15 GEN 2003

Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla situazione in Afghanistan, un anno dopo l'accordo di Bonn

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 16 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla situazione in Afghanistan, un anno dopo l'accordo di Bonn", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 15 gennaio 2003 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Tra gli argomenti discussi: Afghanistan, Corte Penale Internazionale, Diritti Umani, Iraq, Karzai, Medio Oriente, Morgantini, Parlamento Europeo, Saddam Hussein, Talebani.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    Signor Presidente, cari colleghi, sono interessanti certe ricostruzioni nelle quali si fanno le bucce - com'è giusto - sull'oggi, dimenticando totalmente o facendo finta di dimenticare l'ieri, quello dei talebani, o, come si fa in altri contesti, criticando le azioni che eventualmente porteranno a una guerra in Iraq e dimenticando le migliaia, le centinaia di migliaia di massacrati, di torturati, di sterminati dal regime di Saddam Hussein. Io dico alla collega Morgantini che, se oggi ci sono violazioni dei diritti umani in Afghanistan, se avessimo dato retta a lei e ai suoi amici e la comunità internazionale si fosse astenuta, come loro ci chiedevano di fare, dall'intervenire in Afghanistan, non ci sarebbero state violazioni dei diritti umani in quel paese semplicemente perché non ci sarebbero stati, come non c'erano, diritti umani per nulla. Quindi, queste lezioni ex post credo debbano fare la tara di quello che c'era prima e di quello che, con difficoltà, la comunità internazionale e il governo Karzai stanno cercando, evidentemente con mille difficoltà, di mettere in piedi. Da questo punto di vista segnalo, colleghi, un fatto che è successo due giorni fa e che mi pare estremamente importante: il governo afghano ha acceduto, ha ratificato il trattato che istituisce la Corte penale internazionale. E' un fatto straordinario, se ci pensate, per la realtà afghana, quando molti paesi - a partire, purtroppo, dagli Stati Uniti - sono contro. Ebbene, a me pare che questo nostro Parlamento debba prenderne atto e incoraggiare questa volontà di inserirsi a pieno titolo, anche in questo modo, nella comunità internazionale, perché chissà che domani quel tribunale possa essere operativo proprio per giudicare i crimini che sono stati commessi in quel paese.
    0:00 Durata: 2 min 16 sec