napoli
Perché tutta la tv hanno tentato di fare dei consulenti del potere invece che le note di alternativa
Al potere
Alcuna avventurata
Definendo altri
Fattivamente la battaglia ambientalista azionisti falsità degrado
Si ripete
Dobbiamo sulla grande e Napoli
Bisogna verificare anche il merito di una prima grande città andare alle cinquanta e cinquanta i grattacieli ventisei mila dagli abitanti cinquanta grattacieli ad alloggi
Cinquanta non ci
Però
Contro i cinquanta il pronto sulla spiaggia
Bisogna magari chiuse per il porto naturale
Poi
La spiaggia
Una spiaggia di un noto costruttore
Guarda caso che salvata perfino il piano dell'IRI
Adesso il piano della sinistra ha salvato io
E anche lì si cementifica si edifica
Hanno
Centinaia eccepibile miliardi qua
Di bonifica di disinquinamento ma il disinquinamento di trenta quaranta centimetri di minerali
Che hanno pavimentato
Il mare
Zero niente di quello nemmeno si parla
Abbiamo centinaia di miliardi che ricominciano ad arrivare per continuare ad andare all'ora
Quando
Sì beh quando lo Stato combatteva la camorra che aveva già perso
Per meglio stare con la camorra che aveva già vinto io i nomi
Non è che sapessi presa consegue loro nomi per altri venti valido sapessi che Galasso e Alfieri erano loro la mafia la camorra vince
Mi sta riformando ma una camorra ricetta c'è anche adesso
Perché tutto può anche lì fuori che
Sì sì capito che uno allo stesso tempo può essere
Grande collaboratore di giustizia
E magari con piccole conversioni favorite anche camorra vincente
Ma studieremo questi dati Arlati non ci dice molto su questo
L'antimafia sapete sapete che abbiamo ritrovato all'antica paura a Napoli a proposito di professionalità
Beh uno che era un malafede o
Voglio dire un po'un po'usciremo
In termini professionali
E io otto per la seconda cosa
Ugo che davvero rimandato a giudizio per un anno faceva dichiarazioni ai giornali dicendo rurale quelli di prove
Enzo Tortora come il capo della camorra napoletana
Sinceramente però
Non è il Di Pietro quello su ma il Di Pietro
Che
è stato occupato a lungo nell'anticamorra campana con quello che è più dimostrato Gregorio
A me ha fatto bene a metterlo lì molto fastidio ai colpevoli non è abituato a darlo ma solo agli innocenti e allora continuiamo
Quindi noi dobbiamo richiamare
Grandi dare grandi miti in sintonia col Giubileo
Certo a partire da
Non demagogicamente verso del due mila
Una grande progetto della grande Napoli del territorio ma anche della città nuova
Con materiali
Magari un ampio
Quelli della NASA che piano piano cominciano andare nell'edilizia diventano industriale
Per richiamare
La bellezza dell'architettura delle foto che è stata definita da coloro che ritengono che la bellezza fosse antisociale
E che occorresse fare cose porrete perché fossero socialmente fruibili o che fossero poco costose
Come è noto
Sono costate dieci volte quanto sarebbero costate fossero stati degli edifici sontuosi fatti alla del costo di Parigi
O a Berlino o altrove e questa è una battaglia seria dice rilanciare l'architettura ringraziare la zona di sviluppo rilanciare quella
Diciamo solo in pensione sta un po'di più quella condizione di partenza verifichino accompagnati anossici ripropone ero coevo è che Lazio e Roma
Caserta Salerno una dorsale di sviluppo chiara recuperare le due antiche avente come il porto d'Italia e dell'Arma e non la spiaggia
Recuperare gli accessi occidentali invece che solo quelle orientali San tracciato che la storia ci ha lasciato perché oggi ancora possono essere percorsi allargati andare
Da Napoli gli atti Caserta visone ventitré chilometriche ed ecco che misurano Manhattan quindi è chiaro che una stessa di questo parlare essere liberi indipendenti raccontarci di Napoli cari già prima anche creare persone della terza età pronti quel Tribunale di Napoli io nel quale abbiamo vissuto deve essere raccontata perché guardate la siamo vista io ricordavo l'altra sera Dorligo praticamente io per vent'anni da queste parti non ci sono più bravi più lunga ma gli eventi trenta quasi quarant'
Quando andavo a diciassette anni
Da don Benedetto quando a Parma altro don Benedetto dell'ultimo anno di tutti gli anni di vita dicevo quell'istituto storico che si era spostato altrove la sera alle dieci alle nove si veniva a piedi fin qui
E poi
Scendere a primavera scendere d'estate scendere anche sul finire dell'inverno
Senta la discarica cella fino al mare
I vicini il Lilla pure si ricordano poco
Quegli autori che c'erano quel silenzio dicevo soprattutto la fontanella che si sentiva duecento metri alle undici di sera e si andava lì e questa cosa privare arrivare a male era male
Certo qualcosa è cambiato in questo secolo
Non è vero che tutto è più povero ma i due diversamente lo scugnizzo digerito
Era proprio era padrone
Ma deve rimanere
Oggi
Chi c'era
E il mare quello
Dobbiamo inventare facili creare il mare è possibile
Questa dunque è una sintesi dell'intervento di Marco Pannella pronunciato
A Napoli e l'assetto ottobre novantacinque durante la campagna elettorale per le elezioni suppletive il prossimo documento come annunciato in apertura invece della tre marzo due mila e sei
Quando
Eradicare Rosa nel Pugno organizzare uno al capoluogo partenopeo un convegno a tema Napoli crisi e prospettive dell'aria metropolitana che rischio Vesuvio
Rinviamo il tutto a partire da quanto disse
Professor Giuseppe Luongo docente
Di fisica della buca nisba all'università Federico II di Napoli
Sicuramente voglio ricordare che Marco Pannella è stato uno dei primi politici non voglio che il primo perché ne uscirà qualcuno che dirà sono stato io il primo nel primo che ebbe
Raramente ha toccato questo problema ricordo forse proprio alla in seno al Consiglio comunale proprio il dibattito in Consiglio comunale di Napoli
E non ha mai abbandonato questo problema perché poi ci siamo incontrati varie volte quindi un minimo di
Diciamo sì di storia
Io tratterò quattro parti velocissimamente proprio per dare risposta cos'è il rischio
Come si riduce cosa si è fatto e cosa si deve fare rapidamente innanzitutto
Abbiamo un primato
Quello che avviene il rischio più elevato vulcanico al mondo almeno dei Paesi sviluppati
è posto al mondo politico perché al mondo
Il rischio
Diciamo la mitigazione del rischio di al pari di remora daremo la definizione mitigazione del rischio non solo è un impegno morale sociale ben un buon affare
Perché possiamo vedere che la riduzione del rischio attraverso una pianificazione dell'uso del territorio e quindi
Riducendo l'esposizione del territorio all'evento naturale
Riduce l'impegno economico del Paese quando avviene
Un'emergenza se noi scegliamo l'emergenza come unico obiettivo noi spendiamo almeno
Diciamo
Il venti per cento in più di quanto è possibile risparmiare ovviamente con la pianificazione
Allora cos'è il rischio il rischio è un danno economico la probabilità che avvengono danno economico perché in questo territorio a rischio e per la sua natura innanzitutto fisica dai
TIA
Hai è la tale Monti lattari alla dei sorrentina è
Una sorgente di pericolosità
Pericolosità intendiamo
Di chiarirci all'evento naturale già la probabilità che possa verificarsi un evento che produce c'è danno se ci sono le condizioni per produrre danni che c'è l'uomo e c'è la un territorio che il cui territorio è vulnerabile ebbene
Pur se
è bassa in alcuni periodi la pericolosità che la probabilità che avvenga un evento e alto il rischio perché è alta la vulnerabilità del territorio è alto il valore supposto che significa tutto questo significa che
Qualora si verificasse un evento
Il rischio è il prodotto della probabilità che accada all'evento è che i danni possibili che si possa realizzare danni crescono se ha è alta la vulnerabilità e se il valore esposto grazie siccome vulnerabilità e valore esposto sono altri anche se la pericolosità in
Può essere un po'più basso del prodotto viene sempre molto elevato quindi il nostro obiettivo
è
Mitigare i rischi attraverso la riduzione uno della vulnerabilità abbassare la vulnerabilità del territorio
Del costruito dell'urbanizzato e ridurle il valore è esposto dei territori naturalmente più esposti quindi dopo l'approvazione del perito
E qui si aggancia molto bene poi Aldo Loris De Rossi perché uno dei problemi eccome ridurre la vulnerabilità del territorio
E quindi io già suo passato come vedete alla seconda parte come si riduce
Ma si riduce ad una pianificazione dell'uso del territorio
Ricerca scientifica la base forte conoscenza del comportamento del territorio e quindi misure contromisure contromisure
Si può intervenire solo sulla distribuzione delle risorse sul territorio
E poi diremo come si può fare anzi avrà anche a bar perché diciamo sì tecnicamente non è complesso ma è anche abbastanza semplice realizzarlo uno dei grossi problemi che noi non abbiamo a livello mondiale o un esempio
