28APR2015
dibattiti

Concorrenza e Lavoro. Una regolamentazione per il futuro dei servizi

DIBATTITO | Roma - 11:01. Durata: 1 ora 23 min

Player
Evento organizzato con il Patrocinio morale del Ministero dello Sviluppo Economico.

Registrazione video del dibattito dal titolo "Concorrenza e Lavoro. Una regolamentazione per il futuro dei servizi", registrato a Roma martedì 28 aprile 2015 alle ore 11:01.

Dibattito organizzato da Federazione Imprese di Servizi di Confindustria.

Sono intervenuti: Paola Saluzzi (giornalista di Sky Tg24), Gianni Luciani (presidente FISE), Enrico Morando (vice ministro dell'economia e delle finanze, Partito Democratico), Dario Ginefra (deputato membro della Commissione Attività Produttive, Partito Democratico),
Simona Vicari (sottosegretario di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico), Luigi Sbarra (segretario confederale, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori), Simona Vicari (sottosegretario di Stato al Ministero dello Sviluppo Economico, Nuovo Centrodestra).

Tra gli argomenti discussi: Appalti, Concorrenza, Confindustria, Corruzione, Economia, Governo, Impresa, Lavoro, Ministeri, Occupazione, Politica, Renzi, Scandali, Sindacato.

La registrazione video di questo dibatto ha una durata di 1 ora e 18 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.

leggi tutto

riduci

Scheda a cura di

Valentina Pietrosanti
Visualizza la trascrizione automatica Nascondi la trascrizione automatica

Quella sottosegretario Simona vicari nel frattempo
Questo giusto per dire che le scommesse a volte si evincono sta uscendo anche sole
Mi rivolgo
A persona che aveva scommesso sul bel tempo per quanto riguarda poi il nostro pranzo ancora più in alto rispetto a dove ci troviamo
In questo momento ma su un argomento a partire dalle ore
Tredici allora Presidente Luciani io parto da lei così poi diamo il via a tutti i nostri
Relatori volevo fare una domanda sul suo intervento e domande ce ne sarebbero tanti invece parto
Dall'intervento del professor De Rita se vuole per quello che ha definito un amarcord se vuole per quello che ha definito una naturale
Crescita di questo di quest'area non lo voglio neanche definire settore una crescita che richiede
Oggi alla politica oggi
Regole
Dettagliate o che se vogliamo ma precisissime in parte le malefatte scrivere mi ha aiutato dire scriverle ieri sera su questa lavagna la più importante tra queste tre
Quale quale da dove partiamo
Ma io parto dal presupposto che è stato evidenziato che il peso dei servizi oggi assunto un ruolo nell'economia reale assolutamente significativo noi forse siamo abituati e magari
Quelli che sono
Della mia età a pensare e servizi
Altre
In questo modo nel corpo umano ci sono le
Le arterie le vene che ci sono una Rete che permette ai centri pulsanti di lavorare il cuore i reni fegato i centri pulsanti sono forse qui parametri alle aziende manifatturiere la rete dei servizi
Permette loro di operare
Ma non è più soltanto così no è una
Una questa è una tradizione permane tuttora ma oggi i servizi si sono evoluti
Grazie a innovazione tecnologica grazie
A diciamo un'implementazione nel modo di offrirsi per cui il loro ruolo è assolutamente accresciuto
Quindi quello che noi chiediamo
E scusate il termine pretendiamo e avere un interlocutore e un tavolo istituzionale al quale portare queste nostre istanze
Quali sono le più importanti io non vorrei fare una scala di valori regole e trasparenza solo un dato oggettivo noi dobbiamo uscire
Dal complesso che ci trasciniamo da vent'anni di tutti gli scandali che sono avvenuti anche recentemente in Italia non dobbiamo ragionare ne dobbiamo fare delle leggi
A parte ovviamente la lotta al Antiquus alla corruzione che la sua lei l'ha sottolineato esatto non dobbiamo fare delle leggi che si hanno funzione
De dei ladri
Dobbiamo fare delle leggi perché visti i servizi funzionino
Perché ci siano delle regole da rispettare quindi
La la regolamentazione è un passaggio fondamentale per la nostra attività ma crediamo che il solo avendo una visibilità per dare un apporto
è la nostra esperienza in un contesto pubblico possiamo concorrere alla scrittura di questa e qua il Presidente lo sa intorno sul suo intervento che target è
Per quanto riguarda anche
Il la sottolineatura che lei fa di una corretta regolamentazione del vostro settore per impedire la formazione di lavoro in nero per esempio che è
Che è un'altra pagina
Fondamentale non voglio non voglio portarli alla parola male la fotografia di ieri sul Corriere della sera in cui si vede l'accesso all'export se
Riservato tra virgolette a quelli che sono non son sono pagati in nero e significativo certa siamo all'export
Quindi questo è una piaga che il nostro Paese deve combattere noi aziende i servizi siamo in prima linea per avere questa dignità per dare dignità ai nostri lavoratori perché altrimenti è uno sfruttamento è inutile che non lo scopro io
Allora la ringrazio Presidente viceministro Morando e poi sono subito dall'onorevole Ginefra
Intanto
Creare
Un unico tavolo significa evitare naturalmente fisiologiche evitare dispersione
Il il vostro lavoro è in realtà il lavoro di chi vuole semplificare
Il mondo del lavoro anche sul voto perché il mondo del lavoro economia e questa è chiaro
Io stesso questo principio del tavolo permanente lo voglio fare perché è stato argomento di discussione in queste settimane di preparazione del convegno
Per chiedere se sia possibile arrivare ad una soluzione di questo tipo per chiedere che intenzioni ci sia anche da parte e soprattutto da parte di chi governa di arrivare ad una soluzione di questo tipo
Dunque
Metodologicamente come si fa a rispondere che non sia d'accordo sopra il fatto che ci sia un migliore coordinamento una migliore relazione tra l'autorità politica
Governo in particolare e la rappresentanza di un mondo che ha un rilievo economico così significativo come quello
Di cui stiamo parlando stamattina
Difficoltà ci sono state in fondo il professor De Rita le ha raccontate anche sotto il profilo del rilievo che questo mondo
Diciamo a via via assunto nell'economia in contemporanea
A partire da una fase nella quale veniva considerato come qualcosa di secondario ha detto De Rita fino ad arrivare ad oggi dove
Nella catena del valore questo mondo ha un peso particolarmente significativo del resto siamo nella società della conoscenza ed è per questa ragione che io penso
Questo mondo sta prendendo piede in fondo tratta prendendo rilievo il fondo
Il
Valore di un prodotto o di un servizio
Fino a ieri poteva essere definito classicamente guardando a quanto lavoro misurato in ore in rapporto al salario quel prodotto conteneva
Adesso per determinare il valore di un bene o di un servizio
è decisamente più utile fare riferimento a quanto a conoscenza quel prodotto e quelle servizio incorpori ed è di perché edili che discende il il valore compreso quello aggiunti i sei ministri si può al NARS però
Come cancellare l'idea sbagliata che quando si debba tagliare qualcosa si debbano tagliare i servizi se
Ora è proprio per questo cercavo di dare un un minimo di sostegno in un giudizio sulla realtà a questo tipo di atteggiamenti è proprio per questo che secondo me ha un senso provare a fare ciò che in passato non si è fatto cioè
Siccome il settore ha un peso crescente e siccome presentai quei problemi che il professore a riassunto con
Problemi di governance
La costruzione di una relazione sistematica tra il Governo e la rappresentanza di questo mondo
Sotto il profilo dei datori di lavoro e sotto il profilo naturalmente dei rappresentanti dei lavoratori
Per misurare con precisione il rilievo dei problemi che via via si aprono e definire soluzioni a me sembra una indicazione giuste credo anche che sia corretto dire
Che il Ministero che deve preoccuparsi di organizzare che può essere incaricato di organizzare questa sede
è certamente il Ministero dello sviluppo economico non dunque quello sui
