13AGO2014
rubriche

Stampa e regime

RUBRICA | di Massimo Bordin Radio - 07:36. Durata: 1 ora 17 min

Player
Puntata di "Stampa e regime" di mercoledì 13 agosto 2014 condotta da Massimo Bordin .

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 1 ora e 17 minuti.
07:36
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Buongiorno agli ascoltatori e così l'appuntamento con stampa e regime rassegna stampa di Radio Radicale allora
Le le prime pagine di quotidiani oggi rimandano senza dubbio
Al dibattito sul economia
Solo che c'è una inversione di
Di attenzione rispetto ai
AIM Maina i filoni attraverso i quali si può affrontare il tema che è quello dominante oggi a dominare un tema antico che fra l'altro poi appunto perché
Ormai l'attenzione ancora una volta
Furono i radicali i primi
A proporrei con forse eccedendo anche la attenzione le firme dei cittadini quasi vent'anni fa ormai si può dire
L'articolo diciotto
Sono passati appunto a
Diverso ed è passato diverso tempo quindi non è detto che la questione debba riproporsi esattamente nei termini in cui si poneva quindici vent'anni fa
Però sta di fatto che questo può essere anche un buon test per i tempi di reazione politica in Italia
Cioè quanto dura la soluzione di una Ovo o la decisione su una questione
Quasi un ventennio perché
Siamo nel due mila e quattordici ed è alla fine degli anni Novanta che i radicali cominciano a proporre cominciano a proporre il tema e quelli di possiamo dire quindici anni ma forse qualcuno di più
Questo ragionamento però non lo trovate su nessun giornale quindi però propone subito stampa e regime
Quindi è l'articolo diciotto il l'atteggiamento del Presidente del Consiglio che fa presagire quindi una scelta forse già fatta lo diceva ieri libero
Oggi lo dice anche la stampa i e questo mette in secondo piano gli altri due grandi filoni da un lato il rapporto con l'unione europea
Di cui però pure si occupa per esempio il Corriere della Sera con l'editoriale di Antonio Polito un
E un intervento oppure significativo di di Enzo mo'avevo milanesi
E poi il lo spettro che viene evocato dagli economisti cioè la deflazione
Il fatto che i prezzi non aumenta romane intanto calano i consumi senese
Se ne parla parecchio c'è poi un tema politico
Che riguarda invece che già ieri era in qualche modo annunciato dai quotidiani ed è la possibilità che il clima
Di
Larghe Sennori intese condivisioni
Pur nella differenza dei ruoli fra maggioranza e una parte dell'opposizione cioè Forza Italia cioè Berlusconi
Si allarghi dalle riforme costituzionali ed elettorale ai temi dell'economia e poi c'è un grande non detto quello della giustizia
Da questo punto di vista quindi c'è un tema tema politico che coinvolge anche il dibattito interno ai parte
I tipi particolare Forza Italia e e PD però in mezzo anche sui molto più piccolo che anche il nuovo centro destra
Di Alfano che è quello che rischia di essere stritolato da questo tipo di situazione politica quindi queste sono
Lei notizie di apertura di quotidiani e del e dei temi poi della politica
Quanto da politica interna quanto alla politica estera invece a fare la parte del le ore la situazione in Iraq
E il tema oltre diventato anche oggetto di dibattito anche forte fra Barack Obama e Hillary Clinton
Futura candidata
E nella una espressione che viene
Usate del
Degli seri intende o fa finta di intende se ne
A proposito delle operazioni strategiche che hanno caratterizzato il fine del secolo scorso e l'inizio di questo
Boss on the ground degli stivali sul
Sul terreno l'intervento di terra in
In parole povere la fanteria come siti diceva nell'Ottocento
Su questo vi segnaliamo subito e stiamo già arrivando alla prima pagina di Strampelli gmail quella che si occupa dei
Di quanto i giornali parlino dei radicali ecco c'è un dibattito e le acque e il così della cosiddetta tecnica del doppio editoriale o comunque del
Del di due versioni offerte ai lettori con lo stesso spazio che parte in prima pagina
Su questa questione poi lo vediamo più in dettaglio cioè un
Sì all'intervento di terra sul tra prime pagine delle cronache delle garantista è firmato da Valter Vecellio che abbiamo appena sentito parlare di un altro argomento però
Nella
Nella sua nel suo editoriale del su Radio radicale una volta alla settimana
E poi quindi Vecellio per il sì e Lanfranco Caminiti con la firma di garantiste
Invece per il no vedremo voi i due interventi che sono naturalmente entrambi interessanti ma siamo già arrivati con questo alla
Prima pagina di stampa e regime dedicate ai redditi ieri e allora abbiamo due notizie importanti tediarvi
Per darvi subito ed è sono le seguenti intanto la questo però Jalou conoscete la radio radicale però anche qui sul garante Istria uniti in prima pagina un intervento di Rita Bernardini
In cui annuncia di avere
Sospese lungo il interrotto il
Satyagraha lo sciopero della fame che conduceva da quarantatré giorni
ENI dunque cominciamo proprio da questo articolo il Ministero della giustizia scrive Bernardini esaurisce una delle richieste dei radicali
Difatti ha fornito sul sito giustizia punto it i dati carcere perché arciere delle capienze effettive civili e dei detenuti presenti
Al quarantatresimo giorno di sciopero della fame e posso dire con una certa soddisfazione che il ministro Andrea Orlando ha accettato la proposta che avanziamo da mesi
Che è quella di mettere on line sul sito carcere perché è facile né capienze regolamentari piano i posti effettivamente disponibili detenuti presenti
Certo non accettato di mettere on line tanti altri parametri dei singoli istituti che sono essenziali per misurare la corrispondenza della detenzione i dettati della Corte costituzionale
E alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo della cui violazione nostro stato è stato ritenuto colpevole con la sentenza pilota dell'otto gennaio due mila tredici la cosiddetta sentenza Torregiani
La disponibilità di questi dati e comunque talmente importante per il diritto alla conoscenza dei cittadini
Da portarmi alla decisione di sospendere temporaneamente il mio Satyagraha che prosegue con l'impegno di Marco Pannella e di centinaia di cittadini per prima cosa do atto al Ministro della Giustizia che seppure con l'aiuto della Corte Costituzionale autrice della sentenza
Che ha abrogato la legge Fini-Giovanardi sulle droghe
è riuscito a ottenere la diminuzione di alcune migliaia del di poter la popolazione detenuta lo ha potuto fare grazie provvedimenti già messo in campo dei ministri che lo hanno preceduto in particolare Anna Maria Cancellieri
E ad altri troppi essi e asistematici lì licenziati durante il suo mandato l'onorevole Orlando ha rivendicato di aver ottenuto questo risultato senza ricorrere come avevano chiesto Presidente della Repubblica e una delegazione dell'ONU
Che ha visitato recentemente l'Italia a provvedimenti di clemenza che ad avviso dei radicali avrebbero invece consentito da tempo di rispettare l'obbligo di eseguire una pena umana e non degradante
Dimenticando inoltre che un provvedimento di amnistia che non le ricariche continuiamo a chiedere consentirebbe nel penale e con serie positive ripercussioni nel civile
Di abbattere in un sol colpo buona parte della mole di oltre cinque milioni di procedimenti
Quanto ai dati forniti vediamo perché ci sarebbe un bell'invito a pranzo del ministro urlando al caso di Trilussa davanti a un bel pollo arrosto dei quarantanove mila novecentottantasette posti regolare
Regolarmente mentali dei centonovantanove istituti su duecentoquattro censiti dal DAP i posti effettivamente disponibili sono sono quarantacinque mila settecentottantaquattro