Uguale al nostro di tutto quello che abbiamo parlato prima abbiamo degli esempi chiari abbiamo sedi la Germania abbiamo sentito di tutto per cui
Mutatis mutandis noi potremmo avere un riferimento molto chiaro su questo problema non l'abbia siamo i primi
Per il guaio è che possiamo capire diciamo UTAP scusate questa però ma siamo anche i primi a doverlo risolvere che non abbiamo e tempi
Identici analoghi e quindi dobbiamo costruire per costruire questa risposta dobbiamo fare un altro lavoro ecco dobbiamo fare un lavoro forte sulla ricerca scientifica non voglio però portare l'acqua
Alla al mio mulino ma prima quando sentivamo parole
Innovazione e modernizzazione e poi libertà come casca beh
Tenta di circa innovazione e modernizzazione difficile raggiungerlo quindi
Come si riduce l'abbiamo capito si riduce
Riducendo il livello di vulnerabilità del territorio e riducendo il numero
Gli abitanti perché anche gli abitanti sono
Una e la risorsa principale
Dispetto alle aree
Più pericolose quindi il problema della città di Napoli pigra ecco di grande dimensione metropolitana va risolto e un conto in contesti territoriale molto più ampio non osta anch'aggiungendosi alle considerazioni economiche urbanistiche già fatte ne sentiremo ancora quindi anche dal punto di vista del rischio
Se non si legge questo fenomeno
Diciamo a livello almeno regionale
Noi non lo risolveremo mai quindi questo è uno dei problemi fondamentale
Il rischio è anche una grande occasione
Perché
Attraverso la considerazione del rischio possiamo questo dobbiamo dire attrarre risorse per la trasformazione
Del territorio e quindi non è solo un guaio può essere anche un volano per una serie di considerazioni che faccio alla fine e per mantenere
Il
I tempi cosa si è fatto finora
Allora
Attenzione
Io non sono un catastrofista non so non possa essere un catastrofista per un motivo molto semplice e faccio un mestiere e mi consente ricaduta di comprendere laddove naturalmente
La ricerca ha raggiunto certi risultati i comprenderà la dinamica
Di quello che accade
Io non mi trovo di fronte alla conta alla condizione che non so nulla e poi improvvisamente ripeto il disastro no riusciamo a vedere l'evoluzione del CIPE Romano e capire quanto sia lontane o meno dalla dal vita quindi c'è una dinamica che si riesce a leggere e non passare dal nulla al tutto quindi
Questo vorrei che
Che fosse sufficientemente chiare tutti gravissimo questo perché così affrontiamo meglio il problema bene
In quel su questa base è evidente che
Lei probabilità di accadimento devo sono interpretate per correttamente oggi
Noi abbiamo
Dei dati sulla probabilità di accadimento e ci mettono più tranquilli
Ma
Quando io dico la probabilità per esempio di una grande eruzione esplosiva per direttivo settantanove dopo Cristo così tutti sappiano di cosa stiamo parlando la probabilità che accada e basta
Perché il fenomeno si organizza in modo tale che preferisce il fenomeno naturale presentarsi con un evento di più basse energie
Ma questo non ci salva dal fatto che questo potrebbe comunque accadere
Anche se è più basso potrebbe comunque a cadere il che significa
Il cittadino deve sapere
Che la probabilità di un evento grande e
Non è alta rispetto a una vento moderata
Ma non ci si può difendere non ci si può preparare all'evento moderato perché
L'evento grande potrebbe comunque accadere scusandomi questo scioglilingua ma purtroppo il livello di conoscenze che abbiamo è questo quindi
Non siamo e più chiaro tutto quello che sta accadendo in questi in questo momento ma non abbiamo ancora risolto il nostro perché la previsione dell'evento
Noi intrinsecamente non siamo in grado di fare la previsione dell'evento
Se voi mi chiedete quando ero Terralba sul io non ve lo posso dire se non in termini probabilistici se volete sapere sì fra quindici giorni e non
Io non vedo vi dico non lo so
Però possiamo anche dire che quando si approssima alle venti bisogna essere molto vicini all'evento allora
Potrebbe potremmo fare una previsione adeguato
Abbiamo bisogno di non sbagliare non solo di una direzione che e nella
Altra cioè non possiamo mandare via la gente attento all'eruzione perché il petto economico
Sotto l'effetto sociale è e di una complessità incredibile per cui non possiamo fare neanche quell'errore cioè
Non possiamo
Coprirci come i tecnici dicendo ebbe meglio che se ne vanno poi d'Italia che succede no noi tratteniamo questo errore perché c'è un una difficoltà economica sociale pazzesca quindi ce ne siamo molto attenti su questo
Nel passato si è fatto un errore perché uno si è confuso la probabilità di accadimento di un evento disastroso con lo scenario costruito per la protezione civile che significa tutto questo
Io ho diritto è poco probabile in questo momento che vengono eruzioni grande energia ma io mi preparo per quella
Riduzione perché comunque potrebbe avvenire
Allora mi preparo modulo faccio dei moduli diciamo modulare mentre la protezione ci si prepara quello sta costruendo uno scenario non è interruzione che avverrà
Ma è una deduzione alla quale ci vogliamo difendere perché la conoscenza di chi dice che potrebbe avvenire e che ha
Il cittadino non ha capito questo ma non ha capito perché i tecnici e non gli hanno fatto da dire
Il cittadino pensa che lo scenario utilizzava l'azione civile sia la probabilità dell'evento non è così e quindi questo è stato una grande polemiche finalmente scientifica finalmente fitta incominciando a chiarire questo passaggio infine
Quando si è realizzato questo
Allora legge abbiamo raggiunto un grosso passo in avanti nel passato si è puntato sulla previsione a breve termine lasciando i cittadini inattesa che arrivi l'informazione andate via
Poi l'ISPA paghiamo per l'intero Paese è poi Dio penserà a voi questo è un errore madornale uno perché non risolve il problema neanche al momento dell'adozione perché la previsione
Tre settimane prima non la fai non c'è
Da un punto di vista teorico alcuno che è in grado di dimostrare la possibilità di fare questo brevissimo abito Sipa molto vicina all'evento quindi bisogna vere una comunità molto preparata e ne
Siamo lontani nel momento opportuno una protezione civile adeguata e quindi capite il problema è abbastanza è abbastanza complessa bene in queste condizioni
Cosa si è fatto si è puntato nel passato solo alla previsione di breve termine impossibile
Bene in un clima di attenta il territorio naturalmente si depaupera nessuno si impegna fa Pedullà nel terzo non ci sono impegni finanziari non c'è attività e quindi il territorio va pagine
Vado verso la fine la prima idea positiva all'interno della
Io dico positiva è stata quella del dell'onorevole Di Lello della Regione e qui abbiamo un rappresentante del suo partito
E poi vi dico vi do anche la critica che faccio a quelle iniziative
Per l'idea è buona bisogna ridurre il numero di abitanti nella neve studia io dico attenzione bisogna tenerne conto degli abitanti dei Campi Flegrei da abitante la città di Napoli degli abitanti dell'area vesuviana perché è un tutto unità è un unicum e Vampa elaborato unitariamente bene
Cosa è mancato in quell'iniziativa ottima come filosofia e quindi c'è stata anche l'impegno finanziario della della Regione è mancato il Progetto
Non possiamo lasciare al cittadino la soluzione bisogna canalizzare le idee visto e quindi Nicola faccio un altro mestiere bisogna in qualche modo attrarre nelle zone meno pericolose
Sì vuole
Diciamo sviluppare la sua attività attraverso una serie di iniziative attentamente i servizi la mobilità agevolazioni fiscali
E nelle zone dove bisogna arrabattare nome di abitanti che bisogna fare belli bisogna andare a recuperare sviluppo uno sviluppo compatibile cosiddetti
Parco Nazionale del Vesuvio dove e ambiente i i parchi archeologici
Attività di alta formazione cioè tutto ciò alta formazione turismo avanzato produzione Attività Produttive molto sofferto molto dolce e poco hard perché questo
Il la tua e voi cervello a quello che deve produrre non e non la fabbrica in questi casi allora se noi riusciamo a fare un'operazione questo genere in venticinque trent'anni si può anche fare come elaborazione generale bene qui arrivano una serie una quantità di quattrini che che fa paura ebbe e ci almeno un Progetto cielo che futuro non ci ha pensato io mi fermo qui noi stiamo lavorando in questa direzione ma con gran le difficoltà perché è evidente che la ricerca scientifica poi c'hanno un grande peso la grande lavoro e cioè la conservazione delle posizioni vecchie grazie
Un politologo italiano ha dichiarato recentemente che Napoli ha raggiunto il punto in cui
I piccoli vantaggi chi ognuno tiene infischiandosene degli altri
Si traducono in una catastrofe collettiva
Questo annotazione detto che avrebbe né particolarmente vera per quello che riguarda il territorio che è il quarto punto che io ottava però
Territorio assolutamente devastato chi ha
