19 APR 2015
rubriche

Conversazione settimanale con Marco Pannella

RUBRICA | di Massimo Bordin - Radio - 17:01 Durata: 1 ora 57 min
Scheda a cura di Enrica Izzo
Player
Con la partecipazione del Segretario di Radicali Italiani Rita Bernardini.

Puntata di "Conversazione settimanale con Marco Pannella" di domenica 19 aprile 2015 condotta da Massimo Bordin che in questa puntata ha ospitato Marco Pannella (presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito, Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito), Massimo Bordin (giornalista, già direttore di Radio Radicale), Rita Bernardini (segretaria, Radicali Italiani), Rita Bernardini (segretaria di Radicali Italiani).

Tra gli argomenti discussi: Baldassarri,
Berlusconi, Bernardini, Bordin, Bruxelles, Carcere, Ginevra, Mattarella, Napolitano, Pannella, Partito Radicale, Partito Radicale Nonviolento, Politica, Radicali Italiani, Renzi.

La registrazione video di questa puntata ha una durata di 1 ora e 57 minuti.

Questa rubrica e' disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

  • Introduzione

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Massimo Bordin

    giornalista, già direttore di Radio Radicale

    Marco Pannella: "Dopo due giorni e mezzo di dibattito, essendo oggi il giorno di scioperi dei trasporti e altri, i votanti residui erano all'incirca la metà degli aventi diritto, quindi è finita con una mozione di approvazione dell'operato e di sostegno a Rita Bernardini, ma con un gruppo di astenuti abbastanza solido e una maggioranza relativa minima di per sé, ma non rispetto ai presenti, con la quale è passata la fiducia a Rita (Bernardini, segretaria di Ri, ndr) e alla mozione". "A mio avviso erano presenti e votanti, dopo giorni e notti di riunione, probabilmente circa la metà degli aventi diritto. E una parte importante di questa si è astenuta"
    17:01 Durata: 3 min 37 sec
  • Pannella: "Era facile prevedere che avremmo avuto a che fare con migrazione di massa di affamati da queste zone mediterranee nelle zone italiane, spagnole e greche. Quindi questa iniziativa non l'abbiamo mai smessa, e oggi trova purtroppo una sua attualità. Sono sorpresissimo: ci sono più di 700 morti per un naufragio; e la notizia viene data quando questi sono già in mezzo al mare, il che vuol dire che non v'era un monitoraggio e soprattutto adesso che era prevedibile e previsto che le condizioni del mare sarebbero state tali da moltiplicare i rischi" di traversate

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Pannella: "Amnesty ha preannunciato una denuncia alla Corte di giustizia europea". "Si tratta di una denuncia alla Corte del Lussemburgo, da non confondere con la Cedu, proprio per denunciare le responsabilità – dopo le notizie di oggi sempre più patenti, visto che si parla di 700 morti annegati - Visto che da anni, io già avevo detto dopo che si erano avuto dei morti ai tempi dell'emigrazione dall'Albania, e allora posi il problema: ma abbiamo quantomeno la Nato che notoriamente può vedere ogni pezzo di mare e tiene quindi sotto controllo gli eventi che accadono in queste zone, e allora criticai che la Nato non fosse stata in condizioni di intervenire per tempo. E soprattutto di non essersi attrezzata dinnanzi a questa che era una previsione che noi facevamo da tempo". Il precedente dell'appello radicale contro lo sterminio per fame nel mondo e la politica delle "delocalizzazioni" progettate per gli imprenditori che avrebbero dovuto aiutare, secondo i Radicali, le economie sottosviluppate locali. "Era facile prevedere che avremmo avuto a che fare con migrazione di massa di affamati da queste zone mediterranee nelle zone italiane, spagnole e greche. Quindi questa iniziativa non l'abbiamo mai smessa, e oggi trova purtroppo una sua attualità. Sono sorpresissimo: ci sono più di 700 morti per un naufragio; e la notizia viene data quando questi sono già in mezzo al mare, il che vuol dire che non v'era un monitoraggio e soprattutto adesso che era prevedibile e previsto che le condizioni del mare sarebbero state tali da moltiplicare i rischi" di traversate. "Dobbiamo alzare il tiro della nostra presenza in Europa e nel mondo occidentale, strategicamente, tanto è vero che così può essere giunta come cosa incomprensibile nell'importanza il fatto che alcune settimane fa abbiamo avuto a Ginevra incontri importantissimi con alte autorità Onu, il Commissario ai diritti umani, per iniziare assieme a prendere atto formalmente di una proposta che veniva anche dal mondo arabo" per una "iniziativa che non sia di ripetizione delle forze occidentali, dei diritti umani e civili, ma sia più precisa e di prospettiva", e "adesso è stata fatta propria anche dal Commissario ai diritti umani dell'ONU": "L'obiettivo comune che abbiamo è così proposto: per una transizione comune e immediata verso lo Stato di diritto e di logica dei diritti umani"
    17:05 Durata: 26 min 36 sec
  • Pannella sul Comitato di Radicali italiani: "Mi pare che il testo di Rita Bernardini è la sintesi della nostra posizione di lotta molto chiara, drammatica ormai, per fare uscire il nostro Stato da quella condizione sostanziale di Stato canaglia, di Stato che è fuori dalla legalità costituzionale". "Rende, sotto la forma di sintesi, decisione formale e attuale di oggi, la posizione che è stata quella di Rita e la mia. Il senso è che abbiamo avuto oggi un'ulteriore conferma dell'adozione formale e istituzionale da parte di Radicali Italiani di questa linea che molti dicono oltranzista"

