09AGO2014
rubriche

Notiziario del mattino

RUBRICA | di Sonia Martina RADIO - 08:55. Durata: 31 min 53 sec

Player
Sintesi dell'intervento di Marco Pannella di giovedì sera a Radio Radicale; sintesi della Conversazione con Rita Bernardini di ieri; sintesi delle interviste di Lanfranco Palazzolo a Francesco Nitto Palma, di Lorena D'Urso a Renzo Menoni, di Claudio Landi a Natale D'Amico ed a Riccardo Nencini; la rubrica Cinema&Cinema a cura di Gianfranco Cercone.

Puntata di "Notiziario del mattino" di sabato 9 agosto 2014 , condotta da Sonia Martina .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 31 minuti.
08:55
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Otto e cinquantacinque minuti a Radio Radicale ecco c'è l'appuntamento con il nostro notiziario in studio sogna Martina è e si farà la
Regia allora oggi ci o apriremo con rivogliamo fare riascoltare l'intervento di Marco Pannella una sintesi che ha fatto
L'altra sera subito dopo un intervento che ha subito al fegato e per leggervi poi la lettera aperta che ha invitato a un progetto inesperto Pannella
In risposta appunto di questo suo intervento POIN parleremo del rifà ormai il disegno di legge boschi che è stato approvato ieri in prima lettura al Senato e sentiremo un commento della segretaria
Di radicali italiani Rita Bernardini
E siccome prosegue Satyagraha di Marco Pannella e della stessa Rita Bernardini affronteremo il tema della riforma della giustizia poi
Il tema della giustizia legato anche alla competitività e torneremo sulle dichiarazioni del Presidente della Banca centrale europea
Mario Draghi di due giorni fa e sulla questione del PIL della recessione tecnica e infine ascolteremo la consueta rubrica di Gianfranco Cercone cinema e cinema
Allora adesso sentiamo l'intervento di Marco Pannella
Ci tenevo a cogliere l'occasione tanto per dire Buonarrotti come anche buongiorno tutte tutti ma anch'io volevo semplicemente dire che siccome svolte
Perché ritorni intervento cresceva
Io l'ho avuto l'intervento sul fegato l'andamento è stato ottimo voglio dimostrarlo anche agendo ad esempio nel mio voce
E lavoretto semplice perché in un quadro che in questo modo
Chiamatelo che unità leggendo poco Piccioni per Gennuso indirizzato ultima una parte del cioè
E diciamo pure
Se lombarda un rom l'ondata chiedo scusa con Londra
Lì qualcosa che due sì e no nemmeno diciamo devono andare o non vedi intelligenza di more perché l'amore è
Se amore in che l'incidenza
E l'intelligence e intelligenze ACEA chiamo del
Volevo quindi dire questo
L'intervento credo si andrà Antonveneta attraverso poteva che adesso è vero
E così Marco Pannella due sere fa e ieri e arrivata questa lettera aperta di Ambrogio Crespi e una voce che parla sempre più forte delle altre allora che
Così scrive Ambrogio Crespi caro Marco non sa quanto mi abbia fatto piacere ieri notte ascoltare la tua voce su Radio Radicale prima di tutto perché sono felice per l'esito positivo dell'intervento al fegato
Poi devo ammetterlo perché sentiti parlare dopo un po'di tempo che non mi capitava io c'è sempre a riempirlo il cuore di sensazioni positive ieri commentando le centinaia di messaggi che ci sono stati indirizzati nelle ultime ore su Twitter
Hai parlato di un'onda di intelligenza e di amore per poi aggiungere l'amore sei amore e intelligenza e l'intelligenza è intelligenza se c'è anche un ore mi è passata questa piccola grande frase per farmi tornare alla mente tutte le battaglie politiche che si è riuscito a combattere e a vincere proprio con intelligenza e l'amore
Tu Marco insieme a Rita Bernardini e radicali se è stato al mio fianco in un momento difficilissimo come si è sempre stato al fianco dei più deboli adesso in questo tento di difficoltà e sicuramente il momento di stare al tuo fianco per aiutarti a superare anche questa battaglia e alla fine arriverà la vittoria ne sono certo
Voglio mettere da parte per un attimo il progetto inizio positivo che ti trasforma ai miei occhi in una sorta di invincibile supereroe moderno che combattere ingiustizia per difendere chi ne ha più bisogno per le strade come nelle carceri
Anche senza immaginati in questo modo mi rendo conto che non riesco neppure a concepire un'Italia senza Marco Pannella