Io sono vice ministro così almeno è chiaro che non mi sto candidando a fare il Vice Ministro di cui avete serenamente abbia
A quel tavolo o comunque in quella sede
I problemi da affrontare però sono quelli che qui avete illustrato questa mattina non c'è bisogno di aspettare la convocazione del tavolo per per vedere diciamo
Che per capire che cosa bisogna fare e la mia impressione è che
Sostanzialmente le indicazioni che vengono dalla
Relazione del Presidente Luciani e dalla da da ciò che ci ha detto sulla base della sua analisi il professor De Rita
Siano almeno dal mio punto di vista largamente condivisibili con una eccezione però importante della quale sulla quale mi piacerebbe discutere con
Il professore che è questa che riguarda
Le stazioni appaltanti
Ora io sono assolutamente d'accordo sopra il fatto che ci sia bisogno di un
Buon pluralismo delle stazioni appaltanti
Però
Tra l'esigenza di pluralismo e averne trentadue mila
In Italia forse c'è un una soluzione di mezzo diciamo così che escludendo che di fatto si vada ad un'unica stazione appaltante di nome Consip
E su questo io sono d'accordo
Numero con verità
Tuttavia
Introduca un elemento di razionalizzazione di sempre perché anche questa e semplificazione a vere stazioni appaltanti che sono in grado di indire
Correttamente un appalto riducendo la quasi certezza odierna che quell'appalto come che vada vada va a finire di fronte a un tribunale
Perché queste quello che sta accadendo diffusamente con
Aggravamento ulteriore della situazione già difficile che abbiamo a questo a questo proposito
Io penso che
Sotto il profilo della gestione tecnica dell'appalto afferma la
Autonomia politica di chi deve decidere quale bene qua comprare quale servizio comprare sulla base di una logica di competizione di mercato attraverso una gara quale opera costruire attraverso una gara affermo che le autorità politiche indipendenti previste dalla Costituzione
Che decidono su questo punto sono quelle che sono e devono rimanere quelle non è che ci deve essere un'unica autorità che decide cosa comprare che bene comprare che servizio acquisire che opera a fare
Ma una volta detto questo la gestione
Tecnica dell'appalto che non è più
Affidata alla politica ma è affidata alla tecnica al corpo amministrativo
Beh io penso che dovrebbe essere diciamo
Il lavoro di un centinaio non di più di soggetti dotati
Raccogliendo le competenze che nella pubblica amministrazione ci sono già quindi non c'è bisogno di
Costruire anellino altre strutture accorpando e raccogliendo le competenze per la professionalità che c'è
Io penso che con un centinaio di stazioni appaltanti ben organizzate si risolverebbe meglio un problema di certezza delle procedure di correntezza sotto un profilo giuridico formale
Di diciamo convinzione diffusa anche presso i soggetti che concorrono tra di loro
Per l'acquisizione
Di quel di quella servizio di quel di quello della produzione della fornitura di quel bene e così via
Che si tratta di soggetti che hanno la competenza tecnica necessaria che non devono essere guidati per mano ad un certo esito perché tra l'altro non lo sanno fare il lavoro concretamente ecco
Rispetto alle indicazioni che emergevano dalla dal su questo punto in particolare per quello che ha detto De Rita io
Circa
L'eccessivo pluralismo delle stazioni appaltanti a un'opinione un po'diverso la seconda cosa e poi
Taccio che volevo dire a dispetto ai temi che a quel a quel tavolo dovranno essere affrontati è quella dell'ICE il tema della diciamo
Delle relazioni sindacali e del lavoro insomma anche qui sappiamo
Alle il problema
Abbiamo contratti pirata in questo settore no abbiamo una situazione di di gravissima perché
Soggetti che nell'incertezza
Delle delle procedure delle regole sì
Auto col
Propongono come titolare del potere di contrattare le relazioni di buono e ce ne sarà veramente da un l'ha fatto
Da un lato i lavoratori e dall'altro i datori di lavoro determina una situazione nella quale
Una parte enorme di quel
Sottobosco diciamo che penalizzare il settore quello emerso quello legale quello delle vostre
Delle vostre intese vede una parte enorme di questa penalizzazione nasce da questo sottoposto dirà presentanti che non dovrebbe che non sono in grado
Di rappresentare nessuno e non dovrebbero
Stare a far contratti
Qui c'è da fare moltissimo magari adesso io mi fermo si sta vorrei su questo punto
Reintervenire perché c'è un problema che secondo me riguarda anche l'orientamento della vostra confederazione non soltanto le regole
In generale tutti ossia il dubbio pure ritorniamo sul punto vice ministro io la ringrazio lei accettato che partisse da un po'più lontano parlando di questo tavolo ha citato
Ministero dello sviluppo economico e la sottosegretaria Simona Vicari
è arrivata la ringraziamo intanto
E ovviamente voi sposteremo l'argomento direttamente al Ministero per lo sviluppo economico chiedo e l'onorevole Dario Ginefra perché credo che siamo proprio insomma intenti
Mi deve dire lei il via
Lo sono apprendo il comando do la mia segretaria d'Aula molto bene molto bene quindi proprio abbandonare il palo liberalizzato solo alzare il telefono va benissimo lavoro
Allora colleghi affronti attraverso nelle
Tant'è
Quale un bicchiere d'acqua
Perché siete stati eletti e lo portiamo una
Ma
Eseguire una la comanda il tredici
Allora
E lavoro a maggior ragione perché insomma voglio dire io ricorro decima Commissione Attività produttive commercio e turismo della Camera beh il presidente Luciani ha fatto una chiusura
Che giustamente noi non conoscevamo insomma abbiamo chiacchierato più voi dico un po'tutti insomma poi forse il più più vicini
A lei la sapevano
Che io intendo ancora sottolineare molto bella perché lei ha parlato nella sua Torino nella in questo caso del
Dell'evento esposizione estintore ma ha parlato di una
Crescita culturale c'è la necessità di offrire di fornire servizi anche eticamente che spartire nel nostro Paese con la crescita culturale che si occupa
Di turismo questa non è l'origine se lei lo sa si occupa se vogliamo di uno degli elementi cardine no della vita di questo Paese forse
Ma non non parliamo urtati all'indietro un po'troppo è trascurato da un punto di vista di lavoro di
Produzioni di lavoro i servizi
Quanto stanno offrendo al nostro Paese e quanto necessitano che la politica offra a loro Silvio
La ringrazio per questa domanda perché mi consente di
Collegarmi uno spunto più trovato
Determinante non solo nell'ascolto della relazione introduttiva del Presidente Luciano
Ma come motivazione del legislatore
A occuparsi di questa materia
Lo dico da ex amministratore locale
Troppo spesso trattata come il lavoro degli ultimi è stato
Raccontato
Con una sottovalutazione invece di quello che
E l'impatto che ancora una volta citando il Presidente Luciani a nella vita di ogni giorno dei cittadini quando si
Si interagisce con l'esperienza dei di una scuola di un ospedale di un di un contenitore di servizi pubblici molto spesso si ha
La vera conoscenza di quello che e il mondo
Questa
Questa mattina rappresentato
E devo dire
Sulla sollecitazione di questo mondo io sono portatore di un'esperienza diretta in questa legislatura
Di riformismo che avremmo definito un tempo del dal basso e cioè il legislatore che viene sollecitato collegialmente vedo l'amico Lorenzo Mattioli che è stato tratto gli animatori di questo percorso insieme a tanti altri
Vuole approfittare di questa mattinata ben per salutare con favore il fatto che questa settimana nelle Commissioni ottava e decima della Camera dei deputati ha finalmente l'avvio
Quello che che diciamo è stato
Il momento di incrocio tra
Il legislatore e
Coloro che questa mattina organizzano questo convegno che
Si son presentati al nostro cospetto
Non per come accade generalmente nel rapporto tra
Prestatori di servizi è
Decisore politico non per
Per rivendicare un minimo spazio l'orticello venticello personale
Ma per chiedere appunto un sistema di regolazione dei rapporti tra pubblico e privato
Che in una cornice chiara i diritti e doveri