Occorre sottrarre infatti tutti quei posti inagibili per lavori in corso ristrutturazioni o chiusure per mancanza di personale ammontano in totale a quattro mila duecentotre pertanto
Al trentuno luglio nelle nostre carceri c'erano cinquantaquattro mila seicentosessantotto detenuti in quarantacinque mila settecentottantaquattro posti
Con una chiarezza di otto mila e dispari posti il tasso di sovraffollamento e del centodiciannove per cento
Il sovraffollamento dunque di circa il centoventi per cento già di per sé drammatico perché vuol dire che centoventi detenuti devono spartirsi lo spazio di cento lo è ancora di più se facciamo entrare in scena Trilussa
A recitare la sagace poi sia la statistica secondo la quale un povero Cristo vedeva segnarsi dalla statistica un polo annuo che lui non vedeva nemmeno dipinto mentre un altro fortunato di poli se ne mangiava due
Ecco se prendiamo in considerazione non tutti gli istituti
Ma gli ottantanove che registrano un sovraffollamento superiore al centoventi per cento scopriamo che per ventisette mila ottocentoventotto detenuti il tasso di sovraffollamento e del centocinquanta per cento un centoquarantanove virgola quattro
Domani pubblicheremo tutte le tabelle carcere perché riceve annuncia il garantista questa la prima notizia suo funerale battaglie radicali che come dice Bernardini continua
E a proposito di battaglie radicali qui passiamo ad una battaglia soprattutto in termini di diritto e portata su
Sulla terreno del diritto corrette sentenza
Della corte costituzionale
Dalla Associazione Luca Coscioni della sullo Segretario Filomena Gallo veniamo alla questione dei
La legge quarantaquattro cioè ci sono due articoli da segnalare anche sui radicali non vi sono citati
Da un lato c'è il foglio che dedica alla questione un editoriale il foglio a posizioni sulla legge quaranta molto vicine
A alcuni di diciamo per comodità solo per comodità dell'avvenire della Chiesa della
Di di alcune di alcuni
Settori di forze politiche ed Eugenia Roccella
E
Però il secondo degli editori del foglio già a pagina tre un titolo la non mia è solo eterologa il sommario chiarisce
La sospetta corsa dei legalistico Sutu dei legalistico su tutto sulla fecondazione sine legge già si capisce qual è il tema che sviluppa a questo editoriale
Forze politiche che hanno un
Su altri temi una atteggiamento ultra leghista invece dicono non c'è bisogno di una legge per la
Fecondazione assistita ciò è sospetto dice il
Il foglio però però però c'è un problema che a questa
A questo gruppo di
Di
Di contraria al
All'intervento del parlamento in materia
Sì aggiunge che oggi il ministro di Giustizia lo nota solo il Ministro scusate della sanità
Non lo ha da solo il Messaggero a pagina sedici con un titolo di un articolo evidente eterologa retromarcia della Lorenzini nero
è illecita anche prima della legge
Il Ministro della salute annuncia nessuna sanzione per chi pratica la fecondazione con dei neocon donatore ma l'Adelchi richiama disciplinata e questo però bienni
Richiesto qualche anche dalla
Associazione Coscioni che però
Appunto al condotto fino a ieri fino a quello che vi abbiamo letto ieri
O una battaglia proprio sul faccio una questione importantissima sul fatto che non ci fosse alcun bisogno
Di Molina interventi di un blocco della per la pratica della fecondazione medicalmente assistita
Prima dell'intervento del Governo del Parlamento e su questa posizione peraltro col autorevolezza ovviamente maggiore si è schierato anche il Presidente della Corte costituzionale
E a questo punto la retromarcia de
Ministro Lorenzi era quasi il con appassiona obbligato c'è stato ce lo dice il Messaggero capaci sì
Ecco questi erano i due temi di prima pagina di
Stampa eleggibile segnaliamo altri altri due con un'altra cosa perché ieri avevamo messo in prima pagina c'è un intervento del Presidente dell'Assemblea capitolina cioè della
Eccetera del consiglio comunale di Roma
Sul tempo che replica alla iniziativa
A cui il tempo dato risalto con una risposta ieri che il Sindaco Marino
Del tesoriere del partito radicale transnazionale Maurizio Turco dirigente Diego sa Battinelli che
Replica dicendo che l'Aula è trasparente non c'è niente da nascondere si tratta del la questione sono i report pubblicati sulle singole delibere nelle quali appare solo il numero di Consiglieri favorevoli e contrari ma non i nomi
E quindi come hanno votato voi Consiglieri
Il Presidente dell'Assemblea del Consiglio del consiglio comunale di Roma Mirko Coratti dice
DIA per cultura da sempre sono aperto alle innovazioni e i cambiamenti sono pronto a discutere tutti i miglioramenti da apportare gli iter consolidati della burocrazia sono dell'avviso che anche la Commissione Statuto e Regolamento esaminerà eventuali modifiche
Da promuovere al fine di adeguare l'laddove ne riscontrasse la necessità il Regolamento
Dell'Aula e
La la la questione sollevata datur co sabati lei era che
Cittadino
Non sapendo come hanno votato i singoli
Consiglieri proprio per un ricorso carte però dell'Aula alle alle votazioni segrete su larga scala viene un po'impedito nell'anzi viene impedito a formarsi un'opinione
A a proposito della
Dell'espletamento del mandato da lui conferito ai
Consiglieri che ha votato come al consigliere che ha votato come preferenza
Tema non non irrilevante va bene così possiamo concludere la prima pagina non recitazione di radicali me ne avremo altre brevi nel corso della
Della rassegna stampa e adesso vediamo invece i temi da cui siamo partiti quelli delle prime pagine e cominciamo dalla questione
Che ieri dominava oggi un po'meno di rapporti fra Italia e Unione europea
Oggi il Corriere della Sera dedica all'editoriale alla questione con Antonio Polito il perimetro della sovranità questo il titolo
E la quarta estate di ansia per la nostra sovranità e della Quarta di seguito in cui ci accorgiamo che il Governo ha sbagliato i conti e la ripresa era un miraggio e che non cresceremo affatto
Nella prima estate c'era Berlusconi nella seconda bene molti poi letta overheads
Cambiano vorticosamente i premier ma i problemi restano uguali come la crisi in cui è è piombato il nostro Paese alla fine del tunnel c'è sempre l'identica alternativa o ce la facciamo da soli o qualcuno lo farà al posto nostro perché l'Italia è troppo grande troppo intrecciata
Si ritrova la sua sorte con quella dell'intera Europa per poter fallire
Il tema della sovranità è tutto qui meglio farlo noi o lasciar sulle imporre agli altri
La risposta sembra scontata è meglio farlo noi e per questo che abbiamo cambiato quattro Governi in quattro anni
Ma arrivati al punto in cui siamo al debito in cui si
Alla recessione in cui siamo il dubbio che serpeggia in Europa lei ce la faranno mai da soli
Per fare da soli ci siamo sottoposti a grandi sacrifici che hanno reso ben presto impopolare chiunque abbia governato ma se avessimo chiesto aiuto avremmo pagato un prezzo molto più alto
Tutti i Paesi che l'hanno fatto perfino gli stipendi degli statali sono stati tagliati Spagna e Portogallo si stanno si riprendendo Marco su di uno shock sociale che chi governa l'Italia ha il dovere di vite
Perciò ha ragione Renzi come altri premier prima di lui quando dice con orgoglio che ciò che c'è da fare lo decidiamo noi è esattamente questo il perimetro della nostra sovranità infatti
Ci conserva la libertà di decidere sul tasse speso e pensioni mercato del lavoro ma è limitata da due colonne d'Ercole oltre le quali non possiamo più andare
Da un lato ci sono i trattati da noi veramente firmati che ci dicono
Di quanto possiamo indebitarci ogni era
Dall'altro ci sono i mercati che ci dicono quanto costa indebitarci premiare
Dunque la nostra sovranità non è limitata da Bisceglie ma dal nostro debito