E condivido anche io perfino in un periodo in cui i giornali i media fanno a gara nell'ignorare te i radicali la tua personalità si erge almeno una spanna sopra le altre c'è chi si finge malato per tentare di evitare la giustizia e chi commettere non smette uno sciopero della fame della sete neppure quando sta per affrontare un delicato intervento chirurgico
Tu caro Marco ci ricordi costantemente che si può concepire la politica anche senza inseguire il potere o il denaro
Mettendo la propria vita il proprio corpo al servizio delle proprie idee
Con intelligenza e amore appunto non voglio dilungarmi troppo perché le cose per cui ringraziarti sarebbero davvero troppo mi limito dunque ad augurarsi un vero una veloce guarigione
Ho voglia di sentirti ancora spero prestissimo le tue parole la tua passione il suo coraggio abbiamo bisogno di terzi ora più che mai
è questa la lettera che Ambrogio Crespi a scritto a Marco Pannella
E sono le nove e un minuto allora adesso andiamo avanti con il notiziario allora il disegno di legge boschi sulle ormai è stato approvato ieri dalla Senato con centottantatré voti favorevoli nessun contrario e quattro astenuti tra cui il senatore della lega
Roberto Calderoli che appunto uno dei relatori e la senatrice a vita Elena Catania e ci vorrà tempo sarà difficile ci saranno intoppi ma nessuno potrà più fermare il cambiamento iniziatore ci ha commentato il premier Matteo Renzi ma
Su questo ieri intervenuta anche la segretaria di radicali italiani Rita Bernardini nella sua consueta conversazione settimanale al insieme alla vice capo redattore di Radio Radicale Andrea De Angelis allora sentiamo alla valutazione di Rita Bernardini
Non è una riforma è una controriforma rispetto a quello
Che sarebbe necessario al nostro Paese e quindi si decide di tagliare con un colpo di spugna
Il del Senato della Repubblica perché
Lei è partito poi
è quello di un Senato non ad elezione diretta formato solo da cento senatori
Con la possibilità solamente di intervenire nessun alcune leggi
E un senatore di nomina indiretta questa è la
è la realtà e quindi
Io credo che non si abbia proprio
La visione di quella che dovrebbe essere una riforma istituzionale e costituzionale perché è chiaro
Che tutto dovrebbe andare di pari passo anche con la riforma elettorale che invece è in discussione alla Camera dei deputati
L'Italie cum che noi
Definiamo peggio del porcellum precedente sia
E poi i quando parlo di visione io credo che non
Si possono non tenere presente anche tutti gli affetti costituzionali e quindi l'equilibrio fra i poteri
E quindi si interviene a spizzichi e bocconi e sappiamo
Che niente è rimasto di quella e nessuno la rivendicata se non per certi aspetti Roberto Giachetti vicepresidente della Camera
E di quella riforma che il popoli italiano affranta aree di dichiarato di voler di volere e cioè la riforma anglosassone delle istituzioni con una legge elettorale
Con i collegi uninominali con il presidenzialismo e dove e ci sia e si possa leggere un Parlamento forte con parlamentari da potere controllare
Perché letti in collegi molto piccoli
E quindi un Parlamento che postura controllare e poi effettivamente
L'opera del Governo
Ma di tutto nostro purtroppo non cioè traccia allegato arriva nella direzione
Contraria in questo Paese
Chiesi sempre più ridotto immagino che o glieli abbiamo avuto le dichiarazioni del liberali che insomma
Ci hanno
Hanno dato la fotografia dell'Italia
E così era Rita Bernardini ieri nei nostri studi sulle riforme elettorali e vi ricordiamo che prosegue Satyagraha di Rita Bernardini cagionata anche da Marco
Pannella quest'ultima nel Rita Bernardini sciopero della fame dallo scorso trenta giugno per chiedere
Al Governo al Parlamento di intervenire per scongiurare il fenomeno delle morti e delle malattie in carcere il diritto alla salute dei detenuti
E anche sul il regime di quarantuno bis è il caso emblematico di Bernardo Provenzano che si trova
Appunto del regime di quarantuno bis e nonostante sia
Incapace di intendere volere e che ben troppo tre Procure abbiano giudicato non più
Necessario appunto il regime di quarantuno bis
Quindi colgo l'occasione per
Ricordarvi che domani alle diciassette confermata la conversazione settimanale
Con Marco Pannella An studio ci sarà Walter Vecelio appuntamento che come sempre potete ascoltare sia
Dalle nostre frequenze sia su Radio radicale punto TV anche sul
Vicina del digitale terrestre il canale ottocento tredici è adesso sul tema della riforma della giustizia
