22AGO2014
intervista

"Razza Piave. Storie di chi ama non arrendendersi e non arrendendosi, ama" (edizioni Pubblimedia): intervista a Gianluca Versace

INTERVISTA | di Lanfranco Palazzolo RADIO - 10:54. Durata: 33 min 15 sec

Player
""Razza Piave. Storie di chi ama non arrendendersi e non arrendendosi, ama" (edizioni Pubblimedia): intervista a Gianluca Versace" realizzata da Lanfranco Palazzolo con Gianluca Versace (giornalista).

L'intervista è stata registrata venerdì 22 agosto 2014 alle ore 10:54.

Nel corso dell'intervista sono stati discussi i seguenti temi: Ambiente, Austria, Baget Bozzo, Berlusconi, Cacciari, Capaci, Corruzione, Cultura, Ecologia, Economia, Etica, Falcone, Friuli, Gelmini, Giustizia, Guerra, Immigrazione, Lega Nord, Libro, Mafia, Montinaro, Movimento Dei Forconi, Orsoni, Partiti, Politica,
Serracchiani, Societa', Storia, Stragi, Sviluppo, Tondo, Treviso, Veneto, Venezia, Zaia, Zuliani.

La registrazione audio ha una durata di 33 minuti.

leggi tutto

riduci

10:54

Scheda a cura di

Fabio Arena
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Radio radicale se permettete parliamo di di razza ma non di questioni di questioni razziali e ma del dell'impegno
Di una
Parte importante del nostro del nostro Paese allochiamo
Al nord-est lo facciamo con Gianluca Versace che è un giornalista molto popolare in Veneto conduce una fortunata trasmissione ed informazione su Canale ottantatré che ha pubblicato un
Una raccolta di di articoli che aveva pubblicato sul
Sul quotidiano il Piave e che hanno il merito di descrivere i meriti gli ideali gli sforzi di una terra che
Troppo spesso viene messa da da parte nel
Nella considerazione collettiva del nostro Paese mi è capitato più d'una volta di
Ascoltare notizie di
Gli eventi atmosferici gravissimi che sono accaduti nel Veneto o in altre zone del nord est che venivano dimenticati nell'arco di
Di di pochi giorni eppure questa terra è molto importante per il nostro Paese ha
Ha dato ha dato tanto al
Al all'Italia noi gli diamo quella considerazione che che che merita
Gianluca Versace ha pubblicato questo questo saggio che
Però non ha mancato di provocare qualche anche qualche polemica politica a Treviso o che è una città del del nord est
I cittadini di quella città sono catalogati in
In vari in vari modi ICE quel e che viene anche considerata come
Razza razza Piave che diciamo quella considerata diciamo la convengo vengono considerati minativi e di di di Treviso e su questo si è scontrata anche una polemica politica con un partito con un partito che aveva un simbolo simile a quella della copertina delle del libero
Di di Versace noi siamo proprio in collegamento con Gianluca Versace per parlare di questo tipo allora come è nata l'idea di questo
Di questo volume che lei ha ha scritto da da da liberale
Per illustrare i meriti e i valori di questa terra atto
Diversi diretta va affrontato al rialzo moka l'attenzione che ieri serva a me
Al libero e i ragazzi che lo hanno
Evitato pubblicato sui ragazzi di pubblico impiego e del Piave Alessandro Vice tutti quanti sono molto bravi però
La sua introduzione spiega molto
Anzitutto
Perché questo libro sia nato non in modo consapevole ma in modo quasi meccanico che automatico cioè si costruito tasse
Ma spiega anche il perché
Proprio perfetta per
Diciamo mettere in evidenza quell'aspetto che sottolineava lei
Cioè a dire abbiamo viviamo qui in una terra che conosciuta per essere un gigante economico
Ma per essere anche un nano politico e forse un verniciato lo culturale
Questo credo sia ingeneroso e anche impreciso
Però votiamo
Lo diamo per scontato il comodato conformistico ci siamo un po'tutti anche qui anche chi vive qui
Ripiegati in in modo proprio passivo
Su questo luogo comune no su questo ritornello che non c'è dubbio avrà anche un fondamento questo però ha avuto uno sviluppo economico siamo stati come
Io uso sempre un'espressione
Una specie di piccola metafora no come il surfista che ha cavalcato l'onda negli anni straordinari dello sviluppo economico impetuoso di questa terra gli anni della crescita della famosa corsa INPS che sembrava sfrenata