Ridesse dignità
A questo campo
Preoccupandosi
Di quello che appunto l'impatto che ha nei confronti della comunità noi molto spesso soprattutto in queste settimane
Ci siamo preoccupati di conoscere questo mondo attraverso
Quell'elemento patologico di alterazione dei rapporti tra
Polignano incatenati a
Tagliate parte giustissima ovviamente ma chiaramente non si trova emaniamo stante comprendere la dimensione patologica per capire
Dove poter correggere come poter correggere il Presidente Luciani non me ne vorrà se lo cito ancora una volta
Ma mi ha impugnato mia
Diciamo impressionato
Positivamente la sua relazione ha colto un aspetto che io
Vorrei
Richiamare
E cioè
Noi ci troviamo in un contesto
Nel quale
Abbiamo sottovalutato per grandissimo tempo l'impatto effettivo
Che queste
Che questi servizi avevano sulla sull'economia generale del nostro del no del nostro Paese abbiamo relegato l'organizzazione degli stessi e vengo da una regione la Puglia
Che ha pensato ad esempio
Che fosse meglio il pubblico pubblico è bello
Nei dieci anni
Di il buongoverno dall'amministrazione Vendola
Una cosa che io non ho percepito come positivo è stato appunto quella di
Avere la presunzione di dire
Fuori privati da da questo da questo campo di attività
Siamo noi pubblico che dobbiamo organizzare tutto il campo dei dei servizi comprese
Diciamo contro il compresi i servizi e faccio un esempio su tutti
Delle pulizie nel nelle nelle AA.SS.LL. piuttosto che nelle scuole
Io credo invece che sia arrivato il momento di creare quella carta che noi
Tentiamo di introdurre con questa
Avvio di iter della proposta di legge a mia prima firma e sottoscritta insieme al collega Abrignani
Proprio per rappresentare il fatto che ci vogliamo occupare a prescindere da segnaliamo gli schieramenti
Noi vogliamo appunto aprire una finestra su un mondo che
Positivamente si è presentato alla politica per chiedere di poter
Competere con regole chiare senza forme di alterazione in un clima nel quale la pubblica amministrazione rispetta fino in fondo
Il rapporto con i privati non solo di conoscendo come
I Governi letta Renzi hanno fatto i crediti diciamo vantati dalle pubbliche amministrazioni dalle dai
Dal privato in
Da parte delle pubbliche amministrazioni che progressivamente vanno
Esaurendosi ma disciplinando anche dei criteri in base al quale sia il pubblico viene meno il suo impegno con l'impresa
C'è la responsabilità solidale del pubblico nel momento in cui un lavoratore rivendica la possibilità di poter entrare ecco questo è un esempio che io faccio perché
Per rappresentare come questo sistema si è presentato alla politica dicendo noi vogliamo contribuire a migliorare le condizioni in cui operiamo non solo per noi stessi
Ma anche per ridare dignità a quei lavoratori che non devono avere un ingresso
In diverso diverso nell'accesso all'Expo e per dare un senso quella croce
Che gli organizzatori di questo convegno hanno voluto proporci
La politica
E a me da questo punto di vista ancora una volta citando il Presidente Luciani mi fa piacere che c'è riconoscimento di un lavoro
Che faticosamente con il Governo Renzo stiamo portando avanti a partire dalle regole sul lavoro
La politica a quella responsabilità in un rapporto di usi mossi
Con i suoi
Interlocutori onorevole a proposito di questo
Farraginosità
Che vuol dire
Cito proprio verità procedure anti imprenditoriali
Ogni volta che noi chiediamo alla politica e politica si intende quater amministrazioni locali si intende tutto chiaro Montecitorio Palazzo Madama e basta
E Palazzo Chigi quando ne chiediamo se di semplificare
Lo chiediamo come se voi aveste la bacchetta magica ovviamente non è così ma da qualche parte si deve cominciare a prendere il bandolo della matassa e
Arrivare a limare talmente tanto la farraginosità da fallimentare così magre così snella
Che non ci accorgiamo più che esiste si ragione che un altro punto qualificante ne approfitto perché diciamo e la sede competente opportuni e chiedendovi se facciamo i conti anche questo richiamato dal dal Presidente Luciani e cioè il passaggio dalla
Dal massimo ribasso all'offerta economicamente più vantaggiosa introduce un principio di responsabilità riferite gli affida
Il principio di responsabilità al decisore politico all'indomani della Tangentopoli la scorciatoia fu
Affidiamo a un dato oggettivo il dato economico più basso l'elemento il criterio per
A giudicare un appalto di servizi
Noi in questa proposta di legge
Rick creiamo richiediamo che il decisore politico si assuma fino in fondo la responsabilità attraverso una valutazione e non a caso uso l'espressione decisore politico anche se questo una competenza specifica della ministra
Della della della burocrazia perché ritengo che anche con la legge Bassanini che
Voleva affrontare un tema importante cioè come rompere l'anello di congiunzione tra
Alterazione della concorrenza politica sistema di affari e corruzione
Per rispondere a un'esigenza anche questo nativi la dimensione patologica del rapporto anche tram politica e economia
Si pensava di affidare tutta la responsabilità
Alle funzioni amministrative alla burocrazia anime intanto quel dato
Ma chi non sita che poi diciamo e uno dei
Dei nemici del far bene far presto perché impone una serie di di passaggi che non sempre sono di natura collaborativa dipende sempre
Da quello che l'interlocutore in questo diciamo l'introduzione a reintroduzione della
Di un criterio invece che affida anche degli elementi di valutazione discrezionale che partono dalla valutazione delle proposte
Potrebbe noi pensiamo creare quell'elemento di responsabilità
Che
A quel punto diventa una responsabilità grande dalle parallelo di scene così esatta però nello stesso tempo pretendo che quello che io scelgo abbia i criteri che tu mi hai
In qualche modo prospettato nel momento in cui mi hai avanzato una proposta
E non il giochetto a cui siamo stati abituati in questi anni che io
Ti propongo l'offerta la più bassa possibile
E poi con il sistema degli aggiornamenti in corso d'opera
Diciamo il recupero o
Creando condizioni di lavoro nero
Non sono se la manodopera faccia produco delle economie che mi consentono di rientrare
Per quella parte che è stato oggetto del mio ribasso credo che questo sistema non abbia funzionato bene la cronaca di questi giorni diciamo né una testimonianza onorevole Ginefra anche chi ha costruito
Certo questo però davanti ad ingegneri non solo insomma
Anche chi costruisce trasmettendo il come cemento armato l'utilizzo della sabbia ma la sabbia di mare
Pareva un terremoto e scopriamo che la stabili mare ha mangiato il ferro insomma è quello stabilito alcune quello chiaramente è il futuro dell'appalto
Così come il controllore ecco registrato diciamo che ha avuto
A che fare con la pubblica amministrazione cavi come lo confermerà
Non sempre
Diciamo chi è
Titolato la verifica
Dell'esecuzione dei lavori pubblici
Ha un approccio di responsabilità
Che calmi che cambi velocemente chi più spende meglio spero assocerò peraltro per leggere un modo corretto mi va bene nato adesso lei non metterla coltello nella piaga il presidente la ringrazio onorevole Turano tra un istante da lei Presidente
Luciani parlava
Correttamente oggi nella sua relazione tra le tante cose dette di clienti che in sostanza vincono la guerra c'è chi vince e alla fine chi
Ottiene il
Si trova di fronte al prodotto e il prodotto deve essere un prodotto qualitativamente
Perfetto Exeter qualitativamente perfetto si intende che questo prodotto debba necessariamente non obbligatoriamente ma necessariamente poter costare anche di più quel costare di più deve passare attraverso una regola una regola ben scritta ebbene definita
Al primo tra un istante da Luigi sbarra
Che vedo che ha preso appunti a
Fiume un posto a scuola avremo tutti copiato comunque insomma sicuri che lei avrebbe passa di coprire la faccia di uno che passa dei compiti e questa di differenzia le persone
Un viceministro con delega ai servizi
Per rilanciare l'economia e occupazione del Paese