Che ovvie ma come sapete insomma commento su quali siamo piuttosto attenti la Franco Palazzolo ha intervistato il
Senatore di Forza Italia Francesco Nitto Palma che il Presidente della Commissione giustizia del Senato sentiamolo
Riconnette condividiamo la necessità di un intervento sul processo civile
è assolutamente necessario può diminuire i tempi della giustizia e nel nel comparto dell'incidenza
Che la giustizia civile ma sono sviluppo dell'economia quindi ma su quel punto siamo disponibili al confronto anche se la lettura delle schede che ci sono pervenute dal Ministero denunciano comitive degli errori
E qual è l'impianto generale riteniamo che nulle
Potrà essere accolto così come dagli avvocati comunque sia siamo o su quel punto disponibile al confronto per il resto né dal Governo abbiamo avuto come dire una indicazione di obiettivi ma non sostenuti da articolati da proposte concrete
Per cui sostanzialmente la delusione nasce nasce da qua cioè abbiamo l'impressione che si è molto indietro nel lavoro
No quando diciamo non abbiamo intenzione di fare muro contro muro lo diciamo per due ragioni la prima Forza Italia anche quando quando è stato all'opposizione non ha mai fatto un'opposizione di tipo pregiudiziale
Ma ha sempre cercato come dire di confrontarci con con nella maggioranza
E nel caso di specie come è possibile fare muro contro muro se
E le proposte non sono state formulate
Ecco ma la cosa che mi ha sorpreso di più nelle dichiarazioni che avete lasciato ieri
è che voi avete detto che ci sono state delle dare degli scontrato qualche errore di tipo tecnico nelle nelle schede che vi sono state otto poste e mi spiega meglio a che cosa allude e in merito al lavoro che è stato svolto dalla sempre molto un molto concreto
Ho ho l'intervento sulle processo civile si fonda sull'udienza di trattazione che è prevista dall'articolo centotrentaquattro del Codice procedura civile
Ma ci si dimentica che questa udienza di trattazione e sostanzialmente è stata oggetto di forte modifiche nel due mila sei
Onde per cui insomma mi il Governo Berlusconi incredulo agripef credo da parte del Governo Prodi
Io se non ricordo male si offende onde per cui il presupposto dell'impianto processuale ci sembra essere sbagliato dopodiché
Registriamo per esempio come dire a fronte di un di un processo civile che comunque ha dei costi penso al contributo unificato la il divieto della compensazione delle certezze
Come dire va a incidere sul diritto di tutti i cittadini di
E ricorrere all'autorità giudiziaria e comunque sia si tratta come dire adesso di vedere in maniera più concreta l'articolato e sulla base dell'articolato noi formuleremo le nostre osservazioni
Così era Francesco Nitto Palma sono le nove e dieci minuti le notiziario di radio radicale vediamo qualche aggiornamento dalle agenzie che riguarda il conferito israelo palestinese perché ripreso stamattina lancio di razzi sulla dalla striscia di casa contro Israele dopo circa dieci ore di calma le sirene di allarme hanno risuonato in vari centri abitati dello Stato ebraico come riferiscono i medesimi agli anni non risultano danni o feriti l'esercito israeliano ha comunicato di avere colpito nella notte oltre venti obiettivi nella Striscia di Gaza dopo il continuo lancio di razzi avvenuto ieri
Hamas ha riferito che i raid israeliani hanno colpito abitazioni moschee magazzini e centri di
Addestramento così l'aggiornamento l'agenzia
Ansa che a battuto poco fa sulla appunto il conflitto israelo palestinese
Ecco scusi date una notizia invece vediamo dall'Iraq c'è una continua affluenza di profughi soprattutto al confine le testimonianze che ci arrivano in questi giorni non hanno solamente non sono solamente di gravissime ingiustizie
Ma di natura ma addirittura racconti che possono sembrare al limite della realtà ingiustizie perpetrate nei confronti di persone che chiedono semplicemente un diritto all'esistenza e alla professione della propria fede e quest'so che ha riferito don Francesco soldo direttore della Caritas italiana Radio Vaticana a proposito della persecuzione dei cristiani nel nord dell'Iraq ad opera dei fondamentalisti islamici De Lisi disse
Riprendendo l'appello rivolto da Papa Francesco per cui la violenza non si vince con la violenza ma con la pace dove Soddu spiega che queste parole si possono mettere in pratica prima di tutto non costruendo no fornendo armi da non possesso delle armi sia l'acquisizione dei beni principali primari quali il pane di conseguenza la pace queste sono le tre parole chiave non armi
