17AGO2014
rubriche

Rassegna stampa vaticana

RUBRICA | di Giuseppe Di Leo RADIO - 00:00. Durata: 31 min 11 sec

Player
Puntata di "Rassegna stampa vaticana" di domenica 17 agosto 2014 condotta da Giuseppe Di Leo .

Tra gli argomenti discussi: Aiuti Umanitari, Arabi, Asia, Cattolicesimo, Chiesa, Cina, Corea Del Sud, Cristianesimo, Ebrei, Etica, Francesco, Genocidio, Gesuiti, Giovanni Paolo Ii, Guerra, Integralismo, Iraq, Isis, Islam, Medio Oriente, Minoranze, Politica, Rassegna Stampa, Religione, Stragi, Teologia, Terrorismo Internazionale, Usa, Vaticano, Violenza.

La registrazione audio di questa puntata ha una durata di 31 minuti.
00:00

Scheda a cura di

Guido Mesiti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

La rassegna stampa vaticana
Di Giuseppe Di Leo
Vuole io
Ecco ettari
Intatta diciamo e Ragusana non può operare
Attenere precedente è il viaggio del Papa elimina Corea del Sud che si conclude domani Guidi
Anche cioè verificherò nuovo spazio maggiore alle analisi di questo viaggio attualmente domenica prossima
Ma prima di arrivare al viaggio dettata su cui mi soffermerò sugli elementi essenziali invece non posso che partire anche stavolta ad
La grave questione dei delle minoranze cristiane che sono in fuga dal nord dell'Iraq
Un bel pezzo di Domenico Quirico inviato Erbil
Sulla stampa di giovedì quattordici agosto narra di queste vicissitudini
Dei cristiani capability dei nostri vicini fra i cristiani di cara Cosso scampati attento dalla furia venerdì
Per capire Domenico Quirico video meramente piani in Iraq nel due mila tre prima dell'invasione americana ora sono ridotti a quattrocento mila
Quei
Però
La città islamico del nord e l'ultima ondata che indica afferirà ampia
Solo in questa città di più di volatili che a nome eludibile sono cinquanta mila nelle chiese in accampamenti ricavati su rapimenti edifici in Costituzione sono gli uomini che raccontano uomini in cui si annidano orgoglio cristiano senza rancori malinconiche
Sono un pezzo fissa Riina hanno trovato rifugio nella cattedrale dedicata a San Giuseppe
Nella loro città sono rimasti trenta cristiani i vecchi malati che non potevano incide a custodire casse e suppongono saccheggiate chiedo che troppa Marte ora sono vuoto e silenzio nelle aule i banchi accatastati per fare spazio sono diventati dormitori
Sì famiglie sono accampati in un sottoscala molti vivono sotto pindarici improvvisati alla perso culminati dal sole a cinquant'per gravi impulso insopportabile di utilità non hanno portato nulla consorelle la cosa che sognano di più
E il certificato di battesimo perché è passato il confine daranno con l'acqua
Il rifugiati
Diciassette bravi a Cuba un figura molto molto autorevole riguarda gli studi sulla cristianità ambientale professore emerito di Scienze Politiche all'Università Cattolica
Di Lione Yacoub conosciuto Francia in modo particolare che i suoi articoli sul quotidiano cattolico la Croix
Ebbene a convenire ripropone una Nannicini politico-culturale nella zona di inviarmi del cristiana culla dell'Arca così si intitola sobbalzi ecco pubblicato martedì dodici agosto su Avvenire
Scrive io seppi Yakubu dopo il dieci giugno due mila quattordici la storia della cristianità dell'Iraq non farà mai più come prima
In quella data da cittadino su dettate impatta nei gruppi jihadisti lamine Giunta radicali
E la situazione che nettamente deteriorata a partire dal diciassette luglio quando i jihadisti hanno imposto alla popolazione una scelta e cioè convertirsi all'Islam
A dare
Possa pro-capite assegnata agli inquilini di non lasciare la loro terra
Da allora
Si assiste a un metodo senza precedenti
Che riguarda tutte le località cristiana e della Provincia di minime
Ora siamo di fronte ad una catastrofe umanitaria può esserci il rischio di
Estinzione di cristiani come gruppo etnico religioso quando la loro storia parte integrante di questa terra Mesopotamia si chiede
è una svolta storica Quetta
