09 MAR 1998

xIntervento di Gianfranco Dell'Alba sulle politiche di sicurezza alimentari dell'Unione Europeoa

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "xIntervento di Gianfranco Dell'Alba sulle politiche di sicurezza alimentari dell'Unione Europeoa", registrato a Parlamento Europeo lunedì 9 marzo 1998 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Tra gli argomenti discussi: Agroalimentare, Alimentazione, Commissione Ue, Ogm, Parlamento Europeo, Qualita', Regolamento, Sicurezza, Ue.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    (FR) Signor Presidente, sostituisco la onorevole Barthet-Mayer che doveva pronunciare questo discorso ma non può farlo per motivi di salute. Permettetemi, signor Commissario, cari colleghi, di leggervi il suo intervento. La onorevole Graenitz ha svolto un lavoro notevole, del quale tutti possiamo essere soddisfatti. Con la pubblica zione del Libro verde, la Commissione fa, effettivamente, ufficialmente l'elenco delle grandi lacune del sistema comunitario in materia alimentare. Così, ad esempio, l'Unione si è dotata di una politica agricola forte, ma la sua politica in materia alimentare resta incerta. Al di là dei singoli episodi, ciò che è davvero in gioco sono le scelte economiche e politiche e la salute pubblica. La presenza di ormoni nella carne, il contenuto di grassi nella cioccolata, il consumo di formaggi a base di latte fresco, l'utilizzo di semi transgenici non sono questioni insigni?canti né per i cittadini, né per gli eletti, né per i produttori, né soprattutto per il legislatore. La difficoltà principale risiede nella de?nizione stessa di sicurezza e di qualità, perché senza una definizione co- mune, non sarà possibile un'armonizzazione. Quali criteri utilizzare, a quali basi scientifiche far riferimento? Cosa fare degli aspetti irrazionali ed emotivi? Qual è il limite tra le differenze culturali e le manovre del protezionismo o dell'opportunismo commerciale? La Commissione propone di mettere ordine nella moltitudine di regolamenti e direttive direttamente o indirettamente attinenti all'alimentazione. Ciò è assolutamente necessario, poiché oggi sembra di poter dire che l'Unione europea, senza esser riuscita a delineare una vera politica alimentare, abbia prodotto un eccesso di legislazione che, paradossalmente, non si è tradotta in una maggiore armo- nizzazione. Non ci si può dunque che felicitare di questa iniziativa, parte di un contesto più generale di sforzi intra- presi per garantire la sicurezza nel settore alimentare.