Pane e pace il mondo lo stia a guardare le immagini terribili di una nuova guerra che si sta accendendo in Iraq
Che
Così appunto don Francesco Soddu il direttore della Caritas italiana
E sono le nove e tredici minuti allora continuiamo ad occuparci di economia e di giustizia
Intensamente correlato al basso livello degli investimenti privati che ha pesato sul prodotto interno lordo italiana non solo
E dovuto anche all'incertezza sulle riforme un freno molto potente che scoraggia l'Invest alimenti lo ha detto
Due giorni fa il Presidente della Banca centrale europea Mario Draghi citando proprio giustizia e competitività e da diversi anni l'inefficienza del sistema giudiziario uno dei principali motivi della bassa che cita del nostro Paese e allora Lorena Dusso ne ha parlato con l'avvocato Renzo Menoni Presidente dell'Unione Nazionale Camere civili del Centro studi dell'avvocatura civile italiana ascoltiamolo
Rimane un vizio di fondo il vizio di fondo quale
Noi tutti sappiamo che un malato che ha una
Malattia grave
Si parte dal fare degli esami approfonditi e allora qua manchiamo di
Dati approfonditi
Cioè manchiamo di
Sapere esattamente tanto che noi lo chiediamo quanti sono i procedimenti che entrano ogni anno ma non solo il numero di per sè perché si parla di Affari legali no ci assegna cinque milioni di affari sia
Sì ma è molto diverso serene se viene presentato un decreto ingiuntivo un ricorso per decreto ingiuntivo una causa ordinaria quelle che costituiscono l'arretrato sono le cause ordinarie per intenderci
E poi bisogna dividerle per tipologia bisogna di vitale per uffici i piani bisogna dividerli in primo grado in appello ironie somme esattamente capire quali sono i punti in cui il meccanismo inceppato
Invece ancora adesso questo va detto andiamo un pochino in modo spannometrico un modo un po'approssimativo non è stato fatto questa
Ricerca approfondita perché per esempio lei mi dice mi parlava dei famosi cinque milioni di
Pregiudizi e intensi ma
Vede
Anche questo è una dato che non dice niente di piace
Nel senso che bisogna distinguere nettamente fra il
Philip intende inerti che potrebbero essere entrati anche ieri e quindi è più che fisiologico che ci siano delle pendenze
Da quello che invece è costituito costituisce per meglio dire il piano preparato qual è il vero arretrato cioè quello patologico non fisiologico
Il Piano arretrato patologico e quello che superasse i termini intubata fissati dalla Corte europea e cioè tre anni in primo grado due anni in appello un anno in Cassazione perché ci sarebbero i termini massimi
Giustamente per la Corte europea dei diritti dell'uomo
Di durata ragionevole di un processo
E sono i nove sedici minuti andiamo avanti con il notiziario di radio radicale d'Italia non cresce perché la sua burocrazia scoraggiati Investimenti ha detto dunque tra l'altro Mario Draghi
Ancora sulle parole di Draghi Claudio Landi ha intervistato Natale D'Amico già alto dirigente della Banca d'Italia ed amico si sofferma anche sul tema giustizia
La nostra la Copagri che iniziato nel due mila otto ore dal due mila otto praticamente non riusciamo mai usciti
Gli altri Paesi fra alti e bassi al nuovo hanno un reddito oggi pro capite è maggiore di quello che ho nel due mila e otto hanno un reddito nazionale complessivo maggiore di quello che era uno al due mila otto
Anche gli indici di portarlo sopra il livello del due mila otto adeguate l'unico praticamente al Paese che in realtà in questi anni ha perso il dieci per cento di prodotto pro capite il dieci per cento di prodotto
Che agli indici di Borsa lontanissimi dai massimi pre-crisi e l'Italia
E questo è un problema certamente per le condizioni degli italiani
Il salario medio
In una public metalmeccanica in Italia quasi del cinquanta per cento inferiore a quello del salario medio una fabbrica metalmeccanica tedesca
Appena quindici anni fa erano praticamente uguali dove i salari dall'inglese all'interno che si faccia una comparazione con il salario dalla fabbrica sudcoreana do ridiamo scappare un'idea
Mi avete dato e per andiamo avanti andiamo avanti e europea paritaria è un problema per l'intero Occidente diciamo la verità perché esiste ancora purtroppo come vede come si è visto in questi giorni lo spread