è una svolta storica questa volta di ordine culturale quella che sta avvenendo sotto i nostri occhi punto di domanda all'avventura nuovamente colpito i cristiani nella città di Mossul il cui nome a una risonanza quanto mai simbolica
Vieni metal non verrà mai condivisibile
Che fu la capitale della mitica Silvia e che ci ricorda al tempo stesso gli splendori di una scelta di quattro mila anni la Bibbia un cristianesimo ricco di duemila anni di storia
Cosa c'è dunque indietro il nome di Ninive questa Regione chiamava un tempo finiti atterrà di cultura di limitare spiritualità e di una possente autorità politica di cui si trova traccia nei maggiori musei occidentali
Come è l'ora Parigi dove sono conservati Midori Arlati che proteggevano i palazzi direi
Questa civiltà ci ha lasciato in eredità fare altre cose la ricca biblioteca del reale Siro Assurbanipal dei raccolti della
Creazione enti religiosi vivere anche il centro che l'accordo del messaggio cristiano fin dall'origine all'epoca lei ha posto lì
Pecori prima dell'Islam la città di Mosul in arabo significa tratto di unione tu conquistate costruita dagli arabi musulmani seicentoquarantuno di fronte al limite
Che fu spietata menti distrutta dei persiani mediche seicentododici avanti Cristo
Ampiamente Remo evocata nella Bibbia
Limite la Sicilia e la Ardea solo quali culla della civiltà umana lungo tutto il suo percorso storico questo Paese contribuito
Potentemente alla creazione all'avanzamento progresso della conoscenza e dell'organizzazione umana
Tanto in materia religiosa filosofica scientifica e politica quantunque ed amministrativa la Regione dall'alto religione messo un po'tanica e di un ruolo nella promozione di un supremo
Idea presente nelle credenze gli antichi applicati tutti di limite l'ha chiesta ad oriente rettitudine vogliono seria comunque in questa analisi
Sulla prima chiesta missionaria della storia partendo dalla Regione di Ninive i missionari cristiani diffusero il messaggio evangelico su tutto il continente asiatico fra il testo il tredicesimo secolo
Nata nei dintorni di Mossul
Questa Chiesa ha conosciuto una espansione impressionante innaffiamento in Inghilterra c'è né rabbia e attorno al Golfo Persico gli storici non lontano e abbia convertito nel dodicesimo secolo sessanta milioni di persone
Chi si riconoscevano come seguaci della Chiesa dormiente dal Mediterraneo orientale alla Cina
H
Copertura sia centrale gli asset la CUB su avvenire del dodici fiumi agosto altra analitici
E il suo iter Armando Torno un giornalista del Corriere della Sera lunedì undici agosto la Piana di livello schema Tomassoni metto in conto contrastato della guerra giusta
Un'analisi sul pensiero della guerra giusta al momento in cui appunto Bahman vicissitudini intervenire comanda bombardamenti mirati per fermare il complementari i rischi
Fa una certa impressione scrive Armando Torno leggere le dichiarazioni dell'arcivescovo di nessuno dovetti ricorda che in quel contesto di violenza i nostri principi liberali democratici
Nulla valgono i cristiani trainati chiedono le armi per difendersi mentre ci si rende conto che la Piana di Ninive diventa un ultimo rifugio
Di chi cerca fuga dall'orrore
Il tema della guerra nei città e dell'uso opportuno della violenza sono già presenti in India
Diritti dei Padri della Chiesa oltre che metabolizza infatti storici medioevali e moderni come le crociate ora spetta battaglia di Lepanto certa prosegue torna oggi sappiamo che la guerra giusta è stata superata dal Concilio Vaticano II
Ripeto ogni atto bellico come diritto contro il PD oltre che i conti con lo stesso umanità nel documento gaudium et Spes
Tuttavia nella stessa Costituzione pastorali gaudium et Spes fino
La guerra non è purtroppo il
Parta dalla condizione umana
Fintanto che esisterà il pericolo della guerra e non ci sarà un'autorità internazionale competente unità di forze efficaci una volta esaurite tutte le possibilità di un pacifico accomodamento non si poteva negare Governo il diritto di una disciplina differita
Tommaso D'Aquino
Prosegue torno nella summa teologica affronta il tema di tradimento Agostino
