05 SET 2000

Intervento di Olivier Dupuis sulla politica estera comune dell'Unione europea

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 31 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Olivier Dupuis sulla politica estera comune dell'Unione europea", registrato a Parlamento Europeo martedì 5 settembre 2000 alle 00:00.

Sono intervenuti: Olivier Dupuis (parlamentare europeo, Lista Bonino).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Cina, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Esteri, Parlamento Europeo, Sicurezza, Tibet, Ue.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Olivier Dupuis

    parlamentare europeo (Lista Bonino)

    Priorità dell'Unione in materia di azioni esterne Dupuis (TDI ). - (FR) Signor Presidente, signor Presidente in carica, signor Commissario, onorevoli colleghi, vorrei innanzitutto rivolgere una breve osservazione al Commissario Patten. Il documento che ci apprestiamo a votare deplora la deriva intergovernativa che caratterizza la costruzione della nostra politica estera e di sicurezza comune, il che è alquanto in contraddizione con le dichiarazioni rese dal Commissario questa mattina, in base alle quali la politica estera rimarrebbe di competenza degli Stati membri. Credo che bisognerebbe forse vedere la questione in modo più flessibile. In politica, non si dice mai "mai". Credo che questo Parlamento sia abbastanza timorato in materia, ma l'intervento dell'onorevole Brok ha mostrato che qualcuno in questo Parlamento continua a considerare la comunitarizzazione della politica estera come pur sempre possibile e assolutamente necessaria. Vorrei rapidamente rivolgere due interrogativi al Presidente in carica. Leggo con interesse che è stata recentemente avviata un'iniziativa di raggruppamento dei consolati franco-tedeschi. La Presidenza in carica potrebbe concepire una comunitarizzazione rapida della politica estera e prevedere, in particolare, che si possa conferire a un'Ambasciata dell'Unione il compito di rappresentare tutti gli Stati membri nei cinquanta paesi nei quali nessuno Stato membro è rappresentato? Seconda domanda. Ho preso atto con interesse, signor Presidente in carica, della sua evidente mancanza di entusiasmo per il Vertice Unione europea/Cina. Ciò significa che la politica del cosiddetto dialogo critico con la Cina è definitivamente sepolta e lei sarebbe disponibile, in qualità di Presidente in carica, ad affrontare nel prossimo incontro con i cinesi la questione del riconoscimento del governo tibetano in esilio se non interverrà in tempi ragionevoli alcun accordo sul nuovo statuto del Tibet?
    0:00 Durata: 2 min 31 sec