Modo di girare nell'area metropolitana napoletana
Può constatare il livello di degrado chi non ha paragoni né in Italia né in Europa
Io posso indicare i diessini ridati numerici per evidenziare questo disastro ambientale
Per avviene un minimo di riferimento dimensionale posso ricordare per esempio
Che la Campania
All'altezza popolazione della Norvegia della Finlandia e della Danimarca
Però concentrato su un'area estremamente più piccola pensate che la provincia di Napoli
Praticamente c'è una densità abitativa di due due mila e ottocento abitanti per kmq acché quattro volte quella di Roma nove volte quella di Firenze
E dieci volte quella di Palermo qui da abbiamo una densità abitative esplosiva
Naturalmente queste uno dei delle delle delle carote se voi poi aggiungete che
Il territorio è piccolissimo pensate che la distanza da Napoli e caffè aperta perché noi siamo abituati
A pensare che sia una distanza
E visioni venti chilometri c'è quando l'isola di Manhattan
Quando immediatamente però del raccordo anulare di Roma chicche i praticamente Caserta e Napoli stanno sul dove raccordo anulare di Roma
Pensate che la provincia di Napoli e due terzi del solo Comune di Roma
Allora in questa condizione disastrosa
è evidente che occorre una strategia
Strutturale per
Modificare questa realtà io le dico uno dei vizi Olivetti
Della politica in generale e quella di
Non voler affrontare i dati strutturali le patologie struttura
E di ridurre la politica gestione dell'ordinario un fatto incomincia a capire
Però è evidente che si non si toccano questi elementi strutturali le cose c'è non ti
Modificheranno affatto nelle quattro relazioni che ha per le relazioni che avete sentite con la mia
E la quarta insomma si vuole indicare in agosto è molto chiara a tutti qui occorrono quattro rivoluzioni intrecciate
Occorre una rivoluzione etico politica di riparlarne Biagio De Giovanni da tempo senza la quale
Non è possibile fare un po'un passo in avanti o occorre una rivoluzione economica del sistema produttivo cioè
La transazione dalla struttura produttiva Attardo industriale
I nella in un altro interrogativa post-industriale ma con chiarezza
E con precisione
Poi occorre una strategia di riequilibrio ambientale come diceva
La Rigolon go c'è un vantaggio che io dico che anche amico ma Massimo Lo Cicero che ci ha è uno degli economisti che c'è una visione territoriale non è affatto semplice
E l'UDC era adatte e il figlio di un architetto e di un'urbanistica quindi tra una visione
Felicis inabili e degli altri vengono iscritte in infischiano completamente sia nella della della e l'ambiente del territorio
E ignorano appunto alla complessità e il dramma del territorio è la quarta rivoluzione quella di costruite uno scheletro portante
A questo sistema invertebrati che quello dell'area metropolitana di Napoli
Pensate che
I dati
Sono precipitati negli ultimi
Sessanta anni
Pensarli in Italia nel mille novecentoquarantacinque circolavano trecento mila auto
Oggi ne abbiamo quaranta milioni
Da trait il centro mila abbiate ragguardevoli pensate che la largamente autor badate bene il mille novecento quarantacinque gradi quattrocentosettantanove i chilometri oggi chiamasse i mila chilometri
Quindi un'esplosione e gli altri dati poi
Diciamo dei danni
Costruiti
Né il quarantacinque una che avevamo trentacinque milioni di danni
Residenziali che
Ci possono conciliare l'interesse storico
Dopo la guerra
Scelte Rossi annua a trenta milioni di danni oggi ce l'abbiamo centoventi milioni di IVA cioè noi Altragricoltura i delitti e ad altri di costruire negli ultimi settant'anni
Ottantacinque milioni di danni più di due in più di del doppio di quello che abbiamo ereditato interi mila anni di storia allora qui i dati ci impongono di pigliate conoscenza di un dato di fatto
Incontrovertibile i problemi di Napoli non si possono più risolvere all'interno del confine comunale pensate invece che ne abbiamo un piano regolatore
Che non già un rigo ma dico un rigo di riferimento all'area metropolitana
Pensate che non ci ha un rito di riferimento ad ampi economici peraltro questo Piano regolatore deve essere modificato Pedretti ad altro ma di un punto e il pop è una cosa completamente diversa
Quindi
Pensate in questo è un dato in più impressionanti e lo dico al mio amico Fausto Corace che uno dei politici più accorti che ci sono
In Campania
Il discende dicembre due mila ettari
è stato presentato il piano territoriale di coordinamento e la provincia di Napoli che significhi nell'area metropolitana di Napoli
Elaborato per circa otto anni
Più o meno nelle segrete stanze di uffici ed è stato presentato ed è stato ritirato dopo due settimane di dibattito due-tre ore settimanali di Bari
Diceva come perché poi con una lettera di scuse di Gianfranco Ratti Segretario del dei rientri chiediamo scusa per il piano ed è stato ritirato
Sì ma che era successo e perché ha resistito due settimane alle critiche di chi di due gruppi sostanzialmente uno che si interessava di
Di della difesa di del del delle aree agricole è uno che si interessava di urbanistica
E non eravamo collega dell'allora in poi siamo collegati e abbiamo incrociato le critiche è uscito fuori questo dato
Che prima delle reti di computer era difficile
Arriva ne abbiamo sotto controllo tutti i dati sulle aree altamente produttive agricole essi oleari urbanità è uscito fuori un dato a impressionante mettendo il dischetto che ci hanno dato il computer
Che questi amici e questi signori Barilla prezzo al barile detta velocità le dimissioni volevano urbanizzate venticinque mila ettari di aree agricole altamente produttivo
Dicitura di quanto otto venticinque mila
Poiché il Comune di Napoli e undici mila settecento elettori due volte il Comune di Napoli
Cioè noi vogliamo urbanizzate are agricole altamente produttive e pensiamo all'inizio della Coldiretti
è certamente un pandemonio è stato l'idea dei da due anni non sappiamo che tecnica patto studia
Sappiamo che l'ottimo assessore grato utili da sempre in bilico perché
Vuole resistere vago ma tornando siriani
Perché il Hillary c'è una devastazione del territorio dell'area metropolitana ma ve lo dico chiaramente come data i piani non li vuole nessuno
Io lo scheletro portante che noi dobbiamo colpire non lo vuole nessuno picche perché evidentemente ogni Gruppo di pressione c'è una parte
Esplodono tanti attaccati ognuno va a mediare questo suo appare con gli altri ettari c'è
Reciprocamente delle patologie che questa procedura procura sul territorio i criteri esplodono meta dati sul territorio
E lo scheletro portante di cui abbiamo bisogno
Sistema vertebrale
E dobbiamo noci costruire ma non si colpiva ma in queste condizioni
Ebbene
Consentitemi di
Ricordare un dato quando ha lambito Pannella si candidò nell'ottantatré a Napoli
C'era
Il terremoto in atto
L'anno seguente esplodeva la questione del bradisismo Flegreo lui appilati in dei pool meno alla questione e poteva
La verifica e la grande Napoli cedi l'area metropolitana
Poiché la vecchia di rischio Vesuvio potevate chiedere la trasformazione della struttura produttiva datarli industriali imposti industriale ebbene noi avvinti italiani di visitare tra
Dobbiamo ricominciare da tali come direbbe terroriste dai venti punti che aveva indicato
Marco nel mille novecentottantatré
Da lì è possibile ma evidenziare in questa condizione
Io non lo voglia parlo voglio farla lunga perché tra pochi giorni uscirà questo tascabile dei di cuore dove c'è un piano strategico per Napoli do
Noi abbiamo ricostruito una serie di di
Di prospettive
Che erano state buoni intuite e
E segnalate
E chiudo facendo questo piccolo riferimento ed alla metà degli anni Sessanta un grande geografo urbana come Francesco Compagna vedo qui l'amico allenato K vino il rifiuto di Pietro soldi eccetera intuito erano una grossa spesa ordinaria perché valevole confidente con
Con già operati urbana francese inglese e americana
Che
Per risollevare le questioni del territorio era importante ad imparare degli attivi sviluppo che contenevano gli assi di sviluppo alla metà degli anni Settanta tenta di gravità riguardante Città costruendo il grande raccordo anulare di Roma le il collegamento a Roma Napoli dell'autostrada del Sole la Domiziana c'è tutta la rete la rete autostradale sta pigliando corpo compagna cala operazioni straordinarie lui e Galasso
Intuizione di questi atti sono dei popoli tassi di sviluppo cioè possono essere la beh quello scheletro portante di pure ha bisogno del territorio ed elettorali cinque giorni a Roma
Sita un grande convegno sul
Sul riequilibrio della capitale dalle loro macchina problemi analoghi a quelli di cambiare perché ha avuto la Pedullà c'è il chi è più grave di quella di Napoli sono stati colpito un centinaio di borgate che hanno accerchiando la città è la città
Che distinte a macchia d'olio così come a Napoli