Fra l'altro accapigliati scrive perché è una guerra sia giusta si richiedono percosse primo l'autorità del principe
Per ordine del quale deve essere proclamata al secondo si richiede una causa giusta e c'è una colpa da parte di coloro contro cui si fa la guerra perso si richiede che l'intenzione di combatte
Sia retta e cioè che si limiti a promuovere il bene evitare il male poi attualmente dall'ANCI prosegue con un tonico me Edgard e all'americano Michael Walzer per arrivare poi a Emanuele Perino
Analisi duttili perfino attualmente non poche privilegiare alcuni filoni ma importanti direi che naturalmente concessione all'elaborazione del concetto di guerra giusta ecco invece un filone che Armando Torno quindi non toccare
Ed è quello il pensiero dei canoni di alcuni dei quali sono poi diventati papà
Sinibaldo di Fisica scempio Papa Innocenzo quarto oppositore papà Papa Francesco
Scrive al patrimonio l'ONU perno crimini in Iraq scrive Giacomo Gambassi su su avvenire di giovedì
Alla vigilia della sua partenza per la Corea
La sala stampa vaticana reso noto la lettera d Papa Francesco al Segretario generale dell'ONU
In cui il rinnova l'appello urgente alla comunità internazionale intervenire per porre fine all'ARPA quelli cioè che umanitaria un appello che si unisce a quello dei patriarchi orientali e degli altri roba religiosi
è evidente papà chi vuole incoraggiare tutti gli organi competenti delle Nazioni Unite in particolare quelli responsabili della sicurezza la pace il diritto umanitario e l'assistenza ai rifugiati
A continuare il loro sforzo in conformità con il preambolo negli articoli pertinenti della Carta delle Nazioni Unite
L'intento della lettera badate datata nove agosto e mettere davanti al Segretario delle Nazioni Unite de L'Aquila e le sofferenze le grida accorate di disperazione questo si legge nel testo papale
Dei cristiani di altre minoranze religiose dell'amata terra ben viva
Poiché il richiamo le tragiche esperienze del ventesimo secolo possibile Papa Francesco come la più elementare comprensione della dignità umana costringe la comunità internazionale in particolare attraverso le norme e i meccanismi del diritto internazionale a fare tutto ciò che lei pus sibila per fermare il prevenire ulteriori violenze sistematiche componibile orari cioè etniche e religiose
Il Papa ricorda di aver inviato in Iraq il cardinale Fernando Filoni prefetto della Congregazione per l'evangelizzazione dei popoli
La missione vuole manifestare
La mia vicinanza scrive a riavvicinato spirituale ed esprimere la mia preoccupazione è quella di tutta la Chiesa cattolica della sofferenza intollerabili di coloro che desiderano solo vivere in pace Armenia e libertà
A fianco c'è un'intervista l'osservatore tu
Permanente pertanto riferiti a Ginevra monsignor Silvano Maria Tomassini accusa Lucia Capuzzi il quale diplomatico vaticano afferma
Che non è un problema specifico della Chiesa questo del
Uno stabilimento in Iraq
Dirà riguarda l'intera famiglia umana perché nella piana di università con suo marito un genocidio in quale modo chiede al giornalista
Di avvenire la comunità internazionale dovrebbe rispondere alla lettera di Papa Francesco in cui si chiede di mettere fine a questa tragedia ma l'Italia ha risposto di non signor Tomassi
Di fronte alla minaccia di gruppi radicali fondamentalisti che grava su oltre cento mila persone e al fatto che il Governo centrale iracheno non è in grado di tutelarle la comunità internazionale deve intervenire nei nuovi che quella stessa si è data per far Olga tali emergenze che l'articolo quarantadue della Carta delle Nazioni Unite afferma con chiarezza che dopo aver esperito senza risultato la via della persuasione si può fare un passo più in là per disarmare l'aggressore come disse Giovanni Paolo secondo il messaggio per la giornata della pace nel mille novecentonovanta domanda di pace
Sopra il più può essere anche un'azione militare risposta del diplomatico vaticano la carta elenca i tipi di azione include l'impiego della forza quali siano i mezzi e la comunità internazionale a doverlo decidere