Ovviamente un viceministro con delega al vasto mondo dei servizi presso il Ministero dello sviluppo economico è un tavolo permanente di confronto tra Governo imprese dei servizi per cogliere appieno
Finite e potenzialità di un settore
Cito che negli anni di crisi ha mantenuto performance positive garantendo posti di lavoro più centoquarantuno mila detti dal due mila nove due mila e quattordici e che nei prossimi anni potrà trainare la ripresa economica e occupazionale
Del Paese Sottosegretario vicari buongiorno di nuovo e ben trovati allora
Riportato qualche riga
Della proposta tra le tante avanzate oggi dal
Presidente lo sa mi si sente chiamate in causa in prima persona fa noi chiediamo un
Con
Invece il ministro è un tavolo permanente
No non mi sento
Chiamati in causa però
E
Come
Ministero dello sviluppo economico non possiamo che vedere diciamo
Assolutamente
Con lo spirito positivo e costruttivo
L'aver tirato in ballo anche nel disegno di legge delega di cui si parlava e per la prima volta la competenza del Ministero dello lo sviluppo economico
Sia in generale per quanto riguarda il rilancio della politica industriale
Sia perché in capo al nostro Ministero afferiscono tutta una serie di
Competenze che in qualche modo incidono fortemente nella vita di un'impresa nella sua competitività nelle stelle il suo
Essere è capace di essere concorrenziale uno fra tutti per esempio e cito la parte energetica
I posti oggi l'energia che in tantissimi impresa elette la
Lei inibiscono
All'essere realmente competitive è da a occupare spazi di mercato che soprattutto in Europa si affacciano anche per il mondo degli servizi
Diciamo che il grosso delle competenza voi lo sapete meglio di me
Sta in capo al
Al limite al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti anche se
E
Partendo proprio dalla riflessione che
Negli ultimi anni si è inibita moltissimo la specie rivestimenti perché larga parte tornano palese la paura della corruzione a
Inibito ad avere il coraggio
A prendere alcune decisioni credo che in questo momento questo Governo possa dire di aver preso di petto il problema della corruzione mettendo in campo all'Autorità
Diretta ogiva Cantone tutta una serie di competenze anche in fase di di di di di atti di indirizzo
Di di bambini di contratti tipo di assistenza
Ma risultano tante imprese che hanno vissuto delle anomalie in alcune procedure
E grazie all'interlocuzione
Ufficiale ma private riservata con l'autorità del della corruzione anticorruzione
Hanno visto diciamo
Sistemare prendere posizioni
Un po'troppo coercitive per per loro nostra disponibilità massima a fare dei tavoli ad avere dei tavoli permanenti di confronto perché così come il mondo esempio fisse a come
Stakeholder occupa parte attiva tutto il mondo dei consumatori volendo applicare lo stesso tipo di modello in capo al Ministro dello sviluppo economico loro per noi
Possono essere gli importantissimi stakeholder ma era un'invenzione ai tavoli perché possono diventare luoghi dove
Tutto si ferma tutto si sono voi a questo volevo arrivare sostenermi scusi la la fermo
Lei ha detto ha parlato di discorso costruttivo allora immaginiamo di di fare i falegnami oggi
Immaginiamo di considerare la creazione di un tavolo senza fronzoli proprio liscio semplice lei dice correttamente a volte sui tavoli si fermano le carte e quindi si corre si potrebbe nel caso di
Anche in questo caso farraginosità correre un rischio ma il tavolo che FISE richiede è un tavolo
Attivo un tavolo semplice ribadisco non nulla di ricercato ma sul quale le carte sistemi nel tempo giusto per essere discusse e soprattutto poter essere discusse tutto l'anno non dover chiedere
Appuntamenti
Essere discussi e poi da quella discussione si passa all'operatività
La vostra apertura è un'apertura che possiamo oggi definire concreta
O ci sono ancora dei passaggi da fare perché questo tavolo
Dall'apertura concreta turistica come Asia notizie si creerà un tavolo
Stabile
Trecentosessantacinque giorni l'anno per la Federazione imprese dei servizi o sono iniziati i lavori da questo momento perché questo possa possa andare a concretizzarsi in breve tempo
Allora di fatto secondo ma già così nel senso che
L'occasione darebbe DDL concorrenza
Sì che per la prima volta il Governo ha partorito che adesso abbiamo dati successivamente collegato
Alla legge di stabilità per cui entro l'anno deve essere partorito è lì dentro dentro dl concorrenza ci sono tanti
Sì me norme che riguardano in maniera più variegata società pubbliche e partecipate riduzione riduzioni di costi semplificazione
Il mondo fissata simili
Questo tavolo è
Dal mio punto di vista aperto obbligatoriamente
Perché il confronto con il Governo che è tenuto a difendere ed a ma ad amare diciamo la sua proposta con le iniziative parlamentari non può
Che noi confrontarsi costantemente insieme al lavoro che si farà
In prima lettura alla Camera con tutti i destinatari
Di questi interventi certamente il mondo accise
è un mondo che è è stato
Negli ultimi anni un po'troppo non tenuto nella debita considerazione è laddove è stato detto prima
Credo da tenere
Laddove tutto quello che era pubblico era bellissima era perfetto e tutto quello che è l'impresa privata
Bisognava in qualche modo difendersi perché per natura concettualmente
E ideologicamente era identificato detto dell'impresa privata se comunque un delinquente
Presto
è emerso ed emerge
Normalmente maggiormente al sud
Eh devo dire per citare anche io ho un'esperienza personale di vita di pubblica amministratore
E di sindaco per dieci anni in una città io tutto quello che ho fatto nella mia città
Cefalù con orgoglio dico Sempre lo risolto grazie
Ed esclusivamente hanno avuto e al intervento economico di privati non abbia avuto il coraggio in una realtà siciliana di affidare il più possibile
Come servizi come gestione a privati e grazie anche al fronte I project financing in alcuni settori abbiamo risolto aspetti che il pubblico non avrebbe mai avuto nella capacità
Nella costanza nelle risorse economico di poterle risolvere quindi allora
Sostenerla saranno ora farlo su questo punto intanto saluto l'onorevole Ginefra
Grazie a lei grazie per l'intervento
Buon lavoro
Non fermata qui perché
Ritorniamo ritorniamo su questo punto quindi il privato
Ritorniamo tra un istante anche
Dal viceministro Morando per quelle limature o correzioni o indicazioni che a maggior ragione si debbano dare soprattutto sul numero
Ieri
Noi vi abbiamo chiesto non tagliamo subito i servizi se non pensiamo che i servizi siano da tagliare le di contro dice sì è giusto però non bisogna neanche pensare che
Il numero
Di chi lavora di chi propone questo tema sia poi esagerato rispetto a quanto
A quanto sia necessario aderire Presidente Luciani abbiamo un tavolo in preparazione in costruzione dalle parole del
è già così quindi mi sembra di un bene accolgo anch'io lo dico per i colleghi per chi ne vedrà notizie bisogna vedrete già costituito in sostanza quindi sicuramente adesso illustri la pena non sarà quello di farlo
Di farlo adesso di renderle produttive renderlo produttivo senza farraginosità farraginosità la parola d'ordine oggi che allacciato
Il presidente De Rita e noi su questa parola continuiamo a lavorare allora creare il lavoro
I numeri li abbiamo visti
Abbiamo capito quanto valga quanto valgano i servizi forse proprio perché
C'è stata una precedente tuttora troppo disattenta al valore di chi opera nel mondo dei servizi Luigi sbarra
Che tutela il lavoro e tuteli i lavoratori di tutto questo argomento che stiamo trattando che cosa dice
Ma intanto bis consente di
Ringraziare per
L'indirizzo Presidente Luciani
Per esprimere anche i sentimenti di apprezzamento e di condivisione della sua
Introduzione del
Cose che ci ha voluto evidenziare
Concorrente lucidità croccante forse ed efficace
Pensiamo anche noi
Come sindacato pubblicistiche cambiamenti e trasformazioni sociali ed economici
Che stanno caratterizzando in maniera più marcata questo nostro tempo