E tenta limiti della locomotiva d'Italia che noi ci siamo dati come il surfista che ha cavalcato l'onda in una maniera
Diciamo straordinaria avendo la capacità di farlo larghe il talento di farlo ma senza sapere di che cosa fosse composta quell'onda quando l'onda sia affievolito adesso il surfista si è trovato con la tavola sulla sulla battigia sulla sulla spiaggia
Fondamento il discorso della del deficit culturale come si dice
Però e anche un un un
Un ritornello pure fra in un luogo comune frustoli stanco probabilmente scontiamo anche il fatto di essere periferie
Dei grandi mezzi di comunicazione
E noi che facciamo questo mestiere da qui probabilmente non siamo stati abbastanza bravi capaci di raccontare un altro Veneto un altro modello un'altra tipologia di sviluppo
I e anche a chi di itticoltura e anche visti voglio dirvi di sistema culturale no
Il
è bene sottolineare parla solo che in questo libro dicevo come nasce chiedeva Gianfranco Parlato come nasce
Lì però nasce non prima ma dopo cioè nel mio libro il senso di appartenenza ad una razza Piave
Poi magari spiegheremo in che senso io ho avuto questa questo termine è un termine pericoloso
Abbiamo scoperto dopo
Mettendo insieme o meglio gli articoli sono messi insieme in un decennio praticamente di lavoro e lo abbiamo fatto poi Changing ce ne siamo resi conto con stupore come era vile anche con piacere
Potente autocompiacimento però che poiché il tempo di appartenenza non è imputato in questo senso non è fatto per escludere chi corre non nessuno escluso ma per includere
Certamente non non sulla base di un'idea di rileggersi la prepotente voglio dire superba di i se i di noi del nostro Gruppo de nostra piccola piccola patria la no tax animate no per così dire
Ma sulla base di comportamenti e comportamenti voglio usare questa espressione fuori campo fuori facciamo fuori corso legale virtuosistico valgono non per quello che rendono ma per quello che costa
Non avendo paura tensione di essere esclusi con i personaggi che io racconto di razza Piave lo sono stati senza il
Il godimento il piacere di essere esclusi ma senza la paura di operazione sbattuto senza la paura
Di affrontare l'esclusione sulla parte di quei comportamenti oggi parlato anche in Veneto viviamo una deriva morale impressionante
Diamo per scontato che i la corruzione la corruttela dilagante che qualche cosa di ineliminabile si ruba come comportamento fisso dopo dando per scontato
Che i testi sono quelli che non lo sanno fare ecco razza Piave e i personaggi più racconti tratta Piave
Sono diversi da questo modello di comportamento che purtroppo ha messo radici a nord-est ecco allora nella nella filosofia del del suo libro di diversa Piave
Raccontando i personaggi che lei descrive tra l'altro voglio ricordare che ci sarà anche una seconda edizione del libro dove lei ricorderà anche donne don Pierino Gelmini
Lei evita accuratamente diciamo
Diciamo comunque la filosofia
Diciamo non della razza del della razza Piave nel senso più degeneri del termine quella diciamo non passa lo straniero la filosofia non è quella
No e io ricordo questo me ne sono reso conto dopo di aver assistito a un dibattito
Tra
Mario Rigoni Stern è che tutti ricorderete insomma non sarà chiaro che l'anticamera Biri straordinaria ma anche sia esami ma anche straordinario cantore difensore di una mentalità una
Una moralità ecologica vera
Non ambientalista ma di ambiente cioè di difesa dell'ambiente sulla base
Di una saggezza antica popolare e poi Carlo Sgorlon
Che raccontato nel libro che uno dei personaggi che razza Piave che era io ho avuto la fortuna di avere tanti amici straordinari tra cui Carlo
E insieme a Paolo Rumiz ricordo che modera valori questo incontro e diceva Mario Rigoni Stern mi ascolti questa società non ha paura degli immigrati
Ha paura del proprio quoto
Vuoto pneumatico
E e allora dice razza Piave cambiare diceva regole interne sono i siciliani calabresi piemontesi lombardi napoletani e Cicchetti che nel mille novecentodiciotto parentesi stiamo ricordando
E il centenario della Grande Guerra hanno fermato di offrirci proprio sul grande fiume proprio sul Piave
Parlato ricordava la famosa Cantone ricada mormorava non passa lo straniero
