06 OTT 1999

Intervento di Benedetto Della Vedova sul commercio internazionale

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 34 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Benedetto Della Vedova sul commercio internazionale", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 6 ottobre 1999 alle 00:00.

Sono intervenuti: Benedetto Della Vedova (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Tra gli argomenti discussi: Commercio, Economia, Europa, Globalizzazione, Impresa, Internet, Lavoro, Liberalismo, Parlamento Europeo, Protezionismo, Sviluppo, Unione Europea, Wto.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Benedetto Della Vedova

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    Signor Presidente, signor Commissario, il commercio internazionale e una nuova divisione internazionale del lavoro sono una grande risorsa in termini di crescita economica e di libertà per gli oltre sei miliardi di esseri umani che ormai affollano il globo. Non esiste libertà che non sia anche libertà di commercio e libertà di movimento. Esistono a mio avviso, però, fondati rischi che l'Europa, in questa vicenda del commercio internazionale e anche nel Millennium Round , assuma posizioni di retroguardia e non assuma invece, come dovrebbe, una leadership di civiltà, la leadership che vuole guidare, in un ambito di regole certe per tutti, la novità del 2000 dei commerci internazionali. Questi rischi vanno scongiurati innanzitutto per il bene dei cittadini europei. Penso ad esempio ad un'eccessiva enfatizzazione delle clausole di protezione sociale, del dumping sociale laddove si sa benissimo che queste saranno pure declamazioni cui non potrà seguire nulla, non potranno seguire controlli effettivi e che, di fatto, potrà solo rappresentare per i paesi in via di sviluppo, per i paesi di recente industrializzazione la spada di Damocle protezionista che potrà essere utilizzata quando alla vecchia Europa, alla vecchia Europa delle burocrazie, delle burocrazie sindacali e del declino industriale, verrà l'acqua alla gola. Un altro punto penso sia quello delle produzioni audiovisive e delle produzioni culturali. Credo che questo protezionismo che si sente in Europa - in Francia e in Italia - sia un protezionismo del tutto fuori luogo e obsoleto. Basti pensare a quello che rappresenta Internet come possibilità di diffondere i prodotti dell'audiovisivo e della cultura. Insistere su schemi protezionistici significa imporre ai cittadini europei prodotti culturali e audiovisivi di basso livello, quasi sempre parastatali, finanziati e assistiti dalla mano pubblica. Credo che i cittadini europei abbiano la maturità e il diritto di scegliere anche su questo nell'ambito dell'offerta che viene a livello internazionale.
    0:00 Durata: 2 min 34 sec