Evidenza
Evidenziano chiaramente come il settore dei servizi assunto e secondo noi continuerà
Ad assumere un peso significativo un ruolo centrale per quanto riguarda
L'economia
La crescita il lavoro
E la società
Nel suo complesso ed è importante
Aveva evidenziato come
In questo settore
Il lavoro è la vera grande forza
E la vera grande forza principale il sindacato ha dato in questi anni un contributo molto serio molto responsabile
Pensiamo che insieme alla quantità e alla qualità della crescita
Nel settore dei servizi noi possiamo ascrivere anche anche se non in maniera omogenea una capacità di crescita e di maturità anche nel quadro delle relazioni sindacale
Che e industriali
Quindi da questo punto di vista pensiamo che sia importante tutto ciò che si è fatto parlando di lavoro noi guardiamo per esempio questo provvedimento richiamato anche dal
Presidente Luciani che sta per essere
Se diciamo licenziato dal
Da andare Commissioni parlamentari per quanto riguarda il testo di legge delega di riforma degli appalti pensiamo sia stato importante aver messo al centro la dimensione sociale
Pensiamo sia stato importante il permesso al centro il valore anche della contrattazione
Della contrattazione collettiva noi abbiamo seguito
E continuiamo a seguire
L'evoluzione di questo provvedimento di legge perché noi pensiamo che in una fase come questa noi non possiamo che attestarci come sindacato sulla difesa ad oltranza delle aziende zanne
Quelle che si vogliono muovere in un contesto rivela legalità nel rispetto delle regole
E per avere regole come dire efficaci abbiamo necessita di una normativa
Che possa essere anche funzionale a sostenere
Il contributo delle imprese sane e delle imprese vere pensiamo
Come diceva che questo scambio
Come dire
Questo superamento della pratica
Degli appalti affidati con la logica del massimo ribasso sostituisca con la proposta economicamente vantaggiosa sia un problema importante soprattutto per gli appalti di servizio
Anche nell'azione
Al rapporto prezzo-qualità
Pensiamo sia importante la discussione che si sta realizzando sulla riduzione per le stazioni appaltanti perché noi dobbiamo eliminare anche attraverso
Queste situazioni forme di illegalità sprechi malaffare
Sfruttamento e il lavoro nero pensiamo sia importante per esempio assumere
Il vincolo di indicare già nelle
Nei bandi di gara
Come dire il contratto di riferimento
Anche per tagliare le ali a quelle forme di contrattazione pirata che hanno inquinato
Il sistema delle relazioni nella nel nostro Paese quindi pensiamo si è sicuramente importante aver messo al centro di questo seminario non solo una riflessione sulle prospettive di ulteriori
Crescita e sviluppo della settore dei servizi eroga i servizi ha portato ora ha portato tanti può elabora vuota periodi in una fase in cui negli ultimi sei sette anni Paese appresso più di un milione duecento mila
Posti di lavoro che ha visto
Contrarsi diciamo anche il numero e la consistenza delle nostre imprese
è importante quindi mettere al centro
Di questa riflessione questioni che riguardano gli appalti
Il sistema della rappresentanza e importanti parlare di mercato del lavoro se mi posso permettere
Al Presidente Luciani vorrei dire come ci sono i condividiamo la richiesta di aprire di attivare questo tavolo permanente vorremmo che anche il che il sistema delle rappresentanze sociali e sindacali
Potesse partecipare per dare un contributo un sostegno e anche per guardare
Più marcatamente il senso e la mia questi ritardi costruire praticare valorizzare
Un modello di relazioni sindacali autenticamente al responsabile e partecipativo
Presidente Luciani Graziella ci sbarra segretario confederale della CISL
Quindi il tavolo si allunga
Insomma ritroviamo più tutti i protagonisti di questa
Verranno Colautti il pregiudizio grave debbano essere presenti apporto ovviamente sarà ognuno per la propria competenza manteniamo sicuramente in un tavolo integrato
Che possa essere produttivi
Allora torno dal viceministro Morando i servizi a carattere industriale non vogliono non devono più essere considerati un costo da tagliare ma un fattore produttivo che può e deve dare efficienza
In un contesto di legalità trasparenza semplificazione delle procedure il tutto a
Beninteso che l'Expo è uno dei grandi appuntamenti ma siamo sostanza a
Tre giorni dal taglio del nastro
Ma non ci fermiamo sull'Expo ad una Paese tutto che vive correttamente sugli appalti che vengono dati quotidianamente per la costruzione per
Per i servizi
Che tengono in piedi il nostro Paese quindi un uso della forbice più saggio ammesso e non concesso che non sia stato saggio finora
Ma guardi che noi non è un problema di forbici può darsi che io sbagli naturalmente anche mestiere che faccio
Al Ministero dell'economia forse induce a qualche errore ma
La mia opinione è che la revisione della spesa non è un modo per tagliare la revisione della spesa è un modo di governare
Cioè
Tu devi organizzare una valutazione sistematica di ogni euro che spendi in in rapporto al risultato che ti proponente
Di ottenere e al risultato che
Effettivamente ottieni questa RIS
Posta celai
Soltanto se fine valutazione dei risultati che tu che tu conseguiti no
Ora
Guardando a questo settore per quello che riguarda la regolazione più generale si è già detto
Ormai siamo
Non tra i primi
Come al solito ma insomma siamo piuttosto avanti nel
Nelle norme nazionali di recepimento delle direttive
Comunitarie in materia di appalti e
Attenzione non sottovalutiamo questo secondo aspetto di concessioni perché qui stiamo parlando a imprese
Di servizi e quindi la componente concessioni e altrettanto rilevante di quella di appalto pubblico
E sappiamo che
Nella direttiva comunitaria e quindi anche
Nella norma nelle complesso di norme di recepimento c'è una svolta importante quella che è stata sollecitata qui questa mattina cioè dall'idea che sostanzialmente fare un appalto vuol dire
Cercare quello che però Petipa il lavoro fornisce il servizio di fa l'opera a meno
A quello che
è la la offerta economicamente più vantaggiosa il che significa che ti fa bene in un lavoro ad un prezzo corrispondente a quello a quel bene questa è la svolta fondamentale
è l'unica cosa questo è il punto su cui io vorrei tornare è l'unica cosa che ci deve davvero preoccupare ecco io su questo penso non è stato detto stamattina
E quindi non devo essere in disaccordo su questo punto con quello che ha ascoltato ma semplicemente fare una puntualizzazione io
Penso che questa sia una scelta molto rilevante per il settore ma che non sia
La la più rilevante la mia opinione è che la più rilevante eh
L'introduzione di un sistema di
Relazioni contrattuali e in particolare sindacali in questo settore che consenta di combattere efficacemente la presenza di
Diciamo pre di
I soggetti anticoncorrenziali che
Violando le regole fondamentali soprattutto della definizione del rapporto di lavoro e in questo settore questo un punto che non ci si può nascondere lo fanno
A differenza di quello che accade in altri campi trincerandosi dietro improbabili accordi contrattuali
Che vengono diciamo spacciati per
Conclusi tra forze effettivamente rappresentative della parte datoriale e della parte dei lavoratori
E che inquinano gravissimamente il mercato perché in un settore labour intensive se io
Sono in grado di presentare lo sapete meglio di meno al comparto insegna aggregati ad arrampicarsi con lo so voglio dire ma
Se io sono in grado di presentare un'offerta in un settore Levorin pensi per
In cui dico che rispetto al contratto nazionale di lavoro che in realtà non rispetto perché
Faccio riferimento ad un ad una cosa che ho conclusi in quella determinata realtà con un sindacato finto sulla base di una relazione diciamo può datore di lavoro
Non del tutto finti ma quasi
è chiaro che io introduco meccanismo da cui non è allora bisogna
Affrontare questo problema altrimenti altro che butti dell'Expo dove da dove entrano quelli quelli in abbiamo un sistema che