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Rita Bernardini

    segretaria (Radicali Italiani)

    La lettura della mozione di Radicali italiani approvata dal Comitato. L'intervento di Rita Bernardini, segretaria di Radicali italiani, sui voti: "11 voti a favore, 7 a contrari e 16 astenuti. Occorre tenere presente che il Comitato di Radicali italiani è formato da 60 eletti dal Congresso, più rappresentanti delle associazioni". Pannella: "Mi pare che il testo di Rita Bernardini è la sintesi della nostra posizione di lotta molto chiara, drammatica ormai, per fare uscire il nostro Stato da quella condizione sostanziale di Stato canaglia, di Stato che è fuori dalla legalità costituzionale". "Rende, sotto la forma di sintesi, decisione formale e attuale di oggi, la posizione che è stata quella di Rita e la mia. Il senso è che abbiamo avuto oggi un'ulteriore conferma dell'adozione formale e istituzionale da parte di Radicali Italiani di questa linea che molti dicono oltranzista". La Bernardini parla dei vari interventi in "dissenso con la centralità di questa battaglia". "Oltre al fatto, questo sostenuto soprattutto dal Tesoriere, che si rimprovera all'azione della Segretaria il fatto che altri argomenti come quelli da lui proposti, intervenuti anche in sede di votazione della mozione generale del Congresso, non trovano spazio nell'azione del Congresso"
    17:32 Durata: 23 min 35 sec
  • Le tesi di Mario Baldassarri sul "danno erariale" e la denuncia radicale sul debito pubblico

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Rita Bernardini

    segretaria di Radicali Italiani

    Il debito pubblico, la battaglia radicale per abbatterlo, le tesi di Mario Baldassarri sul ricorso radicale alla Corte dei Conti perché nel debito pubblico è presente una componente che assume la forma di "danno erariale" patito dall’intera nazione in relazione alla mancata attuazione di concrete ed urgenti riforme volte a impedire il reiterarsi delle violazioni della convenzione europea dei diritti dell’uomo, con particolare attenzione agli artt. 3 e 6, e delle conseguenti condanne economiche scaturenti. Pannella: "Sky Tg 24 da quattro giorni ha dato informazioni a qualcosa di inedito, se non per accenni dovuti a Marco Cappato e ai nostri compagni milanesi, cioè il fatto che la falda acquifera sottostante Milano è in una situazione di crescita tale dovuta all'edilizia dei grandi palazzi fatti in questo periodo, le cui fondamenta sono servite alla falda acquifera per salire e arrivare praticamente al livello della vita quotidiana dei milanesi". "Abbiamo una situazione che se noi adesso, anche sulla base dell'andamento del Comitato, riusciamo a ottenere una mobilitazione ulteriore dei nostri giuristi, cui bisognerebbe fare un monumento perché hanno lavorato in un modo straordinario ma certo ora inadeguate rispetto alle esigenze di contestazione e di messa sotto accusa degli interventi e soprattutto mancati interventi del governo italiano"
    17:55 Durata: 16 min 9 sec
  • Sul presenzialismo di Renzi accanto al Papa o accanto al Presidente americano, Obama: "Questa cosa giustifica apparentemente la pubblicità della quale gode, non la dose di pubblicità. Perché ormai la gente comincia a rompersi le palle. Perché se andiamo a vedere le realtà macroeconomiche e sociali, come ha fatto Baldassarri, difficilmente il bilancio di Renzi potrà continuare a trovare una qualche forma di addolcimento - resta un bilancio disastroso - attraverso la quantità. Infatti adesso ha anche detto che intende essere più e meglio padrone della Rai"

