06 APR 1995

Intervento di Gianfanco dell'Alba sui rapporti tra Canada e UE dopo l'appovazione di una risoluzione del Parlamento Europeo che condannava la confisca di una nave dell'UE in acque iinternazionali

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Intervento di Gianfanco dell'Alba sui rapporti tra Canada e UE dopo l'appovazione di una risoluzione del Parlamento Europeo che condannava la confisca di una nave dell'UE in acque iinternazionali", registrato a Parlamento Europeo giovedì 6 aprile 1995 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Tra gli argomenti discussi: Canada, Parlamento Europeo.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    Signor Presidente, ho chiesto la parola dopo l'approvazione del processo verbale perché voglio riferirmi a una questione che reputo molto grave. Ogni deputato ha ricevuto nella sua casella un documento "Info-Canada" che proviene, immagino, dall'ambasciata del Canada e che si riferisce, come tutti sanno, ai recenti awenimenti che hanno portato alla confisca di un peschereccio dell'Unione in acque intemazionali nonché a una condanna da parte del nostro Parlamento. Questo documento reca sul retro una risoluzione comune, che sarebbe stata approvata dalla delegazione del Parlamento europeo e dalla delegazione del parlamento del Canada, riunitesi pochi giomi dopo che il nostro Parlamento aveva chiaramente condannato l'atto compiuto dal Canada. Il testo di detta risoluzione è totalmente in disaccordo con la pronuncia del nostro Parlamento. Pertanto le chiedo, signor Presidente, di voler investigare sulla questione per dirci se è possibile che delegazioni parlamentari adottino testi di risoluzioni pubbliche e se questi testi possano essere in contraddizione con quanto ha deliberato in seduta plenaria il nostro Parlamento. (Applausi)