15 GEN 1997

Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla presidenza olandese dell'Unione Europea

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla presidenza olandese dell'Unione Europea", registrato a Parlamento Europeo mercoledì 15 gennaio 1997 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Sono stati discussi i seguenti argomenti: Abolizionismo, Cina, Commissione Ue, Esteri, Europa, Irlanda, Olanda, Parlamento Europeo, Partito Radicale, Pena Di Morte, Sicurezza, Tribunale Internazionale, Ue.

Questo contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    Münheer de Voorzirter, cari colleghi, anch`io vorrei, dopo il collega Miranda, inserirmi con un'altra lingua in questo dibattito molto olandese, tenuto in gran parte in lingua olandese, per rallegrarmi di cuore che questo semestre sia presieduto dai Paesi Bassi. Non posso dimenticare, come membro del partito radicale transnazionale, che l'olandese Bos ha presieduto il comitato preparatorio che alle Nazioni Unite ha fatto si che in quel foro - grazie anche all'aiuto e al sostegno dell'Unione europea - si stabilisse il 1998 come data di costituzione del Tribunale penale internazionale, di una causa, quindi, che può dimostrare concretamente come si possano fare piccoli passi nella buona direzione se vi e una volontà politica alle spalle: e questo è un auspicio, un augurio che faccio perché altri passi come questo possano essere condotti nel corso del semestre dalla Presidenza olandese. Naturalmente, le s?de che abbiamo davanti e le slide che avete davanti sono importantissime e, direi, determinanti per l'avvenire dell'Unione europea. Per I'Unione economica e monetaria evidentemente il 1997 è un anno chiave: allora, che la Presidenza olandese possa fare tesoro delle riflessioni che stanno emergendo sempre di più perché, accanto al cammino necessario, doveroso che dovrà por- tarci alla moneta unica. vi possa essere una riflessione politica sulla necessaria compensazione del governo delle economie, affinchè questa convergenza non sia solo monetaria ma possa realizzare davvero, con la moneta unica, quel governo economico richiesto da Jacques Delors, senza il quale il giorno in cui la moneta unica entrerà in vigore sarà anche il giorno che magari vedrà le opinioni pubbliche europee rischiare di disaffezionarsi sempre di più dall'Europa e da quell'Unione europea sulla quale, invece, dobbiamo puntare tutte le nostre carte, anche per quanto riguarda le s?de che ci sono di fronte a livello mondiale. Alla CIG, per la quale abbiamo l'ottimo documento della commissione per gli a?ari istituzionali, che spero il Parlamento adotterà domani, spero che la Presidenza olandese voglia tenerne conto come contributo aggiuntivo, prezioso per concludere e mandare in porto i lavori iniziati sotto la Presidenza irlandese. Per quanto riguarda le sfide che ci attendono sul fronte della politica estera e di sicurezza, io purtroppo constato quanti limiti vi possano essere, ma con la determinazione di un governo credo anche che alcune cose importanti possano essere fatte, come ad esempio lanciare l'idea di una moratoria sulla pena di morte o, ancora, sulla Cina: non demordere, come spero stiate facendo contro il veto che Italia e Francia stanno opponendo per impedirvi di depositare una mozione sulla Cina alla Commissione per i diritti dell'uomo a Ginevra. Ebbene, andate avanti: avrete con voi il Parlamento e saranno piccoli passi nella giusta direzione.