22 AGO 2015
rubriche

Speciale Commissioni

RUBRICA | di Federico Punzi - RADIO - 13:21 Durata: 0 sec
Scheda a cura di Federico Punzi
Player
Nella puntata di oggi ci occupiamo di TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership, Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti).

Si tratta di un accordo commerciale di libero scambio che Unione europea e Stati Uniti stanno negoziando, con l'obiettivo di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in molti settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze tra regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie, eccetera.

Questo per rendere possibile la libera circolazione delle merci,
facilitare gli investimenti e l'accesso ai rispettivi mercati anche dei servizi e degli appalti pubblici.

Se entrasse in vigore l'accordo, si tratterebbe della più grande area di libero scambio al mondo, dal momento che Europa e Stati Uniti rappresentano circa la metà del Pil mondiale e un terzo del commercio globale.

Sugli sviluppi del negoziato il viceministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, è stato ascoltato lo scorso 30 luglio dalle Commisssioni Affari esteri, Attività produttive, Agricoltura e Politiche dell'Unione europea della Camera.

E ques'oggi vi proponiamo il suo intervento introduttivo e la sua replica alle questioni poste dai deputati, che riguardano vantaggi e svantaggi per le nostre imprese, e in particolare per il Made in Italy, il tema delle indicazioni geografiche contro i rischi di contraffazione, il tema degli ogm e degli standard di sicurezza dei prodotti.

leggi tutto

riduci