Sono gli stessi che dopo Caporetto non ho capito che bisogna mantenere duro per non subire un'invasione dallo straniero tratta diabetica non a che fare quindi con le piccole patrie con il Veneto
Non a che fare con l'allora Sindaco Giancarlo Gentilini che voi ricorderete accusato la stessa espressione non anche fare neppure con quella polemica
E alla solo ricordato non nell'incipit delle nostra conversazione
Scatenata dall'attuale Presidente della Provincia di Treviso qui si chiama Muraro
Il quale qualche anno fa ha creato un'associazione
Una sorta di lista civica
Tema anticiparci in qualche modo per affrancarsi dalla dal suo partito che la lega Nord chiamandola appunto razza Piave ex detenuto di mettere il cappello
In modo strumentale e poi la polemica che si terrà grata perché
Le intese fotocopiato del Veneto Luca Zaia eccetera eccetera mettendo il cappello sopra la nostra iniziativa editoriale che come ha precisato io poi l'intervista sul Gazzettino ad altre parti nulla fino a che fare con una parte cioè neanche neppure con un'iniziativa
Appunto da lista di lista civica
Ma questa polemica è nata proprio da quel vuoto di cui parlava lei parla solo all'inizio e una polemica che deflagrare e scoppia nel nulla una tempesta in un bicchiere d'acqua proprio perché viviamo questa specie di vuoto pneumatico
E cultura di dibattito culturale perché non sappiamo neppure noi
In qualche modo valorizzare la grandissima ricchezza di personaggi che abbiamo e la testimonianza che qui incarnano quindi
Confermava Sgorlon ricordo rasta stiate un'espressione impropria e Giancarlo Gentilini diceva mio caro amico di Cormons non è soltanto leghista EUR campanilista
E campanilismo fa insomma fa fa anche un po'un po'più impoverito impedisce l'altro non è anche un po'ridicolo la parola razza ha già fatto abbastanza danni nella storia
Lo sappiamo io lo so lei Palazzolo sono tutti ritirati ascoltatore di Radio Radicale non è questo l'intendimento di questo libro ci mancherebbe altro
Fatta neanche nel presente proprio perché spesso ENI un'arma impropria nelle mani di chi ha la testa quota non altro e allora USA gliele Ventura viale per in qualche modo
Darci un sorpasso
Le Dolomiti che da sempre è normale che ci sia un istinto che offrite ma non bisogna mai esagerare
L'ideale idea e a vedere il senso della propria ammainate della propria piccola patria ci diceva una volta tenta arrivare al campanilismo che un'azione Halifax dicevano in piccole discariche alla ridotta e quindi anche un po'ridicolo quindi
La mia razza il concetto sciistico diciamo così di razza Piave di questo libro che abbiamo pubblicato con i ragazzi del Piave insomma
E quello
Di valorizzare
Questi comportamenti non certamente un aspetto genetico o di sangue
I comportamenti che possono essere siciliano del molo Barroso perché in virtù del calabrese nel mio rigidi Palazzolo nomi lo diceva credo che ci sia altrettanto trasparente e chiaro io mi chiamo versatili cognome
E sono di origine calabrese chiedete rivendico con orgoglio l'ambiente la crescita la Calabria citare i miei genitori
Però sono nato a Monfalcone in provincia di Gorizia nel profondo nord est e mi sento cittadino del nord est non è un elemento razziali di sangue
Non è uno ius sanguinis è un vulnus soldi da questo punto di vista cioè essere nato in una terra
Emanuela profondamente e come si chiama profondamente una terra comportandosi in modo corretto rispettando la legalità e il prossimo gli altri come hanno fatto io credo i personaggi sarà compiuta toccare
C'era stato lei nelle nelle suo libero una raccolta dati di degli articoli pubblicati
Sul piano delle si sofferma anche su se Hemingway perché
Perché Hemingway per
Diciamo per la sua vicinanza questa zona d'Italia durante
Durante una fase cosa storica raccontata in uno dei suoi libri o per la sua presenza effettiva
Nel nord est
Tutte e due le cose diciamo che nell'articolo su quei numeri è un ampio contributo che è stato aggiunto dei da Alessandro vittoria ragazze del Piave non è una cosa che ho fatto io personalmente Ciano appunto
Molti molto intensamente conferire questo contributo e sono stato molto d'accordo perché