Ebbene io concludo i lavori con una relazione che si chiama appunto il nuovo doppio sistema direzionale orientale latte e di riequilibrio Roma Caserta Salerno
E corridoio transeuropee
Berlino Milano Firenze Napoli
Guardate che noi abbiamo una grande chance seno e al
Allarghiamo l'orizzonte ci problemi territoriali che sono i più bistrattati
C'è in ancori c'è la possibilità
Poiché parte da questo corridoio tanto europeo il corridoio uno ma può partire da Napoli anche il corridoio otto che quello che va a Bari la storia
Ma nel corridoio orientale c'è qualcuno che avete qualche vetta diceva che tutti i corridoi non sono niente altro che le grandi arterie della
Della stradali romane dalla via Ignazia che da Bari arrivava con
Quanti Novoli oggi nell'arredo poniamo come corridoio transeuropee ebbene Napoli si allarga l'orizzonte a scala territoriale Ashkar e geografica PUA vero dell'impianto straordinarie cioè noi siamo in grado di poter rispettare gli impianti radio scientifici di Roma e Napoli
Pensate che questi pacchi di riequilibrio economico territoriale ci permetterà e qui l'ultimo dato perché non voglio affliggervi di dati
Di concedermi concepire una cosa che in molti esperti di turismo a Roma proclamano a grande voce richieda una grande tribale deleghe solo per l'aspetto turistico un pacchetto che con Silveri San Pietro il Colosseo Pompei e amplissimi Barelli rende il campo in tutta Europa Adorno e dobbiamo fare un impianto per il due mila anni fa esistenti
Perché non inventiamo niente vedere
I dati della Regione prima di Augusto andava dal prendere alte lei e c'è una omogeneità pur
Tale c'era una spina dorsale che legava le due città insieme e un'ultima cosa e chiudo
Voi sapete il problema dei bandi
Parigine va bene gigantesco perché tutti
Gli immigrati sono spinte alle periferie pensate che
La libertà non solo la Regione da Regina
E uguale
Quasi alla Campania e dodici mila chilometri quadrati nelle mani del predefinita
Però ci ha una densità abitativa doppia ci ha undici milioni di abitanti
C'è eccome che gli abitanti del Lazio e della Campania esserlo insieme a Parigi parecchi ammonendovi asfissia
Noi abbiamo un'alternativa da proporre al modello mono OSCE intervalli Parigi radiale voi sapete del grande libero di gravi e
Parigi nel deserto Francia e
Sì questo sistema radio che interrogo ormai affissi ante noi invece abbiamo la possibilità di una città policentrica
Fra Roma e Napoli con una spina dorsale che può aprire due teste due milioni e mezzo di abitanti a Roma o un milione andando fuori e un sistema di città medie
Incardinato se quei tasselli di equilibrio
Pensate che è possibile indicare
Sei o sette direttrici verso l'interno per rivitalizzare zone interne e qui potete direttrici Berto reperirne in modo da liberare tutto il litorale trecento chilometri di costa da
Rivendicare completamente rottamando la spazzatura edilizio costo bellica priva di qualità e non antisismica per i questo è un altro punto che è avvenuto trattarlo somma non c'ero più il tempo noi abbiamo un'ottica in
Per avviare e dico un'altra cosa al mio amico Marco approvate lentamente lungo la carretta appenninica chi è al deve avere un futuro l'uno sviluppo turistico bisogna realizzare
Un corridoio ecologico
Questo è quello ecologico non è niente altro e
Che la diminuzione
Esisteva nel
Nel tracciato romano c'è una spina dorsale che di impegnava tutte le aree interne così noi
Salviamo la Campania blocchiamo l'isolamento del Molise dell'Abruzzo
E comboniano un'unità culturale
Pedica come quella di termiti io glielo mezzo Sannite perché ho
Conosco bene il problema in termini di
Arriva
Cioè il popolo sanità
Rubava dal fiume Sangro fino al PIME Ofanto ebbene che noi realizziamo questo corridoio
Ecologico sulla coerente intenda
Noi faremo lo sforzo straordinario per ridare a quel talvolta problemi individuato da Rossi da da Rossi Doria la pompa all'osso quello sviluppo diventano internet senza il quale
Nemmeno a Napoli cibo e sviluppare grazie
Creazione
Ma
Era il tre marzo due mila sei è così il professor Ra Aldo Loris Rossi interveniva la convegno organizzato dei radicali Dalla Rosa nel Pugno a Napoli
Napoli crisi e prospettive dell'area metropolitana rischio Vesuvio riascoltiamo adesso anche quanto dissero in quella sede dal professor Biagio De Giovanni e Marco Pannella e molto difficile parlare di Napoli
Io direi proprio questo era prima riflessione che viene
Perché così difficile ma enti così difficile perché
Intanto perché Napoli una città un po'iperbolica pensate che noi siamo passati nell'ultimo quindicennio o decennio
Dal glorioso Rinascimento alla catastrofe difficile che una città via dentro di tutti
Come dire una tale
Camaleontica capacità di lettura di testi tra
Cui
Chi potrebbe naturalmente ma qui il tempo illimitato chiederti da dove queste questa dimensione così iperbolica della città
Peraltro io poi permettete qualche piccola deviazione netta politica diciamo così
I grandi viaggiatori la la rivedano questa caratteristica
Direte Standard giochi insomma Napoli ha sempre colpito molto questo vorrà sapete paradiso abitato da diavoli
Resterà una uno dei modi attraverso i quali questa città veniva presentata
Ma è difficile per un'altra ragione perché c'è un vero rischio
A parlare di Napoli tecniche a ripetizione
Io potrei naturalmente dedicare il mio intervento in una parte larga almeno
A questo cahier de doléances
La vivibilità l'illegalità
Ma
Ma insomma dove ci conduce questa
Ci rischia semplicemente di
Portare a delle ripetizioni di cose che sappiamo di cosa è che viviamo intorno alle quali invece occorre stabilire un minimo di capacità difensiva
I di questi giorni per esempio la formula usata da quello straordinario scrittore che Raffaele la Capria Napoli città della decadenza
Come molte capitali
La formula intelligente ma
Anche qui
Non ci limitiamo un certo punto a registrare alcune cose
Tenti vogliamo vedere se riusciamo ad andare appena un poco più a fondo nell'analisi
Anche perché io ho l'impressione che si stia perché aprire un confronto a Napoli
E ho l'impressione che io ho da un po'di tempo
Qualche segnale cioè
Sicuramente questi ultimi tempi
Diciamo questa dimensione di profondo male
Perego che attraversa la città vi diffuso malessere
Attendere sta prendendo una forma più definita ogni degli ultimi mettili confronti ci sono stati
Qualche cosa sembra aprirsi nel quadro della città
Ma qual è il centro di questo mare per
Io qui voglio dire una cosa molto netta
Perché voglio partire da una da da un momento di analisi politica io credo che con la poca aria nel sistema politico napoletana
Poca aria chi respira male
E troppo compatto
La Politano campana
è
Vogliamo
Usare la parola giusta politicamente
Ci sono pendenze oligarchica
Ma questo è un nodo fondamentale per la vita della città
E
Il conformismo
E
Difficile io dice un po'di aria e difficile aprire il quadro
Perché laddove il
Come dire
Negli anni il sistema è diventato troppo compatto
Passano pochi idee
Poi tornerò su questo punto delle idee che secondo me molto importante
Non perché potere idee non possano andar d'accordo ma perché quando il potere diventa tendenzialmente oligarchico
E
Pelle ed attenta
Il dibattito il confronto la costruzione di uno spazio di dibattito pubblico un tema su cui
Ho insistito già pochi mesi fa qui in questa sede in presenza di può dire del Presidente della Regione perché Indaco di Napoli
Quando abbiamo discusso della condizione della città
E cita in questo mi permettete due-tre piccole citazioni oggetto i tempi sono quelli che sono
Questo bellissimo tetto che dice esso di un filosofo che dice il conformismo la rinuncia dei seguaci alla propria anima
E la loro provetta alimentazione spirituale
Dunque potere Franca idee
Potere privo di Progetto
Ma perché
Napoli avverte in modo
Ricordare
Questo aspetto del problema
Un potere non è attraversato dalla progettualità
Cosa si
Perché
è un vezzo intellettuali ricordare così peso alle idee
O non c'è qualche cosa nella
Idea di Napoli nella realtà della città napoletana
Qualcosa di più vivo che
Come dire
Spinge verso
La definizione di questo problema intanto
Per una
Questione che io voglio formulare così in modo assolutamente generale
Perché
Senza idee le oligarchie non si batta
Perché sono le idee che vogliamo metterlo in positivo possono aprire il quadro e battere le dimensioni o miliardi che che ci sono
Quindi non è un lusso
Il richiamo alle idee
è una necessità
E lo è in particolare per il Napoli
Perché noi in particolare per Napoli
Perché Napoli e Napoli appunto
Attentati questa è stata il centro della cultura nazionale decente
Tempi certi per centinaia d'anni perché per cento anni dopo l'unità
Napoli
Capitale del Mezzogiorno quindi di una zona difficile e complicata eppure cuore nucleo della cultura nazionale italiana
Questa Napoli che
Oggi è difficile riuscire a a tornare accogliere questo aspetto