L'ha chiesta deve essere la voce della coscienza e come tale ha il dovere di ricordare a tutti la responsabilità di agire
Per proteggere di tutti i diritti umani dei popoli minacciati è in su Avvenire invece di domenica scorsa un'intervista di Luca Gerolin co alcuni dal cardinale
Fernando Filoni l'inviato speciale del Papa in Iraq carburante quali gli obiettivi di questa importante funzione diplomatica risposta del porporato
Parco come inviato personale del Santo Padre che non può recarsi personalmente in quei luoghi per manifestare la solidarietà del Papa in alla Chiesa universale
Poi per quanto sarà possibile bisogna dire una parola l'incoraggiamento di apprezzamento per l'accoglienza che le autorità curda locali danno questi cristiani
Sono convinto che non mancherà su questo punto la solidarietà internazionale o perlomeno di tutte le nostre chiese domanda dei crediti dati precisi sulla dimensione delle emergenze umanitarie Rispo stare i cardinali filoni non ci sono statistiche ma conoscendo bene l'entità dei bilanci che sono stati occupati e quindi il numero delle persone mandati via credo che la cifra di cento mila in fuga sia fai attendibile
Naturalmente alcuni sono andati nella parte del nord rispetto al piano dignità e altri più a sud est e verso la zona di riempire
Domanda Barin accennato alla crisi politica che si spenga tutto il Medioriente si è parlato nei giorni scorsi di una riunione che in un sito della Regione con Papa Francesco per analizzare la si
Conferme quali sono le priorità per il Vaticano risposta accattivanti donne per quanto riguarda i quindici il Papa giustamente sente di voler fare delle valutazioni anche con i rappresentanti dell'aria
Guardi la questione centrale che i nostri cristiani hanno il diritto attivo di stare in queste terre dove loro vivono da sempre queste anche la visione della Chiesa caldea e degli altri chiesti
Su un primo bis della zona una visione che l'ha neanche pensare consiliature nazioni della Regione
Dunque non tocca a noi dire andate bene cercate lì un autogol rifugio
Certamente molti di loro dopo tante difficoltà dopo tante guerre dopo tante fughe dei propri territori e comprensibile presentano il desiderio di trovare un nuovo stabile dove poter vivere
Noi non dobbiamo sostituirci a quelle che sono le responsabilità civili
Questo non spetta a noi noi difendiamo direttori generali un primitivo della gente locali dire qui possiamo vivere qui possa un vivere con tutte le altre realtà del Paese comuni sul domani gli attriti altro in un orario più nessuno e esistono
Come già avvenuto nel corso del tempo perché ci sia una volontà comune oltre che politica anche civile di stare insieme
Domani mattina alle undici anni fa
Lei mi accoglieva come Nunzio apostolico abbandonati incardinare ero Cece Caragli inviato Giovanni Paolo II per tentare una mediazione
Che scongiurato per la seconda Guerra del Golfo ora ritorna a Baghdad come inviato del Papa cos'è cambiato in Iraq dal due mila tre a oggi
Risposta in bella cardinale filoni
Con il cardinale eccetera io ho avuto questa esperienza di convinzione in un momento terribile una guerra che era ormai alle porte che si aveva difficoltà a far capire a chi non era opportuno anzi
Chi regola da quel momento la situazione non mai migliorata anzi si può dire che sotto c'erano tanti aspetti è peggiorata
L'Iraq sebbene dal punto di vista politico abbia cercato una qualche soluzione dire continuamente appuntati dedica ingenti infinita
Credo avesse ragione Giovanni Paolo secondo quanto alzando il dito ammoniva i responsabili politici di quel momento a ritrovare in Vietnam fasce che purtroppo non c'è stata e per cui oggi soffriamo
Conseguenze
La crisi durerà a lungo il futuro il cristianesimo al rischio nel Medio Oriente parla il giornalista che intervistò Bin Laden
Alla fine degli anni Novanta chitarra Bergen Arturo Zampaglione riporta questa intervista sulla Repubblica di giovedì