Nel suo snodo fondamentale indubbio settore labour intensive a
Una regolazione non soddisfacente del rapporto di lavoro quindi un disastro
Cosa bisogna fare bisogna che si faccia
Tutto il necessario per fare in modo che anche in questo settore si chiarisca sulla base di regole
Definite dalle parti sociali per carità io non aspiro a fare nessuna legge io perdute tutte le volte che fa troppo discorso c'è un sindacalista che mi dice
Quindi voi violare la nostra autonomia ecco io non voglio violare l'autonomia di nessuno dico soltanto che
Bisogna definire delle regole precise in base alle quali
Si capisce e si sa con precisione chi è in grado di firmare che cosa
A nome di chi e impegnando
All'attuazione di quell'accordo erga omnes perché questo è il nodo fondamentale annientarne sino alle saline frana esaminarli è in grado di allora ci
Vuole un sistema di regole migliori sul versante della rappresentatività della misurazione della capacità di rappresentare
Sia dal lato dei del sindacale
Sia dall'alto della parte datoriale perché il problema non esiste solo da un lato esiste anche dall'altro allora qui
C'è un buon accordo Confindustria organizzazioni sindacali nazionali lo vogliamo attuare o lo teniamo nel cassetto
Noi siamo perché l'ossia lui

Poi in alcuni settori particolari e questo è uno di questi le parti sociali ci dicono forse alveare una legge
Che recepisca quelli quei nostri accordi potrebbe essere utile io dico noi non ci rifiuti avremo di fare questa legge non almeno a farla ma se è necessario farla per farla finita con questa storia
Delle dei contratti pirata in questo settore allora forse sarebbe meglio parla primo punto un secondo punto però contemporaneamente
Sia la parte sindacale sia la parte datoriale mi rendo conto che sto dicendo una cosa poco popolare
Anche qui ma la dico lo stesso perché la penso deve anche in questo settore porsi il problema di come
Rendere possibile il mantenimento del contratto nazionale di lavoro
Ma
Aperto verso quella contrattazione di secondo livello azienda
Gruppo filiera territorio distretto e così via che è in grado di corrispondere alla realtà delle cose
In modo più efficace perché una delle ragioni per cui noi fatichiamo così tanto a a ad a vere
Un sistema di relazioni sindacali regolato centralmente che funzione efficacemente dovunque è che la contrattazione di secondo livello in modo altrettanto impegnativo non si fa in moltissimi settori e non in modo adeguato
Vogliamo continuare così o vogliamo svoltare il nostro intento è che bisogna assolutamente favorire anche con misure fiscali adeguate
La contrattazione di secondo livello anche nei settori nei quali
La misurazione della rappresentatività è più difficile
Perché sono molto
Tra virgolette disperse lette paesino prese e così via questo crea un problema è chiaro che è un asciugamano alla FIAT che non nelle imprese che lavorano per i servizi di Cusani sul sul territorio
Ma se non accettiamo la sfida della contrattazione di secondo livello continuerà a mancarci uno dei
Degli elementi propulsivi fondamentali per poter avere un sistema che è dinamico anche perché
Corrisponde alla realtà delle cose la realtà delle cose che Milano è Milano e Palermo e Palermo
E quindi bisogna riuscire ad avere un'articolazione della relazione corrispondente a queste forme
Grazie grazie a lei dice visionando Presidente
Ma dunque sono temi particolarmente variegati Marchese siti assumono esso continua quest'ultimo
Ma sul secondo livello personalmente dove siamo assoluto personalmente noi come Federazione grazie FISE siamo assolutamente d'accordo noi ovviamente gestiamo il primo livello siamo la rappresentanza delle nostre associate
Nella contrattazione del contratto nazionale di lavoro quindi gestiamo di primo livello però sappiamo che le specificità locali vanno trattate su un altro tavolo
Questo mi trova perfettamente d'accordo con il senatore Morando è chiaro che ci sono delle resistenze edizione delle distese da parte nostra ma da parte anche per le proprie sezioni sindacali va detto
E stanno
Anche in questo confronto che possiamo
Sviluppare sotto l'egida della del Ministero detto dello sviluppo economico cercare di implementare questo stadio
Ci terrei essenzialmente a
Per fare un'altra considerazione
Che non è stata toccata ultimamente quella della presenza dello Stato della presenza della mano pubblica
Sottosegretario di Capena ha già fatto un esempio eclatante
E credo che forse basterebbe però mi permetto
Mi permetto di riallacciarmi ancora una volta un po'la storia del nostro Paese perché ci si a tante cose non solo quella del nostro Paese voi sapete che li ieri fu costituita
Sotto il fascismo istituto di ricostruzione industriale
Per portare lo Stato a investire nell'industria primarie per salvare le banche
Perché le banche erano entrate in crisi perché le industrie primarie erano intrise quindi
Lo Stato decise di costituire questo grande istituto per
Svolgerà in quel momento quella funzione di sopravvivenza industriale dell'Italia nel primo dopoguerra
Ieri ha avuto uno sviluppo ovviamente decisivo pronta da protagonista nello sviluppo del Paese
Dopodiché alla fine degli anni Ottanta cominciata una una una ritirata credo impostata tante cose logiche
Dalla diciamo presenza industriale dello Stato nella
Nella nell'attività produttiva italiana ecco noi nel mondo dei servizi forse non voglio dire che siamo ancora al vaglio del fascismo ma la presenza pubblica o del dopoguerra presa pubblica molto forte molto pesante noi crediamo che si debba andare verso una liberalizzazione dei servizi
Che noi possiamo svolgere con qualità in maniera
Imprenditoriale in maniera economicamente vantaggiosa ma non solo per noi per i nostri committenti
Questo è un passaggio che ci tengo a sottolineare grazie Presidente vuole rispondere devo sommità della segretario nei quaranta rispondere Marana
Credo che veniva posto con con precisione della relazione è stato risottolineato anche dal professor De Rita può e non l'abbiamo almeno io non lo non l'ho ripreso che è quello
Della presenza pubblica molto diffusa in questi in questo in questi mercati e in particolare la presenza di società in house che poi vanno anche
A sfidare
Su mercati competitivi utilizzando il vantaggio che deriva dalla concessione diretta nel loro Comune altre impresa è fuori da quel Comune malgrado le regole
Essendo rendano difficile questa del rendono difficile questa operazione e così via su questo punto io penso che dobbiamo riflettere
Criticamente almeno io lo faccio per me per quello che mi riguarda
Dato sicché non posso presentarmi come nuovo della politica uomo nuovo della politica italiana
Sulla retta sulla sull'esperienza che abbiamo fatto abbiamo preteso di intervenire su questo settore con
La
Tra virgolette riforma generale dei servizi pubblici locali
Una norma del
Sono legate a queste a questi tentativi di riforma tutti abortiti i nomi di di parlamentare di primissimo di primissimo ordine vi ricordate a un certo punto il disegno di legge Vignieri che
E e di è stato oggetto di anni e anni e anni di lavoro per poi arrivare allora forse dobbiamo concludere che questo approccio universalistico che pretende di mettere
Tutto dentro lo stesso vestito
No non non funziona ci vuole un approccio multi settoriale è anche molto un approccio micro
Rispettando
Qui credo di incontrare il consenso di di De Rita rispettando l'autonomia diciamo delle si chiamano così Autoroutes istituzioni autonome locali
Ma dentro
Uno sforzo di modernizzazione
Da questo punto di vista dovremmo un po'più severamente parlo
Autocriticamente per il governo di cui faccio parte pretendere
Che le norme approvate dal Parlamento vengano applicate per esempio in questo campo c'è ne uno di cui non parla nessuno
Che dice che entro il trentuno di marzo di quest'anno quello già trascorso ogni singolo Comune
Deve non doveva dei bene ovvero
Fatto un
Sulla base di un'analisi delle sue partecipate della sua presenza al cinque diretto all'economia con le partecipate