Ho vissuto o diciamo nel nome di Hemingway in particolare comprende membri di Lignano di Lignano Sabbiadoro a lungo visto che in quel nome si anche animato un dibattito culturale no a nord est
E e né in quei
Amato profondamente questa terra e numeri
Veniva
Stavano inglese casoni di Caorle piuttosto che nell'attività di
E nella Risiera di di Rignano in provincia di Udine a lungo è un personaggio
Straordinario di un singolo anche lui
Di questo essere cittadini del mondo amando tutto il mondo
E considerandoci uguali agli altri ma al tempo stesso diversi sul piano culturale e non bisogna mai
Assumere quest'anno diversità culturale questa specificità questa ricchezza polifonica di culture come un elemento
Che in qualche modo ci porta a essere superiori agli altri
è un elemento di confronto e vive in un singolo in questo senso nella ricche del dialogo il confronto
E poi la sua incredibile no avventurosa spericolata capacità di narrare le storie del mondo e anche di farlo
Prendendo ombelico del mondo appunto il nord est
C'è anche un ritorno un ritratto molto interessante mesi e laccio anche a quello che lei ha detto sulle sue origine con Luciano Tirindelli che era un agente
Che chicche che che si occupava del della scorta di Giovanni Falcone che non è finita rimasto coinvolto nell'attentato di di riti TT capaci perché ha deciso di mettere questa questa figura nel
Il razza Piave perché sono rimasto
Lo sgomento sconvolto
Dalla mia ignoranza
E dalla nostra incapacità di ascolto lui io credo ne parla solo che
Nel mio nel nostro mestiere fare uno scoop
Non sia scrivere qualcosa che non è stato mai scritto
Ma sia quello di fare dire a qualcuno qualcosa che questo qualcuno non pensava di poter dire
Io sono stato capace nel trentennale della strage
Sono stato invitato dalla amministrazione comunale che all'epoca peraltro anche in odore di mafia forse fu sciolta parlo dell'Amministrazione di Isola delle femmine
Kouhili effettivi alcuni giorni a respirare l'aria che si respira OP a distanza di molti anni da quei fatti che ancora adesso ci interessano e ci debbono interpellare
Nella ricerca della verità con tutto quello che ne consegue la presunta trattati sabato ma anche a costo di cui parlate molto anche poi no a Radio Radicale dello straordinario e trasmissione sopra descritte
E
E sulla rimozione della giustizia e sulla giustizia negata allora tessili qualche giorno e lì
La vedo caldi Antonio Montinaro che era il capo scorta di Falcone che noi Antonioli nell'auto che esplose nello viadotto
Della
Palermo Punta Raisi mi presento Tina Montinaro cadono straordinaria
Si presentano produciamo Tirindelli mi sorpresi perché lo sanno e di qui Luciano e un trevigiano che da ragazzo da giovane entrato in politica fa una cosa e non ha logica
Che non ha non Attanasio raziocinio cioè fa quello che oggi potrebbe fare un ragazzo che decide
Ma ragazzo ovviamente asset che inquadrato nelle forze armate che decide volontariamente di andare in Iraq piuttosto che in Afghanistan coincidano
Allora decide chiese di poter andare a lavorare alla questura di Palermo una volta a Palermo tende richiesta di poter andando
Andare a lavorare nel gruppo cento
Dei ragazzi degli angeli custodi insiste l'uomo più a rischio d'Italia cioè Giovanni Falcone
E un giorno e un giorno diventato nel frattempo molto amico con Antonio Montinaro
Ci fu
Non sarebbe male venne in mente quando mi raccontava questa storia e avevo davvero la pelle d'oca no adegui definitivi su mentre nella raccontata
Del
Tutto stupefatto che una storia così potesse essere vera enorme romanzata
La Montinaro mi confermava che era proprio così un giorno chiese a un cambio di turno mi viene in mente laghi dorso famoso film in cui servono entrate dalla cassa entra in ogni ma c'è un sole la vita uno sviluppo se entrano ascensore accanto la vita uno sviluppo diametralmente opposto
Ma è la stessa persona chiede un cambio di turno Montinaro la delle cose da fare insomma città chiede un cambio di turno Montinaro dice ci mancherebbe altro sostituisco io oggi con con Giovanni
Ed è tuttora in favore
Prossimamente e poi in città quando cui cita in quell'ora ma vede
L'idea una specie di Congo tonico sollevarsi all'orizzonte proprio verso capaci e le capì che la sua vita era cambiata in modo irreversibile in modo in modo finale