Anzi per essere più precisi dal credito che ci danno i risparmiatori tutto il mondo e chi ne gestisce i capitali
Siccome il nostro debito è in me nella nostra sovranità è già molto limitata ogni volta che ci servono soldi ne perdiamo un pezzo
Meno ne chiediamo più liberi si erano ma se non ricominciamo a produrre ricchezza e le volevo chiedere sempre di più
Per nostra fortuna stiamo vivendo un momento magico dei mercati nonostante nubi nere che si aggirano per l'Europa si mantengono calmi ma non c'è bisogno di essere un gufo perché vivere questa bonaccia può finire da un momento all'altro
E allora ecco dunque un'ottima ragione percorrere sbrigarsi a fare ciò che va fatto non è un braccio di ferro con io Ongher per avere uno sconti fino
Non è questione che si possa risolvere all'italiana con un po'di furbizia e qualche nodo puntata
Se continuiamo ad aspettare passivamente una ripresa che poi resta zero sotto zero se continuiamo a illudere scelte difficili definendone inutili totem
Se non c'è alcuna speranza di reggere il nostro deficit sopra la linea di galleggiamento
In un mondo nel quale merci e capitali circolano liberamente ed globalmente è sovrano solo chi è forte
E noi stiamo diventando troppo deboli per vivere un'altra estate così
E questo articolo è molto chiaro esplicito nelle sue conclusioni può servire non è detto che tutti siano d'accordo naturalmente
Però come chiave interpretativa rispetto a quello che poi si vede nelle
Nelle altre parti del giornale e ovviamente anche degli altri giornali a proposito di due temi che Polito espliciti diciamo pure esplicitamente come i temi solleva
Cioè quello dei dei totem ed è il termine che in volo via per
Parlare dell'articolo diciotto
E poi del ripresa che sia spetta ma non arriva
Così dunque Antonio Antonio Polito ci sono allora la questione della della troika esso invece arrivano
Ecco il giornale ieri vede già dietro l'angolo e così fu ha il titolo della prima pagina
è il fatto Quotidiano i consumi vanno a picco la troika dietro l'angolo e sono le pagine due e tre i dedicate alla questione
Mamma mia arriva la troika e l'articolo di Marco Palombi
Ecco come Latteria debba anche a Centrale Europea Fondo monetario internazionale e Unione europea potrebbe commissariare l'Italia e cosa ci sarebbe da aspettarsi
I tre arrivano su invito dopo improvvise crisi del debito quando se ne vanno quel fare patrimonio poco anno se ne vanno UE al fare patrimonio pubblico sono solo un ricordo praticamente lei cavallette
E c'è anche una foto i tre membri della della troika al quelli che già hanno operato in in Grecia il Trio sotto scorta che spaventa mezzo tra Unione europea sono due tedeschi è un danese ad Atene non li amano
Il Governo greco dice è meglio se negoziamo a Parigi
La loro è una vita difficile la pattuglia degli euro creativa e viene fra all'Hilton di Atene e i Ministeri dove negozia Italy sempre sorvegliata dalla polizia la popolarità
E necessariamente bassa e così dunque la
La troika dietro l'angolo dice dice il fatto quotidiano attenzione perché
Sì naturalmente
Una certa è una certa drammatizzazione eque l'articolo sui beni in black chiede
Del della velocità su questo
E e comunque ben fatto c'è però una cosa un altro tema che
Forse solo Renato Brunetta che aveva parlato nella
Negli ultimi dieci giorni diciamo
La lettera della unione europea
E le e le aree
Vede per la verità e la Repubblica a parlarne a pagina sei
Però il richiamo il richiamo e i imprime più che una lettera è un dossier
Però la Repubblica è l'unico quotidiano miglia ampio risalto e rischio quaranta miliardi di fondi dell'Unione Europea attenzione quaranta miliardi non è una piccola cifra
Il doppio della manovra sciocche
Che viene evocata da ormai più di un mese sui due dinieghi
Quanti titoli abbiamo visto serve una manovra sciocca e di
Venti miliardi questi questo quaranta se la matematica non è un'opinione il doppio
E vediamo richiesi dirette che Centrella lettere
Ricerche innovazione Agenda digitale competitività sviluppo tecnologico culture Alitalia non è una strategia
Per questo la Commissione europea nella lettera inviata al governo Renzi un mese Frei finora inedite rimandare a settembre il pieno italiano sui nuovi fondi europei relativi al settennato due mila quattordici due mila venti
Respinge al mittente cioè proprio l'accordo di partenariato quel documento chiave che in ogni Paese chiamato predisporre che ogni Paese chiamato di predisporre che l'Italia ha inviato lo scorso ventidue aprile
E allora a pagina sei che insieme a quella successiva dedicata all'argomento con questo lungo articolo di Valentina Conte
E il titolo e il seguente lettera dell'Unione Europea bacchetta l'Italia non avete una strategia a rischio quaranta miliardi di fondi
Documento della Commissione sull'accordo di partenariato nel mirino la ricerca l'innovazione
L'agenda digitale e la cultura e il giudizio molto
è molto severo quello della della unione un dossier però appunto sceglie onestà
Anche questo ci sono c'è una premesso diciamo ripiene russa al dossier
E allora possiamo adesso venire alla situazione economica complessivamente intesa e qui la parola chiave deflazione ne parla il Corriere della Sera pagina quattro
No
Prezzi e consumi fare chiedo scusa
Presso i consumi fermi dieci città in deflazione l'indice del carovita scende in luglio allo zero virgola uno questo civile
Ci dovrebbe indurre a far pensare beh meglio la vita e meno care invece no
Invece però
Perché l'economia non cresce scrive Mario Sensini sul Corriere della Sera inediti e i consumi straniero i prezzi sono fermi
A luglio secondo i dati resi noti dall'Istat ieri i prezzi al consumo hanno fatto segnare un aumento modestissimo rispetto all'anno scorso
Ma anche se in molte città italiane i prezzi si stanno riducendo e così lo spettro della deflazione si avvicina anzi per dieci grandi centri urbani è già una realtà
Quello di luglio e il decimo mese consecutivo in cui l'inflazione tendenziale resta sotto l'uno per cento cosa che non accadeva dal cinquantotto cinquantanove ma allora evidentemente era una vicenda virtuosa
E infatti scrive Sensini allora l'Italia era alle soglie del boom economico il prodotto interno lordo cresceva del sette per cento l'anno
Oggi un'inflazione così bassa si legge come la conferma di una crisi economica profonda
Appesantita da rigore di bilancio e rischia di creare ulteriori problemi agli stessi i conti pubblici
Il Governo che ieri ha incassato sette miliardi cedendo botta un anno ha un tasso di interesse che il nuovo minimo storico zero ventisette per cento non nasconde le sue preoccupazioni
Ma le cose non vanno meglio nel resto d'Europa
In Germania l'indice sulla fiducia degli investitori è sceso per l'ottava volta consecutiva domani sono attesi i dati sulla crescita del secondo trimestre di Francia e Germania fra gli analisti c'è il diffuso un tubo timore di un dato negativo anche lì
Tanto che il Governo di Parigi potrebbe optare per un ulteriore allungamento dei tempi concordati con Bruxelles per raggiungere il pareggio di Bilancio che esattamente quello
Che anche l'Italia ha posto sul tappeto e non da non da ieri in sostanza quindi
Questo articolo ci spiega due voce primo che non c'è un unico indice economico che possa essere preso volete anche giusto che sia così come
Ettari indice che rappresenta la situazione vanno messi in
In parallelo diversi aspetti l'altro che quanto alla questione appunto della stagnazione e della crescita del prodotto interno lordo italiano sta bene ma anche gli altri Paesi cominciano ad avere dei
Anche i più forti dove c'è da dire
Professione una una situazione prive di maggiore assegnazione
Intanto scrive sempre il Corriere Unione europea e in trincea sulle riforme e anche Parigi trema