E anche qui i tempi sono quelli che sono ma c'è un testo straordinario di quell'uomo straordinario che Ugo La Malfa
Che nel mille novecentosettantadue quando parlo del Mezzogiorno ditte ma come c'è una legge in cui lo si chiamare a deporre
Eccetto che in un certo senso lo è
Nell'area depressa di una grande civiltà
Europea
Di una grande civiltà occidentale
Dove
Diceva
Tutta la storia del Mezzogiorno si lega
Ha un'esperienza europea e ricordava il Croce Amica fino a dimostrare una capacità di circolazione occidentale ed europea del Mezzogiorno
E quindi Napoli come dire città più grandi radici nei apponi
Le prime città
Che si costituirono
Le nelle coste di cupa nelle coste della Magna Grecia in queste radici che sembrano lontanissime sono lontanissime
Ma
E possibile immaginare che
Che le radici così profonde di una civiltà possano poi essere semplicemente dimenticati e cioè non appartenere più alla nostra memoria storica
E badate
Tutti grandi personaggi che di Napoli si sono occupato hanno tenuto conto di questo dato profondo
Di queste radici porti
Di Napoli come tetto fondamentale della cultura dell'Europa non solamente della cultura nazionale come dicevo prima
E hanno pensato intorno a questa città
Chi oggi tecnica intorno a questa città
Hanno pensato intorno a questa città io voglio citare sono due grandi personaggi voglio citare Francesco Saverio Nitti
Cioè le Barrymore petto del mille novecentotrenta
La NATO il grande progetto di una Napoli industriale ma sentita come interessante questo passaggio
Perché già allora che diceva Napoli
Lo diceva Nicola muri grande albergo grande molto serio o città di consumo
E Nitti chiosava
Ma questa piuttosto che una soluzione del problema e niente altro che una illusione
Non siamo ancora oggi alcuni che dicono fondiamo Napoli come
Grande museo grande albergo
Puntando come dire tutta la fisionomia profonda di questa città su questa dimensione
Il portale
Chimica
Chi nega l'importanza di quello che oggi chiamiamo più
Come dire modestamente il turismo occhi degli all'importanza della museali TAC ma
Come si fa immaginare che
La vita di una scelta di una scelta così drammatica così indivisa così piena di varie città
Possa puntare su questo quindi la lucidità di Francesco Saverio Nitti più di cento anni fa capita qui
E l'altro che voglio citare
E dell'altra
Sola citazione ma
I due testi molto brevi sono talmente belli
Che
Io non saprei riassumerli
Guido dorso la rivoluzione meridionale
Diceva
Finalmente la questione meridionale della intera la sua squisita natura politica
E chi Palitta risolvibile
Badate prima ancora che nel campo legislativo nelle coscienze individuali
Cioè in quell'azione più strettamente più spiritualmente politica
Destinata a preparare l'humus su cui lo Stato di diritto dovrà
Finalmente
Sono in genere
E aggiunge
Poco dopo
E
Badate
Se noi non ci rifacciamo ai grandi pensieri non riprendiamo lena
Che non riprendiamo a
A ricordare questi grandi personaggi che hanno pensato la città il Mezzogiorno non riprendiamo lena
L'autogoverno dice dorso prima che nelle istituzioni e nelle leggi perché un testo che piacerà moltissimo a Marco deve nascere nello spirito dei cittadini
Espulsione critica di distacco di ogni forma di autorità che non sia l'autorità della libertà
E contrapposizioni a tutte le forme di violenza
è insomma
E qui c'è
Cioè anche
Letterariamente un punto altissimo armonie gli atti libere cosciente
Che tutelano i loro interessi illegittimamente conquista
Ecco che cosa grandi personaggi pensavano
Di Napoli
E del Mezzogiorno e dove fosse il punto da cui ripartire
Perché questo è il nodo fondamentale
Vorrei voluto fare questa
Lunga premessa ma sarò breve adesso negli sviluppi del ragionamento ci sono tanti illustri esperti autorevoli amici che parleranno di problemi assai concreti
Perché rimane un punto che secondo me è fondamentale
Il tema delle idee
Il tema della progettualità il tema che indovina poli tali
Noi
Borghesia napoletana noi popolo napoletano i napoletani in generale
Abbiamo come dire la responsabilità di una città che
Papà
Un pezzo fondamentale della storia italiana ed europea
E quindi questa coscienza ma in qualche modo di Trinità con un'analisi del presente che è molto difficile perché questa decadenza di cui parla la Calabria sicuramente c'è
Sicuramente c'è
E quali sono alcuni tratti
Di questa decadente io le voglio segnalare uno solo tra cui
Su quei torno da un po'di tempo quando mi capita di
Da chiari o scrivere qualche cosa su questi temi
Qui c'è Aldo Loris De Rossi e ci sono altri illustri camici c'è Massimo Locicero che su queste cose
Magari
Da un angolo visuale un po'diverso potranno dire molte cose assai più preciso
Non c'è più un centro che dirige
Accettai diventata o sta diventando periferia
C'è un'imbarcazione della periferia nel centro c'è una periferiche l'azione della città se vogliamo usare questa
Parola non molto non molto felice e badate quando io dico centro intendo direzione
Politica morale e intellettuale della città
A cui dobbiamo dare un grande pezzo non non penso a
Al al centro intento solamente fisico
Quindi c'è questo spostamento dei rapporti tra periferia e centro
C'è questa imbarchi ditta
Della periferia
C'è questa difficoltà concentrare attenzione progettuale su Napoli
E come chi poteva evitare questa
Questa che io ho chiamato in un'attività della periferia rispetto al centro se non
Se non attraverso il grande tema della Città metropolitana anzitutto
E perché
Insomma quello che cita dedicando in attenta diciamo di questa grande cornice di questo grande euro orizzonte culturale e progettuale che doveva essere dovrebbe essere la città meridionale la città metropolitana egli disordine
E la conurbazione
E la contraddizione tra periferia e pezzi di centro e cioè
Il disordine come dire non solamente urbano non solamente urbanistico non solamente del traffico
L'impossibilità di progettare la città senza immane in
I
Come dire
Idee visionarie perché sappiamo che il punto non è questo
Ma per esso alla concretezza
Della definizione progettuale
Quindi qualcosa si deve rimettere in moto
Ci sono energie nella città io penso che ci sono energie nella città
Questo diffuso malessere che badate come non avveniva da molto tempo
Tocca a quelli che ti chiamerò i ceti medio alti oltre che i ceti popolari cioè quelli che hanno anche una funzione di aggregazione culturale in una città
E quinto mediatico di qualche cosa
Non è una cosa
Che possiamo semplicemente trascurare o ignorare o sottovalutare e allora
E allora
La necessità di una di ripartire
Attraverso
La
Determinazione di problemi che sono già sul tappeto a Napoli anche qui io non voglio dire cose
Che posso dire in una formula fa il più
Nemmeno significativa di come
Potrebbe essere detto pronunciato un problema simile da
Da
Demandando al professor Maurizio Rossi o da altri insomma Napoli in fondo è una città che è una struttura relativamente semplice cioè il problema c'è il grande problema di Napoli o perché c'è il grande problema di Napoli e
Ci sono questi polmoni di tali intorno ai quali oggi non si riesce a definire una progettualità
Magnani rischia di etica di un fallimento e certamente in enorme ritardo e certamente non è chiara nella sua dimensione e Napoli Ente dovrà essere il cuore di una nuova cultura
Di una nuova dimensione dell'università di una ripresa delle archeologia industriale
Tutti i temi che sono sul tappeto
E ancora in visita ai centri di ricerca
Badate questo secondo me un po'più un punto fondamentale quando noi diciamo stupiti poggiare una ripresa di Napoli
Qui c'è una generazione di giovani
C'è una generazione di giovani che
Dentro i Centri di formazione napoletana ci sono centri di eccellenza
Mi universitari circa a Napoli possono diventare il volano di una prospettiva di rinnovamento quindi acconto moltissimo dell'eccellenza dei giovani dei centri di formazione ma non per richiamare
Secondo come dire una vulgata abbastanza
Ovvia innovazione ricerca no qui il tema della ricerca è fondamentale
Proprio perché
Ecco
Il mito della città industriale caduto
Certo nessuna città fare a meno di questo punto forte che significa industriale ma qui diciamo
Queste grandi dimensioni che sono
Punto universitari certe cose vanno apportate avanti con un attimo di forza
E poi Napoli e il Mediterraneo
Badate con grande attenzione ad evitare gli spunti retorici
E questa
Formula spesso porta con sé
Non è una chiave di soluzione dei problemi ma è un'apertura
Eviterà né oggi significa possibilità di confronto possibilità di dialogo tra le civiltà qui abbiamo dei centri di eccellenza su questi temi ma
Sono come dire corporativi dati più sintetica e chi tenta capacità di veramente incidere sul rinnovamento della città come mai succede questo qui c'è una responsabilità della politica però
C'è una quando io dico si baratta il palio di queste pronunce questa parola con fatica rispetto alla mia formazione quando dico oligarchia di potere