Per il Medio Oriente afferma di perdere i piani ormai si è aperta un'era posto persiana
Lei parla la domanda di una nuova era posto persiana indicate nel Medioriente che cosa significa civile ai rischi finiranno per uccidere tutti coloro che non si convertiranno all'Islam
Risposta giornalista statunitensi un genocidio del genere ereditato dalla mobilitazione internazionale cominciata negli ultimi giorni ma il problema è più in generale nel Medioriente è indubbio il futuro stesso che sta benissimo
Ai tempi di Saddam Hussein il Ministro degli esteri vantare Cantoni sono cristiani
Ai tempi di Mubarak c'era Boutros Ghali un egiziano cotto alla guida delle Nazioni Unite è ora lo scenario che i cristiani e molto peggiorato da un lato per la primavera araba
Dall'altro per la scelta dei dieci anni in Iraq e per la loro inevitabile espansioni agganciamo in Libano in altri parchi
Dell'area l'opinione di eterne anche
A garantirli Fulvio Scaglione
Su Avvenire che riporta come nella definizioni complicata complicatissima degni della situazione mediorientale
Comunica entità politico-diplomatica internazionale della missione e la tanta fede
Ed ecco perché io ho messo avvenire del quattordici agosto nel giro di pochissimi giorni anzi dico che il Papa Francesco perché cattolica
Si sono mobilitati per i cristiani che l'Iraq e le altre minoranze perseguitate come nessun'altra istituzione laico religiosa sa appunto pare prima il Pontefice ha mandato in onda troppo inviato i cardinali filoni
Che con l'uno non troppo storico allevato e poi abbattuto il colpo più forte con una lettera abbai divulghi Segretario Generale delle Nazioni Unite accorata nei toni
Ma precipita nella sostanza infine anche il Consiglio delle conferenze episcopali di Roma con il Presidente Pinter è d'accordo ex vicepresidente Bagnasco primi firmatari ha rivolto un appello alle Nazioni Unite
Chiedendo che il Consiglio di sicurezza prende decisioni che pongano fine a questi approcci atti perpetrati comprovino ignorante religiose irachene
Definire tutto questo un'accelerazione
Scrive Scajola e sarebbe un grossolano errore soprattutto per quanto riguarda il Medioriente infatti impossibile non notare che sono una fan perfette sembra capace che elaborare un pensiero profondamente politico e lungimirante
Proviamo ad andare a ritroso pensiamo la preghiera comune cui Francesco che ha mossi compete
Abu Mazen il Patriarca ecumenico Bartolomeo e riteniamo firmata luce di quanto è successo poi tra Israele e palestinesi
Risaliamo alla crisi della Siria
E pensiamo di nuovo a quanto giusto un anno fa mentre si parlava di un intervento militare statunitense Papa Francesco intervenne per scongiurare l'ennesimo sbarco di armi soldati in Medioriente
La dimostrazione che iniziano i fondamentalisti dell'istituzione hanno portato preventivi e poi in Iraq ovunque perseguita anticristiani anche grazie a dargli i propri talenti fornite da altri esci
Anche occidentali dimostra quanto fosse fondata la preoccupazione papale
Insomma c'è un pensiero e c'è una strategia c'è un'idea chiara che può essere riassunta nelle parole scritte da Pato Francesco
Dopo l'Angelus del ventisette luglio al centro di ogni decisione non si pongano gli interessi particolari ma il bene comune il rispetto di ogni persona
E lo storico Alberto Veronesi Corriere della Sera lo stesso giorno quattordici agosto pone tra l'altro un'altra valutarli mosse della diplomazia praticamente mosse papali un altro aspetto
Do
Chiesta e si trova nel documento scrive Melloni del Pontificio Consiglio che il dialogo interreligioso del cardinale
Poma che chiede ai sapienti mussulmani di tutto il mondo di far sentire ora non sono strumenti la loro voce di sconfessare sedicente califfo condannare una brutalità
Che invece temi anche slalom con la guerra una richiesta alla quale perfino Unione europea di quanti cui l'Italia alla Presidenza
Potrebbe dare un contributo che appunto cornetta insieme i cocci interpretativi questo unica tragedia per le molte facce che la guerra lunedì Papa Francesco tornerà dalla Corea sorgono era anche la Russia
