02 FEB 2000

Intevento di Olivier Dupuis sulla procedura di condanna dell'Austria per gravi e persistenti violazioni dei trattati dell'Unione europea

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 45 sec
A cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intevento di Olivier Dupuis sulla procedura di condanna dell'Austria per gravi e persistenti violazioni dei trattati dell'Unione europea", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 2 febbraio 2000 alle 00:00.

Sono intervenuti: Olivier Dupuis (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Accordi Internazionali, Austria, Belgio, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Copenaghen, Dutroux, Istituzioni, Parlamento Europeo, Stato, Unione Europea.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione
audio.

leggi tutto

riduci

  • Olivier Dupuis

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    (FR) Signora Presidente, oggi ci riuniamo all'insegna dell'ipocrisia. Il Consiglio ha mostrato un totale sprezzo del Trattato e ha fatto ricorso a una procedura del tutto in contrasto con gli articoli 6 e 7 che prevedono la possibilità di condannare uno Stato in caso di violazione grave e persistente. Attualmente non si riscontrano violazioni gravi e persistenti in Austria. Vi sono dei rischi, e ne siamo del tutto consapevoli, ma non sussiste affatto alcuna violazione grave o persistente. Se fossimo chiamati ad applicare i principi contenuti agli articoli 6 e 7, se dovessimo applicare i criteri di Copenaghen alle nostre Istituzioni, all'Unione europea, questo ipotetico candidato non potrebbe diventare membro proprio per quegli stessi criteri di cui chiediamo l'osservanza ai paesi dell'Europa orientale. Se parlassimo di violazione grave e persistente, potremmo certo parlare di taluni Stati membri, potremmo parlare dell'Italia e della Francia, rispettivamente il primo e il terzo paese a essere stato condannato dal Consiglio d'Europa e dalla Corte di Strasburgo. Potremmo parlare del Belgio, onorevoli colleghi belgi, del caso Dutroux, delle decine e decine di bambini rapiti, torturati, violentati e assassinati da certi personaggi di questo paese, le cui inchieste sono state insabbiate, sistematicamente insabbiate. Deliberando a maggioranza dei due terzi, onorevoli colleghi, potremmo imporre al Consiglio e alla Commissione di affrontare questi casi. Potremmo inoltre riflettere sul fatto che gli austriaci hanno ricusato dieci, tredici anni di partitocrazia che ha corrotto e imputridito un paese, l'Austria, e imputridirà e corromperà paesi come l'Italia, il Belgio, nonché altri Stati membri dell'Unione. A questo punto, potremmo veramente chiederci perché il 76 percento dei cittadini belgi, il 56 percento dei cittadini francesi e il 53 percento dei cittadini italiani non hanno fiducia nella giustizia del loro paese. (Il presidente interrompe l'oratore)
    0:00 Durata: 2 min 45 sec