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Su Renzi che dichiara a proposito della legge elettorale che in teoria aiuterebbe il passaggio al bipartitismo, Pannella commenta: "Lui parla 12 ore al giorno ma nessuno gli risponde. Nessuno gli risponde con la conoscenza che è propria di Rita, o mia per un altro settore". Anche a proposito di infrastrutture: "Oggi la politica dei governi è stata quella di fare solo le grandi opere che sappiamo quello che producono". Ancora sulle simulazioni di Baldassarri a proposito della politica economica del Governo. "Si era perso nel regime perché, pur facendo il sottosegretario o il ministro, le sue cose non passavano". I rapporti tra Radicali e Baldassarri negli anni '90. Era quello un momento d'oro per i Radicali rispetto a quello odierno? "Noi oggi siamo alla vigilia di un'azione comune, davvero di carattere straordinario, con rappresentanti qualificatissimi del mondo arabo". Sul presenzialismo di Renzi accanto al Papa o accanto al Presidente americano, Obama: "Questa cosa giustifica apparentemente la pubblicità della quale gode, non la dose di pubblicità. Perché ormai la gente comincia a rompersi le palle. Perché se andiamo a vedere le realtà macroeconomiche e sociali, come ha fatto Baldassarri, difficilmente il bilancio di Renzi potrà continuare a trovare una qualche forma di addolcimento - resta un bilancio disastroso - attraverso la quantità. Infatti adesso ha anche detto che intende essere più e meglio padrone della Rai"
    18:11 Durata: 24 min 17 sec
  • Sugli equilibri tra Radicali italiani e Partito radicale transnazionale

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Non c'è più bisogno del Partito radicale transnazionale, ancora oggi senza segretario? Pannella: "Stiamo parlando di Radicali Italiani che qualcosa hanno a che fare con il Partito radicale transnazionale. Ora la linea di Rita, malgrado quella del Tesoriere non sia sempre questa, è quella di avere sempre come riferimento esplicito il Partito radicale transnazionale". "Quando abbiamo operato in Italia, avevamo semplicemente e in parte il Mondo di Pannunzio, 18mila copie di vendita. E lo avevamo solo in parte, non avevamo altro come continuità e punto di riferimento. Dopo 8 anni abbiamo fatto referendum contro la mancanza di informazione al popolo che sono stati vinti. I problemi nel Partito radicale ci sono, ma credi che senza la storia e la conoscenza del Partito radicale avremmo oggi un'iniziativa che esponenti arabi qualificati e autorevolissimi sostengono, facendo un salto con noi, con 10 persone, per dire 'unifichiamo le nostre lotte, l'obiettivo nei nostri paesi è la transizione verso lo Stato di diritto contro la ragion di Stato'?". Ancora sulla censura dell'informazione ai danni dei Radicali
    18:36 Durata: 8 min 26 sec
  • Conclusioni. L'avvicinarsi di un comizio radicale a Platì

    Marco Pannella

    presidente del Senato del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito (Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito)

    Rita Bernardini

    segretaria (Radicali Italiani)

    Bernardini sugli impegni dei Radicali Italiani, a partire dalla "vicenda dei rimedi risarcitori" per la situazione delle carceri italiane secondo la Cedu. Pannella sull'evoluzione dei rapporti tra Radicali e Giorgio Napolitano, già Presidente della Repubblica: "Non vorrei che, avendo fatto da Presidente un lavoro davvero enorme, positivo spossante e difficile, gli venisse fuori, come a quelli della mia età, di dire 'il riposo alla mia età non mi è solo consigliato dai medici, ma devo averlo, lo sento'. Mi auguro invece di poter dare tutt'ora una mano al Presidente Napolitano e anche l'attuale Presidente Mattarella". Entro una quindicina di giorni i Radicali terranno un comizio a Platì, in Calabria
    18:44 Durata: 14 min 46 sec