Osserva Melloni passerà ai confini di questa Europa diventata forse meno centrale che a Pato e che però ha dato pace tre generazioni vedrà il mare che bagna ridenti Colgate Tel Aviv
Vedrà la polvere gialle Grinch Atelli ecco implichi diciamo qua detta faccio anche
Il mondo anche lette
Rabbino Capo della Comunità ebraica di Milano Giuseppe laras Corriere della Sera quindici agosto
Detti intendevo la drammatica lezione di perseguitati il dovere di fedi scrive non abbandonarlo le nostre parole le nostre azioni a favore di cristiani del Medioriente scrive Giuseppe laras sono tante colpevolmente in ritardo da numerosi anni in una regione estremamente vasta che va dal nord Africa sino alla fine all'Iraq nel silenzio generale nell'Occidente dell'Europa in particolare
Piani altre minoranze fra cui pacifici gli archivi sono sottoposte al terrore violenze continue morte poco importa se si è preferito tacere per interessi economici per fradici pubbliche
Però per un politica di cosa benpensante ignaro tanto salottiero e cieco quanto ideologico dispotico il risultato che ci sono abbandonate a se stesse così sacrificati centinaia di migliaia di vita
Il popolo ebraico in quelle stesse terre nel corso dei passati otto licei niente è stato sottoposto a prove analoghe che prevedevano l'alternativa tra la morte l'espulsione anche in quel caso virtù colpevole silenzio da parte dell'Occidente nonostante l'Felice persecuzione e la conseguente fuga abbiamo riguardato centinaia di migliaia abbiano riguardato centinaia di migliaia di persone quelle terre oggi nella stragrande maggioranza sono completamente l'inverno guai ovvero prive dei parenti
Così sono state aumentate le gloriose plurisecolare di comunità ebraiche di Tripoli Bengasi di Alessandria d'Egitto de il Cairo di Etiopia dello Yemen dialetto Diego insieme comunque la retina di Baghdad
Tu così che iniziò la diaspora dei libretti forniti di Oriente rifugiati si anzitutto in librerie ma anche in Europa emendamenti
Dopo di loro è toccato ad altre minoranze oggi gli per i francesi la maggior parte dei sub in quelle terre abbandonano a centinaia dall'altra Francia alla volta di prego perché hanno nuovamente paura in queste ore noi tutti i cittadini dell'occidente ed europee in particolare sui stiamo
Gravati dalla colpa decennali venti insanguinati nei loro confronti alla tragica diaspora di cristiani è un fatto drammatico terribilmente doloroso per la sua gravità
Segnerà la storia umana e nel taglio basso l'articolo hanno
Che di Marco Carrai cicli scrive c'è un filo comune che unisce la Puglia delle persecuzioni nera per i cristiani opera degli infelici
I nuovi recenti spregevole attacchi antisemiti a Roma e continui attentati subiti vi civili tramite era opera di amarsi bambini palestinesi rimasti sotto le macerie di un palazzo abbattuto aggancia questo filo si chiama incapacità di riconoscere che la storia costantemente produce il male assoluto e che l'etica la morale lo ius non sempre sono capaci di frenarlo contenerlo di fronte a questo dato evidente per difendersi per difendere raccapriccianti morti innocenti è opportuno io sarei d'accordo Sasso impatti l'atto di fede un atto individuale che può comportare anche il martirio la comunità internazionale non deve non può agire per atti di fede ma per giustizia codificata da regole internazionali
Qui non si tratta più di capire cos'è giusto così ingiusto ma corse umano così disumano io obbligata esso
E il nuovo chi sta davanti scriveva Sant'Agostino anagramma alludo la domanda è ritirato quid esperita
Che cos'è la verità allora
Lei d'Europa conclude Marco Carrai capace di far dietro solo i conti e che conta sono i morti
Signor Bepi Colombo perché forse l'ultima occasione per ma
Il senso della propria esistente
Gian Guido Vecchi praticamente stante il Corriere della Sera angiomi di quattordici agosto la prima volta di un Papa
