16 DIC 1997

Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla riforma delle procedure di bilancio dell'Unione europea

STRALCIO | - PARLAMENTO EUROPEO - 00:00 Durata: 1 sec
Scheda a cura di Andrea Maori

Questa registrazione non è ancora stata digitalizzata.
Per le risposte alle domande frequenti puoi leggere le FAQ.

Registrazione video di "Intervento di Gianfranco Dell'Alba sulla riforma delle procedure di bilancio dell'Unione europea", registrato a Parlamento Europeo martedì 16 dicembre 1997 alle 00:00.

Sono intervenuti: Gianfranco Dell'Alba (parlamentare europeo, Lp).

Tra gli argomenti discussi: Accordi Internazionali, Bilancio, Commissione Ue, Consiglio Europeo, Economia, Mercato, Parlamento Europeo, Spesa Pubblica, Sviluppo, Terzo Mondo, Ue.

Il contenuto è disponibile anche nella sola versione audio.
  • Gianfranco Dell'Alba

    parlamentare europeo (LP)

    (FR) Signor Presidente, che atmosfe- ra! È Natale: tutti si congratulano e ringraziano tutti. persino l'onorevole Tomlinson. Personalmente non so perché dovrei ringraziarlo. Manca solo l'albero di Natale. Potremmo installame uno bello grande, cantare una canzoncina natalizia e chiedere al Commissario Liikanen dov'è la slitta per farlo arrivare. Non ho mai visto un consenso cosi affettuoso, cosi gentile. In realtà di solito il dialogo interistituzionale è più vivace, di una vivacità che generalmente viene incoraggiata dal Parlamento e produce risultati positivi. Questa volta, nonostante sette dialoghi a tre e concertazioni varie, tutti si sono messi d'accordo. Grazie, signor Fischbach, per avere creato questa gigantesca pace sociale. Mi congratulo con lei per essere riuscito a ottenere il bilancio che voleva il Consiglio europeo. Consiglio che fino al mese di giugno veniva maltrattato. Si sosteneva che non aveva concesso nulla, che non aveva accettato nem- meno una delle richieste del Parlamento sulle spese obbligatorie e non obbligatorie, sui nostri poteri in materia di entrate e sulla prospettiva ?nanziaria. Soltanto qualche settimana fa eravamo in pieno disaccordo con il Consiglio. Ma come per miracolo, in questo periodo natalizio, non denunciamo più la decurtazione delle spese delle categorie 3 e 4, che ammontano a 500 MECU, ma pensiamo che il Parlamento possa tollerarlo benissimo. D'altra parte negli anni scorsi non avevamo forse sostenuto che in de?nitiva era un bene che il Consiglio ci chiedesse di ridurre le spese di nostra competenza? Sottoscrivo totalmente l'iniziativa per la disoccupazione il cui bilancio globale ammonta a 91 miliardi e 150 milioni l'anno. Questa è una prospettiva che personalmente mi colma di gioia e di conseguenza mi associo al concerto di lodi. Spero che la letizia sia ancora maggiore giovedì. Ma a prescindere dall'atmosfera e dal tono leggermente faoeto, sono scontento. A mio avviso non si è tenuto conto delle prerogative di questo Parlamento. Sono preoccupato per questa deriva. Si confonde austerità con prospettive europee. Negli anni '70 si diceva che occorreva dedicare lo 0,70% ai paesi in via di sviluppo, Se il bilancio dell'Unione europea che stiamo elaborando continua cosi, raggiungerà lo 0,70 % e cioè la percentuale che avremmo dovuto dare ai paesi in via di sviluppo e che non abbiamo mai dato. Sono preoccupato perché non e cosi che si farà l'Unione europea. Non penso che sia questo il modo migliore per varare l'Unione economica e monetaria che è in corso di realizzazione.