E quando sottolineo questo aspetto io lo faccio ripeto con
Con una certa tattica
Però noi dobbiamo
Evitare lo stiamo assistendo
Alla trasformazione della classe dirigente in cielo politico
La parte diligente attenta sulla società penta confronto arricchisce lo spazio pubblico non vuole conformismo non lo vuole conformi
Perché dati al conformismo e la morte della politica
Età per conformismo e la morte delle idee
E su questo che si debba
Tagliare è possibile perché non è una battaglia una battaglia quattro ovvero per certi aspetti
Si tratta anche di rimettere in moto la coscienza civile della
Della
Della città
E il perché questi ho finito ma
Quindi
Occupato forse fin troppo tempo
E questo ma
Problematicità finale riguarda
Riguarda questo nodo
La politica e la città
Le classi dirigenti
Ne abbiamo parlato in altre occasioni
La tendenza della politica
E dovrebbe essere come dire sempre meno attenta problemi complessivi di gestione
Sempre più attenta problemi progettuali di direzione questo significa talché vigente non certo politico
C'è qualche possibilità
Io penso di chi
Non solo perché Napoli e Napoli ma perché
Uno sforzo
Di gruppi politici di gruppi intellettuali
Che
Che rilanciano queste
Queste tematiche queste necessità oggi che sono divisi frantumati dispersi
Possono ridare una speranza alla città badate
Siamo in una condizione tale non solo a Napoli io direi
La storia dell'uomo sta attraversando
Un periodo così drammatico che
Senta speranze
Il rischio immanente il nichilismo fare
L'idea che non c'è più niente da fare
Ecco noi non possiamo perdere questa speranza
Ma per non perdere questa speranza
Come dire dobbiamo immaginare sperare a una
Mobilitazioni effettiva
Una capacità di proposta
Si attuano tanti confronti e discussioni politici in questi mesi usiamoli al meglio grazie
No stavo pensando che il potere dire onestamente che ogni volta che mi ritrovo
Concreti con quali siamo qui
Mi arricchisco molto
Ma è un problema mio
Ma nel senso che
Il suo appello e di non sapere
Diventa anche il sentimento associazione
Non solo
Intelligente
E qui il tuo è una condizione stimolante
Se
Direi
Travolti nascite quella passione del conosce
Qualche volta ricordo che perché ci si può pasticciate il conoscere
Poi tradursi nel con una scelta nasce dall'insieme
Ad una terza le cose con
Nascere insieme
Fra l'orrido personaggio dico Del Mastro dalla
Veramente straordinario Porretta
Facile far violenza
Così
Tipologica
E quindi
Poi neanche dico va beh
Ma
Che importanza
Se
Ancora mi raggiunge quota
Consapevolezza dei limiti
Nel mio non sapere per tenere in quel tempo tra
Che rischia Volpini divenire paralisi o avventate
Beh
Rispondo però Mirri rispondo dicendo
Il compito però che c'è qui di prendere atto che probabilmente quel termine situazione
Beh diciamolo pure per cento fra l'altro modesto
A maggior ragione deve essere una sensazione
Che dovrebbero avere in tantissimi
Piuttosto è piede di non sapere questo apprezzare
Sentire oltre che comprendere l'importanza
Del conoscere
Per me va bene perché ed e dialogico il conoscere il modo in cui sappiamo poi in realtà
Che anche la scienza apparentemente era più esatto e teorica sempre
Il portato che essi attribuisce solo alla scienza filosofica e sappiamo che questo oggi meno vero nemmeno importante necessariamente
Per la Bolivia fuori
Che faccio perdere tempo come onoro l'attenzione dell'acqua dei fiumi ci onora ed è un problema
Ognuno di noi può avere sul motivi Wilkie siano io
Quando leggo
Di reato
Erano rileggo un po'se
Al dolore
Le sue cose
Belli mi rende
Altre cosa io mi rifletto la voce come qui dovrei essere abituato e invece di rigetto con la voce
Di quelle norme
Rompi parlare
L'ordinario personaggio persona
Beh di uno storico dell'architettura finisce così
Ma poi
C'è così liberiamo apprezzare il lavoro è la verità della storia
E delle architetture dicendo questo
Ed è Bruno dove
Me lo ricordo però ritengo
Marco ricordo Carlo Erba questo già
Dieci anni prima e nasce
Aldo Lorusso Rossi
è ogni tanto è vero poi con quell'altro d'accordo con la quale avrà un po'scocciato pure pe
Perché io dovevo accettare di fare io Manhattan il tentativo è viziata da Roma e che non andava quello lì che avevo nominato dalla Regione Francesco
Non andavano agli altri nomen che avevamo escogitato per questa
Conclusione del c'è colosso è possibile
Riprendendo in presa diretta quella in cui si era aperto con
Il Sindaco natanti
Con le sue caratteristiche prendevo apprendere così straordinariamente
Contemporanei divenuto geologico di linguaggio dei punti di riferimento dell'attenzione
E quindi qualcosa che mi rende Bruno
Anche ora pratico per l'acquedotto sono in vigore per me beh allora
Forse è bene che io mi ricordo semplicemente questo
Che poi in realtà il fiele laico riuscì significa
Essere altro che Hillary
A altro Chechi Enrico
Con tutto rispetto appunto del sapere della conoscenza due del chierico
In qualche misura anche quando chi pubblica la legge delle dodici tavole scrivere legge letteralmente
è il momento della grande religiosità laica nel senso che efficiente interferire niente
Proprietà o possesso di pochi
Quel tempo e o quel patrimonio
Che appartiene la specie umana in quel determinato momento
E allora
Pensavo stasera
Io Giovanni dei Balcani
Che Michele
Un po'al corrente grazie a Radio radicale grazie alla sua passione
Per questa conoscenza da solo ostruzione nel senso migliore la parola agli rischierebbe di pace nel mucchio di cose
Che aveva passato probabilmente lei la notte precedente due notti precedenti appare
Tutto proprio io guardavo
E quindi arrivo qui praticamente ancora una volta
Imbarazzato
O magari riassegnato indù inconsapevolmente a fare il furbo a mascherare
A volte il centro di debolezza se non di impotenza
No kefiah dinanzi all'incolpevole godere di una condizione
Poi viene fuori che cento Biagio De Giovanni dove ci incontrammo al Parlamento europeo
Qualche lustro fa
Gli anni ed oltre ci almeno
è come se fossimo cresciuti eppure non ci vedevamo in più
Cresciuti
Quali insieme anche se ci ritroviamo e riconosciamo adesso
E poi vengo qui
Per l'arte
Il numero di compagne e compagni
Del periodo napoletana
Credo che qui
Per magari
Gli studenti e un po'
Dublino insomma
Di una parte della magistratura italiana
Con rispetto parlando nella giustizia parlata
C'è una platea
Me compreso ma il quale dovremmo essere tutti
Non a parlare della galleria del al Ministero per gli altri
Ma dovremmo invece starci no
Ricordo uno per uno le vicende le sette e mezzo di metri un certo periodo
E ricordo come clan qualità clandestini il tavolo di perderci
Poi perfino ricorda i luoghi un appalto ad albergo uno alternativo parta Costa del Vesuvio di Otranto a che punto stai
Che per chiudere
E invece ci parlava poi nel sottosuolo tempo e si parla
La che integrava e poi veniva fuori e già allora aiutando e Napoli non
Del
Poi naturalmente ma a me mi veniva Piccinato proprio parere Roma all'inizio degli anni Sessanta
Lasci dovevamo andare verso l'aquila allora e poi il problema perché non c'era leader della rottamazione perché non c'era quella scala allora dico ma forse la cosa maggiore per un laico quale
Da proporre
Qui in questo Cappelli
Di deserto napoletano di Marcello di putrefazione di
Parlo da Bruxelles da una volontà
Parlo da chi
Né può essere figlio è causa
Ma in quel territorio azione
Credo di averlo arricchiamo qua così siete qua siamo qui
Egli rispetto ad altri
Il tavolo uno dei migliori
No o per altre ricco il TAR
Megalopoli che si affacciano sul Mediterraneo da una parte e dall'altra
E il limite è un pensiero
Una riflessione
Una compattezza preistoria memoria
E soluzione speranza moralità come c'è qui
No e allora
Dove viene ma poi sono d'accordo che bisognerebbe fare
Se abbiamo maggiori capacità di lavoro e di intervento di influenza
Voglio sperare verrà per Dio ho sempre detto l'ho ripetuto che se questa di straordinarie poi gioventù ma infanzia adolescenza
Che trovo indovino qua Napoli e mi ricordo tutto quando nel novantacinque sovvenzioni
Su cento ettari e poi le scuole vedevo
O quelle altre piccole ricordo che finalmente
Da qualche quattordicenne
Napoletano venne qualcuno che chiamava il vecchio signore Marco e mi dava dell'ente né del Bologna il tutto ma
Piccoli squarci
Perché veniva delle ma quello che straordinario dicevo eccome
Avendo io fatto quasi involontariamente tesoro di un monito di Voltaire
Se vuole conoscere la civiltà di un Paese visiterà il conoscere nelle carceri
Beh insomma io ho un po'da questo punto di vista credo che sono stato al a lungo con e-mail pochi compagni radicali
Altrettanto a Cherie
Quelli che ha
L'ho vissuto ferragosto il fine dell'anno
Alcuni momenti della rivolta vissuto la realtà dei detenuti
E allora mi ricordo che sono qua
Che molti oppure a Secondigliano però io andavo molto di più della
