16 GIU 1995

Intervento di Gianfranco dell'Alba sulle riforme delle istituzioni dell'Unione europeoa

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Intervento di Gianfranco dell'Alba sulle riforme delle istituzioni dell'Unione europeoa", registrato a Parlamento Europeo venerdì 16 giugno 1995 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Commissione Ue, Democrazia, Integrazione, Parlamento Europeo, Riforme, Santer, Ue.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    Signor Presidente, onorevoli colleghi, vorrei innanzitutto rendere un omaggio sincero alla Commissione, al Presidente Santer, ai Commissari Oreja e Van den Broek 'per la loro attenta presenza a questo nostro dibattito. Forse, se avessero aspettato questo dibattito e il voto del Parlamento per rendere pubblico il documento della Commissione sul '96, sarebbe stato meglio pe rla Commissione stessa e per l'Unione. Mi auguro, tuttavia, che la Commissione prenda n da ora atto che il Parlamento europeo, con la relazione Bourlanges-Martin, ha inteso affemiare una volta per tutte che il successo dell'integrazione europea passa necessariamente per una Commissione forte, in un sistema in cui, come garante di democraticità, sia forte anche il Parlamento europeo. La Commissione deve essere cosciente di questo legame e trarne le conseguenze necessarie. Simul stabunt aut simul cadent potremmo dire in latino. E adesso vorrei rivolgermi ai relatori e a tutti voi, onorevoli colleghi. Non basta, secondo me, votare domani la relazione Bourlanges-Martin, anche se è molto importante che il testo della commissione istituzionale sia domani sostanzialmente il testo del nostro Parlamento. Ciò che importa è che il Parlamento europeo creda in quello che fa e dica molto chiaramente che non accetterà di ratificare un testo che si discosti dallo schema ragionevole e di buon senso che ci viene proposto dai nostri relatori. E' questo l'appuntamento che non possiamo mancare.