Esiste ancora la paura
E l'Italia prima o poi possa fare crack
Quelli la comunità internazionale che interroga sulla capacità dell'Italia di venir fuori da questa situazione
E per venir fuori da questo è il doppio nelle cose da fare più o meno si conoscono
Si conoscono
è un problema appunto favole riaffermare nei tempi che non siano biblici infrazioni riforme strutturali tra l'altro anche lo stesso governatore Draghi e abbia accennato fisico
Aspetti giuridici lavoro tra l'altro pare che si cominciasse una prevalenza sul
Semplificazione e la burocrazia fisco cioè
Tasse che pesino di meno sui fattori produttivi tanto per parlare con Carmen per proprio questione giuridica cioè
Giustizia civile sbaglio maggior tutela civile di operare e cioè la la storia della giustizia in Italia è semplicemente ridicola nel senso che praticamente non siamo in condizioni di offrire
A chi ha un credito alla possibilità di incassare questo credito
Votiamo in cui in condizione di concludere gran parte dei processi penali come sappiamo come dicono ricordano spetterà ricarico e per il Paese nel quale esiste
In realtà lo specchio di amnistia strisciante che è l'amnistia per coloro che possono permettersi di utilizzare al massimo gli strumenti della giustizia penale andare a finire nella prescrizione
Temo che era in condizione di appello
Di garantire il rispetto dei contratti
Io non voglio al Cavaliere ed era un problema reale paracavale quella corretto e leale diciamo che la Caorle la possibilità di garantire il rispetto che entrare scuola economiche siano d'accordo se lo ricorda bene il minore colorista dedica che e che possa esistere sviluppo dentro una qualche forma di tutela del rispetto dei contratti
Nove diciannove minuti allora ancora sul tema del PIL della recessione dopo che i dati Istat ci hanno spinto in basso nella classifica europea sentiamo l'analisi del Vice Ministro delle infrastrutture Riccardo Nencini sempre al microfono di Claudio lanni
Abbiamo ereditato una condizione di straordinaria difficoltà va meglio lo spread non vanno ancora bene i posti di lavoro che essi riescono a fare in Italia
Non va ancora bene la crescita economica mi aspetto molto lo sblocca Italia mi chiese cosa dovrebbe vedere questo sblocchi tale prevede investimenti per qualche decina di miliardi nell'arco di un triennio sugli investimenti aggiuntivi o sono risorse già esistenti che vengono gli organi sono risorse viaggio aggiuntive fondi comunitari ed è una diversa organizzazione di fondi già esistenti un tronca rammento normativo che consentirà un investimento ecco perché lei dice che dovrebbe favorire questo decreto sblocchi dalla scuola ripreso il nome quali sono i punti quali saranno i contenuti essenziali
Intesa su grandi opere pubbliche in pre investe su infrastrutture prevede defiscalizzazione per il mondo della casa prevede opere piccole e medie sul territorio quindi crea lavoro e crescita
Ebbene adesso come tutti sabato cinema il cinema di Gianfranco Cercone
Un saluto agli ascoltatori di Radio Radicale le stare e l'occasione per riscoprire dei film che si sono persi durante l'anno
Così opportunamente certo sull'onda delle tragiche cronache recenti è stato ridistribuito nelle sale poche ma anche in effetti da prima offrite italiana di questo film era stata piuttosto defilata
Il primo e di un regista arabo di origine in parte palestinese ma residente in Francia che si chiama l'anima sala e il film che il suo primo lungometraggio si intitola gira Fatah
Di questo film ambientato quasi interamente nei territori palestinesi
Segnalo subito un aspetto da un punto di vista artistico incerto assai ingenuo i personaggi israeliani sono tutti ottusi e allo stesso tempo o molesti o prepotenti o violenti
Gli arabi palestinesi sono invece conviviali ironici saggi pazienti
E se puramente seppure comprensibilmente esasperati dalla convivenza con un vicino siffatto
Che oltretutto è costituito spesso da uomini armati lo rivolgono mai loro una cattiva parola i più piccoli e piloti diamo pietre contro i soldati israeliani ma quando il padre il sorprende in quest'atto uno di loro lurido arguisce severamente
Ora se gira Fatah si esaurisse in questa contrapposizione di caratteri sarebbe un'opera di propaganda di una faziosità e dunque di una irrealtà così evidente da far sorridere
Ma il racconto poi e costruito intorno a un'idea originale e suggestiva