Contenuti continuava e
Non si parla più anche perché va dal momento di dover versare dedicarci Secondigliano eccome
Di altro però in realtà il fatto
Che io o riflesso forse
Non so sbaglia anche inadeguato
Io continuo apporre medi il problema
Dico come sia possibile
Che in questa città e in questo Paese
Non solo che è la damnatio memoriae
Che
Seguirà che
Alla
Dannazione alla non conoscenza del Presidente
Perché la realtà sul caso Tortora
La realtà su quella vicenda di immani colpi di una banda di ma in vigore tutti
Profondamente unità composta da magistrati giornalisti politici pentiti detenuti la freccia
Poveretta deve cartiere
Il perché via venuta fuori quella roba pertanto è coltivata
Da magistrati impregnati adesso robot vent'anni quell'altro Di Pietro quegli altri che diventano grandi Asperti
Di camorra loro che avevano
Edificato e bloccato il cammino proprio della
Giustificherebbe la camorra e della Pagotto la che occorre
A Enzo Tortora che ricavo la camorra
Solo perché
Hanno preso la prima occasione
Per creare nuove gigantesche la manovra
Dico elettiva rispetto alla urgente ormai che cerca del
Arrivare davvero al processo conoscitivo che c'era dietro a realtà delicato Cirillo
Perché quel taglio era la realtà e allora
Per non fare quello
A questo punto si è creata una Napoli nella quale
La caterva Pastrengo errate Vignolo miniera di tutela della a Roma era divenuta per ordine di magistrati ecco diventa dei giornalisti il luogo dal quale fra puttane
Esce lampante
L'immagine però il torsioni
Miope deve dare a Chiaia dappertutto allora lì dove chiede
A tal punto
La morte del diritto poi
Dove ma anche lì il la vita del diritto il diritto alla libertà della patria due opere ma scusatemi
Ecco quello che
Mi pareva in porta io credo togliendo sedici va bene questa baracca del nove aprile che molto difficilmente
Guardare
Un accordo e mi dispiace non va bene malgrado l'entusiasmo no malgrado le cose che conosco le conosco le riconosco ma anche conosco profondamente
La realtà nero della nostra politica dei poteri tagliare io so che quel tenutosi a Roma
è un entusiasmo che
Può essere condiviso solo se vogliamo da
Minoranza e del feto sociologica
Politiche di formazione politica ordini appartenente quel nove per cento della popolazione delle può la legge del quotidiano e le parti voli
L'idea del quotidiano gli altri normetta non cattivo attraverso usate attraverso la televisione
Il pertanto all'ottanta per cento della gente
Normalmente annullabili ce lo deve riguardare le cose quel terrò BA per un mese e mezzo anche quando l'abbiamo mostrata
Non è stata mai inquadrata entrata dei cittadini lungo con una mano che le copriva ed un altro siamo arrivati solo il dieci giorni fa la prima volta che siamo riusciti appare inquadrare
Colin pienamente per tre o quattro secondi questo simbolo ma non c'è il tanto un dibattito perché continua a una storia che il massacro di questo Paese
Fatta da una oligarchia da una leader rinvia dichiarato il termine può essere usato da una oligarchia nella quale
In qualche misura quello che
La classe
Classe dirigente di un Paese
Diventa in realtà oligarchia
Con
Pretese di unità politica con lealtà e di unità politicamente vedevano mestieri leadership
Cioè fanno gli oligarchi e molto spesso
Io devo dire
Gente che non conosce la legalità
Rispetta nulla
Accade molto spesso sempre più spesso in modo tale che nel nostro Paese parlare di legalità significa poter essere sospettato immediatamente di volere denigrare il Presidente a Repubblica
La Corte costituzionale
Non solo il partito tutti quanti credo che dovrebbe essere Saccomanno versare in altri luoghi della scienza quelli ufficiali
Bene forse io penso che dovremmo poter fare di Napoli ecco potrà venire fuori
Di Napoli
La scoperta una forte grandissima e di internet navigare verso il comma ma Dapolito Marconi iniziative
Ufficiali finanziate salvare Napoli
Salvarci con Napoli
Perché quello che è stato detto che noi stiamo conoscendo governando la prima parte di quel tanto
Di questa
Tavola rotonda tutto quello che abbiamo la prima parte ha riguardato il Governo
Delle realtà e del proprio tempo
A godersi lo è dalla introduzione
Di Biagio Di Giovanni alle relazioni una per
Una poneva il fisco deve come si può discutere ad un tavolo di Consiglio dei Ministri eccetera
Delle all'inizio
Queste sono le cose da fare vedendo cose
Dico Averno possibile
Delle nostre visite della nostra realtà del nostro tempo insomma quando Aldo lordo che potesse parlare
Lo dico tante volte ai ragazzini delle scuole elementari del quale vede
Citerete ricantati attenti lo colui rivivere perché chi è quell'alternativa perché c'è quella ma
Magari montante o perché c'è quel ricordo tutto questo diventa è
Per reperire da terra
Amore per la terra amore Ovaro è un'attività e una conoscenza e dare un nome abbia le colleghe inventarlo ebbene è davvero
Credo qualcosa che noi dobbiamo io non so un medico perché no figura e dei anche il padre letto argomento verrebbe riduzioni ma potrei addirittura immaginare ci pensa
Lo scandalo di creare un Ministro al termine del cinque anni per una città è una Regione
Pensate ma come allora ogni città ogni Regione poterlo
Perché qui a Napoli io rido
Tengo che ci sia
In corso un nucleo più reperti creatore di conoscenza
E di risposte che possono valere per
Cento altre città seicento altre regioni
Cioè non c'è credo unità io ricordo come Tagliente ed altri quando di telefonare trenta antipatico ma
Se è vero che per fare l'incontro i continenti ovvero quella che ha detto che rischiamo di avere
La situazione
Non sappiamo però è quanto una situazione tremenda di criticità fino al centro il cuore dell'Europa
Per carità non dire nulla
No magari pure invece dicevamo perché
Sappiamo mostriamo il proposta beve Addio quei pochi soldi che dal mio osservatorio
Libardo fuori perché chi ha il terrore ma dov'è il terrore del conoscere della scienza della ricerca
Il terrore della ricerca religioso nella rilievi della ricerca morale
Proprio no nel centro Vaticano che rappresenta e di nuovo il terrore e della ricerca del viandante umano della coscienza umano nella ricerca
Dico qualcosa che rappresenti la propria che a parità di essere fedele vorrebbe ad una delle dalla propria moralità oggi ci troviamo dinanzi a una dozzina Litta
Tale
Ecco certo quello che ha
Sorge da un po'in totale
Sentite che è quello del rispetto umano che nel linguaggio cattolico era un peccato invece voglio dire
Che il fatto che noi manchiamo profondamente di rispetto umano
Rispetto a cui ed
Sembra a questo Papa o a quell'età atto opprimente dichiarazioni quel cardinale
Appunto è quello che per cui il rispetto umano veniva indicato in uno dei grandi pericoli morali e domani nel dalla religiosità
Anche quella ufficiale cattolica allora
Vediamo di fare la pace e allora io impropri prometto
Entro settimana e vedendo quello che succede anche il nove
Di per fare proposte di fare
E di fare con la forza dei consensi che potremo avere con la debole
Di farlo a tutti badate
Ecco una cosa e qui vorrei ho il dovere di dirlo
Io ritengo che vi sia una sola ragione
Per la quale io posso immaginare di votare l'Unione
Uno
Però definitiva
Perché l'unico luogo
Fra le due coalizioni
Voce vetero da qualche decennio di Coppa del metano i corleonesi e via dicendo fra le due ad oggi e nella quale è immaginabile ed è in corso una grande battaglia che può prendere corpo
Fra
Delle le realtà comuni
Diciamo neo le pale o comune
Nereo e pale o clericale neo e parlerò fondamentaliste neo e parlerò demagogiche neo e parlerò borbonico in tre
Dai giornali di quattro ponti di Tremonti e delle altre cose per le quali c'è bisogno e questo progettino
Chi viene a riprovare a riproporre Carlo di Borbone
Come è venuto avvertivo eventualmente nel meglio rivolgere onori abbiamo bisogno di chiunque altro
Chiaramente della cronaca di ogni minuto
No
E quindi questa realtà
Lo ripeto no no uno oncia di fiducia
A tal punto
Ho fiducia della volontaria nella
Unione perché ritengo ancora possibile
Di impeditive nell'impaccio capire qualcosa
Di impedire la vittoria di Berlusconi che è in corso altrimenti
Devono capire
Semplicemente che cosa che il dibattito fra di noi
è
La nella Unione tela superiorità dell'Unione rispetto a quegli altri dove tutt'al più
Chi può ospitare maggiore o minore elegante
Nel
Lei liberalità
Del patrimonio del programma
Non c'è mentre il Vinitaly credo nettamente di un confronto politico serio allora questo è
Sapete contrattacca accadendo al perché avendo il provvedimento è questo che vi è un quattro per cento premendo quattro per cento ma di distacco ma il trend non mi piace
Questo quattro per cento di distacco vuol dire che il due per cento
Risposta
L'argomento è fatto
Allora
Secondo
Uno studio che abbiamo messo on line
Di Mannheimer
Mi sono accorto che noi siamo accreditati in questo momento a mio avviso è il peggiore secondo ancora del venti per cento di voto da destra a sinistra