Totalmente possedute parzialmente posseduta dall'ente locale e così via deve fare un'analisi delle sue partecipazioni
Così almeno sapremo quante sono primo punto elementare che oggi non è soddisfatto
Perché non sappiamo la nostra banca dati al MEF e dice settemila mentre altre banche dati pennacchio Corte dei Conti dicono dieci mila e quindi non sappiamo nemmeno quante sono quindi un'analisi comune per comune delle partecipate
è un documento di indirizzo circa l'evoluzione che quel Consiglio comunale autonomamente
Intende dare a questa presenza di quel comune nell'economia
Secondo me continuare a tollerare che la legge dica che si deve fare questo poi non si fa
E non succede niente
è una delle basi per cui le cose non funzionano in questo Paese la mia intenzione per Missim è quella di prendere quell'articolo di legge nei prossimi mesi est
Catenaria un inferno fintanto che non posso pubblicare un elenco
Di Comuni che hanno fatto questo piano può e non so se fatto bene e male quello degli poi dopo prima guardiamo chi ha rispettato la legge lo ha fatto e chi non lo ha fatto chi non lo ha fatto siccome l'istituto dei trasferimenti esista ancora
Chi non lo ha fatto vede essere penalizzato sul versante dei trasferimenti così almeno ci mettiamo di fare quelli che vengono chiamati i tagli lineari di facciamo selettivi selettivi a favore di quelli che se si fa una legge
E viene condivisa poi la attuando sembra poco quel BG va beh ma chi se ne frega un documento in più o in meno non cambierà nulla nero
è qui che la trasparenza di comincia a diventare è la base per una decisione politica corretta cioè per
Sfrondare questa foresta pietrificata delle partecipazioni pubbliche diffuso sul territorio che è uno degli elementi della mancata modernizzazione del Paese
Quindi al mio segnale scatenato l'inferno l'ha detto lei insomma
Fa Alamo alla maniere gladiatore quando ho ricevuto solo co-sponsor Burlando in non è durato divenne lei laureato in filosofia anche vero ricordiamo insomma a studi filosofici sulle spalle questo
Amiamo dire aiuta sempre oltre numeriche presidente posso passare al sottosegretario se lei non vuole
Culturalmente intervenire sono nuovamente poi la CISL allora un viceministro con delega ai servizi
Sottosegretario tutti continuano a guardare lei
Ed alla fine
E lei continua a dire non guardate le
Ma insomma il senso il senso è questo unendo
E facendo Rete su tutti i discorsi che abbiamo sentito questa mattina
Salta fuori che
La ribadiamo senza che le soluzioni siano
Immediate ma la farraginosità il pantano che molto spesso ferma il buon lavoro e dà spazio al cattivo lavoro dà spazio alle porte dalle quali si entra
Perché si è lavoratori in nero in un Paese che tutto questo non dovrebbe più tollerare lo ecco magari la Rete aiuta a
Risolvere prima
Non le sto chiedendo soluzioni immediate una giornata di oggi notizie sì
Certo è che si possano essere iscritte battute sulle agenzie questa indubbiamente così come detto tu Paola voglio
Aiutare
L'azione militare del Terminator Enrico
Se vietato in termini di un'attenzione
Operativa
A termine proprietà la situazione ricordando proprio che
All'articolo di legge che faceva riferimento il viceministro Morando
Approvato dalla legge di stabilità due mila e quindi ci diciamo freschissimi so per la prima volta il Governo a introdotto i poteri sono
I
Con diffida residenti in Regione ed ente locale per cui la certezza dei tempi da un punto di vista normativo è introdotta
Sono introdotti anche poteri sostitutivi per tutti quegli enti territoriali inadempienti e quindi lo dico partendo proprio dal Governo stesso non c'era non ci sono scuse
Perché se uno sbaglia poter rispettare ciò che si è
Detto
Qua non stiamo www lavorando da chi
In capo al Ministero della dello sviluppo economico essendo
Lo sviluppo economico una un'attività diciamo trasversale un po'
A a tutti e io insisto moltissimo sulle liberalizzazioni visto che nella vostra relazione
Assumete anche posizioni coraggiose su sulle lobi pubbliche
Su tutti coloro che appena tocchino un settore file avevano tutti gli scudi si chiede ci si lamenta spesso ma se è poco disponibili a innovare realmente
è noi stiamo proprio lavorando perché l'obiettivo principale
è quello che ci siano riprendendo quello che è stato detto precedentemente delle
Regole
Paritarie di trattamento
Tra le aziende pubbliche ed aziende private che fanno lo stesso tipo di attività perché oggi è vero che non sono concorrenziali perché un sistema
Pubblico è troppo chiuso in se stesso autoreferenziale è in una logica di confronto per determinati servizi nei territori
Effetti il privato non riesce ad essere concorrenziale come
Lo soli invece diversi Società di dei servizi pubblici locali sulla con
Sulla contrattazione
Io l'ho sempre dato dato che l'ho detto anche una volta in una trasmissione che è stata fatta da voi a Sky oggi
Si sta affrontando il problema della riforma del Paese a trecentosessanta gradi riteniamo che uno sciocco economico a trecentosessanta gradi possa aiutare
E complessivamente il PIL addirittura l'OSCE
Stima rispetto a tutte le riforme messi in piedi che ne in dieci anni si produce sei
Per cento in più
Di PIL
Ma se non sia e lo dico dall'esperienza e lo sviluppo economico dove i tavoli di crisi sono ogni giorno nell'ordine abbiamo segnato
Anche quello che sta succedendo in questo periodo sei non si attua e se non sia la disponibilità a nome del datore di lavoro perché
Dalla mia esperienza posso dire che
Loro sono molto più avanti
Ma se non si attua la contrattazione decentrata modello Mirafiori una linea in questo Paese in questo Paese non riuscirà
Mai
A specifici Zare
A tipicizza e a rendere competitiva le singole
Realtà che esistono nel nostro territorio perché
Palermo ha una sua caratteristica Milano né a un'altra le imprese offro determinati servizi è soprattutto i servizi alla persona come loro
Da una bene principalmente o una vicinanza geografica o comunque
A persona fisica Cina qui rendere il servizio
In una logica di standardizzazione il loro settore può diventare competitivo seppur personalizzato il tipo di servizio offerto
E quindi in una logica anche di offerte di gara o di accordi sindacali territoriali se non si comprende culturalmente che il problema è
E mi a monte c'è quello di specifici specificare tipizzare in rapporto alla persona banding per tutt'ora raccolta differenziata
La
Se il rapporto dell'impresa colleghi Lube del consumatore all'utente finale non viene plasmato rispettate abitudini consuetudini e tipologie anche in un accordo sindacale decentrato
Organizzazione per l'organizzazione non si riuscirà mai a
Realmente diciamo chiudere questo cerchio eviterei di cambiamento ci sono dei sindacati
Un po'più avanti è disposti
A ad accettare questo tipo di logica di contrattazione decentrata altri che invece fanno ancora battaglie di Sottosegretario secondo le quanto tempo si vuole per fare tutto questo
E che era una domanda da mille dollari però voglio dire in un in un'epoca di che necessita di un forte cambiamento su tutti i settori specificando quello su cui stiamo parlando in questo momento quanto tempo ci vorrà cioè c'è una onestà morale
Una un'onestà intellettuale subito semmai facciamo l'incontro e parliamo delle cose di cui stiamo parlando poi ciascuno torna a casa propria e continua a difendere il proprio senza cambiare nulla abbiamo perso tempo siccome
La liberalizzazione in senso lato è
Un problema culturale prima del reale se le cose che noi ci stiamo dicendo se le cose
Che realmente proprio sono destinatari finali Presidente le condividono le accolgono per noi e domani
Se poi c'è un'ipocrisia che è ci attanaglia un po'tutti per diversi motivi anche quello di Cogoleto politico del consenso
Dove non si vuole che si parlava ma non si può mai cambiare nulla allora non si cambierà ma ma se culturalmente le cose che stiamo dicendo ci crediamo realmente
Domani
Bene non la voleva interrompere soap opera una era una aprite dei parenti sì però