Il peggioramento della congiuntura economica nel continente sul tavolo della Commissione domani appunto i risultati del secolo
Do trimestre e così il rischio di stagnazione si allarga alla la Francia a questo punto possiamo passare a un altro un altro giornale
Che possiamo ripassare un momento su Repubblica che pure dedica la faccenda due pagine e
Anche qui c'è un'analisi
Una spirale perversa che può inghiottire anche i conti pubblici perché la deflazione scrive Maurizio Ricci
E emergenza europea mai l'Italia rischia di più e qui torniamo all'argomento che toccava Polito nel suo editoriale l'Italia rischia di più perché il suo debito e molto più grande
Il Fondo monetario internazionale in pressing su un Mario creare Draghi per un intervento immediato se il PIL nominale si riduce
Debito e deficit risultano più negativi il famoso tre per cento di deficit scolpito negli impegni italiani diventa così davvero difficili da teneri questa dunque
Diciamo così il clima poi sulle misure da prendere c'è una cosa interessante sul giornale qui cominciamo entrare nel dibattito politico italiano
Una intervista doppio questo non è un doppio livello l'intervista è doppia a due
E spetti di economia di due positiva con due posizioni politiche diverse Renato Brunetta
E invece Enrico Morando il viceministro della economia l'articolato più intervista di Gian Maria De Francesco e a pagina sei del giornale
C'è un punto in comune Frei i due che viene evidenziato nel titolo meno tasse e privatizzazioni ecco dove siamo d'accordo il capogruppo azzurro e il viceministro dell'economia punta
A sgravi fiscali per chi assorbe e anche sul decreto sblocca Italia ci sono
Punti d'unione fra Forza Italia il Partito Democratico
D'altro canto è e Brunetta a evidenziare un paradosso
Di tipo politico legato però alla questione di cui dibattere con il viceministro cioè Brunetta sostiene che nel Partito Democratico convivevano due anime una liberale e una conservatrice
Il a viceministro Morando
Prende invece una posizione più cauta rispetto alle
Diciamo così e alla alla rotazione di Brunetta sulla possibilità di un lavoro comune se non con tutto almeno con buona parte
Del parco o comunque con una parte del Partito Democratico perché dice che la convergenza sulle politiche economiche non è una necessità assoluta quanto al tema questa diciamo così una dichiarazione di carattere
Politico poi sui temi concreti appunto la
Riduzione fiscale le brevi e le privatizzazioni sono però un effettivo terreno comune sottolinea il giornale
Mettiamo da parte un attimo questo il tema politico quello delle possibili convergenze sull'economia fra maggioranza e questo pezzo dell'opposizione andiamo a vedere invece la faccenda del lavoro e in particolare dell'articolo diciotto il totem
E allora
Perché questa parola riprende grande foga
Per esempio il titolo della metà di apertura del Messaggero Renzi l'articolo diciotto è solo un totem
Il premier replica dal fare no l'abolizione dell'articolo diciotto è un tema ideologico riscrivere Emo lo Statuto dei lavoratori
Nel governo c'è tensione Berlusconi dice siamo pronti a collaborare ecco questi sono
Questo è un poco in per titoli proprio il
E il tema adesso vediamo rapidamente cosa c'è di
Di interessante se il Corriere della Sera vi dedica alle pagine immediatamente successive alla prima
Allo Statuto troppo allo Statuto cambierà
C'è poi un intervento del vice segretario dell'un'intervista del vice segretario del PD
Che il che dice il vice segretario
Del PdL verso Guerini che assicura e di lo Statuto dei lavoratori cambierà ma nel decreto sblocca Italia non c'è spazio per la modifica dell'articolo diciotto
C'è un problema di metodo temi così delicati e significativi non possono essere buttati dentro la discussione infilando un emendamento in un decreto in corso di conversione
L'articolo diciotto c'entra poco con la materia in oggetto e si rischia di accendere una polemica dove ciascuno di noi pianta bandierine ma non si fanno passi avanti
Il nuovo centro destra e Forza Italia fanno ANAS però nota Monica Guerzoni che lo intervista
Sprona Lorenzi ad abbattere il totem che da anni fa litigare destra e sinistra
Noi non vogliamo concentrarci sui simboli replica Guerini stiamo lavorando a una riforma complessiva molto ambiziosa job salta ha avuto un primo passaggio col decreto bulletti un secondo passaggio con la delega al lavoro
A settembre al Senato riprenderà la discussione su quel provvedimento che in sé una grande portata riformatrice
Alfano spinge per depennare l'articolo diciotto entro il ventinove agosto no i tempi sono quelli che abbiamo già detto ci confronteremo assetti perché
Per rompere definitivamente il tabù dell'articolo diciotto Renzi sfiderà la CGIL come aveva fatto già durante le primarie
Noi non sfidiamo nessuno replica il vicesegretario del Pd però vogliamo lavorare per realizzare senza indugio le riforme di cui il Paese ha bisogno
è nostra intenzione portare a casa la riforma complessiva del lavoro che il Governo ha dichiarato fin dal principio insomma l'articolo diciotto come lo conosciamo non esisterà più
L'ambizione repliche ai vicesegretario democratico e approvare la delega al lavoro e dentro questo percorso
Ci confronteremo con coraggio e senza pregiudizi non ci interessa rimanere aggrappati a totem ideologici dobbiamo mettere al centro il tema del creare lavoro
Sapendo così sapendo cosa ci ha chiesto in questi anni l'Europa e cosa è contenuto nella nostra proposta complessiva di cambiamento che ha due che riserva dopodiché l'inserimento a lavoro con tutele crescenti
è un passo gli aventi sostanziale e molto
E molto coraggioso la
Parola chiave in questo caso le tutele crescenti
Forse l'aggettivo addirittura
Al quarto al rischio di spaccatura assolutamente no la collaborazione col certo nuovo centrodestra e le altre forze che sostengono il Governo e positiva
Ci ha consentito di a di raggiungere risultati importati da Forza Italia entrerà al Governo Forza Italia ha risposto all'invito di scrivere assieme le riforme costituzionali e la legge elettorale
Altro è il piano della responsabilità di governo che è completamente distinto è un perimetro ben chiaro un perimetro che esclude Berlusconi
Forza Italia all'opposizione non fa parte della maggioranza te questo punto di vista il discorso e chiuso
E allora qui come vedete resta il doppio la doppia chiave quella politica e quella poi strettamente
Diciamo tecnica
E
Estero vedo un po'sfumati tutte e due per la verità allora ecco in questo caso non resta che affidarsi hai reso oscene cominciamo da Repubblica
Francesco Bei e Carmelo papà stavolta hanno unito le forze per fare il retroscena la sparata di Angelino Alfano sull'articolo diciotto in privato Renzi non gli dà peso con uscita per cercare visibilità
Come abbiamo visto in pubblico il vicesegretario del partito ancor meno insomma
Il premier non crede che il nuovo centro destra abbiate forse per sfilarsi o per imporre una linea di rottura sul tema politicamente delicato che scadeva immediati riflessi difensivi della sinistra del PD e della CGIL
Eppure qualcosa nel Governo si sta muovendo anche se l'uscita del leader del nuovo centrodestra rischiato di compromettere un'operazione che Renzi e Poletti pensano di gestire con tempi più lunghi
Il piano infatti esiste e passa anzitutto dalla legge delega sul lavoro che il due settembre inizierà la discussione in Senato si sa bene che in Parlamento l'abolizione delle tutele dell'articolo diciotto
Non passerà mai per questo l'idea e quella di allargare molto il perimetro della delega al Governo
Tanto da includervi quella revisione del contratto di lavoro a tempo indeterminato