C'è altrettanto Creta criptata alla Margherita per motivi diversi ricordo il diverso
Allora venti per cento diciamo di un milione
Per loro già credo il creditore uno eccetera che a un milione e trecentomila di questi duecentocinquanta mila e trecento mila lire Torre li toglieremmo
Al voto di
Di centrodestra come voi sapete
Per l'uno per cento il ricordo quanto
Cento mila quattrocentoquaranta mila voti cioè
Allora
A questo punto l'unica porta è proprio quella di
Rimetterla
Di cessare da quella conventio ad excludendum delle posizioni di Loris Fortuna ecco diciamola così e così e di tutti di tutte le componenti
Di Loris Fortuna di Blair edita paterno
è l'unico
Immetterli ora sì e no
L'Unione perdere perché perché a questo punto all'elezione non ci sarà la lì politica non ci sarà la lista della Margherita
L'Asinara Francesco da solo
No circa
La lista nella quale
C'è Francesco Marsilio piego tutti quanti non c'è il simbolo allora
Presumibilmente quelli che
All'italiana purtroppo non è colpa loro
Però ragionano oltre una giorno tombinamento dicendo Berlusconi massivi marciapiedi
Ora
Comprovanti querelarmi rinnovare prevedeva che poi così generico per quanto comprensibile
Beh dico a parte quelli succede però
Che
Berlusconi dal sette anni fa un certo gioco
Chi è il massimo collaboratore
Del berlusconismo di Berlusconi
Chiamo chiare
Lo si vede
Sono sei sette otto anni che il mercato primo beneficiario del regime in tutte le sue parti
Ha un nome settantanove volte
A
A Porta a Porta in due o tre e in sette anni o sei anni Fausto Bertinotti
Come mai
Il ragionamento c'è
Ma
Poi per creare qua tranne
Gli avevano dato in affitto a Rifondazione al Comune il PAT fondazione le notti italiane
Tutte le note che sono cose importanti
E quando Berlusconi viene accusato né dei ragionamenti e di rubare anche i tempi televisivi rari partendo
Va beh
Però la prima cosa che fa
Questo tempo rubato
Se la condivide con Fausto Bertinotti
Perché il dibattito
Berlusconi Bertinotti
Per caso quando devono riuscire a colpire quell'uno e mezzo per cento e due per ieri sera a che fare Mimun
Sulla questione
Della del compiti al discorso del Presidente del Consiglio italiano che fa un discorso abile al
Al Congresso americano e ideali che eccetera Kinski amano
Chiamano il meglio
Meglio Figo debitori dal ricorso di destra
Che
Fini il Ministro degli esteri l'autore composto cioè
E chi ci chiamano a rappresentare
Nori dell'Unione eccetera e corre subito è di libertà
Il quale appena detto che lui angosce intorno si erano sorretti le mani grondanti di sangue due criminali
Lo ripeto belli perché glielo farei perdere il filo e tutto contento e di libertà ma perché no badate
Scusate il petrolio
O
Visto apparentemente divagando
Ma mi pare urgente sapete perché
Pensate di un istante perché lo dicono con elegante divertire
Pervenne no o padre o comune
Ci ha detto con tutto il rispetto che ciascuno
Merita con le proprie opinioni no non abbiamo le armi
C'è una convinzione tradizionale mai rinnegata
Che per realizzare il meglio che loro sperano dipendere Donadel
è necessario
Il peggio
Il peggio sfalci il tempo a scelta
Cioè per loro quello di cui hanno sempre avuto paura era nato già democratica la demografia peggio degli altri enti in Francia in Germania o comunque
Costantemente e allora oggi
Mi pare che fa parte della strategia anche di parlerà il neo comunisti onestamente
E dire molto meglio avere il Governo di quello là di quel criminale che il Governo che la loro ossessione le norme neo centralismo del le cose moderate da
Sbagliamo certo che comunque
A quel punto a mio avviso sono di alta moralità
Perché fa parte della loro moralità quello di avere al governare il Paese ad accusare
Qualcuno che ormai
Rappresenta il male
Piuttosto è dovere fare i conti con un Governo più o meno democratico più laico ed altro scusa perché ho perso
Divagando forse questo tempo ma è urgente on loro comprendono
Che
Il dibattito le polemiche le più feroci e rispetto del problema di noi
Tra quelle che viaggia di Giovanni già due-tre mesi fa indicano come problema
No quella delle alternativo e del dibattito fra una componente dell'Unione questa nuova come elemento essenziale di scelte che sono contrapposte
Ebbene o abbiamo questo e allora
Chi vince
Perché a questo punto sarà possibile che tutti Costa d'Oro che è il luogo nel quale il contenitore
Di quel fare contro finalmente nuovo di alternative
Del Paese è uno scontro in cui l'Unione il contenitore allora tranne il fiorentini idea a no è brutto quello Prodi e via dicendo c'è il contenitore appare chiaro che di questo scontro
è chiaro che a quel punto politico da relatore il pugno o altri o contro andranno sicuramente no vinceranno le loro reticente
E le loro esistente contro questa ed è così grave da Chioggia e per questo
Volevo dire
Vediamo cosa succede io temo che per
Impedirci di parlare alla televisione perché per noi
Parlare
E parlare ai credenti perché noi siamo dei credenti non credenti come
Del primo perché insomma sono tutti no voglio dire che
Insomma
Fra Ernesto Rossi
Che ci sono io e dei Liberali acquattati a lungo nel regime fascista il credente ad Ernesto Rossi
No
Noi
Credenti e d'altra parte della religiosità
E proprio di coloro che sono più credenti in altro
Che mi ha il potere nell'oro altrimenti quelli sono politici
No perché ci sono altro
Sono cose che riguardano De Martino non De Martino socialista ma il De Martino studio do delle superstizioni popolare e del rapporto del potere allora certo è un grande giorno allora
Se ce la facessimo guardate e
Che non ce la facciamo
Non ce la fa l'Unione suicida
Perché oggi è ancora abbiamo cercato di spiegarglielo B il guaio sarà grande accetto ma le responsabilità anche faranno chiaro quello che io sono
è che noi abbiamo
Se andiamo avanti
La capacità di essere laici e credenti
Ne abbiamo la capacità di
Cioè
Investire nel conoscere
Di questo sapere chiamiamolo napoletano
Da di questa
Scienza e conoscenza che in decenni abbiamo in qualche misura
No riusciti siamo riusciti a far vivere sia pure nelle catacombe no perché non si è riusciti finora a portarla avanti credo che abbia allora potremmo dire
Che l'alternativa
Alla putrefazione della relazione della
Della conservazione che è in corso poteva invece invece vede la grande riforma
Beh la riforma è quella con la R maiuscola
Quella che don Benedetto si lagnava
Schema di cittadino e siamo l'unico Paese che non ha conosciuto la riforma con la R maiuscola e conosce continuamente delle controriforme oggi è vero a mio avviso che la riforma tra virgolette cristiana
La riforma religiosa
La riforma liberale la rivoluzione liberale tutto quel toglie viene culturalmente direi quasi etnicamente
A
Coincidere probabilmente una grande occasione
Però
Che civico si perda
Mi conoscete o proprio l'impressione che un salto di qualità
Su questa nostra storia sul sapere che ci distribuito e che avete accumulato
Riusciremo apportarlo meglio dichiara quanto abbiamo fatto per il passato ad essere porta per l'oggi
Perché di questo si tratta e di dare forza nell'oggi e a un sapere che nell'oggi voi avete continuato ad accrescere a formare a compattare
Questo quindi potrebbe essere
Quello che
La Rosa nel pugno e poi quest'altro Abruzzo del CIACE o di Napoli
Non può dare
A questa vicenda e questa vicenda che supplenti da guardare
Splendida perché
Ho l'impressione che potremo facilmente dimostrare immaginando con le banche e fondazioni la devoluzione magari in esperanto pure
Di tutte queste cose che voi avete provocando in due o tre
Potremmo vedere di usare il Parlamento europeo
Istituzioni europee per le traduzioni
Per fare il
In un certo modo credo che qui ci sono risposte agli interrogativi drammatici
A interrogativi gravissimi delle aree delle storielle più lontana era apparentemente le più diverse che l'umanità oggi deve affrontare con questa
Determinazione questa modesto e di occuparmi di questo
E nella speranza
Che
L'Unione non si è suicidata
Sono interessato se si suicida noi ci siamo messi
In questa compagine
Beh però sono convinto che
Riusciremo a fare un salto di qualità importante scelto in luce
Do la presentiamo vorrei dire ci siamo ritornati ciascuno di noi anche
Per essere insieme come è chiaro e questo era credo nel metodo il morto il modo giusto Presidente cari amici scusatemi
Come è noto pannello porrò
Era una registrazione del tre marzo due mila sei con questo intervento pronunciato da Marco Pannella nel corso di un convegno organizzato dei radicali
A Napoli durante l'esperienza
Politica della Rosa nel pugno
E dal tema Napoli crisi e prospettive dell'aria metropolitane a rischio Vesuvio
Concludiamo qui questo spazio di informazione di riflessione in precedenza avete ascoltato interventi terra professore Luongo di Aldo Loris Rossi ed professor Biagio De Giovanni