Nel corso di un bombardamento israeliano i propri Nuzzo palestinese nuove una giraffa maschio e la giraffa femmina che conviveva con lui nella stessa gabbia da quel momento si rifiuta di mangiare
E non vuole più mangiare nemmeno il figlio di dieci anni del veterinario di quello zero che la giraffa morta come a quella superba site era particolarmente affezionato
Insomma la morte della giraffa eh
L'evento in cui del microcosmo dello zoo sembrava precipitare
Lo stato di guerra latente ancora latenti tra israeliani e palestinesi voglio dire che diventa il segno di un dolore accumulato per troppo tempo e ora diventato insopportabile
Beh rifiuto di mangiare da parte del bambino
Almeno da parte sua non esprimere il desiderio di morire ma è un appello rivolto al padre prima di tutto un appello silenzioso
A questo pater troppo forse troppo tollerante troppo inerte perché alla fine faccia qualcosa
E il padre raccoglie l'appello il film è anche la struggente storia d'amore tra un padre un figlio non so in crisi e non è possibile acquistare una nuova giraffa maschio
Ma gli arabi nel film e sono tutti solidali fra loro e i poteri Caio palestinese non fatica troppo convincere un collega veterinario arabo perché lavora pericoloso israeliano a fargli trafugare da quello zoo una giraffa maschio
Ora le immagini delle giraffe nel film sono tutte belle creature milestone sì aerei quasi surreali sembrano le depositarie di una saggezza superiore che gli uomini hanno perduto
Ma il momento più bello di tutti è proprio l'ingresso della giraffa israeliana sul territorio palestinese sulle proprie Zampi attraverso uno stretto parco nel muro che divide le due zone la giraffa si chiama Romeo
E la giraffa con cui entra convivere si chiama Rita mai riferimento a Romeo e Giulietta evidente
Apparizione della giraffa sembra incarnare un sogno di fratellanza e di pace
Che tanto gli israeliani quanto gli arabi magari senza saperlo dovevano occupare in cuor loro perché entrambi insistono all'evento sbalorditi e commossi e la scena può commuovere anche gli spettatori del film
Che vi ricordo si intitola giraffa Ada e lo ha diretto Rani Marsala un saluto da Gianfranco Cercone
E sono le nove ventiquattro minuti allora siamo in chiusura del nostro notiziario diamo uno sguardo veloce alla quello che prevede la programmazione di Radio Radicale allora innanzitutto al termine come sempre delle notiziario la replica di stampa e regime curata stamane da Marco tale da lasciare dieci e quaranta circa
Ascolteremo a un conferenza stampa di Francesco Nitto
Palma sui lavori della Commissione Giustizia del Senato di cui tra l'altro Presidente sull'incontro di una delegazione di Forza Italia con il ministro
Della giustizia Orlando a seguire sentiremo la Commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale con nell'audizione di Carlo Cottarelli del commissario la spending review
Alle tredici mila euro
Scusatemi lo speciale Commissioni
Dice Federico Punzi e Roberta Iannuzzi la nostra rubrica dedicata ai lavori delle Commissioni di Camera
E se in atto e a seguire radio migrante di Andrea Bill AO alle quattordici alle venti e trenta gli appuntamenti con
I notiziario di radio radicale e poi ancora le rubriche alle quattordici e trenta l'Associazione Luca Coscioni con il maratoneta
Alle quindici e trenta torneremo farvi ascoltare in differita la seduta della Camera dei deputati del ventotto luglio
Se così però alla diciannove e trenta il
Dibattito ventisei mila firme per diretta vecchio ritirati il calcio italiano razzismo seconde generazioni necessità di cambiamento e poi ancora le ventuno all'appuntamento vincolo speciale giusti sia che come sempre e a cura di Bruno Ruggiero il sabato loro di Cindia di Claudio la
Anzi alle ore ventitré è a ventitré e trenta visto dall'America di Lorenzo rendi a mezzanotte
Per
La lettura delle prime pagine dei quotidiani allora vi ricordo domani alle diciassette l'appuntamento della domenica
La conversazione settimanale con a Marco Pannella in studio parte Hervé Celio ricordiamo che è sempre attiva la nostra meglio ascolto chiocciola Radio Radicale punto it chi dove potete scriverci
Commenti dirci che ci ascoltate o anche farci delle domande e per gli ascoltatori di Roma e Lazio potete seguirci sul canale del digitale terrestre ottocentotredici Radio Radicale
Tv allora adesso stampa e regime la replica