Per cui già faceva cenno il decreto Poletti
Quando in Commissione lavoro presieduta dal Fagnano Sacconi paladino dell'abolizione dell'articolo diciotto sì discutere all'articolo quattro della delle idee
Il governo punta a specificare che debba appunto includervi la previsione di un nuovo testo unico sul lavoro in sostanza un nuovo Statuto dei lavoratori
Che ebbe proprio la forma giuridica di un testo unico
A quel punto il casello autostradale sarà aperto la macchina del Governo potrà andare a tutta velocità verso una revisione completa della materia tramite decreti delegati articolo diciotto compreso
Che potrà essere ulteriormente indebolito cancellato del tutto a fronte di un allargamento delle tutele del lavoratore che perde il lavoro e degli atipici e di un forte investimento sui servizi per l'impiego
Una cosa cioè con una condizione molto vantaggioso i decreti delegati saranno sottoposti al parere non vincolante delle Commissioni parlamentari
E quindi nessuno potrà opporsi
I tempi entro l'anno prevede Sacconi puntiamo ad da ad approvare in Parlamento un'ampia delega al nostro Governo a quel punto i decreti delegati su cui mi risulta che stiano già lavorando potranno arrivare presto prestissimo anche a gennaio
Se questo è il piano Angelino Alfano al momento può fare buon viso a cattivo gioco
In fondo ragionava ieri con i suoi con i suoi il Ministro dell'interno
Renzi sia appropriato della mia definizione di totem a proposito dell'articolo diciotto e pur con tutte le perifrasi del caso ha dichiarato tramontato lo Statuto dei lavoratori
Insomma è che la riforma è ridicolo sblocca Italia del ventinove agosto e con la delega politiche dal faro conta poco l'importante è che grazie a noi se ne sia cominciato a discutere e come no infatti l'articolo diciotto
In questo Paese non si era mai discusso non ci voleva farlo per discutere
Bisogna fare sempre più singolare fra l'altro si è
La grande vittoria sui libri l'acquisizione del titolo nera terminologie di carattere giornalistico in sostanza il totem va bene fare lo ha inventato la
La la immagine del totem non è vero neanche questo vanno fatti
Ad ogni modo questa
Questa questo retroscena di dire pubblichiamo un po'taglia la testa al toro rispetto a quello che
Si era già letto nei giorni scorsi e che si continua a leggere oggi però naturalmente il dibattito di parte
Attenzione perché non ci sono solo
Sindacalisti delinea ricevuti a
A si fa per dire allora
Che difendono l'articolo diciotto ci sono anche c'è anche il meglio del sindacalismo italiano vero fra
Almeno del sindacalismo di una volta scorrendo sindacato incontrava anche di più
Ed è Pierre Carniti ex leader prima della FIM e poi il scissi che dice chi vuole l'abolizione non ha mai visto una fabbrica vanno creati nuovi posti di lavoro
Periodicamente si sostiene che l'articolo diciotto dello Statuto dei lavoratori blocca la ripresa economiche è d'accordo
Mi pare una tesi un po'demenziale risponde che riuniti di quelle che animano la discussione sotto l'ombrellone per fare due chiacchiere con il vicino eppure la sostengono fior di politici ed economisti
Mi dica quanti di loro hanno mai visto una fabbrica sono tutti esperti professori perché a Riga ma la realtà molto spesso è diverso da come la si studia ma ammetterà che lo Statuto dei lavoratori è nato in un momento diverso dall'attuale non è venuto il momento di cambiare
Certo il periodo storico ed economico adesso è diverso
Si era la fine degli anni Sessanta l'Italia era in pieno boom economico c'era oggettivamente meno precarietà di oggi
Io non sono mica contrario ad ammodernare le norme
Solo vorrei che si evitasse di aprire una discussione rovesciata perché è abbastanza strano che per affrontare la crisi per mancanza di lavoro si parta dall'articolo diciotto il lavoro va creato vanno promossi gli investimenti
Se si riuscirà a fare questo poi ci si potrà mettere intorno a un tavolo e discutere dell'articolo diciotto
Non servono dei lavoratori va aggiornato ma l'aggiornamento dovrebbe servire per aumentare le tutele anche a chi oggi è precario
Dunque non è vero che lo Statuto blocca la ripresa ma per piacere Oil oggi metà dei lavoratori italiani vive il senso alle tutele dello Statuto e non mi pare che questo abbia
Posto le premesse per una vigorosa crescita dell'economia
Discussione ideologica dunque direi teologica piuttosto del tipo lei crede in Dio Cerchiara future rivederci e chi no ma il dibattito finisce lì
Chi sostiene che l'articolo diciotto blocca la crescita fa un ragionamento simile lo sostiene e basta a prescindere dalle dimostrazione
Così dunque
Verrebbe la voglia e l'Italia di febbraio per questo ho avuto il dibattito francamente inutile però
No in realtà poi ci sono anche
Questioni interessanti per esempio ecco
è sicuramente interessante la quello un'altra doppia cosa quella sul garantista a proposito di
Visti gli articolo di
L'otto l'ex Ministro Damiano e uno dei massimi esperti dell'aria
I desideri del del
Di quando era del PdL era uno dei ma quando era il PdL Giuliano Cazzola ed è uno dei massimi esperti di questi temi
E festa del paniere che sono importanti modifiche sostanziali dolente non è necessario mantenere l'articolo diciotto ecco questo dibattito viene presentato perché abolirlo
Giuliano Cazzola perché tenerlo cioè essere Damiano
Forse questo sul garantista e il dibattito più
Più approfondito sull'argomento quanto invece alle scelte del Governo quello che già ieri scriveva libero oggi è a pagina due della stampa
Che pure vi fra il titolo di apertura cioè un articolo di Alessandro
Berbere a nell'accordo è a portata di mano via alla tutela per i nuovi assunti era un po'quello che ieri diceva libero
Pd nuovo centrodestra favorevoli a una sperimentazione triennale
Questo per il primo ministro doveva essere veri Matteo Renzi insomma doveva essere la riforma chiave però divide l'aspetto come si dice di visivo sedici almeno così così è invalso
Della del tema e forte ma ecco anche libero oggi
Dà anche una chiave di lettura a proposito delle profferte di Forza Italia e rispetto allora del Governo
In realtà più che sull'economia in generale è proprio su questo tema l'offensiva di Berlusconi
Berlusconi si butta sull'articolo diciotto dell'articolo di Paolo Emilio Russo
Coraggio i voti li mettiamo noi il Cavaliere sacche il PD si staccherà sull'abolizione della norma sui licenziamenti ed è pronto ad andare in soccorso di Renzi se resta solo non avrà i numeri
Attenzione però perché
Quella retroscena Di Bello papà sulle pubbliche a spiega al lettore che a un certo punto l'iter della riforma complessiva
Vai passerà sostanzialmente il Parlamento con alla logica dei decreti delegati allora non ci sarà bisogno
Diciamo del soccorso azzurro sul libero c'è anche un'intervista Giuliano Cazzola che spiega perché a suo parere sbagliato cancellare l'articolo diciotto solo per i nuovi assunti ma
Appunto la tutela viene ritenuto mai inutile
Da Cazzola la le altre l'altra questione o intanto ieri c'è stata adesso procederemo un pochino più a passo spedito e cercheremo di arrivare subito alle questioni di politica estera però ci sono
Un paio di cose ancora da vedere intanto non è da sottovalutare sui
La lì con l'ennesimo incontro fra Renzi il Presidente della Repubblica da questo punto di vista e il Corriere della Sera a
Fornire al lettore l'informazione ecco l'informazione in più
Analitiche con Marzio Breda
Il Quirinale le priorità per l'economia ha seguito con massima attenzione la sequenza di stime quasi tutte negative di avvertimenti quasi tutti senza appello sulla nostra economia
E lo ha ovviamente colpito anche il nonché le si vuole botta e risposta tra Mario Draghi e Matteo Renzi sulle riforme che dobbiamo ancora fare e con la massima urgenza