E fu consapevoli lo può ancora di più nei giorni successivi nei successivi negli anni successivi che ho a
Avrebbe deciso di farla finita
Schiacciato dal senso di colpa oppure di farsi carico di questa specie di impegno di testimonianza di ricordo la
La memoria è come un fu Carell un po'Chiarello no o lo alimentiamo cestisti subito
Anche della vita del suo amico che era morto il suo posto
Qualcuno che vuole al nostro posto se ci pensiamo ed è la cosa più terribile che possa esistere
E ma non non basta non basta non è soltanto questa dimensione individuale in questa storia
Perché nel racconto che poi fuori ripreso anche quando lo pubblicammo sul Piave dalla Bechir ed altre quotidiani e la Procura di Caltanissetta i magistrati riferì aprirono anche un fascicolo questo
Abbia fatto
Che delle ci racconta delle cose e non erano state mai racconta in quei casi inizi
E con quella chiarezza con quella un quella franchezza che lui sicuramente è un lusso che si permette proprio perché un uomo che e e morto e determinato insieme al suo amico che è morto per davvero capaci infatti la vite solo intitolano neanche morto perché dentro la morte lo Colle
Ma lui su un consapevole in quel momento e doveva vivere dovrà vivere
E diciamo al quadrato da vivere al cubo in qualche modo per rispetto della memoria di un amico che siano semplificato proposto questa vicenda una diminuzione
Personale che è molto delicata che è molto sensibile che non se molto acuto sofferenze se poi ha una dimensione corale pubblica Di Resta sale che ci appartiene appartiene a tutti noi in questi impegno di quest'uomo per fare trionfare la verità
In un
In una
In un tempo quel tempo ma forse anche in questo senso in cui
Carapace come dite poi molto spesso perché manca la giustizia la verità
Nell'uso razza Piave lei ha inserito anche diverse figure di religiosi Nenni inserire anche un'altra che sarà don Pierino Gelmini nella
Nella seconda edizione con che tipo
Di criterio visto che si tratta di persone molto diverso e c'è anche don Gianni Baget Bozzo
Che
Tutti sanno molto diverso dal Don Gelmini
C'è anche un'altra un altro don credo nel
Nelle riproponibili ovvero con quale criterio ecco quelli dell'altro donne Palazzolo e don Antonio Zuliani
Don Antonio Zuliani è un prete non conosciutissimo ma molto importante perché ha avuto un ruolo delicatissimo degli atti lui in realtà Luigi domando Giuliani
Fondatore con il Siena dodici Piana del piccola comunità icone via che ha dato ospitalità molti tossicodipendenti dove lavorava anche
Gianfranco Baraldi che è un altro personaggio narrato che è mancato qualche tempo fa che e l'autore della prefazione grazie Torri seguito la prefazione scomparsa non mi sembra vero che subito dopo qualche giorno dopo è questa una cosa che per da sempre
La mia
Momento però è così l'ultimo regalo che mi ha fatto quello straordinario uomo che era
Gianfranco Ranaldi e da una doriani dette ospitalità moltissimi anni fa
Vedo che era
Fare che hanno a Trento a un giovanissimo Silvio Berlusconi diventandone il confidente il confessore
Spirituale il consulti diciamo il consigliere spirituale molto più
Di don Gianni Baget Bozzo Iorio affiancati da che avevano erano le due facce della stessa medaglia nel senso che se donna don Gianni Baget Bozzo era vorrei dire anche il confronto forzatura ricavava al concettuale
L'anima luciferino a nord del dell'archeologia lui era io credo si tratti comunque intelligente ma lo dice anche Massimo Cacciari uomo quinto di gente che abbia conosciuto
Ma non aveva un concetto della religione come l'aveva invece anche per la sua formazione di salesiano conto
Don Zuliani in
In Gianni che era un carissimo amico mi in qualche volta facciamo qualche giorno afferrato dico chiarirlo previsti stava
Qualche tempo l'estate a respirare bonario di Montiglio trentino
Dicevo
Dottor Gianni era quello che in Italia diceva sempre caro questa sua attenzione
Non militare nome appiccicare etichette o dare patenti di incoerenza perché la mia coerenza e a ciò che spero non alle parole in cui di volta in volta la speranza si racchiude