Ritengo importante perché appunto domani significa domani
Che significa cambiare
Presto e e si rischia anche di cambiare bene le cose anzi rischia di restare sotto mente calcolato luci sbarra
Devo riprendere solo una considerazione che faceva il Vice Ministro Morando parlando un po'di rappresentanze anche di contrattazione di secondo livello
Vorrei un po'rassicurare senza mai
Dieci gennaio del due mila quattordici CGIL CISL UIL e Confindustria hanno sottoscritto un accordo importante
Per quanto riguarda
Le regole della rappresentanza
Quanto riguarda anche
Diciamo
Le misure concrete per l'esercizio della contrattazione per rendere efficace ed esigibili i contratti da quella data ad oggi passato un po'di tempo
Perché il Ministero del lavoro un pochino rallentato le misure attuativo
C'è stato un avvicendamento all'INPS
Non si sa
Il futuro del CNEL
Quindi abbiamo perso un po'di tempo purtuttavia il sedici marzo il sindacato ha sottoscritto insieme a Confindustria industrie
Un accordo attuativo una convenzione che
O
Dare il la per procedere in maniera puntuale efficace e rapida alla misurazione e alla certificazione della rappresentanza sindacale
Noi pensiamo che regole chiare e trasparenti sulla rappresentanza siano essenziali
Per rendere il sistema delle relazioni industriali
Credibile e affidabile ed anche per incentivare chi vuole fare impresa in questo Paese e magari
Venire anche e anche da fuori
Quindi per noi è un elemento importante stiamo lavorando per allargare l'intesa
Abbiamo già firmato l'accordo con Confservizi con Alleanza cooperative stiamo discutendo con Confcommercio partita prese
Un negoziato con il mondo della ora agricolo per chiudere il cerchio ad Atene regole precise
Per l'esercizio della rappresentanza nel nostro Paese per fare
Come diceva il vice
Ministro Morando per sapere chi rappresentativo
Evitando come dire in funzioni di rappresentanze poco chiare nel campo delle relazioni sindacali
Speriamo che così come il sindacato si è assunto responsabilmente la sfida il compito di misurare e certificare
La sua rappresentanza alto pertanto la responsabilità la si registra nelle associazioni datoriali
Toccati anche se
Da una crisi sulla rappresentanza
Sul secondo livello mi permetto di dire solo questo dottoressa e chiudo
Non so chi più della CISL
E
Convinta
Della necessità
Di un sistema bipolare nella contrattazione italiana contratto collettivo nazionale ed un contratto decentrato di secondo livello aziendale e territoriale
Voglio solo ricordare che il fondatore della CISL e Giulio Pastore parlo di contrattazione di secondo livello in un Consiglio generale alla disponibile del mille novecento cinquantuno quindi noi crediamo fermamente
Ad un contratto nazionale che assolva funzioni e compiti di regolazione nemmeno il centro di costo spot stando lasse delle relazioni sindacali e della contrattazione nelle aziende nei territori nelle filiere
Nei distretti nel comparto
E a me convince
La forte sollecitazione del viceministro Morando del sottosegretario vicari
Noto solo mi permetto di dire
Una leggerissima contraddizione
Nella impostazione di un Governo che ci sprona come parti sociali
Ad estendere
E qualificare il secondo livello dall'altro invece taglia
Nella legge di stabilità due mila quindici di duecento milioni il fondo sulla decontribuzione
Del salario di produttività e azzera le risorse sulla detassazione
Se noi vogliamo e crediamo
Allo sviluppo in quantità e qualità del secondo livello
Dobbiamo anche incentivarlo perché li possiamo collegare aumenti ai recuperi di produttività ai risultati
Nell'interesse della competitività delle imprese e del miglioramento del salario e delle retribuzioni dei lavoratori ma lei non è ringrazio e considerando
Credo che questo impossible oggi abbiamo cancellato è stato fatto in precedenza per mettere in piedi questo
Questo in contro ma abbiamo cancellato l'impossibilità certamente ora la scritta successiva e lavori in corso perché c'era questo
Apriamo
Questo tipo di cantiere apriamo dopo questo incontro al convegno mio novecentocinquantuno vuol dire che ancora eravamo a sei anni dalla fine della guerra quindi ci recavamo ancora le ferite
Ferite che qualcuno giudicava insanabili invece in Italia ce la fece voglio ringraziare il senatore
Marinello Presidente della Commissione ambiente senatore
Ha voluto essere presente
In questa nostra mattinata non ho fatto il Presidente Luciano una domanda su integrazione fra servizi attività manifatturiera però in questo senso possiamo sottolineare come la candidatura di FISE nel consiglio generale di Confindustria assuma
Oltre ad un significato elettorale anche
Un tema anche significato strategico insomma superamento di steccati unire questo può essere il verbo il verbo migliore
Direi di arrivare alle conclusioni Presidente lei è il padrone di casa quindi a lei il compito di
Dice chiudere ringraziando permettetemi ovviamente viceministro dell'economia e delle finanze di Como Rando grazie al sottosegretario per il
Ministero per lo sviluppo economico Simona vicari
Grazie ad usi sbarra appassionato segretario confederale CISL il al Presidente De Rita che dire insomma grazie per tutto quello che fa trecentosessantacinque giorni l'anno per fare i numeri anche noi
Presidente Luciani appunto a lei un grazie per questa per questa idea e per questo convegno e la chiusura e poi
Potete ecco stampa giornalisti incontrare tutti i nostri
Protagonisti sia qui che più in alto da colonna prego
Ecco grazie
A tutti è difficile riassumere in uno slogan in una battuta di tante le tante istanze che sono state portate questa mattina
Lasciatemi cogliere
Leggevo il dépliant verde dello Stato dello chef stellato che dopo ci offriva questo smette dice che la contaminazione la continuazione consiste in una rivoluzione contigua
Mi piace il dodici per la cucina ma credo che sia non è applicabile a tutti
A tutta la nostra attività
Non sto a ripetere le istanze assodata acquisite oggi del tavolo di lavoro del
Del
Del confronto permanente
Approfitto ancora verrà della cultura di altri per portare un esempio di come il nostro mondo dei servizi si sta evolvendo è uscito un libro di Antonio Calabrò da poco che è la morale del torneo ovviamente applicato all'industria
Parla dell'industria però credo che gli stessi principi possono esservi capi servizi
E dice che siccome noi e proprio qui entriamo nel tema dei servizi
Difficilmente vincere vinceremo la guerra del costo del lavoro è evidente noi non ci potremmo con
Mai
Confrontare con
Altri Paesi che ha un costo di lavoro diversi fra loro e dobbiamo mettere in campo la nostra cultura
Politecnica ed umanistica
Poli tecnica nel senso della industrializzazione del nostro servizio e credo che abbiamo tanti esempi nelle nel nelle nostre associate di industrializzazione pensiamo solo a
Al settore del
Del termine
Ambientale che parte come raccolta del rifiuto quindi l'ultimo anello della catena produttiva essi si spinge sempre più a monte nel trattamento nell'impostazione produttiva dello stesso prodotto
Quindi l'industrializzazione di questo e la cultura umanistica
Voi sapete che l'umanesimo nasce nel mille cinquecento come reazione e come prodotto di una cura delle Signorie dei Comuni dove dove la dove lo statalismo era particolarmente forte particolarmente autoritario
Cultura umanesimo quindi attenzione alla qualità dell'uomo alla cultura dell'uomo abbiamo parlato di qualità
Credo che nel nostro settore la qualità sia il e il l'elemento vincente non il costo del lavoro abbiamo già detto troppe volte
Dobbiamo dare qualità di servizio e solo nel giudizio della qualità del servizio crediamo
Sia un criterio corretto di aggiudicazione dei lavori degli affari io ringrazio tutti ringrazio in particolar modo anche la struttura di FISE crea
In un mese così attivamente collaborato
Io ho operato per la risoluzione di questo percorso
Convegno
Grazie grazie alla cortese presentatrice grazie a tutti coloro che hanno accettato il nostro invito guardando grazie