Analisi e previsioni in altalena ma per lo più impietoso e nel descrivere la nostra recessione di cui il Presidente della Repubblica parlerà molto probabilmente oggi con il premier in un faccia a faccia destinato a mettere a fuoco i capitoli principali dell'agenda autunnale del Governo
Sono tutti una legge di stabilità quella che un tempo si definiva finanziarie che considera di quei brutti numeri dovrà per forza essere corretta più robustamente di quanto preventivato
Lo ha messo nei giorni scorsi lo staff del ministro Padovan e lo sa benissimo pure Giorgio Napolitano abituato a monitorare molto da vicino l'andamento dei conti pubblici cioè attraverso periodici schermi di note informative
I sondaggi con il Governatore di Banca d'Italia Visco e appunto con il Presidente della Banca centrale europea
Fra i suoi più assidui interlocutori in questo campo ora posto che il Capo dello Stato si prepara a offrire il proprio sostegno agli sforzi dell'Esecutivo tenendosi pronto ad affiancarlo anche nel respingere o ogni allarmismo
Resta fermo che voglia conoscere a fondo la direzione nella quale palazzo Chigi intende muoversi per il momento le indicazioni arrivate all'entourage del Presidente si riferiscono in particolare un paio di fronti critici
Con misure che sarebbero già quasi pronte per i tecnici del Quirinale non hanno ancora ricevuto alcuna bozza scritta
Per essere messo in cantiere entro settembre
Anzitutto la riforma strutturale della giustizia soprattutto civile che seppure non avrebbe ricadute economiche immediate potrebbe però parlare agli investitori stranieri
Sempre intimoriti
Dalla complessità bizantina ed ha i tempi biblici del nostro sistema giudiziario in fondendo loro o un po'di coraggio almeno su questo versante
E poi c'è il provvedimento sblocca cantieri o sblocca Italia su cui lei si punta per velocizzare la capacità di spesa in interventi pubblici per inciso
A questo si accompagnerebbe o misure per il governo del territorio e non basta calcolati proiettiva mente gli effetti della recessione in atto l'appuntamento decisivo resta come detto la legge di stabilità
In parallelo alla quale
Sul collo e si aspettano un mix di misure evidentemente concentrate su un contenimento della spesa per conseguire attraverso correzioni mirate
E comunque necessari per rispettare il famoso vincolo del tre per cento
Ed è presto per dire sì a tutto ciò potranno magari accompagnarsi alcuni provvedimenti straordinari sul debito per esempio la cura sciocca ipotizzata dal vi dall'economista Paolo Savona sul Corriere di domenica scorsa non una patrimoniale
Ma con la proposta di un nuovo strumento come una newco per dire dove per non dire poi in fondo Barbanente
Nella nel quale conferire il patrimonio immobiliare pubblico e che dovrebbe emettere obbligazioni da scambiare con i titoli di Stato in circolazione sostituendole una strada suggerite a suo tempo
Quando tale ipotesi era forse più perseguibile da Guerino per tornare a uno stock del debito pubblico nazionale più gestibile di quanto non sia quello che ci ritroviamo oggi
Chissà anche ipotesi di lavoro come queste potrebbero essere oggetto dell'incontro fra Napolitano io grezzi
Che si è mostrato forse troppo ipersensibile al recente richiamo del vertice della Banca centrale europea sulle riforme che l'Italia deve fare così dunque
Così dunque della questione come vedete qua si ritorna pariteticamente
A riproporre poi ce ne sono varie versioni non tutte perfettamente diciamo
Sovrapponibili però la questione in sostanza una manovra sul patrimonio soprattutto il patrimonio immobiliare evidentemente
Che possa servire per
Possa essere finalizzata solo alla
Alla riduzione drastica della masso del debito pubblico questo è
E tema che per la verifica viene evocato ciclicamente
Dai giornali che evidentemente si avvalgono di studi già fatti
Probabilmente anche dalla Ragioneria generale o da altri o da altri
Da altri settori dell'amministrazione pubblica però
Poi c'è il problema se la decisione politica
E questo è un po'il tema l'ultima cosa che scrive Breda che pure interessante un altro tema è probabile che entri nel colloquio fra il Capo dello Stato e Renzi la riforma del Senato che ha superato il primo dei tre pari di parlamentari
Scontata la soddisfazione di Napolitano per quanto si sappia che il testo dovrà fatalmente essere migliorato dall'Aula che alcuni aspetti che presentano appunto qualche vizio formale da sanare uno su tutti il Titolo quinto
Che essi migliorato ma non quanto si poteva prevedere stando al testo originario
E ciò che per le disposizioni generali può far tenersi può far temi tenete medie forse un aumento dei contenziosi con le Regioni un aspetto che anche questo era stato affrontato dai giornali
E allora adesso veniamo alla ai temi politici ma a questo punto facciamo abbastanza presto perché allora le profferte però non di Berlusconi basta prendere
Il giornale pagina quattro cinque abbiamo già visto peraltro un altro articolo dedicato proprio a questo tema
L'articolo diciotto è solo un totem dice Renzi ma intanto stop PAI il soccorso di Forza Italia mette in riga Alfano
Dice anche non solo che sul lavoro ci stanno sull'articolo diciotto ci sta tutto inutile dibattito perché lui il termine vu'cumprà non l'avrei pensato
E poi però nega un asse con Berlusconi sui temi economici dice l'unico patto eh sulle riforme
D'altro canto
Nella pagina a fianco
Adalberto signore parlare delle mosse del
Del Cavaliere e
Il titolo riassume così il pensiero di Berlusconi che almeno il pensiero di ieri
Matteo fa tattica ma sull'economia avrà bisogno di noi Berlusconi e questo forse il passaggio più interessante convinto che i poteri forti
Pentito di commissariare l'Italia come nel due mila e undici quanto ad Alfano dice Renzi lo sta logora do
Ebbene
D'altro canto questo aspetto della
Due mila e undici dei poteri forti contro il Governo e l'Italia si ritrova pure in un articolo di Tommaso Labate sul Corriere della Sera
Berlusconi rivede l'estate due mila e undici i poteri forti contro il premier
Lei schema lieve privi di dall'estero un nuovo attacco al Governo per il leader di Forza Italia l'Italia rischia tantissimo e rilancia la proposta di dialogo sull'economia
Questo è dunque il
Anche l'altro aspetto
Importante della
Anche la drammatizzazione della situazione e anzi Ugo Magherini retroscena che firma per la stampa prima parla e infatti è intitolato I nasce in prima pagina un patto per l'emergenza
Anchise l'immagine la triste e solitario ogni finale è una citazione naturalmente di un grande libro
Senza nemmeno la fidanzata tenergli compagnia Francesca torna oggi dalla Sardegna sbaglia di grosso Berlusconi ad Arcore se la passa benone e attivo e vede un sacco di gente
Non è di di arresto visite a Brunetta baci abbracci col Capogruppo della Camera ieri è stata la volta del consigliere politico Toti e della portavoce Bergamini
Con romani e Verdini sette ogni due per tre la sua scrivania al primo piano di villa San Martino ingombra di carte perché
Nonché di appunti manoscritti perché la ex Cavaliere alla testa concentrata sulle strategie dell'autunno forse mai dei giorni di Ferragosto era stato così preso dalla politica da quando l'hanno assolto per rubrica
Gli brucia la voglia di prendersi la scena e come se i giudici avessero sguinzagliati una tigre
Prima della sentenza si sarebbe accontentato da fare
Di fare da comprimario adesso l'uomo nutre ambizioni sconfinate al punto
Chi più prudenti dei suoi sono costretti a frenarlo accarezza l'ipotesi di proporre arresti un bis del Nazareno però stavolta sull'economia non un semplice aiuto a far passare questa o quella misura come si era vociferato