E questo lo diceva lunga sulla sua mentalità nord a sud lui PTP intuito ripetuto costano sacerdote anche siccome sospeso divini se inutile ripercorriamo occorre che sappiamo già
L'intelligenza e e quindi anche quella dev'essere se non c'è dubbio quella piccola su ferrovia quell'elemento di superbia dell'intelligenza prevaleva sempre
Sulla Carra che ha e sulla teologia sulla
Sul sull'idea anche lunghi
E completamente diverso invece dato sacerdote tono Antonio Zuliani
Nel quale sempre il valore e la fede avevano la prima glielo supremazia sull'elemento invece diciamo della sua della sua individualità della sua soggettività della sua intelligenza
Due facce della stessa medaglia se vogliamo che hanno avuto un rilievo
Uno una proiezione politica evidente perché tutti sappiamo e dignità considerato impropriamente il confessore di Berlusconi in realtà era
Il consigliere spirituale anche lui ma soprattutto un impegno ideologo Don Gianni Baget Bozzo fa la sua storia nel Partito Socialista eccetera eccetera di Berlusconi l'altro invece la nell'ombra
Durante una ritrosia una riottosità molto forte
Acquisirà contasse esecuzioni applicata con lui aveva questo rapporto da Fedele a confessore
Ecco mi sono sembrate due figure figura di tracciato il mutuo otto e foto significative uno fortemente radicata Norberto perché don Zuliani accalorato Condon CCT Anna
La piccola comunicanti di Cornigliano che ha dato ospitalità Foti ragazzi diciamo con grossi problemi di tossicodipendenza in questi perché dice
Io per per concludere questa chiacchierata che avrei voluto fosse più lunga con lei le volevo proporre questa questa riflessione allora ho visto che il Governatore tenne Tolo Luca Zaia ha partecipato alla presentazione del il del suo libro sappiamo anche
Che in Veneto ma anche in Friuli lei mi diceva prima che di Monfalcone
Ci sono state tante tensioni politiche polemiche politiche che hanno toccato Venezia adesso toccano anche in qualche modo la Regione Friuli-Venezia Giulia
Lei che
Che che idea si è fatto su il l'espressione politica delle del Veneto che ne conosciamo tramite
Documento figure come Cacciari polemicamente più come un con Orsoni e con con la con con la serra chianine Zaia chi tipo che fotografia di classe politica
Farebbe lei oggi di questa di questa rappresentanza anche della della della della razza della razza Piave di cui la stessa razza abbiano né non è semplicissima certamente
E dunque
Tutto sarebbe indelicato e
Anche imbarazzante racconti che parlassi in negativo di né negativo né in positivo di Luca Zaia Luca Zaia veramente uno dei personaggi di
Realtà Piave c'è un rapporto di amicizia di stima con il Governatore del Veneto
Tra l'altro anche il nostro nostro amico lui ciascun era una volta c'ho parlato con lui mi ha detto noi io ascolto sempre Radio radicale di me di Radio Radicale sì non c'è nessun apologetica in questo con lui alcun rapporto
O molto costruttivo io lo sia ho viaggiato con lui l'articolo che convocherà comparirà sappiate
E proprio
La storia del viaggio che facemmo in
Russia quando si poteva commerciale dei prodotti agroalimentari con la Russia perché lui era ministro dell'agricoltura inaugurò uno stabilimento del Cavaliere Cremonini no
Outing dopo in vicino vicino Mosca e poi ne parla la la fiera dell'agroalimentare di Berlino
Luca Zaia Luca Zaia e il ritrovamento di un giovane Governatore senza tenta un partito perché
Perché di fatto non ho particolari ormai siamo convinti ci siamo convinti siamo rassegnati a che la politica sia sia soltanto diciamo personalità
Non idee non non programmi non partiti non forze politiche non soggetti che per un tratto di strada in qualche modo incarnano qualche cosa richiamano catalizzano l'attenzione eccetera Luca Zaia è uno di questi in una situazione nel suo partito molto precaria
Resta molto precari anche da vicende giudiziarie ma su questo magari avremo modo in futuro parla solo di tu ahimè ahimè di di tornare io credo io temo io pavento
Per quanto riguarda le altre le altre le altre spiate soggette ma ci è dato dall'allora cerchiamo di
E la sulla collega d'Italia in nella mia regione che sono tuttora Presidente il Friuli Venezia Giulia e delle la governatrice
