14 DIC 1994

Intervento di Gianfranco Dell'Alba sui risultati del recente vertice europeo di Essen

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 2 min 19 sec
Scheda a cura di Andrea Maori
Player
Registrazione video di "Intervento di Gianfranco Dell'Alba sui risultati del recente vertice europeo di Essen", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 14 dicembre 1994 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Tra gli argomenti discussi: Are, Balcani, Bosnia, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Guerra, Integrazione, Jugoslavia, Milosevic, Nato, Onu, Parlamento Europeo, Serbia, Stragi, Ueo, Unione Europea.

La registrazione video ha una durata di 2 minuti.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    Signora Presidente, signor Cancelliere, onorevoli colleghi, a nome dei deputati rifomtatori del gruppo dell'Alleanza radicale europea, ma sperando di interpretare i sentimenti di molti altri colleghi, vorrei parlare qui solo di un punto fra i tanti trattati ad Essen, un punto che figura a pagina 29, cioè all'ultima pagina delle conclusioni della Presidenza sul Vertice di Essen. E questo indipendentemente, signor Cancelliere - come molti colleghi hanno già sottolineato - dalla posizione speci?ca sua o del suo govemo. La dichiarazione del Consiglio europeo sulla ex Jugoslavia è quella dell'Europa della vergogna, quella che tanti di noi hanno stigmatiuato oggi in quest'Aula nell'anniversario dei mille giomi dell'assedio di Sarajevo: un'Europa non solo incapace di arrestare la guerra di conquista in atto, ma che appare ormai rassegnata a servire di cauzione alla causa serba. Noi diciamo "no" a quest'ipocrita rassegnazione. Noi ci ostiniamo a credere che l'Unione europea, la NATO, la UEO, l'ONU possono tranquillamente - se solo volessero passare oltre il cinismo e la miopia politica di alcuni paesi membri della nostra stessa Unione - venire a capo della questione bosniaca e quindi sconfiggere le mire delle bande amate serbe bosniache e della Krajina e rifiutarsi di avaliare la politica egemonica di Milosevic. Per questo voteremo con fiducia quel testo che chiederà, durante il voto, di non accettare in nessun modo un accordo politico fondato sulla divisione della Repubblica di Bosnia- Erzegovina e. quindi, sul riconoscimento giuridico dei risultati della politica di purificazione etnica, sperando che tutto il Parlamento voglia votare in conseguenza.
    0:00 Durata: 2 min 19 sec