Tanto meno un soccorso azzurro casomai qualche voto in Parlamento dovesse mancare Novo
L'ex Cavaliere sta ragionando con amici e collaboratori su un vero e proprio patto per l'emergenza da contrattare punto per punto con il PD senza sotterfugi ma alla luce del sole
Pare non pretende in cambio un ingresso di Forza Italia al Governo o perlomeno non deve fare bene così risulta una questione pregiudiziale poiché di regalare ha i suoi tre quattro poltrone in fondo che gliene importa
Berlusconi Silvio c'è idrico l'hanno convinto che la prossima buone notizie deriverà da Strasburgo dalla Corte dei diritti dell'uomo dove è stata impugnata la condanna da condanna Mediaset e dunque
Forse già nella primavera prossima
Sarà in grado di candidarsi alle elezioni
Per cui alla prospettiva ritornare alle urne il quella prospettiva
Allora gli fa meno terrore perché gli italiani sono un popolo strano mutevoli capace di tutto per farla breve Berlusconi non sembra più intenzionato a dare una mano gratis ovvero di favorire Renzi al di fuori di una cornice di risibili dignitoso
Immagino un do ut des esso via libera a certi provvedimenti sono in cambio di certi altri
Pare che in queste ore si sia appassionato l'ha fatta ex suo antico pallino molto lo seduce la manovra Shock suggerita da Capezzone quaranta miliardi di minorità sui due anni
è convinto che certe sue proposte contenute nel programma elettorale due mila e tredici
Siano state copiate con profitto dallo spagnolo ragioni e dal britannico Cameron
Si domanda cosa spetti il governo a piccole aree l'immenso stock del debito pubblico chiaramente bisogna chiedersi sia d'accordo ad allargare un patto limitato a riforme la legge elettorale quando si sono visti l'altra settimana Matteo ha lasciato cadere le avances berlusconiani
E nell'intervista serale a Millennium il premier ed è stato letto di allargare l'intesa per ora non se ne parla nemmeno
Ma lei schiava ieri ha due frecce al suo arco la prima coincide con un'agenda infernale del Governo
Come la
Definite a convegni e immaginifica Brunetta sotto lo sguardo sospettoso dell'Europa delle agenzie di rating e dei mercati il Parlamento dovrà trovare in autunno la riforma della Costituzione della Costituzione l'Italia la nota di variazione al DIEF
La legge di stabilità con annesse misure lacrime e sangue sudore
E infine la delega fiscale in Joyce arte lo sblocca Italia con la coda velenosa sull'articolo diciotto se vuole vedere dice di petto la sfida ragiono ad alta voce Berlusconi Renzi non potrà prescindere da noi
E invece nella stessa pagina viene sentito il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Sandro Gozi che interviste roba che hanno Bertini dice non abbiamo bisogno di nessun soccorso da zucchero
Tagli eremo ma non alle famiglie perché non siamo in emergenza l'articolo diciotto bisogna riscrivere un Codice nato negli anni Settanta adeguandolo alle esigenze di oggi evidente poi che la maggioranza in Parlamento sarà disposta a confrontarsi con tutte le forse di opposizione
E quindi torna netta tema una lettera prese di distanza dalla avanzo forse si sta
Mentre adesso dobbiamo dove procede molto rapidamente quindi procediamo solo per segnalazioni
Quanto alla questione del Partito Democratico ieri c'era un'intervista al Presidente
Del paese del PD Matteo Ruffini e oggi ci sono un po'le risposte
Che si trovano sempre sulla stampa che ospitava quella lunga intervista di ieri e sono quelle di Andrea Romano di scelta civiche o di quel che resta e di Gennaro Migliore tra che ESA di Sinistra e Libertà
E tutti e dove rispondono positivamente alla
Diciamo così alla proposta del Presidente del PD e ad allargare il quadro della
Del Partito
Democratico tutti e due sia Andrea Romano sia Gennaro Migliore tagliata al tendono a posizioni ovviamente molto diverso
Rispondo positivamente perché Romano dice chilo interviste gli elettori scelte civiche hanno già deciso dobbiamo entrare nel Partito Democratico almeno a giudicare dal risultato elettorale quando
Alle ultime europee circa circa Caryl peraltro era già a frantumare tra
Resta quel dieci per cento delle politiche praticamente svanito de larga parte ragionevole pensare sia finito proprio del Partito Democratico come elettorato
Dal suo punto di vista Gennaro Migliore invece dice serve un grande partito di sinistra e di Governo non chiediamo poltrone e quindi
Anche migliore è pronto al TARSU del PD però
C'è un'ultima intervista da segnalare sempre
Di autorevolissimi enti del Partito Democratico in questo caso è quella
Di Claudio Manin con la sua Messaggero
A Deborah sede a chiarire l'altro vice segretario del PD che si occupa di questa questione vada bene su questo viene
Intervistate
E a proposito della e questo come al solito voi alla fine si trova sempre sui giornali qualcosa
Dopo che uno ha letto un po'tutto e pensa di essersi fatto già un'idea di come
Diciamo sì sì hanno orientato dove grosse almeno veniale però alle successive dodici ore poi sempre qualcosa che poi mettere i dubbi
E allora ecco mettiamo alla fine questa intervista al Messaggero di Deborah serra chiari che sembra in controtendenza rispetto a quello che abbiamo appena letto da lasciando così Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio perché serve a Chieri
Si vede del sommario riassunto così dal titolo riassunto così il a suo pensiero se ci sarà coesione con le opposizioni accoglieremo questo clima volentieri
E e in sostanza sembra diciamo più aperturista nei confronti delle profferte del Cavaliere
Però sono sfumature davvero sono sono sfumature e più prudente invece tenere comunque
Presente che questo dibattito cioè gli altri argomenti mentre il giornale mantiene la sua
Campagna sulla immigrazione
E mentre il Sottosegretario Cesare Ferri
Difende l'operato del Ministro Alfano a proposito dei più puntuale dello bensì dell'utilizzo del termine vu'cumprà in dichiarazioni ufficiali del Viminale
Definendo una ipocrisia radical chic la critica nei confronti del
Del ministro ed è anche giusto che
Sottosegretario sia pure di altro dicastero scenda in campo a difendere un Ministro dello stesso Governo lo fa firmando il rito di aver
Di oggi del tempo
Del giornale prosegue la campagna diciamo la Campania il ferragosto ora così perché effettivo ai giornali e Ferragosto debbono caratterizzare il sì con maggiore forse ha per
Smuovere la pigrizia del lettore che si trova sotto un ombrellone o insomma in una situazione più più rilassato del sorteggio
E allora basta immigrati gli italiani scappano record di emigrazione a Londra e la conferma che le risorse del Paese non bastano neppure per noi
Paradossi dell'accoglienza ci teniamo gli scrocco oli e non riusciamo a dare asilo I veri perseguitati gli articoli sono voi
Nelle varie cifre
Duetti ripeto seri lecito
Naturalmente voi ci sarà senz'altro qualcuno che
Potette Churchill ipocrisia radicale chic è difficile e allora l'articolo di Massimo Palma alcun al Pica Mustile chi
A
C'è questa fughe a
Fuga italiana allorché a volte sono però fughe stagionali ma certo è un fenomeno anche antico e non
Non è dovuto quest'ultima crisi la sicuramente accentuato il dodici per cento dei nuovi lavoratori in Inghilterra capitali inglese viene dal Bel Paese il primo in assoluto
E cioè esce fuori una foto
Di due donne velate proprio con alla
Il velo integrale praticamente del che si usa nei Paesi del Governo
Della della penisola Rabei Arabia Saudita imposti simili
E allora inevitabile le articolo dica mai vi saranno le donne a pagare il prezzo più alto degli sbarchi mentre si pagano da volano all'altra parte del Mediterraneo la questione non ci riguarda però
A
Vedete qui dà fastidio e poi c'è una foto appunto di queste due signore bardati come