Adesso non voglio infierire sulla sfera chianine venuto ma
Conosce molto bene anche il precedente governatore Renzo Tondo grazie io credo che vi sia una fortissima inadeguatezza della politica della classe politica
Non è destinata
Non soltanto ma ci stiamo focalizzando su questo aspetto
Una fortissima inadeguatezza una insufficienza non vi sono risposte vi sono soltanto c'è soltanto l'inseguimento delle domande
Molto spesso si cavalca la paura si cavalcano i risentimenti si cavalca la razzia ma la politica non potrete fare questo
Se la politica in definisce il suo discorso su questo
Ne andando sempre e in modo servile in modo
Demagogico sul Carlo diciamo della della rabbia popolare che è fortissimo anche in una regione come questa che ha sempre vissuto
Forse al di sopra delle sue possibilità
Oggi prevalgono sentimenti di angoscia di ansia di paura e terrore per il futuro in una situazione molto precaria molti punti di vista la politica non dà risposte la politica è assente non vi sono luoghi di confronto di incontro cioè niente
Noi ne lo misuriamo Palazzolo
Lei lo ricordava ogni mattina facendo la trasmissione su Italia cinquantatré su Canale Italia
E e quindi abbiamo un osservatorio privilegiato
Il gratuitamente perché poi alla fine ogni mattina
E prevale un senso di di di accanimento proprio di di angoscia non per questo nulla perché chiedo che la politica del nord est e non so come sia rimediabile a questa situazione francamente
Certamente no continuando a fare quello che si sta facendo adesso cioè inseguire
Qualche modo il rancore risentimento la rabbia sociale questo sì questo è stato fatto perché no un movimento che ha destato grandissime spera
Poi delusa e poi di capire se quello che non abbiamo chiamato in modo franca improprio il movimento di Forconi rimboschimento nove dicembre
Si è rivelato un un attimo fuoco di paglia qualche cosa che non ha non non non avendo maturato perché poi sono peraltro
Ivi il risentimento inquietudini del gelo interno gli egoismi lì infiniti e tutti i consiglieri eccetera
Come vedete scimmiottiamo spesso il peggio di questa politica e lo fa chi reciproche si pone chi propone si arroga in qualche modo il diritto di essere altra cosa altrove a questa politica
In questo momento va così Palazzolo probabilmente dobbiamo essere
Più o incalzanti noi che facciamo questo mestiere
La mia sensazione è che chi come il sud sostiene no tutto si tiene
Che noi siamo noi chi fa questo io mestiere siamo esattamente in qualche modo Passini
A quest'aria
Quest'aria che si respira a questa specie di mutazione genetica negativo cambiamento epocale no tecniche che ha tenuto che sta avvenendo e noi non sappiamo opporci in qualche modo dare voce a un altro modello
Forse
Questa iniziativa piccola iniziativa editoriale di razza Piave il sottotitolo nel palazzo lo ricordo e storie di chiama non arrendersi e non arrendendosi Anna
Potrebbe essere una traccia per qualche cosa d'altro dire non non non lo sappiamo dove tutto andremo a parare
Mancanti che in qualche modo siamo consapevoli che c'è anche altro intorno a noi se non ci aspettiamo al conformismo fare cose in cui non crediamo soltanto per opportunismo per convenienza
E e la politica laica cattiva politica di questi anni e cresciuta a dismisura proprio perché novità perché l'abbiamo acconsentito e cose noi in qualche modo ci rendiamo conto che possiamo fare altre cose
Forse un piccolo una piccola luce in fondo al tunnel si trova
Ma non c'è dubbio che in questo momento prevale un senso di forte scoramento i test insomma quanto
Io la la con questa nota io la la la di Miller ringrazio ringrazio Gianluca Versace autore
Curatore di di di razza Piave il sottotitolo ha ricordato lei me lo ricordo anch'io sto dedichiamo a non arrendersi e non arrendendosi
Ah ma anche si avvale della prestazione del compianto Gianfranco Araldi libro pubblicato con pubblica media con la collaborazione naturalmente
Ed è il Piave che tra poco avrà anche una seconda edizione con inserimento figurati ton
Pierino Gelmini io la ringrazio molto e ringrazio il Gianluca
Versace autore di questo fortunato piccolo ma prezioso saggio grazie io molti opera voto attenzione