Nicelli della Cina un Papa Francesco il primo Papa della storia sorvolare la Cina scrivere chi la circostanza
E più di una curiosità farci vincere appunto la Correa nei soli due precedenti gli alloggi
Di un Pontefice in Corea del Sud di voli di Giovanni Paolo secondo me non ebbero il permesso di Pechino tanto che nel mille novecentottantaquattro vollero papale quindi la rotta poco la polare Costantina no
E nel mille novecentottantanove attraversò per la prima volta i cieli dell'Unione Sovietica un altro segnale in dialogo con tanto di telegrammi a Gorbaciov
Ma il primo viaggio Francesco nato ad appena un po'il precedente di continua il suo significato profondo risalente eccoli
Bergoglio tornerà nel continente a gennaio il viaggio che porterà integrali perfettibile
L'altra e una priorità Liedholm suo pontificato e sullo sfondo per il primo Papa gesuita della storia c'è proprio Pechino nel ricordare la figura di Matteo Ricci autore del Trattato incidesse sull'amicizia
Padre Federico Lombardi ricordava tempo pallottoliere more tra la Compagnia di Gesù e la Cina
Francesco Saverio inviato in Oriente nel mille cinquecentoquaranta
Muore il tre dicembre mille cinquecentocinquantadue nell'isola di Francia hanno guardando a due mega distante quell'impegno di mezzo il quale ad Ricci riuscita a entrare nel mille cinquecentottantatré
Fino a affatto il resto della ditta raggiungere Pechino ad essere il primo straniero essere sepolta interno accidente nella capitale
La storia dirà se il confratello Bergoglio riuscirà a essere il primo Papa a visitare la Cina
Sul tema su questo viaggio papale
Del in Corea
Ci ritornerò come ho detto che maggiore tempo a disposizione come merita sul bilancio domenica prossima concludo con un articolo di Lucca cocci che riprende sul manifesto
Il dieci agosto riprende una intervista del cardinale Jospin il superministro dei Comuni a della sanità scende
Papà Francesco vuole o l'ha chiesta povertà dei poveri ma ciò non significa afferma il cardinale ossia ogni anno
Necessariamente un'inchiesta con i forzieri vuoti e certamente non significa un'entità sciatta inefficiente ho disposto a farsi derubare spiega il cardinale in un angolo che intervista ad un'agenzia statunitense ripresa poi dall'Osservatore Romano
Il dodici per il cardinale o storniamo ultraconservatore scrivendo cocci a ottobre parteciperà al pellegrinaggio milioni di cattolici tradizionalisti celebrerà una messa secondo il rito Tridentino circa romana
Vesco più visibili fino librario di uno dei porporati non certi concetti papà Bergoglio
Che prima ho nominato cosiddetto già ottocento a come Vaticano dovrete riformare l'ha chiesta e poi e poi lo ha messo a capo della segreteria per l'economia il mio è un atto dicastero
Chi si occupa di tutte le attività economiche amministrative del Vaticano assorbendo una serie di competenze
Finora distribuite in vari organismi da lui dall'intervista scrive cocci si comprende soprattutto qual è l'ideologia chi guida di riforme economiche tolta del Paese
Cioè il capitalismo compassionevole Pella orale e la parabola evangelica del buon samaritano secondo si spiega
Cardinali Pella di interpretazione e non di qualche teologo ma di Margaret Thatcher addirittura ricordo il commento della Thatcher
Spiega il porporato Saviano se il
Osama Riccardo non fosse stato un po'capitalista se non avesse formulato dei soldi non avrebbe potuto aiutare il prossimo anche noi possiamo fare di più se però produciamo di più
Forse conclude
Scende Luca cocci fosse Bergoglio non sono stato molto contento per la citazione della lady di ferro che nel mille novecentottantadue contro l'Argentina compattezza
E con questo le isole Falkland Madonnina
E sullo costituiscono ancora motivo giusto indetta nei rapporti tra allora il Governo di Buenos Aires e il Governo di l'ombra
E con questo ciclo della puntata diciamo verrà agostana posto immediatamente prospera agostana di rassegna
Tanto per chiarire rapidamente per domenica prossima grazie
Nominato
Abbiamo trasmesso la rassegna stampa vaticana di
Il G sette di ieri
Bene