In modo inaudito e in una piazza
Ecco che probabilmente dai letture si dà l'impressione che questa è una piazza italiana illo e probabilmente perché ITEA si fermi sono bianchi quindi è una piazza Italia
Però potrebbe tranquillamente essere una reazione di Londra
E
Inventino imbecilli questo livore offriva già trent'anni fa e sicuramente non sono diminuite eroici
Quindi come la mettiamo su questo gli italiani emigrano in un posto che con l'immigrazione già fatto i conti con implicazioni proprio
Dare quei paesi non sono somiglia solo
Delle le le Bolini gli sceicchi quelle che vanno a fare
E i TIR che arrivano a Londra per fare acquisti dentro al sud no c'è anche una forte comunità araba e ancor più una forte comunità musulmane
Basta
Pensare a quello che è stato il Commonwealth va bene da Londra da questo punto di vista non è un esempio meglio
Meglio riuscito invece dall'immigrazione adesso però in un tre minuti chiudiamo l'Iraq che in fondo a questo punto va bene
Allora ci sono un sacco di di cose interessanti
La cosa più interessante però e questo dialogo a due voci
Truppe lingue truppe di terra sì dice Valter Vecellio
Esiste può esistere mai esistita una guerra giusta che meriti di essere combattuta
Un pacifista vi dirà di no l'unica guerra giusta è quella che non si combatte ma è pur vero la storia lo insegna che i pacifisti animati da ottime intenzioni sono stati corresponsabili di disastri lutti e rovine
Anche il realismo voi fra virgolette può essere il fallimentare Bush padre che pure aveva una visione una conoscenza dei problemi di quella polveriera ce l'ho detto che il Medioriente
A Vittorio cementerie agito alla provocazione costituite dall'invasione di Saddam del Kuwait
Poi però nel timore forse di mischiarsi in quel micidiale Pantano ha preferito fermarsi consentendo che migliaia di curdi che avevano creduto in lui fossero massacrati del raìs dibattute ad
George Bush e il figlio Wassily lavato lunghetta rovesciando Saddam e spazzato via il suo regime di tagliagole ha però innescato un processo che a distanza di anni ancora non si è concluso
Su Bush figlio in questo validamente spalleggiato dall'ex premier britannico Tony Blair
Ruoli sono stati giudicati anche da Gheddafi da Berlusconi grava la pesantissima responsabilità di avere boicottato la proposta
Che ora sappiamo praticabile con possibilità di successo dell'esilio per Saddam inutilmente in Italia Pannella i radicali
Si sono battuti per quello che ci vuole si voleva la guerre sia fetta la guerra
Ed è significativo che a distanza di tanti anni ancora non si possa conoscere l'esito della Commissione di inchiesta britannica sci Alcott non è solo l'Italia la patria dei segreti di Stato
Siamo
Alloggi con il Medioriente in fiamme massacri di migliaia e migliaia di persone in Sicilia ci farà più caso nessuno Libia smembrata in preda al cavo sull'inferno di Gaza dove ammasso gioca in modo cinico la vita di quei palestinesi che dice di voler difendere
E Israele incapaci di reagire in modo diverso da come reagisce
E poi l'Iraq che minaccia di implodere sconvolto come dai combattimenti fra i peshmerga
Sostenuti dagli Stati Uniti e li SIS l'Esercito islamico uno scenario da incubo se questo è la logica conseguenza sarebbe di intervenire rapidamente massicciamente per scongiurare impedire
Nuovi e più gravi disastri il problema
E che il Presidente americano Obama le cui strategie mio pair fallimentari sono forse anche peggiori di quelle del dimenticato Jimmy Carter
Mostra di non se perché che pesci pigliare stare a guardare compiacersi del suo isolamento non può intervenire e come non sa e probabilmente non vuole
Se tuttavia scarta l'intervento militare di terza e crede di poter risolvere il problema con bombardamenti del cielo e Armieri peshmerga vuol dire che è ancora più miope di quel che appare come giustamente osserva Sergio Romano sul Corriere della società
Così dunque Valter Vecellio sul Karan pista ricordando quell'editoriale di Sergio Romano che abbiamo citato ieri poi conclude
Il problema però non è il solo Obama sono gli Stati Uniti gli americani che si sono seduti
Non sono più disposti a sofferenze sacrifici come quelli patiti durante la Seconda guerra mondiale
E allora però l'intervento di terra assolutamente necessario parere opposto Lanfranco Caminiti va bene dobbiamo arrivare alla chiusura non prima però di avervi segnalato che
Sul tema appunto di Obama edile ritiri intorno al
Si Repubblica e il foglio il foglio per la verità già ieri affrontava il tema oggi ci ritorna
E suo barre molto critico a posizioni molto simili a quelli che abbiamo appena letto nell'articolo di Valter Vecellio più sempre naturalmente
Non completamente sovrapponibili questo no ma insomma
Mentre invece Repubblica pure si occupa del di Obama Clinton
Hillary dice fesserie
Il duello Obama Clinton infiamma l'America il presidente replica alle accuse sul fallimento in politica estera
E stasera il faccia a faccia dei salotti del golf club sull'Atlantico un faccia a faccia Obama e Hillary di indubbio interesse
Grave e poi ancora invece novità sulla questione irachena La Stampa a pagina otto l'atteggiamento della Francia
Il Ministro degli esteri francese Laurent Fabius che dice l'Europa torni dalle ferie c'è un popolo che sta morendo
Parigi e Roma spingono o vicino l'accordo mancato sulla Siria lì il problema delle presenze dell'intervento enti
Dell'intervento non dell'intervento di terra sull'insisto invece l'articolo più interessante oggi
E sul Messaggero li Sissa avanza centinaia di soldati uccisi J. di stipula terra Baghdad questa però attenzione l'avevamo già letta anzi qualche giornale addirittura dato la notizia che
Erano già arrivati praticamente alle porte di Baghdad Polirone
Andata così
Anche l'Iran intanto in Iraq che appoggia il nuovo premier quindi anche l'Iran e scarica il Maliki parole povere
E poi invece c'è un articolo interessante che gioca tutto su un manifesto
Le donne curde al fronte tu Ruocco e kalashnikov of migliaia di soldatesse pronte a tutto affiancano gli uomini contro i j visti
E cioè un mani
Sesso che dovrebbe essere è scritto in inglese lui Errol peshmerga siano tutti i peshmerga tutti combattenti e c'è una giovane donna
Inermi medica con gli occhiali a goccia insomma un'immagine decisamente sì decisamente bellicosa abraso sicuramente
Se così si può dire non lugubre una donna con i capelli sciolti con viso libero da bardature insomma e i costi sono
Un grande popolo contigui parla in una lettera foglio oggi il senatore Luigi Compagna definendoli
Gli ebrei del
Del del di quel mondo insomma di dire di quell'area mediorientale all'interno dei Paesi arabi
I curdi va bene abbiamo abbiamo finito segnalazioni rapidissima però ancora sul garantismo da Antonella soldo Maria settantun anni se fumo una canna sto meglio D'Annunzio
Come lei che soffre di sclerosi multipla sono tanti i pazienti che hanno difficoltà ad accedere gratuitamente e quello che è considerato un farmaco per fortuna c'è la disobbedienza civile dei radicali che
Viene raccontata dai lettori del genetista dato nella sua auto su questo specifico
Argomento va bene la citazione della terza pagina si dice una volta insomma della cultura oggi viene
Una recensione dei libri c'è un argomento che sta
Riscuotendo interesse da parte di chi storici e degli editori
C'è un revival di libri su Palmiro Togliatti ne parla Ernesto Galli Della Loggia sul Corriere della Sera delle pagine della cultura con l'intera pagina affronta uno di questi libri ma in sostanza naturalmente parlare anche
Ai lettori del Corriere della figura di Togliatti anche di come la vita a luglio
Benissimo abbia con questo abbiamo concluso la buttate di oggi sta il principe